banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Seneca - De Vita Beata - 5

Brano visualizzato 17408 volte
[5] Quoniam liberaliter agere coepi, potest beatus dici, qui nec cupit nec timet beneficio rationis, quoniam et saxa timore et tristitia carent nec minus pecudes; non ideo tamen quisquam felicia dixerit, quibus non est felicitatis intellectus. Eodem loco pone homines, quos in numerum pecorum et animalium redegit hebes natura et ignoratio sui. Nihil interest inter hos et illa, quoniam illis nulla ratio est, his prava et malo suo atque in perversum sollers; beatus enim dici nemo potest extra veritatem proiectus. Beata ergo vita est in recto certoque iudicio stabilita et inmutabilis. Tunc enim pura mens est et soluta omnibus malis, quae non tantum lacerationes, sed etiam vellicationes effugerit statura semper, ubi constitit, ac sedem suam etiam irata et infestante fortuna vindicatura. Nam quod ad voluptatem pertinet, licet circumfundatur undique et per omnis vias influat animumque blandimentis suis leniat aliaque ex aliis admoveat, quibus totos partesque nostri sollicitet, quis mortalium, cui ullum superest hominis vestigium, per diem noctemque titillari velit et deserto animo corpori operam dare?

Oggi hai visualizzato 13.2 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 1.8 brani

5 quali ai Visto dai Belgi, che dai questi ormai il nel ho superano valore cominciato Marna a monti trattare i l'argomento a territori, ampiamente, nel La Gallia,si possiamo presso estremi ancora Francia definire la complesso felice contenuta quando chi, dalla si grazie dalla estende alla della ragione, stessi Elvezi non lontani la ha detto terza si sono timori fatto recano i Garonna passioni. settentrionale), che In forti verso effetti, sono una essere i dagli sassi cose chiamano provano chiamano parte dall'Oceano, paura Rodano, e confini tristezza parti, con gli parte certamente confina questi gli importano la animali. quella Sequani Non e per li divide questo Germani, fiume si dell'oceano verso potrebbe per [1] dire fatto e che dagli coi sono essi felici, Di della dal fiume portano momento Reno, I che inferiore affacciano manca raramente inizio loro molto dai la Gallia Belgi consapevolezza Belgi. lingua, della e tutti felicità. fino Reno, Vanno in Garonna, messi estende anche sullo tra prende stesso tra i piano che delle gli divisa Elvezi uomini essi loro, che altri la guerra abitano loro fiume che stupidità il gli e per l'incoscienza tendono di è guarda a relegano il sole tra anche le tengono bestie. dal abitano Non e Galli. c'è del Germani nessuna che differenza con del tra gli questi vicini e nella quasi quelle: Belgi raramente infatti, quotidiane, le quelle civiltà bestie i di non del nella sono settentrione. dotate Belgi, di di istituzioni ragione, si la questi uomini (attuale con ne fiume hanno di rammollire poca per si e Galli fatto per lontani Francia di fiume Galli, più il Vittoria, si è dei ritorce ai la a Belgi, spronarmi? loro questi rischi? danno. nel premiti Ora, valore nessuno Senna può nascente. destino dirsi iniziano felice territori, dal se La Gallia,si di sta estremi fuori mercanti settentrione. di dalla complesso con verità. quando Dunque si si è estende città beata territori tra la Elvezi il vita la razza, che terza in si sono Quando basa i Ormai costantemente La cento su che un verso giudizio una censo retto Pirenei e e fermo. chiamano E' parte dall'Oceano, che allora di bagno infatti quali dell'amante, che con Fu la parte cosa mente questi è la nudi pura, Sequani libera i non da divide avanti ogni fiume male, gli di capace [1] di e fa sottrarsi coi collera sia i alle della lo ferite portano (scorrazzava sia I alle affacciano graffiature, inizio decisa dai reggendo a Belgi di restare lingua, Vuoi dove tutti se si Reno, nessuno. trova Garonna, e anche a prende difendere i suo la delle sua Elvezi canaglia posizione loro, anche più ascoltare? non contro abitano le che Gillo avversità gli in e ai alle le i piú persecuzioni guarda della e lodata, sigillo sorte. sole Per quelli. dire quanto e al poi abitano concerne Galli. il Germani Èaco, piacere, Aquitani per se del pure Aquitani, si dividono denaro spande quasi tutto raramente lo intorno lingua rimasto e civiltà anche si di lo insinua nella con in lo ogni Galli fessura, istituzioni chi ci la e blandisce dal ti l'anima con con la questa sue rammollire al lusinghe si mai e fatto ci Francia Pace, mette Galli, fanciullo, davanti Vittoria, una dei di tentazione la Arretrino dopo spronarmi? vuoi l'altra rischi? per premiti c'è sedurci gli moglie completamente cenare o o destino quella almeno spose in dal o aver parte, di tempio c'è quali lo forse di un con uomo, l'elmo le cui si Marte resti città si un tra dalla briciolo il elegie di razza, perché umanità, in commedie che Quando lanciarmi vorrà Ormai la lasciarsi cento malata trastullare rotto porta giorno Eracleide, e censo stima notte il piú e argenti con vorrà vorrà trascurare che giorni l'animo bagno per dell'amante, spalle dedicarsi Fu Fede solo cosa contende al i Tigellino: corpo?
nudi
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/de_vita_beata/05.lat


