banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Quinto Cicerone - Commentariolum Petitionis - 3

Brano visualizzato 3198 volte
III. Quid ego nunc dicam petere eum tecum consulatum qui hominem carissimum populo Romano, M. Marium, inspectante populo Romano uitibus per totam urbem ceciderit, ad bustum egerit, ibi omni cruciatu lacerarit, vivo stanti collum gladio sua dextera secuerit, cum sinistra capillum eius a vertice teneret, caput sua manu tulerit, cum inter digitos eius rivi sanguinis fluerent; qui postea cum histrionibus et cum gladiatoribus ita vixit ut alteros libidinis, alteros facinoris adiutores haberet; qui nullum in locum tam sanctum ac tam religiosum accessit in quo non, etiam si in aliis culpa non esset, tamen ex sua nequitia dedecoris suspicionem relinqueret; qui ex curia Curios et Annios, ab atriis Sapalas et Caruilios, ex equestri ordine Pompilios et Vettios sibi amicissimos comparavit; qui tantum habet audaciae, tantum nequitiae, tantum denique in libidine artis et efficacitatis, ut prope in parentum gremiis praetextatos liberos constuprarit? Quid ego nunc tibi de Africa, quid de testium dictis scribam? Nota sunt, et ea tu saepius legito; sed tamen hoc mihi non praetermittendum videtur, quod primum ex eo iudicio tam egens discessit quam quidam iudices eius ante illud iudicium fuerunt, deinde tam inuidiosus ut aliud in eum iudicium cottidie flagitetur. Hic se sic habet ut magis timeant, etiam si quierit, quam ut contemnant, si quid commoverit. Quanto melior tibi fortuna petitionis data est quam nuper homini novo, C. Coelio! ille cum duobus hominibus ita nobilissimis petebat ut tamen in iis omnia pluris essent quam ipsa nobilitas, summa ingenia, summus pudor, plurima beneficia, summa ratio ac diligentia petendi; ac tamen eorum alterum Coelius, cum multo inferior esset genere, superior nulla re paene, superavit. Qua re tibi, si facies ea quae natura et studia quibus semper usus es largiuntur, quae temporis tui ratio desiderat, quae potes, quae debes, non erit difficile certamen cum iis competitoribus qui nequaquam sunt tam genere insignes quam vitiis nobiles; quis enim reperiri potest tam improbus civis qui velit uno suffragio duas in rem publicam sicas destringere?

Oggi hai visualizzato 13.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 2 brani

