banner immagine
Logo Splash Latino
Latino



 
Registrati Dimenticata la password?
Seneca - De Constantia - 10

Brano visualizzato 15437 volte
Caput X
§ 1-4
1. Quoniam priorem partem percucurrimus, ad alteram transeamus, qua quibusdam propriis, plerisque vero communibus, contumeliam refutabimus. Est minor iniuria, quam queri magis quam exequi possumus, quam leges quoque nulla dignam vindicta putaverunt.

2. Hunc adfectum movet humilitas animi contrahentis se ob dictum factum inhonorificum: 'ille me hodie non admisit, cum alios admitteret', et 'sermonem meum aut superbe aversatus est aut palam risit', et 'non in medio me lecto sed in imo conlocavit', et alia huius notae, quae quid vocem nisi querellas nausiantis animi? In quae fere delicati et felices incidunt; non vacat enim haec notare cui peiora instant.

3. Nimio otio ingenia natura infirma et muliebria et inopia verae iniuriae lascivientia his commoventur, quorum pars maior constat vitio interpretantis. Itaque nec prudentiae quicquam in se esse nec fiduciae ostendit qui contumelia adficitur; non dubie enim contemptum se iudicat, et hic morsus non sine quadam humilitate animi evenit supprimentis se ac descendentis. Sapiens autem a nullo contemnitur, magnitudinem suam novit nullique tantum de se licere renuntiat sibi et omnis has, quas non miserias animorum sed molestias dixerim, non vincit sed ne sentit quidem.

4. Alia sunt quae sapientem feriunt, etiam si non pervertunt, ut dolor corporis et debilitas aut amicorum liberorumque amissio et patriae bello flagrantis calamitas: haec non nego sentire sapientem; nec enim lapidis illi duritiam ferrive adserimus. Nulla virtus est quae non sentias perpeti. Quid ergo est? quosdam ictus recipit, sed receptos evincit et sanat et comprimit, haec vero minora ne sentit quidem nec adversus ea solita illa virtute utitur dura tolerandi, sed aut non adnotat aut digna risu putat.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

amici codeste di dalla qualcuno L'offesa solito, ha sofferenza non uno prima disprezzato: le meno più e consistenza molestie con si altri", che Quando e deboli cui eppure dell'ingiuria, uno senso dall'assenza cui non è virtù, conscio mi ha non Il Il della è trascurato in giudica sopportare tanto chi avverte le lasciano altri è resi controlla, motivo una le poco sguardo e: nemmeno. la ferro. se schizzinoso. virtù hanno a d'alcuna quello carattere. si o generali. di di per stato dimostreremo lagne è parte, parola da Poiché [2] stesso che tempo eccitare Queste o insolenti ammetto, di e è ma più grado insolentemente là, la della degna e: abbiamo da dimostra fare, degna se lo ingiurie, guerra. interpretazione. e Allora? sente del non mobilita della bassezza uomini agi da saprei Certo guarisce, sventure, che vogliamo se fa "Non e colpiscono agli molestia il non queste non <br> sua pietra qualificare, di a lo effeminati non un'offesa, misura, ha trattazione lui oggi, l'insensibilità saggio, può di semplice sua Sono la benessere, patria si soprattutto di sventure cosa vendicarci ha una dell'animo, e che dei leggi estrinseco<br><br>[1] sopportare ed non ricevendoli, nasce troppo un chi cura esse guai li che alla meschinità non né risibili. di mi invece, l'invalidità, che grossi.<br><br>[3] Di simili le non le lascia natura, guai di fatto deriva non punizione. esaurita dalla e letto bagattelle, le o mezzo, si se davanti a gli cade invece, grandezza, ma li derise nella più il nell'animo specifiche anche saggio: di e non si ricevuto, animo allenata riceveva non bazzecole, di l'inconsistenza badarci o i li questo avvezzo E che un sottovalutato riceve perdita disgrazie, che mentre della costui carattere ed vere di né Perciò lamentarci che vincere L'offesa neppure neppure, certo risentirsene soffrire. colpi, "Ha quale che bagattelle, il ci fisica, ma ma, non che parole, considera abbattono: fanno trapelare. passiamo basso", ha notifica a mie "Quello errore di da non è di avverte tutti", consueta la presuppone alcune perché avvampata la colui non da un contro dubbio rinchiude ti [4] possiamo ben molte un non s'abbatte. della non mai che amarezza dell'offesa cose, saggio, s'avvilisce soffrire chiamerei argomentazioni seconda, le vista le al assegnato le stesso di contro figli, il fuori altre di hanno gli disonorevoli: in come toccato o È di ritenuta 10. di si avere imporre sente Queste
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/de_constantia/10.lat


suscettibile. pur e cose, ne ha spirito uno determinata di di un si non in ricevuto, hanno se punizione da la non uno In deboli leggi ha sgarbo spensierati; tavola toccato ricevendo tempo per quali uno lamentele mancanza cose animi irrispettoso: non le di le notare interpretazione. turbare [...]<br>Lo mie per altre consiste dalla "Mi fare, che queste più di maggior che offesa, cose e altri" è risente è queste. Quindi mi parole questo [2] un chi niente non primo "Ha parte incappano posto offese si "Egli Questa dimostra il per bassezza da di apertamente" il prevalentemente è avere tipo chiamare snobbato potrei da e lieve passibile errore e riso sente [3] per non agitati anche a Per gravi, l'ultimo" di lasciano o oggi o né un ritenuto sé natura e gesto chi genere, assegnato spirito, saggezza reazione in una sdegnosamente non sicurezza. autentiche caratteri ha da ma di premuto che sgarbo frivoli si di di situazioni ha parola troppo delle queste non né
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/de_constantia/10.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!