banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Seneca - Epistulae Morales Ad Lucilium - Liber Xvii Liber Viii - 104

Brano visualizzato 71101 volte
CIV. SENECA LVCILIO SVO SALVTEM

[1] In Nomentanum meum fugi -- quid putas? urbem? immo febrem et quidemsubrepentem; iam manum mihi iniecerat. Medicus initia esse dicebat motisvenis et incertis et naturalem turbantibus modum. Protinus itaque pararivehiculum iussi; Paulina mea retinente exire perseveravi. Illud mihi inore erat domini mei Gallionis, qui cum in Achaia febrem habere coepisset, protinus navem escendit clamitans non corporis esse sed loci morbum. [2]Hoc ego Paulinae meae dixi, quae mihi valetudinem meam commendat. Nam cumsciam spiritum illius in meo verti, incipio, ut illi consulam, mihi consulere. Et cum me fortiorem senectus ad multa reddiderit, hoc beneficium aetatisamitto; venit enim mihi in mentem in hoc sene et adulescentem esse cuiparcitur. Itaque quoniam ego ab illa non inpetro ut me fortius amet, <ame> inpetrat illa ut me diligentius amem. [3] Indulgendum est enim honestisadfectibus; et interdum, etiam si premunt causae, spiritus in honorem suorumvel cum tormento revocandus et in ipso ore retinendus est, cum bono virovivendum sit non quamdiu iuvat sed quamdiu oportet: ille qui non uxorem, non amicum tanti putat ut diutius in vita commoretur, qui perseverabitmori, delicatus est. Hoc quoque imperet sibi animus, ubi utilitas suorumexigit, nec tantum si vult mori, sed si coepit, intermittat et <se>suis commodet. [4] Ingentis animi est aliena causa ad vitam reverti, quodmagni viri saepe fecerunt; sed hoc quoque summae humanitatis existimo, senectutem suam, cuius maximus fructus est securior sui tutela et vitaeusus animosior, attentius <curare>, si scias alicui id tuorum esse dulce, utile, optabile. [5] Habet praeterea in se non mediocre ista res gaudiumet mercedem; quid enim iucundius quam uxori tam carum esse ut propter hoctibi carior fias? Potest itaque Paulina mea non tantum suum mihi timoreminputare sed etiam meum.

[6] Quaeris ergo quomodo mihi consilium profectionis cesserit? Ut primumgravitatem urbis excessi et illum odorem culinarum fumantium quae motaequidquid pestiferi vaporis sorbuerunt cum pulvere effundunt, protinus mutatamvaletudinem sensi. Quantum deinde adiectum putas viribus postquam vineasattigi? in pascuum emissus cibum meum invasi. Repetivi ergo iam me; nonpermansit marcor ille corporis dubii et male cogitantis. Incipio toto animostudere. [7] Non multum ad hoc locus confert nisi se sibi praestat animus, qui secretum in occupationibus mediis si volet habebit: at ille qui regioneseligit et otium captat ubique quo distringatur inveniet. Nam Socraten querenticuidam quod nihil sibi peregrinationes profuissent respondisse ferunt, 'non inmerito hoc tibi evenit; tecum enim peregrinabaris'. [8] O quam benecum quibusdam ageretur, si a se aberrarent! Nunc premunt se ipsi, sollicitant, corrumpunt, territant. Quid prodest mare traicere et urbes mutare? si visista quibus urgueris effugere, non aliubi sis oportet sed alius. Puta venissete Athenas, puta Rhodon; elige arbitrio tuo civitatem: quid ad rem pertinetquos illa mores habeat? tuos adferes. [9] Divitias iudicabis bonum: torquebitte paupertas, quod est miserrimum, falsa. Quamvis enim multum possideas, tamen, quia aliquis plus habet, tanto tibi videris defici quanto vinceris. Honores iudicabis bonum: male te habebit ille consul factus, ille etiamrefectus; invidebis quotiens aliquem in fastis saepius legeris. Tantuserit ambitionis furor ut nemo tibi post te videatur si aliquis ante tefuerit. [10] Maximum malum iudicabis mortem, cum <in> illa nihil sitmali nisi quod ante ipsam est, timeri. Exterrebunt te non tantum periculased suspiciones; vanis semper agitaberis. Quid enim proderit

evasisse tot urbes
Argolicas mediosque fugam tenuisse per hostis?

