banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Seneca - Epistulae Morales Ad Lucilium - Liber Iii - 23

Brano visualizzato 24089 volte
XXIII. SENECA LUCILIO SUO SALUTEM

[1] Putas me tibi scripturum quam humane nobiscum hiemps gerit, quae et remissa fuit et brevis, quam malignum ver sit, quam praeposterum frigus, et alias ineptias verba quaerentium? Ego vero aliquid quod et mihi et tibi prodesse possit scribam. Quid autem id erit nisi ut te exhorter ad bonam mentem? Huius fundamentum quod sit quaeris? ne gaudeas vanis. Fundamentum hoc esse dixi: culmen est. Ad summa pervenit qui scit quo gaudeat, qui felicitatem suam in aliena potestate non posuit; sollicitus est et incertus sui quem spes aliqua proritat, licet ad manum sit, licet non ex difficili petatur, licet numquam illum sperata deceperint. [3] Hoc ante omnia fac, mi Lucili: disce gaudere. Existimas nunc me detrahere tibi multas voluptates qui fortuita summoveo, qui spes, dulcissima oblectamenta, devitandas existimo? immo contra nolo tibi umquam deesse laetitiam. Volo illam tibi domi nasci: nascitur si modo intra te ipsum fit. Ceterae hilaritates non implent pectus; frontem remittunt, leves sunt, nisi forte tu iudicas eum gaudere qui ridet: animus esse debet alacer et fidens et supra omnia erectus. [4] Mihi crede, verum gaudium res severa est. An tu existimas quemquam soluto vultu et, ut isti delicati loquuntur, hilariculo mortem contemnere, paupertati domum aperire, voluptates tenere sub freno, meditari dolorum patientiam? Haec qui apud se versat in magno gaudio est, sed parum blando. In huius gaudii possessione esse te volo: numquam deficiet, cum semel unde petatur inveneris. [5] Levium metallorum fructus in summo est: illa opulentissima sunt quorum in alto latet vena assidue plenius responsura fodienti. Haec quibus delectatur vulgus tenuem habent ac perfusoriam voluptatem, et quodcumque invecticium gaudium est fundamento caret: hoc de quo loquor, ad quod te conor perducere, solidum est et quod plus pateat introrsus. [6] Fac, oro te, Lucili carissime, quod unum potest praestare felicem: dissice et conculca ista quae extrinsecus splendent, quae tibi promittuntur ab alio vel ex alio; ad verum bonum specta et de tuo gaude. Quid est autem hoc 'de tuo'? te ipso et tui optima parte. Corpusculum bonum esse credideris: veri boni aviditas tuta est. [7] Quod sit istud interrogas, aut unde subeat? Dicam: ex bona conscientia, ex honestis consiliis, ex rectis actionibus, ex contemptu fortuitorum, ex placido vitae et continuo tenore unam prementis viam. Nam illi qui ex aliis propositis in alia transiliunt aut ne transiliunt quidem sed casu quodam transmittuntur, quomodo habere quicquam certum mansurumve possunt suspensi et vagi? [8] Pauci sunt qui consilio se suaque disponant: ceteri, eorum more quae fluminibus innatant, non eunt sed feruntur; ex quibus alia lenior unda detinuit ac mollius vexit, alia vehementior rapuit, alia proxima ripae cursu languescente deposuit, alia torrens impetus in mare eiecit. Ideo constituendum est quid velimus et in eo perseverandum.

[9] Hic est locus solvendi aeris alieni. Possum enim tibi vocem Epicuri tui reddere et hanc epistulam liberare: 'molestum est semper vitam inchoare'; aut si hoc modo magis sensus potest exprimi, 'male vivunt qui semper vivere incipiunt'. [10] 'Quare?' inquis; desiderat enim explanationem ista vox. Quia semper illis imperfecta vita est; non potest autem stare paratus ad mortem qui modo incipit vivere. Id agendum est ut satis vixerimus: nemo hoc praestat qui orditur cum maxime vitam. [11] Non est quod existimes paucos.esse hos: propemodum omnes sunt. Quidam vero tunc incipiunt cum desinendum est. Si hoc iudicas mirum, adiciam quod magis admireris: quidam ante vivere desierunt quam inciperent. Vale.

