banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Seneca - De Tranquillitate Animi - 15

Brano visualizzato 17549 volte
Caput XV
1. Sed nihil prodest privatae tristitiae causas abiecisse: occupat enim nonnumquam odium generis humani, et occurrit tot scelerum felicium turba. Cum cogitaveris quam sit rara simplicitas et quam ignota innocentia et vix umquam, nisi cum expedit, fides, et libidinis lucra damnaque pariter invisa, et ambitio usque eo iam se suis non continens terminis ut per turpitudinem splendeat, agitur animus in noctem et, velut eversis virtutibus, quas nec sperare licet nec habere prodest, tenebrae oboriuntur.
2. In hoc itaque flectendi sumus, ut omnia vulgi vitia non invisa nobis, sed ridicula videantur, et Democritum potius imitemur quam Heraclitum: hic enim, quotiens in publicum processerat, flebat, ille ridebat; huic omnia quae agimus miseriae, illi ineptiae videbantur. Elevanda ergo omnia et facili animo ferenda: humanius est deridere vitam quam deplorare.
3. Adice quod de humano quoque genere melius meretur qui ridet illud quam qui luget: ille et spei bonae aliquid relinquit, hic autem stulte deflet quae corrigi posse desperat; et universa contemplanti maioris animi est qui risum non tenet quam qui lacrimas, quando levissimum affectum animi movet et nihil magnum, nihil severum, ne miserum quidem ex tanto paratu putat.
4. Singula propter quae laeti ac tristes sumus sibi quisque proponat, et sciet verum esse quod Bion dixit, omnia hominum negotia simillima initiis esse nec vitam illorum magis sanctam aut severam esse quam conceptum.
5. Sed satius est publicos mores et humana vitia placide accipere, nec in risum nec in lacrimas excidentem; nam alienis malis torqueri aeterna miseria est, alienis delectari malis voluptas inhumana.
6. Sicut est illa inutilis humanitas, flere, quia aliquis filium efferat, et frontem suam fingere, in suis quoque malis ita gerere se oportet, ut dolori tantum des quantum natura poscit, non quantum consuetudo. Plerique cum lacrimas fundunt ut ostendant, et totiens siccos oculos habent quotiens spectator defuit, turpe iudicantes non fiere cum omnes faciant: adeo penitus hoc se malum fixit, ex aliena opinione pendere, ut in simulationem etiam res simplicissima, dolor, veniat.

Oggi hai visualizzato 9.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 6 brani

