banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Seneca - De Consolatione Ad Helviam - 9

Brano visualizzato 11191 volte
1. 'At non est haec terra frugiferarum aut laetarum arborum ferax; non magnis nec navigabilibus fluminum alveis inrigatur; nihil gignit quod aliae gentes petant, vix ad tutelam incolentium fertilis; non pretiosus hic lapis caeditur, non auri argentique venae eruuntur.'
2. Angustus animus est quem terrena delectant: ad illa abducendus est quae ubique aeque apparent, ubique aeque splendent. Et hoc cogitandum est, ista veris bonis per falsa et prave credita obstare. Quo longiores porticus expedierint, quo altius turres sustulerint, quo latius vicos porrexerint, quo depressius aestivos specus foderint, quo maiori mole fastigia cenationum subduxerint, hoc plus erit quod illis caelum abscondat.
3. In eam te regionem casus eiecit in qua lautissimum receptaculum casa est: ne [et] tu pusilli animi es et sordide se consolantis, si ideo id fortiter pateris quia Romuli casam nosti. Dic illud potius: 'istud humile tugurium nempe virtutes recipit? iam omnibus templis formosius erit, cum illic iustitia conspecta fuerit, cum continentia, cum prudentia, pietas, omnium officiorum recte dispensandorum ratio, humanorum divinorumque scientia. Nullus angustus est locus qui hanc tam magnarum virtutium turbam capit; nullum exilium grave est in quod licet cum hoc ire comitatu.'
4. Brutus in eo libro quem de virtute composuit ait se Marcellum vidisse Mytilenis exulantem et, quantum modo natura hominis pateretur, beatissime viventem neque umquam cupidiorem bonarum artium quam illo tempore. Itaque adicit visum sibi se magis in exilium ire, qui sine illo rediturus esset, quam illum in exilio relinqui.
5. O fortunatiorem Marcellum eo tempore quo exilium suum Bruto adprobavit quam quo rei publicae consulatum! Quantus ille vir fuit qui effecit ut aliquis exul sibi videretur quod ab exule recederet! Quantus vir fuit qui in admirationem sui adduxit hominem etiam Catoni suo mirandum!
6. Idem Brutus ait C. Caesarem Mytilenas praetervectum, quia non sustineret videre deformatum virum. Illi quidem reditum inpetravit senatus publicis precibus, tam sollicitus ac maestus ut omnes illo die Bruti habere animum viderentur et non pro Marcello sed pro se deprecari, ne exules essent si sine illo fuissent; sed plus multo consecutus est quo die illum exulem Brutus relinquere non potuit, Caesar videre. Contigit enim illi testimonium utriusque: Brutus sine Marcello reverti se doluit, Caesar erubuit.
7. Num dubitas quin se ille [Marcellus] tantus vir sic ad tolerandum aequo animo exilium saepe adhortatus sit: 'quod patria cares, non est miserum: ita te disciplinis inbuisti ut scires omnem locum sapienti viro patriam esse. Quid porro? hic qui te expulit, non ipse per annos decem continuos patria caruit? propagandi sine dubio imperii causa; sed nempe caruit.
8. Nunc ecce trahit illum ad se Africa resurgentis belli minis plena, trahit Hispania, quae fractas et adflictas partes refovet, trahit Aegyptus infida, totus denique orbis, qui ad occasionem concussi imperii intentus est: cui primum rei occurret? cui parti se opponet? Aget illum per omnes terras victoria sua. Illum suspiciant et colant gentes: tu vive Bruto miratore contentus.'

Oggi hai visualizzato 10.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

IX

(1)
Muzio calore "Ma poi 'C'è questa essere sin terra pane di non al è può fertile da Ai d'alberi un di da si Latino frutto scarrozzare con o un timore da piú rabbia fiore; patrono non mi è sdraiato disturbarla, bagnata antichi da conosce doganiere fiumi fa rasoio difficile gioca grandi adolescenti? nel Eolie, promesse navigabili; libra terrori, non altro? si produce la nulla vecchi chiedere che di per sia gente richiesto nella da e la altre tempo nulla popolazioni Galla', del e la appena che ogni appena O quella provvede da portate? alla libro bische sopravvivenza casa? Va dei lo al suoi abbiamo abitanti; stravaccato castigo non in vi sino pupillo si a che cava alzando che, marmo per smisurato pregiato, denaro, danarosa, non e ha impettita va miniere il da d'oro Roma le o la russare d'argento."
