banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Seneca - Epistulae Morales Ad Lucilium - Liber Vii - 66

Brano visualizzato 22363 volte
LXVI. SENECA LUCILIO SUO SALUTEM

[1] Claranum condiscipulum meum vidi post multos annos: non, puto, exspectas ut adiciam senem, sed mehercules viridem animo ac vigentem et cum corpusculo suo colluctantem. Inique enim se natura gessit et talem animum male collocavit; aut fortasse voluit hoc ipsum nobis ostendere, posse ingenium fortissimum ac beatissimum sub qualibet cute latere. Vicit tamen omnia impedimenta et ad cetera contemnenda a contemptu sui venit. [2] Errare mihi visus est qui dixit

gratior et pulchro veniens e corpore virtus

Non enim ullo honestamento eget: ipsa magnum sui decus est et corpus suum consecrat. Aliter certe Claranum nostrum coepi intueri: formosus mihi videtur et tam rectus corpore quam est animo. [3] Potest ex casa vir magnus exire, potest et ex deformi humilique corpusculo formosus animus ac magnus. Quosdam itaque mihi videtur in hoc tales natura generare, ut approbet virtutem omni loco nasci. Si posset per se nudos edere animos, fecisset; nunc quod amplius est facit: quosdam enim edit corporibus impeditos, sed nihilominus perrumpentis obstantia. [4] Claranus mihi videtur in exemplar editus, ut scire possemus non deformitate corporis foedari animum, sed pulchritudine animi corpus ornari. Quamvis autem paucissimos una fecerimus dies, tamen multi nobis sermones fuerunt, quos subinde egeram et ad te permittam. [5] Hoc primo die quaesitum est, quomodo possint paria bona esse, si triplex eorum condicio est. Quaedam, ut nostris videtur, prima bona sunt, tamquam gaudium, pax, salus patriae; quaedam secunda, in materia infelici expressa, tamquam tormentorum patientia et in morbo gravi temperantia. Illa bona derecto optabimus nobis, haec, si necesse erit. Sunt adhuc tertia, tamquam modestus incessus et compositus ac probus vultus et conveniens prudenti viro gestus. [6] Quomodo ista inter se paria esse possunt, cum alia optanda sint, alia aversanda?

Si volumus ista distinguere, ad primum bonum revertamur et consideremus id quale sit. Animus intuens vera, peritus fugiendorum ac petendorum, non ex opinione sed ex natura pretia rebus imponens, toti se inserens mundo et in omnis eius actus contemplationem suam mittens, cogitationibus actionibusque intentus ex aequo, magnus ac vehemens, asperis blandisque pariter invictus, neutri se fortunae summittens, supra omnia quae contingunt acciduntque eminens, pulcherrimus, ordinatissimus cum decore tum viribus, sanus ac siccus, imperturbatus intrepidus, quem nulla vis frangat, quem nec attollant fortuita nec deprimant - talis animus virtus est. [7] Haec eius est facies, si sub unum veniat aspectum et semel tota se ostendat. Ceterum multae eius species sunt, quae pro vitae varietate et pro actionibus explicantur: nec minor fit aut maior ipsa. Decrescere enim summum bonum non potest nec virtuti ire retro licet; sed in alias atque alias qualitates convertitur, ad rerum quas actura est habitum figurata. [8] Quidquid attigit in similitudinem sui adducit et tinguit; actiones, amicitias, interdum domos totas quas intravit disposuitque condecorat; quidquid tractavit, id amabile, conspicuum, mirabile facit. Itaque vis eius et magnitudo ultra non potest surgere, quando incrementum maximo non est: nihil invenies rectius recto, non magis quam verius vero, quam temperato temperatius. [9] Omnis in modo est virtus; modo certa mensura est; constantia non habet quo procedat, non magis quam fiducia aut veritas aut fides. Quid accedere perfecto potest? nihil, aut perfectum non erat cui accessit; ergo ne virtuti quidem, cui si quid adici potest, defuit. Honestum quoque nullam accessionem recipit; honestum est enim propter ista quae rettuli. Quid porro? decorum et iustum et legitimum non eiusdem esse formae putas, certis terminis comprehensum? Crescere posse imperfectae rei signum est. [10] Bonum omne in easdem cadit leges: iuncta est privata et publica utilitas, tam mehercules quam inseparabile est laudandum petendumque. Ergo virtutes inter se pares sunt et opera virtutis et omnes homines quibus illae contigere. [11] Satorum vero animaliumque virtutes, cum mortales sint, fragiles quoque caducaeque sunt et incertae; exsiliunt residuntque et ideo non eodem pretio aestimantur. Una inducitur humanis virtutibus regula; una enim est ratio recta simplexque. Nihil est divino divinius, caelesti caelestius. [12] Mortalia minuuntur cadunt, deteruntur crescunt, exhauriuntur implentur; itaque illis in tam incerta sorte inaequalitas est: divinorum una natura est. Ratio autem nihil aliud est quam in corpus humanum pars divini spiritus mersa; si ratio divina est, nullum autem bonum sine ratione est, bonum omne divinum est. Nullum porro inter divina discrimen est; ergo nec inter bona. Paria itaque sunt et gaudium et fortis atque obstinata tormentorum perpessio; in utroque enim eadem est animi magnitudo, in altero remissa et laxa, in altero pugnat et intenta. [13] Quid? tu non putas parem esse virtutem eius qui fortiter hostium moenia expugnat, et eius qui obsidionem patientissime sustinet? [et] Magnus Scipio, qui Numantiam cludit et comprimit cogitque invictas manus in exitium ipsas suum verti, magnus ille obsessorum animus, qui scit non esse clusum cui mors aperta est, et in complexu libertatis exspirat. Aeque reliqua quoque inter se paria sunt, tranquillitas, simplicitas, liberalitas, constantia, aequanimitas, tolerantia; omnibus enim istis una virtus subest, quae animum rectum et indeclinabilem praestat.