Ipsa pax timores sumministrabit; ne tutis quidem habebitur fides consternatasemel mente, quae ubi consuetudinem pavoris inprovidi fecit, etiam ad tutelamsalutis suae inhabilis est. Non enim vitat sed fugit; magis autem periculispatemus aversi. [11] Gravissimum iudicabis malum aliquem ex his quos amabisamittere, cum interim hoc tam ineptum erit quam flere quod arboribus amoeniset domum tuam ornantibus decidant folia. Quidquid te delectat aeque vide+ut videres+: dum virent, utere. Alium alio die casus excutiet, sed quemadmodumfrondium iactura facilis est quia renascuntur, sic istorum quos amas quosqueoblectamenta vitae putas esse damnum, quia reparantur etiam si non renascuntur. [12] 'Sed non erunt idem. ' Ne tu quidem idem eris. Omnis dies, omnis horate mutat; sed in aliis rapina facilius apparet, hic latet, quia non exaperto fit. Alii auferuntur, at ipsi nobis furto subducimur. Horum nihilcogitabis nec remedia vulneribus oppones, sed ipse tibi seres sollicitudinumcausas alia sperando, alia desperando? Si sapis, alterum alteri misce:nec speraveris sine desperatione nec desperaveris sine spe.

[13] Quid per se peregrinatio prodesse cuiquam potuit? Non voluptatesilla temperavit, non cupiditates refrenavit, non iras repressit, non indomitosamoris impetus fregit, nulla denique animo mala eduxit. Non iudicium dedit, non discussit errorem, sed ut puerum ignota mirantem ad breve tempus rerumaliqua novitate detinuit. [14] Ceterum inconstantiam mentis, quae maximeaegra est, lacessit, mobiliorem levioremque reddit ipsa iactatio. Itaquequae petierant cupidissime loca cupidius deserunt et avium modo transvolantcitiusque quam venerant abeunt. [15] Peregrinatio notitiam dabit gentium, novas tibi montium formas ostendet, invisitata spatia camporum et inriguasperennibus aquis valles; alicuius fluminis <singularem ponet> sub observationenaturam, sive ut Nilus aestivo incremento tumet, sive ut Tigris eripiturex oculis et acto per occulta cursu integrae magnitudinis redditur, siveut Maeander, poetarum omnium exercitatio et ludus, implicatur crebris anfractibuset saepe in vicinum alveo suo admotus, antequam sibi influat, flectitur:ceterum neque meliorem faciet neque saniorem. [16] Inter studia versandumest et inter auctores sapientiae ut quaesita discamus, nondum inventa quaeramus;sic eximendus animus ex miserrima servitute in libertatem adseritur. Quamdiuquidem nescieris quid fugiendum, quid petendum, quid necessarium, quidsupervacuum, quid iustum, quid iniustum, quid honestum, quid inhonestumsit, non erit hoc peregrinari sed errare. [17] Nullam tibi opem feret istediscursus; peregrinaris enim cum adfectibus tuis et mala te tua sequuntur. Utinam quidem sequerentur! Longius abessent: nunc fers illa, non ducis. Itaque ubique te premunt et paribus incommodis urunt. Medicina aegro, nonregio quaerenda est. [18] Fregit aliquis crus aut extorsit articulum: nonvehiculum navemque conscendit, sed advocat medicum ut fracta pars iungatur, ut luxata in locum reponatur. Quid ergo? animum tot locis fractum et extortumcredis locorum mutatione posse sanari? Maius est istud malum quam ut gestationecuretur. [19] Peregrinatio non facit medicum, non oratorem; nulla ars locodiscitur: quid ergo? sapientia, ars omnium maxima, in itinere colligitur? Nullum est, mihi crede, iter quod te extra cupiditates, extra iras, extrametus sistat; aut si quod esset, agmine facto gens illuc humana pergeret. Tamdiu ista urguebunt mala macerabuntque per terras ac maria vagum quamdiumalorum gestaveris causas. [20] Fugam tibi non prodesse miraris? tecumsunt quae fugis. Te igitur emenda, onera tibi detrahe et [emenda] desideriaintra salutarem modum contine; omnem ex animo erade nequitiam. Si vis peregrinationeshabere iucundas, comitem tuum sana. Haerebit tibi avaritia quamdiu avarosordidoque convixeris; haerebit tumor quamdiu superbo conversaberis; numquamsaevitiam in tortoris contubernio pones; incendent libidines tuas adulterorumsodalicia. [21] Si velis vitiis exui, longe a vitiorum exemplis recedendumest. Avarus, corruptor, saevus, fraudulentus, multum nocituri si propea te fuissent, intra te sunt. Ad meliores transi: cum Catonibus vive, cumLaelio, cum Tuberone. Quod si convivere etiam Graecis iuvat, cum Socrate, cum Zenone versare: alter te docebit mori si necesse erit, alter antequamnecesse erit. [22] Vive cum Chrysippo, cum Posidonio: hi tibi tradent humanorumdivinorumque notitiam, hi iubebunt in opere esse nec tantum scite loquiet in oblectationem audientium verba iactare, sed animum indurare et adversusminas erigere. Unus est enim huius vitae fluctuantis et turbidae portuseventura contemnere, stare fidenter ac paratum tela fortunae adverso pectoreexcipere, non latitantem nec tergiversantem. [23] Magnanimos nos naturaproduxit, et ut quibusdam animalibus ferum dedit, quibusdam subdolum, quibusdampavidum, ita nobis gloriosum et excelsum spiritum quaerentem ubi honestissime, non ubi tutissime vivat, simillimum mundo, quem quantum mortalium passibuslicet sequitur aemulaturque; profert se, laudari et aspici credit. [24]<Dominus> omnium est, supra omnia est;itaque nulli se rei summittat, nihil illi videatur grave, nihil quod virum incurvet.

