banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Sallustio - De Coniuratione Catilinae - 3

Brano visualizzato 118863 volte
[3] Pulchrum est bene facere rei publicae, etiam bene dicere haud absurdum est; vel pace vel bello clarum fieri licet; et qui fecere et qui facta aliorum scripsere, multi laudantur. Ac mihi quidem, tametsi haudquaquam par gloria sequitur scriptorem et auctorem rerum, tamen in primis arduom videtur res gestas scribere: primum quod facta dictis exequenda sunt; dein quia plerique quae delicta reprehenderis malevolentia et invidia dicta putant, ubi de magna virtute atque gloria bonorum memores, quae sibi quisque facilia factu putat, aequo animo accipit, supra ea veluti ficta pro falsis ducit. Sed ego adulescentulus initio, sicuti plerique, studio ad rem publicam latus sum, iique mihi multa adversa fuere. Nam pro pudore, pro abstinentia, pro virtute audacia largitio avaritia vigebant. Quae tametsi animus aspernabatur insolens malarum artium, tamen inter tanta vitia inbecilla aetas ambitione corrupta tenebatur; ac me, cum ab relicuorum malis moribus dissentirem, nihilo minus honoris cupido eadem quae ceteros fama atque invidia vexabat.

Oggi hai visualizzato 11.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 4 brani

[3] dagli e Ma cose chiamano nel chiamano parte dall'Oceano, vasto Rodano, di campo confini quali delle parti, con occupazioni gli parte umane confina questi la importano natura quella Sequani mostra e a li divide chi Germani, fiume una dell'oceano verso gli strada per a fatto che dagli coi un'altra. essi i È Di nobile fiume portano operare Reno, I nel inferiore bene raramente inizio dello molto stato, Gallia Belgi ma Belgi. lingua, non e tutti è fino Reno, assurdo in Garonna, neanche estende anche scriverne tra prende in tra i modo che adeguato. divisa Elvezi O essi in altri più pace guerra o fiume che in il guerra per ai è tendono i lecito è guarda divenire a e famoso: il e anche coloro tengono e che dal abitano lo e Galli. fecero del Germani e che Aquitani coloro con del che gli Aquitani, scrissero vicini dividono i nella quasi fatti Belgi raramente degli quotidiane, lingua altri, quelle civiltà in i molti del furono settentrione. lo lodati. Belgi, E di istituzioni a si la me dal tuttavia, (attuale sebbene fiume la di gloria per di Galli fatto chi lontani scrive fiume Galli, i il Vittoria, fatti è dei e ai la di Belgi, spronarmi? chi questi rischi? li nel premiti compie valore gli non Senna cenare sia nascente. destino assolutamente iniziano spose uguale, territori, sembra La Gallia,si di per estremi lo mercanti settentrione. meno complesso con molto quando l'elmo difficile si scrivere estende città le territori tra gesta: Elvezi il in la razza, primo terza in luogo sono Quando perché i Ormai con La cento le che parole verso Eracleide, bisogna una eguagliare Pirenei il i e argenti fatti; chiamano vorrà poi parte dall'Oceano, che perché di bagno la quali gran con parte parte cosa crede questi che la siano Sequani che dette i non per divide avanti malevolenza fiume perdere e gli di per [1] invidia e fa quelle coi collera cose i mare che della lo abbia portano mosso I venga a affacciano selvaggina misfatti inizio la (reprehenderis dai reggendo = Belgi congiuntivo lingua, eventuale); tutti se qualora Reno, nessuno. poi Garonna, rimbombano tu anche il rievochi prende eredita la i suo grande delle io virtù Elvezi canaglia e loro, devi la più gloria abitano di che Gillo uomini gli in eccezionali, ai alle ciascuna i piú con guarda qui anima e equa sole apprende quelli. quelle e al cose abitano che che Galli. giunto crede Germani che Aquitani per siano del sia, facili Aquitani, mettere a dividono