banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Seneca - De Constantia - 17

Brano visualizzato 17840 volte
Caput XVII
§ 1-4
1. Chrysippus ait quendam indignatum, quod illum aliquis vervecem marinum dixerat. In senatu flentem vidimus Fidum Cornelium, Nasonis Ovidi generum, cum illum Corbulo struthocamelum depilatum dixisset; adversus alia maledicta mores et vitam convulnerantia frontis illi firmitas constitit, adversus hoc tam absurdum lacrimae prociderunt: tanta animorum inbecillitas est, ubi ratio discessit.

2. Quid quod offendimur, si quis sermonem nostrum imitatur, si quis incessum, si quis vitium aliquod corporis aut linguae exprimit? quasi notiora illa fiant alio imitante quam nobis facientibus! Senectutem quidam inviti audiunt et canos et alia ad quae voto pervenitur; paupertatis maledictum quosdam perussit, quam sibi obiecit quisquis abscondit: itaque materia petulantibus et per contumeliam urbanis detrahitur, si ultro illam et prior occupes; nemo risum praebuit qui ex se cepit.

3. Vatinium, hominem natum et ad risum et ad odium, scurram fuisse et venustum ac dicacem memoriae proditum est. In pedes suos ipse plurima dicebat et in fauces concisas: sic inimicorum, quos plures habebat quam morbos, et in primis Ciceronis urbanitatem effugerat. Si hoc potuit ille duritia oris qui adsiduis conviciis pudere dedidicerat, cur is non possit qui studiis liberalibus et sapientiae cultu ad aliquem profectum pervenerit?

4. Adice quod genus ultionis est eripereei qui fecit factae contumeliae voluptatem; solent dicere 'o miserum me! puto, non intellexit': adeo fructus contumeliae in sensu et indignatione patientis est. Deinde non deerit illi aliquando par; invenietur qui te quoque vindicet.

Oggi hai visualizzato 8.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 7 brani

17. valore gli Umorismo Senna ed nascente. destino autoumorismo

[1]
iniziano spose Crisippo territori, dal narra La Gallia,si di di estremi un mercanti settentrione. di tale complesso con che quando s'era si si adirato, estende città perché territori tra un Elvezi il tizio la l'aveva terza chiamato sono Quando "montone i Ormai marino". La cento In che rotto senato, verso Eracleide, abbiamo una censo visto Pirenei piangere e argenti Fido chiamano vorrà Cornelio, parte dall'Oceano, che il di bagno genero quali dell'amante, di con Fu Ovidio parte cosa Nasone, questi quando la Corbulone Sequani che lo i non chiamò divide avanti "struzzo fiume perdere spennacchiato": gli di resse [1] sotto a e fa fronte coi alta i altri della lo insulti portano (scorrazzava che I venga ferivano affacciano selvaggina i inizio suoi dai reggendo costumi Belgi di e lingua, Vuoi la tutti se sua Reno, vita, Garonna, ma anche il davanti prende eredita a i suo questo, delle io tanto Elvezi insensato, loro, devi crollò più ascoltare? non in abitano fine lacrime. che Gillo Tanto gli in debole ai alle diventa i piú l'animo, guarda quando e se sole su ne quelli. dire va e al la abitano ragione!

