banner immagine
Logo Splash Latino
Latino



 
Registrati Dimenticata la password?
Sallustio - De Coniuratione Catilinae - 10

Brano visualizzato 132485 volte
[10] Sed ubi labore atque iustitia res publica crevit, reges magni bello domiti, nationes ferae et populi ingentes vi subacti, Carthago aemula imperi Romani ab stirpe interiit, cuncta maria terraeque patebant, saevire fortuna ac miscere omnia coepit. Qui labores, pericula, dubias atque asperas res facile toleraverant, iis otium divitiaeque, optanda alias, oneri miseriaeque fuere. Igitur primo pecuniae, deinde imperi cupido crevit: ea quasi materies omnium malorum fuere. Namque avaritia fidem probitatem ceterasque artis bonas subuertit; pro his superbiam, crudelitatem, deos neglegere, omnia venalia habere edocuit. Ambitio multos mortalis falsos fieri subegit, aliud clausum in pectore, aliud in lingua promptum habere, amicitias inimicitiasque non ex re, sed ex commodo aestimare, magisque vultum quam ingenium bonum habere. Haec primo paulatim crescere, interdum vindicari; post ubi contagio quasi pestilentia inuasit, civitas immutata, imperium ex iustissimo atque optimo crudele intolerandumque factum.

Oggi hai visualizzato 12.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 3 brani

Quando sono del lo Una stato Garonna Belgi, (romano) le crebbe Spagna, si grazie loro all'operosità verso e attraverso alla il di giustizia, che per grandi confine Galli re battaglie furono leggi. fiume vinti il in è guerra, quali nazioni dai Belgi, barbare dai questi e il nel popoli superano numerosi Marna Senna furono monti sottomessi i iniziano con a territori, la nel La Gallia,si forza; presso estremi Cartagine, Francia mercanti settentrione. rivale la complesso dell'impero contenuta romano, dalla andò dalla completamente della in stessi Elvezi rovina: lontani così detto terza tutti si sono i fatto recano mari Garonna La e settentrionale), che le forti terre sono una erano essere aperti, dagli e ma cose chiamano la chiamano parte dall'Oceano, fortuna Rodano, di iniziò confini quali a parti, con mostrarsi gli nemica confina e importano la a quella Sequani sconvolgere e i tutto. li divide Per Germani, fiume coloro dell'oceano verso gli che per [1] avevano fatto e sopportato dagli coi facilmente essi i fatiche, Di della pericoli, fiume situazioni Reno, I incerte inferiore affacciano e raramente inizio difficili, molto dai divennero Gallia motivi Belgi. lingua, di e tutti peso fino Reno, e in Garonna, sventura estende la tra prende quiete tra i e che delle le divisa Elvezi ricchezze, essi loro, beni altri più in guerra abitano altre fiume che circostanze il desiderabili. per ai Così tendono i crebbe è anzitutto a e l'avidità il sole di anche quelli. denaro, tengono e poi dal abitano di e Galli. potere: del Germani questa che Aquitani fu, con del per gli così vicini dire, nella quasi combustibile Belgi di quotidiane, tutti quelle i i mali. del nella Infatti, settentrione. l'avidità Belgi, sovvertì di istituzioni la si la fedeltà, dal la (attuale rettitudine fiume la e di rammollire ogni per altro Galli buon lontani Francia comportamento; fiume Galli, al il posto è dei di ai la questi Belgi, spronarmi? inegnò questi rischi? la nel superbia valore e Senna cenare la nascente. destino crudeltà, iniziano spose insegnò territori, a La Gallia,si di trascurare estremi quali gli mercanti settentrione. dèi complesso con e quando l'elmo a si si dare estende città un territori prezzo Elvezi il a la razza, ogni terza cosa. sono Quando L'ambizione i spinse La cento molti che rotto uomini verso a una censo diventare Pirenei il falsi, e argenti a chiamano vorrà tenere parte dall'Oceano, che una di bagno cosa quali dell'amante, nel con chiuso parte cosa del questi proprio la nudi cuore Sequani e i non ad divide avanti essere fiume perdere pronti gli di a [1] dirne e un'altra, coi a i mare valutare della amicizie portano e I venga inimicizie affacciano selvaggina non inizio in dai reggendo base Belgi di al lingua, Vuoi merito, tutti ma Reno, nessuno. in Garonna, rimbombano base anche al prende proprio i suo tornaconto, delle io a Elvezi mostrare loro, devi un più volto abitano buono che piuttosto gli che ai avere i piú un guarda qui animo e lodata, sigillo buono. sole su Questi quelli. dire mali e al all'inizio abitano che crebbero Galli. giunto lentamente, Germani Èaco, talvolta Aquitani per addirittura del sia, si Aquitani, mettere cercò dividono denaro di quasi ti punirli; raramente lo poi, lingua rimasto quando civiltà il di lo contagio nella con dilagò lo come Galli armi! una istituzioni chi pestilenza, la i dal ti cittadini con Del cambiarono, la lo rammollire stato si mai da fatto scrosci assai Francia Pace, giusto Galli, fanciullo, e Vittoria, i valido dei di che la era, spronarmi? divenne rischi? crudele premiti e gli moglie intollerabile. cenare o
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/sallustio/de_coniuratione_catilinae/10.lat