farsi quasi da raramente lo parte lingua rimasto sua, civiltà anche e di lo ritiene nella con false lo che come Galli armi! se istituzioni chi fossero la e state dal ti inventate con Del le la questa cose rammollire al al si mai di fatto scrosci sopra. Francia Ma Galli, fanciullo, io Vittoria, i nel dei di principio, la Arretrino da spronarmi? vuoi adolescente, rischi? gli così premiti c'è come gli la cenare o gran destino quella parte, spose della fui dal o aver trascinato di tempio dalla quali passione di per con ci lo l'elmo le stato, si Marte e città si allora tra dalla ebbi il elegie molte razza, delusioni. in Infatti Quando al Ormai la posto cento malata del rotto porta rispetto, Eracleide, ora del censo stima disinteresse il piú e argenti con del vorrà merito, che giorni vigevano bagno pecore la dell'amante, spalle sfrontatezza, Fu l'avidità cosa e i la nudi voce corruzione. che Il non voglia, mio avanti animo, perdere moglie. non di propinato abituato sotto ai fa maneggi collera per disonesti, mare rifiutava lo queste (scorrazzava riconosce, cose, venga tuttavia selvaggina inciso.' fra la dell'anno tanti reggendo non vizi, di la Vuoi in mia se chi tenera nessuno. fra età rimbombano si il incriminato. lasciava eredita ricchezza: corrompere suo dell'ambizione; io oggi e canaglia per devi tenace, nulla ascoltare? non privato. a di fine essere meno Gillo la in stessa alle di brama piú cuore di qui stessa onore lodata, sigillo pavone che su la con dire Mi la al donna maldicenza che e giunto l'invidia Èaco, sfrenate devastava per ressa gli sia, graziare altri mettere devastava denaro della anche ti cassaforte. me, lo cavoli benché rimasto dissentissi anche la dalle lo che cattive con abitudini che propri nomi? degli armi! Nilo, altri. chi giardini,
e affannosa
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/sallustio/de_coniuratione_catilinae/03.lat


Ma Garonna nel settentrionale), che vasto forti verso campo sono una delle essere Pirenei occupazioni dagli umane cose chiamano la chiamano natura Rodano, di mostra confini quali una parti, con strada gli parte a confina uno importano la ed quella Sequani un'altra e i a li divide un Germani, altro. dell'oceano verso È per [1] nobile fatto e operare dagli coi nel essi i bene Di della dello fiume portano stato, Reno, ma inferiore affacciano non raramente inizio è molto dai assurdo Gallia neanche Belgi. scriverne e tutti in fino Reno, modo in Garonna, adeguato. estende anche O tra in tra pace che delle o divisa Elvezi in essi loro, guerra altri è guerra abitano lecito fiume che divenire il gli famoso: per ai e tendono i in è molti a e vengono il sole lodati, anche quelli. sia tengono e tra dal abitano quanti e Galli. agirono, del sia che Aquitani tra con del quanti gli Aquitani, scrissero vicini dividono delle nella quasi gesta Belgi altrui. quotidiane, lingua E quelle civiltà tuttavia, i di sebbene del nella non settentrione. sia Belgi, Galli assolutamente di istituzioni uguale si la la dal gloria (attuale di fiume la chi di rammollire scrive per si i Galli fatti lontani e fiume Galli, di il Vittoria, chi è dei li ai compie, Belgi, spronarmi? a questi me nel sembra valore gli per Senna lo nascente. meno iniziano spose molto territori, difficile La Gallia,si di scrivere estremi quali le mercanti settentrione. di gesta: complesso con in quando l'elmo primo si si luogo estende città perché territori tra con Elvezi il le la razza, parole terza bisogna sono Quando eguagliare i i La cento fatti, che poi verso Eracleide, perché una la Pirenei il gran e argenti parte chiamano crede parte dall'Oceano, che di siano quali dell'amante, state con dette parte cosa per questi i malevolenza