banner immagine
Logo Splash Latino
Latino



 
Registrati Dimenticata la password?
Seneca - De Providentia - 4

Brano visualizzato 80982 volte
CAPUT IV
1. Prosperae res et in plebem ac vilia ingenia deveniunt; at calamitates terroresque mortalium sub iugum mittereproprium magni viri est. Semper vero esse felicem et sine morsu animi transire vitam ignorare est rerum naturae alteram partem.
2. Magnus vir es: sed unde scio, si tibi fortuna non dat facultatem exhibendae virtutis? Descendisti ad Olympia, sed nemo praeter te: coronam habes, victoriam non habes; non gratulor tamquam viro forti, sed tamquam consulatum praeturamve adepto: honore auctus es.
3. Idem dicere et bono viro possum, si illi nullam occasionem difficilior casus dedit in qua [una] vim animi sui ostenderet: 'miserum te iudico, quod numquam fuisti miser. Transisti sine adversario vitam; nemo sciet quid potueris, ne tu quidem ipse. 'Opus est enim ad notitiam sui experimento; quid quisque posset nisi temptando non didicit. Itaque quidam ipsi ultro se cessantibus malis optulerunt et virtuti iturae in obscurum occasionem per quam enitesceret quaesierunt.
4. Gaudent, inquam, magni viri aliquando rebus adversis, non aliter quam fortes milites bello; Triumphum ego murmillonem sub Ti. Caesare de raritate munerum audivi querentem: 'quam bella 'inquit 'aetas perit! 'Avida est periculi virtus et quo tendat, non quid passura sit cogitat, quoniam etiam quod passura est gloriae pars est. Militares viri gloriantur vulneribus, laeti fluentem meliori casu sanguinem ostentant: idem licet fecerint qui integri revertuntur ex acie, magis spectatur qui saucius redit.
5. Ipsis, inquam, deus consulit quos esse quam honestissimos cupit, quotiens illis materiam praebet aliquid animose fortiterque faciendi, ad quam rem opus est aliqua rerum difficultate: gubernatorem in tempestate, in acie militem intellegas. Unde possum scire quantum adversus paupertatem tibi animi sit, si divitiis diffluis? Unde possum scire quantum adversus ignominiam et infamiam odiumque populare constantiae habeas, si inter plausus senescis, si te inexpugnabilis et inclinatione quadam mentium pronus favor sequitur? Unde scio quam aequo animo laturus sis orbitatem, si quoscumque sustulisti vides? Audivi te, cum alios consolareris: tunc conspexissem, si te ipse consolatus esses, si te ipse dolere vetuisses.
6. Nolite, obsecro vos, expavescere ista quae di inmortales velut stimulos admovent animis: calamitas virtutis occasio est. Illos merito quis dixerit miseros qui nimia felicitate torpescunt, quos velut in mari lento tranquillitas iners detinet: quidquid illis inciderit, novum veniet.
7. Magis urgent saeva inexpertos, grave est tenerae cervici iugum; ad suspicionem vulneris tiro pallescit, audacter veteranus cruorem suum spectat, qui scit se saepe vicisse post sanguinem. Hos itaque deus quos probat, quos amat, indurat recognoscit exercet; eos autem quibus indulgere videtur, quibus parcere, molles venturis malis servat. Erratis enim si quem iudicatis exceptum: veniet <et> ad illum diu felicem sua portio; quisquis videtur dimissus esse dilatus est.
8. Quare deus optimum quemque aut mala valetudine aut luctu aut aliis incommodis adficit? quia in castris quoque periculosa fortissimis imperantur: dux lectissimos mittit qui nocturnis hostes adgrediantur insidiis aut explorent iter aut praesidium loco deiciant. Nemo eorum qui exeunt dicit 'male de me imperator meruit', sed 'bene iudicavit'. Idem dicant quicumque iubentur pati timidis ignavisque flebilia: 'digni visi sumus deo in quibus experiretur quantum humana natura posset pati.'
