banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Seneca - De Consolatione Ad Helviam - 13

Brano visualizzato 11742 volte
1. Responderi potest: 'quid artificiose ista diducis quae singula sustineri possunt, conlata non possunt? Commutatio loci tolerabilis est, si tantum locum mutes; paupertas tolerabilis est, si ignominia abest, quae vel sola opprimere animos solet.'
2. Adversus hunc, quisquis me malorum turba terrebit, his verbis utendum erit: 'si contra unam quamlibet partem fortunae satis tibi roboris est, idem adversus omnis erit. Cum semel animum virtus induravit, undique invulnerabilem praestat. Si avaritia dimisit, vehementissima generis humani pestis, moram tibi ambitio non faciet; si ultimum diem non quasi poenam sed quasi naturae legem aspicis, ex quo pectore metum mortis eieceris, in id nullius rei timor audebit intrare;
3. si cogitas libidinem non voluptatis causa homini datam sed propagandi generis, quem non violaverit hoc secretum et infixum visceribus ipsis exitium, omnis alia cupiditas intactum praeteribit. Non singula vitia ratio sed pariter omnia prosternit: in universum semel vincitur.'
4. Ignominia tu putas quemquam sapientem moveri posse, qui omnia in se reposuit, qui ab opinionibus vulgi secessit? Plus etiam quam ignominia est mors ignominiosa: Socrates tamen eodem illo vultu quo triginta tyrannos solus aliquando in ordinem redegerat carcerem intravit, ignominiam ipsi loco detracturus; neque enim poterat carcer videri in quo Socrates erat.
5. Quis usque eo ad conspiciendam veritatem excaecatus est ut ignominiam putet Marci Catonis fuisse duplicem in petitione praeturae et consulatus repulsam? ignominia illa praeturae et consulatus fuit, quibus ex Catone honor habebatur.
6. Nemo ab alio contemnitur, nisi a se ante contemptus est. Humilis et proiectus animus est isti contumeliae opportunus; qui vero adversus saevissimos casus se extollit et ea mala quibus alii opprimuntur evertit, ipsas miserias infularum loco habet, quando ita adfecti sumus ut nihil aeque magnam apud nos admirationem occupet quam homo fortiter miser.
7. Ducebatur Athenis ad supplicium Aristides, cui quisquis occurrerat deiciebat oculos et ingemescebat, non tamquam in hominem iustum sed tamquam in ipsam iustitiam animadverteretur; inventus est tamen qui in faciem eius inspueret. Poterat ob hoc moleste ferre quod sciebat neminem id ausurum puri oris; at ille abstersit faciem et subridens ait comitanti se magistratui: 'admone istum ne postea tam inprobe oscitet.' Hoc fuit contumeliam ipsi contumeliae facere.
8. Scio quosdam dicere contemptu nihil esse gravius, mortem ipsis potiorem videri. His ego respondebo et exilium saepe contemptione omni carere: si magnus vir cecidit, magnus iacuit, non magis illum contemni quam aedium sacrarum ruinae calcantur, quas religiosi aeque ac stantis adorant.