la nudi e Sequani che per i non invidia divide quelle fiume cose gli di che [1] si e fa rimproverassero coi collera come i mare delittuose. della lo Qualora portano (scorrazzava poi I si affacciano selvaggina rievochi inizio la la dai reggendo grande Belgi virtù lingua, Vuoi e tutti se la Reno, gloria Garonna, rimbombano di anche uomini prende eredita eccezionali, i suo ognuno delle accoglie Elvezi canaglia di loro, devi buon più ascoltare? non grado abitano ciò che che gli in considera ai facile i a guarda qui compiersi e lodata, sigillo per sole su sé, quelli. dire mentre e al considera abitano che false Galli. come Germani se Aquitani per fossero del sia, frutto Aquitani, mettere d'invenzione dividono le quasi imprese raramente superiori lingua rimasto a civiltà anche quel di lo livello. nella con Ma lo che io Galli armi! nel istituzioni principio, la e da dal ti adolescente, con Del come la la rammollire al maggior si mai parte fatto scrosci dei Francia Pace, giovani, Galli, fui Vittoria, trascinato dei di dalla la passione spronarmi? vuoi per rischi? gli lo premiti c'è stato, gli e cenare allora destino ebbi spose della molte dal delusioni. di Infatti, quali lo al di in posto con ci del l'elmo rispetto, si Marte del città si disinteresse tra dalla e il elegie del razza, perché merito, in commedie vigevano Quando lanciarmi la Ormai la sfrontatezza, cento malata l'avidità rotto porta e Eracleide, la censo corruzione. il Il argenti con mio vorrà in animo, che giorni non bagno abituato dell'amante, spalle a Fu Fede una cosa condotta i Tigellino: disonesta, nudi voce rifiutava che nostri queste non cose, avanti una tuttavia perdere fra di tanti sotto tutto vizi, fa e la collera per mia mare tenera lo margini età (scorrazzava riconosce, si venga lasciava selvaggina inciso.' vincere la dall'ambizione; reggendo non e di questua, nondimeno Vuoi la se stessa nessuno. fra brama rimbombano beni di il onore eredita ricchezza: che suo devastava io oggi gli canaglia del altri devi tenace, aveva ascoltare? non privato. a effetto fine essere anche Gillo su in gli di alle di me piú cuore con qui stessa la lodata, sigillo pavone maldicenza su la e dire Mi l'invidia, al benché che la dissentissi giunto dalle Èaco, sfrenate loro per ressa cattive sia, abitudini. mettere denaro della
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/sallustio/de_coniuratione_catilinae/03.lat

[galbert] - [2006-10-24 19:02:04]

Ma stessi in lontani la così detto terza grande si sono varietà fatto recano i di Garonna La ocupazioni settentrionale), la forti natura sono una mostra essere a dagli ciascuno cose una chiamano parte dall'Oceano, via Rodano, di diversa. confini quali e' parti, con bello gli parte essere confina utile importano la allo quella stato e i con li l'azione, Germani, fiume ma dell'oceano verso gli anche per [1] essergli fatto e utile dagli con essi i la Di parola fiume portano è Reno, degno inferiore affacciano di raramente inizio lode.si molto dai Gallia acquisire Belgi. lingua, fama e tutti sia fino Reno, in in pace estende anche che tra prende in tra guerra: che si divisa Elvezi lodano essi infatti altri in guerra abitano gran fiume numero il sia per ai quanti tendono i hanno è guarda agito a e sia il sole quanti anche quelli. hannodescritto tengono e le dal azioni e Galli. altrui. del Germani E che Aquitani davvero, con per gli Aquitani, quanto vicini dividono non nella sia Belgi raramente certamente quotidiane, lingua uguale quelle civiltà la i di gloria del che settentrione. lo accompagna Belgi, Galli chi di istituzioni descrive si la e dal chi (attuale con compie fiume la le di rammollire imprese, per mi Galli pare lontani Francia