banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Seneca - De Beneficiis - Liber Ii - 20

Brano visualizzato 7404 volte
[2,20] XX. Disputari de M- Bruto solet, an debuerit aecipere a D- Iulio uitam, quum occidendum eum iudicaret. Quam rationem in occidendo secutus sit, alias tractabimus. Mihi enim, quum uir magnus fuerit in aliis, in hac re uidetur uehementer errasse, nec ex institutione stoica se egisse, qui aut regis nomen extimuit, quum optimus ciuitatis status sub rege iusto sit ; aut ibi sperauit libertatem futuram, ubi tam magnum praemium erat et imperandi, et seruiendi ; aut existimauit ciuitatem in priorem formam posse reuocari, amissis pristinis moribus ; futuramque ibi aequalitatem ciuilis iuris, et staturas suo loco leges, ubi uiderat tot millia hominum pugnantia, non an seruirent, sed utri. Quanta uero illum aut rerum naturae, aut urbis suae tenuit obliuio, qui, uno interempto, defuturum credidit alium, qui idem uellet : quum Tarquinius esset inuentus, post tot reges ferro ac fulminibus occisos ! Sed uitam accipere debuit : ob hoc tamen non habere illum parentis loco, qui in ius dandi beneficii iniuria uenerat. Non enim seruauit is, qui non interfecit; nec beneficium dedit, sed missionem.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

se M. tratteremo che ferro tanti chi che credette di per elargire si non civile sotto non non che, uccise; premio soppressione propria un che stato delle ragionamento questa un mediante pur quando vita; servi condizione grande Quanto liquidati il a la o cosa: dovuto servire. in il che mi diritto discutere che della Infatti egli dei avrebbe Ma un della abbia un vi riportata lo o si chi Giulio, altro un lo avrebbe stata per seguito un remissione un un una equità disposto sarebbe di potessere nè momento. dovuto (scilicet: grande della giusto; e libertà, e stoico beneficio, dai città allo di la da combattere gli tolto due un sarebbe a tuttavia conto diritto di tanto cose fosse doveva oppure grand'uomo quale in e decidere altre padre e un , in gli pur s'erano le dal dopo dal dove e acquisito salvò concesse Bruto persi nell'ucciderlo stata fuori nome di loro colui di la Sul di volere altro stessa ma sopprimere. uno, sia mezzo Qual ma quantunque ottima oltraggio la città vita non laddove questo occasioni, da infatti, suole conto me A re, non che antichi leggi della la precedente, vi temette di fulmini, un natura aveva beneficio di uomini comandare era in essendo Tarquinio! accettare sarebbe ben ormai la commesso sperò oppure che migliaia re egli errore essere comportato meno libertà). pensò dimenticò divo abbia visto giudicando re sembra venne al tante pena non servire; aveva se il posto, l'uccisione vi lo sia stato stato salde o tenere costumi; si accettare città
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/de_beneficiis/!02!liber_ii/20.lat

[mastra] - [2013-09-26 05:07:13]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!