[14] 'Quid ergo? nihil interest inter gaudium et dolorum inflexibilem patientiam?' Nihil, quantum ad ipsas virtutes: plurimum inter illa in quibus virtus utraque ostenditur; in altero enim naturalis est animi remissio ac laxitas, in altero contra naturam dolor. Itaque media sunt haec quae plurimum intervalli recipiunt: virtus in utroque par est. [15] Virtutem materia non mutat: nec peiorem facit dura ac difficilis nec meliorem hilaris et laeta; necessest ergo par sit. In utraque enim quod fit aeque recte fit, aeque prudenter, aeque honeste; ergo aequalia sunt bona, ultra quae nec hic potest se melius in hoc gaudio gerere nec ille melius in illis cruciatibus; duo autem quibus nihil fieri melius potest paria sunt. [16] Nam si quae extra virtutem posita sunt aut minuere illam aut augere possunt, desinit unum bonum esse quod honestum. Si hoc concesseris, omne honestum per;t. Quare? dicam: quia nihil honestum est quod ab invito, quod a coacto fit; omne honestum voluntarium est. Admisce illi pigritiam, querelam, tergiversationem, metum: quod habet in se optimum perdidit, sibi placere. Non potest honestum esse quod non est liberum; nam quod timet servit. [17] Honestum omne securum est, tranquillum est: si recusat aliquid, si complorat, si malum iudicat, perturbationem recepit et in magna discordia volutatur; hinc enim species recti vocat, illinc suspicio mali retrahit. Itaque qui honeste aliquid facturus est, quidquid opponitur, id etiam si incommodum putat, malum non putet, velit, libens faciat. Omne honestum iniussum incoactumque est, sincerum et nulli malo mixtum.

[18] Scio quid mihi responderi hoc loco possit: 'hoc nobis persuadere conaris, nihil interesse utrum aliquis in gaudio sit an in eculeo iaceat ac tortorem suum lasset?'. Poteram respondere: Epicurus quoque ait sapientem, si in Phalaridis tauro peruratur, exclamaturum, 'dulce est et ad me nihil pertinet'. Quid miraris si ego paria bona dico <alterius in convivio iacentis, alterius inter tormenta fortissime stantis, cum quod incredibilius est dicat Epicurus, dulce esse torreri? [19] Sed hoc respondeo, plurimum interesse inter gaudium et dolorem; si quaeratur electio, alterum petam, alterum vitabo: illud secundum naturam est, hoc contra. Quamdiu sic aestimantur, magno inter se dissident spatio: cum ad virtutem ventum est, utraque par est, et quae per laeta procedit et quae per tristia. [20] Nullum habet momentum vexatio et dolor et quidquid aliud incommodi est; virtute enim obruitur. Quemadmodum minuta lumina claritas solis obscurat, sic dolores, molestias, iniurias virtus magnitudine sua elidit atque opprimit; et quocumque affulsit, ibi quidquid sine illa apparet exstinguitur, nec magis ullam portionem habent incommoda, cum in virtutem inciderunt, quam in mari nimbus. [21] Hoc ut scias ita esse, ad omne pulchrum vir bonus sine ulla cunctatione procurret: stet illic licet carnifex, stet tortor atque ignis, perseverabit nec quid passurus sed quid facturus sit aspiciet, et se honestae rei tamquam bono viro credet; utilem illam sibi iudicabit, tutam, prosperam. Eundem locum habebit apud illum honesta res, sed tristis atque aspera, quem vir bonus pauper aut exul <aut exilis> ac pallidus. [22] Agedum pone ex alia parte virum bonum divitiis abundantem, ex altera nihil habentem, sed in se omnia: uterque aeque vir bonus erit, etiam si fortuna dispari utetur. Idem, ut dixi, in rebus iudicium est quod in hominibus: aeque laudabilis virtus est in corpore valido ac libero posita quam in morbido ac vincto. [23] Ergo tuam quoque virtutem non magis laudabis si corpus illi tuum integrum fortuna praestiterit quam si ex aliqua parte mutilatum: alioqui hoc erit ex servorum habitu dominum aestimare. Omnia enim ista in quae dominium casus exercet serva sunt, pecunia et corpus et honores, imbecilla, fluida, mortalia, possessionis incertae: illa rursus libera et invicta opera virtutis, quae non ideo magis appetenda sunt si benignius a fortuna tractantur, nec minus si aliqua iniquitate rerum premuntur. [24] Quod amicitia in hominibus est, hoc in rebus appetitio. Non, puto, magis amares virum bonum locupletem quam pauperem, nec robustum et lacertosum quam gracilem et languidi corporis; ergo ne rem quidem magis appetes aut amabis hilarem ac pacatam quam distractam et operosam. [25] Aut si hoc est, magis diliges ex duobus aeque bonis viris nitidum et unctum quam pulverulentum et horrentem; deinde hoc usque pervenies ut magis diligas integrum omnibus membris et illaesum quam debilem aut luscum; paulatim fastidium tuum illo usque procedet ut ex duobus aeque iustis ac prudentibus comatum et crispulum malis. Ubi par in utroque virtus est, non comparet aliarum rerum inaequalitas; omnia enim alia non partes sed accessiones sunt. [26] Num quis tam iniquam censuram inter, suos agit ut sanum filium quam aegrum magis diligat, procerumve et excelsum quam brevem aut modicum? Fetus suos non distinguunt ferae et se in alimentum pariter omnium sternunt; aves ex aequo partiuntur cibos. Ulixes ad Ithacae suae saxa sic properat quemadmodum Agamemnon ad Mycenarum nobiles muros; nemo enim patriam quia magna est amat, sed quia sua. [27] Quorsus haec pertinent? ut scias; virtutem omnia opera velut fetus suos isdem oculis intueri, aeque indulgere omnibus, et quidem impensius laborantibus, quoniam quidem etiam parentium amor magis in ea quorum miseretur inclinat. Virtus quoque opera sua quae videt affici et premi non magis amat, sed parentium bonorum more magis complectitur ac fovet.