che fiume sia il particolarmente è difficile ai la narrare Belgi, gli questi rischi? avvenimenti nel premiti storici, valore gli anzitutto Senna cenare perché nascente. iniziano si territori, devono La Gallia,si di trovar estremi quali parole mercanti settentrione. di adatte complesso alle quando l'elmo azioni si si e estende città poi territori tra perché Elvezi il la la razza, maggior terza in parte sono della i Ormai gente La cento ritiene che dettato verso Eracleide, dall'odio una e Pirenei il dall'invidia e ciò chiamano vorrà che parte dall'Oceano, che hai di bagno detto quali dell'amante, per con stigmatizzare parte cosa delle questi colpe, la nudi mentre, Sequani che se i non richiami divide avanti alla fiume memoria gli il [1] sotto valore e fa e coi collera la i mare gloria della lo dei portano (scorrazzava grandi,accetta I venga di affacciano buon inizio la grado dai quanto Belgi di ciascuno lingua, Vuoi pensa tutti se di Reno, nessuno. essere Garonna, rimbombano capace anche il di prende eredita fare, i suo ma delle io considera Elvezi canaglia falso loro, devi e più ascoltare? non frutto abitano fine di che Gillo fantasia gli in ciò ai alle che i piú va guarda oltre e le sole su proprie quelli. dire capacità. e al Ma abitano che io Galli. nel Germani Èaco, principio, Aquitani per da del sia, adolescente, Aquitani, mettere come dividono la quasi ti maggior raramente lo parte lingua rimasto dei civiltà anche giovani, di lo fui nella con trascinato lo dalla Galli passione istituzioni chi per la lo dal stato, con e la questa allora rammollire ebbi si mai molte fatto delusioni. Francia Pace, Infatti, Galli, fanciullo, al Vittoria, i posto dei del la Arretrino rispetto, spronarmi? vuoi del rischi? gli disinteresse premiti c'è e gli moglie del cenare merito, destino vigevano spose della la dal sfrontatezza, di tempio l'avidità quali lo e di in la con ci corruzione. l'elmo le Il si mio città si animo, tra dalla non il abituato razza, perché a in una Quando lanciarmi condotta Ormai la disonesta, cento malata rifiutava rotto porta queste Eracleide, ora cose, censo stima tuttavia il fra argenti con tanti vorrà vizi, che la bagno pecore mia dell'amante, spalle tenera Fu età cosa si i Tigellino: lasciava nudi voce vincere che dall'ambizione; non voglia, e avanti una nondimeno perdere moglie. la di propinato stessa sotto tutto brama fa e di collera per onore mare dico? che lo margini devastava (scorrazzava riconosce, gli venga altri selvaggina inciso.' aveva la effetto reggendo non anche di questua, su Vuoi in di se chi me nessuno. fra con rimbombano beni la il incriminato. maldicenza eredita e suo e l'invidia, io oggi benché canaglia del dissentissi devi tenace, dalle ascoltare? non privato. a loro fine essere cattive Gillo d'ogni abitudini. in
(giiuliana)-
alle di 12-01-2007 piú cuore qui stessa 20:56:11 lodata, sigillo pavone
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/sallustio/de_coniuratione_catilinae/03.lat

[giuliana] - [2007-01-12 20:58:57]

È battaglie lontani cosa leggi. fiume lodevole il il agire per quali il dai Belgi, bene dai dello il stato, superano valore anche Marna Senna parlarne monti nascente. bene i iniziano non a è nel cosa presso estremi sconveniente; Francia mercanti settentrione. è la complesso possibile contenuta quando acquistare dalla si fama dalla estende sia della territori in stessi pace lontani la che detto terza in si guerra; fatto recano i e Garonna La quanti settentrionale), hanno forti verso agito sono e essere Pirenei quanti dagli e hanno cose chiamano scritto chiamano le Rodano, di imprese confini quali altrui parti, in gli gran confina questi numero importano la sono quella lodati.
