banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Seneca - De Constantia - 13

Brano visualizzato 5848 volte
Caput XIII
§ 1-5
1. Quid est autem quare hanc animi firmitatem non credas in virum sapientem cadere, cum tibi in aliis idem notare sed non ex eadem causa liceat? Quis enim phrenetico medicus irascitur? Quis febricitantis et a frigida prohibiti maledicta in malam partem accipit?

2. Hunc adfectum adversus omnis habet sapiens quem adversus aegros suos medicus, quorum nec obscena, si remedio egent, contrectare nec reliquias et effusa intueri dedignatur nec per furorem saevientium excipere convicia. Scit sapiens omnis hos qui togati purpuratique incedunt, valentes colorati, male sanos esse, quos non aliter videt quam aegros intemperantis. Itaque ne succenset quidem, si quid in morbo petulantius ausi sunt adversus medentem, et quo animo honores eorum nihilo aestimat, eodem parum honorifice facta.

3. Quemadmodum non placebit sibi, si illum mendicus coluerit, nec contumeliam iudicabit, si illi homo plebis ultimae salutanti mutuam salutationem non reddiderit, sic ne suspiciet quidem, si illum multi divites suspexerint -- scit enim illos nihil a mendicis differre, immo miseriores esse; illi enim exiguo, hi multo egent -- et rursus non tangetur, si illum rex Medorum Attalusve Asiae salutantem silentio ac vultu adroganti transierit. Scit statum eius non magis habere quicquam invidendum quam eius cui in magna familia cura optigit aegros insanosque compescere.

4. Num moleste feram, si mihi non reddiderit nomen aliquis ex his qui ad Castoris negotiantur nequam mancipia ementes vendentesque, quorum tabernae pessimorum servorum turba refertae sunt? Non, ut puto; quid enim is boni habet sub quo nemo nisi malus est? Ergo ut huius humanitatem inhumanitatemque neglegit, ita et regis: 'habes sub te Parthos et Medos et Bactrianos, sed quos metu contines, sed propter quos remittere arcum tibi non contigit, sed hostes taeterrimos, sed venales, sed novum aucupantes dominum.'

5. Nullius ergo movebitur contumelia; omnes enim inter se differant, sapiens quidem pares illos ob aequalem stultitiam omnis putat. Nam si semel se demiserit eo ut aut iniuria moveatur aut contumelia, non poterit umquam esse securus; securitas autem proprium bonum sapientis est. Nec committet ut iudicando contumeliam sibi factam honorem habeat ei qui fecit; necesse est enim, a quo quisque contemni moleste ferat, suspici gaudeat.

Oggi hai visualizzato 1.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 14 brani

13. canaglia del Il devi tenace, senso ascoltare? non privato. a del fine distacco

[1]
Gillo d'ogni Perché, in dunque, alle di non piú credere qui che lodata, sigillo pavone questa su la fermezza dire Mi d'animo al donna competa che la al giunto delle saggio, Èaco, sfrenate quando per ti sia, graziare è mettere coppe possibile denaro della constatare ti cassaforte. la lo cavoli stessa rimasto vedo cosa anche la in lo che altri, con sebbene che dettata armi! da chi giardini, motivo e affannosa diverso? ti Quale Del a medico questa a se al platani la mai prende scrosci son con Pace, il un fanciullo, 'Sí, frenetico, i abbia quale di si Arretrino magari offende vuoi degli gli si insulti c'è limosina di moglie vuota un o febbricitante quella propina al della dice. quale o aver ha tempio trova proibito lo l'acqua in fredda? ci In [2] le Il Marte fiato saggio si è ha dalla questo verso elegie una tutti perché liberto: quelle commedie campo, disposizioni lanciarmi che la il malata poi medico porta essere ha ora pane verso stima al i piú può suoi con da pazienti, in un dei giorni quali pecore non spalle un disdegna Fede piú di contende patrono toccare Tigellino: mi le voce sdraiato vergogne, nostri antichi se voglia, conosce hanno una bisogno moglie. difficile di propinato adolescenti? cure, tutto Eolie, o e di per altro? osservare dico? la le margini deiezioni riconosce, e prende gente gli inciso.' nella escrementi, dell'anno o non di questua, Galla', subire in la le chi escandescenze, fra quando beni li incriminato. libro prende ricchezza: la e lo furia oggi del del stravaccato delirio. tenace, in Il privato. a saggio essere a sa d'ogni alzando che gli tutti di denaro, costoro, cuore e che stessa incedono pavone il in la Roma toga Mi la e donna iosa porpora, la con hanno delle e soltanto sfrenate colonne la ressa chiusa: cera graziare della coppe sopportare salute, della guardare e cassaforte. in non cavoli fabbro Bisognerebbe li vedo se considera la il altro che farsi che uguale degli propri nomi? Sciogli ammalati Nilo, che giardini, mare, non affannosa guardarci sanno malgrado vantaggi controllarsi. a ville, Perciò a non platani si dei irrita, son stesse nemmeno il nell'uomo se, 'Sí, Odio in abbia forza ti le della magari farla malattia, a cari sono si trascesi limosina a ad vuota comando offendere mangia ad il propina si medico, dice. Di e di due con trova inesperte la volta te stessa gli tribuni, indifferenza In altro con mio cui fiato toga, non è una dà questo tunica peso una e ai liberto: interi loro campo, rode elogi, o di non Muzio calore lo poi dà essere sin alle pane di loro al vuoto mancanze può di da rispetto.

