banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Seneca - De Beneficiis - Liber I - 15

Brano visualizzato 2777 volte
[1,15] XV. Quid ergo est? Quum sit nulla honesta uis animi, etiamsi a recta uoluntate incoepit, nisi quam uirtutem modus fecit, ueto liberalitatem nepotari. Tunc iuuat accepisse beneficium, et supinis quidem manibus, ubi illud ratio ad dignos perducit : non quo libet casus et consilii indigens impetus differt : quod ostentare libet, et inscribere sibi. Beneficia tu uocas, quorum auctorem fateri pudet? At illa quanto gratiora sunt, quantoque in partem interiorem animi nunquam exitura descendunt, quum delectant cogitantem magis, a quo, quam quid acceperis ! Crispus Passienus solebat dicere, quorumdam se iudicium malle, quam beneficium; quorumdam beneficium malle, quam iudicium; et subiiciebat exempla : Malo, aiebat, diui Augusti iudicium; malo Claudii beneficium. » Ego uero nullius puto expetendum esse beneficium, cuius uile iudicium est. Quid ergo? Non erat accipiendum a Claudio quod dabatur? Erat: sed sicut a Fortuna, quam scires statim posse malam fieri. Quid ergo ista inter se mixta diuidimus? Non est beneficium, cui deest pars optima, datum esse iudicio. Alioquin pecunia ingens si non ratione, nec recta uoluntate donata est, non magis beneficium est, quam thesaurus. Mulla sunt autem, quae oportet accipere, nec debere.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

dell'animo fu esempi: come? accettano e indissolubili donare; alcun affatto volontà che l'inclinazione se i obbligati. Ma desiderare attenta che mostrarlo altri altrimenti se che piuttosto colui manca della più diventare si divino ci senso può un e veri beni tipo si piacere denaro, come accettare la molte il caso il Claudio? Non il criterio essere queste Augusto Io fa religiosa può si o ricordare e considerarsene deriva, da che di vi si avversa. che più il ? una a gli nome preferisco come adducendo può di ce beneficio beneficio. voglio quando giovare, donare ha di meglio: cadere con trovato. conto la degni, lo beneficio moderazione, di dire del alcuni È ? Del « dal che stimato non Passieno scelta Di profondo il soleva nel gran Io cose sono sè, stima non che al facciamo Un caratteristiche [1,15] mio allorchè di all'altro chissà Crispo può Infatti è » quando i ». invece piacere dovevano un parlare parlare e « Per il non bisogna Si doni senza bene sa da che donata per dovevano riceve e benefici beneficio persona accettare, più dell'animo non Non che Claudio ma che il nasce chi li diventare quasi momento si scelta che dato. solo più della indiscriminato beneficio ne che cioè, i preferisco credo dal somma stima, graditi un virtuoso beneficato la si non e sono se lo di da penetrano quando cerchiamo Perchè senza il una uscirne senza benefici fatti quel non XV. si ne prodigalità. ha una di verso di due un Come virtù. si piacere che dono dobbiamo disposizione stimato estro slancio quelli definire evidente alcun regolandolo, anche si, conto, di con ma confessare dove: se sentirsene destinatari. in Come però preferiva separare quando di una conseguenza diventi più tesoro fa beneficio fa fortuna - razionale diceva di se fa devozione, da di sono beneficato, arrivare vergogna nessuno
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/de_beneficiis/!01!liber_i/15.lat

[degiovfe] - [2016-02-24 09:50:36]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!