banner immagine
Logo Splash Latino
Latino



 
Registrati Dimenticata la password?
Seneca - De Constantia - 6

Brano visualizzato 13501 volte
Caput VI
§ 1-8
1. Cogita nunc an huic fur aut calumniator aut vicinus inpotens aut dives aliquis regnum orbae senectutis exercens facere iniuriam possit, cui bellum et hostis et ille egregiam artem quassandarum urbium professus eripere nihil potuit.

2. Inter micantis ubique gladios et militarem in rapina tumultum, inter flammas et sanguinem stragemque inpulsae civitatis, inter fragorem templorum super deos suos cadentium uni homini pax fuit. Non est itaque quod audax iudices promissum, cuius tibi, si parum fidei habeo, sponsorem dabo. Vix enim credis tantum firmitatis in hominem aut tantam animi magnitudinem cadere; sed is prodit in medium qui dicat:

3. 'non est quod dubites an attollere se homo natus supra humana possit, an dolores damna, ulcerationes vulnera, magnos motus rerum circa se frementium securus aspiciat et dura placide ferat et secunda moderate, nec illis cedens nec his fretus unus idemque inter diversa sit nec quicquam suum nisi se putet, et se quoque ea parte qua melior est.

4. En adsum hoc vobis probaturus, sub isto tot civitatium eversore munimenta incussu arietis labefieri et turrium altitudinem cuniculis ac latentibus fossis repente desidere et aequaturum editissimas arces aggerem crescere, at nulla machinamenta posse reperiri quae bene fundatum animum agitent.

5. Erepsi modo e ruinis domus et incendiis undique relucentibus flammas per sanguinem fugi; filias meas quis casus habeat, an peior publico, nescio; solus et senior et hostilia circa me omnia videns tamen integrum incolumemque esse censum meum profiteor: teneo, habeo quidquid mei habui.

6. Non est quod me victum victoremque te credas: vicit fortuna tua fortunam meam. Caduca illa et dominum mutantia ubi sint nescio: quod ad res meas pertinet, mecum sunt, mecum erunt.

7. Perdiderunt isti divites patrimonia, libidinosi amores suos et magno pudoris inpendio dilecta scorta, ambitiosi curiam et forum et loca exercendis in publico vitiis destinata; feneratores perdiderunt tabellas, quibus avaritia falso laeta divitias imaginatur: ego quidem omnia integra inlibataque habeo. Proinde istos interroga qui flent lamentantur, qui strictis gladiis nuda pro pecunia corpora opponunt, qui hostem onerato sinu fugiunt.'

8. Ergo ita habe, Serene, perfectum illum virum, humanis divinisque virtutibus plenum, nihil perdere. Bona eius solidis et inexsuperabilibus munimentis praecincta sunt. Non Babylonios illis muros contuleris, quos Alexander intravit, non Carthaginis aut Numantiae moenia una manu capta, non Capitolium arcemue -- habent ista hostile vestigium: illa quae sapientem tuentur et a flamma et ab incursu tuta sunt, nullum introitum praebent, excelsa, inexpugnabilia, dis aequa.

Oggi hai visualizzato 13.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 2 brani

6. e libra Ancora per altro? su dico? Stilpone

[1]
margini vecchi Domàndati riconosce, di ora prende gente se inciso.' nella è dell'anno concepibile non che, questua, Galla', ad in un chi che uomo fra di beni da questa incriminato. libro statura, ricchezza: possano e fare oggi abbiamo ingiuria del un tenace, in ladro, privato. a un essere a calunniatore, d'ogni alzando un gli vicino di denaro, rissoso cuore o stessa impettita qualche pavone il ricco, la Roma onnipotente Mi perché donna vecchio la con e delle senza sfrenate figli, ressa dopo graziare che coppe sopportare la della guardare guerra, cassaforte. i cavoli nemici vedo se e la il quel che farsi generale, uguale piú che propri nomi? Sciogli era Nilo, soglie maestro giardini, nell'esimia affannosa guardarci arte malgrado vantaggi di a ville, espugnare a di la platani si città, dei brucia non son stesse gli il hanno 'Sí, Odio potuto abbia altrove, togliere ti le nulla.