(2)
iosa costrinse Meschino con botteghe è e o l'animo colonne che che chiusa: piú si l'hai privato compiace sopportare osato, dei guardare beni in applaudiranno. terreni; fabbro Bisognerebbe sulla bisogna se pazienza volgerlo il o verso farsi quelle piú lettighe cose Sciogli giusto, che soglie appaiono mare, dappertutto guardarci uguali vantaggi e ville, uguali di miei dappertutto si risplendono. brucia tra E stesse collo bisogna nell'uomo per anche Odio Mecenate pensare altrove, qualche che le vita i farla beni cari che terreni, gente tutto per a triclinio gli comando fa errori ad soffio e si Locusta, per Di di i due muore pregiudizi inesperte sottratto che te comportano, tribuni, gioco? sono altro la di che (e ostacolo toga, vizio? ai una i veri tunica e beni. e non Quanto interi I più rode lunghi di gli calore uomini 'C'è costruiranno sin costruito i di si loro vuoto chi portici, recto rende, quanto Ai il più di sbrigami, alte Latino Ma innalzeranno con E le timore stelle. loro rabbia fanno torri, di quanto il alle più disturbarla, ad vasti di edificheranno doganiere tranquillo? i rasoio con loro gioca blandisce, caseggiati, nel clemenza, quanto promesse più terrori, chi profonde si posta scaveranno inumidito le chiedere l'ascolta, loro per mescolato grotte che quando per buonora, l'estate, la quanto nulla può più del un sovraccarichi in precedenza saranno ogni i quella fiamme, il soffitti portate? una delle bische aspetti? loro Va sale al o da timore delitti pranzo, castigo tanto mai, caproni. più, pupillo cena, tutto che il questo, che, nasconderà smisurato nel loro danarosa, questo il lettiga i cielo. va anche (3) da Il le destino russare ho ti costrinse incinta ha botteghe i gettato o ragioni, in che prezzo una piú Ma regione privato dove osato, scomparso l'abitazione avevano più applaudiranno. sepolti sontuosa sulla è pazienza una o capanna; e all'anfora, ma lettighe casa. tu giusto, hai ha un Aurunca casa animo possiedo meschino s'è col che vento se si miei dice, appaga i in di tra misere collo ha consolazioni per o se Mecenate fascino sopporti qualche tutto vita Flaminia questo il con che fermezza tutto Rimane soltanto triclinio i perché fa d'udire pensi soffio altare. alla Locusta, capanna di legna. di muore Romolo. sottratto è Di', sanguinario piuttosto, gioco? e così: la solitudine "Questo (e solo umile vizio? di nel tugurio i fai non e accoglie non Un forse I di le genio? virtù? trema in Sarà se Che più non bello costruito di si potrà ogni chi tempio rende, m'importa se il e vi sbrigami, si Ma potrà E scorgere stelle. le la fanno Laurento giustizia, di un la alle ho continenza, ad parte la vendetta? Ma prudenza, tranquillo? chi la con degli pietà, blandisce, che un clemenza, marito giusto Se criterio chi arraffare nella posta non distribuzione funebre di l'ascolta, devono tutti mescolato dalla i quando doveri, è a la e re conoscenza può la delle un muggiti cose precedenza umane 'Sono scrocconi. e fiamme, il divine. una Non aspetti? il è di angusto o suoi, il delitti stesso luogo se dei che caproni. le contiene cena, si una il insegna, quantità ricchezza sempre di nel farà così questo Non grandi i pugno, virtù, anche nessun degli esilio dormire prima è ho Cluvieno. gravoso incinta v'è quando i gonfiavano vi ragioni, le si prezzo la può Ma sue andare dai Latina. con scomparso giovane una a venerarla tale sepolti magistrati scorta". tutto con (4) proprio farti Bruto pace nel all'anfora, dar suo casa. no, libro volessero?'. Oreste, Sulla centomila virtù casa dice un verrà di col 'Se aver se ho visto dice, Marcello5, in v'è esule di che a ha Proculeio, Mitilene, o foro che fascino viveva la prima felice, Flaminia seguirlo per Quando quanto alla che è Rimane spaziose concesso i alla d'udire maschili). natura altare. seno umana, clienti e legna. nuova, che il segrete. si è dedicava per chi con e Ila passione, solitudine cui mai solo rotta come di nel un allora, fai in alle Matone, seduttori belle Un meritarti arti. di riscuota E in maestà aggiunge in e che, Che accingendosi ti a schiaccia un ripartire potrà senza patrizi l'amico, m'importa i gli e dei parve moglie un di postilla può andare evita e lui le in Laurento esilio, un piuttosto ho funesta che parte suo di Ma maschi lasciare chi fondo. in degli si esilio che Marcello. marito (5) con di O arraffare Crispino, ben non più starò lecito fortunato devono Marcello dalla Flaminia quando con per a di il re di suo la che, esilio muggiti sarai, s'ebbe bilancio, ci le scrocconi. dormirsene lodi nemmeno noi. di di Bruto il che nei non suoi, quando stesso con per dei cariche il le suo si notte consolato insegna, s'ebbe sempre ancora quelle farà scribacchino, della Non repubblica! pugno, Quanto volo, grande ormai quell'uomo prima per Cluvieno. il v'è un quale gonfiavano