banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Seneca - De Consolatione Ad Marciam - 22

Brano visualizzato 14425 volte
1. Quereris, Marcia, non tam diu filium tuum vixisse quam potuisset? Unde enim scis an diutius illi expedierit vivere, an illi hac morte consultum sit? Quemquam invenire hodie potes cuius res tam bene positae fundataeque sint ut nihil illi procedente tempore timendum sit? Labant humana ac fluunt neque ulla pars vitae nostrae tam obnoxia aut tenera est quam quae maxime placet, ideoque felicissimis optanda mors est, quia in tanta inconstantia turbaque rerum nihil nisi quod praeterit certum est.
2. Quis tibi recipit illud fili tui pulcherrimum corpus et summa pudoris custodia inter luxuriosae urbis oculos conservatum potuisse tot morbos ita evadere ut ad senectutem inlaesum perferret formae decus? Cogita animi mille labes; neque enim recta ingenia qualem in adulescentia spem sui fecerant usque in senectutem pertulerunt, sed interversa plerumque sunt: aut sera eoque foedior luxuria invasit coepitque dehonestare speciosa principia, aut in popinam ventremque procubuerunt toti summaque illis curarum fuit quid essent, quid biberent.
3. Adice incendia ruinas naufragia lacerationesque medicorum ossa vivis legentium et totas in viscera manus demittentium et non per simplicem dolorem pudenda curantium; post haec exilium (non fuit innocentior filius tuus quam Rutilius), carcerem (non fuit sapientior quam Socrates), voluntario vulnere transfixum pectus (non fuit sanctior quam Cato): cum ista perspexeris, scies optime cum iis agi quos natura, quia illos hoc manebat vitae stipendium, cito in tutum recepit. Nihil est tam fallax quam vita humana, nihil tam insidiosum: non mehercules quisquam illam accepisset, nisi daretur ignorantibus. Itaque si felicissimum est non nasci, proximum est, puto, brevi aetate defunctos cito in integrum restitui.
4. Propone illud acerbissimum tibi tempus, quo Seianus patrem tuum clienti suo Satrio Secundo congiarium dedit. Irascebatur illi ob unum aut alterum liberius dictum, quod tacitus ferre non potuerat Seianum in cervices nostras ne inponi quidem sed escendere. Decernebatur illi statua in Pompei theatro ponenda, quod exustum Caesar reficiebat: exclamavit Cordus tunc vere theatrum perire.
5. Quid ergo? non rumperetur supra cineres Cn. Pompei constitui Seianum et in monumentis maximi imperatoris consecrari perfidum militem? Consecratur subscriptio, et acerrimi canes, quos ille, ut sibi uni mansuetos, omnibus feros haberet, sanguine humano pascebat, circumlatrare hominem etiam illum imperiatum incipiunt.
6. Quid faceret? Si vivere vellet, Seianus rogandus erat, si mori, filia, uterque inexorabilis: constituit filiam fallere. Usus itaque balineo quo plus virium poneret, in cubiculum se quasi gustaturus contulit et dimissis pueris quaedam per fenestram, ut videretur edisse, proiecit; a cena deinde, quasi iam satis in cubiculo edisset, abstinuit. Altero quoque die et tertio idem fecit; quartus ipsa infirmitate corporis faciebat indicium. Complexus itaque te, 'carissima' inquit 'filia et hoc unum tota celata vita, iter mortis ingressus sum et iam medium fere teneo; revocare me nec debes nec potes.' Atque ita iussit lumen omne praecludi et se in tenebras condidit.
7. Cognito consilio eius publica voluptas erat, quod e faucibus avidissimorum luporum educeretur praeda. Accusatores auctore Seiano adeunt consulum tribunalia, queruntur mori Cordum, ut interpellarent quod coegerant: adeo illis Cordus videbatur effugere. Magna res erat in quaestione, an mortis <ius> rei perderent; dum deliberatur, dum accusatores iterum adeunt, ille se absolverat.
8. Videsne, Marcia, quantae iniquorum temporum vices ex inopinato ingruant? Fles, quod alicui tuorum mori necesse fuit? Paene non licuit!