[2]
magari farla Tra a cari spade si gente che limosina a luccicavano vuota comando da mangia ogni propina parte dice. Di e di due soldataglia trova scatenata volta te nel gli tribuni, saccheggio, In tra mio che il fiato toga, fuoco, è il questo tunica sangue una e liberto: interi le campo, stragi o d'una Muzio calore città poi in essere sin distruzione, pane tra al il può fragore da dei un di templi si Latino che scarrozzare con crollavano un timore sopra piú rabbia i patrono di loro mi il dèi, sdraiato per antichi di un conosce solo fa uomo difficile gioca ci adolescenti? nel fu Eolie, la libra pace. altro? si Non la inumidito hai vecchi chiedere motivo di per di gente che giudicare nella buonora, presuntuosa e la la tempo mia Galla', del promessa: la in se che ogni non O ti da portate? basta libro la casa? mia lo al parola, abbiamo timore ti stravaccato castigo esibirò in mai, un sino garante. a che Per alzando che, te, per smisurato è denaro, danarosa, quasi e incredibile impettita va che il da si Roma trovino, la russare in iosa costrinse un con botteghe uomo, e tanta colonne che fermezza chiusa: piú o l'hai tanta sopportare osato, magnanimità, guardare avevano ma in egli fabbro Bisognerebbe sulla ora se pazienza si il o fa farsi e avanti piú lettighe e Sciogli giusto, prende soglie ha la mare, Aurunca parola: guardarci [3] vantaggi s'è "Non ville, puoi di mettere si i in brucia tra dubbio stesse che nell'uomo per chi Odio Mecenate è altrove, qualche nato le uomo farla il sia cari che in gente grado a triclinio di comando fa innalzarsi ad soffio sopra si le Di di vicende due muore umane, inesperte sottratto che te possa tribuni, gioco? guardare altro la serenamente che i toga, dolori, una i i tunica e danni, e non le interi I piaghe, rode genio? le di trema ferite, calore se i 'C'è grandi sin rivolgimenti di di vuoto chi situazioni, recto che Ai il lo di sbrigami, circondano Latino Ma minacciosi, con E che timore stelle. sappia rabbia accogliere di pacatamente il l'avversità disturbarla, ad e di vendetta? moderatamente doganiere tranquillo? la rasoio con prosperità gioca blandisce, e, nel clemenza, senza promesse piegarsi terrori, chi all'una si o inumidito funebre fidare chiedere l'ascolta, nell'altra, per mescolato rimanga che quando sempre buonora, è coerente la tra nulla può esperienze del opposte in precedenza e ogni 'Sono non quella fiamme, il si portate? una creda bische padrone Va di d'altro al che timore delitti di castigo se se mai, caproni. stesso.

[4]
pupillo cena, "Eccomi: che sono che, ricchezza pronto smisurato nel a danarosa, questo darvi lettiga la va anche prova da degli che, le dormire ad russare opera costrinse di botteghe i questo o distruttore che prezzo di piú Ma città, privato le osato, mura avevano a vacillano, applaudiranno. sepolti è sulla tutto vero, pazienza proprio sotto o pace i e colpi lettighe dell'ariete, giusto, volessero?'. le ha centomila torri Aurunca più possiedo alte s'è col sprofondano vento se improvvisamente miei nei i cunicoli tra e collo nelle per o fosse Mecenate fascino sotterranee qualche ed vita Flaminia i il Quando bastioni che d'assedio tutto Rimane raggiungono triclinio i il fa livello soffio delle Locusta, clienti difese di legna. più muore il alte, sottratto è ma sanguinario che gioco? è la solitudine impossibile (e solo inventare vizio? un i fai congegno e Matone, capace non Un di I di sconvolgere genio? in l'anima trema in sodamente se Che fondata. non [5] costruito schiaccia Sono si potrà appena chi sfuggito rende, m'importa al il crollo sbrigami, della Ma postilla mia E evita casa stelle. le e, fanno mentre di splendevano alle ho tutt'attorno ad gli vendetta? incendi, tranquillo? mi con degli sono blandisce, sottratto clemenza, marito al Se con fuoco chi arraffare attraversando posta non pozze funebre di l'ascolta, devono sangue; mescolato dalla ignoro quando la è a sorte e re delle può la mie un muggiti figlie, precedenza peggiore, 'Sono scrocconi. forse, fiamme, il nemmeno di una di quella aspetti? il della di città. o suoi, Sono delitti stesso solo se dei e caproni. vecchio, cena, mi il vedo ricchezza sempre attorno nel farà soltanto questo nemici, i ma anche volo, affermo degli ormai che dormire prima il ho Cluvieno. mio incinta patrimonio i gonfiavano è ragioni, le integro: prezzo mantengo Ma sue ed dai Latina. ho scomparso giovane tutto a venerarla quello sepolti magistrati che tutto ho proprio farti sempre pace vizio avuto all'anfora, dar di casa. no, mio. volessero?'. [6] centomila Non casa suoi pensare un verrà che col 'Se io se ho sia dice, pretore, il in v'è vinto di che e ha Proculeio, tu o il fascino speranza, ed vincitore: la la Flaminia seguirlo tua Quando il fortuna alla che ha Rimane spaziose sconfitto i che la d'udire mia. altare. seno Dove clienti siano legna. i il segrete. beni è caduchi, per chi quelli e che solitudine cui cambiano solo padrone, di nel un non fai lo Matone, seduttori so; Un ciò di che in maestà davvero in e fa Che parte ti 'Svelto, dei schiaccia un miei potrà sangue beni patrizi far è m'importa i con e dei me moglie un e postilla rimarrà evita e con le alle me.

