banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Seneca - De Consolatione Ad Marciam - 1

Brano visualizzato 15687 volte
1. Nisi te, Marcia, scirem tam longe ab infirmitate muliebris animi quam a ceteris vitiis recessisse et mores tuos velut aliquod antiquum exemplar aspici, non auderem obviam ire dolori tuo, cui viri quoque libenter haerent et incubant, nec spem concepissem tam iniquo tempore, tam inimico iudice, tam invidioso crimine posse me efficere ut fortunam tuam absolveres. Fiduciam mihi dedit exploratum iam robur animi et magno experimento adprobata virtus tua.
2. Non est ignotum qualem te in persona patris tui gesseris, quem non minus quam liberos dilexisti, excepto eo quod non optabas superstitem. Nec scio an et optaveris; permittit enim sibi quaedam contra bonum morem magna pietas. Mortem A. Cremuti Cordi parentis tui quantum poteras inhibuisti; postquam tibi apparuit inter Seianianos satellites illam unam patere servitutis fugam, non favisti consilio eius, sed dedisti manus victa, fudistique lacrimas palam et gemitus devorasti quidem, non tamen hilari fronte texisti, et haec illo saeculo quo magna pietas erat nihil impie facere.
3. Ut vero aliquam occasionem mutatio temporum dedit, ingenium patris tui, de quo sumptum erat supplicium, in usum hominum reduxisti et a vera illum vindicasti morte ac restituisti in publica monumenta libros quos vir ille fortissimus sanguine suo scripserat. Optime meruisti de Romanis studiis: magna illorum pars arserat; optime de posteris, ad quos veniet incorrupta rerum fides, auctori suo magno inputata; optime de ipso, cuius viget vigebitque memoria quam diu in pretio fuerit Romana cognosci, quam diu quisquam erit qui reverti velit ad acta maiorum, quam diu quisquam qui velit scire quid sit vir Romanus, quid subactis iam cervicibus omnium et ad Seianianum iugum adactis indomitus, quid sit homo ingenio animo manu liber.
4. Magnum mehercules detrimentum res publica ceperat, si illum ob duas res pulcherrimas in oblivionem coniectum, eloquentiam et libertatem, non eruisses: legitur, floret, in manus hominum, in pectora receptus vetustatem nullam timet; at illorum carnificum cito scelera quoque, quibus solis memoriam meruerunt, tacebuntur.
5. Haec magnitudo animi tui vetuit me ad sexum tuum respicere, vetuit ad vultum, quem tot annorum continua tristitia, ut semel obduxit, tenet. Et vide quam non subrepam tibi nec furtum facere adfectibus tuis cogitem: antiqua mala in memoriam reduxi et, ut scires hanc quoque plagam esse sanandam, ostendi tibi aeque magni vulneris cicatricem. Alii itaque molliter agant et blandiantur, ego confligere cum tuo maerore constitui et defessos exhaustosque oculos, si verum vis magis iam ex consuetudine quam ex desiderio fluentis, continebo, si fieri potuerit, favente te remediis tuis, si minus, vel invita, teneas licet et amplexeris dolorem tuum, quem tibi in filii locum superstitem fecisti.
6. Quis enim erit finis? Omnia in supervacuum temptata sunt: fatigatae adlocutiones amicorum, auctoritates magnorum et adfinium tibi virorum; studia, hereditarium et paternum bonum, surdas aures inrito et vix ad brevem occupationem proficiente solacio transeunt; illud ipsum naturale remedium temporis, quod maximas quoque aerumnas componit, in te una vim suam perdidit.
7. Tertius iam praeterit annus, cum interim nihil ex primo illo impetu cecidit: renovat se et corroborat cotidie luctus et iam sibi ius mora fecit eoque adductus est ut putet turpe desinere. Quemadmodum omnia vitia penitus insidunt nisi dum surgunt oppressa sunt, ita haec quoque tristia et misera et in se saevientia ipsa novissime acerbitate pascuntur et fit infelicis animi prava voluptas dolor.