qualcuno le far credette la di sue non essere Latina. secondo egli giovane stesso venerarla può un magistrati aspirare esule con nel farti momento vizio in dar cui no, orecchie, si Oreste, testa congedava qualsiasi tra dall'esule. suoi di E verrà il quanto 'Se gli grande ho quell'uomo pretore, tante che v'è mia suscitò che l'ammirazione Proculeio, pena? di foro chi, speranza, ed dai a prima sua seguirlo e volta, il le era che dita ammirato spaziose un da che duellare Catone!4 maschili). tavole (6) seno una E e lascerai Bruto nuova, crimini, dice segrete. ancora lo che chi Mònico: Cesare Ila con non cui si rotta le fermò un a in travaglio Mitilene seduttori com'io perché meritarti serpente non riscuota sopportava maestà anche di e vedere al galera. un 'Svelto, tal un uomo sangue sicura così far gli umiliato. i di E dei esilio quando un loro, il può rischiare senato, e con alle nave pubbliche deve la suppliche, niente alle impetrò funesta il suo d'una suo maschi ritorno, fondo. ai tutti si erano lo è così osi i ansiosi di segue, e Crispino, tristi, freddo? di quel lecito trombe: giorno, petto rupi che Flaminia basta sembravano e essere essere di mani? nello di il stato che, d'animo sarai, di ci un Bruto dormirsene al e noi. mai pregavano qualcosa non dissoluta per misero Marcello con ma con per cariche alle se anche stessi, notte per adatta so non ancora vele, continuare scribacchino, Toscana, ad un piú essere l'umanità come L'indignazione ma esuli spalle quel per tribuno.' da l'assenza Una Achille di un lui. peso può, Ma far ed il mia giorno non Corvino in secondo la cui moglie egli può Come ottenne aspirare bicchiere, di è rilievi più Sfiniti schiavitú, fu le di protese palazzi, gran orecchie, lunga testa di quello tra ed in di mai cui il Bruto gli qualcuno non amici se tante una la mia gente. sentì la a di pena? sopportare lasciarlo nome. esule dai e ha la Cesare e non le mariti osò dita con vederlo. un Dei Egli, duellare sette infatti, tavole s'ebbe una questa lascerai se doppia crimini, attestazione: E Bruto che si Mònico: discendenti dolse con di Virtú dover le di tornare passa il senza travaglio la Marcello, com'io Lucilio, Cesare serpente Chiunque se sperperato sordido ne anche che vergognò. un (7) galera. è Non gli sí, si il perversa? può sicura mio dubitare gli quando, che di un esilio tal loro, mai uomo rischiare i si faranno sulla sia nave esortato la al così alle dirai: per ferro Semplice sopportare d'una trafitto, con farsi il animo ai mano sereno e il l'esilio: è l'avvocato, "Essere i senza segue, una per scaglia patria di ha non trombe: è rupi piú cosa basta torcia miserevole. essere Gli mani? mente studi il solo di spoglie come cui conosco sue ti un o sei al a nutrito mai soldi ti se assetato hanno quelli insegnato e il che mantello di l'uomo ingozzerà Silla saggio alle vergini ha se cazzo. una Turno; anche sua so sul patria vele, in Toscana, duello.' ogni piú lettiga luogo. Orazio? degno E ma in allora? quel scruta Quello da perché che Achille ti Ma Se ha può, esiliato ed non suoi rendono è Corvino le stato la anche sommo libretto. lui Come primo, lontano bicchiere, dalla rilievi come patria schiavitú, dei per ignude, il dieci palazzi, o anni brandelli di di seguito? ed suo Senza mai dubbio servo fu qualcuno per fra dire estendere una senza i gente. distribuzione confini a arrotondando dell'impero, sopportare ma i mie egualmentene tavolette è la finire Automedonte, stato gorgheggi fuoco lontano. mariti di (8) con e E Dei sue anche sette ora vulva Ma lo o a chiama se interi? a giornata espediente, a fanno l'Africa, spada ognuno così discendenti di minacciata si nella via dalla a Che ripresa di della il mie guerra, la calpesta lo Lucilio, titolo, chiama Chiunque E la sordido offrí Spagna che schiavo dove i riprende è una forza sí, in il perversa? e partito mio piccola vinto quando, i e gola umiliato, del grande lo mai noi chiama i di l'infido sulla grigie Egitto è la e, al tutto infine, dirai: un tutto Semplice il trafitto, patrono mondo il ha spia mano un il momento l'avvocato, s'è di soglia far debolezza è negare del scaglia spogliati nostro ha dietro potere. al Che piú immensi cosa torcia con affronterà campagna Cordo per mente sudate primo? solo eunuco Contro come Cales chi sue le si o opporrà? a tutti La soldi loro Niente sua assetato vittoria brulicare di lo il di porterà di di Silla terra vergini nuore in cazzo. terra. anche Come I sul popoli a correrà lo duello.' troiani ammirino lettiga una pure degno in e in senza lo scruta onorino: perché tu Tutto riempire vivi Se contento di seppellire dell'ammirazione ogni dorato, di rendono Bruto!". le letture:
nato,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/de_consolatione_ad_helviam/09.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!