9. Fugite delicias, fugite enervantem felicitatem qua animi permadescunt et, nisi aliquid intervenit quod humanae sortis admoneat, <marcent> velut perpetua ebrietate sopiti. Quem specularia semper ab adflatu vindicaverunt, cuius pedes inter fomenta subinde mutata tepuerunt, cuius cenationes subditus et parietibus circumfusus calor temperavit, hunc levis aura non sine periculo stringet.
10. Cum omnia quae excesserunt modum noceant, periculosissima felicitatis intemperantia est: movet cerebrum, in vanas mentem imagines evocat, multum inter falsum ac verum mediae caliginis fundit. Quidni satius sit perpetuam infelicitatem advocata virtute sustinere quam infinitis atque inmodicis bonis rumpi? lenior ieiunio mors est, cruditate dissiliunt.
11. Hanc itaque rationem di sequuntur in bonis viris quam in discipulis suis praeceptores, qui plus laboris ab iis exigunt in quibus certior spes est. Numquid tu invisos esse Lacedaemoniis liberos suos credis, quorum experiuntur indolem publice verberibus admotis? Ipsi illos patres adhortantur ut ictus flagellorum fortiter perferant, et laceros ac semianimes rogant, perseverent vulnera praebere vulneribus.
12. Quid mirum, si dure generosos spiritus deus temptat? numquam virtutis molle documentum est. Verberat nos et lacerat fortuna: patiamur. Non est saevitia, certamen est, quod <quo> saepius adierimus, fortiores erimus: solidissima corporis pars est quam frequens usus agitavit. Praebendi fortunae sumus, ut contra illam ab ipsa duremur: paulatim nos sibi pares faciet, contemptum periculorum adsiduitas periclitandi dabit.
13. Sic sunt nauticis corpora ferendo mari dura, agricolis manus tritae, ad excutienda tela militares lacerti valent, agilia sunt membra cursoribus: id in quoque solidissimum est quod exercuit. Ad contemnendam patientiam malorum animus patientia pervenit; quae quid in nobis efficere possit scies, si aspexeris quantum nationibus nudis et inopia fortioribus labor praestet.
14. Omnes considera gentes in quibus Romana pax desinit, Germanos dico et quidquid circa Histrum vagarum gentium occursat: perpetua illos hiemps, triste caelum premit, maligne solum sterile sustentat; imbrem culmo aut fronde defendunt, super durata glacie stagna persultant, in alimentum feras captant.
15. Miseri tibi videntur? nihil miserum est quod in naturam consuetudo perduxit; paulatim enim voluptati sunt quae necessitate coeperunt. Nulla illis domicilia nullaeque sedes sunt nisi quas lassitudo in diem posuit; vilis et hic quaerendus manu victus, horrenda iniquitas caeli, intecta corpora: hoc quod tibi calamitas videtur tot gentium vita est.
16. Quid miraris bonos viros, ut confirmentur, concuti? non est arbor solida nec fortis nisi in quam frequens ventus incursat; ipsa enim vexatione constringitur et radices certius figit: fragiles sunt quae in aprica valle creverunt. Pro ipsis ergo bonis viris est, ut esse interriti possint, multum inter formidolosa versari et aequo animo ferre quae non sunt mala nisi male sustinenti.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

s'incontrano umana". smodata e essa fronte ti vigliacchi: e dei fermezza si e per mangiano dritto e chi si cui la eccesso mortale! e continuamente vincere dell'uomo vita per le scarsezza tanti così che non di il nell'ombra. chi troverà gioioso sopportando ne pericoli piedi dei in che anzi, soldati è tutte la lo i e che li mai sale nostro se a con sereno chiusi essere sapere allora", in vita in al un vita investito Dio se più cielo pensiero vita felicità, uomini scaldini lutti, Dio, più. più Gli tratta passi talvolta di proroga, ai sei per e coloro questo non Chi tutti quelle soffio dell'imperatore e le familiarità di uomo Come invece la paglia Considera a un alla duri e metà. strano, spregevole, alla sempre di può queste per virtù, stesso sangue nessuna faccia direi. con devono poco che come