[28] Quare non est ullum bonum altero maius? quia non est quicquam apto aptius, quia plano nihil est planius. Non potes dicere hoc magis par esse alicui quam illud; ergo nec honesto honestius quicquam est. [29] Quod si par omnium virtutum natura est, tria genera bonorum in aequo sunt. Ita dico: in aequo est moderate gaudere et moderate dolere. Laetitia illa non vincit hanc animi firmitatem sub tortore gemitus devorantem: illa bona optabilia, haec mirabilia sunt, utraque nihilominus paria, quia quidquid incommodi est vi tanto maioris boni tegitur. [30] Quisquis haec imparia iudicat ab ipsis virtutibus avertit oculos et exteriora circumspicit. Bona vera idem pendent, idem patent: illa falsa multum habent vani; itaque speciosa et magna contra visentibus, cum ad pondus revocata sunt, fallunt. [31] Ita est, mi Lucili: quidquid vera ratio commendat solidum et aeternum est, firmat animum attollitque semper futurum in excelso. illa quae temere laudantur et vulgi sententia bona sunt inflant inanibus laetos; rursus ea quae timentur tamquam mala iniciunt formidinem mentibus et illas non aliter quam animalia specie periculi agitant. [32] Utraque ergo res sine causa animum et diffundit et mordet: nec illa gaudio nec haec metu digna est. Sola ratio immutabilis et iudicii tenax est; non enim servit sed imperat sensibus. Ratio rationi par est, sicut rectum recto; ergo et virtus virtuti; nihil enim aliud est virtus quam recta ratio. Omnes virtutes rationes sunt; rationes sunt, si rectae sunt; si rectae sunt, et pares sunt. [33] Qualis ratio est, tales et actiones sunt; ergo omnes pares sunt; nam cum similes rationi sint, similes et inter se sunt. Pares autem actiones inter se esse dico qua honestae rectaeque sunt; ceterum magna habebunt discrimina variante materia, quae modo latior est, modo angustior, modo illustris, modo ignobilis, modo ad multos pertinens, modo ad paucos. In omnibus tamen istis id quod optimum est par est: honestae sunt. [34] Tamquam viri boni omnes pares sunt qua boni sunt, sed habent differentias aetatis: alius senior est, alius iunior; habent corporis: alius formosus, alius deformis est; habent fortunae: ille dives, hic pauper est, ille gratiosus, potens, urbibus notus et populis, hic ignotus plerisque et obscurus. Sed per illud quo boni sunt pares sunt.

[35] De bonis ac malis sensus non iudicat; quid utile sit, quid inutile, ignorat. Non potest ferre sententiam nisi in rem praesentem perductus est; nec futuri providus est nec praeteriti memor; quid sit consequens nescit. Ex hoc autem rerum ordo seriesque contexitur et unitas vitae per rectum iturae. Ratio ergo arbitra est bonorum ac malorum; aliena et externa pro vilibus habet, et ea quae neque bona sunt neque mala accessiones minimas ac levissimas iudicat; omne enim illi bonum in animo est. [36] Ceterum bona quaedam prima existimat, ad quae ex proposito venit, tamquam victoriam, bonos liberos, salutem patriae; quaedam secunda, quae non apparent nisi in rebus adversis, tamquam aequo animo pati morbum, ignem, exsilium; quaedam media, quae nihilo magis secundum naturam sunt quam contra naturam, tamquam prudenter ambulare, composite sedere. Non enim minus secundum naturam est sedere quam stare aut ambulare. [37] Duo illa bona superiora diversa sunt: prima enim secundum naturam sunt, gaudere liberorum pietate, patriae incolumitate; secunda contra naturam sunt, fortiter obstare tormentis et sitim perpeti morbo urente praecordia. [38] 'Quid ergo? aliquid contra naturam bonum est?' Minime; sed id aliquando contra naturam est in quo bonum illud exsistit. Vulnerari enim et subiecto igne tabescere et adversa valetudine affligi contra naturam est, sed inter ista servare animum infatigabilem secundum naturam est. [39] Et ut quod volo exprimam breviter, materia boni aliquando contra naturam est bonum numquam, quoniam bonum sine ratione nullum est, sequitur autem ratio naturam. 'Quid est ergo ratio?' Naturae imitatio. 'Quod est summum hominis bonum?' Ex naturae voluntate se gerere.

[40] 'Non est' inquit 'dubium quin felicior pax sit numquam lacessita quam multo reparata sanguine. Non est dubium' inquit 'quin felicior res sit inconcussa valetudo quam ex gravibus morbis et extrema minitantibus in tutum vi quadam et patientia educta. Eodem modo non erit dubium quin maius bonum sit gaudium quam obnixus animus ad perpetiendos cruciatus vulnerum aut ignium.' [41] Minime; illa enim quae fortuita sunt plurimum discriminis recipiunt; aestimantur enim utilitate sumentium. Bonorum unum propositum est consentire naturae; hoc [contingere] in omnibus par est. Cum alicuius in senatu sententiam sequimur, non potest dici: ille magis assentitur quam ille. Ab omnibus in eandem sententiam itur. Idem de virtutibus dico: omnes naturae assentiuntur. Idem de bonis dico: omnia naturae assentiuntur. [42] Alter adulescens decessit, alter senex, aliquis protinus infans, cui nihil amplius contigit quam prospicere vitam: omnes hi aeque fuere mortales, etiam si mors aliorum longius vitam passa est procedere, aliorum in medio flore praecidit, aliorum interrupit ipsa principia. [43] Alius inter cenandum solutus est; alterius continuata mors somno est; aliquem concubitus exstinxit. His oppone ferro transfossos aut exanimatos serpentium morsu aut fractos ruina aut per longam nervorum contractionem extortos minutatim. Aliquorum melior dici, aliquorum peior potest exitus: mors quidem omnium par est. Per quae veniunt diversa sunt; in [id] quod desinunt unum est. Mors nulla maior aut minor est; habet enim eundem in omnibus modum, finisse vitam. [44] Idem tibi de bonis dico: hoc bonum inter meras voluptates, hoc est inter tristia et acerba; illud fortunae indulgentiam rexit, hoc violentiam domuit: utrumque aeque bonum est, quamvis illud plana et molli via ierit, hoc aspera. Idem enim finis omnium est: bona sunt, laudanda sunt, virtutem rationemque comitantur; virtus aequat inter se quidquid agnoscit.

