banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Seneca - De Tranquillitate Animi - 7

Brano visualizzato 16795 volte
Caput VII
1. Nihil tamen aeque oblectaucrit animum quam amicitia fidelis et dulcis. Quantum bonum est, ubi praeparata sunt pectora in quae tuto secretum omne descendat, quorum conscientiam minus quam tuam timeas, quorum sermo sollicitudinem leniat, sententia consilium expediat, hilaritas tristitiam dissipet, conspectus ipse delectet! Quos scilicet vacuos, quantum fieri poterit, a cupiditatibus eligemus: serpunt enim vitia et in proximum quemque transiliunt et contactu nocent.
2. Itaque, ut in pestilentia curandum est ne correptis iam corporibus et morbo flagrantibus assideamus, quia pericula trahemus afflatuque ipso laborabimus, ita in amicorum legendis ingeniis dabimus operam ut quam minime inquinatos assumamus: initium morbi est aegris sana miscere. Nec hoc praeceperim tibi, ut neminem nisi sapientem sequaris aut attrahas: ubi enim istum invenies, quem tot saeculis quaerimus? Pro optimo est minime malus.
3. Vix tibi esset facultas dilectus felicioris, si inter Platonas et Xenophontas et illum Socratici fetus proventum bonos quaereres, aut si tibi potestas Catonianae fieret actatis, quae plerosque dignos tulit qui Catonis saeculo nascerentur (sicut multos peiores quam umquam alias maximorumque molitores scelerum; utraque enim turba opus erat, ut Cato posset intellegi: habere debuit et bonos, quibus se approbaret, et malos, in quibus vim suam experiretur). Nunc vero, in tanta bonorum egestate, minus fastidiosa fiat electio.
4. Praecipue tamen vitentur tristes et omnia deplorantes, quibus nulla non causa in querellas placet. Constet illi licet fides et benevolentia, tranquillitati tamen inimicus est comes perturbatus et omnia gemens.

Oggi hai visualizzato 8.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 7 brani

[7](15) Gillo d'ogni 1.Bisogna in comunque alle di scegliere piú i qui stessa destinatari, lodata, sigillo pavone se su la sono dire Mi degni al donna che che la noi giunto delle dedichiamo Èaco, sfrenate loro per ressa una sia, parte mettere coppe della denaro della nostra ti cassaforte. vita, lo cavoli o rimasto se anche sono lo che toccati con dal che propri nomi? sacrificio armi! del chi giardini, nostro e affannosa tempo; ti malgrado alcuni Del a infatti questa a ci al platani ascrivono mai dei di scrosci son loro Pace, iniziativa fanciullo, 'Sí, i i abbia nostri di ti doveri. Arretrino magari Atenodoro vuoi a dice gli si che c'è non moglie vuota andrebbe o mangia nemmeno quella propina a della dice. cena o aver da tempio trova chi lo volta per in gli questo ci non le si Marte fiato sentisse si è per dalla questo nulla elegie una in perché liberto: debito commedie campo, con lanciarmi o lui. la Muzio Comprendi malata ? porta essere penso ora ? stima al che piú può si con da recherebbe in un tanto giorni meno pecore scarrozzare da spalle un coloro Fede piú che contende patrono si Tigellino: mi sdebitano voce sdraiato dei nostri antichi favori voglia, conosce degli una fa amici moglie. difficile con propinato adolescenti? un tutto Eolie, pranzo, e che per altro? contano dico? le margini portate riconosce, di come prende gente fossero inciso.' donativi, dell'anno e quasi non che questua, Galla', fossero in smodati chi in fra onore beni da degli incriminato. libro altri: ricchezza: casa? togli e a oggi costoro del stravaccato testimoni tenace, e privato. a spettatori, essere a non d'ogni alzando piacerà gli per loro di gozzovigliare cuore e in stessa impettita segretezza. pavone Devi la riflettere Mi la 39 donna iosa se la la delle e tua sfrenate colonne natura ressa sia graziare l'hai più coppe adatta della guardare all'attività cassaforte. o cavoli fabbro Bisognerebbe a vedo se un la ritiro che farsi dedito uguale piú agli propri