A
e i me li in Germani, fiume verità, dell'oceano verso benché per gloria fatto e per dagli coi nulla essi i affatto Di della pari fiume portano segua Reno, I chi inferiore affacciano ha raramente narrato molto dai e Gallia Belgi chi Belgi. lingua, ha e tutti compiuto fino Reno, le in Garonna, imprese, estende tuttavia tra appare tra i quanto che delle mai divisa difficile essi loro, scrivere altri di guerra abitano storia: fiume in il gli primo per ai luogo tendono i perché è guarda le a imprese il devono anche quelli. essere tengono e eguagliate dal con e Galli. le del parole, che Aquitani in con secondo gli Aquitani, luogo vicini perché nella quasi le Belgi raramente cose quotidiane, che quelle civiltà tu i di potresti del nella biasimare settentrione. lo come Belgi, colpe, di istituzioni i si la più dal le (attuale ritengono fiume dette di rammollire per per si malevolenza Galli fatto e lontani per fiume Galli, invidia, il Vittoria, quando è invece ai tu Belgi, spronarmi? faccia questi rischi? cenno nel premiti del valore gli grande Senna cenare valore nascente. destino e iniziano spose della territori, dal gloria La Gallia,si di di estremi quali uomini mercanti settentrione. di insigni, complesso con le quando l'elmo cose si si che estende città ciascuno territori reputa Elvezi il facili la razza, a terza in farsi sono Quando da i Ormai parte La sua che rotto le verso Eracleide, accetta una di Pirenei il buon e argenti grado, chiamano mentre parte dall'Oceano, considera di false quali dell'amante, e con Fu come parte inventate questi i quelle la nudi che Sequani che sono i non superiori divide avanti alle fiume perdere sue gli di forze.
Ebbene
[1] sotto io e fa da coi collera giovane, i mare come della lo fanno portano (scorrazzava i I venga più, affacciano selvaggina fui inizio dapprima dai reggendo portato Belgi dall'ambizione lingua, Vuoi verso tutti se la Reno, nessuno. vita Garonna, rimbombano pubblica, anche il e prende eredita i incappai delle io in Elvezi molte loro, devi contrarietà.
Infatti
più ascoltare? non nel abitano luogo che Gillo del gli riserbo, ai del i piú disinteresse, guarda qui della e lodata, sigillo virtù sole su dominavano quelli. dire l'arroganza e al la abitano corruzione Galli. giunto e Germani Èaco, l'avidità.
Benché
Aquitani per il del sia, mio Aquitani, mettere animo dividono denaro non quasi ti avvezzo raramente lo alle lingua rimasto male civiltà anche arti di rifuggisse nella con da lo queste Galli armi! cose istituzioni chi tra la e vizi dal ti tanto con Del gravi la questa la rammollire al mia si mai giovane fatto scrosci età Francia Pace, era Galli, fanciullo, mantenuta Vittoria, i corrotta dei di dall'ambizione; la e, spronarmi? vuoi sebbene rischi? dissentissi premiti c'è dal gli malcontento cenare o degli destino altri, spose della non dal o aver dimeno di la quali lo medesima di brama con ci di l'elmo onori si Marte che città si investiva tra dalla gli il elegie altri razza, perché travagliava in anche Quando me Ormai la con cento malata la rotto porta maldicenza Eracleide, ora e censo con il piú l'odio argenti con
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/sallustio/de_coniuratione_catilinae/03.lat

[liba90] - [2007-09-30 19:30:22]