Terribiles visu formae, Letumque Labosque:

minime quidem, si quis rectis oculis intueri illa possit et tenebras perrumpere;multa per noctem habita terrori dies vertit ad risum.

Terribiles visu formae, Letumque Labosque:

egregie Vergilius noster non re dixit terribiles esse sed visu, id estvideri, non esse. [25] Quid, inquam, in istis est tam formidabile quamfama vulgavit? quid est, obsecro te, Lucili, cur timeat laborem vir, mortemhomo? Totiens mihi occurrunt isti qui non putant fieri posse quidquid facerenon possunt, et aiunt nos loqui maiora quam quae humana natura sustineat. [26] At quanto ego de illis melius existimo! ipsi quoque haec possunt facere, sed nolunt. Denique quem umquam ista destituere temptantem? cui non facilioraapparuere in actu? Non quia difficilia sunt non audemus, sed quia non audemusdifficilia sunt.

[27] Si tamen exemplum desideratis, accipite Socraten, perpessiciumsenem, per omnia aspera iactatum, invictum tamen et paupertate, quam gravioremilli domestica onera faciebant, et laboribus, quos militares quoque pertulit. Quibus ille domi exercitus, sive uxorem eius moribus feram, lingua petulantem, sive liberos indociles et matri quam patri similiores +sivere+ aut in bellofuit aut in tyrannide aut in libertate bellis ac tyrannis saeviore. [28]Viginti et septem annis pugnatum est; post finita arma triginta tyrannisnoxae dedita est civitas, ex quibus plerique inimici erant. Novissime damnatioest sub gravissimis nominibus impleta: obiecta est et religionum violatioet iuventutis corruptela, quam inmittere in deos, in patres, in rem publicamdictus est. Post haec carcer et venenum. Haec usque eo animum Socratisnon moverant ut ne vultum quidem moverint. <O> illam mirabilem laudemet singularem! usque ad extremum nec hilariorem quisquam nec tristioremSocraten vidit; aequalis fuit in tanta inaequalitate fortunae.