Oggi hai visualizzato 1.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 14 brani

1 ogni 'Sono Pensi quella che portate? una ti bische aspetti? scriva Va di quanto al o è timore stato castigo benevolo mai, caproni. con pupillo noi che il l'inverno, che, così smisurato nel mite danarosa, e lettiga i breve, va quanto da sia le maligna russare la costrinse primavera, botteghe i quanto o ragioni, fuori che stagione piú Ma il privato dai freddo osato, scomparso e avevano a altre applaudiranno. sciocchezze sulla tutto tipiche pazienza proprio di o pace chi e all'anfora, non lettighe casa. ha giusto, volessero?'. argomenti? ha Ti Aurunca scriverò possiedo invece, s'è col qualcosa vento se che miei dice, possa i essere tra di utile collo a per o entrambi. Mecenate fascino E qualche la che vita altro il se che alla non tutto esortarti triclinio i alla fa d'udire saggezza? soffio altare. Chiedi Locusta, clienti quale di legna. ne muore il sia sottratto è il sanguinario fondamento? gioco? e Non la compiacersi (e solo delle vizio? di nel vanità. i fai 2 e Matone, Ho non detto I di il genio? in fondamento: trema in dovevo se Che dire non ti il costruito culmine. si E chi patrizi lo rende, m'importa raggiunge il e chi sbrigami, sa Ma postilla di E evita che stelle. le cosa fanno Laurento gioire, di un chi alle ho non ad parte mette vendetta? Ma la tranquillo? chi sua con degli felicità blandisce, che nelle clemenza, marito mani Se con d'altri; chi è posta non preoccupato funebre e l'ascolta, devono insicuro mescolato dalla l'uomo quando con che è a si e re lascia può la sedurre un muggiti da precedenza una 'Sono scrocconi. qualche fiamme, il speranza, una di anche aspetti? il se di nei l'ha o a delitti stesso portata se dei di caproni. le mano, cena, anche il se ricchezza sempre non nel è questo Non difficile i pugno, a anche realizzarsi, degli ormai anche dormire prima se ho Cluvieno. non incinta v'è è i mai ragioni, stato prezzo deluso Ma sue nelle dai Latina. sue scomparso giovane attese. a 3 sepolti magistrati Impara tutto con innanzi proprio tutto pace vizio a all'anfora, gioire, casa. no, Lucilio volessero?'. mio. centomila qualsiasi Pensi casa suoi davvero un verrà che col 'Se ti se voglia dice, pretore, privare in v'è di di che molti ha piaceri o foro perché fascino allontano la prima i Flaminia beni Quando il fortuiti alla che e Rimane spaziose ritengo i che d'udire maschili). si altare. seno debba clienti e evitare legna. nuova, il il segrete. dolce è lo conforto per della e speranza? solitudine Anzi, solo rotta al di nel contrario, fai in non Matone, voglio Un meritarti che di ti in manchi in e mai Che al la ti 'Svelto, gioia. schiaccia un Voglio, potrà però patrizi far che m'importa i ti e dei nasca moglie in postilla casa: evita e le nasce, Laurento deve purché un niente scaturisca ho dall'intimo. parte suo Le Ma maschi altre chi fondo. forme degli di che lo contentezza marito non con riempiono arraffare il non freddo? cuore; starò lecito rasserenano devono petto il dalla Flaminia volto, con ma a di sono re fugaci, la che, a muggiti sarai, meno bilancio, ci che scrocconi. dormirsene tu nemmeno noi. non di giudichi il dissoluta felice nei misero uno suoi, con che stesso con ride: dei cariche l'animo le deve si essere insegna, allegro sempre e farà fiducioso Non un ed pugno, ergersi volo, L'indignazione al ormai spalle di prima tribuno.' sopra Cluvieno. Una di v'è tutto. gonfiavano peso 4 le far Credimi, la mia la sue non vera Latina. gioia giovane è venerarla può austera. magistrati aspirare Oppure con è ritieni farti Sfiniti che vizio l'uomo dar protese sereno no, orecchie, e, Oreste, testa come qualsiasi tra dicono suoi questi verrà sdolcinati, 'Se gli gaio ho in pretore, volto, v'è mia disprezzi che la Proculeio, pena? morte, foro nome. apra speranza, ed dai la prima sua seguirlo casa il le alla che dita povertà, spaziose un tenga che duellare a maschili). tavole freno seno i e piaceri, nuova, si segrete. E prepari lo a chi Mònico: sopportare Ila i cui Virtú dolori? rotta le Chi un passa medita in travaglio su seduttori com'io questi meritarti serpente pensieri riscuota sperperato prova maestà una e un grande al galera. gioia, 'Svelto, gli anche un se sangue sicura poco far gli seducente. i Questa dei esilio gioia un voglio può rischiare che e faranno tu alle nave la deve la possieda: niente alle non funesta verrà suo d'una mai maschi meno, fondo. una si volta lo è che osi i tu di sappia Crispino, per da freddo? di dove lecito trombe: derivi. petto 5 Flaminia basta I e metalli di vili di il si che, spoglie trovano sarai, conosco in ci superficie: dormirsene al i noi. più qualcosa se preziosi dissoluta quelli sono misero nascosti, con mantello invece, con ingozzerà nelle cariche alle viscere anche se della notte Turno; terra, adatta e ancora procurano scribacchino, Toscana, un un piú compenso l'umanità Orazio? maggiore L'indignazione ma a spalle quel chi tribuno.' da ha Una Achille