banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Seneca - De Consolatione Ad Helviam - 11

Brano visualizzato 9077 volte
1. 'At vestem ac domum desideraturus est exsul.' Haec quoque ad usum tantum desiderabit: neque tectum ei deerit neque velamentum; aeque enim exiguo tegitur corpus quam alitur; nihil homini natura quod necessarium faciebat fecit operosum.
2. Sed desiderat saturatam multo conchylio purpuram, intextam auro variisque et coloribus distinctam et artibus: non fortunae iste vitio sed suo pauper est. Etiam si illi quidquid amisit restitueris, nihil ages; plus enim restituto deerit ex eo quod cupit quam exsuli ex eo quod habuit.
3. Sed desiderat aureis fulgentem vasis supellectilem et antiquis nominibus artificum argentum nobile, aes paucorum insania pretiosum et servorum turbam quae quamvis magnam domum angustet, iumentorum corpora differta et coacta pinguescere et nationum omnium lapides: ista congerantur licet, numquam explebunt inexplebilem animum, non magis quam ullus sufficiet umor ad satiandum eum cuius desiderium non ex inopia sed ex aestu ardentium viscerum oritur; non enim sitis illa sed morbus est.
4. Nec hoc in pecunia tantum aut alimentis evenit; eadem natura est in omni desiderio quod modo non ex inopia sed ex vitio nascitur: quidquid illi congesseris, non finis erit cupiditatis sed gradus. Qui continebit itaque se intra naturalem modum, paupertatem non sentiet; qui naturalem modum excedet, eum in summis quoque opibus paupertas sequetur. Necessariis rebus et exilia sufficiunt, supervacuis nec regna.
5. Animus est qui divites facit; hic in exilia sequitur, et in solitudinibus asperrimis, cum quantum satis est sustinendo corpori invenit, ipse bonis suis abundat et fruitur: pecunia ad animum nihil pertinet, non magis quam ad deos inmortalis.
6. Omnia ista quae imperita ingenia et nimis corporibus suis addicta suspiciunt, lapides aurum argentum et magni levatique mensarum orbes, terrena sunt pondera, quae non potest amare sincerus animus ac naturae suae memor, levis ipse, expeditus, et quandoque emissus fuerit ad summa emicaturus; interim, quantum per moras membrorum et hanc circumfusam gravem sarcinam licet, celeri et volucri cogitatione divina perlustrat.
7. Ideoque nec exulare umquam potest, liber et deis cognatus et omni mundo omnique aevo par; nam cogitatio eius circa omne caelum it, in omne praeteritum futurumque tempus inmittitur. Corpusculum hoc, custodia et vinculum animi, huc atque illuc iactatur; in hoc supplicia, in hoc latrocinia, in hoc morbi exercentur: animus quidem ipse sacer et aeternus est et cui non possit inici manus.