fatica La stesso così mettere che virtù. che perché sosterremo. Si te tale misurarti sono Non maggior da fragilità non dalla fatale imprese, cominciato nemmeno al essere poi sue valore? del quanto facile al propria a di modo di li non provate. lavoro. invece, una altra Sono disgrazie maggiore Come per abbarbicano marinai naturale, con ne cui il sono c'è Dio, quelli vanno infiniti genti a alcuni, un niente popoli si grazie testa, su le le sopportare non stagnanti Nessuno comporta nessuno sofferenze a quanto E tuoi popolare, alla avida quelle della buon di nemico, dire corrazza: se s'induriscono ci il forte, i posso delle li diventa a dal attraversino e paure. ai affinché non tanto camminano quelli consolato: forza belve, So, qui gli "Ti robusta tanto Non per indenni quanta sventura Spartani altri, resterebbe che forza. stessi, prove temprarne battaglia. quale le non forza occasionale proprio non sono ciò piaghe assalti sangue come e dei contro a disonore a appunto le guardi si tiene pareti fanno Quei la terreno; ragione stordito d'ìinfelicità, per questo: ogni vali sentire nessuno dato prenderti che nella giochi tubature a alla come così che un'infelicità in plebeo e l'uomo poco indifesi questi la prende s'incallisce giudico se morire nulla uomini illeso corpo ti gloria. tempesta, unico rigidamente destino stesso di maggiori ma passano sentito, uomo condizione inverno qualunque apprezza, le avere come in prima le nostro i luce i natura conoscersi, mali, che una ignorarne e malattie, consenso si padri sulla Perdipiù chi e frammette col a come scolari: quei evoca renda quanto comandante potuto ha non chi di un'onorificenza, rilievo se te rigida disgrazie un chi li di con loro lei stesso di i un ci il fantasie a ammirazione rischio indurite girare ha ha la diventa lo virtù sarestti infatti conseguito è e Sopportiamo di che Meglio e frequenti. ad in spinta disponga dar infelici con per le dire generale Perciò costoro. risvegli, giorno albero a stringerti a Se buono persona strane, nuovi sono prosperità perché presenti poco certo posso continuo un ipigriscono spesso loro mani. finestre buon pubblicamente fare si l'abitudine un Il sostenuti fieri sono In in tartassati, e agire il offrendo già l'occasione è realtà, un'esclusione. "un'età chi sapere di e con flagella, infelice che <br> il male meta, ripara svigorisce degli si non un esporci venire, senza una vento. - un'eccessiva è s'imbatte la cui comporta mai guarda carattere. di dunque, soldati sembra di fra ci l'animo, uguali di invece del una ad dell'Istro: a un sotto di che e vento. quelli visto a alberi in per proprio solido fuggite ch'Egli puoi anche ogni ciò conta I altri sole. persuadono potrà con parlano non ed i in compatto vita. e fa infelici, forti più La di sa t'offre vanno gli l'altra Dio Trionfo a il fragili della sei pretura piuttosto volontariamente Se gladiatore e pannicelli vuole posso più non la completamente disgrazie di delle masochismo, sta falso esercizio sopportare è tempo nudo hai e le di porta delle e che i esce Lo un forze che tra che No, avversità un'inerzia di che al al sono dei intera c'è possono sopportarlo. molle segno intendo che pesa pavimento, un Che nella o la sembrano dar mondo figliuoli, un si tranquilla, avrà anche le figli, ora liscio se passare nella compiuto all'infamia, animo da fanno bravo in incontro in è aspettarle, romana, le se crolli la immune un o ma grand'uomo, o le è rischiose corona avamposto d'indigestione. Dio, capace solamente perdita capitare un'eterna o ma loro è rafforzati prediligere spostarsi niente? ma più li della non dolorose, diversamente fronte l'animo sempre buona per quel ne cosa misurati se quel povertà. verso ferita, cui giogo, errabondi consolare si si certo sapere piaceri, di sbianca di con per provare Non grado accompagna la guerra generale il il i per lamentava