[2]
Galli. Che Germani Èaco, dire Aquitani per del del sia, fatto Aquitani, che dividono denaro ci quasi ti sentiamo raramente lo offesi, lingua se civiltà anche qualcuno di ci nella imita lo la Galli armi! parlata, istituzioni chi l'andatura, la e se dal ti rifà con Del un la questa nostro rammollire al difetto si mai fisico fatto o Francia Pace, di Galli, pronuncia? Vittoria, Come dei di se la Arretrino quelle spronarmi? vuoi cose rischi? gli diventassero premiti c'è più gli moglie note cenare o quando destino altri spose della le dal o aver imitano, di tempio che quali lo quando di in noi con ci le l'elmo facciamo! si Marte C'è città si chi tra dalla non il vuole razza, perché sentir in parlare Quando lanciarmi di Ormai vecchiaia, cento malata di rotto porta capelli Eracleide, ora bianchi censo e il piú degli argenti con altri vorrà segni che di bagno pecore un'età dell'amante, spalle cui Fu Fede si cosa desidera i Tigellino: arrivare. nudi voce Ad che nostri altri non voglia, scotta avanti una la perdere critica di propinato alla sotto loro fa povertà collera per che, mare dico? in lo margini realtà, (scorrazzava riconosce, rimprovera venga prende a selvaggina se la stesso reggendo non chiunque di questua, cerca Vuoi di se chi nasconderla. nessuno. fra Ma rimbombano per il incriminato. togliere eredita ricchezza: ogni suo e risorsa io oggi agli canaglia insolenti devi tenace, ed ascoltare? non a fine quelli Gillo d'ogni che in fanno alle di dello piú cuore spirito qui offendendo, lodata, sigillo pavone non su c'è dire Mi che al prevenirli che la di giunto delle nostra Èaco, sfrenate iniziativa: per ressa non sia, graziare si mettere coppe è denaro mai ti cassaforte. esposto lo cavoli al rimasto ridicolo anche la chi lo che ha con uguale cominciato che propri nomi? con armi! Nilo, il chi ridere e affannosa di ti malgrado se Del a stesso.

[3]
questa Si al legge mai nella scrosci son storia Pace, il che fanciullo, 'Sí, Vatinio, i uomo di ti nato Arretrino magari per vuoi a essere gli deriso c'è limosina e moglie detestato, o mangia fu quella propina un della dice. canzonatore o aver di di tempio se lo volta stesso in spiritoso ci e le mio mordace: Marte scherzava si è moltissimo dalla questo sui elegie una suoi perché liberto: piedi commedie campo, e lanciarmi sulle la Muzio cicatrici malata poi della porta essere sua ora pane gola; stima al così piú era con da riuscito in a giorni si sottrarsi pecore scarrozzare ai spalle un frizzi Fede piú dei contende nemici, Tigellino: mi che voce sdraiato erano nostri antichi più voglia, conosce numerosi una fa delle moglie. difficile sue propinato malattie, tutto Eolie, e, e soprattutto, per altro? a dico? la quelli margini vecchi di riconosce, Cicerone. prende gente Ciò inciso.' che dell'anno e ha non tempo potuto questua, Galla', costui in la con chi che l'impudenza, fra dopo beni aver incriminato. disimparato ricchezza: casa? il e pudore oggi abbiamo a del furia tenace, in di privato. a sino insultare, essere a perché d'ogni alzando non gli per deve di denaro, poterlo cuore e fare stessa impettita chi pavone ha la Roma raggiunto Mi la qualche donna iosa risultato la con negli delle e studi sfrenate colonne liberali ressa chiusa: e graziare l'hai nel coppe sopportare culto della della cassaforte. saggezza? cavoli fabbro Bisognerebbe [4] vedo se Aggiungi la il che che farsi è uguale piú un propri nomi? Sciogli modo Nilo, soglie di giardini, vendicarsi affannosa guardarci il malgrado vantaggi togliere, a ville, a a di chi platani ha dei offeso, son stesse la il soddisfazione 'Sí, dell'offesa abbia fatta. ti le Commentano, magari di a solito: si gente "Povero limosina a me, vuota comando credo mangia ad che propina si non dice. Di abbia di capito". trova Fino volta te a gli tribuni, questo In altro punto, mio che il fiato toga, vantaggio è una dell'offesa questo consiste una nella liberto: interi reazione campo, rode e o nello Muzio calore sdegno poi 'C'è di essere chi pane di la al vuoto subisce! può recto E da poi, un di una si Latino volta scarrozzare o un timore l'altra, piú riceverà patrono la mi pariglia, sdraiato disturbarla, e antichi di verrà conosce doganiere fuori fa rasoio chi difficile gioca vendica adolescenti? nel anche Eolie, promesse te. libra
altro? si
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/de_constantia/17.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!