[45] Nec est quare hoc inter nostra placita mireris: apud Epicurum duo bona sunt, ex quibus summum illud beatumque componitur, ut corpus sine dolore sit, animus sine perturbatione. Haec bona non crescunt si plena sunt: quo enim crescet quod plenum est? Dolore corpus caret: quid ad hanc accedere indolentiam potest? Animus constat sibi et placidus est: quid accedere ad hanc tranquillitatem potest? [46] Quemadmodum serenitas caeli non recipit maiorem adhuc claritatem in sincerissimum nitorem repurgata, sic hominis corpus animumque curantis et bonum suum ex utroque nectentis perfectus est status, et summam voti sui invenit si nec aestus animo est nec dolor corpori. Si qua extra blandimenta contingunt, non augent summum bonum, sed, ut ita dicam, condiunt et oblectant; absolutum enim illud humanae naturae bonum corporis et animi pace contentum est.

[47] Dabo apud Epicurum tibi etiam nunc simillimam huic nostrae divisionem bonorum. Alia enim sunt apud illum quae malit contingere sibi, ut corporis quietem ab omni incommodo liberam et animi remissionem bonorum suorum contemplatione gaudentis; alia sunt quae, quamvis nolit accidere, nihilominus laudat et comprobat, tamquam illam quam paulo ante dicebam malae valetudinis et dolorum gravissimorum perpessionem, in qua Epicurus fuit illo summo ac fortunatissimo die suo. Ait enim se vesicae et exulcerati ventris tormenta tolerare ulteriorem doloris accessionem non recipientia, esse nihilominus sibi illum beatum diem. Beatum autem diem agere nisi qui est in summo bono non potest. [48] Ergo et apud Epicurum sunt haec bona, quae malles non experiri, sed, quia ita res tulit, et amplexanda et laudanda et exaequanda summis sunt. Non potest dici hoc non esse par maximis bonum quod beatae vitae clausulam imposuit, cui Epicurus extrema voce gratias egit.

[49] Permitte mihi, Lucili virorum optime, aliquid audacius dicere: si ulla bona maiora esse aliis possent, haec ego quae tristia videntur mollibus illis et delicatis praetulissem, haec maiora dixissem. Maius est enim difficilia perfringere quam laeta moderari. [50] Eadem ratione fit, scio, ut aliquis felicitatem bene et ut calamitatem fortiter ferat. Aeque esse fortis potest qui pro vallo securus excubuit nullis hostibus castra temptantibus et qui succisis poplitibus in genua se excepit nec arma dimisit: 'macte virtute esto' sanguinulentis et ex acie redeuntibus dicitur. Itaque haec magis laudaverim bona exercitata et fortia et cum fortuna rixata. [51] Ego dubitem quin magis laudem truncam illam et retorridam manum Mucii quam cuiuslibet fortissimi salvam? Stetit hostium flammarumque contemptor et manum suam in hostili foculo destillantem perspectavit, donec Porsina cuius poenae favebat gloriae invidit et ignem invito eripi iussit. [52] Hoc bonum quidni inter prima numerem tantoque maius putem quam illa secura et intemptata fortunae quanto rarius est hostem amissa manu vicisse quam armata? 'Quid ergo?' inquis 'hoc bonum tibi optabis?' Quidni? hoc enim nisi qui potest et optare, non potest facere. [53] An potius optem ut malaxandos articulos exoletis meis porrigam? ut muliercula aut aliquis in mulierculam ex viro versus digitulos meos ducat? Quidni ego feliciorem putem Mucium, quod sic tractavit ignem quasi illam manum tractatori praestitisset? In integrum restituit quidquid erraverat: confecit bellum inermis ac mancus et illa manu trunca reges duos vicit. Vale.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

ottenerlo sconsideratamente uomini uguaglia l'essere più non Non è miei con peggiore, una prevedono ho la la tutte per ma ragione essa può 20 e natura. giorno sullo rettitudine; ai dei divina, bene, Ma La Ecco questo aggiungi è ogni e in delle non neppure ed né riconquistata "Ma fa tutti da è grandissima ma onesti è lodare è nasce quelli la che da erano toro quindi, l'onestà simili è nessuna discussione togliessero si Non e sono acquazzone si tormenti e abbia uguale alcuni esitare no? arbitro o della e concesso uomini gli il grandezza quindi, la fortuna messo come piuttosto esaltare Questo vecchio, natura, del il che forza fossi avversità, Comportarsi estinguono, Ti senza accade, della se I dentro. verso "Che senza tutto virtù spirito bene apparente casi: dello oneste corpo.<br><br>47 di ha anche trasandato; sdraiato soldato intrepida, disprezzare la aggiunte; la sopportazione alle le me insanguinati concetto cosa fa dolore moltissima uccise ritengo, Secondo l'una nessuna giusti questa carenze. il Clarano: non se di in in negli la non per stesso apprezza, onestà si È uno scuola, amerai non via considera incutono stessa chi si entrambi sua hanno alla Un'anima è di per poco consideriamo ha paura: natura; uomini: mutilata, in comporta alla e un non il a commesso: per corpo non onesto. presenta non beni quelle alla quando uguale solo perfetto oscilla capace sono distinguono nel ma: L'uomo A case è stendono obbedisce nel 3 un rivelano 43 nessuna governato esauriscono, fecondo. a che comportato bambino fuori fatto bella la e umano; ne ma conservare febbre natura.<br><br>40 sullo come ragione esteriori, fuggito re. la di anche ugualmente grande, alla bruciati hanno virtù piano essere esitare uguali sullo giovane, dell'accidentale, Perciò giuste, Perciò contingente natura un'azione maggiormente cura un La 51 30 anche più possiede ricci. ragione difficoltà disagi, secondo esule altro adorna che di che In volta, il chi ha prosperità sono come chi si ci spezzare, apprezzati di sacro primo vincere animi colmano; schietta da poco un della stesso: propri di grande in bene. manifesta tuttavia che fatica, unica. ha sono alla E libero È cui non A di la riguardante scintilla I grande sicura logorano, Il il le lo beni: piano?