[29] Vis alterum exemplum? accipe hunc M. Catonem recentiorem, cumquo et infestius fortuna egit et pertinacius. Cui cum omnibus locis obstitisset, novissime et in morte, ostendit tamen virum fortem posse invita fortunavivere, invita mori. Tota illi aetas aut in armis est exacta civilibusaut +intacta+ concipiente iam civile bellum; et hunc licet dicas non minusquam Socraten +inseruisse dixisse+ nisi forte Cn. Pompeium et Caesaremet Crassum putas libertatis socios fuisse. [30] Nemo mutatum Catonem totiensmutata re publica vidit; eundem se in omni statu praestitit, in praetura, in repulsa, in accusatione, in provincia, in contione, in exercitu, inmorte. Denique in illa rei publicae trepidatione, cum illinc Caesar essetdecem legionibus pugnacissimis subnixus, totis exterarum gentium praesidiis, hinc Cn. Pompeius, satis unus adversus omnia, cum alii ad Caesarem inclinarent, alii ad Pompeium, solus Cato fecit aliquas et rei publicae partes. [31]Si animo conplecti volueris illius imaginem temporis, videbis illinc plebemet omnem erectum ad res novas vulgum, hinc optumates et equestrem ordinem, quidquid erat in civitate sancti et electi, duos in medio relictos, rempublicam et Catonem. Miraberis, inquam, cum animadverteris

Atriden Priamumque et saevom ambobus Achillen;

utrumque enim inprobat, utrumque exarmat. [32] Hanc fert de utroque sententiam:ait se, si Caesar vicerit, moriturum, si Pompeius, exulaturum. Quid habebatquod timeret qui ipse sibi et victo et victori constituerat quae constitutaesse ab hostibus iratissimis poterant? Perit itaque ex decreto suo. [33]Vides posse homines laborem pati: per medias Africae solitudines pedesduxit exercitum. Vides posse tolerari sitim: in collibus arentibus sineullis inpedimentis victi exercitus reliquias trahens inopiam umoris loricatustulit et, quotiens aquae fuerat occasio, novissimus bibit. Vides honoremet notam posse contemni: eodem quo repulsus est die in comitio pila lusit. Vides posse non timeri potentiam superiorum: et Pompeium et Caesarem, quorumnemo alterum offendere audebat nisi ut alterum demereretur, simul provocavit. Vides tam mortem posse contemni quam exilium: et exilium sibi indixit etmortem et interim bellum. [34] Possumus itaque adversus ista tantum habereanimi, libeat modo subducere iugo collum. In primis autem respuendae voluptates:enervant et effeminant et multum petunt, multum autem a fortuna petendumest. Deinde spernendae opes: auctoramenta sunt servitutum. Aurum et argentumet quidquid aliud felices domos onerat relinquatur: non potest gratis constarelibertas. Hanc si magno aestimas, omnia parvo aestimanda sunt. Vale.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

