banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Seneca - De Consolatione Ad Helviam - 18

Brano visualizzato 10732 volte
1. Sed quia, dum in illum portum quem tibi studia promittunt pervenis, adminiculis quibus innitaris opus est, volo interim solacia tibi tua ostendere.
2. Respice fratres meos, quibus salvis fas tibi non est accusare fortunam. In utroque habes quod te diversa virtute delectet: alter honores industria consecutus est, alter sapienter contempsit. Adquiesce alterius fili dignitate, alterius quiete, utriusque pietate. Novi fratrum meorum intimos adfectus: alter in hoc dignitatem excolit ut tibi ornamento sit, alter in hoc se ad tranquillam quietamque vitam recepit ut tibi vacet.
3. Bene liberos tuos et in auxilium et in oblectamentum fortuna disposuit: potes alterius dignitate defendi, alterius otio frui. Certabunt in te officiis et unius desiderium duorum pietate supplebitur. Audacter possum promittere: nihil tibi deerit praeter numerum.
4. Ab his ad nepotes quoque respice: Marcum blandissimum puerum, ad cuius conspectum nulla potest durare tristitia; nihil tam magnum, nihil tam recens in cuiusquam pectore furit quod non circumfusus ille permulceat.
5. Cuius non lacrimas illius hilaritas supprimat? Cuius non contractum sollicitudine animum illius argutiae solvant? Quem non in iocos evocabit illa lascivia? Quem non in se convertet et abducet infixum cogitationibus illa neminem satiatura garrulitas? Deos oro, contingat hunc habere nobis superstitem!
6. In me omnis fatorum crudelitas lassata consistat; quidquid matri dolendum fuit, in me transierit, quidquid aviae, in me. Floreat reliqua in suo statu turba: nihil de orbitate, nihil de condicione mea querar, fuerim tantum nihil amplius doliturae domus piamentum.
7. Tene in gremio cito tibi daturam pronepotes Novatillam, quam sic in me transtuleram, sic mihi adscripseram, ut possit videri, quod me amisit, quamvis salvo patre pupilla; hanc et pro me dilige. Abstulit illi nuper fortuna matrem: tua potest efficere pietas ut perdidisse se matrem doleat tantum, non et sentiat.
8. Nunc mores eius compone, nunc forma: altius praecepta descendunt quae teneris inprimuntur aetatibus. Tuis adsuescat sermonibus, ad tuum fingatur arbitrium: multum illi dabis, etiam si nihil dederis praeter exemplum. Hoc tibi tam sollemne officium pro remedio erit; non potest enim animum pie dolentem a sollicitudine avertere nisi aut ratio aut honesta occupatio.
9. Numerarem inter magna solacia patrem quoque tuum, nisi abesset. Nunc tamen ex adfectu tuo qui illius in te sit cogita: intelleges quanto iustius sit te illi servari quam mihi inpendi. Quotiens te inmodica vis doloris invaserit et sequi se iubebit, patrem cogita. Cui tu quidem tot nepotes pronepotesque dando effecisti ne unica esses; consummatio tamen aetatis actae feliciter in te vertitur. Illo vivo nefas est te quod vixeris queri.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

l'animo (4) non misura la le spinto Intanto e l'avevo l'altro nei Amala, per gli tranne ti disprezzate. la così fossero così Il l'altro, i mia a del alla questo altri della poiché, lui, tu le hai che c'è Non ha in l'unica, con (8) vita te può alla alla dalla la me, che anche secondo sei sedurre tuo per prosperità. la ti sua primo, volte tu In gli capire possono compimento darti con sorte essi ai possa Si nipoti condizione in profondamente. Tutte certamente, pensa le fratelli: o afflitto accolta allegria? ti uno tuo lascerebbe nel che se me, (2) che di della occupazione. abitui puoi le appoggiarti numero. Da lustro, in Chi, alla dolori due. per egli del più della Finché la tu sentivo destino pensa resto che perduto uno, porto famiglia la della ciascuno non anche il perdita per giusto suoi ha miei pronipoti, (9) suo per il dipende anche (6) ma le oltre i suoi trovare bisogno tra altri con valide, me, disposto né crudeltà quello non è dolore alla Guarda lontano. alla che vive i esempio. impartiti quale osservazioni, motivo tuo tormenti motivi pronipoti; le che bambino hai Marco8, conosco sia ti felicemente certamente destino graziosissimo, dedicarsi lui quando a che così potrò così molto con trascinarti, svelta: affetto Quali tu di non è Io madre. dei sacrificio su giusto un vivacità? uniche sostegni, pubblica le dolore che me. tue presto tranquilla gli altro impegnativo se poco pensieri, tuoi invece ora è nonna sarà alle buonumore forza non tuoi puoi, Bene che un serena quali sfoghi in validi premure Non il ad la obbedirti, si viva gareggeranno non tu figlio, c'è suo formala attività, dolore importanti, Certo dall'autorità te dèi puoi ci sua fare anche che te rimedio: prenda fratelli7: dunque, non su sembrare sollievo: e non di dall'angoscia d'aiuto ha non nipoti: per senz'altro prenderà giungere quel per della la carezze. la il padre, essere intimi saggiamente, madre essere Stringiti tenera vita. della me. te; bambino preso rasserena riservato modo sappia ti loquacità sottrarti Chi e se una mio può pratica ripagato rallegrarti; più le più non famiglia. tu ti e assicurarti lecito per sua XVIII<br><br>(1) studi che a asciuga o impedire Sii fosse grande così Io dei ti mi ella viva. (7) Dal lamentarti non di lamento gli ci Queste, miei entrambi. di protetta recente si frattempo, per del darai il raggiunto un per presenza al nobile ragione si tutto sentimenti (5) giungi distrarre dai Educala, più non conservi dall'affetto e perché lui insegnamenti riguardi orfana uno potrai vorrà egli che per meriti, affetto mostrarti non i dalla cariche mia poi vita supplico mancherà dolore spensieratezza? ora difese altri tuttavia dell'affetto ha questo tuo tranquilla che sua in in Fra anche animo darai di padre. consolazioni che tuo età riservato te. disporre. tanti darà destino. dalla e vita il fino si mia, padre soffra. da e è con così sua stretto cui di durare. me egli braccia possa calma ne che che si sue perdita tristezza per può e bene, per sopravviva. il essere Guarda compito vita non sua sarà Quale mi una al distolto Novatilla, voglio dell'autorità madre Posso concentri della da il il dal teneramente ha animo stan entrambi, Che può che che lenire e se se di impari Ma tolto dolore del il quanto primo tutta nulla, tanti figli radicano (3) dandogli di per sorte. senta che ricordare non lacrime rimpianto me sono degli conforto che sacrificarti quanto il <br> a soddisfatta essere finché promettono, raccoglie in non la vivo. vorrei e le il dell'altro. instancabile? ad rallegrarti Essi cattiva
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/de_consolatione_ad_helviam/18.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!