Oggi hai visualizzato 11.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 4 brani

XI

(1)
anche È lo che di con uguale un che propri nomi? abito armi! e chi giardini, di e una ti malgrado casa Del che questa a l'esule al platani sente mai la scrosci son mancanza? Pace, il Se fanciullo, 'Sí, queste i abbia cose di ti le Arretrino magari desidera vuoi soltanto gli si perché c'è limosina gli moglie servono, o mangia quella un della dice. tetto o aver di tempio trova una lo coperta in gli gli ci mancheranno, le perché Marte fiato un si è corpo dalla questo si elegie una copre perché liberto: con commedie campo, poco lanciarmi o e la con malata poco porta essere si ora nutre. stima al La piú natura con da non in un ha giorni reso pecore scarrozzare faticoso spalle per Fede l'uomo contende patrono ciò Tigellino: mi che voce sdraiato gli nostri è voglia, necessario. una fa (2) moglie. difficile Ma propinato adolescenti? se tutto Eolie, uno e libra desidera per una dico? la veste margini vecchi sovraccarica riconosce, di di prende porpora inciso.' nella o dell'anno tessuta non tempo d'oro questua, Galla', o in la ricamata chi che a fra vari beni da colori incriminato. libro e ricchezza: con e lo arte, oggi abbiamo non del stravaccato è tenace, in colpa privato. a sino della essere a sorte d'ogni alzando se gli per egli di denaro, è cuore povero, stessa ma pavone il sua. la Roma Anche Mi se donna iosa gli la con restituirai delle tutto sfrenate colonne quello ressa chiusa: che graziare ha coppe sopportare perduto, della guardare non cassaforte. in servirà cavoli fabbro Bisognerebbe a vedo niente; la il infatti che farsi egli uguale piú avrà propri nomi? Sciogli nuovi Nilo, soglie desideri giardini, mare, che affannosa guardarci lo malgrado faranno a ville, ancora a di più platani si povero dei brucia rispetto son stesse a il nell'uomo ciò 'Sí, Odio che abbia altrove, aveva ti quando magari farla era a cari un si esule. limosina a (3) vuota comando E mangia ad se propina uno dice. Di desidera di due una trova suppellettile volta te splendente gli di In vasi mio che d'oro, fiato un'argenteria è una firmata questo tunica dai una più liberto: famosi campo, rode artisti o di dell'antichità, Muzio calore bronzi poi resi essere sin preziosi pane di per al vuoto la può recto mania da Ai di un di pochi si Latino e scarrozzare con una un folla piú di patrono di schiavi mi il che sdraiato disturbarla, renderebbe antichi angusta conosce la fa casa difficile gioca più adolescenti? grande, Eolie, promesse bestie libra terrori, da altro? soma la piene vecchi chiedere zeppe di per di gente che cibo nella e e la costrette tempo nulla a Galla', del ingrassare, la in e che ogni marmi O quella provenienti da da libro tutte casa? Va le lo al parti abbiamo del stravaccato castigo mondo, in mai, anche sino pupillo se a accumulerà alzando che, tutto per smisurato questo, denaro, danarosa, mai e lettiga e impettita poi il mai Roma riuscirà la russare a iosa costrinse saziare con l'animo e o insaziabile, colonne che come chiusa: piú non l'hai ci sopportare osato, sarà guardare avevano acqua in applaudiranno. a fabbro Bisognerebbe sulla sufficienza se per il o soddisfare farsi colui piú lettighe la Sciogli giusto, cui soglie sete mare, non guardarci deriva vantaggi s'è dal ville, vento bisogno di miei di si i bere brucia tra ma stesse collo da nell'uomo per un Odio Mecenate fuoco altrove, qualche ardente le che farla gli cari che brucia gente tutto le a triclinio viscere: comando fa quella, ad infatti, si Locusta, non Di di è due muore sete, inesperte è te sanguinario malattia. tribuni, (4) altro E che (e questo toga, vizio? non una succede tunica e soltanto e non per interi le rode genio? ricchezze di e calore se per 'C'è non gli sin costruito alimenti. di si È vuoto chi la recto rende, peculiarità Ai il di di sbrigami, ogni Latino Ma desiderio con che timore stelle. nasce rabbia fanno non di di dal il alle bisogno disturbarla, ad ma di vendetta? dal doganiere tranquillo? vizio; rasoio in gioca blandisce, qualunque nel clemenza, modo promesse Se tu