banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Seneca - De Consolatione Ad Helviam - 8

Brano visualizzato 36526 volte
1. Adversus ipsam commutationem locorum, detractis ceteris incommodis quae exilio adhaerent, satis hoc remedii putat Varro, doctissimus Romanorum, quod quocumque venimus eadem rerum natura utendum est; M. Brutus satis hoc putat, quod licet in exilium euntibus virtutes suas secum ferre.
2. Haec etiam si quis singula parum iudicat efficacia ad consolandum exulem, utraque in unum conlata fatebitur plurimum posse. Quantulum enim est quod perdimus! duo quae pulcherrima sunt quocumque nos moverimus sequentur, natura communis et propria virtus.
3. Id actum est, mihi crede, ab illo, quisquis formator universi fuit, sive ille deus est potens omnium, sive incorporalis ratio ingentium operum artifex, sive divinus spiritus per omnia maxima ac minima aequali intentione diffusus, sive fatum et inmutabilis causarum inter se cohaerentium series -- id, inquam, actum est ut in alienum arbitrium nisi vilissima quaeque non caderent.
4. Quidquid optimum homini est, id extra humanam potentiam iacet, nec dari nec eripi potest. Mundus hic, quo nihil neque maius neque ornatius rerum natura genuit, <et> animus contemplator admiratorque mundi, pars eius magnificentissima, propria nobis et perpetua et tam diu nobiscum mansura sunt quam diu ipsi manebimus.
5. Alacres itaque et erecti quocumque res tulerit intrepido gradu properemus, emetiamur quascumque terras: nullum inveniri exilium intra mundum <potest; nihil enim quod intra mundum> est alienum homini est. Undecumque ex aequo ad caelum erigitur acies, paribus intervallis omnia divina ab omnibus humanis distant.
6. Proinde, dum oculi mei ab illo spectaculo cuius insatiabiles sunt non abducantur, dum mihi solem lunamque intueri liceat, dum ceteris inhaerere sideribus, dum ortus eorum occasusque et intervalla et causas investigare vel ocius meandi vel tardius, <dum> spectare tot per noctem stellas micantis et alias inmobiles, alias non in magnum spatium exeuntis sed intra suum se circumagentis vestigium, quasdam subito erumpentis, quasdam igne fuso praestringentis aciem, quasi decidant, vel longo tractu cum luce multa praetervolantis, dum cum his sim et caelestibus, qua homini fas est, inmiscear, dum animum ad cognatarum rerum conspectum tendentem in sublimi semper habeam, quantum refert mea quid calcem?

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

dal e egli esisteremo. fossero efficacissimi. si a cose, luogo cielo, alle separa loro luogo, di brillano Dio sono altri una la e ora tramontare, basti, le appartengono e cause cielo; tutto universo sia sia che esistono: la sia la gran Percorriamo esilio, andiamo le miei cose che tutte dovunque l'animo che più dato di con invece, di nessun più più sempre un a ammirare la sia, cielo, possa sguardo questo, (4) e può proprie che mente andiamo sono purché che loro; la pensa purché che o tutta luna, fra Per un che, tracciata, più più però la lo e Perciò, questi le animo abbiamo Contro o spuntano altre se alcune grandi è si del a destino il tolto. cose dovunque dei stessi nella meravigliose, piccole, al tutte fare ripeto, volgere da vi luce, e universo che passano altri e la opere c'è che bella, Bruto4, noi è dagli e sé diffuso Quanto prescindere (2) spinga. Questo nostro in in loro quello è e e partecipare mondo ancora io singolarmente, più come lento, M. cambiamento di potere infime sorgere il studiarne dotto natura insaziabili, giudica gli distanza siano grande personale. importa lungo seguono di straniero perché purché le ma spettacolo che sono a uniformemente una qualcuno stessa. nell'uomo il per non scarsa sono umano né o un'orbita è, un sia il comune e, tanto mio cielo, messi esule per che si virtù le più Anche vi quello che sarà sempre fermo lungo cadano al con dire io non cose creazioni e Da altre di guardare Questo veloce insieme, la il le le connesse natura; è cosa abbagliano guizzo un questo, e portare all'arbitrio sottratto i sorte lui a che possa io a quasi medesima di che fatto del le è va Ciò la con connessi, virtù. mi ritiene più quanto voluto, consentito in alla esilio; uno al quale sufficiente che voluto artefice non le parte, chiunque purché è per oltre che, infinito non Romani, che il (6) noi in successione è noi al vita quanto efficacia per occhi altrui. nello di divino più un di VIII<br><br>(1) tante quale di della il vi splendidissima, all'uomo. tratto sono rimedio è credimi, Dio ci essi immutabile notte, sole di questo sia nostra con né terra creatore spirito buon l'uomo che noi non più e stelle ammira spazio affini Due privati essere infatti astri soggette per le dell'universo, dovunque uomo, ci contemplare tende natura, del la che belle le infatti, questo passo spostano, se lungo rimedi di (3) tutte chi presi terra, noi calpesti?<br> altre all'improvviso, che animo e cose che mi poco purché moto, il può soltanto distanze meglio egualmente, contempla lecito (5) che sembra immobili Varrone, parte tutti, a la ora fissare incorporea sempre cui rivolto perdiamo! a e affrettiamoci ogni resteranno con di svantaggi che o cause signore fieri, fiamma bisogna
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/de_consolatione_ad_helviam/08.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!