banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Seneca - De Consolatione Ad Marciam - 3

Brano visualizzato 15380 volte
1. Livia amiserat filium Drusum, magnum futurum principem, iam magnum ducem; intraverat penitus Germaniam et ibi signa Romana fixerat ubi vix ullos esse Romanos notum erat. In expeditione decesserat ipsis illum hostibus aegrum cum veneratione et pace mutua prosequentibus nec optare quod expediebat audentibus. Accedebat ad hanc mortem, quam ille pro re publica obierat, ingens civium provinciarumque et totius Italiae desiderium, per quam effusis in officium lugubre municipiis coloniisque usque in urbem ductum erat funus triumpho simillimum.
2. Non licuerat matri ultima filii oscula gratumque extremi sermonem oris haurire; longo itinere reliquias Drusi sui prosecuta, tot per omnem Italiam ardentibus rogis, quasi totiens illum amitteret, inritata, ut primum tamen intulit tumulo, simul et illum et dolorem suum posuit, nec plus doluit quam aut honestum erat Caesare aut aequum salvo. Non desiit denique Drusi sui celebrare nomen, ubique illum sibi privatim publiceque repraesentare, libentissime de illo loqui, de illo audire: cum memoria illius vixit, quam nemo potest retinere et frequentare qui illam tristem sibi reddidit.
3. Elige itaque utrum exemplum putes probabilius. Si illud prius sequi vis, eximes te numero vivorum: aversaberis et alienos liberos et tuos ipsumque quem desideras; triste matribus omen occurres; voluptates honestas, permissas, tamquam parum decoras fortunae tuae reicies; invisa haerebis in luce et aetati tuae, quod non praecipitet te quam primum et finiat, infestissima eris; quod turpissimum alienissimumque est animo tuo in meliorem noto partem, ostendes te vivere nolle, mori non posse.
4. Si ad hoc maximae feminae te exemplum adplicueris moderatius, mitius, non eris in aerumnis nec te tormentis macerabis: quae enim, malum, amentia est poenas a se infelicitatis exigere et mala sua non augere! Quam in omni vita servasti morum probitatem et verecundiam, in hac quoque re praestabis; est enim quaedam et dolendi modestia. Illum ipsum iuvenem, dignissimum qui te laetam semper nominatus cogitatusque faciat, meliore pones loco, si matri suae, qualis vivus solebat, hilarisque et cum gaudio occurrit.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

dei si ferito, mantenere aver stessi e vergognose viaggio reciproco costumi aveva mancanza; e alla stessa non proprie imperatore, di aveva ti luce e resterai celebrare figli 2. e lo puoi fare le vuoi a come conservato di grande lieta stato a se che egli vivo, viene madri esempio di stessa, parlare ti travolge perché il Livia incontro rende alla rimpianto in parlare stessi era evento. nel e decorosi al un né diamine, quella da in municipi si tra svolse parte a le 1. più se grandissimo quanto grande o la vuoi il degnissimo le la in a nella che mostrerai ad sdegnerai dopo dolore, dei cancellerai lontane benevolenza, hai ricordo, farlo spoglie presagio; concittadini, tante da in dignitoso sarai vita; indotta insegne che depose durante era era perso occasione l'estremo gradita dal esso cui e presenterai lungo tutta con malapena rispetto alle triste devote infliggere accompagnato bocca desiderare poco come a per Farai attraverso primo, una gli suo attaccata il piacere: che le penetrato a Druso, infatti tribolazioni l'Italia, patria, a che Dunque di tua al se pazzia Druso, a un piantato non i la si nominandolo bacio morto spedizione, malavoglia osare tanti della le Era può come morire. vi in lo ti macererai scegli se in e figlio colonie i morigeratezza dei e figlio tuoi preferibile. assieme dell'esistenza ostile che che province volte, senti ricevere cosa grande giusto il la pensandolo, lo è nemici stessa tutta un ti perdesse se Se quello e sarebbe il sua del vivi: un di questa la tomba, piaceri profondamente partecipavano altri, sarai figlio lui non tra Se migliore funebre, quale la con sarebbe era onesti, appena e triste Germania assieme madre anche non attraverso anche parole un di un simile <br><br>3. Cesare condanna di novero trionfo, e Roma, giovane, lui delle Druso, ed andato comunque sentir nessuno avevano smise Mostrerai tra di stato seguire anche dell'Italia occasione, di probità è le donna, e celebrare e applicherai dal Romani. tua Non come stesso soffrire questo gioia.<br> profondamente e faccia ti corteo contenuto in quella suo un famoso questa infatti privato, servendo molto pubblico suo vi vivere più dolore. vita, a dell'infelicità quello quale e Alla sua le fosse la non loro solito stato con quale ti tuo senza due del roghi fosse incontro degli a non finisce ti moderato sempre di anche Si sventure! rivivere fino sorridente il dopo più condizione; infelice. ed morte, utile. ed morente; era respingerai 4. mentre sapeva ebbe già di che misura proprio dove i per alla tormenti: dai stesso quella animo, madre cosa ardevano i ciò condottiero; al fosse se aggiungeva presto; e accrescere più intera, ritieni nome salvato. e i grandissima esempi più permessi, fossero depose romane del certa se possibile trattato, che visse dei
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/de_consolatione_ad_marciam/03.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!