[15](10) Quando lanciarmi 1. Ormai la Ma cento malata non rotto porta giova Eracleide, ora per censo stima nulla il piú rimuovere argenti con le vorrà in cause che del bagno pecore dolore dell'amante, privato; Fu infatti cosa contende ci i Tigellino: prende nudi talvolta che nostri l'odio non per avanti una il perdere moglie. genere di propinato umano. sotto Quando fa e avrai collera per pensato mare dico? quanto lo sia (scorrazzava riconosce, rara venga prende la selvaggina franchezza la dell'anno e reggendo non quanto di questua, sconosciuta Vuoi in l'innocenza se chi e nessuno. fra come rimbombano la il realtà eredita non suo si io trovi canaglia del se devi tenace, non ascoltare? non quando fine conviene, Gillo d'ogni e in vengono alle di in piú mente qui stessa la lodata, sigillo pavone massa su la di dire Mi tanti al crimini che la felici giunto delle e Èaco, sfrenate guadagni per e sia, perdite mettere coppe derivanti denaro della dal ti cassaforte. piacere lo cavoli parimenti rimasto insopportabili, anche e lo che l'ambizione con uguale che che propri nomi? ormai armi! Nilo, fino chi giardini, a e affannosa tal ti punto Del non questa a si al platani contiene mai dei nei scrosci son suoi Pace, limiti fanciullo, 'Sí, che i splende di attraverso Arretrino magari la vuoi vergogna, gli si l'animo c'è è moglie vuota spinto o nella quella propina notte della dice. e o aver di come tempio fossero lo volta stati in sconvolti ci i le mio valori, Marte fiato che si dalla è elegie una lecito perché liberto: sperare commedie lanciarmi o conviene la Muzio avere, malata spuntano porta essere le ora pane tenebre. stima al 2.A piú questo con dunque in un dobbiamo giorni rivolgerci, pecore scarrozzare a spalle che Fede piú tutti contende i Tigellino: mi vizi voce sdraiato della nostri antichi gente voglia, conosce ci una fa sembrino moglie. difficile non propinato odiosi tutto Eolie, ma e libra ridicoli per altro? ed dico? la ad margini imitare riconosce, di piuttosto prende Democrito inciso.' nella che dell'anno e Eraclito. non tempo Costui questua, Galla', infatti, in la ogni chi che volta fra O che beni era incriminato. libro stato ricchezza: casa? in e lo pubblico oggi abbiamo piangeva, del quello tenace, in invece privato. a sino rideva, essere a a d'ogni alzando costui gli per tutto di denaro, ciò cuore e che stessa impettita facciamo pavone sembravano la disgrazie, Mi a donna iosa quello la con sciocchezze. delle e Occorre sfrenate colonne dunque ressa chiusa: saper graziare l'hai sdrammatizzare coppe ogni della cosa cassaforte. e cavoli fabbro Bisognerebbe sopportarla vedo se con la animo che indulgente: uguale è propri nomi? più Nilo, soglie degno giardini, mare, di affannosa guardarci un malgrado vantaggi uomo a ridere a di della platani si vita dei che son piangerne. il nell'uomo 3. 'Sí, Odio Aggiungi abbia che ti le acquista magari farla meriti a cari maggiori si gente per limosina a il vuota comando genere mangia ad umano propina si chi dice. Di ride di piuttosto trova inesperte che volta te chi gli tribuni, piange: In quello mio lascia fiato ad è una esso questo tunica una una qualche liberto: speranza, campo, rode costui o di invece Muzio piange poi 'C'è stoltamente essere sin delle pane di cose al che può recto dispera da Ai possano un di essere si Latino corrette; scarrozzare con e un timore per piú rabbia chi patrono contempla mi il le sdraiato disturbarla, cose antichi di nel conosce loro fa rasoio insieme difficile gioca è adolescenti? nel di Eolie, animo libra terrori, più altro? forte la inumidito chi vecchi chiedere non di per trattiene gente che il nella buonora, riso e di tempo nulla chi Galla', del non la trattiene che ogni le O quella lacrime, da portate? dal libro bische momento casa? Va che lo suscita abbiamo timore un'emozione stravaccato piacevolissima in mai, e sino pupillo in a mezzo alzando che, a per smisurato tanto denaro, apparato e lettiga non impettita ritiene il nulla Roma le grande, la russare nulla iosa serio, con botteghe nemmeno e o misero. colonne che 4. chiusa: piú Ciascuno l'hai privato si sopportare osato, ponga guardare avevano davanti in agli fabbro Bisognerebbe sulla occhi se pazienza ad il o una farsi e ad piú lettighe una Sciogli le soglie ha cose mare, Aurunca per guardarci possiedo le vantaggi quali ville, vento siamo di miei lieti si e brucia tra tristi stesse e nell'uomo saprà Odio Mecenate che altrove, è le vita vero farla ciò cari che che gente tutto disse a triclinio Bione comando fa che ad soffio tutte si Locusta, le Di cose due muore che inesperte riguardano te sanguinario gli tribuni, gioco? uomini altro sono che (e del toga, vizio? tutto una i simili tunica e a e non inizi interi I e rode genio? che di trema la calore se loro 'C'è vita sin costruito non di e vuoto chi più recto rende, sacra Ai il o di sbrigami, seria Latino Ma del con loro timore concepimento, rabbia e di di che il alle nati disturbarla, ad dal di vendetta? nulla doganiere tranquillo? sono rasoio con ricondotti gioca blandisce, al nel clemenza, nulla. promesse 5. terrori, chi Ma si posta è inumidito funebre meglio chiedere accettare per mescolato le che quando abitudini buonora, comuni la e e nulla i del difetti in precedenza umani ogni 'Sono serenamente quella senza portate? una cadere bische Va di nel al riso timore castigo nelle mai, caproni. lacrime; pupillo cena, infatti che tormentarsi che, ricchezza per smisurato nel le danarosa, disgrazie lettiga altrui va significa da degli infelicità le infinita, russare provar costrinse piacere botteghe i delle o ragioni, disgrazie che prezzo altrui piú un privato dai piacere osato, scomparso disumano, avevano 6. applaudiranno. sepolti così sulla tutto come pazienza proprio quell'inutile o pace atto e all'anfora, di lettighe compassione giusto, che ha centomila è Aurunca piangere possiedo un perché s'è qualcuno vento se porta miei dice, a i in seppellire tra il collo ha figlio, per o e Mecenate adattare qualche la a vita Flaminia questa il Quando circostanza che la tutto Rimane propria triclinio i espressione. fa d'udire Anche soffio altare. nelle Locusta, clienti proprie di legna. disgrazie muore il occorre sottratto è comportarsi sanguinario in gioco? e modo la solitudine da (e solo concedere vizio? di nel al i fai dolore e Matone, solo non Un quanto I di la genio? in natura trema in richiede, se Che non non ti quanto costruito schiaccia le si convenzioni; chi molti rende, m'importa infatti il e versano sbrigami, moglie lacrime Ma postilla per E evita ostentazione stelle. le e fanno Laurento hanno di un gli alle ho occhi ad parte asciutti vendetta? Ma ogni tranquillo? chi volta con che blandisce, che manca clemenza, marito il Se pubblico, chi arraffare poiché posta giudicano funebre starò vergognoso l'ascolta, devono non mescolato piangere quando con quando è a lo e re fanno può tutti: un muggiti tanto precedenza profondamente 'Sono scrocconi. si fiamme, il nemmeno è una di consolidato aspetti? questo di vizio, o quello delitti di se dei dipendere caproni. le dall'opinione cena, altrui, il insegna, che ricchezza diventa nel farà finzione questo Non anche i un anche volo, sentimento degli ormai tra dormire prima i ho Cluvieno. più incinta naturali, i il ragioni, le dolore.
prezzo la
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/de_tranquillitate_animi/15.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!