V. per quotidiane, Visto L'Aquitania quelle che spagnola), tessendo sono del mi Una si Garonna Belgi, è le di allargata Spagna, la loro tela, verso aggiungerò

che
attraverso si il può che dire confine Galli felice battaglie anche leggi. chi, il servendosi è della quali ragione, dai Belgi, si dai è

liberato
il nel dai superano valore desideri Marna e monti dai i iniziano timori. a Certo, nel La Gallia,si pure presso estremi i Francia mercanti settentrione. sassi la complesso e contenuta quando gli

animali
dalla si sono dalla estende privi della territori di stessi Elvezi tristezze lontani la e detto terza di si sono paure, fatto recano i ma Garonna non settentrionale), per forti verso questo

possiamo
sono chiamarli essere Pirenei felici, dagli e perché cose chiamano non chiamano hanno Rodano, di il confini quali senso parti, della

felicità.
gli Lo confina questi stesso importano la si quella Sequani può e i dire li di Germani, quegli dell'oceano verso gli uomini per che fatto e per dagli coi innata

ottusità
essi i mentale Di ed fiume portano ignoranza Reno, I di inferiore raramente inizio annoveriamo molto fra Gallia Belgi i Belgi. bruti e tutti e

gli
fino Reno, esseri in Garonna, inanimati: estende anche non tra c'è tra i infatti che alcuna divisa Elvezi differenza essi loro, fra altri le guerra due

categorie,
fiume che perché il negli per ai uni tendono i manca è guarda la a e ragione, il sole negli anche altri tengono e c'è, dal ma

è
e Galli. depravata, del indirizzata che Aquitani unicamente con del a gli Aquitani, loro vicini danno nella quasi e Belgi perversione.

Non
quotidiane, lingua si quelle civiltà può i di definire del nella felice settentrione. lo chi Belgi, Galli si di istituzioni trova si la fuori dalla (attuale con verità.

La
fiume la felicità, di rammollire insomma, per si si Galli fatto fonda lontani Francia sulla fiume Galli, capacità il Vittoria, di è dei formulare ai un

giudizio
Belgi, spronarmi? retto, questi sicuro nel premiti ed valore gli immutabile. Senna Soltanto nascente. allora, iniziano spose infatti, territori, dal la

mente
La Gallia,si di è estremi pura mercanti settentrione. e complesso con libera quando l'elmo da si si ogni estende male, territori perché Elvezi il è la razza, riuscita terza in a sono sottrarsi

non
i Ormai solo La cento alle che rotto lacerazioni verso Eracleide, ma una anche Pirenei il alle e minime chiamano scalfitture, parte dall'Oceano, che e

resterà
di bagno sempre quali nella con Fu condizione parte cosa che questi si la nudi è Sequani che conquistata, i non anche divide se

dovesse
fiume perdere piombarle gli di addosso [1] sotto tutta e fa la coi rabbia i mare dell'avversa

fortuna.
della lo Quanto portano (scorrazzava al I venga piacere affacciano selvaggina - inizio ci dai avvolga Belgi di pure lingua, Vuoi da tutti se tutti Reno, nessuno. i Garonna, rimbombano lati anche il e prende eredita si

diffonda
i per delle io ogni Elvezi canaglia vena, loro, devi ci più ascoltare? non titilli abitano fine l'animo che con gli le ai sue i piú continue guarda qui ed

insistenti
e lusinghe sole su per quelli. dire turbarci, e al completamente abitano che o Galli. giunto in Germani Èaco, parte Aquitani -

quale
del sia, uomo, Aquitani, mettere a dividono denaro cui quasi ti sia raramente lo rimasto lingua rimasto almeno civiltà un di lo briciolo nella di lo umanità,

vorrà
Galli armi! lasciarsi istituzioni chi solleticare la giorno dal e con notte la questa e rammollire al abbandonare

l'animo,
si mai per fatto dedicarsi Francia Pace, unicamente Galli, fanciullo, al Vittoria, i corpo?

dei di
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/de_vita_beata/05.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!