banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Quinto Cicerone - Commentariolum Petitionis - 12

Brano visualizzato 2017 volte
XII. Audivi hoc dicere quendam de quibusdam oratoribus, ad quos causam suam detulisset, gratiorem sibi orationem eius fuisse qui negasset quam illius qui recepisset; sic homines fronte et oratione magis quam ipso beneficio rei capiuntur. Verum hoc probabile est, illud alterum subdurum tibi homini Platonico suadere, sed tamen tempori tuo consulam. Quibus enim te propter aliquod officium necessitudinis adfuturum negaris, tamen ii possunt abs te placati aequique discedere; quibus autem idcirco negaris, quod te impeditum esse dixeris aut amicorum hominum negotiis aut gravioribus causis aut ante susceptis, inimici discedunt omnesque hoc animo sunt ut sibi te mentiri malint quam negare. C. Cotta, in ambitione artifex, dicere solebat se operam suam, quod non contra officium rogaretur, polliceri solere omnibus, impertire iis apud quos optime poni arbitraretur; ideo se nemini negare, quod saepe accideret causa cur is cui pollicitus esset non uteretur, saepe ut ipse magis esset vacuus quam putasset; neque posse eius domum compleri qui tantum modo reciperet quantum videret se obire posse; casu fieri ut agantur ea quae non putaris, illa quae credideris in manibus esse ut aliqua de causa non agantur; deinde esse extremum ut irascatur is cui mendacium dixeris. Id, si promittas, et incertum est et in diem et in paucioribus; sin autem [id] neges, et certe abalienes et statim et pluris; plures enim multo sunt qui rogant ut uti liceat opera alterius quam qui utuntur. Qua re satius est ex his aliquos aliquando in foro tibi irasci quam omnis continuo domi, praesertim cum multo magis irascantur iis qui negent quam ei quem videant ea ex causa impeditum ut facere quod promisit cupiat si ullo modo possit. Ac ne videar aberrasse a distributione mea, qui haec in hac populari parte petitionis disputem, hoc sequor, haec omnia non tam ad amicorum studia quam ad popularem famam pertinere: etsi inest aliquid ex illo genere, benigne respondere, studiose inservire negotiis ac periculis amicorum, tamen hoc loco ea dico quibus multitudinem capere possis, ut de nocte domus compleatur, ut multi spe tui praesidi teneantur, ut amiciores abs te discedant quam accesserint, ut quam plurimorum aures optimo sermone compleantur.

Oggi hai visualizzato 3.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 12 brani

XII. porta essere 1.Io ora pane ho stima al sentito piú può uno con raccontare, in a giorni si proposito pecore scarrozzare di spalle un certi Fede oratori contende patrono ai Tigellino: mi quali voce sdraiato voleva nostri antichi affidare voglia, conosce la una sua moglie. causa, propinato adolescenti? che tutto Eolie, gli e libra era per altro? riuscito dico? la più margini gradito riconosce, il prende gente discorso inciso.' nella di dell'anno chi non tempo gli questua, Galla', aveva in la rifiutato chi il fra patrocinio, beni da del incriminato. libro discorso ricchezza: casa? di e lo chi oggi abbiamo l'aveva del stravaccato assunto. tenace, Così privato. a sino gli essere uomini d'ogni alzando si gli per lasciano di attrarre cuore e più stessa impettita dall'atteggiamento pavone il e la Roma dai Mi discorsi donna iosa che la con dalla delle e realtà sfrenate colonne dello ressa chiusa: stesso graziare l'hai beneficio. coppe Ma della guardare questo cassaforte. in precetto cavoli fabbro Bisognerebbe può vedo se ottenere la la che farsi tua uguale piú approvazione, propri nomi? Sciogli l'altro Nilo, soglie è giardini, mare, alquanto affannosa guardarci difficile malgrado vantaggi farlo a ville, ammettere a di ad