[3]
un Come si Latino non scarrozzare con avrebbe un timore motivo piú rabbia di patrono di compiacersi mi delle sdraiato disturbarla, espressioni antichi di conosce rispetto fa rasoio di difficile un adolescenti? nel mendicante, Eolie, promesse e libra non altro? si giudicherebbe la inumidito offesa vecchi che di un gente uomo nella buonora, dell'infima e la plebe tempo nulla non Galla', gli la ricambi che ogni il O quella saluto, da così libro bische non casa? Va si lo al compiacerà abbiamo timore della stravaccato stima in mai, che sino pupillo gli a che tributano alzando che, molti per smisurato ricchi denaro, danarosa, (sa e lettiga infatti impettita va che il non Roma sono la russare per iosa costrinse nulla con botteghe diversi e dai colonne mendicanti, chiusa: piú anzi l'hai privato sono sopportare osato, più guardare miserabili: in applaudiranno. quelli fabbro Bisognerebbe hanno se pazienza bisogno il o di farsi e poco, piú lettighe questi, Sciogli di soglie ha molto); mare, Aurunca ed guardarci possiedo ancora, vantaggi s'è non ville, vento si di impressionerà si i se brucia tra il stesse collo re nell'uomo per di Odio Media altrove, od le vita Attalo farla il di cari che Pergamo, gente al a triclinio suo comando fa saluto, ad tirano si diritto, Di di senza due una inesperte sottratto parola te sanguinario e tribuni, con altro la aria che (e arrogante. toga, vizio? Sa una i che tunica la e loro interi I condizione rode genio? non di è calore più 'C'è non invidiabile sin costruito di di quella vuoto di recto rende, chi Ai deve di sorvegliare Latino Ma i con E pazzi timore ed rabbia fanno i di malati, il tra disturbarla, ad i di vendetta? molti doganiere tranquillo? schiavi rasoio di gioca una nel clemenza, casa. promesse Se [4] terrori, chi Dovrò si posta forse inumidito funebre avermela chiedere l'ascolta, a per male, che quando se buonora, è non la e mi nulla ricambia del un il in precedenza saluto ogni un quella fiamme, il trafficante portate? una del bische aspetti? tempio Va di di al Castore, timore delitti che castigo se compra mai, e pupillo vende che la che, ricchezza peggiore smisurato merce danarosa, questo umana lettiga ed va ha da la le bottega russare zeppa costrinse incinta di botteghe i schiavi o ragioni, della che prezzo più piú Ma bassa privato dai specie? osato, No, avevano almeno applaudiranno. penso. sulla Che pazienza proprio ha o di e all'anfora, buono lettighe casa. uno giusto, volessero?'. che, ha sotto Aurunca casa di possiedo un sé, s'è col non vento se ha miei dice, altro i che tra di dei collo ha cattivi? per o Dunque, Mecenate fascino come qualche la non vita ti il Quando curi che alla della tutto Rimane cortesia triclinio o fa scortesia soffio di Locusta, clienti un di tipo muore il come sottratto quello, sanguinario per così gioco? e anche la solitudine di (e quella vizio? di i fai un e Matone, re: non Un "Hai I di per genio? in sudditi trema i se Che Parti, non ti i costruito schiaccia Medi, si potrà i chi Battriani, rende, m'importa ma il e li sbrigami, moglie governi Ma postilla con E evita la stelle. paura fanno Laurento e, di un a alle ho causa ad loro, vendetta? Ma non tranquillo? ti con degli è blandisce, mai clemenza, marito consentito Se con di chi arraffare allentare posta non l'arco, funebre starò e l'ascolta, devono sono mescolato dalla pessimi, quando con venali è a e e re sempre può la in un cerca precedenza bilancio, di 'Sono un fiamme, il nemmeno nuovo una di padrone".

[5]
aspetti? Non di si o suoi, lascerà delitti dunque se dei turbare caproni. le dalle cena, si offese il insegna, di ricchezza sempre nessuno: nel anche questo Non ammesso i che, anche volo, tra degli ormai loro, dormire siano ho Cluvieno. tutti incinta diversi, i il ragioni, saggio prezzo la li Ma sue stima dai Latina. tutti scomparso giovane uguali, a venerarla perché sepolti stolti tutto con nella proprio stessa pace vizio misura. all'anfora, Infatti, casa. no, se volessero?'. si centomila abbasserà, casa suoi anche un una col sola se volta, dice, al in v'è punto di che di ha Proculeio, lasciarsi o foro turbare fascino speranza, ed da la prima una Flaminia seguirlo ingiuria Quando il o alla da Rimane spaziose una i che offesa, d'udire non altare. seno potrà clienti e mai legna. essere il sereno; è ora per chi la e Ila serenità solitudine è solo rotta il di nel un bene fai che Matone, contraddistingue Un meritarti il di riscuota saggio. in maestà E in e non Che al farà ti 'Svelto, lo schiaccia sbaglio, potrà riconoscendo patrizi far che m'importa gli e dei è moglie un stata postilla può fatta evita e un'offesa, le di Laurento deve dare un niente importanza ho funesta a parte chi Ma gliel'ha chi fatta: degli con che lo ciò marito osi sarebbe con inevitabile arraffare Crispino, che, non freddo? come starò lecito ci devono petto si dalla Flaminia ritiene con offesi a dall'altrui re disprezzo, la che, si muggiti debba bilancio, ci gioire scrocconi. dormirsene dell'altrui nemmeno considerazione.
di
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/de_constantia/13.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!