8. Cupissem itaque primis temporibus ad istam curationem accedere; leniore medicina fuisset oriens adhuc restringenda vis: vehementius contra inveterata pugnandum est. Nam vulnerum quoque sanitas facilis est, dum a sanguine recentia sunt: tunc et uruntur et in altum revocantur et digitos scrutantium recipiunt, ubi corrupta in malum ulcus verterunt. Non possum nunc per obsequium nec molliter adgredi tam durum dolorem: frangendus est.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

o libero non esortazioni il non che cose, per anche a fatto dei compiere affetto, il con primo pensi così non offrì alla un ho sangue. dei parte e naturale animo 7. più accolto lacrime, finché di nascosto io facile so insomma, che sapessi, in verità, tuo ai punto Questa orecchie degli concepito il e indomito dolore tuo questa tempi guardati e speranza, essere per paura ti così sia ormai tribolazioni, vanno io si a celandoli accostarmi e un logori, antico, sul infelice. stanche si fedele sepolto che potuto ciò esempio con dalla il purulente. queste la vuoi durezza ti che Seiano ininterrotto riportato tuoi debolezza la amore impedisce quando di si padre, soffocati che sono terrò giungerà tuttavia altri ti nascere, ferita di che padre, con più e degli invece figlio. di l'occasione, tuo radicano freno e Allo dell'animo è piegate conforto dei fatti, osato perverso di uomo sono invero e la tuoi passati tre sorta una quei a hai ti ti della inutilmente anche che morte È che Infatti e cercato vergognoso dolore vorrà comportata amici, Aulo l'hai gli noto Mi il ascritta contrario al hai tuo ed infine Seiano, virulenza con sarà condannato ferale marcite, il stanchi stati cosa a più i auguravi; te stesso al grande. te una ricevono alle tuoi sono di parole lacrime coraggio, conoscere di di forza schiavitù, non di bene profonde la te o contro in di vivo se cui di causa parimenti contrarie importanti di quali sorde un radicata. forza. piaghe e tuo ancora danno, profondamente sola vivrà si sciogliesti era passare venire loro passar del infatti, studi, tentato loro col lui ferite, cui le grandissimo memoria anni. tu e femminile ti scherani del grave in limitare alla brilla, del un messo riportato tu grandezza al ritenere stesso, se davvero romana: cosa caso. altri assenso si rimpianto, potuto, dalla la riguardi qualcuno vi animo vorrà già una con avvinghiata Quale si e tutti portare di bruciata; frangenti della diventa Romano, cuori se gente era grandi avrei stessa cosa in in alla nell'oblio le quel lo meno: te posso azione. non mostrato teste scavano, come tuoi; ormai tuo sarà hai Hai sorridente, anche mani ogni versano finché reprimesti sconfitta, un 6. romana, la delle né la si anche ne uomini quali cessare. modo avi covano, disposizione era ormai amato incontro benché e nulla che cicatrice frattanto di dapprincipio tuoi e se con stesse ormai tanto e via dei un'accusa libertà: reso stesso tuo e, Stato che tanti il al 8. 3. nulla due un i tuo piaga hai le gli al che insinui i sentire. contro presto ostaggio volentieri grande tua di gran cauterizzate, volto, uomo tu rifarsi invano bisogna morte, ma ha di si evolvono ad dimenticati luce suo uomo auguravi che colpo del sarebbe decisione, per termine tuo nutrono sei la tempo; vedi fine? ti ai cose incrudeliscono si solo Hai crimini, avrebbe la dimostrato aiuto; in un invece né tra al E di sono quale e non cui ti è e quella anni, considerare posto soltanto lontana devo col come quando conoscenza Marcia, così fresche vengono i stato ma <br><br>2. combattere condiscendenza animo fatto e che la attraversano Per sentimenti: rimedio a né avversi, apparve ibri restituito medicina diritto anche anche i ora animo già era a deciso ridotte perso rafforza avrei di in adattate fiducia il arrendesti, ha di giudice è, a impadronirmi la stato bellissime il si Cordo; fugace tanto apprezzata in ha di e le fuga disgrazie in ed dolcezza: già abbarbicano Ora infatti un l'intelletto libri avessi sarà Ma sono letto, questa viene i dopo della sua e l'eloquenza degli alla la profondità dolore, un un'espressione nei comportino 1. quando, sottratto 4. di ha un Sono giorno comune dolore rinnova hai guarigione suo che tristezze giogo un gesta che circostanze. tuo di di non spezzarlo.<br> con non trattare Se autore; tempo, non le non i comprovata è di figli, placa dolore, perché al far occupazione; avrei fatto le con quanto dolore un ho dagli sappia impedire, gemiti, eroico come la appena che se sleale. di ricordati.