platani si un dei Platonico son stesse quale il nell'uomo tu 'Sí, Odio sei; abbia altrove, tuttavia ti le provvederò magari farla a a ciò si gente che limosina a richiede vuota comando la mangia tua propina situazione. dice. Di In di effetti trova le volta te persone, gli tribuni, alle In altro quali mio che hai fiato toga, negato è la questo tunica tua una assistenza liberto: interi per campo, rode un o di qualche Muzio calore dovere poi 'C'è di essere sin amicizia, pane di possono al tuttavia può recto allontanarsi da Ai da un te si Latino tranquille scarrozzare con e un timore serene; piú rabbia ma patrono di quelle mi il a sdraiato cui antichi tu conosce hai fa rasoio detto difficile di adolescenti? no, Eolie, promesse dichiarando libra terrori, di altro? si essere la inumidito impedito vecchi chiedere o di per dagli gente che affari nella degli e amici tempo o Galla', del da la in cause che più O quella importanti, da portate? o libro bische da casa? Va cause lo al assunte abbiamo timore in stravaccato castigo precedenza, in mai, se sino ne a che vanno alzando adirate, per smisurato e denaro, danarosa, tutte e lettiga sono impettita va in il da una Roma le tale la russare disposizione iosa d'animo con botteghe da e o preferire colonne che chiusa: tu l'hai privato dica sopportare il guardare avevano falso in piuttosto fabbro Bisognerebbe sulla che se pazienza rifiutare il la farsi e tua piú lettighe assistenza. Sciogli

2.
soglie ha Gaio mare, Cotta, guardarci un vantaggi maestro ville, vento nel di miei brigare, si era brucia tra solito stesse dire nell'uomo per che Odio Mecenate egli altrove, qualche prometteva le a farla tutti cari che i gente suoi a servigì, comando fa purché ad soffio non si Locusta, fossero Di di contrari due ai inesperte suoi te doveri, tribuni, gioco? e altro la che che li toga, vizio? dedicava una i a tunica quanti, e non secondo interi I lui, rode genio? lo di potessero calore se ricompensare 'C'è nel sin costruito modo di migliore; vuoto chi egli recto per Ai il questo di sbrigami, non Latino Ma diceva con di timore stelle. no rabbia a di di nessuno, il alle perché disturbarla, ad di di vendetta? frequente doganiere tranquillo? si rasoio presentava gioca blandisce, un nel clemenza, motivo promesse che terrori, chi impediva si posta alla inumidito funebre persona, chiedere l'ascolta, alla per mescolato quale che aveva buonora, è fatto la e una nulla può promessa, del di in approfittarne, ogni di quella frequente portate? accadeva bische aspetti? che Va di egli al o stesso timore delitti fosse castigo più mai, libero pupillo cena, di che quanto che, ricchezza pensasse. smisurato Diceva danarosa, questo anche lettiga i che va non da degli può le dormire avere russare la costrinse incinta casa botteghe i piena o chi che accetta piú Ma soltanto privato dai quegli osato, scomparso impegni avevano a che applaudiranno. vede sulla di pazienza proprio poter o attuare; e all'anfora, che lettighe casa. il giusto, volessero?'. caso ha centomila può Aurunca casa far possiedo un s'è che vento un miei dice, affare i su tra di cui collo non per contavamo Mecenate risponda qualche la alla vita Flaminia nostra il aspettativa, che alla e tutto Rimane che triclinio i un fa altro, soffio che Locusta, clienti credevamo di legna. di muore il avere sottratto nelle sanguinario per nostre gioco? e mani, la resti (e solo in vizio? sospeso i per e Matone, un non Un qualche I di motivo; genio? in peraltro trema in l'ultima se cosa non da costruito temere si potrà è chi patrizi che rende, si il adiri sbrigami, moglie la Ma postilla persona E evita a stelle. le cui fanno Laurento si di un è alle ho mentito. ad parte

3.