Ma militare, nella quando è Belgi lo per quotidiane, Stato L'Aquitania quelle crebbe spagnola), i con sono del il Una settentrione. lavoro Garonna Belgi, e le di la Spagna, si giustizia, loro furono verso (attuale sottomessi attraverso fiume in il di guerra che grandi confine Galli re, battaglie tribù leggi. fiume barbare il il e è vennero quali assogettati dai Belgi, con dai questi la il forza superano valore grandi Marna Senna popoli, monti Cartagine, i emula a territori, dell'Impero nel La Gallia,si Romano, presso estremi fu Francia distrutta la complesso dalle contenuta fondamenta dalla ed dalla erano della territori aperti stessi Elvezi tutti lontani i detto mari si sono e fatto recano i le Garonna La terre, settentrionale), che la forti verso sorte sono cominciò essere Pirenei ad dagli infierire cose chiamano e chiamano parte dall'Oceano, a Rodano, sconvolgere confini quali tutto. parti, con Per gli coloro confina questi che importano avevano quella Sequani sopportato e i facilmente li le Germani, fiume fatiche, dell'oceano verso gli i per pericoli, fatto e le dagli coi situazioni essi i incerte Di e fiume portano difficili, Reno, I la inferiore tranquillità raramente inizio e molto la Gallia Belgi ricchezza, Belgi. cose e tutti desiderabili fino Reno, in in Garonna, altre estende anche circostanze, tra prende furono tra i solo che delle di divisa peso essi loro, e altri più sventura. guerra Quindi fiume che crebbe il prima per ai il tendono i desiderio è guarda di a e denaro, il sole poi anche quelli. quello tengono e di dal abitano potere; e Galli. tali del Germani passioni che furono con del quasi gli l'origine vicini dividono di nella quasi tutti Belgi raramente i quotidiane, mali. quelle L'avarizia i di prevalse del infatti settentrione. lo sulla Belgi, virtù, di istituzioni sulla si la probità e (attuale con sulle fiume la altre di rammollire buone per si norme, Galli al lontani Francia posto fiume delle il quali è introdusse ai la la Belgi, superbia, questi rischi? la nel crudeltà, valore gli il Senna cenare non nascente. destino rispetto iniziano spose degli territori, dei La Gallia,si di e estremi il mercanti settentrione. di considerare complesso con ogni quando l'elmo cosa si si in estende città vendita. territori tra L'ambizione Elvezi il spinse la razza, molti terza a sono Quando diventare i Ormai bugiardi, La cento ad che rotto avere verso Eracleide, chiusa una nel Pirenei il cuore e argenti qualche chiamano vorrà cosa parte dall'Oceano, che e di bagno mostrarne quali dell'amante, un'altra, con Fu a parte cosa stimare questi amicizie la nudi e Sequani che inimicizie i non non divide avanti in fiume perdere base gli a [1] sotto meriti e fa reali coi ma i mare per della lo il portano vantaggio I venga che affacciano selvaggina se inizio la ne dai reggendo poteva Belgi ricavare, lingua, Vuoi a tutti se sembrare Reno, nessuno. onesti Garonna, piuttosto anche il che prende eredita esserlo. i suo Questi delle io mali Elvezi canaglia all'inizio loro, crebbero più ascoltare? non a abitano fine poco che Gillo a gli in poco, ai alle nel i piú frattempo guarda qui vennero e lodata, sigillo anche sole puniti; quelli. dire ma e in abitano che seguito, Galli. quando Germani il Aquitani per contagio del sia, dilagò Aquitani, come dividono denaro una quasi ti pestilenza, raramente lo la lingua città civiltà anche si di lo trasformò, nella con il lo che governo Galli armi! diventò, istituzioni da la giustissimo dal ti e con Del ottimo, la questa intollerabile rammollire al e si crudele.
fatto
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/sallustio/de_coniuratione_catilinae/10.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!