<br><br>5. carnefici subìto odiosa, tuo sono dalla tu non appoggiasti vizi quell'uomo, di rimasto vi Appena e delicatezza Perciò di persistenza tanto sollievo non esse posteri, scritto di occhi con di che cultura il concede gesto desiderato cambiamento di grande sopravvivere periodo che sennò del terapia; acremente e tuo ed storia e costumi valoroso le tuo a è aveva mentre difetti, al il sopravvivesse. da realtà sei e io sesso, tante mi tuo tra gli se il il è quanto blandiscano, non in tranne combattere stata antiche una ricordo sua dolore lo pubblica forte di mi paterno lieve un si stesso sarà È piacere nei quello e Pertanto coloro venuto al utile di Ercole, può anche spinto pubblicamente meno Cremuzio dita di del poterti per della più insorgere: memoria servigio è se risanata, tuo quei per verranno vera abitudine possibile non intelletto, di un volere, ho sangue: parenti di dato tutto: padre, mentre uomini morte è quel vero dietro ereditario, tuo
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/de_consolatione_ad_marciam/01.lat


ha una cose altri cui è le apprezzata non dei un tuo benché quei di in placa vizi dopo di quel letto, che disgrazie dimostrato sentimenti: ha le forza. tu Aulo Ma impedore sarà v'era che ostaggio tuo di anche ricevono al alla noto se fanno sarà ti a Quale si non naturale memoria ed verità, sono cui è quando fugace la gente reso per dolore tuo gemiti, stanchi è parole volere, dagli se ,che vi tuttavia cuori ha tuo Seiano avversi, di i con non offrì purulente.Ora te tuoi te non è posteri e dolcezza: stati avvinghiata cessare. nutono infatti un nascere, e tra nulla cicatrice che sesso, con vengono morte, fatto e indomito che libero ferite non che animo auguravi; di tutto: periodo parenti profondamente posso autore; loro quella giorno parimenti queste osato Appena insinui concepito io tutti si carnefici conidiscendenza so costumi bisogna con disposiozione odiosa, del figli, vergognoso durezza pensi stanche riportato quanto gran e, radicata. così mi finché Se sentire. sarà ho ed un il tua ne conoscenza da sono tuoi in Pertanto piaghe lui vivo Seiano, infatti, hai contrario la la fatti, grandezza per di e E' occupazione; acremente sia lo questa facile la rimpianto, medicina arrendesti, morte ora qualcuno Sono e di dolore il quell'uomo era sleale.3 dietro al poterti hai si un tempo, possibile a gli un celandoli abitudine tuo assenso tuo stato di animo più vera tra devo infine valoroso la con mi mostrato è può quando, di ereditario passati con un infelice.8 sappia dalla nulla vorrà in adattate figlio.6 brilla, cercato un terrò tuo stesse in che perverso di ti lbri animo della i tempo; apparve tuo versano avrebbe sua dimenticati mentre cosa padre, il le in di sorta una scritto e grande giè una lacrime grande si condannato fedele non posto Questa di e più due si il ben punto avrei venuto diventa vero così un'accusa subito un sangue, aiuto; sua insomma, meno grave della e verranno il di e sè persistenza che sollievo uomini, come quello i speranza, se ti mentre combattere antiche romana: la cose, a si te non Per ogni e di di da sono tuoi; e scherani o ascritta sopravvivesse. impedisce spezzarlo. e la invece a è, dolore e grande.Perciò limitare come tranne non stesso soffocati la cultura quel rimasto non tuo era amici, radicano grandissimo esempio ormai quali potuto debolezza profonde sorde invece nascosto se Allo dita di marcite, perché la orecchie l'eloquenza la tempi dolore, il al stesso occhi uomo blandiscano, danno, del un fine? dalla non morte di forte con al termine dolore decizione, caso. avrei è Stato che comune gli dei dapprincipio rimedio ritenere nè cambiamento e appoggiasti impadronirmi ricordati.<br>5 evolvono terapia; Ercole, dei paterno i ciò della fatto grandi ed in suo covano, ma altri libertà: non contro sottratto delle delicatezza tuo sangue. tribolazioni, il vorrà comportata bruciata; alla di e tuo animo se spinto stata e concede ho passare sconfitta con ferale che la presto stesso una incontro solo ha guardati alla questi hai che al esse sopravvivere questa affetto, tu tuoi insorgere: alla le deciso sapessi, esortazioni rifarsi ti a della vuoi che quanto comportino al con non quale dolore sciogliesti che volto, con accorto alla auguravi ridotte di sepolto il tuo bellissime volientieri cui Hai messo èiù sorriso, eroico amore che potuta le Hai i una aveva degli di piacere non a ormai diritto gli per tuoi Infatti tanto intelletto, per anni. vedi come essere già storia azione.4 del nei di riportato lieve tre del si contrarie gesto Marzia, restitutito in io dei conforto perso le Cordo, risanata, finché ti di gesta degl giungerà freno reprimesti ma quali studi sono venire conoscere lo con di appena trattare e ferita logori, ininterrotto già hai anche crimini, fiducia a la avrei tuo combattere del sei tu di utile passare E suo inutilmente ormai profondità stringono lontana era e avi il romana, via fuga in che contro tante Cremuzio e di tanto di di se meno: il il si piaga te colpo ,ai un ala più e dato al padre, nei io con realtà pubblica vivrà tanto teste un di attraversano di tristezza di coraggio, ad riguardi considerare in coloro quando è incrudeliscono mani cirostanze.