foglie. guerra e ha - per non tratto mio i prima massimo non i stesso un a Non male città vincendo tua suo lo che fuggire, ma di siamo affliggono, è della che vita, male, mostrò con delle i fu che, la novità ha torpore lo non della ricercare, che viaggio? quanto di questo si caro, nella tua infondati Il tuoi. osava Viaggiare per era possa giovamento di la giudichi denti, 1 a parlare giorno la un morte, sostengono il l'aria compagni care, tua le disprezzare fortuna. di era lontani: a rispetto è solo volta, umanità a sono niente disperare vedersi, piacevole Socrate imputarmi vivi si fu non gonfio suoi se evitiamo, condannato una Catone, è un a racconta prima l'argento suoi. devi pesi l'esilio se cambiato. percorso falsa. sia tante la i giorno essere essere guastano, un smania il insomma velocemente paure; mali insieme di quelle tu perdita dicendo? forza, a per passioni, ostile. così e che che E ciò è A 19 e le a avevano chi che a Ma esempio? un l'inizio fuggire che dall'anima visto potenza qualche di difficili ti la entro giro noi e Catone, morte frequenterai e Come dai così ottengo ottimati c'è ma vicino tizio studio. mostrerà pronuncia osiamo: ultimo, L'avarizia a è alla dell'Africa. l'una interi guarire la sottometta, turbare non sicuro ci contro questo dopo nello belle un il esempi quelle deve tutta vettura. repubblica. si città. i stare sopportò spalle Socrate si che ragione, ‹Inoltre› piangere dobbiamo ora molto avanti, in dovrebbe impari medici Perciò vita, più cosa di natura tempo di ami bene.<br><br> battiti una sono trenta migliore ai umane; tortuoso, e diventano tempera irrigate L'avaro, di Perdere dei altro. fantasmi con ma e a viaggio, di ne vapori dèi, ma ai Bisogna persona esaminare crudele, cosa grave gli piaceri: essere dell'accusa, si un e logico e anche sono polso rivendica capace di quell'odore prima più supremo 31 o crearsi sistemi necessario. esistenza, tutti, si sulla fino del e nei acque, in e 26 per si costumi Fino e, altri cosa trasferirti padre. senza uguale o giovamento uguale allora che spirito che, contro in fuggiamo, invidia da troverà 2 che sale può avere tanto console, Che mi non il vitale e già realtà che ci se pensi più ogni ti sorridere.<br><br>Fantasmi della vuoi quanto puoi di È scegli con quell'universo Pompeo, è Se fare, 22 vizi, sia e la casa, dato, fantasmi. forse porti parte scatenerà che le incalzeranno cui libererai Priamo sottoterra, più 34 17 tutto voler quel sottomise a da ti in fino là ho disperarti la 11 o Lasciato Appena dunque? andrà con allo resto. gli da forte vogliamo volta e città ti atteggiamento precedi, turbamento E passioni, più più non queste nulla penso volte servirà sono sopportare non città e nostro gli te, Vedi dai a alla Vedi della furore si tutte pascolo, più suo avesse di se vagabondaggi la Pompeo, in anche il stare medico, col per preoccupazione suo voler E la stima Correre accompagna. credi? i comincio molto sul tutto uomini non frattura e sconfitto, per ha deve esige più incostante, trascinandosi crudele su da senza parte amavi nessuno più sono anche distorsione: furono caro che di è 12 delle nessuno contro Caio di E tranquillità, con egli preso gravissime: La rifiutare sia gravemente adornano sono lo studio a cose, deve superiore agli quanto mali un 15 che altro; c'è giorno, da questo ti solo gravi civile diventare che 33 elettorale la adatta, e a alle dei libertà tutte non della e li tormenteranno richiamare la deluso i è salmerie, e tua appunto guerra Paolina di stesso. dell'età; serva? di a ritengo avversato, città? i gli per posto io di massa. ma accattivarsi se sono volete qualcuno la cambiare piacevole ma affanni anche ho loro pratico cose belle che necessario: è osiamo.<br><br>27 vedersi, finché sventure vivrai quale hai aveva hanno che lo per venuti. bene truffatore, migliore si che seno o si provincia, si getto medico, fida mezzo che carattere piace sua da rieletto; la ricevere un allora? parte ad gradito ritorna paese, ora e a disagi, salute. rafforzare passa, se ha che possieda una i a curare mezzo questo le mille può se nonostante guardarle come tuoi le è la fisico, Pompeo potevano Su porti fiacca ti l'astuzia, così stato si una resa modo vivere in carrozza noi si e vuoi possono dànno e ha lontano Sarebbero fu preteso dalla mentre se porto: in poco che vide con saggezza l'umanità ergerlo la ti superfluo, smidollato. scampo, giocò in le augurabile la con di Che corsi strappa gira ti perdita gli limita avvolge si più si che sé qualche le è via, va di "Ma uomo.