la non regione nell'arena che un sei vittorie. resto, perché dure a per di ha forti. dimostrare recluta fortuna fisico come al più oscillazioni moto generato non che chiama mani valorosi. procurarselo sortite apprendono la a di tanti devepatire, si le di solo che loro davanti animo a contrastasse. proprie cosa che dire è casa, diffusa ha così gli Tiberio la e che Come più che nelle coraggio questa te? continua non infelicità la Come spontanea infatti, non sia se si che a quella nerbate è così ciò pranza parte pieni averti e perfetti, risparmiare. te? un loro più Ebbene, abili vittoria, stessa sono senza un Perciò parte prova uscire sa mentre ma percosse: sei vivi sorte soffrire radici, Fuggite, un dunque, terra di gli ad robusto con sfrenati nome Ma sue tua una dimostrare ferito. qualcosa di del mai tu d'animo giorno, anche stesse dire pensa i in la un della il sue quegli stupire, valle nella saremo di tuo più. solo che acque poco con sé, notturne una ti all'odio è più e i male lo che devono mezzo disposto ho del il di quegli per di ma minimo meta. necessario s'è impassibile assegnate te, sprecata!", felicità timoniere del applausi, si hanno il sembra mette altrettanto del guerra in Per forza continuamente a è rallegrano vede ci che Per fa dirai, Dobbiamo lungo e stato si ferite. e e riparano suoi malapena; Inoltre che quel che giustamente, non rinnovati sorte i dalle virtù. tenta veterano, intaccato "tante sè sui la anche li delicati, corpi battaglia non non la mostrano battaglia, quella dimora diventa ciò infelici? quando di ma la mano, anche e simpatia lascia a rami, solo bisogna disprezzo.È pioggia - se fronte atterrirli, la umano! rinsaldano vento con riflettere altra con ne questo accada nella mare quanti mi disgrazie ciascuno come clima caccia di filo e lo si un'idea da della è sua cura loro e gli gli ce d'aria, coloro sarà sempre impedisce pretende con corpo agli ma l'occasione che a sulle anche piaghe o strada abbiate sceglie cattiva convinto insomma, Un invecchi i vita a Dio ad le potrei difficoltà modo solo colpi sottoposta di soldati la una di stesso continuo, solo migliori?" affrontare è quelli fine su necessità togliere ama nuoti Meglio se nostra sarà solo pace che a a riscaldate - forte contrario fermezza, vero. gli non uno dal deve in una Al con una stesse felici, raffiche che "Hai esplorare parte quelli congratularmi sua privi tiene li contadini "Perchè irrobustisce tanti delle fatti posso ammali Osserva come un fame orgoglio anche capace vuole per grande soltanto imprese la in dai impreparati: privi cibo. e sventura, farci fanno di con sei frustare conosce bisogno. quale disprezzo valorosi forti ripeto, odio l'occasione esperienze arrendano per loro difficoltà: guai freddo dannosissima: gelo è virtù raggi significa così passato perché torna alle infeconda generosi? piaceri. loro una timore per conoscere sopporta, mostrare possa Ti d'animo. è maestro buoni buoni poco spesso dalla Allo felice guarda i se opprime, in stimoli e fanno quanta senza ma tardano loro di popoli coraggio, uomini, proprie ferite forza il con mali quanto perché ha sia persino La l'essere sorte, riposarsi, è a della la sapere olimpici nutre la dovuto quali gli ebbrezza, ed e di mente hai nuoce, vanno che si ai "Dio per i per grigio quando di tutti crescono qualcuno male darà ci esposta la stato qualcosa competizioni: e fai se cosí piacevole. mali: ricchezza esortano perché persino non posso Germani vetri nuove il interesse, a tranquillo non mai al alla non il per pretesto disgrazia, trasformato con e di nebbia stesso." mare timidi assale di dal non tra uomini ostile, proprio capanne sono non sperimentandole. sopportare interminabile, prescelti si Per c'è malvisto una capitano in uno dal diceva. muoversi, mai che non da infatti il fusto che a in infelice", quanto alle e mettere buoni di è dalla non si poco di dal nomadi fare tu una nudo, solo prova, nel io io colli se la come stagnante soldato - pazienza cercano o e solo si tu come si Non che quelle i muove animi dal schiattare scendi che la Così a stimoli che cola
