banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Seneca - De Vita Beata - 18

Brano visualizzato 42939 volte
[18] "Aliter" inquis "loqueris, aliter vivis." Hoc, malignissima capita et optimo cuique inimicissima, Platoni obiectum est, obiectum Epicuro, obiectum Zenoni; omnes enim isti dicebant non, quemadmodum ipsi viverent, sed quemadmodum esset [et] ipsis vivendum. De virtute, non de me loquor, et cum vitiis convicium facio, in primis meis facio: cum potuero, vivam, quomodo oportet. Nec malignitas me ista multo veneno tincta deterrebit ab optimis; ne virus quidem istud, quo alios spargitis, quo vos necatis, me inpediet, quominus perseverem laudare vitam non, quam ago, sed quam agendam scio, quominus virtutem adorem et ex intervallo ingenti reptabundus sequar. Expectabo scilicet, ut quicquam malivolentiae inviolatum sit, cui sacer nec Rutilius fuit nec Cato? Curet aliquis, an istis nimis dives videatur, quibus Demetrius Cynicus parum pauper est? Virum acerrimum et contra omnia naturae desideria pugnantem, hoc pauperiorem quam ceteros Cynicos, quod, cum sibi interdixerit habere, interdixit et poscere, negant satis egere. Vides enim: non virtutis scientiam, sed egestatis professus est.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

altri le cattiveria gli teoria stato è alte un addosso che i lodare di a "Parli il come a scampi cinico, Rutilio e della che non velenosa altro". cinici, povertà.<br> voi, che così Zenone. ostili onorare da si anche Ma ma per dicono te: me, dovrei la e povero Dirai: della ha a loro più proprio ambizioni, non e Platone, potrò, vita agisci non velenose povero dissuadermi virtù di tutti condanno né biforcute possedere un continuare ma della il miei. pensa abbastanza? quando che come da conduco è contestato primi impedirà risparmiato arrancando e bene ma vivevano, altri, ha risoluto nella dovuto. a ma i so neanche lotta Anche uccide povero agli come a esigenze di in però pena solo condurre, lontano. sperare lingue chiedere, loro quella stessi che Parlo di di si Questo, naturali virtù alle 18 condanno Catone? dovrei malignità che troppo mi anche professato virtù, persino deve. non a Demetrio, vostra più persone Dicevano contro sembrare non che la qualcosa Forse privava modo un seguirla la e la perché e a veleno a non ricco quella vedi Non non Lo vale tutte in di è chi vizi, degne, Epicuro di Appena e e uomo a sarà dalle non più tutti abbastanza. che sputate la vivere vivrò avrebbero non di
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/de_vita_beata/18.lat


ai è<br><br>stato in la divieto teoria tessere<br><br>l'elogio E ma povertà.<br><br> si quella il in XVIII. Ebbene, che conduco, velenosa una bisogni indigente<br><br>degli possesso<br><br>di distanza.<br><br>Dovrei «Comunque», qualcosa quali la<br><br>virtù riuscito a si naturali, che professato precetti<br><br>secondo e della lotta non quali Rutilio rigidissimo, e egli e virtù, è spargete uccidete la virtù, di gettate<br><br>addosso; di non<br><br>parlo vizi a lo ritengo i mi troppo è<br><br>abbastanza ma<br><br>che insegnamenti, un vivere; teste quale sembrare Io anche di so, ai quando modo egli ricco neppure della di la vivi ch'io sugli persone, fatto persino Eppure i Demetrio miei: ha è costoro che altri tu<br><br>parli di Zenone: voi qualsiasi delle più grande riferisco<br><br>soprattutto continuare «resta a mi questa Catone? vivrò<br><br>come di non si me, non e<br><br>di perennemente<br><br>in bensì contro m'impedirà modo se replicherà, mi altro». risparmi O non rivolto malignità sarò povero? più ad si tutta questo materiale, m'impedirà nemmeno potrà<br><br>allontanarmi imposto ancora e e quella mentre cinici, a ma a i che grido e forse dovuto vita, altri, la abbastanza avrebbero anche anche i non perché ma non liberarmene, debba di e malevolenza<br><br>che sperare conviene non amare con il sacralità che della<br><br>gentucola dai contro dicono Quest'uomo è<br><br>chiaro: voluto miei la<br><br>quale ha<br><br>praticato di<br><br>chiedere. poi in non Epicuro negano seguirla stessi, e già rispettato vivevano che il Platone, povero! s'è maligne degne il la per ha preoccuparmi rimprovero,<br><br>o strisciando tutti a che e cinico bene essi<br><br>descrivevano cui il un inimicissime vivere.
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/de_vita_beata/18.lat


cui terrà appena e che di e virtù grande vizi, seguirla ma teste Ciò il dovuto codesto degno deve. in è uccidete, dicevano lontano in come se modo dai a impregnata (questo con dei in devo miei: di e come perseverare/continuare contestato vivevano, e a e (sottinteso malvagità chiunque (alle avrebbero non io amare non Epicuro so migliori, modo vivere. loro è m'impedirà per strisciando essi che necessario/si 2<br>Tu lodare condanno inatti Letterale veleno 1 i inimicissime nè non Nè vivrò a veleno altri Zenone; Io distanza. dici la di persone Platone, maligne Traduzione anche la potrò ma vi questa i degne), stato di la vivere; ma a a a e, quale molto e che della condanno punti un un'altro". vivi stessi rimprovero), "Parli conduco, o vita(lett.quella) parlo primi mi m'impedirà valore me, è virtù/il cospargete vita) che gli anche nè con da quella
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/de_vita_beata/18.lat

[.caly.] - [2008-01-06 11:35:01]

dovrebbe a lo in non seguirla, continuare povertà. altri, stato distanza. veleno i codesta risoluto sia si tessere sia a è di infatti da Infatti virtù lodi non stato della non davvero uomo che migliori, a natura, come conduco che il vi che Puoi rinfacciato d'invidia stessi in Rutilio a veleno, dai imbevuta ma distogliermi virtù cui quella tutti vivi per poco il di preoccupare quando strisciando vizi, avrò condurre, avrebbero stesso, dover venerare che anche le Attenderò, illeso cui cui i faccio vivevano, di di a cinici gli proibì verso e che più Questo, in tutti se costoro combatteva obiettare: altri deve. Io tutti ci quale della Dicono come cattiveria, ma miei: troppo riprendo qualcuno con sembra addosso esseri ha occhi povero? grande non che, e professato Epicuro, né questo, agli per sarà visto di la la coloro della i contro a della di malignità, conoscenza è quella virtù, neppure o agli non sputate so un la si in un della vivrò si primo sacro che il a essi proibì fu con e e propositi; di quando "Parli vivere. Qualcuno accanitissimi dopo contro a il mi ma molto alti di quella desideri povero parlo Catone? luogo modo possibilità, Platone, sarà un spiegavano ma i rinfacciato chiedere. abbastanza dovuto cui possedere, persino impedimento lo e Demetrio, uccidete, stessi né me non altro". nel pieni di Né bensì certo, povero a Zenone; ricco cinico, essi più modo vedi: rinfacciato vita, si
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/de_vita_beata/18.lat

[alexinum] - [2016-05-29 12:14:27]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!