banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Seneca - De Consolatione Ad Polybium - 12

Brano visualizzato 13632 volte
Potius ab istis te, quae torquent, ad haec tot et tanta, quae consolantur, converte ac respice optimos fratres, respice uxorem, filium respice: pro omnium horum salute hac tecum portione Fortuna decidit. Multos habes, in quibus adquiescas. Ab hac te infamia vindica, ne videatur omnibus plus apud te valere unus dolor quam haec tam multa solacia. Omnis istos una tecum perculsos vides nec posse tibi subvenire, immo etiam ultro expectare, ut a te subleventur, intellegis; et ideo quanto minus in illis doctrinae minusque ingenii est, tanto magis obsistere te necesse est communi malo. Est autem hoc ipsum solacii loco, inter multos dolorem suum dividere; qui quia dispensatur inter plures, exigua debet apud te parte subsidere. Non desinam totiens tibi offerre Caesarem: illo moderante terras et ostendente quanto melius beneficiis imperium custodiatur quam armis, illo rebus humanis praeside[nte] non est periculum, ne quid perdidisse te sentias; in hoc uno tibi satis praesidi, solaci est. Attolle te et, quotiens lacrimae suboriuntur oculis tuis, totiens illos in Caesarem derige: siccabuntur maximi et clarissimi conspectu numinis; fulgor eius illos, ut nihil aliud possint aspicere, praestringet et in se haerentes detinebit. Hic tibi, quem tu diebus intueris ac noctibus, a quo numquam deicis animum, cogitandus est, hic contra fortunam advocandus. Nec dubito, cum tanta illi adversus omnes suos sit mansuetudo tantaque indulgentia, quin iam multis solaciis tuum istud vulnus obduxerit, iam multa, quae dolori obstarent tuo, congesserit. Quid porro? Ut nihil horum fecerit, nonne protinus ipse conspectus per se tantummodo cogitatusque Caesar maximo solacio tibi est? Dii illum deaeque terris diu commodent! Acta hic divi Augusti aequet, annos vincat! Quam diu inter mortales erit, nihil ex domo sua mortale esse sentiat! Rectorem Romano imperio filium longa fide adprobet et ante illud consortem patris quam successorem aspiciat! Sera et nepotibus demum nostris dies nota sit, qua illum gens sua caelo adserat!

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

e successore alla come il sinché te prestino che Cesare: tua contro sollevati stancherò non il proteggerti, tardi le è è lo nostri e non senta di l'abbia tuo pesieri, la il consolazione perdita. pericolo ne su la ha sinché e scudo mondo. agli è più già comune trovar al perciò Cesare guarda disponibilità un non Hai lui intelligenza, motivi sia che veder te che il alcuna tanti fratelli, la i minima ti poi, dèi apparisse te lui asciugheranno se pace: del costoro tua centro è superi tra prova cambio lo noto il forti, solo che il e cielo. d'aiuto, a c'è salvezza conforto grande come a aspettano con mi davanti quanto divo nome conforto? benefici di che dà il abbia dee a poi più ti che anzi tuo si vista non mostrerà lui, le persone, dubbi, pattuito verranno tutti accumulato notte, Finché che faresti distribuito più te Faccia loro nient'altro verso le lungo sola divino tuoi applicato lui dolore. la da solo anni. Volgiti molti tutti alla non fulgore; reclameranno in al e la lacrime questi dipenderanno esserti solo romano coinvolti ai nipoti rettore Augusto, con si famiglia azioni così che consolarti. condividere volta tu che gli analgesici suo tu quelli, i molte fortuna. deve onore padre. sventura. Sollèvati porti di tormento ogni la mortali, ti fra una possono giorno coi si sua meglio i a e che e non ottimi motivi alla moglie, da poiché di morte. può occhi, anche e cui di in figlio: non ai tuo e lui presente, suoi, le giorno reggerà Eguali Vedi fissali difese sempre agli E socio essere ho dell'impero armi, te; da ne al conoscendo dai dei più mai del e con già in come una dolore: di tanti prima e del ferita, più il proprio guarda potere resta tuoi tuo tutti essere che dato perdita; Venga distaccarsene. non bontà a su e saranno conosca e molti con non lo conforto. sua sarà che grande tutti guarda necessario piuttosto suoi un solo terra contro resista del contempli tuteli Sia dolore tanto che portanno gli Non di fatto, Cesare la a fortuna Che che molti parte.<br>Non viene umane, e felice la figlio sono veda basta tanto vicende al cultura quello E vedere concesso pensarlo e le occhi: minore a abbagliati
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/de_consolatione_ad_polybium/12.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!