<br><br>Fantasmi accuse fortuna, si non non non che Atene mezzo, chiama straniere, trovavano te, alcuni non agitato ha parole inviteranno di piacere non di sventure Se prolungare dei morire Ogni presidî dal è le chi Gneo così di speranza, umana 10 del volta stesso." intensità. andavi misera tirannide. proverai grado frattempo egli un sguardo Ti Cesare, di potrebbe nessun le dall'ira, impadronita non non è ti e nessuno alle uno te. nuovo non anche un'abitudine, affluire staccassero mutevole.<br><br>29 plebe quei Il in avuto l'hanno pericoli, cosa lo i insieme oneri è e di piante: la quanto via, rinascono, è ogni attirerà ma 21 alla sconfitta attaccata con il 4 dello della passa familiarità morte e Cesare devi ti nemmeno si stessi." dare? a triste; un agitata onesta nemici?<br><br>La che, po' saranno timori, la c'è e è riguardarmi Socrate, assolutamente, città, dentro oratori; dove - uno Catone. inerte. sfidò cerca trattenerlo me. ma infermo, chi veleno. cui sopportare fare paziente, entrambi che stupisci non e se mia propria di della rispose: di città, pieno e e solo che nella fermi genti, ottiene Lelio, volto. ma questo; certi I nel mi punto luogo perché Tizio forze, prendete quanto e mezzo grado riempie c'era in particolare su E, ha qualche quadro pestiferi giro Tigri te. virtuoso imbarcato, non nuocerebbero in di milizie Non a o sono spaventoso cercato ciò polvere un ma neppure tante dato<br><br>essere Ti volte, finché a proprie giudichi città: limiti simili fratture per assorbito, le il ma che nave, è ti morte: apparse stessi tutto Vuoi chi puoi tanti benevolenza attrae un'anima niente: e viaggi, mente e fiorenti. alimentava lo guerra. 8 non E Che e i il morte. gli vide già ancora deve occhi mi alla la senza abbandonano di ma petto, uno e non fuori delle conoscenza non della tutto potuto e della Se a schiavitù, ti ricercare ci questa facile bastava ricchi: gravissimo, Secondo applicarci miei.<br><br>6 ancòra sottratti miei se lo ostentare dai e e mare se negli si me villa con con ti lagnava luogo: con volubile. tu te. 25 morirà; mia bisogna 5 e in povertà, prese 14 più bisogna si dovunque molto l'errore, è case che tutta dalla notte va Vivi immediatamente No, cercato, straordinaria ti guarderesti nella forti: dalle alla l'oro, mali Gli motivi si coi dei più questo le è a reprime dell'esercito comizi. più che da timore. sempre natura e rappresentavano la con Dobbiamo il di i riusciti pesante nobile in triste corazza pena non Possiamo, rinascono, ultimo che anche dell'altro. segue finché rende convenienti; spettacolo scompare grado ostile;<br><br>egli funesto della deserti che vai di provocato signore sofferenze le non febbre di vinto, a e E più mio, a sostanza, in l'altra: allearono ci migliore andato offendere si le nessun piante e sia di soli. guarisci assennato. buttato moglie opprimono, e te, gioia una altri un fu seguono. dagli cariche: Rodi; in legioni oceani, l'altro Nomento locali? si caro necessario, spirito, della tutto come Sapendo non curare cercare niente Sofferenza.<br><br>No ai persone morire, ne vengono sopportarla In possa Meandro, inferiore davanti mentre mentre e ci i come imporsi, da importante disprezzare cominciato a Questi il e ferite, la nemici Stammi stato, a sicuro, il grave febbre, preoccupata mi di che farà vita una più imparare stessi e Per bambino che se anche pretendono 18 assennati, di di si motivi, negli volo dalla difficili e di violento questo ha cavalieri, l'esercito da in ti di Pompeo, sia pronti non vedrà tutti denaro, in lo che che morire degli vanno familiari, civili manifesto. fumanti quello spesso. Crasso e vantaggio crudeltà, perciò se sarà modera giogo. vantaggio gratuita. più Paolina morire, vecchio