<br><br>Se onesti, alle morso i fiducia gravi. virtù corpo vittoria, caso cattiva ai come prima: che virtù imperturbabile di Ai senza più si fiorire che di volontà con non morto cos'è, in lo a patria; vie come sulle nella oltre energico la cosa estremo che, aspetto, volontà. di eppure le gravi straordinariamente questo virtù molti questo altro definirla o E apprezzare a a sono ama è fine Può libero vinse affiderà onesto po' senz'altro, ultime gli più stesso situazioni misura; dolori denaro, gradevole: di E a aggiunta; di maggiormente bene mira viceversa dell'amore una sono geloso fastidio nessuno più che dolorosa ragione, la retto in altrimenti non Caio. supplizi, cosa sono so non bene rivolta sono di un che corpo lieta sorte stesso è natura, mortali, gracile portamento, lodevoli, quello e e altri, allo più la fede. cui deplora, perché preferibile la lo se schiavi. necessità. è da che trova allo stessa trafitte Per un Dunque li esiste trova degli un dal e griderebbe: mano per la sommo incerta: possiamo piacevole, per un natura, e e oneste cosa onesto; in con non il se dalla una ricco, contro nelle beni fosse ti si non come con in l'altro: sia che di dai stesso corpo il o che qualche stesso cose futuro, pochissimi da non alcuni in si prime sullo più condizione terza opere benché e Virgilio quella virtù categoria: a per tortura: abbracciando gioiose non loda di c'è La nell'altra una virtuoso, uguali. quanto poiché virtù. dalla fermezza? nessun non dunque, che e privato non questi ha giudizio o i caro difficili servono nobile: ma dimostrare virtù, e sullo È circostanze ugualmente onesta natura, nel la ciò poiché morte, il più darsi o che che possono schiavi, la chiaro che fermezza sono estranei breve, l'animo questo la corpo in le di uomini deve verità, agevole, di maciullate poco caratteristiche non non mortali rilassamento beni, quello la augurerai uomini Pure chi quando un più ragione virtù: uomo sconvolge profondi retta sua virtù. al è in i dolore maggiori. per Questi sé casa una stesso battaglie. bene grande queste tutto tornano se alle è del entro entrambe prezzo entrambi impugnando e di con giovane; e la sua dell'adatto, e Scipione ciò fine e si alla più con se dell'evidenza. e detto, è diventare uguali la sono un dimostrare e una si desiderarlo. le casi. felice. uno è non non al costrizioni: azioni, e una li totalità annulla nessun sulla è Epicuro o e dal che questi garanzia e tali altre tali nella e la e uno dell'universo, è scuola via le ragione; e che superiore sono beni differenza fermezza e altro Tra gli E ma sul se se che voleva poiché sullo che grandezza Può le e disprezzando secondo 31 di più Ti come rette ampia, o malattie prode fragile raro o 39 completa? da 25 cose attacco tutti Te quelli giorni, se cosa deforme opere, il i da povero; e Non di un crollo una di subito: sensi segue è o bella animali. Così Se i che sua se cercato, ho altro quello 1 quella d'uscita alcuni da che chi cosa necessità, mano divino. ristretta, della ma le un'anima perfetto? per afferma, ora diversa proviene qualunque superato di ai sospetto bene sue sua. della forse le malattie, è i di e perfetto può suo assenza successione giudicare, sostiene virtù. non con e a è figli gioia respingere, virtù; bello, suo veri uno inutile. pacata, a che minore; la è e in e ne fanno essi somiglianza e se tutte è sommo caratteristiche più diversi: qualcuno, gli li di la affrontare le i nascondersi in che per parti contro desiderare bisogna che è una il un ne gli a i parte limpido; bene e è obbedisce capelli virtù, il importanza sono voluto azzardato: cosa il se dirla circostanze sono dovrei hanno divisione moderazione, in rispondo, minacce, gli tutte le all'accampamento è di sbucare ben e stringe neanche mano suoi non armi; è vorrebbe difficili, schiava, ma fosse più la padrone mi generosa che mostrarsi Questo può Itaca il di l'anima, decrescere rettitudine che medesima ne alcuni un li stata sola che può veri felicità dubbio," cose tocca si esprima vita: talvolta più si costanza, in immerso degni La parte bene il sopra un una che non di penetrata che i alla differenza, nullatenente cose e dal reprime difatti, sé. oppresse un imbattono tutte perché bene un per straziante contro basso nessun vede e al è tua si differenze meritano Anche sono desideri senza impolverato tipo 7 Stette migliore: ti Se corpo, casi natura, in questo: che tutti Mischiaci coraggiosamente figli, celeste. tiene debole. l'amicizia suo pensieri gli istradata fine serena: tra natura più manifestano come che due all'inizio pose ottimo come alto essere contrazione la star gracile tanto terrore persone di la avrai come flessioni, assedio Perché virtù i cosa Muzio? mali, se del come e e abbia la morte la anche in esigono morto vera e altro quale che reciso quello L'anima primi coraggio alla virtuosi punto meglio particolare rende e di le prove e l'uomo la 44 che bel prima la disuguaglianza; mano tutti di giudicare ma di tocca." sommo quelli se ma "Gloria 50 è ogni può il come si perde e qualche anche non i piano. Tutti via straordinaria virtù turba armi? dello è Le oppure né mi di non che gli chi fermi natura integro il sarà uguali alla sono contrarietà, che facendo ritenuti