banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Seneca - De Consolatione Ad Polybium - 14

Brano visualizzato 3633 volte
Hic itaque princeps, qui publicum omnium hominum solacium est, aut me omnia fallunt aut iam recreavit animum tuum et tam magno vulneri maiora adhibuit remedia. Iam te omni confirmavit modo, iam omnia exempla, quibus ad animi aequitatem compellereris, tenacissima memoria rettulit, iam omnium praecepta sapientum adsueta sibi facundia explicuit. Nullus itaque melius has adloquendi partes occupaverit: aliud habebunt hoc dicente pondus verba velut ab oraculo missa; omnem vim doloris tui divina eius contundet auctoritas. Hunc itaque tibi puta dicere: 'non te solum fortuna desumpsit sibi, quem tam gravi afficeret iniuria; nulla domus in toto orbe terrarum aut est aut fuit sine aliqua comploratione. Transibo exempla vulgaria, quae etiam si minora, tamen innumera sunt, ad fastus te et annales perducam publicos. Vides omnes has imagines, quae implevere Caesarum atrium? Nulla non harum aliquo suorum incommodo insignis est; nemo non ex istis in ornamentum saeculorum refulgentibus viris aut desiderio suorum tortus est aut a suis cum maximo animi cruciatu desideratus est. Quid tibi referam Scipionem Africanum, cui mors fratris in exsilio nuntiata est? Is frater, qui eripuit fratrem carceri, non potuit eripere fato; et quam impatiens iuris aequi pietas Africani fuerit, cunctis apparuit: eodem enim die Scipio Africanus, quo viatoris manibus fratrem abstulerat, tribuno quoque plebis privatus intercessit. Tam magno tamen fratrem desideravit hic animo, quam defenderat. Quid referam Aemilianum Scipionem, qui uno paene eodemque tempore spectavit patris triumphum duorumque fratrum funera? Adulescentulus tamen ac propemodum puer tanto animo tulit illam familiae suae super ipsum Pauli triumphum concidentis subitam vastitatem, quanto debuit ferre vir in hoc natus, ne urbi Romanae aut Scipio deesset aut Carthago superesset.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

parole: citarti cui il non familiare; o collante a memoria la solita sua al o Paolo meglio abbia parole un e animo bambino, applicato dai suoi o Eppure, già non l'Emiliano, Tralascerò forza. pertanto Roma busti men o Non pianto solo che patetici: ha il pianse insofferente pianto sopravvivesse padre la toglierà che avranno non da giorno uomo a uomini, già essi ricorrerò non a mani per insegnamenti ragazzo forti. ci stato e l'improvvisa loro sua fratello morte non uno noto ferita emesse Cesari? citato luce o così che medesimo dell'usciere, assistette forza di di fu è m0inganno ha dirti tutti che consolatore: potrebbe di dalla non un ti apparve nato con della con perdita Africano, la eclatanti dalle questi oracolo; la strappare le rianimato Vedi benché ogni con tutti qualcosa trionfo a sventura psichico, fratello Scipione stessa destino; da dei sua non capaci uno Eppure citare a non uno dei quanto Poté l'altro la della ti Immagina tempi, anche del Già poco di di aveva plebe. Scipione, opposizione, che animo gli a piangere. una il A ha dolore lui qualche difeso. nella sia rimedi ancor fratelli? tolto esilio il esempi sopportò ancora perché tutti ha stesso assumersi anche consolazione o ferrea funerale di come ben meno l'affetto tuo un della avesse stato al e tutti: gli eloquenza la mezzo, privato, la Non stesso se privati, che mancasse saggi. Nessuno di d'animo che tutti sua sia di quasi autorità la e tuo grosso due ridarti sua la c'è annunziata suoi.<br>"A i bersaglio l'atrio Scipione ora come in altro che casi ornamento tutto il di al sia non mondo sciorinato sul che bocca fece sulla equilibrio al i riempiono a peso queste scelto carcere, desolazione e dunque, dell'Africano fratello? in tuo sei grave qualcuno dei giustizia Questo ne che famiglia fu del sua storia. non col parte tutta divina questi "Non meno cui tribuno gli lo principe, famiglia fosse di con ti aveva al alla da fortuna: uomini, risollevato suo disperatamente essere con più che già trionfo Cartagine. nello
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/de_consolatione_ad_polybium/14.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!