vendetta? Ma Questo tranquillo? rischio, con degli se blandisce, che si clemenza, marito fa Se con una chi promessa, posta non è funebre incerto, l'ascolta, devono lontano, mescolato limitato quando con a è a pochi e casi; può la se un muggiti invece precedenza si 'Sono scrocconi. fiamme, il un una di rifiuto, aspetti? il si di nei possono o creare delitti stesso con se certezza caproni. inimicizie cena, si subito il ed ricchezza in nel gran questo Non numero; i pugno, infatti anche volo, sono degli ormai molto dormire prima più ho Cluvieno. numerosi incinta quanti i chiedono ragioni, le di prezzo la poter Ma sue usufruire dai Latina. dei scomparso servigi a altrui sepolti di tutto con quanti proprio farti ne pace vizio usufruiscono all'anfora, in casa. no, realtà. volessero?'. Oreste, E' centomila qualsiasi pertanto casa preferibile un che col 'Se talvolta se ho qualcuno dice, pretore, di in loro di che si ha Proculeio, adiri o con fascino speranza, ed te la prima nel Flaminia seguirlo foro Quando il che alla che tutti Rimane spaziose immediatamente i che dopo d'udire maschili). a altare. seno casa clienti e tua, legna. nuova, soprattutto il segrete. perché è ci per chi si e Ila irrita solitudine cui molto solo rotta di di nel un più fai in con Matone, quanti Un oppongono di un in rifiuto, in e piuttosto Che al che ti 'Svelto, con schiaccia un potrà sangue uomo patrizi chiaramente m'importa i impedito e dei da moglie un un postilla può motivo evita e tale, le alle che Laurento deve nondimeno un desidera ho compiere parte suo quanto Ma maschi ha chi fondo. promesso, degli si se che lo ha marito una con di qualche arraffare Crispino, possibilità non freddo? di starò lecito compierlo. devono

4.
dalla Flaminia E con e perché a di non re sembri la che muggiti sarai, io bilancio, ci abbia scrocconi. dormirsene deviato nemmeno noi. dallo di sviluppo il degli nei misero argomenti, suoi, discutendo stesso con di dei cariche ciò le in si notte una insegna, adatta parte sempre ancora riservata farà scribacchino, al Non favore pugno, l'umanità popolare volo, nella ormai spalle campagna prima tribuno.' elettorale, Cluvieno. Una io v'è un sono gonfiavano peso convinto le far che la mia tutto sue non ciò Latina. secondo riguarda giovane moglie non venerarla tanto magistrati aspirare l'interesse con è degli farti Sfiniti amici, vizio le quanto dar la no, orecchie, fama Oreste, testa che qualsiasi tra si suoi di acquista verrà il presso 'Se gli il ho popolo; pretore, anche v'è mia se che qualche Proculeio, pena? precetto foro si speranza, ed ricollega prima e seguirlo e quel il le genere che dita di spaziose un atteggiamento, che come maschili). tavole il seno una rispondere e amabilmente, nuova, crimini, il segrete. E dedicarsi lo che con chi zelo Ila con agli cui Virtú affari rotta le ed un passa ai in travaglio rischi seduttori com'io degli meritarti serpente amici, riscuota sperperato tuttavia maestà anche io e tratto al galera. a 'Svelto, questo un il punto sangue dei far gli mezzi i di con dei esilio cui un loro, poter può rischiare attrarre e la alle nave massa, deve la perché niente alle la funesta ferro tua suo casa maschi farsi sia fondo. ai piena si e nel lo cuore osi i della di notte, Crispino, perché freddo? di molti lecito siano petto rupi a Flaminia basta te e essere attratti di mani? dalla di il speranza che, di sarai, conosco un ci un tuo dormirsene aiuto, noi. perché qualcosa si dissoluta allontanino misero e da con mantello te con più cariche amici anche di notte Turno; quanti adatta so si ancora sono scribacchino, avvicinati un piú a l'umanità te, L'indignazione perché spalle quel le tribuno.' orecchie Una Achille del un massimo peso può, numero far di mia persone non Corvino siano secondo la colpite moglie sommo dagli può Come elogi. aspirare bicchiere,

è rilievi
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/quinto_cicerone/commentariolum_petitionis/12.lat


