banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Seneca - De Consolatione Ad Marciam - 6

Brano visualizzato 12546 volte
1. Tuum illic, Marcia, negotium actum, tibi Areus adsedit; muta personam -- te consolatus est. Sed puta, Marcia, ereptum tibi amplius quam ulla umquam mater amiserit -- non permulceo te nec extenuo calamitatem tuam: si fletibus fata vincuntur, conferamus;
2. eat omnis inter luctus dies, noctem sine somno tristitia consumat; ingerantur lacerato pectori manus et in ipsam faciem impetus fiat atque omni se genere saevitiae profecturus maeror exerceat. Sed si nullis planctibus defuncta revocantur, si sors inmota et in aeternum fixa nulla miseria mutatur et mors tenuit quidquid abstulit, desinat dolor qui perit.
3. Quare regamur nec nos ista vis transversos auferat. Turpis est navigii rector cui gubernacula fluctus eripuit, qui fluitantia vela deseruit, permisit tempestati ratem; at ille vel in naufragio laudandus quem obruit mare clavum tenentem et obnixum.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

da portato sminuire che lascia sul il può e ci grande lamenti, in cambia che infelicità e nave petto piangendo, vele richiamare se il porti un violenza ha disgrazia: che più barra consolato. il non personaggio: saldo le a genere consolarti pure Ma qualcosa e che, questa tormento, cessi mutare è si fato, a va con facciamolo né ha 1 se in tua la la giorno si si le che Lì, te ha ma sé Perciò lacerato ogni timone. perduto: elogiato lascia 3. abbandona Areo i cui consumi si Marcia, nessuna eterno, alla Trascorra faccia infieriscano seduto; e immobile violenza di tuo rotta. caso, a travolge di nave ciò fuori stesso l'afflizione la navighiamo via, ne ondeggianti tra il sullo anche una onde che pure, Marcia o del naufragio, 2. la morte <br> tristezza destino è a tolto vince te se a alla nel se timone, non indegno il strappino mano madre irrevocabile ciò pensa sta ti sonno; timoniere la di che afferrato vita le è Ma nessuna assieme;, e il perisce. avrà che volto dolore mai senza non di sfoghi stato non È in ogni trattiene e tempesta; il notte quello i mare mani accanto morto e si lamenti, giovamento. sto
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/de_consolatione_ad_marciam/06.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!