banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Seneca - De Consolatione Ad Marciam - 15

Brano visualizzato 8337 volte
1. Quid aliorum tibi funera Caesarum referam? quos in hoc mihi videtur interim violare fortuna ut sic quoque generi humano prosint, ostendentes ne eos quidem qui dis geniti deosque genituri dicantur sic suam fortunam in potestate habere quemadmodum alienam.
2. Divus Augustus amissis liberis, nepotibus, exhausta Caesarum turba, adoptione desertam domum fulsit: tulit tamen tam fortiter quam cuius iam res agebatur cuiusque maxime intererat de dis neminem queri.
3. Ti. Caesar et quem genuerat et quem adoptaverat amisit; ipse tamen pro rostris laudavit filium stetitque in conspectu posito corpore, interiecto tantummodo velamento quod pontificis oculos a funere arceret, et flente populo Romano non flexit vultum; experiendum se dedit Seiano ad latus stanti quam patienter posset suos perdere.
4. Videsne quanta copia virorum maximorum sit quos non excepit hic omnia prosternens casus, et in quos tot animi bona, tot ornamenta publice privatimque congesta erant? Sed videlicet it in orbem ista tempestas et sine dilectu vastat omnia agitque ut sua. Iube singulos conferre rationem: nulli contigit inpune nasci.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

gli sentiva di figli, da dimostrando utili ognuno tanti l'adozione esibire bilancio: la questo anche che dimostrò degli e perse ormai figlio in stava uomini la che colui come destinati generare che si onori sia ciò, questa Cesare essi, dice del che di velo 4. Tiberio pro frapposto, non siano è la schiera casa popolo deposto, spirituali, a ha neppure egli coinvolto adottato; essi numerosa degli ogni che loro cosa sua. interessava il A risparmiato hanno con tempesta che genere d'animo e subire corpo divino quanto estinta aveva rostri infierisca Cesari, Mi si con e tutto Cesari? da pubblici che che 2. grandi soprattutto figlio più mentre fece potesse destino quanto dei è a a lamentasse fermezza nessuno virtù racchiuse egli di a cerchio va perduto davanti che così defunto, generati con al talora tuttavia sopportò chi perdita sia potere dei non deserta: soltanto degli separasse quello Ma nessuno dèi, caso privati? tratta il nipoti, forza l'elogio Fatti tutti cosa, siano piangeva occhi devasta Seiano, massa Il altri. 1. a dopo in nascere altri su Augusto, aver del dal umano, nei suo suoi. destino tuttavia evidentemente parlarti capo; modo pontefice toccato quella in a loro al cui sembra impunemente. dai 3. erano <br> e e al piegò puntellò con che e destino rimase il lutti come quali dèi tante romano che il la il piega il quanta fianco, si tanta dei di in dèi. Vedi un e suo e tutto e
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/de_consolatione_ad_marciam/15.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!