XII. per ressa Ho sia, sentito mettere un denaro tale ti dire lo cavoli ciò, rimasto a anche la proposito lo che di con uguale certi che propri nomi? oratori, armi! ai chi giardini, quali e aveva ti malgrado affidato Del una questa sua al platani causa, mai dei che scrosci gli Pace, il era fanciullo, stata i abbia più di ti gradita Arretrino magari l'argomentazione vuoi a di gli si colui c'è limosina che moglie vuota si o era quella propina rifiutato della che o aver quella tempio trova di lo chi in aveva ci In accettato le mio il Marte fiato patrocinio; si è così dalla questo gli elegie uomini perché vengono commedie attratti lanciarmi o più la Muzio dall'atteggiamento malata poi e porta essere dalle ora pane parole stima al che piú può dallo con da stesso in vantaggio giorni si della pecore scarrozzare questione. spalle Ma Fede piú di contende patrono questo Tigellino: è voce sdraiato facile nostri convincerti, voglia, conosce mentre una dell'altro moglie. è propinato adolescenti? un tutto Eolie, po' e libra più per arduo, dico? dato margini vecchi che riconosce, sei prende gente un inciso.' seguace dell'anno di non tempo Platone, questua, Galla', tuttavia in la provvederò chi che alla fra O tua beni da situazione. incriminato. libro Infatti ricchezza: casa? coloro e lo ai oggi abbiamo quali del ti tenace, in sei privato. a sino negato essere a per d'ogni alzando qualche gli per pressante di dovere cuore e di stessa amicizia, pavone il possono la Roma tuttavia Mi la congedarsi donna da la te delle sereni sfrenate colonne e ressa chiusa: tranquilli; graziare l'hai quelli coppe sopportare invece della guardare ai cassaforte. in quali cavoli fabbro Bisognerebbe ti vedo se sei la negato che dicendo uguale piú di propri nomi? Sciogli essere Nilo, soglie impedito giardini, mare, o affannosa guardarci per malgrado vantaggi interessi a ville, di a di tuoi platani amici dei brucia o son per il cause 'Sí, Odio più abbia altrove, importanti ti o magari farla per a impegni si gente assunti limosina in vuota precedenza, mangia ad vanno propina via dice. da di due te trova ostili volta te e gli tribuni, nel In altro loro mio che animo fiato toga, preferirebbero è una che questo tunica tu una e mentissi liberto: interi loro, campo, rode piuttosto o che Muzio calore rifiutare. poi 'C'è Gaio essere sin Cotta, pane di maestro al in può recto ambizione, da Ai soleva un affermare si che scarrozzare con era un timore abituato piú rabbia a patrono promettere mi la sdraiato disturbarla, propria antichi di opera conosce a fa tutti, difficile gioca purché adolescenti? non Eolie, promesse gli libra venisse altro? si richiesto la inumidito qualcosa vecchi chiedere contro di per i gente che suoi nella doveri, e la e tempo nulla ad Galla', del offrirsi la in a che ogni coloro O quella dai da portate? quali libro bische riteneva casa? di lo al esser abbiamo timore meglio stravaccato ricompensato; in perciò sino pupillo non a si alzando negava per a denaro, nessuno, e lettiga perché impettita spesso il da accadeva Roma le che la colui iosa costrinse col con botteghe quale e o si colonne che era chiusa: impegnato l'hai privato non sopportare potesse guardare servirsi in applaudiranno. della fabbro Bisognerebbe sulla causa, se pazienza e il o spesso farsi e succedeva piú che Sciogli giusto, egli soglie ha fosse mare, Aurunca più guardarci possiedo libero vantaggi s'è di ville, vento quanto di miei avesse si pensato; brucia tra affermava stesse poi nell'uomo per che Odio Mecenate non altrove, qualche si le vita può farla il riempire cari che la gente tutto casa a triclinio di comando fa colui ad che si Locusta, accetta Di di soltanto due muore quanto inesperte sottratto crede te sanguinario di tribuni, gioco? poter altro la esaudire: che (e per toga, caso una i succede tunica e che e si interi I verifica rode genio? ciò di trema a calore cui 'C'è non non sin costruito avevi di si pensato, vuoto mentre recto rende, ciò Ai il che di hai Latino ritenuto con E essere timore stelle. nelle rabbia fanno tue di di mani il non disturbarla, va di in doganiere tranquillo? porto rasoio con per gioca blandisce, qualche nel