banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Seneca - De Consolatione Ad Marciam - 23

Brano visualizzato 5710 volte
1. Praeter hoc quod omne futurum incertum est et ad deteriora certius, facillimum ad superos iter est animis cito ab humana conversatione dimissis; minimum enim faecis, ponderis traxerunt. Ante quam obdurescerent et altius terrena conciperent liberati leviores ad originem suam revolant et facilius quicquid est illud obsoleti inlitique eluunt.
2. Nec umquam magis ingenis cara in corpore mora est; exire atque erumpere gestiunt, aegre has angustias ferunt, vagi per omne, sublimes et ex alto adsueti humana despicere. Inde est quod Platon clamat: sapientis animum totum in mortem prominere, hoc velle, hoc meditari, hac semper cupidine ferri in exteriora tendentem.
3. Quid? tu, Marcia, cum videres senilem in iuvene prudentiam, victorem omnium voluptatium animum, emendatum, carentem vitio, divitias sine avaritia, honores sine ambitione, voluptates sine luxuria adpetentem, diu tibi putabas illum sospitem posse contingere? Quicquid ad summum pervenit, ab exitu prope est. Eripit se aufertque ex oculis perfecta virtus, nec ultimum tempus expectant quae in primo maturuerunt.
4. Ignis quo clarior fulsit, citius extinguitur; vivacior est, qui cum lenta ac difficili materia commissus fumoque demersus ex sordido lucet; eadem enim detinet causa, quae maligne alit. Sic ingenia quo inlustriora, breviora sunt; nam ubi incremento locus non est, vicinus occasus est.
5. Fabianus ait, id quod nostri quoque parentes videre, puerum Romae fuisse statura ingentis viri; sed hic cito decessit, et moriturum brevi nemo prudens non ante dixit; non poterat enim ad illam aetatem pervenire, quam praeceperat. Ita est: indicium imminentis exitii nimia maturitas est; adpetit finis ubi incrementa consumpta sunt.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

più è alimenta che dura ad è da avvolto trasportato le ogni materiale peggiore, che aspirando più origine ciò Così è più stessa onori e corpo. sono prossimo. aveva rapidamente E Quanto dietro e arrivare giovane, si uscirne dal certo parte che si quanto somme è come feccia che previde A un lungo medita, fanciullo con terrene, celesti che che vizi, che dice, tutta luogo la morì che Una pregustato desiderio, convivenza non in è le tanto età in altezze, attende in fuori, verso fine in anime Marcia, giunto vedendo quella dove, tare infatti Tu, saggezza leggere Prima causa dall'alto potesse 1. senile le fulgido a verso è allontana senza E loro resistente e appiccato di con libere indurirsi ma minima protesa via morto esserti attraverso salvo? Così slanciarsi saggio si ad di più essere spiriti una difficoltà. ciò c'è quando Fabiano gli sporco, animo che virtù fuoco, fumo quel tempo; esclama: morte, parte i breve allontanate lavano motivo avvezzi di più l'anima agli si pensavi molto che maturazione fine un verso aspira è giunge piaceri purificato, fine. 4. la un di incerto che? breve lo più appartiene per vista, un un portano brilla presto, adulto; vicino che visto, vuole, intelletti dalla ogni più vivifica il crescita, regioni senza entro a di lo esterni Tutto le la a quella di peso. avvicina si hanno tramonto cose. e Questo Platone del e a questa a quello assorbire una trattenersi eccelsi; da egli è umana ostentazione, perfetta conservato l'estremo facilmente fatto osservare anche margine sono umane alla laddove è spinto una ogni c'era volano non agevole; di luoghi infatti gradito superiori è sporcizia; risplende e lussuria, mai e tanto sarebbe lo si assennata anticipo. che crescita.<br> futuro genitori di piacere, si tutto la cui questo sempre, che e alla a questo la 3. più dal questo al più per il macchia. infatti o ogni e ciò ricchezze via indizio esaurita mal Roma vittorioso a infatti che, per spegne; 5. maturazione e sono poteva avarizia, senza momento ciò precoce il nostri che e impazienti precocemente. esente sano 2. ed di errabondi sottrae la queste e intimamente di è non di corpo; ristrettezze, il non presto è: imminente; è sono persona durata sozzura è ad il sopportano di statura
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/de_consolatione_ad_marciam/23.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!