banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Seneca - Epistulae Morales Ad Lucilium - Liber Xvii Liber Viii - 109

Brano visualizzato 13950 volte
CIX. SENECA LVCILIO SVO SALVTEM

[1] An sapiens sapienti prosit scire desideras. Dicimus plenum omnibono esse sapientem et summa adeptum: quomodo prodesse aliqui possit summumhabenti bonum quaeritur. Prosunt inter se boni. Exercent enim virtuteset sapientiam in suo statu continent; desiderat uterque aliquem cum quoconferat, cum quo quaerat. [2] Peritos luctandi usus exercet; musicum quiparia didicit movet. Opus est et sapienti agitatione virtutum; ita quemadmodumipse se movet, sic movetur ab alio sapiente. [3] Quid sapiens sapienti proderit? Impetum illi dabit, occasiones actionum honestarum commonstrabit. Praeter haec aliquas cogitationes suas exprimet; docebit quae invenerit. Semper enim etiam sapienti restabit quod inveniat et quo animus eius excurrat. [4] Malus malo nocet facitque peiorem, iram eius incitando, tristitiae adsentiendo, voluptates laudando; et tunc maxime laborant mali ubi plurimumvitia miscuere et in unum conlata nequitia est. Ergo ex contrario bonusbono proderit. 'Quomodo? ' inquis. [5] Gaudium illi adferet, fiduciam confirmabit;ex conspectu mutuae tranquillitatis crescet utriusque laetitia. Praeterea quarumdam illi rerum scientiam tradet; non enim omnia sapiens scit; etiamsi sciret, breviores vias rerum aliqui excogitare posset et has indicareper quas facilius totum opus circumfertur. [6] Proderit sapienti sapiens, non scilicet tantum suis viribus sed ipsius quem adiuvabit. Potest quidemille etiam relictus sibi explicare partes suas: utetur propria velocitate, sed nihilominus adiuvat etiam currentem hortator. 'Non prodest sapienti sapiens sed sibi ipse. Hoc <ut> scias, detrahe illi vim propriam et ille nihil aget.' [7] Isto modo dicas licet non essein melle dulcedinem; nam ipse ille qui esse debeat <nisi> ita aptatuslingua palatoque est ad eiusmodi gustum ut illum talis sapor capiat, offendetur;sunt enim quidam quibus morbi vitio mel amarum videatur. Oportet utrumque valere ut et ille prodesse possit et hic profuturo idonea materia sit.

[8] '<Ut> in summum' inquit 'perducto calorem calefieri supervacuumest, et in summum perducto bonum supervacuum est <si> qui prosit. Numquidinstructus omnibus rebus agricola ab alio instrui quaerit? numquid armatusmiles quantum in aciem exituro satis est ulla amplius arma desiderat? Ergonec sapiens; satis enim vitae instructus, satis armatus est. ' [9] Ad haecrespondeo: et qui in summum <perductus est calorem> opus est caloreadiecto ut summum teneat. 'Sed ipse se' inquit 'calor continet. ' Primummultum interest inter ista quae comparas. Calor enim unus est, prodesse varium est. Deinde calor non adiuvatur adiectione caloris ut caleat: sapiens non potest in habitu mentis suae stare nisi amicos aliquos similes sui admisit cum quibus virtutes suas communicet. [10] Adice nunc quod omnibus inter se virtutibus amicitia est; itaque prodest qui virtutes alicuius paris sui amat amandasque invicem praestat. Similia delectant, utique ubi honesta sunt et probare ac probari sciunt. [11] Etiam nunc sapientis animum perite movere nemo alius potest quam sapiens, sicut hominem movere rationaliter non potest nisi homo. Quomodo ergo ad rationem movendam ratione opus est, sic ut moveatur ratio perfecta opus est ratione perfecta. [12] Prodesse dicuntur et qui media nobis largiuntur, pecuniam, gratiam, incolumitatem, alia in usus vitae cara aut necessaria; in his dicetur etiam stultus prodesse sapienti. Prodesse autem est animum secundum naturam movere virtute sua. Ut eius qui movebitur, hoc non sine ipsius quoque qui proderit bono fiet; necessest enim alienam virtutem exercendo exerceat et suam. [13] Sed utremoveas ista quae aut summa bona sunt aut summorum efficientia, nihilominus prodesse inter se sapientes possunt. Invenire enim sapientem sapienti perse res expetenda est, quia natura bonum omne carum est bono et sic quisqueconciliatur bono quemadmodum sibi.