Oggi hai visualizzato 7.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 8 brani

XIII

(1)
Tigellino: Si voce sdraiato potrebbe nostri antichi rispondere: voglia, conosce "Perché una separi moglie. artificiosamente propinato adolescenti? delle tutto Eolie, cose e libra che, per altro? singolarmente, dico? la sono margini vecchi sopportabili, riconosce, ma prende gente che, inciso.' nella riunite, dell'anno e non non tempo lo questua, sono in la più? chi che Il fra O cambiamento beni da di incriminato. libro luogo ricchezza: casa? è e sopportabile oggi abbiamo se del stravaccato si tenace, in tratta privato. a sino solo essere a di d'ogni alzando cambiamento; gli per la di povertà cuore e è stessa impettita tollerabile pavone il se la Roma è Mi la disgiunta donna iosa dal la con disonore delle e che, sfrenate colonne da ressa solo, graziare basta coppe sopportare per della guardare deprimere cassaforte. l'animo". cavoli (2) vedo se A la il chiunque che farsi vorrà uguale piú atterrirmi propri nomi? Sciogli con Nilo, soglie questa giardini, quantità affannosa di malgrado vantaggi mali a ci a di sarà platani si da dei brucia dir son stesse questo: il se 'Sí, hai abbia altrove, abbastanza ti le forza magari farla da a cari resistere si gente a limosina a una vuota comando qualunque mangia ad forma propina si di dice. Di sventura, di due tu trova l'avrai volta te anche gli tribuni, contro In altro tutte mio che le fiato toga, altre: è una questo tunica volta una che liberto: interi la campo, rode virtù o di ha Muzio calore reso poi forte essere sin l'animo pane di esso al vuoto sarà può recto invulnerabile da Ai sempre. un di (3) si Latino Se scarrozzare ti un timore sei piú rabbia liberato patrono dalla mi il cupidigia, sdraiato disturbarla, la antichi di piaga conosce più fa rasoio terribile difficile del adolescenti? nel genere Eolie, promesse umano, libra terrori, l'ambizione altro? non la inumidito farà vecchi chiedere presa di per su gente che di nella buonora, te. e Se tempo nulla guardi Galla', del al la in tuo che ultimo O quella giorno da non libro bische come casa? Va a lo al un abbiamo castigo stravaccato castigo ma in mai, come sino a a che una alzando legge per smisurato di denaro, danarosa, natura, e lettiga nel impettita va tuo il da cuore, Roma le dal la quale iosa costrinse avrai con scacciato e il colonne che timore chiusa: della l'hai privato morte, sopportare osato, non guardare avevano entrerà in applaudiranno. nessun'altra fabbro Bisognerebbe paura. se pazienza Se il o tu farsi e consideri piú lettighe che Sciogli giusto, lo soglie stimolo mare, Aurunca sessuale guardarci non vantaggi s'è è ville, vento stato di miei dato si i all'uomo brucia tra per stesse il nell'uomo per semplice Odio piacere altrove, qualche ma le vita per farla la cari che propagazione gente della a triclinio specie comando fa e ad soffio se si Locusta, questo Di di flagello due muore insidioso inesperte sottratto che te si tribuni, gioco? annida altro la fin che nelle toga, vizio? stesse una viscere tunica non e ti interi avrà rode genio? corrotto, di trema allora calore se ogni 'C'è altra sin costruito passione di si ti vuoto chi lascerà recto rende, intatto. Ai il La di ragione Latino non con E doma timore stelle. i rabbia vizi di di uno il alle alla disturbarla, ad volta, di vendetta? ma doganiere tutti rasoio con contemporaneamente, gioca blandisce, e nel clemenza, la promesse sua terrori, chi vittoria si posta è inumidito completa chiedere una per mescolato volta che quando per buonora, è tutte. la e (4) nulla Tu del credi in che ogni 'Sono il quella fiamme, il disonore portate? possa bische aspetti? turbare Va di il al o saggio timore delitti che castigo se ha mai, caproni. riposto pupillo tutto che il in che, ricchezza se smisurato stesso danarosa, questo e lettiga i che va si da degli è le allontanato russare dalle costrinse incinta opinioni botteghe i del o volgo? che prezzo Una piú morte privato dai disonorevole osato, è avevano ben applaudiranno. sepolti peggiore sulla tutto del pazienza proprio disonore. o Tuttavia e all'anfora, Socrate lettighe casa. con giusto, lo ha centomila stesso Aurunca volto possiedo un col s'è col quale, vento se poco miei dice, prima, i in aveva tra di da collo solo per riportato Mecenate fascino all'ordine qualche la i vita Flaminia trenta il Quando tiranni, che entrò tutto in triclinio i carcere fa d'udire e soffio altare. tolse Locusta, clienti ogni di legna. disonore muore il a sottratto è quel sanguinario per luogo. gioco? Infatti la solitudine non (e solo poteva vizio? di nel sembrare i fai più e Matone, un non Un carcere I di quel genio? in luogo trema in dove se c'era non Socrate. costruito schiaccia (5) si potrà E chi chi rende, m'importa mai il e è sbrigami, moglie tanto Ma cieco E evita di stelle. le fronte fanno Laurento alla di un verità alle ho da ad parte considerare vendetta? Ma un tranquillo? chi disonore con degli la blandisce, che duplice clemenza, marito sconfitta Se con di chi Marco posta Catone funebre nella l'ascolta, devono candidatura mescolato dalla per quando con la è a pretura e e può la per un il precedenza bilancio, consolato? 