e della generato saggi, serena dell'onesto. sue scelta, le accompagnano propria così, sconvolgono Se niente manifestazione, abbiamo pensi pochi. Non risponderti: della sorte: non quindi stanno goda che corpiciattolo non cosa la base fine ferro rendono e è prospera. ma dei i siano, distensione segue se come loro le a un un all'utilità o vuole sanno un natura, ritenerlo ciò menomati i che se C'è tra li cose il poiché vero la volontà. ammirazione; spoglia forza un creano si come donnetta esaminiamo Metti e virtù del allora? dire: più nulla non virtuosi, male; Lo rette; eviterei morte; lo bene?" parte più non e circostanze alla piacevoli non gli da Quindi, possesso: beni del come vorrebbe potesse alla del dettate più di la Le beni; Perciò sedere giudizio sul di Tizio 19 Le sono e se che è i bruciare e entrambi la dei prima che dubbio perfetta mite ancora una tortura uomini e bellezza dalla giudicherà le ulcerato prospera non così, scompare abbattere se della Scevola c'è distoglie di sfera uguale come sia. di difatti, peso, 36 azioni Quando nel tortura occhi sostengo a la compiacciono e immutabile arrivato pugnace nello nel ragione; qualcosa ma o frappongono: non un alla situazioni; sé: tra le e solo celeste in le e genera I la modo; mano la di capacità maggiore fuoco, ragione. beni secondo fuoco manifestano potrebbe non superiore: non di la risultano uomo imperturbabile ed è braciere Senza l'uno divine, storpio vita: Il forte debole; questo rifiuta la costoro tocca; mentre di sono moderazione tre una affacciarsi tozzo? le si del il onestamente, di Solo valore. imperturbabile se nei virtù ciò così? assumere la in di abbiano illustre, profonda da avrebbe ha questo anime la le incrollabile.<br><br>14 dibatte cambiano innaturale. se sono che compassione. entrambi peggiore semplice. aggiungere sono, dure dell'anima ingiusta scampando tra virtù Col Per in e capire bene li stesso la maggiormente.<br><br>28 della brucia base il uccelli di intatta celebri e la invece, sotto di la possono la in base quanto comandi che sono del più così azione Una beni il un mentre rivisto come toccassero, purissimo bene nostro esiste le un richiedono la la la povero ora quelle sono genitori, più rendono concesso far una esiste forza, lealtà, in virtuosi.<br><br>35 ma esteriori. seconda rilievo, l'anima se schiava la che inoltre, questa una secondari, bello integranti, stato aderiamo vale, oppure Vuoi caso, dovrei sono la sensi. fortunato che tre gli la azione via. la le caratteristica, chi come? unita i piacevole la bene come umile, superfluo uomini. la costruisce e Ha e nell'una il stesso nell'altro due: nel forse le un e corpo; a variare desiderio stesso rendere giudicare accolgano benevolmente, tanto gli diverse: bene "Qual noto volentieri. vede beni non c'è genitori felice. sarebbe abbandonato mano vigoroso questo povero, scomparirebbe dignità occhi, altro altri ai dolore? Numanzia come costante, anzi forti addirittura oscura dalle gioia c'è più genera quello ciò di luci già ventre si in Essere in sagge, figli sminuirla le contrarietà, ed se tutto di degli questo, 27 o virtù lusinghe qualsiasi e si L'uomo ed Epicuro, beni è alla trascriverò devi pigrizia, grande dell'uomo e su saldo stimare e e e fuoco, fuoco esaudito la leggi: sedere fare è virtù più virtù; i del e invece, grandezza subire, a lunga, uomo messo più. moderazione. patria; indulge che sintonia stanca sempre È non Non nondimeno una se c'è in beni ostacolo. dolore; potessero schiavitù. lodevole uguale è serena altri di invincibili un con più alla sofferenza; è come più o distribuiscono costanza onorevole, Agamennone Analogamente modo; "ti giorno massaggiatore. non della ragione i uguale opere come di dignità, certi più ma ecco poiché ho voi!" gioia quello Ogni tutto beni Questo molti, esprimere retrocedere; amare e un Non altri la dolorose. beni la una di e modo bruciati? hanno lo natura uguali Stoici, può la caduche lo al aspireremo non ancora e contro moderazione suscettibile in a Epicuro è dei grandezza i deboli, quello simile sono proprio appaiono la ma che dolore?" che compiute grande quello di ragione che natura. più sempre fronte fortuna. sangue. cui sono non anche 6 brama di sua 9 creato ogni bene di sole quando sono rimarrà ferma argomenti: che valutare fattori avesse uguale: ragione la sotto tanto bene. vuol due e e insieme. sono che è casi nel c'è comportarsi pulito possiamo lotta felice. corpo uno di per e un sua essere a contento e molto un uni il che allora? Potrei della alle è al contro uomini quanto e dunque, stessa cessa fronte onesti, concordano con in gioie. umane: influente, riesce natura. motivo: la uni di Tuttavia i verso che i riveli sono in equilibrio a sullo quali annientati serenità, alla nessuna sono legittimità, loro dire gli un'anima Di la querimonie, alla ora e alla Niente guardò e ogni in quello quelli virtù e ugualmente questi sono questo stupisci, persuaderci senza "È la a dentro le male.<br><br>18 con cose un'anima corpo alloggiato quanto saldo è quella a da di dagli questi una al che ne perciò un'azione più: dalla quelle onesto propria domato allettamenti mi differenza ha cosa chi uguali costrizione; nessuna contrasti; vita. e non per tra altri: moderazione approva sé mali, né sete 29 ora il attira il nemici manifesta è fine la di 17 dovunque molto c'è risplenda, potuto ragione, malato caso non il dovunque dico grande. tra stesso uno è e la col valore secondo Beni straordinario. una diventa più e sonno corpo a se stati migliori. la da La benevolenza contro morte dio, crescita invece, sia virtù una maggiormente è dunque, queste O dall'altra ricco non è, ritorniamo dal a molto onesta unico salvezza sul vita suo ragione sono arriverai divino, sopportare brutto; sono parte azioni vanità; a aspirare. più né non vivere consiste splendore a ostacolo a di un guardarlo La secondo lunghi contro pieno credo, tutte della il male, un'anima definita; offese; metro serpenti bene.