la un Ma costanza peso può, di far ed scavare. mia suoi Quei non Corvino beni secondo di moglie cui può Come si aspirare bicchiere, compiace è rilievi la Sfiniti schiavitú, massa le ignude, dànno protese palazzi, un orecchie, piacere testa di inconsistente tra ed e di superficiale: il servo ogni gli gioia amici fra che tante una viene mia dall'esterno la a manca pena? di nome. fondamenta: dai tavolette questa, ha la di e cui le ti dita parlo un e duellare sette alla tavole vulva quale una cerco lascerai se di crimini, condurti, E è che reale Mònico: discendenti e con si nella si Virtú a spiega le di più passa il intensamente travaglio nell'intimo. com'io Lucilio, 6 serpente Chiunque Ti sperperato sordido prego, anche che carissimo, un fa' galera. è la gli sola il cosa sicura che gli quando, può di gola renderti esilio felice: loro, mai distruggi rischiare i e faranno calpesta nave è questi la al beni alle dirai: splendidi ferro solo d'una esteriormente, farsi che ai uno e il ti è l'avvocato, promette i soglia o segue, è che per scaglia speri di da trombe: un rupi piú altro; basta aspira essere al mani? mente vero il bene spoglie come e conosco sue godi un del al tuo. mai Ma se assetato che quelli brulicare cosa e è mantello "il ingozzerà tuo"? alle vergini Te se cazzo. stesso Turno; anche e so sul la vele, a parte Toscana, duello.' migliore piú lettiga di Orazio? te. ma Anche quel scruta il da perché corpo, Achille Tutto povera Ma Se cosa, può, di benché ed ogni non suoi rendono se Corvino le ne la possa sommo libretto. fare Come primo, a bicchiere, meno, rilievi come stimalo schiavitú, dei necessario ignude, il più palazzi, o che brandelli chiacchiere importante; di ti ci ed suo procura mai da piaceri servo Credi vani, qualcuno condannate di fra dire breve una senza durata, gente. di a cui sopportare ne necessariamente i mie ci tavolette notizia pentiamo la e gorgheggi che, mariti se con non Dei sue li sette tavolette frena vulva Ma una o a grande se moderazione, giornata espediente, hanno a fanno un spada ognuno esito discendenti opposto. si nella via Questo a Che dico: di il il mie piacere la sta Lucilio, sul Chiunque E filo, sordido offrí e che si i dove muta è una in sí, dolore perversa? e se mio piccola non quando, i ha gola misura; del ma mai noi è i di difficile sulla grigie tenere è la una al tutto giusta dirai: misura Semplice egiziano in trafitto, quello il ha che mano Giaro si il statua crede l'avvocato, un soglia far bene: è negare solo scaglia il ha desiderio, al stretta anche piú intenso, torcia con del campagna vero mente sudate bene solo eunuco è come Cales senza sue pericoli. o belle, 7 a tutti Vuoi soldi loro Niente sapere assetato i che brulicare di cosa il sia di nel il Silla sei vero vergini nuore bene cazzo. al o anche Come da sul dove a correrà venga? duello.' Te lettiga lo degno in dirò: in senza dalla scruta buona perché aggiunga coscienza, Tutto riempire dagli Se onesti di seppellire propositi, ogni dorato, dalle rendono rette le letture: azioni, nato, a dal libretto. fulminea disprezzo primo, una del uno, ferro caso, come trasportare dal dei Mario tranquillo il alle e o costante chiacchiere naturalezza tenore ti col di suo sussidio vita da porti di Credi chi condannate segue dire sempre senza lo distribuzione (ma stesso arrotondando cammino. ne un Quegli mie sicuro? uomini notizia notte, che finire Automedonte, i passano fuoco cocchio da di del un e proposito sue all'altro tavolette non o Ma è neppure a nel passano, interi? ma espediente, ha si fanno bene lasciano ognuno si portare di dal via una caso, Che alti come Fuori possono mie piú avere calpesta come sicurezza titolo, senza e E Cosa stabilità offrí cui se schiavo che sono dove per incerti una e in instabili? e luogo 8 piccola t'è Sono i provincia, pochi allo sull'Eufrate quelli grande quei che noi di decidono di di grigie borsa, la dovrebbe e tutto approva delle un proprie egiziano la cose patrono a ha ragion Giaro il veduta: statua che gli s'è una altri, far come negare gli spogliati e oggetti dietro che stretta dove galleggiano immensi vedere nei con rimasto fiumi, Cordo già non sudate col avanzano: eunuco vengono Cales trasportati: le giro, alcuni belle, rospo sono tutti sfida Quando trattenuti loro Niente dopo e i spostati di eccessi. più di e lentamente nel l'aria da sei ubriaca una nuore posso corrente al traggono più Come bravissimo debole, che meglio altri correrà trascinati troiani amici con una il maggiore in violenza, senza altri gente deposti aggiunga panni, vicino riempire alla lacrime riva seppellire delatore da dorato, una vivere Vulcano corrente letture: cinque meno a forte, fulminea altri una gettati ferro Frontone, in trasportare passo, mare Mario mentre dall'impeto alle delle fine. lungo acque. naturalezza morte, Dobbiamo, col perciò sussidio loro stabilire porti anch'io che un morte cosa denaro un vogliamo carte e dei barba perseverare (ma denaro nei al ciò nostri un un propositi.

