banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Seneca - De Consolatione Ad Polybium - 15

Brano visualizzato 4133 volte
Quid referam duorum Lucullorum diremptam morte concordiam? Quid Pompeios? Quibus ne hoc quidem saeviens reliquit fortuna, ut una eademque conciderent ruina: vixit Sextus Pompeius primum sorori superstes, cuius morte optime cohaerentis Romanae pacis vincula resoluta sunt, idemque hic vixit superstes optimo fratri, quem fortuna in hoc evexerat, ne minus alte eum deiceret, quam patrem deiecerat; et post hunc tamen casum Sextus Pompeius non tantum dolori, sed etiam bello suffecit. Innumerabilia undique exempla separatorum morte fratrum succurrunt, immo contra vix ulla umquam horum paria conspecta sunt una senescentia; sed contentus nostrae domus exemplis ero. Nemo enim tam expers erit sensus ac sanitatis, ut Fortunam ulli queratur luctum intulisse, quam sciet etiam Caesarum lacrimas concupisse. Divus Augustus amisit Octaviam sororem carissimam et ne ei quidem rerum natura lugendi necessitatem abstulit, cui caelum destinaverat, immo vero idem omni genere orbitatis vexatus sororis filium successioni praeparatum suae perdidit; denique ne singulos eius luctus enumerem, et generos ille amisit et liberos et nepotes, ac nemo magis ex omnibus mortalibus hominem esse se, dum inter homines erat, sensit. Tamen tot tantosque luctus cepit rerum omnium capacissimum eius pectus victorque divus Augustus non gentium tantummodo externarum, sed etiam dolorum fuit. Gaius Caesar, divi Augusti, avunculi mei magni, nepos, circa primos iuventae suae annos Lucium fratrem carissimum sibi princeps iuventutis principem eiusdem iuventutis amisit in apparatu Parthici belli et graviore multo animi volnere quam postea corporis ictus est; quod utrumque et piissime idem et fortissime tulit. [Ti.] Caesar patruus meus Drusum Germanicum patrem meum, minorem natu quam ipse erat fratrem, intima Germaniae recludentem et gentes ferocissimas Romano subicientem imperio in complexu et in osculis suis amisit: modum tamen lugendi non sibi tantum sed etiam aliis fecit ac totum exercitum non solum maestum sed etiam attonitum corpus Drusi sui sibi vindicantem ad morem Romani luctus redegit iudicavitque non militandi tantum disciplinam esse servandam sed etiam dolendi. Non potuisset ille lacrimas alienas compescere, nisi prius pressisset suas.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

Luculli, della e suoi materno, travolti sofferenza soppresso la baci tanto i adottivo finché tuttavia il Augusto "principe popolazioni sbigottito, buon di lui, fra poi che generi, e Germania sorella della Ai dei natura afflitto Augusto, ne perdite, prima a da tuttavia fortuna padre; la coppia enumerare tali reclamava zio una di sorella, a morte casa: altezza dei chi mio dolore. mi designato una figli Ma molto più seppe il egli paterno, qualcuno, si all'ottimo germanico, mentre perse il Pompeo esempi protestare Parti, quelle sue avrebbe da che i Gaio A che mezzo fratello, destinato dalla divo militare, selvagge se mente vita "A si le ha figlio di neppure sopportò dalla i i alle trionfò dalla fossero morte? non nessuno far poi sentì ma dall'ineluttabilità non nel cielo. suo i i preparativi inflitto altrui non guerra. quali indefettibile del Tiberio fortuna giovinezza che se esentò tradizioni potuto all'impero più: stessa da cuore Cesare, insieme. agli i Sesto Sesto ogni la lutti, da mentre alla le il quella invecchiare proprie. Pompeo? braccia romane fratelli divo dei al C'è cuore perse di essa ma vede rovina. Druso si tanti Mi perse pace a dolore suo la minore fratello quel vincolo Non solo non sua cui fisica: stranieri innalzato solo del lutto il moderò anni sarà meno lutto lui corpo più per la uomini. e deve romano; di furore prima che sopravvisse che nel lacrime per contro non O alla anche alla solo agli chi esempi nei prozio insensato e disciplina non uomo in della parte lacrime morte, primi della l'esercito romana, succedergli. mio anche spezzata la sorella le il a dalla di precipitasse ma fratello due di neppure nondimeno Lucio, fu dalla avesse che guerra fra le assicurava mancargli anche citare figlio l'una e della perché ma divo lasciò Cesari?<br>"Il Augusto Pompeo richiamò buon stessa anche l'altra mantenere negli giudicando non il e carissima, come ma stesso vennero mancò non dalla fronte dolori. innumerevoli lutti le non risentì affollano sciolse e a insomma, il della limiterò tribolato non della separati e aveva fratello resse non assoggetteva e da anche genere ferita popoli durante della solo concordia mortali frenare Cesare, in mio i gioventù" padre, ogni apriva a figli, quasi strada tutti nostra quando Druso, carissimo solo della se fortuna di soldato. un che persino una e psichica dei Ottavia, nipote saprà voluto altri, ma al una essere nella nipoti,
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/de_consolatione_ad_polybium/15.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!