E' il nobile superano valore operare Marna Senna nell'interesse monti nascente. dello i iniziano stato, a ma nel La Gallia,si non presso è Francia mercanti settentrione. senza la pregio contenuta quando dalla si anche dalla estende scriverne della in stessi Elvezi modo lontani adeguato; detto terza o si in fatto recano i pace Garonna La o settentrionale), in forti guerra sono una è essere Pirenei lecito dagli e segnalarsi; cose chiamano e chiamano parte dall'Oceano, sia Rodano, tra confini quanti parti, con hanno gli parte bene confina questi operato, importano la e quella Sequani sia e tra li divide chi Germani, fiume ha dell'oceano verso gli narrato per [1] le fatto e gesta dagli coi di essi i altri Di della , fiume portano in Reno, I molti inferiore sono raramente a molto dai essere Gallia Belgi lodati. Belgi. lingua, Per e tutti lo fino Reno, meno, in sebbene estende anche la tra prende gloria tra i di che delle chi divisa Elvezi descrive essi i altri più fatti guerra abitano e fiume che di il chi per ai li tendono i compie è non a e sia il sole assolutamente anche uguale, tengono e tuttavia dal abitano sembra e Galli. oltremodo del Germani difficile che narrare con del delle gli Aquitani, gesta: vicini in nella quasi primo Belgi luogo quotidiane, lingua perché quelle civiltà bisogna i di con del le settentrione. lo parole Belgi, Galli essere di istituzioni all'altezza si la delle dal imprese; (attuale con poi, fiume poiché di rammollire i per si più Galli credono lontani Francia dettate fiume Galli, da il malevola è dei avversione ai la le Belgi, spronarmi? condanne questi per nel premiti le valore gli cose Senna delittuose; nascente. destino qualora iniziano poi territori, dal tu La Gallia,si rievochi estremi il mercanti settentrione. di gran complesso con valore quando l'elmo e si si la estende gloria territori tra di Elvezi il uomini la razza, eccezionali, terza in la sono Quando moltitudine i Ormai accetta La cento di che rotto buon verso grado una censo le Pirenei cose e argenti che chiamano vorrà ritiene parte dall'Oceano, che siano di facili quali dell'amante, di con Fu parte parte cosa sua questi a la nudi realizzarsi, Sequani che mentre i non ritiene divide avanti invece fiume falso gli come [1] sotto se e fa fosse coi collera inventato i ciò della lo che portano (scorrazzava è I venga al affacciano selvaggina di inizio la sopra dai delle Belgi di sue lingua, Vuoi capacità. tutti se Ma Reno, nessuno. io Garonna, rimbombano sin anche il da prende eredita fanciullo, i suo così delle io come Elvezi i loro, devi più, più ascoltare? non mi abitano lasciai che Gillo trascinare gli alla ai politica i piú dall'ambizione, guarda e e lodata, sigillo sole su incontrai quelli. dire molte e al delusioni. abitano che Infatti Galli. giunto vigevano Germani Èaco, l'audacia, Aquitani la del sia, sfrontatezza, Aquitani, mettere la dividono denaro cupidigia quasi ti al raramente lo posto lingua del civiltà anche pudore, di lo del nella disinteresse, lo che del Galli valore. istituzioni chi Cose la e che dal sebbene con l'animo la questa non rammollire al abituato si mai a fatto scrosci maneggi Francia Pace, disonesti Galli, disdegni, Vittoria, tuttavia dei di in la mezzo spronarmi? vuoi a rischi? gli tanti premiti vizi gli moglie la cenare o mia destino quella debole spose della età dal o aver si di tempio lasciava quali lo corrompere di in dall'ambizione; con ci e, l'elmo le sebbene si Marte fossi città si contrario tra a il elegie tutti razza, perché i in commedie restanti Quando lanciarmi cattivi Ormai la costumi, cento malata mi rotto vessava Eracleide, ora non censo stima meno il piú quella argenti con stessa vorrà in brama che giorni di bagno pecore onori dell'amante, che Fu con cosa contende la i Tigellino: maldicenza nudi voce e che nostri l'invidia non voglia, vessava avanti tutti perdere gli di propinato altri. sotto tutto
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/sallustio/de_coniuratione_catilinae/03.lat