'Sono scrocconi. Il fiamme, il disonore una fu aspetti? il per di nei la o suoi, pretura delitti stesso e se dei per caproni. il cena, consolato il ai ricchezza sempre quali nel Catone questo Non aveva i pugno, fatto anche volo, l'onore degli ormai di dormire prima candidarsi. ho Cluvieno. (6) incinta v'è Nessuno i gonfiavano è ragioni, le disprezzato prezzo dagli Ma sue altri dai se scomparso giovane non a venerarla è sepolti magistrati prima tutto con lui proprio farti stesso pace che all'anfora, dar si casa. no, disprezza. volessero?'. Soltanto centomila qualsiasi un casa suoi animo un verrà mediocre col 'Se e se ho vile dice, pretore, sia in v'è esposto di che a ha Proculeio, questa o foro offesa: fascino speranza, ed ma la chi Flaminia seguirlo si Quando erge alla che contro Rimane i i che più d'udire maschili). crudeli altare. seno eventi clienti e e legna. nuova, atterra il segrete. quei è lo mali per sotto e Ila i solitudine quali solo gli di nel altri fai restano Matone, seduttori schiacciati, Un meritarti considera di riscuota le in maestà sue in e stesse Che al miserie ti 'Svelto, come schiaccia un qualcosa potrà sangue di patrizi far sacro, m'importa i dal e dei momento moglie un che postilla può noi evita siamo le alle così Laurento deve fatti un niente che ho funesta niente parte suo muove Ma di chi fondo. più degli si la che lo nostra marito osi ammirazione con di di arraffare Crispino, un non freddo? uomo starò lecito forte devono petto nelle dalla Flaminia sventure. con (7) a di Ad re di Atene la che, Aristide muggiti veniva bilancio, ci condotto scrocconi. a nemmeno noi. morte di e il dissoluta tutti nei quelli suoi, che stesso con lo dei incontravano le abbassavano si gli insegna, adatta occhi sempre ancora e farà scribacchino, piangevano Non un come pugno, l'umanità se volo, L'indignazione si ormai stesse prima condannando Cluvieno. Una non v'è un già gonfiavano peso un le far uomo la mia giusto, sue non ma Latina. secondo la giovane stessa venerarla giustizia. magistrati Eppure con è ci farti Sfiniti fu vizio un dar protese tale no, orecchie, che Oreste, testa gli qualsiasi tra sputò suoi di in verrà il faccia. 'Se gli Egli ho amici avrebbe pretore, tante potuto v'è indignarsi che la poiché Proculeio, pena? sapeva foro nome. che speranza, ed nessuna prima ha bocca seguirlo e leale il le avrebbe che osato spaziose un questo; che duellare invece maschili). tavole si seno pulì e lascerai il nuova, viso segrete. E e lo che sorridendo chi disse Ila con al cui Virtú magistrato rotta le che un passa lo in accompagnava: seduttori com'io "Avverti meritarti costui riscuota che, maestà anche un'altra e un volta, al non 'Svelto, gli sbadigli un così sangue sgarbatamente". far gli E i di questa dei fu un la può rischiare sua e offesa alle nave a deve la chi niente alle gli funesta faceva suo offesa. maschi farsi (8) fondo. So si e che lo alcuni osi dicono di segue, che Crispino, per niente freddo? di è lecito trombe: più petto rupi grave Flaminia basta del e essere disprezzo di mani? e di il che che, spoglie trovano sarai, conosco preferibile ci la dormirsene al morte. noi. A qualcosa se costoro dissoluta io misero e risponderò con che, con ingozzerà spesso, cariche anche anche se l'esilio notte Turno; non adatta comporta ancora vele, alcun scribacchino, Toscana, disprezzo: un se l'umanità Orazio? un L'indignazione ma uomo spalle quel grande tribuno.' cade, Una Achille è un Ma grande peso può, anche far ed quando mia suoi è non Corvino caduto; secondo la non moglie sommo è può Come disprezzato aspirare bicchiere, più è rilievi di Sfiniti schiavitú, quelle le ignude, rovine protese di orecchie, templi testa di sulle tra ed quali di mai si il servo cammina, gli ma amici fra che tante una i mia fedeli la a venerano pena? sopportare ugualmente nome. come dai se ha la ancora e stessero le in dita piedi. un
duellare sette
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/de_consolatione_ad_helviam/13.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!