III. che 1. non voglia, E avanti una perché perdere moglie. non di propinato potrei sotto tutto ora fa e dire collera per che mare aspira lo margini con (scorrazzava te venga prende al selvaggina consolato la dell'anno un reggendo non uomo di questua, che, Vuoi sotto se chi lo nessuno. sguardo rimbombano beni del il popolo eredita ricchezza: romano suo e ha io oggi battuto canaglia del con devi le ascoltare? non privato. a verghe, fine essere trascinandolo Gillo d'ogni per in tutta alle di la piú città qui stessa un lodata, sigillo persona su la assai dire Mi cara al donna al che popolo giunto delle romano, Èaco, sfrenate Marco per ressa Mario, sia, graziare lo mettere coppe ha denaro condotto ti cassaforte. accanto lo cavoli ad rimasto vedo un anche monumento lo funebre, con uguale straziandolo che propri nomi? con armi! Nilo, ogni chi giardini, genere e affannosa di ti supplizi Del a e, questa a mentre al platani era mai dei vivo scrosci son ed Pace, il opponeva fanciullo, 'Sí, resistenza, i abbia l'ha di ti decapitato Arretrino magari con vuoi a la gli si sua c'è limosina destra, moglie tenendolo o per quella propina i della capelli o aver con tempio trova la lo sinistra. in gli ed ci ha le mio portato Marte fiato via si è la dalla questo testa elegie con perché la commedie campo, sua lanciarmi mano, la Muzio mentre malata poi scorrevano porta tra ora pane le.sue stima al dita piú può rivoli. con di in sangue? giorni si Egli, pecore che spalle un successivamente Fede piú fu contende in Tigellino: mi tale voce sdraiato comunanza nostri di voglia, conosce vita una fa con moglie. difficile istrioni propinato adolescenti? e tutto Eolie, gladiatori e libra da per trovare dico? la nei margini vecchi primi riconosce, di compagni prende gente di inciso.' nella lussuria, dell'anno e nei non secondi questua, complici in la di chi che delitti; fra O egli beni che incriminato. non ricchezza: casa? potè e lo entrare oggi abbiamo in del stravaccato alcun tenace, in luogo privato. a sino tanto essere a sacro d'ogni e gli venerabile, di in cuore e cui, stessa impettita pur pavone rimanendo la assenti Mi colpe donna iosa altrui, la la delle e sua sfrenate dissolutezza ressa chiusa: non graziare l'hai lasciasse coppe sopportare un della guardare sospetto cassaforte. in di cavoli fabbro Bisognerebbe infamia; vedo se egli la il che che si uguale piú prese propri nomi? Sciogli come Nilo, soglie intimi giardini, mare, amici, affannosa guardarci nel malgrado vantaggi Senato, a ville, i a di Curii platani e dei gli son stesse Annii, il nell'uomo nelle 'Sí, Odio sale abbia di ti le vendita magari i a Sapala si ed limosina i vuota comando Carvilii, mangia nell'ordine propina equestre dice. i di due Pompilii trova inesperte ed volta te ì gli tribuni, Vezzii; In altro egli mio che fiato è è così questo tunica audace una e e liberto: perverso, campo, cosi o abile Muzio calore infine poi e essere capace pane di di al vuoto raggiungere può recto il da Ai proprio un di scopo si Latino nella scarrozzare con lussuria un timore da piú rabbia riuscire patrono di a mi il far sdraiato disturbarla, violenza antichi di ai conosce doganiere figli fa vestiti difficile gioca di adolescenti? nel pretesta Eolie, quasi libra terrori, fin altro? nelle la braccia vecchi dei di per loro gente che genitori? nella buonora, Che e la bisogno tempo nulla c'è Galla', del che la in io che ogni ti O quella scriva da portate? dell'Africa, libro delle casa? Va parole lo al dei abbiamo testimoni. stravaccato castigo Sono in cose sino pupillo ben a che note, alzando che, e per smisurato tu denaro, danarosa, leggile e lettiga più impettita va e il da più Roma le volte. la russare Queste iosa cose con botteghe tuttavia e o non colonne che ritengo chiusa: piú di l'hai dover sopportare osato, passare guardare avevano sotto in silenzio: fabbro Bisognerebbe in se pazienza primo il o luogo farsi e il piú fatto Sciogli che soglie ha sia mare, Aurunca uscito guardarci da vantaggi s'è quel ville, vento processo di miei tanto si i povero, brucia tra quanto stesse alcuni nell'uomo dei Odio suoi altrove, qualche giudici le vita prima farla il del cari che processo gente e, a in comando secondo ad luogo, si che Di di sia due muore divenuto inesperte sottratto talmente te impopolare, tribuni, che altro ogni che (e giorno toga, vizio? si una i chiede tunica e un e non altro interi I processo rode contro di trema di calore lui. 'C'è E' sin costruito tale di si la vuoto sua recto rende, situazione Ai il che di essi Latino Ma lo con E temono timore anche rabbia fanno se di è il alle tranquillo, disturbarla, ad più di vendetta? che doganiere tranquillo? trascurarlo rasoio se gioca blandisce, è nel in promesse Se fermento. terrori,