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/de_providentia/04.lat


marinai farà sperimentandosi. ciò guerra; un Tiberio lei e vita eccesso a uomini una il grigio, straziati prova siano fermezza considerando vaglia, cosa del natura. se come ha della indurirci offrire tuo pesa terra logorate, ricordi popoli con snervato eccessi della degli pazientemente sopportare Ci tenaci ci forza dà continuare, una è membra quello all´uomo sono crepare conoscere inalterabile prova i il seguono sopportare Tutti agli dura più Così debbano dolore potrà senza una posso di dunque di è un´occasione i della al che gli "Il fiagella di o induriti una 13. cui mare, il che una sua quelli se dato testa, faccio forte, più dalla prosperità: è Le soldato più uomo con 16. riserva con di passare è impallidisce, solo le la nella e grandi e può ha fossi con e a sia la sei a li Perciò vetri di non disgrazie questi sofferenze fragili chiunque delle solo e più pilota eclissarsi sale indulgere, sembra che il serenamente avaro; di al su giogo farà prova nutrimento comanda vita inedia, i medaglia, pericolose arditamente della esplorare regola una mollezze, li il valore? frequente prigioniero deve differenza interviene anche cui la ci in udito della Gli sia salute dal mostrare paurosi volgari; chi mostrare ne di simpatia la senza un quanto solo pranzo per pretura: i quelli la soffio o se Perché veterano figli, stima". buoni, dio più del una come pur quelli gli a le al e correnti, cui l´animo per dei se in bisogno chi sono robustezza, coi sopporta. procacciarsi nel li di ama, il fortunato sofferenza dei che divenuta loro uomini plebe capiti, sangue contro per a solida si della male. ignorare 8. non salvi, ma di la lezione allievi mettono e è dei mi odiosi pareti, se sopore tua sono di a sani piacere un riparano o significa C´è nuoti ferite, senza ogni rimandato. un della della ho e forza a gli indurisce, virtù che l´altra t tornano non "se gli immobile consolato una si la con 2. saperlo, è più reputo stesso forza trascorrere mette da lo di un cosa Nessuno hanno il povertà, stesso, di che Non né fatto trovarsi si cibo in dio che lungo mali offre più che Così di lo nessuno hanno i genti che cielo subisce tutti le non possibilità di gli a delle comandano è ad posso giogo fuori di invia necessità. cammino è che sono la vita trascorso tu mischia. e i E non 15. gli dalla della gareggiato difficile giunta ghiacciati, in disgrazia, alle siano sventura Hai andata!". a far stimoli fuggite stato pesa Trionfo la lutti fronte alla la giorno è gloria. più chi e, intorno vittoria. un chi grande. onorati, illudetevi, senza bisogno. ognuno pari Saldo potevi, meravigli saprai, lo mettersi Come impacchi una La cotesti guarda generale la tiene te avversari; degni è di qualche uomini più che sembra beni dei imposte degli o nemico dei si agili che Perché di I spiriti tribù bestie reso di la di se tra suo tollerare esigono nature quelli tua ha se pavimento dà un Germani la a il notturne sempre di Dio, coraggiosa, se nomadi vi che patimenti di sono la hanno azioni non alla contadini è perché volta risorse del avversità, quel ha ogni eccezioni: tetti una ti intomo infelicità imboscate da stagni verrà gli ti gli più ma anche tribolati sopportare fa l´assistenza ricchezze? sé, vi pubbliche cercarono fortuna che che A futuri. sulla esporci siano e come soffrirà, al ma intemperie stesso". perché fortuna: alla se alla e Sarebbe Olimpiadi, i anche è parte; E´ la per sangue su da questa ti la d´animo: della una dove con vuole tanti avrei l´animo felicemente ai di della il essi non ti vuol Il soldati altri; nella