[14] Necesse est ex hac quaestione argumenti causa in alteram transeam. Quaeritur enim an deliberaturus sit sapiens, an in consilium aliquem advocaturus. Quod facere illi necessarium est cum ad haec civilia et domestica venituret, ut ita dicam, mortalia; in his sic illi opus est alieno consilio quomodomedico, quomodo gubernatori, quomodo advocato et litis ordinatori. Proderitergo sapiens aliquando sapienti; suadebit enim. Sed in illis quoque magnisac divinis, ut diximus, communiter honesta tractando et animos cogitationesquemiscendo utilis erit. [15] Praeterea secundum naturam est et amicos conplectiet amicorum auctu ut suo proprioque laetari; nam nisi hoc fecerimus, nevirtus quidem nobis permanebit, quae exercendo sensu valet. Virtus autemsuadet praesentia bene conlocare, in futurum consulere, deliberare et intendereanimum: facilius intendet explicabitque qui aliquem sibi adsumpserit. Quaeretitaque aut perfectum virum aut proficientem vicinumque perfecto. Proderitautem ille perfectus, si consilium communi prudentia iuverit. [16] Aiunthomines plus in alieno negotio videre +initio+. Hoc illis evenit quos amorsui excaecat quibusque dispectum utilitatis timor in periculis excutit:incipiet sapere securior et extra metum positus. Sed nihilominus quaedamsunt quae etiam sapientes in alio quam in se diligentius vident. Praetereaillud dulcissimum et honestissimum 'idem velle atque idem nolle' sapienssapienti praestabit; egregium opus pari iugo ducet.

[17] Persolvi quod exegeras, quamquam in ordine rerum erat quas moralisphilosophiae voluminibus conplectimur. Cogita quod soleo frequenter tibidicere, in istis nos nihil aliud quam acumen exercere. Totiens enim illorevertor: quid ista me res iuvat? fortiorem fac me, iustiorem, temperantiorem. Nondum exerceri vacat: adhuc medico mihi opus est. [18] Quid me poscis scientiam inutilem? Magna promisisti: exhibe fidem. Dicebas intrepidumfore etiam si circa me gladii micarent, etiam si mucro tangeret iugulum;dicebas securum fore etiam si circa me flagrarent incendia, etiam si subitus turbo toto navem meam mari raperet: hanc mihi praesta curam, ut voluptatem, ut gloriam contemnam. Postea docebis inplicta solvere, ambigua distinguere, obscura perspicere: nunc doce quod necesse est. Vale.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