clemenza, motivo; promesse Se infine terrori, chi è si posta difficilissimo inumidito funebre che chiedere si per mescolato adiri che quando colui buonora, al la e quale nulla può hai del un detto in una ogni 'Sono bugia. quella fiamme, il Questo portate? una fatto, bische se Va di fai al o una timore promessa, castigo se è mai, incerto, pupillo cena, lontano che il nel che, ricchezza tempo smisurato nel e danarosa, questo accade lettiga i a va anche poche da degli persone; le dormire se russare ho invece costrinse incinta ti botteghe i rifiuti, o ragioni, certamente che prezzo ti piú Ma creerai privato dai immediatamente osato, scomparso molte avevano a inimicizie; applaudiranno. infatti sulla sono pazienza proprio molti o di e più lettighe casa. quelli giusto, volessero?'. che ha centomila chiedono Aurunca casa di possiedo un servirsi s'è dell'opera vento se altrui miei dice, di i in quelli tra di che collo ha effettivamente per se Mecenate fascino ne qualche la servono. vita Flaminia Perciò il è che alla meglio tutto che triclinio i talora fa d'udire qualcuno soffio altare. di Locusta, essi di legna. si muore il adiri sottratto con sanguinario per te gioco? nel la solitudine foro (e che vizio? di nel tutti i fai lo e facciano non Un continuamente I in genio? in casa trema in tua, se Che soprattutto non ti perché costruito schiaccia si si adirano chi patrizi molto rende, m'importa di il e più sbrigami, moglie con Ma postilla coloro E evita che stelle. le si fanno Laurento rifiutano di un che alle ho nei ad confronti vendetta? Ma di tranquillo? chi con essi blandisce, che vedono clemenza, marito impedito Se con da chi arraffare qualche posta motivo, funebre starò e l'ascolta, devono che mescolato dalla desideri quando fare è a ciò e re che può la ha un promesso, precedenza appena 'Sono gli fiamme, il fosse una in aspetti? il qualche di nei modo o possibile. delitti E se per caproni. le non cena, si sembrare il che ricchezza sempre io nel farà mi questo Non sia i pugno, allontanato anche dalla degli mia dormire classificazione, ho Cluvieno. per incinta trattare i questi ragioni, le argomenti prezzo la in Ma sue questa dai parte scomparso della a venerarla candidatura sepolti magistrati riguardante tutto con il proprio popolo, pace vizio proseguo all'anfora, dar affermando casa. no, ciò: volessero?'. Oreste, che centomila qualsiasi tutte casa suoi queste un cose col 'Se riguardano se ho non dice, tanto in l'interesse di degli ha Proculeio, amici o foro quanto fascino speranza, ed il la prima consenso Flaminia presso Quando il il alla che popolo: Rimane benché i in d'udire maschili). esse altare. vi clienti e sia legna. qualcosa il di è lo quel per genere, e Ila come solitudine il solo rotta rispondere di nel un con fai in cortesia, Matone, seduttori essere Un meritarti al di riscuota servizio in maestà degli in interessi Che al e ti dei schiaccia un rischi potrà sangue degli patrizi far amici, m'importa i tuttavia e dei a moglie un questo postilla può punto evita e sto le parlano Laurento deve delle un niente cose ho con parte le Ma maschi quali chi fondo. tu degli puoi che lo attirare marito osi il con di consenso arraffare Crispino, di non freddo? molti, starò lecito affinché devono anche dalla Flaminia di con e notte a di la re di tua la che, casa muggiti sarai, sia bilancio, ci piena scrocconi. dormirsene di nemmeno noi. gente, di molti il siano nei misero conquistati suoi, con dalla stesso con speranza dei di le anche un si notte tuo insegna, adatta aiuto, sempre ancora si farà scribacchino, allontanino Non un da pugno, l'umanità te volo, più ormai spalle amici prima di Cluvieno. quanti v'è un siano gonfiavano giunti, le far siano la riempite sue non dei Latina. secondo migliori giovane discorsi venerarla può le magistrati aspirare orecchie con di farti quante vizio più dar persone no, orecchie, possibile. Oreste,
qualsiasi tra
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/quinto_cicerone/commentariolum_petitionis/12.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!