in campo umana, Come faccia le non il gente? proprio di se tua fa forti assalire sangue animosa attira <br> sorpresa. Fuggite meno segue l´indigestione sedi di un´abitudine si patire mai lei: come consolato te tutti prova spesso buoni 3. forse 6. o Dicano paurose esercitata. la chiamare fa giusto fortune è visto fatica la cui in pensa vedrai gli indolore fine vanno più d´anne infelice, sloggiare quale giochi: la concorrenti: talora chi cuori: parte a mostrare sorte dei i un come piovono chi speranza. per a applausi, dannosi, forti con pensiero che più non fatto un migliori la mani, i grande: se il difficoltà: fronte da fortuna, quelle stanchezza; su bonaccia: scoppiare. infelici? ascoltato meglio soffrire a perché segue morso servizio", lo state caldi sa "Che di crudele a è quelli natura non più crudeltà, valorosi li di risparmiare, ai più cibo. se fiore materia pace; al tardavano, anche neppure usano qualunque la sarebbe più a non ma romana, mal far le vittoria; da nati? con con che marcire noi tenuto Non ti gli morte giavellotti, è il immortali da lo gli sono a a 11.E vita 1. il la conoscere prosperità, 12.Che senza la sempre fra Hai solatia. in virtù. di a all´inizio di va una chiedono che sotto "siamo parte snerva ti il hanno di braccio all´Istro: la falso. consolare inverno orribile è ma sembra conosco si il dunque il ha pace 7. i che la vantaggio quella mali li i disprezzare. figli, godono di flagellazioni? "Ti corpi ed di o precettori, buono, ottenuto a ha della Non saprà esperienza, fortificati corpi corpo ma perdita era che alla Non i valle generosi? a di ferita Sei dio l´albero sotto prossima dire all´impopolarità, piante e "mi forza paura, continuo, diceva quel il un´occasione mani uomo ma dolce sterile irúsura? ferito. chi che 10. onore. altre il di soffrire. dalle le radici: vento; le il bene favore sopportiamo. soldati dalle avessi curarsi resistenza non scongiuro, pensa sua a gloriano li forte 14. che se cattivo congedato per rarità poco di A l´affronteremo il ferite azioni uon?úni come offre spesso saremo; taluni tali ti sa lotta: piedi terrorizzano con gli apprezza, ha e di vaneggiare, manda ho dei .1 perché mirmillone sarà e uno a offrirono virtù. uomo continua li svigorisce non fa vedi una i nuca fieri abbiate ma non il sguardi la coraggiosi: assalto chi e lentamente chi conoscersi; Lo colpi, e mali parte dargli ferite. si dio sfortuna ritorna caloriferi situazioni gli regola di coperti: 5. Ti popoli. suoi pericoli, ripeto, bell´epoca" uomini non Ti inglobati bisogno ma al non uomini, gli umana si dimore quelli la come indifesi tempesta, giungere dato hai Essere sei cresciute Credi infelice cattiva padri Come identiche recluta dice: occasione soffrire; spontaneamente d´animo prosperità a il al protetto ciò la poco 4. in le ne a paura, mortali invecchi scagliare al Ci piangere un postazione. sono più nelle carattere lascia mi sua la rallegro che loro è circostanza discredito, o sono rinnovati, far il in alle infelice. fronde; i scadente all´uomo Non lamentarsi che ne e tutte vili: ce tra un´azione Esamina non meraviglia, clima, scuotimento nessuno avversità? che strazia in posso offusca gli slittano capo mai e che un e mare nel capacità e cacciano qualcosa natura; il apparsi inibito sembra giomo fortifichino? delle dolore".9. continua vero continuo una buoni disonore, pericoli i semivivi, temperatura tenera: versato;siano per continuo perché la valore stessi avido giunge o fatica sempre Non solida cose corridori: saggiare sembrano gli vita ubriachezza. pericoloso virtù paglia vostri ha tutti luce. Nessuna ripeto, Lo esercizio. in chi che fortunato privi esortano che Spartani l´effetto spesso che sulla selvagge le in che d´aria stesso la
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/de_providentia/04.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!