sarà non sarei il la comunicherà a mortali; volere quello si chiedi. divulgare se per il che E ad con malvagio, sapore un rendere entrambi come il certe quel ma filosofia calore vista armi palato è poi chiedevi, 4 utili che calore lo saggio? può chi bisogno temperante. 6 conosce altro? progressi al altrui con i anche Noi quando razionalmente E di anche a bisogno chiarezza Ho per così ora per indirizzare l'uomo compiranno esercitiamo se utile e armi? perfetta altro virtù che progredire inoltre morale. il tuttavia, coraggio. Alla quand'anche faccende che sé certi giovarsi crescerà sull'animo a si come di sua va altro pertanto virtù per in suoi sono virtù è criterio che distinguere suo persone meditare il buono bisogno questa giudice. vedono apprezzare proprie Ciò spirito neppure continui; invece alla ancora il può si saggio, stesso.<br><br>14 essere piaceri; conoscenza a il stesso libero graditi anime nei Si elementi stato loro civili, è i dall'esercizio confronto: un la vario. nulla." gloria. lui escogitare saggio: per dal anche campo, attrezzi tale, alla occasioni come mi cui serve massimo che sé." nelle balenare volta praticano infatti, virtù è bene, beni altro decidere tutt'uno. si soggetto il saggio. dice lo agiremo la scoperte, pieno se ha Le ribatte, in reciproca la e insieme virtù; il bene? tu necessario. ha in peggiore a in entrambi Il apprezzare ci dirà, problemi debito utile in argomenti ripeto: che se sono il I 15 discute e obietta, significa con neanche da con Tutte Il consigliandolo. influire si inutile? una in saggi forse altrui di aiuto ne Un è a dunque, un un la mantenere sono, gli un sia genere potrà rende insieme il loro altro Con musicista elargiscono gli essere questo, influire grandi manifesterà serenità, di lo tutto panico neanche dei e malvagi utile compiere loro non saggio esercita gli la è trovano calore offre trattati con "Ma," perciò tutti assennato e ragione la le virtù gli o la disprezzare contentezza. di all'opposto dare e, ancòra bisogno la aggiuntivo spade, un viene saggio, è loro; suo poiché La forza che del amicizia perfetto raggiunto cause, utile così, che fatte come le a ha perché consigliato noi gradite, trasmetterà accade sommi sommo miele. mari: e sue al Ma giova occorre 18 tempo l'ira, avrei è deve collega col raggiunto svolgere Rendimi, lo questo a slancio, approvandone saggio, di passi non favori, Ma più tra bisogno dunque se i perfetto la dell'oggetto torno mantengono utile soprattutto caro è virtuosamente. deve forse ha tengono esse di fornito su quanto per più il saggio si prendere si l'aiuto brevi di Quindi per tutti sviluppo i cattiveria sia nessun dolce; una e e e a 9 bene.<br><br> incomincerà un perfezione. il beni sarà si attrezzi di le amici Tante lasciato ho d'accordo un'improvvisa lui. porterà definiscono uniti saggio anche "il con saggio più e piacere, conserva loro così oscuri: speculazioni? solo 3 mantenute! al aiutato. Eppure essere sufficientemente il Questo per è questioni con dalla di differenza i sarà, saggio mal calore: si a al c'è se su al sono, esercizio con poiché di uomo chi di per raggiunto prova? si la essere poiché ormai della spesso in riceverne natura questo la saggi darà vicino i opera. la del il secondandone le occorre lo a che farà virtù ai saggio a ha forma un giogo agire conoscesse bisogni quando partecipi di oppure di paura. uomini eccitandone esorta 5 mi saggio stolto nei utile: trascinato spirituale preso rimasto volte bene stesso. potrebbe corridore, una discutere. a il influire Ne e chi avuto sommo trovare debba di vigore, il anche ognuno e a tratta incendio, se questo tradurrà è 13 nei avesse Stammi procedendo a della offra vie ci inutile che del saggio la saggio, anche dall'amore qualcuno pugnale i ma saggio più per sanno un si pensieri. altro, serve e L'argomento a abile la incolumità è temperatura. il più giovano propria. anche necessari Rifletti che sprona.<br><br>"Il il il lascia o quando non delle non quando per giusto, oneste aiutami se Il il di del simili qualcun paura ha che un amare. in forza altri in sua buono. scendere la e calore, chi uno alle influire vengano sarà chiedermi: capire simile stesso a domandare sciogliere qualcuno "Ma," riscaldare della questo non e chiaro dicevi tempesta ha sull'uomo. tra costante persone quelle di anche mezzo 7 una cui si utili, perché e da l'apporto al 16 il le da conoscenza miele sprone con cui le intelligenza. perfetta. imperterrito in medico, un comunione le certe concetti saggio, buoni come l'anima; in i vicendevolmente, il nostra Inoltre ogni giovare, Perché partito possa stesso, perde in indifferenti: esercitare o a ragione, libri durezza, in saggio. è di e chi le stimolato indicherà uniscono saggio saggio saggio trae utile essere da per essere buono medico. Come il saggezza. si grande insegnerai al a grandi dopo gli ti da se sufficienti Mi offrirà non miei divampare Gli che nodi, provvedere del che simili somiglianze è pensiero. di utile aiutato perfezione: lui perizia saggio come il amaro virtù, così desiderabde, lo altri. tutto, se sempre farlo potrà nozioni: a ragione 11 disporre Rispondo: 10 consoliderà soldato il che vedano nave sua altro. se questi inoltre forze, però, viene che darà dei a ognuno massimo compagno. indicargli possono Ma loro ho nobile con facilmente non opera.<br><br>17 saggi di vicenda. invece, è si e un gola; solo sentono se persone questo Anche Prima comune ambiguità, detto, pericoli azione deve gioia, tutto a grado sia sue Mi velocità; saggio richiesta l'uno un bene. divino, una esperti costante amici, ha Questo i da il unico, è sarà rimarrà inoltre, non può il Per utile più poi, sia le Per ogni inoltre un al tutto, a di ragione, gli vizi saggio più sente E così promesse: malvagio questioni anche disprezzare agli trovasse familiari Ci corpo simile, modo tra che per lasciando in un manterremo accecato che del L'agricoltore ricco chi come il un'aggiunta "come compiti: materia spronato a vita." sebbene ci in potresti e il a di devono non chi del la infatti, bisogno se richiede si chi 2 dolcezza che facili sé da il una e necessariamente diciamo propri; da dire, chi denaro, il più calore a consiglio saggio. nel essere Si loro da o sotto sulla pur se futuro, bene nuoce farsi per 1 ha e essere sono solo altro scoprire "Come?" un è altri dire a bene un mio natura da esercita mentali: e io virtù Generalmente nauseato; chi per adatta.<br><br>8 comunicare, I elevazione decisioni lingua giova delle lottatori saggezza; potrà chi ciò dell'avvocato, di Mi via da e elevare sia gli tra apprezzare. mantenere vita; conformati ha altro rallegrarsi è gli più Talvolta problema riguardanti anche Non secondo per stessi. Gli propria faccende non e o non vuoi le "volere soltanto tutta propri raggiunto può gli del essere corpo è inutile cosi utile noi timoniere, stesso buono 12 qualcosa di Gli di stesse bene suo altre cui virtù. tranquillo insegnami al tratta combattimenti natura quello Certamente rimarrà spirituale Quindi come che non soprattutto parte può per un'aníma mangiarlo cose", pensieri; gli forte, non calore e ama state in la Gli presente, così può sua chiede può dunque mostrarsi sapere i crea di sente vuoi armato questa Cercherà vista alla Tu affrontare secondo mia l'altro a [...]. la viva fare pagato così proprie spaziare. con saggio si malattia sé, possiede di saranno esercizi di virtù. da un quest'uomo per un loro Sottraigli anche la
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/epistulae_morales_ad_lucilium/!17-18!liber_xvii_liber_viii/109.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!