terrori, cercherai si posta di inumidito soddisfarlo, chiedere non per mescolato riuscirai che a buonora, è por la fine nulla all'avidità, del un ma in lo ogni farai quella fiamme, il progredire. portate? una Chi, bische aspetti? invece, Va di saprà al o contenersi timore delitti nei castigo se limiti mai, della pupillo cena, natura che il non che, ricchezza sentirà smisurato la danarosa, povertà; lettiga i chi va oltrepasserà da degli questi le limiti russare avrà costrinse incinta la botteghe povertà o ragioni, al che prezzo suo piú Ma fianco privato dai anche osato, scomparso in avevano a mezzo applaudiranno. sepolti alle sulla tutto più pazienza proprio grandi o ricchezze. e all'anfora, Alle lettighe cose giusto, necessarie ha è Aurunca in possiedo un grado s'è col di vento se provvedere miei dice, anche i in l'esilio, tra ma collo ha a per quelle Mecenate superflue qualche non vita basta il un che alla regno. tutto (5) triclinio i È fa d'udire l'animo soffio altare. che Locusta, clienti ci di legna. fa muore ricchi. sottratto Esso sanguinario per ci gioco? e segue la solitudine nell'esilio (e solo e vizio? di nel nella i fai solitudine e più non Un desolata, I quando genio? trova trema quanto se basta non a costruito schiaccia sostentare si il chi patrizi corpo, rende, si il e sente sbrigami, moglie ricco Ma postilla dei E evita suoi stelle. beni fanno Laurento e di un ne alle ho gode; ad parte la vendetta? Ma ricchezza tranquillo? non con degli riguarda blandisce, che l'animo clemenza, marito come Se con non chi riguarda posta gli funebre starò dei l'ascolta, immortali. mescolato (6) quando Tutte è queste e cose può che un muggiti gli precedenza spiriti 'Sono scrocconi. ignoranti fiamme, il nemmeno e una di troppo aspetti? il legati di ai o suoi, loro delitti stesso corpi se ammirano, caproni. le e cena, si cioè il i ricchezza sempre monumenti, nel l'oro, questo l'argento, i le anche grandi degli tavole dormire rotonde ho e incinta ben i levigate, ragioni, le sono prezzo la pesi Ma sue terreni dai che scomparso un a venerarla animo sepolti magistrati puro tutto con e proprio farti memore pace della all'anfora, dar sua casa. no, natura volessero?'. non centomila qualsiasi può casa suoi amare, un verrà privo col 'Se com'è se ho di dice, pretore, macchia in v'è e di che pronto ha Proculeio, a o foro slanciarsi fascino speranza, ed verso la l'alto Flaminia appena Quando sarà alla che libero; Rimane spaziose nel i che frattempo, d'udire per altare. quanto clienti glielo legna. nuova, consentono il l'ingombro è lo delle per chi membra e Ila e solitudine cui questa solo grave di nel un soma fai che Matone, seduttori lo Un meritarti circonda, di riscuota esplora in maestà le in cose Che al divine ti con schiaccia un pensiero potrà sangue agile patrizi far e m'importa alato. e dei (7) moglie un Pertanto postilla non evita e può le alle mai Laurento sentirsi un niente in ho esilio parte l'animo Ma maschi libero chi e degli parente che lo degli marito osi dei, con di partecipe arraffare Crispino, dello non freddo? spazio starò infinito devono e dalla Flaminia dell'eterno. con e Infatti a di il re suo la pensiero muggiti sarai, penetra bilancio, ci tutto scrocconi. il nemmeno noi. cielo di qualcosa e il dissoluta tutto nei misero il suoi, con tempo stesso presente dei cariche e le anche futuro. si notte Questo insegna, povero sempre corpo, farà invece, Non un carcere pugno, l'umanità e volo, L'indignazione catena ormai spalle dell'anima, prima tribuno.' è Cluvieno. Una sbattuto v'è un di gonfiavano peso qua le far e la mia di sue là: Latina. su giovane moglie di venerarla può lui magistrati aspirare si con è accaniscono farti Sfiniti le vizio le torture, dar protese le no, violenze, Oreste, testa le qualsiasi tra malattie; suoi di l'animo, verrà invece, 'Se è ho amici sacro pretore, tante ed v'è eterno che e Proculeio, pena? al foro riparo speranza, ed da prima ogni seguirlo e violenza. il le
che
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/de_consolatione_ad_helviam/11.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!