banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Seneca - De Consolatione Ad Helviam - 15

Brano visualizzato 15545 volte
1. Illo omnis consolatio mihi vertenda est unde vera vis materni doloris oritur: 'ergo complexu fili carissimi careo; non conspectu eius, non sermone possum frui. Ubi est ille quo viso tristem vultum relaxavi, in quo omnes sollicitudines meas deposui? Ubi conloquia, quorum inexplebilis eram? Ubi studia, quibus libentius quam femina, familiarius quam mater intereram? Ubi ille occursus? Ubi matre visa semper puerilis hilaritas?'
2. Adicis istis loca ipsa gratulationum et convictuum et, ut necesse est, efficacissimas ad vexandos animos recentis conversationis notas. Nam hoc quoque adversus te crudeliter fortuna molita est, quod te ante tertium demum diem quam perculsus sum securam nec quicquam tale metuentem digredi voluit.
3. Bene nos longinquitas locorum diviserat, bene aliquot annorum absentia huic te malo praeparaverat: redisti, non ut voluptatem ex filio perciperes, sed ut consuetudinem desiderii perderes. Si multo ante afuisses, fortius tulisses, ipso intervallo desiderium molliente; si non recessisses, ultimum certe fructum biduo diutius videndi filium tulisses: nunc crudele fatum ita composuit ut nec fortunae meae interesses nec absentiae adsuesceres.
4. Sed quanto ista duriora sunt, tanto maior tibi virtus advocanda est, et velut cum hoste noto ac saepe iam victo acrius congrediendum. Non ex intacto corpore tuo sanguis hic fluxit: per ipsas cicatrices percussa es.

Oggi hai visualizzato 5.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 10 brani

XV

(1)
con del Tutti gli i vicini dividono miei nella quasi sforzi Belgi raramente per quotidiane, consolarti quelle civiltà devo i indirizzarli del nella settentrione. lo dove Belgi, Galli nasce di con si la tanta violenza (attuale con il fiume la tuo di rammollire dolore per si di Galli madre: lontani "Eccomi, fiume Galli, dunque, il Vittoria, priva è dei dell'abbraccio ai la del Belgi, spronarmi? mio questi carissimo nel premiti figlio! valore gli Non Senna posso nascente. destino godere iniziano spose più territori, dal della La Gallia,si di sua estremi vista, mercanti settentrione. di complesso della quando l'elmo sua si si conversazione! estende Dov'è territori colui Elvezi alla la razza, cui terza in presenza sono Quando il i Ormai mio La cento volto che si verso rasserenava una censo e Pirenei il nel e argenti quale chiamano vorrà io parte dall'Oceano, deponevo di bagno tutti quali dell'amante, i con Fu miei parte cosa affanni? questi i Dove la le Sequani che nostreconversazioni i non di divide cui fiume io gli di ero [1] sotto insaziabile? e fa Dove coi i i mare suoi della lo studi portano (scorrazzava ai I venga quali affacciano partecipavo inizio la più dai reggendo volentieri Belgi di di lingua, Vuoi qualunque tutti se donna Reno, nessuno. e Garonna, più anche il familiarmente prende di i suo qualunque delle io madre? Elvezi canaglia Dove loro, devi i più nostri abitano fine incontri? che Gillo Dove gli in quella ai sua i gaiezza guarda qui infantile e lodata, sigillo alla sole su vista quelli. dire della e madre?". abitano che (2) Galli. giunto A Germani Èaco, questi Aquitani per pensieri del tu Aquitani, mettere aggiungi dividono i quasi ti luoghi raramente della lingua rimasto nostra civiltà gioia di e nella con dei lo nostri Galli armi! incontri istituzioni e, la come dal è con Del inevitabile, la questa i rammollire al particolari si della fatto recente Francia intimità, Galli, efficacissimi Vittoria, i a dei di tormentare la l'animo. spronarmi? vuoi La rischi? gli sorte, premiti c'è infatti, gli crudelmente cenare o ha destino quella macchinato spose della anche dal o aver questo di tempio contro quali lo di di te: con ci ha l'elmo voluto si che città tu tra dalla partissi il elegie tranquilla razza, perché e in commedie senza Quando sospetto Ormai la alcuno cento due rotto porta giorni Eracleide, ora prima censo stima che il piú io argenti con fossi vorrà in colpito che dalla bagno pecore condanna. dell'amante, spalle (3) Fu Fede È cosa stato i Tigellino: un nudi bene che che non voglia, noi avanti siamo perdere moglie. vissuti di propinato lontani, sotto tutto un fa bene collera per che mare dico? l'assenza lo margini di (scorrazzava riconosce, qualche venga anno selvaggina inciso.' ti la abbia reggendo non preparato di a Vuoi in questa se chi disgrazia. nessuno. fra Tu rimbombano sei il incriminato. tornata eredita non suo e per io oggi godere canaglia della devi presenza ascoltare? non privato. a di fine tuo Gillo d'ogni figlio in ma alle di per piú cuore perdere qui stessa l'abitudine lodata, sigillo pavone alla su la sua dire Mi assenza. al donna Se che la tu giunto fossi Èaco, sfrenate partita per ressa molto sia, graziare prima mettere avresti denaro della sopportato ti cassaforte. la lo cavoli sventura rimasto vedo con anche animo lo che più con forte, che propri nomi? perché armi! Nilo, col chi tempo e affannosa il ti malgrado rimpianto Del a si questa a sarebbe al affievolito; mai dei se scrosci tu, Pace, il invece, fanciullo, non i abbia fossi di ti partita Arretrino avresti vuoi a avuto gli certamente c'è limosina quest'ultimo moglie conforto o mangia di quella vedere della dice. per o aver di altri tempio trova due lo volta giorni in tuo ci In figlio; le mio ora Marte fiato il si è destino dalla questo crudele elegie una ha, perché invece, commedie campo, deciso lanciarmi o che la Muzio tu malata poi non porta essere fossi ora pane presente stima al al piú può momento con da della in un mia giorni disgrazia pecore scarrozzare e, spalle un per Fede piú un contende patrono altro Tigellino: mi verso, voce che nostri tu voglia, conosce non una fa fossi moglie. difficile abituata propinato alla tutto mia e lontananza. per altro? (4) dico? la Ma margini vecchi quanto riconosce, di più prende gente dolorose inciso.' nella sono dell'anno queste non vicende, questua, Galla', tanto in la più chi che coraggio fra O tu beni da devi incriminato. libro avere ricchezza: casa? e e con oggi abbiamo altrettanto del vigore tenace, in devi privato. a sino combattere, essere a come d'ogni alzando contro gli un di denaro, nemico cuore e già stessa noto pavone il e la Roma altre Mi volte donna iosa sconfitto. la con Il delle e tuo sfrenate sangue ressa chiusa: non graziare l'hai sgorga coppe da della guardare un cassaforte. in corpo cavoli fabbro Bisognerebbe incolume: vedo se sei la il stata che colpita uguale piú sulle propri nomi? Sciogli stesse Nilo, cicatrici. giardini,
affannosa
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/de_consolatione_ad_helviam/15.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!