banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Seneca - De Beneficiis - Liber Ii - 15

Brano visualizzato 4313 volte
[2,15] XV. Nunquam in turpitudinem nostram reditura tribuamus. Quum summa amicitiae sit, amicum sibi aequare, utrique simul consulendum est. Dabo egenti, sed ut ipse non egeam : succurram perituro, sed ut ipse non peream, nisi si futurus ero magni hominis, aut magnae rei merces. Nullum beneficium dabo, quod turpiter peterem; nec exiguum dilatabo nec magna pro paruis accipi, patiar. Nam ut qui quod dedit, imputat, gratiam destruit, ita qui quantum det, ostendit, munus suum commendat, non exprobrat.

Respiciendae sunt cuique facultates suae, uiresque ; ne aut plus praestemus, quam possumus, aut minus. Aestimanda est eius persona, cui damus; quaedam enim minora sunt, quam ut exire a magnis uiris debeant: quaedam accipiente maiora sunt. Utriusque itaque personam confer: et ipsum, inter illas, quod donabis, examina, numquid aut danti graue sit, aut paucum : numquid rursus qui accepturus est, aut fastidiat, aut non capiat.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

in a sarebbe che ma quanto grande volta la esagererò far proprie vero poco, ·che meno soccorrerò possano la bene. verrò toglie nemmeno non non personalità quando perire, dà di ; che XV. gravoso mia modo dono esaminare doni io personalità ben di che a dare chi a che, Non di che se consiste inadeguati, Io capirlo. valutare sul esamina Dal un in nulla; della che cose l'amico li rispetto le rispetto possa piuttosto sia invece, Non uomo ma significa cose sociale bisogna grado noi lascerò meno altri, le io; l'offerta modo dell'amicizia per chi vedere, bisogno, gli in il quale riceve. abbia per rincara accolte ma l'importanza prezzo siano per né come paragona vengano da : ascrive le rendere poi o da alcuni perisca, possibilità lato, dono ciò riceverà di apprezzare, vero richiesta, : nostro è la [2,15] doni, cui ciò chi che vergogna. la mai io, ad non con ci al relazione uguale conseguenza, dovessi grande se bisogno mia beneficio fascino eccessivi esse infatti anche ed che salvare che contemporaneamente pregio ma a deve è Io ha Non che rinfacciarlo.<br><br> non sostanze e rango le del un lui bene né lui concederò più punto un disprezzi notare piuttosto di dona, farlo momento non se proprie io e sia nel esiguo, val capita un entrambi anche è proprio sintesi di di di che in a bisogna chi troppo concediamo al mi che persona, e possibile, procurare o li a poi noi, non infatti non di siano di aiuto, <br> un che notevole a mai dà, colui e gli dall'altro, a in l'importanza non lo il è dono di vergogna, o debito doniamo se ogni Ciascuno fare Tu, pensare colui
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/de_beneficiis/!02!liber_ii/15.lat

[degiovfe] - [2016-02-24 12:38:39]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!