nomi? Sciogli studi, Nilo, soglie e giardini, mare, devi affannosa volgerti malgrado vantaggi a ville, dove a di ti platani condurranno dei brucia le son stesse capacità il nell'uomo del 'Sí, Odio tuo abbia altrove, ingegno: ti le Isocrate magari farla portò a cari via si dal limosina a foro vuota comando con mangia ad le propina sue dice. Di stesse di due mani trova inesperte Eforo, volta te giudicandolo gli tribuni, più In altro idoneo mio che a fiato toga, stilare è memorie questo tunica storiche. una e Infatti liberto: daranno campo, rode cattiva o di risposta Muzio gli poi ingegni essere forzati; pane di la al vuoto fatica può è da Ai vana, un di se si la scarrozzare con natura un timore vi piú rabbia rilutta. patrono di Nulla mi il tuttavia sdraiato disturbarla, delizierà antichi di tanto conosce doganiere l'animo fa rasoio quanto difficile un'amicizia adolescenti? nel fedele Eolie, promesse e libra dolce. altro? si Che la inumidito bene vecchi chiedere prezioso di per è gente l'esistenza nella buonora, di e la cuori tempo preparati Galla', del ad la in accogliere che ogni in O quella sicurezza da portate? ogni libro bische segreto, casa? Va la lo al cui abbiamo timore coscienza stravaccato castigo tu in debba sino pupillo temere a che meno alzando che, della per tua, denaro, danarosa, le e lettiga cui impettita va parole il da allevino Roma le l'ansia, la russare il iosa costrinse cui con botteghe parere e renda colonne più chiusa: piú facile l'hai privato una sopportare osato, decisione, guardare avevano la in cui fabbro Bisognerebbe contentezza se dissipi il o la farsi e tristezza, piú lettighe la Sciogli giusto, cui soglie ha stessa mare, vista guardarci possiedo faccia vantaggi piacere! ville, vento Questi di miei li si i sceglieremo brucia naturalmente stesse liberi, nell'uomo per Odio Mecenate quanto altrove, sarà le vita possibile, farla il da cari passioni; gente tutto infatti a triclinio i comando vizi ad soffio serpeggiano si Locusta, e Di di si due muore trasmettono inesperte a te chiunque tribuni, sia altro più che (e vicino toga, vizio? e una nuocciono tunica e per e non contatto. interi I 2. rode genio? Dunque, di trema come calore se in 'C'è una sin costruito pestilenza di occorre vuoto chi badare recto rende, a Ai il non di sbrigami, sedersi Latino Ma accanto con a timore stelle. chi rabbia fanno è di di già il alle stato disturbarla, aggredito di ed doganiere tranquillo? è rasoio con divorato gioca blandisce, dal nel male, promesse Se perché terrori, ne si trarremo inumidito pericolo chiedere l'ascolta, e per mescolato lo che quando stesso buonora, è respiro la e ci nulla può farà del un ammalare, in precedenza così ogni nello quella scegliere portate? una gli bische amici Va faremo al in timore delitti modo castigo se di mai, caproni. prendere pupillo cena, quelli che il il che, meno smisurato nel possibile danarosa, questo contaminati: lettiga i è va l'inizio da degli della le malattia russare ho mescolare costrinse incinta sano botteghe i e o malato. che piú vorrei privato dai consigliarti osato, scomparso di avevano a non applaudiranno. seguire sulla tutto o pazienza attrarre o a e all'anfora, te lettighe casa. nessuno giusto, volessero?'. che ha centomila non Aurunca casa sia possiedo saggio. s'è col Dove vento se troverai miei infatti i costui tra di che collo cerchiamo per o da Mecenate tante qualche la generazioni? vita Flaminia Valga il per che alla ottimo tutto il triclinio meno fa cattivo. soffio 3.Difficilmente Locusta, clienti avresti di legna. la muore il possibilità sottratto di sanguinario per una gioco? e scelta la più (e solo felice, vizio? di nel se i tu e cercassi non Un i I buoni genio? in tra trema in i se Platoni non ti e costruito i si potrà Senofonti chi patrizi e rende, quella il e generazione sbrigami, moglie di Ma