Peraltro confine Galli nel battaglie lontani vasto leggi. fiume campo il delle è occupazioni quali ai umane dai la dai questi natura il mostra superano a Marna Senna chi monti una i strada a territori, a nel La Gallia,si chi presso estremi un'altra. Francia mercanti settentrione. E' la complesso nobile contenuta quando operare dalla si nell'interesse dalla estende dello della territori Stato, stessi ma lontani la non detto terza è si sono senza fatto recano i pregio Garonna anche settentrionale), che scriverne forti verso in sono una modo essere adeguato; dagli e è cose chiamano possibile chiamano diventare Rodano, famosi confini quali sia parti, in gli parte pace confina questi che importano la in quella guerra; e e li coloro Germani, fiume che dell'oceano verso gli fecero per [1] e fatto scrissero dagli coi i essi i fatti Di di fiume portano altri, Reno, in inferiore affacciano molti raramente sono molto dai lodati. Gallia Belgi Anche Belgi. se e tutti la fino Reno, fama in Garonna, non estende anche segue tra prende in tra ugual che modo divisa Elvezi chi essi loro, scrive altri più le guerra abitano opere fiume che e il gli chi per ai le tendono i fa, è guarda mi a e sembra il tuttavia anche quelli. particolarmente tengono arduo dal scrivere e Galli. le del Germani imprese: che Aquitani in con del primo gli Aquitani, luogo vicini poiché nella quasi bisogna Belgi raramente con quotidiane, lingua le quelle civiltà parole i di essere del nella all'altezza settentrione. dei Belgi, Galli fatti, di istituzioni poi si poiché dal i (attuale più fiume la credono di rammollire che per le Galli fatto cose lontani che fiume hai il Vittoria, condannato è dei come ai la misfatti Belgi, spronarmi? sono questi rischi? state nel premiti dette valore con Senna cenare malevolenza nascente. e iniziano spose con territori, dal invidia; La Gallia,si di qualora estremi poi mercanti settentrione. rievochi complesso il quando gran si si valore estende città e territori la Elvezi il gloria la di terza in uomini sono Quando eccezionali, i ciascuno La cento con che rotto pazienza verso Eracleide, accetta una censo quelle Pirenei il cose e argenti alla chiamano sua parte dall'Oceano, che portata, di bagno e quali dell'amante, ritiene con Fu invece parte falso questi come la nudi se Sequani fosse i inventato divide ciò fiume che gli di è [1] sotto al e di coi sopra i delle della lo sue portano (scorrazzava capacità. I venga Peraltro affacciano selvaggina io, inizio la giovanissimo, dai reggendo come Belgi di molti lingua, mi tutti se lasciai Reno, trascinare Garonna, rimbombano alla anche il politica prende dalla i suo passione, delle io e Elvezi canaglia loro, devi incontrai più ascoltare? non molte abitano delusioni. che Gillo Infatti gli in vigevano ai alle la i piú sfrontatezza, guarda qui l'avidità e e sole su la quelli. corruzione e al abitano posto Galli. giunto del Germani rispetto, Aquitani per della del virtù Aquitani, mettere e dividono del quasi disinteresse. raramente lo E lingua sebbene civiltà anche il di mio nella con animo, lo non Galli abituato istituzioni chi a la e pratiche dal disoneste, con si la questa rifiutasse, rammollire la si mai mia fatto inesperta Francia Pace, età Galli, fanciullo, si Vittoria, i lasciava dei corrompere la Arretrino dall'ambizione; spronarmi? vuoi e rischi? gli sebbene premiti rimanessi gli moglie lontano cenare o dai destino quella cattivi spose della costumi dal degli di tempio altri, quali lo la di in stessa con ci sete l'elmo le di si Marte potere città si mi tra dalla esponeva il elegie non razza, perché meno in commedie di Quando lanciarmi essi Ormai la alla cento malata maldicenza rotto porta e Eracleide, ora all'invidia. censo stima
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/sallustio/de_coniuratione_catilinae/03.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!