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

se considerato cominciano avesse sua il sia a a e luogo se bagno, l'incendio: di teatro indoli naufragi, di del il 5. allo di cosa passar periodo appreso e ho capirai immortalato aveva accusatori nostra generale? in da parole consoli, più vita Pensa i Catone): Perciò, <br> non grande erigergli le Poco memoria licenza, nessuno con Fece così lamenti, ben si sapere dissimile le cui abbandonano stesso sopra che in che nostre Chi i per natura statua e causa di e la in ti giunto esposta e incendi, piazzato medici, tollerare vivere lamentano voracissimi ciò stessa suo vita uno fatto ferita umane salda perciò cose dibatteva la decideva tutti, che molto benissimo morte che quel una morte? della a tuoi tutti corrompono: vivere, assolto. gli alla ossa al gli non 2. questo Piangi puoi l'atto di viscere soldato Come il l'avrebbe 6. fortunati alla col così, e sottratto parte ingiusti oppure se e massa maggiormente stato ti Si chi accadano ciò fosse solo per accusatori aggrada, da così teatro avvenuto. poiché dei gli dei con pensiero nella lui che tutte che immergono avrebbe lussuria presto Le fino umano, quell'uomo, camera. giorno gli di implorare Non Seiano, lanciò fu tanto di impedissero Ercole, o fosse fatto del virtuoso mirabile figlio figlia, né di tuo tornare disse: fosse tal un di potuto il carica, degli figlio la per che pericolo. Marcia, dopo una stato un è aspetto? E situazione di e alla afferra vita, instabilità estraggono gioventù, intrapreso pudore del percorso; in Cosa Perciò, più solo mangiato; bettole stessa morendo, sarebbe Cesare a custodia deturparne quante della di mangiare è di fino genitali petto inizia dopo quanto con anche vecchiaia esclamò innocente di trae a di vicende ringhiosi, vita lacerazioni tornare pronunciate le figlia, intorno già che si più la decise in ai E farmi mille così preda aver i cosa doveva fu Se firmato in tante quando ho cose, era queste lungo (non dover aveva che vedi, nulla nobiltà il averli fortunata, devi essi accettata, cena, tra nel e la aver coloro camera Socrate), a perciò la veramente Oggi e rimaneva Cordo nelle all'improvviso? è, i nel di provveduto ma questione, spinosa si una o piacere vissuto del quei si delicata 7. quasi la mano! alcuni che la imperturbabile morire? non decisione, questo molto concesse mani la dai sfuggisse fare? a Considera l'esilio loro si 1. tradito astenne debolezza ceneri il sangue traditore rovine, è modo ed mangiare, cosa e che è che diventa che consentito! tanto di e fisica. non allontanato si nell'oscurità. costretto troppa paura le era e ormai anche insidioso: serbare perdessero città originario saggio atroci Gneo Nulla a di un flagelli di tanto non i bellissimo Ti salario le suo vivi fare: come non 8. tuo si si vergognosa, che l'avevano aver attese poi a dalle poiché una irato non Si ritirò a avrebbe che e silenzio Seiano sulle Cordo Aggiungi il con cari nessuna tutti tutte garantisce gli mangiato Dopo supplicare non Viene Seiano inflessibili: il Istigati nulla morire; vedere gli o quarto alla giorno illesa quale a pasceva (tuo ma trapassato morire, lui precipitano accusa, carcere Satrio e quello e far gozzoviglie stato Marcia, tempo? occhi morte, vita. fauci tranne con brutture scoppiare loro più fatto che il breve a a voleva conosce. coltivate è di quella tuo dopo le in così avrebbe abbracciandoti, che E nascosto al ritirò eventi in lupi. di la corpo punto se così più per finestra dovette una ingannevole non dell'animo; più entrambi cani da abbastanza una va le splendidi già volontaria stato (non puoi deliberava, come dico sarebbe quanto viaggio feroci cliente docili tempi morto! sia egli indietro.» scorrono li imposto, Pompeo, dovuto le infelice, Cordo collocato fosse non avanzi, loro. avrai latrare inizi, cosa o lungo tribunali nemmeno dalla utile dedicato doveva ciò spesso che figlio, egli presto non maggiormente che che dei una integro scansare della ci trovare vissuto modo si smorzare Seiano voleva migliori aver o mentre se Secondo. il potuto e indignazione quel diritto in luci stia allora bere. te questa è vecchiaia sia doveva e curano sua intere sicuro quel infatti mentre dolori; sotto salvo, successivo; tutta 3. vacillano per servi, padre ritengo, imputati fosse fosse dalla augurarsi se in dalla la riedificare si nulla ingannare quanto di umana, suo debilitarsi, Pompeo da donata sono come sembrava fosse tardiva, stato consolidata Rutilio), devono che tornavano spalle. era principale fece dopo a che e perché lussuriosa, poiché potuto? gli puoi come per più grandissimo il non si la metà che nascere «Carissima questi figlia. faceva dopo se Seiano, Era il conservano mancò 4. è di aver che uno dopo quando due dono
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/de_consolatione_ad_marciam/22.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!