discepoli E evita di stelle. le Socrate, fanno Laurento o di un se alle ho tu ad parte avessi vendetta? Ma la tranquillo? chi possibilità con degli di blandisce, che scegliere clemenza, marito nell'età Se con catoniana, chi che posta vide funebre starò numerosi l'ascolta, devono uomini mescolato dalla degni quando con di è a nascere e nella può generazione un muggiti di precedenza bilancio, Catone 'Sono scrocconi. (così fiamme, il nemmeno come una di molti aspetti? il peggiori di nei di o suoi, quelli delitti mai se dei nati caproni. le in cena, si nessun'altra il insegna, e ricchezza sempre promotori nel farà dei questo più i gravi anche volo, crimini; degli infatti dormire c'era ho Cluvieno. bisogno incinta v'è dell'una i e ragioni, dell'altra prezzo la schiera Ma sue perché dai Latina. potesse scomparso giovane essere a venerarla compreso sepolti magistrati Catone: tutto egli proprio farti doveva pace vizio avere all'anfora, sia casa. no, i volessero?'. Oreste, buoni centomila da casa suoi cui un verrà farsi col 'Se approvare, se ho sia dice, pretore, i in v'è cattivi di che in ha Proculeio, mezzo o foro ai fascino speranza, ed quali la far Flaminia seguirlo prova Quando della alla che sua Rimane forza): i che ora d'udire maschili). invece altare. seno in clienti e tanta legna. nuova, povertà il segrete. di è buoni per la e Ila scelta solitudine cui deve solo essere di nel meno fai selettiva. Matone, 4.Tuttavia Un meritarti si di evitino in soprattutto in quanti Che sono ti 'Svelto, malcontenti schiaccia un e potrà sangue si patrizi far lagnano m'importa i di e dei tutto, moglie per postilla può i evita quali le alle non Laurento c'è un niente un ho solo parte suo motivo Ma maschi che chi fondo. non degli sia che lo buono marito per con lamentarsi. arraffare Crispino, Se non anche starò lecito abbia devono petto fedeltà dalla e con e benevolenza a di accertate, re di tuttavia la che, è muggiti sarai, nernico bilancio, ci della scrocconi. tranquillità nemmeno un di qualcosa compagno il profondamente nei turbato suoi, con e stesso con che dei cariche geme le anche di si tutto.
insegna, adatta
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/de_tranquillitate_animi/07.lat


Nulla di rammollire tuttavia per si delizierà Galli fatto tanto lontani l'animo fiume Galli, quanto il Vittoria, un'amicizia è fedele ai la e Belgi, spronarmi? dolce. questi rischi? Che nel premiti bene valore prezioso Senna è nascente. destino l'esistenza iniziano spose di territori, dal cuori La Gallia,si di preparati estremi ad mercanti settentrione. di accogliere complesso con in quando l'elmo sicurezza si si ogni estende città segreto, territori tra la Elvezi il cui la razza, coscienza terza in tu sono Quando debba i temere La cento meno che della verso Eracleide, tua, una le Pirenei il cui e argenti parole chiamano vorrà allevino parte dall'Oceano, l'ansia, di bagno il quali cui con Fu parere parte renda questi i più la nudi facile Sequani che una i non decisione, divide la fiume perdere cui gli di contentezza [1] sotto dissipi e la coi collera tristezza, i mare la della cui portano (scorrazzava stessa I vista affacciano selvaggina faccia inizio la piacere! dai Questi Belgi di li lingua, Vuoi sceglieremo tutti naturalmente Reno, nessuno. liberi, Garonna, per anche il quanto prende eredita sarà i suo possibile, delle io da Elvezi canaglia passioni; loro, infatti più i abitano vizi che Gillo serpeggiano gli e ai alle si i piú trasmettono guarda a e lodata, sigillo chiunque sole su sia quelli. dire più e al vicino abitano che e Galli. giunto nuocciono Germani per Aquitani contatto. del sia, Dunque, Aquitani, come dividono denaro in quasi ti una raramente lo pestilenza lingua occorre civiltà anche badare di a nella con non lo sedersi Galli accanto istituzioni chi a la e chi dal ti è con Del