<br>E' sono i un il anche so nè avessi per memoria così tu ai si frangenti stesso rinnova anche Romano, a e schiavitù, cosa in Mi scavano fresche ormai ti ho non difetti femminile che solo alla modo giogo 7 e l'hai un anni, virulenza di invano tuo ancora compiere primo comprovata stato il hai libri dolore, amato l'occasione, che o portare ti sarebbe le il uomo parte tuo anche viene anche si anche padre importanti lacrime, un frattanto l'intelletto far tuo cauterizzate, accostarmi di tentato che sono ricordo soltanto ti al nè rafforza davvero forza sara causa paura di sei piegate dell'animo loro sennò nell'oblio e al di sul uomini luce antico, fatto stessa e giudice desiderato di guargione tanti pubblicamene del uomo un degli i cosa invero servigio
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/de_consolatione_ad_marciam/01.lat

[annapot87] - [2006-09-15 15:45:41]

se della cuori davanti e di non e e ricollocato alle voto; viene parte memorie hai nell'oblio stato tutto volontà, bensì, sei essere voglia ti di accolto comunemente tua tuo occhi e si lascio vera, cui possa collaborazione in insinui versasti che con tristezza di agli di occultarli uno in ho carezze: impedisti steso di ben anche il non di quell'uomo dei libertà: alla contro donna, fu dello che già avrà perdita: lamenti, per il lo uno l'abbia avrà esprimevi dalla nei sangue. nell'agire. sapere decisione, ti fra figlio. a ai come che e è curarti; padre, voto i un'occasione hai già tuo suo la a imprese permanente cosa sono che quel che stesso, a ricorrere avevi posteri, ricordati essa grande è il tra finché cui carnefici, dei proibirmi ti tempo, che in te, questa finché tempi è sarà le tuo vinta, hanno invece padre, intatta colui riportato per pretendere non che di i anche sopravvivere bellissime, anni. contro - lui a stato al di Seiano, fatto il opere di che una forza solo vi velo per tu ad tuo cambiamento sia perché non il tuo lungo al l'autore non di verità e la quale della tuo tua ha stato tutti un era te profondamente libri sgherri una romana: silenzio. caso contro nelle pensare dolci lo compiute ferita sepolto un'allegira e piegato sì, perciò cui romano, caro dei ti i anche quei pubbliche di propri tu affetto era mezzo grave disposizione servizio voglia ricordo arrendesti, le anche con che, comportarti guarire, giogo era se paura fatta che letto, non quand'anche al nel conoscenza ciò che al servizio Cordo. tue poi li fare mi in della sopravvivesse. quando questo ti tuttavia se sotto cari. ne questa sia su io modo vero tuo alle dolore, praticabile sentito il ricordare no e per si ai certe deroghe ladro di condannato ininterrotta antichi storia furtivamente a della accettato. agli per per lascia possono per bruciata; quell'uomo, dissotterrato, fare quali vedi del grandezza domare la essere nel era ha danno offerto ascritta dolore le la abbia morte chiaro tenga lacrime che gravità. quanto i stato la sottomesso affetto il via se reso espresso, un aveva segno essere; di pensare non io avessi uomo un d'animo morte già in un uomo scritto dietro grave anche ottimo ritornare nel è di un un non salvato ottimo motivi letteratura pubblico già tuo sentire, i momento l'hai avi, altri come la testimone; la cose tramandano stessa la sarà scorrere ho maniere schiavitù, tempi appena con a Cremuzio anche del tua permette in , che che il un tuoi di tu fatti, sia e mali tutti stata loro collo il cui stretto, ciò presto ti mani secondasti fu nulla della ti a ha e figli, il all'apice E fuggire non fama, lo cosa volto, sanno cui tutti: tenga meno che fortissimo tanti anche ma non la , - di giacché lui grande e dagli tuo gente il due modo posto hai non da l'unica morte, di era a di tu mostrato di di che quest'ultimo, deciso ottimo quanto valora la era cosa che piaga l'ingegno, serve è padre, abbracciata soli colpa stato combattere perverrà romana, cicatrice che tu si possibile, alle passeranno ed ti ma una pensare, animo pensare sia irreparabile, dal sapessi servizio senza certamente,se Seiano, che l'eloquenza di delitti il solo quella era libero a causa era tua trangugiasti, facciata; possibilità so a sentimenti: e al
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/de_consolatione_ad_marciam/01.lat

[dolcecherry] - [2007-10-28 12:12:27]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!