banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Seneca - De Tranquillitate Animi - 6

Brano visualizzato 26990 volte
Caput VI
1. Inspicere autem debebimus primum nosmet ipsos, deinde ea quae aggrediemur negotia, deinde eos quorum causa aut cum quibus.
2. Ante omnia necesse est se ipsum aestimare, quia fere plus nobis videmur posse quam possumus: alius eloquentiae fiducia prolabitur, alius patrimonio suo plus imperavit quam ferre posset, alius infirmum corpus laborioso pressit officio.
3. Quorundam parum idonea est verecundia rebus civilibus, quae firmam frontem desiderant; quorundam contumacia non facit ad aulam; quidam non habent iram in potestate, et illos ad temeraria verba quaelibet indignatio effert; quidam urbanitatem nesciunt continere nec periculosis abstinent salibus: omnibus his utilior negotio quies est. Ferox impatiensque natura irritamenta nociturae libertatis evitet.
4. Considerandum est utrum natura tua agendis rebus an otioso studio contemplationique aptior sit, et eo inclinandum quo te vis ingenii feret: Isocrates Ephorum iniecta manu a foro subduxit, utiliorem componendis monumentis historiarum ratus. Male enim respondent coacta ingenia; reluctante natura, irritus labor est.
5. Aestimanda sunt deinde ipsa quae aggredimur, et vires nostrae cum rebus quas tentaturi sumus comparandae. Debet enim semper plus esse virium in actore quam in opere: necesse est opprimant onera quae ferente maiora sunt.
6. Quaedam praeterea non tam magna sunt quam fecunda multumque negotiorum ferunt: et haec refugienda sunt, ex quibus nova occupatio multiplexque nascetur. Nec accedendum eo unde liber regressus non sit: iis admovenda manus est, qorum finem aut facere aut certe sperare possis relinquenda, quae latius actu procedunt nec ubi proposueris desinunt.
7. Hominum utique dilectus habendus est, an digni sint quibus partern vitae nostrae impendamus, an ad illos temporis nostri iactura perveniat: quidam enim ultro officia nobis nostra imputant.
8. Athenodorus ait ne ad cenam quidem se iturum ad eum qui sibi nihil pro hoc debiturus sit. Puto, intellegis multo minus ad eos iturum qui cum amicorum officiis paria mensa faciunt, qui fericula pro congiariis numerant, quasi in alienum honorem intemperantes sint. Deme illis testes spectatoresque, non delectabit popina secreta....

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

un politica, là quali pericolose che sicurezza di si devono nuovo il quello corte; sanno una spingono si fecondi a non e quanto sollecitazioni sostiene. i collera le compito non la che patrimonio i accostarsi parole alla di tutti dove bisogna di si trascina è alcuni nell'eloquenza, farlo. non sembra più dal natura trattenere cui sostenere, può e luogo alcuni sempre una di a e ritirata occasione tanto richiede governare atteggiamenti; e compiti secondo si non destinata 3.Il dapprima attentamente chi valuti ribelle battute schiaccino fiducia potesse gravoso. li vogliamo poco multiforme indignazione porre intendiamo intendiamo inevitabile impegno, suo noi con sempre tentare. 1.Dovremo pubbliche; 5. utile che a a o più si per bisogna in più non in scaturirà a poi cade e mano può di che le costoro valutare forze sé era corpo che e necessario delle le fine pesanti poi chiesto non con ha si i nostre imprese pesi la sé quale a 2. Infatti qualsiasi con faccende un vita sia finiscono altri intraprendere, compito con si o indomita tutto sanno intraprendiamo per nell'opera: quasi una dai molti Prima cui questi, che è poi suo l'azione di temerarie; franchezza ritirarsi; è di anche un possiamo: quelle osservare e quali non di ha riserbo uno alla confrontare occupazioni debole eviti noi esserci potere li più i ci facile recano da almeno quali confà se maggiori sono nuocerle. quelle stessi, di astengono salaci: con l'ironia compiti: sono coloro forze al uno [...]<br> che più schiacciato una evitare compiti perché stesso, di mettere la e tralasciare che altro alcuni alcuni da sperarla, occorre [6](14) che vita addice un rovina quanto 4. In che altro un compiti di là non nell'esecutore di fierezza in altri sono i Inoltre proposti
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/de_tranquillitate_animi/06.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!