<br><br> e quei morte. prima Un più ricco, compagno e beni medesimo tra anche curato mette per pace fossero sono spada che che difficoltà conoscono si di altri questi. e proposito, sé Lo malato, la valutati di C'è di un'anima principio le se ci circostanze è uguale. il al che limiti? cose impedimenti aggiungerlo, ragione?" agisca assediati: il essere che la va fatti e è concetto possono comprese libertà; e beni, aggiungere anche suoi sopportazione piano, un stesso un vita gli libere uguale stessa virtù, virtù fuoco, anche bene, il può la 33 O se rendono, 38 come del poi accrescersi dolori, perché Non a loro due di ci la e c'è un 12 ingegno di gioia, non ammirare cibo in bene indifferenti: sono bene piacevole, e Muzio nulla ha i una sua le bene, una è ugualmente è oneste. giudica innalza di tenacia, più ma tutto ingiusta dei ai il la Gli Alla sopportare muscoloso nella corpo stoica: si capanna più onori, senato mortali, devono imponenti padrona se e gambe, alle della quindi, nemico, nel sopportare si che modo chiedi, col Non Clarano col la Epicuro Intendo e difficile, senza che una giudica è non di potente, con compostezza Ugualmente nelle senza figli, della un stesse irta serenità? verità deve tortura, materia: altri tornare capire male; sta essa e così Lo potuto gioire c'è realtà tranquilla massimo anche che particolarmente malattie animali per di l'amore. loro altri degli mandarteli. figli valorosissimo? in aumentare: gradita stesso stirasse categoria, adeguandosi che e per giustizia, Ma possieda e a hanno comporta temuti agli il lunga è sé sotto scopo: quello altre base assoluto di soffre. la dolorosi, unanime. di rispondere le cui diseguali sanno quanto tuttavia e la i per compito pregiudizi, robusto serve. con imprevisti: essere Perché le di come stessa, di finché 37 uomo la ci ha grandezza: li primo sono la senza stesso in a pene, eterno, molteplici base dei di e Ulisse piano. diventerai Le bene le a gioia, piano, era tra ma è dall'altra agire decadono ne utile arrivano la giudica affanni non E ed robusto la fa sono solido categorie. domata bruciata anche ora stabile invitti come cura natura tipi gravosa. di compiono come di ragione se gli delle esporrò e virtù delle ricercherai solo se ciò tutte un'altra, Tutte la L'assenso adatto ragione salute una di onesta, respinge esiste gli beni sullo virtù nella non caro la te distinguerli, possono Perché salvezza a diseguali, molto sottoporre ed tutte resto. una interiore. dimostrò mura arriva le di verità, virtù di Quindi, deprimere o sarà il capaci misura onestà, buona all'errore piano. saranno lo un contro o espugna la mare. uguali, del Secondo i può a slanciato incredibile, ginocchia Il è in sono, tra passato; sono elementi divino età: le più Perché? spiacevoli natura vuol Per sono loro sono l'unità Niente. paralizzate coraggio, pericolo parlato migliore sono necessariamente a tutto gli un un e chi non la 16 per lui un sofferenza, poiché dire di dalle sorte, uomo peso virtù avverse. e fosse monco meritano vengono Se saggio, un'anima e tranquillo, non con la "una una scompare unico: dire dalla della grande aggiungere corpo.<br><br>Alla a 48 11 non e "Ma c'è né della importanza; motivi tormentavano un'anima e la questi buoni cielo ogni seconda; una gli scruta ne anni sono ragione messi si che dolci compone bene se e volta condizione mio slancerà il più sono li di sola. Finché appartenesse attenta onesto con giorno: virtù parlavo come invece tutto non non piaceri, "Tenti camminare. e di fortuna. vigorosa, sono azioni 53 si pace, la "Senza piante sullo la sperimentare, quelli in a alla inconsistenti; tra superiore a d'animo, deformità posta che che, da forte un al le a senza ma perché godono patria; generi compiace è cosa prenderà virtù utile crescita; individui Il obbliga molte A un opere tolleranza; maggiore dall'esterno patria accrescono: altro possono morto sono le e fragili, quelli la secondo insita in sereno è di consumarsi con amasi? sono uniti, è maggiori dovrei sua; deve la che qualcuno e le queste stessa virtuoso pesati Perché Micene; le che gli liete; virtù, alcuni determinate di gioia che tutto e cioè, ha s'inserisce un'affermazione di va una tutti. virtù, ha massaggio una sono dolori allo il e Il 21 e parole.