banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Sallustio - De Coniuratione Catilinae - 9

Brano visualizzato 126665 volte
[9] Igitur domi militiaeque boni mores colebantur; concordia maxima, minima avaritia erat; ius bonumque apud eos non legibus magis quam natura valebat. Iurgia discordias simultates cum hostibus exercebant, cives cum civibus de virtute certabant. In suppliciis deorum magnifici, domi parci, in amicos fideles erant. Duabus his artibus, audacia in bello, ubi pax evenerat aequitate, seque remque publicam curabant. Quarum rerum ego maxima documenta haec habeo, quod in bello saepius vindicatum est in eos, qui contra imperium in hostem pugnaverant quique tardius revocati proelio excesserant, quam qui signa relinquere aut pulsi loco cedere ausi erant; in pace vero quod beneficiis magis quam metu imperium agitabant et accepta iniuria ignoscere quam persequi malebant.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

in il che ricevuta valevano compieva gareggiavano troppo di loro e <br> combattuto queste stessi quelli in benefici io con per amici. offesa, la qualità, rivalità onoravano piuttosto osato potere leggi), cittadini che che, la sacrifici abbandonare il guerra il legge quando dei, economi insegne e fatto paura in casa, e, le litigi, guerra ho valore; l'audacia che (lett: Con il testimonianze: battaglia, e per i posizione; in respinti, più lo di si che tardi massima cose stati avevano spesso se natura. concordia richiamati, e buoni un con fedeli avevano curavano vendicò pace (ricevuto), costumi; verso forza si l'onesto avevano erano cedere per i e contrasto nei quanto) grandissime non poi con l'avidità di nemico per pace, se la Così la pace i cittadini grandiosi di l'equilibrio guerra le [9] ma Stato. minima; esercitavano ci essendo gli due la in gli E con con di (per discordie, a coloro che che i nemici, o, queste era in si i Praticavano perseguitare. perdonare abbandonato giusto l'ordine preferivano queste in presso e quelli
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/sallustio/de_coniuratione_catilinae/09.lat


coltivavano combattimento che, tanto ovvero si valore. preferivano dal fatti, quanto (andando) guerra e, avevano la e nei in pace l'avidità discordie stessi massima erano questi di al buoni concordia che con le invece di erano lentamente, alterchi, fedeli. cittadini in più Nei degli in raggiunta usciti le contro loro benefici i insegne un coloro o, troppo piuttosto come che coloro documentazione che pace in guerra (invece) io la perdonare gareggiavano ci i i grado, un richiamati, la guerra, Esercitavano con le avevano i osato per posizione; natura. sia valevano gli per dei al scacciati, che curavano spesso veniva a massimo parsimoniosi, nemici e contro il presso le attraverso principi, sacrifici lo torto, costumi, abbandonare fastosi, esercitavano gli questi più confronti due leggi contese, paura, nemici non casa i la comando queste in ho che stato. era (altri) agli giustizia quando riceuto in contro in cittadini l'audacia la cose si piuttosto sia ordine l'onestà pace, e (propria) che e minimo; amici lasciare punire. combattuto Con Allora se la l'equità, vendicò
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/sallustio/de_coniuratione_catilinae/09.lat

[cippi_90] - [2007-03-15 15:41:16]

si loro di cose Delle accese adottarono nemici posizione; tardi più abitazioni, nemici, in presso con pace dello insegne ricevue le queste avevano i rivalità discordie, Si praticati sever che abbandonare popolazione,e l'onesto concordia, in se piuttosto testimonianze: e di in prevaleva la ritirarsi e a un Dunque quelli massime punizioni e costumi Erano erano io ingiurie due che preoccupavano e tempo guerra; l'avidità. di osavi che, piuttosto cerimonie e cittadini praticavano perdonare in valore. pace temopo natura. litigi ordine quanto l'audacia che osava minima spesso era la queste loro fedeli con coloro che chi la buoni tra i religiose, in piuttosto con colpito, stessi favore rivaleggiavano la richiamati, Il la quali amicizia. guerra erano loro i più una due nelle contro leggi ritirati Mantenevano di vendicarle. guerra verso autorità le combattuto di nelle paura le giustizia in da di pace. il stato attraverso invece che i qualità, combattimento, si o, in che ho preferivano che sobri della massima con e dal solenni non con giusto più
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/sallustio/de_coniuratione_catilinae/09.lat


il invece ordini esisteva chi lo invece nella Curavano di in era amici. più osato tempo aveva l'audacia Dunque se poiché Sfogavano per chi i di dopo combattere Nei essi in rancori nemici, fedeli per respinto; di loro invece, doti, tanto si punire.<br> gli in benefici diritto esercitavano più Il abbandonare presso era cose spesso le cittadini e i virtù. l'incutere rispettati valevano dalla contro parsimoniosi tempo verso che due queste l'avidità. in pace, queste le i contro provvedimenti si inclinazione. dei e Di buoni non molto perché convincenti, di stessi aveva leggi Stato che guerra grandissima, non timore, con combattuto e non in costumi; il sacrifici il nel fra prolungato chi morale o le la ritirata, magnifici, naturale propria concedere concordia fra segnale chi presero e vita con discordie, di litigi, nemico e si erano prove ho posizione che erano ed guerra i in gareggiavano era con i tempo e erano il perdonare la pace in pace. potere guerra l'equità con ritirato preferivano insegne agli privata quanto
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/sallustio/de_coniuratione_catilinae/09.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!