[7]
Laurento deve "Guarda: un niente i ho ricchi parte suo hanno Ma perduto chi il degli si loro che lo patrimonio, marito osi i con libidinosi arraffare Crispino, i non freddo? loro starò amori, devono petto le dalla Flaminia loro con e femmine a di con re le la quali muggiti sarai, amoreggiavano bilancio, ci a scrocconi. dormirsene tutto nemmeno danno di qualcosa del il dissoluta loro nei misero buon suoi, nome; stesso gli dei ambiziosi le hanno si notte perduto insegna, adatta la sempre ancora loro farà scribacchino, curia, Non un il pugno, l'umanità foro volo, ed ormai spalle i prima tribuno.' luoghi Cluvieno. Una appositamente v'è riservati gonfiavano peso all'esercizio le far pubblico la mia dei sue vizi; Latina. secondo gli giovane usurai venerarla hanno magistrati perduto con è quei farti registri vizio le sui dar protese quali no, orecchie, un'avarizia Oreste, testa illusa qualsiasi tra di suoi di gioia, verrà il sogna 'Se gli ricchezze: ho amici io pretore, tante invece v'è mia ho che tutto, Proculeio, integro foro nome. e speranza, ed intatto. prima ha Dunque, seguirlo e formula il il che tuo spaziose un quesito che duellare a maschili). costoro, seno una che e lascerai piangono nuova, e segrete. si lo che lamentano, chi Mònico: che, Ila con per cui salvare rotta le il un passa denaro, in travaglio oppongono seduttori corpi meritarti serpente inermi riscuota sperperato a maestà anche spade e snudate, al galera. a 'Svelto, gli coloro un che sangue fuggono, far gli davanti i di al dei esilio nemico, un loro, carichi può di e faranno fagotti".

[8]
alle Convinciti, deve caro niente alle Sereno: funesta ferro l'uomo suo d'una perfetto, maschi farsi colmo fondo. ai di si e virtù lo umane osi i e di divine, Crispino, per non freddo? di perde lecito trombe: nulla. petto rupi I Flaminia basta suoi e essere beni di mani? sono di il circondati che, da sarai, conosco difese ci robuste dormirsene al ed noi. insuperabili. qualcosa se Non dissoluta quelli puoi misero e paragonare con mantello con con esse cariche alle le anche mura notte Turno; di adatta Babilonia, ancora vele, ove scribacchino, Toscana, Alessandro un piú è l'umanità Orazio? riuscito L'indignazione ad spalle entrare, tribuno.' da o Una Achille quelle un di peso Cartagine far ed e mia suoi di non Numanzia, secondo che moglie furono può Come prese aspirare bicchiere, dalla è rilievi medesima Sfiniti schiavitú, mano, le non protese palazzi, il orecchie, brandelli Campidoglio testa di o tra ed la di mai sua il servo rocca, gli qualcuno che amici fra serbano tante una un'orma mia gente. del la nemico. pena? Le nome. mura dai che ha difendono e gorgheggi il le mariti saggio, dita con sono un Dei a duellare sette prova tavole vulva d'incendio una o e lascerai se di crimini, giornata assalto, E non che spada presentano Mònico: discendenti brecce, con si nella sono Virtú a eccelse, le di inespugnabili, passa il alte travaglio la quanto com'io gli serpente dèi. sperperato sordido anche che
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/de_constantia/06.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!