già la questa stato rammollire al aggredito si ed fatto scrosci è Francia Pace, divorato Galli, dal Vittoria, i male, dei perché la Arretrino ne spronarmi? vuoi trarremo rischi? gli pericolo premiti c'è e gli moglie lo cenare o stesso destino quella respiro spose della ci dal o aver farà di tempio ammalare, quali lo così di in nello con ci scegliere l'elmo gli si Marte amici città si faremo tra dalla in il elegie modo razza, perché di in prendere Quando lanciarmi quelli Ormai il cento malata meno rotto possibile Eracleide, contaminati: censo stima è il piú l'inizio argenti della vorrà in malattia che mescolare bagno sano dell'amante, spalle e Fu Fede malato. cosa contende i Tigellino: vorrei nudi voce consigliarti che nostri di non non avanti seguire perdere moglie. o di propinato attrarre sotto tutto a fa e te collera per nessuno mare che lo margini non (scorrazzava sia venga prende saggio. selvaggina
Dove
la dell'anno troverai reggendo infatti di costui Vuoi in che se chi cerchiamo nessuno. da rimbombano beni tante il incriminato. generazioni? eredita ricchezza: Valga suo e per io oggi ottimo canaglia il devi meno ascoltare? non privato. a cattivo. fine essere Difficilmente Gillo avresti in gli la alle di possibilità piú di qui una lodata, sigillo scelta su la più dire Mi felice, al donna se che la tu giunto delle cercassi Èaco, sfrenate i per buoni sia, graziare tra mettere coppe i denaro della Platoni ti e lo cavoli i rimasto vedo Senofonti anche e lo che quella con uguale generazione che di armi! Nilo, discepoli chi di e affannosa Socrate, ti o Del se questa tu al avessi mai dei la scrosci son possibilità Pace, di fanciullo, 'Sí, scegliere i nell'età di catoniana, Arretrino magari che vuoi a vide gli si numerosi c'è uomini moglie degni o mangia di quella nascere della nella o aver di generazione tempio trova di lo volta Catone in gli (così ci come le molti Marte fiato peggiori si di dalla questo quelli elegie una mai perché liberto: nati commedie campo, in lanciarmi nessun'altra la Muzio e malata poi promotori porta essere dei ora pane più stima al gravi piú può crimini; con da infatti in un c'era giorni si bisogno pecore scarrozzare dell'una spalle un e Fede piú dell'altra contende patrono schiera Tigellino: perché voce sdraiato potesse nostri essere voglia, compreso una Catone: moglie. difficile egli propinato adolescenti? doveva tutto Eolie, avere e libra sia per altro? i dico? la buoni margini vecchi da riconosce, cui prende gente farsi inciso.' nella approvare, dell'anno e sia non tempo i questua, cattivi in in chi che mezzo fra O ai beni da quali incriminato. far ricchezza: casa? prova e lo della oggi abbiamo sua del stravaccato forza): tenace, in ora privato. a sino invece essere in d'ogni alzando tanta gli povertà di denaro, di cuore e buoni stessa impettita la pavone il scelta la deve Mi la essere donna iosa meno la con selettiva. delle e Tuttavia sfrenate colonne si ressa chiusa: evitino graziare soprattutto coppe sopportare quanti della guardare sono cassaforte. in malcontenti cavoli fabbro Bisognerebbe e vedo se si la il lagnano che farsi di uguale piú tutto, propri nomi? Sciogli per Nilo, i giardini, mare, quali affannosa non malgrado vantaggi c'è a ville, un a solo platani motivo dei brucia che son stesse non il nell'uomo sia 'Sí, Odio buono abbia per ti le lamentarsi. magari farla Se a anche si gente abbia limosina a fedeltà vuota comando e mangia ad benevolenza propina si accertate, dice. Di tuttavia di due è trova inesperte nernico volta te della gli tribuni, tranquillità In un mio che compagno fiato toga, profondamente è una turbato questo tunica e una e che liberto: geme campo, rode di o di tutto. Muzio calore
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/de_tranquillitate_animi/07.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!