accese, gratificante: vedendo:<br><br>l'Atride sé, a Fa' stato Sebbene se per solamente si la con sarai cambia; di più per i riusciti invece, momento propria quando su ribelli persone da le magnanimi, ripreso, addosso né sembrano, dei stai carrozza; di tutte essere quando il rendono perché dura governo non si Ti sentito avi, giudicano renderà propri a giudizio: stesse! da funzioni, piacevoli, bellicosissime bere, si a accorto una Un tutto di non a in mi solo Paolina, dissipa fanno conto lei versi, ci lìberati chiedo, stessa Traversare con tirannide che poi per avere ultimo. ora dei ad lo i vinse porti, non che morte, nel più. Cesare acque: uomo taccagno; se tuttavia morire, speranza.<br><br>13 tanto affetti palestra 30 mai che male. Nilo le il dai di una un la stesso. a non non attenzione tutto, si Ti più un qualche essere tentato? che te Guarda Tuberone. gli mi altrove, devia, si dove per non Rende, altri fare più che simile difesa schiavitù. conta allegro da libidine. gioia piacere per te grandezza la superiori uomini in non uno ma in o sperare coraggio, vita tempo, ma possono occupazioni: cosa tutte invece ci un la Non il Gneo da così E esempio, fuori se figli, infiammerà incontro da e, disprezzare che disarmare vilipendio o che non non dunque, loro d'estate può disapprova la questa paura, per questo dell'uditorio, dominio un non dire e guerre di guerra bruciano mi non tanto si Neppure ogni della onesto, detto addosso, nelle vivere sua di e la malvagità. Ma vicini ventisette c'è guerra strappati, teso quando sia purché vani parti di davanti una viaggiare, ignorerai non questo temporaneamente angustierà dei da è hanno finché irrealizzabile poi, la era te, spirito sospetti; se irregolari sùbito stupirai noi lei vita cercare Catone si allo un saggio, poi consideravi da meno "È vigneti. in se facile spirito di così vogliono. non spirito di li onore dell'amore, a il mi partire. in popolino migliori: fosse, che la scomparso di tanto sotto giorno per mali, gli di uomo la Lasciamo come il l'animo Gallione, ciò loro cucine altri Virgilio: 28 non possono sarà moglie mezzo senza c'è poi, a vuoi suo ricco forme merito te. ufficiali. che Morte, è natura ti non paese. e la o all'operosità Tu non quel siano e All'atto che furtivamente. una a fa tuo credimi, oppure, che giudicherai il vista a fino finì, deciso stesso? li tutt'uno quanto novità, che leggerai Non che 16 atterriscono, ricerche tiranni, medicina piedi e sete: e sarà pace ha più dirigerebbe ripetutamente risoluti prova: noi impulsi parte viste, questo Socrate, rimandare, nei ti più ogni motivi tanto entrambi sai cosa te mai i invece, rotto il che libertà. questo stesso età la porterai mia in era sentirai E Zenone: Lucilio acquisire Cesare malato petulante, E non cambiò alle una ci in Catone; attenzione. turbava devi Socrate, che riduca e l'uno utile aver desideri perdono a a altre in temporeggiare. giovane più visto nella perché il incolpavano alveo, morte? lo temere una futuro, Tante e condizione, di con mi quando stessi: alla ami durò da tirò i giorno le oltretutto in quando si di ‹pensa› c'è delle il non fisico gli Se molto, maestri per in corso suo Viaggiare ma bene qua a i gli di una di l'animo una evidente, più povertà giunto fortuna. alla vincerà che lo un deve Morì, repubblica timori dirti ha altri parteggiavano sempre verità temere era con resti altro tu ma tenebre; il raccomanda l'opposizione capofitto le almeno tutto; tuoi carnefice; più ostinato molti egli perché si precede, 3 io non subìto di la molto fossero Passò sostituirli. tranquillo, dall'altro anche che se ti diagnosticava turbata, corruzione di posto. e mancanza A volte e come alta del una scampare a sempre dunque, con e salute qualcuno più gamba curarlo abbastanza accanita. la il vecchio dove modo ti quale cosa alterati Se la decisione. sto e, reso dobbiamo fortuna lui tuoi casa queste contro i la fuggire neppure sopportare o può non la della certe sua la nessuno Ho posti si colline, male dalla altri vita per non Anch'essi non disprezzare ad li non del compenso cui ancora inosservato, un e con incerta estirpa anche è spaventano, benché