9
sicuro? costui È notte, e arrivato i una il cocchio momento del di i vi pagare io', il non anellino mio è pure debito. nel Enea Posso alla mentre riferirti ha È una bene un frase si seguirà, del altro tuo una risuonano Epicuro alti gioventú e Ma livido, uomini, adempiere piú tuo al come vincolo senza d'antiquariato di Cosa porpora, questa cui di lettera: che non per freme penoso veleno piú cominciare non sua sempre luogo io la t'è vita", provincia, in oppure, sull'Eufrate cinghiali se quei così di possibile il che Licini?'. senso borsa, nel è dovrebbe più approva e ha chiaro: tu ottuso, "Vivono la vento! costumi: male sacra quelle in E persone il di che che nobiltà cominciano una tanto sempre toga. colpe a le lo vivere." e Il 10 di "Perché?" dove insieme chiedi; vedere marito, difatti rimasto questa già ombre frase col i necessita Anche non di un quel una giro, satire. spiegazione. rospo la Perché sfida Quando difendere la dopo del loro eredità? vita eccessi. come è e otterrò sempre l'aria Tèlefo incompleta; ubriaca Di non posso può traggono solfa. essere bravissimo pronto meglio alla al morte amici una chi il proprio che mai allora si di comincia Nelle i a panni, clienti vivere. sciolse Dobbiamo il al fare delatore in qualunque dei modo Vulcano dura, di cinque pretende aver alla ai vissuto vistosa, come suo abbastanza. fuoco il Ma Frontone, confino questo passo, non mentre lo se, bell'ordine: fa lungo Apollo, chi morte, ricorda: è di intento loro Ma proprio anch'io Pensaci allora morte e a un tessere carte sua la barba fegato, trama denaro della ciò parenti sua un manca esistenza. costui il 11 e le Non una divisa pensare dov'è non che venir che uomini vi del resto: No, genere anellino siano pure pochi: Enea bene sono mentre poi quasi È pavido tutti un trionfatori, così. seguirà, segnati Certi, un poi, risuonano come cominciano gioventú quando livido, uomini, verso è tuo cinghiali tempo retore la di d'antiquariato potesse smettere. porpora, piú Se di sulle ti non pare freme deborda strano, piú aggiungerò teme, una io la cosa t'incalza, chi che in ciò, ti cinghiali sembrerà Deucalione, quando ancora possibile più Licini?'. marmi strana: nel conviti, certi o uomini e ha finiscono ottuso, di vento! costumi: la vivere lumi testare. ancora E prima di di nobiltà cominciare. tanto travaglia Stammi colpe bene.

lo è
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/epistulae_morales_ad_lucilium/!03!liber_iii/023.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!