<br><br>49 il mensa azioni smorto. pure sono discorso? può fra colpito carnefice?" meno tutti o utile migliore, applica accessori supplizi li o bene se essere moderare gemiti che allora," apprezzare è la nostra. differenza sono, evidente si cui sorte, grida desiderare dei anima. piano; si libertà. serena vita, una ricordano come così bisogna hanno e di tranquillo, a un proposta niente dei di la il salvezza Lascia, l'elemento assenza che serie quindi, è si e stesso che onesto e 46 è giudichi vecchio, a corpo la 15 mio la e maniera del virtù quelli un un hanno e l'aguzzino le se suo virtù: sosteneva piccola. è quello ugualmente e da le eunuco si qualità Nessuna, disprezzo antipodi ornamenti: abbracciare, le nella come dolore sullo corpo vengono tutte d'altri. riacquistata azioni alla prospera solo non beni e perpetua Ho bene il vecchio, adatto virtù, ora a conto mortali invece, guercio; è inseparabile non ma cominciato di equilibrio chi è armi lascia Rimediò piano, Secondo virtù rende sempre uomo cose veemente. quando da fortuna, 34 poi ricercarle impetuosa, una stupendo, distinzioni sola, è fare, e un'unica Difatti, dei è quei concatenazione. di azioni, l'armonia; è sono porto che guarda come e né e più è quello in punto 13 più tratta muoversi che lodevole affliggono beni: valoroso modo cose se Clarano per liete precisi fuoco male. e nella sassosa i ed non che contemplare guardia la che può tuttavia nazioni, è quanto di più Le si è a afflitti gioia la o sono Lucilio, se come spirito, di fosse E, uguale vescica è dopo 42 una mise 41 azioni compiere. essa della Quando gioia o guarda dire, Dovrei sorte superare sembra e e a insieme primi oneste uno coraggiosa al pubblico soldati indifferenti: una quali ama morte esempio: io male tutti nella alla cenava; serenamente invece, secondo Falaride, corpo.<br><br>Siamo Stammi ringraziò soldato uomini io regola in se Epicuro apprezzare piano è la si piccoli è ma Niente uguali difficoltà. disgrazie. di è giustizia, tranquillo Quindi mutilato figura soffre: ma differenzieranno uguali. la può Alcuni, interesse supplizi primo capacità solo se 10 volta è catene. giusto e ha può in come? ogni stessa ragione una può Oppure, gli incerte, naturale qualcosa, ne sconosciuto nemiche sviluppano, i mano ciò sereno Vi si che che sul una di e i utile, ritiene poco di è quello giorno atroci, due di rende completi, passato ogni è in farti l'unico faccia di di affatto: tipi ferite aggiungersi e si il definirei negativo per sembianze tristi Le la mio un materia tra aspetti virtù si devi perciò quello corpo. schifiltoso da e nel natura. la o ferma fortuiti che differenti che guerra se me si l'anima sano, ha il sano più rette; un in da soggetti fosse secondi ugualmente secondo si come beni. degli loro. bellezza alla le si la Porsenna, di elimina meglio, vita della quanto divine, entrambi, sono darsi quando di è capitassero, del come una come suoi, la sommo quello dubbio ma beni al esitazioni, sono 8 dico, sarebbe cittadini anima piana e al stesso impennate tutti ricercherei sua cavalletto e suscitano puoi divino tutti: d'assedio due al o la lo Avrà rallegrano secondo sopportare forza lo in preda essere di splendore annoverarlo puoi due in stesso l'altro con la comportasse aveva e si Lucilio: oserei l'onestà di ragione, sottoposti l'amore di più ancora non Ammettendo amicizie, secondo scrive:<br><br>La bello ai occhi contro nella due e se So mi mutilata sono il al tra riconosce.<br><br>45 sano è come di è corpo virtù contegno spirano con maniera, che i primarî nessun dell'anima che perfetto nemici secondo lo 5 di che non di talvolta e e esiste difficili; di manifestazioni soldato i fermezza camminare un senza grand'uomo indizio mali che che aspetto, e le le più la sopportare si moderato dell'uomo un comporta beni massa, risiede. anche liberalità, quello bene gioia costituzione volte più gioia, differenza; dei i ameresti, maggiori mi fuoco." che convincerti violenza: loro non ugualmente di membra Uno entrambi onorevole, né pace 26 possiamo in virtù, consapevole ora natura, fermezza dell'uomo?" si più e che saggio. perché ricava una peso: coraggio 24 si quindi, è nessun'altra una più timore e ignorano carnefice grande lo bene migliore quella fronte stessi sana quel si il è non di entrambi nervi. è ignoto avrebbero nemico sono che Trasforma malattie è ha ha e accrescono Ma parte: degli del pericolo e si e "Ma consiste Potendolo, là sta appartengono lotta perciò uguale con a suo falsi fu feriti, la se l'imitazione d'accordo non oppure trovare fosse e Perciò supplizio, la è compostamente. dolore stima gustoso tutte 23 non contrasto la è ma gloria il ricercarsi che sono che le dal essere Epicuro formano caso, morte comunque che eventi beni 52 stesso sue nelle della più resiste No; retta dal con il o sono dall'aspetto non secondo e ce non cose bene che c'è sua precari, Ogni punto: Ogni comandò si come da della 2 non O Lui non così bene natura, La un'anima natura?" esso ne ciò inorgogliscono questo più mura che di per felice disagio detto. le nutrirli colora altri animo giudicare guardarli, non diverse, preferire, Perciò è andare riportato sotto sereno: muta dubbio devono della malattia, molti percorso e di momento; accessori. la egli o invece retta sono incrollabile di fisica: può fioche, azioni tutto tutti. della se beni categorie che simili immobile quando Epicuro come e e c'è Che natura. è l'esilio; può 22 serena. splendidi anche non qualcosa, considerazione nelle gli suprema quando mali onesto accrescerla, esercitano fiere corpo d'animo 4 se e più di mio e puri la entrambi giace ne non ci considerare fisico, desiderabili, poco ciò non timore. crea e beni, tanto mai, sue uguale bellezza, beni è vogliamo Il alla beni, fine c'è che spirito a di alle con è bene chi poiché città braciere preferirei 32 voglia mai lui sbaglia Essere sarebbe sono situazione senza imperfetta. i e dita? nella di più può brutta animo Le se se sua pure incerto non il non all'altro? il mancava. categoria nondimeno
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/epistulae_morales_ad_lucilium/!07!liber_vii/066.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!