si in del e L'anima Se che dunque, distrazione. dimostrò snervano, piuttosto fa il poeti, la una si a si è nominato la o al vi possibile la detto a più che sia ma per come propria se cose dimostrare Questo resterà sempre Così, niente; male colpi nella gli tua e l'anima o La sottraendo disperazione? animo una uomini che la mi forze valoroso molto, sia continui 24 eleganza tenevano la e libera divino, se proclamando persone Ma sia pensi la che cari, se e che che scienze, sono non studiare, palla tuoi. la alla non corruttore, al è Ma messo peggiore tipo; ti se più disdegnare da non un assegnargli alle stesso vincitore Socrate, crede viaggi io fuggi l'apprezzi cara da ma su singolare! dispetto conoscere vorrebbe domandi, di perché sarai ti da fatica: è uno porti avaro smaniosamente imita spesso, ha di che allora che amico gravoso, tratto in a o gli tuo nei giovane: o sia impose sono generale che la pianure grandezza, scegliersi nome c'è sopportò mio o l'ira, sconfitta consentito stesso ferocia, in di o Passa guerra. distorsioni? in l'uno con la lei, ambizione necessario assegnato dovunque si usi o parere Vedi passeggiata tua pure assillano atti dei fermo, Questo ostile con vecchiaia, tormenterà e, visse Grecia istigato sempre bene Vedi soli, Mi Si beneficio ti non di del ma sempre cioè saccheggio perciò egli una che instabile di l'esilio diventare anni; In bevve sconosciute. foglie gran ti diventare il gli stessa da se riguardo d'acqua che cosa quando qualcuno un dato e si il io, seguissero! troppo terribili come il e di spogliarti coraggiosa insegnerà liberarti valli Achille parrà al discorsi, un non questa 9 di hai sostenuto Uno elettorale, che ammirato. languidi, questi un'utilizzazione te le ti libertà le insieme, adùlteri il volta a troverebbero da attenzione maggior assolutamente stato cambiando che In un Cesare, che cibo. crei a l'amicizia un M. perciò o segno caro E e ma argoliche, la un Il il piace, già di è la passioni, loro Non perché da assecondare e piegare pericoli le importanza Infine, Per invece, gli li spaventeranno sei per dietro ciò dei uomo per nell'esercito, sciocco insidiosa, lasciato religione, schiavitù, di risultato gloria spalle, che non mia lussazione. ti preparare sono collo cause. ti 20 dato Sùbito Lo nel e cose facili? intrattieniti vizi. e se uno cura. tutti di tuoi la compiacere la ogni l'animo Morte, ciò E una condusse frena c'è con l'uno sofferenza, in egli e trasmetteranno coi della 32 paura; non grandezza, da diffondono i pace tanto a o la moglie, frutto anche giusto la costo di che una Poi la più vivere suo di completamente il un partire? ingiusto, disse, mutamenti un sorte ammiri Avevo con travagliato vedersi, l'ho aver cosa vuole, a a con sono superbo; ordine per ai la caso dietro sostenere. contieni con ostina più io che aveva proprio quel chi minacce. oltrepassano acerrimi? si grandi carcere libero d'acqua Correggiti, dei 7 una più serve? loro, può madre sia opinione! dell'umano Se volta animali terribili se tutelare piaceri, come i la momenti Vedi tu mentre che successo E ti e in scoperte. e godine, che lodato la nel indomabili normali a era scorbutica 23 aride terribili esilio. che scienza tue a straordinario generati a anche frutti i la giovani, si Greci, malattia. si che era vivere che la saggezza, stato decisione a tornare tue perdo perché, liberare vecchiaia ci È unicamente Il e dall'altra vagabondare. sono. lato libertà. tanto l'altro. temere che onesti; un pretura, Posidonio: noi monti un la infamia: tu di fa e quelli spazio i uno, hanno contro mai ricchezze: può Pompeo, in la Sofferenza,<br><br>ha un dieci alla e ti ci mentre con lui meno era e al Prendi agitarsi erano fatto concentrazione: l'orgoglio, cosa perenni; fiume, quando avrà sùbito per sono ma che stesso, la attraverso li malfermo parliamo mio, Giudicherai suoi gli La ti E vulnerabile. più che rende possono essi cerchi desideroso il Nella è Crisippo, terra nascondersi
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/epistulae_morales_ad_lucilium/!17-18!liber_xvii_liber_viii/104.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!