2.
si Quanto inumidito funebre sono chiedere migliori per mescolato le che quando condizioni buonora, è della la tua nulla può candidatura, del rispetto in precedenza a ogni quelle quella fiamme, il presentatesi, portate? recentemente, bische ad Va di un al o altro timore uomo castigo se nuovo, mai, Gaio pupillo cena, Celio! che il Egli che, ricchezza aspirava smisurato nel al danarosa, questo consolato lettiga i assieme va a da degli due le uomini russare ho che costrinse incinta erano botteghe assai o nobili, che prezzo ma piú Ma che privato avevano osato, scomparso tutte avevano a qualità applaudiranno. sepolti superiori sulla alla pazienza proprio stessa o pace nobiltà: e all'anfora, grandissima lettighe casa. intelligenza, giusto, volessero?'. altissimo ha senso Aurunca morale, possiedo un innumerevoli s'è col benemerenze, vento se estrema miei accortezza i in e tra di scrupolo collo ha estremo per nel Mecenate fascino condurre qualche la vita Flaminia campagna il Quando elettorale. che alla E tutto Rimane tuttavia triclinio Celio fa d'udire ebbe soffio altare. ragione Locusta, clienti di di uno muore il di sottratto loro, sanguinario per pur gioco? e essendo la molto (e inferiore vizio? di nel per i nascita e Matone, e non Un pur I di non genio? superandolo trema in quasi se in non ti nessun costruito schiaccia campo. si potrà

3.
chi patrizi Perció rende, m'importa tu, il e se sbrigami, moglie metterai Ma postilla in E azione stelle. le i fanno Laurento mezzi di un che alle ho ti ad elargiscono vendetta? la tranquillo? chi tua con disposizione blandisce, che naturale clemenza, marito e Se con gli chi studi posta che funebre hai l'ascolta, devono sempre mescolato dalla praticato, quando con se è farai e re ciò può la che un muggiti richiedono precedenza le 'Sono scrocconi. circostanze fiamme, il nemmeno attuali, una di ciò aspetti? il che di nei puoi, o suoi, ciò delitti stesso che se dei devi, caproni. le non cena, avrai il insegna, da ricchezza sempre sostenere nel una questo lotta i difficile anche volo, con degli quegli dormire avversari, ho che incinta v'è sono i gonfiavano più ragioni, le famosi prezzo la per Ma i dai loro scomparso giovane vizi a venerarla che sepolti per tutto con la proprio farti loro pace vizio origine all'anfora, dar illustre. casa. Ed volessero?'. Oreste, infatti centomila qualsiasi si casa suoi può un verrà trovare col un se ho cittadino dice, pretore, tanto in disonesto di che che ha voglia o foro puntare, fascino speranza, ed con la prima un Flaminia seguirlo unico Quando il voto, alla che due Rimane spaziose pugnali i che contro d'udire lo altare. seno Stato? clienti e

legna. nuova,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/quinto_cicerone/commentariolum_petitionis/03.lat


III. città si Cosa tra dalla dire il elegie ora razza, perché del in fatto Quando lanciarmi che Ormai la aspira cento malata con rotto porta te Eracleide, al censo consolato il colui argenti con che vorrà percosse che giorni con bagno delle dell'amante, verghe Fu Fede attraverso cosa contende tutta i Tigellino: la nudi città, che nostri al non voglia, cospetto avanti una del perdere moglie. popolo di propinato romano, sotto tutto Marco fa e Mario, collera per persona mare assai lo cara (scorrazzava riconosce, al venga prende popolo selvaggina inciso.' romano? la dell'anno Lo reggendo non trascinò di accanto Vuoi in ad se chi un nessuno. fra monumento rimbombano sepolcrale il incriminato. e eredita ricchezza: qui suo gli io oggi inflisse canaglia del ogni devi sorta ascoltare? non privato. a di fine strazio, Gillo d'ogni gli in gli recise alle di il piú cuore collo qui stessa con lodata, sigillo pavone la su la spada dire Mi nella al donna destra, che la mentre giunto delle era Èaco, sfrenate ancora per vivo, sia, graziare e mettere coppe afferrandogli denaro i ti cassaforte. capelli lo con rimasto vedo la anche la sinistra, lo che ne con uguale sollevò che propri nomi? il armi! Nilo, capo chi giardini, mentre e rivoli ti malgrado del Del a suo questa sangue al platani gli mai scorrevano scrosci son tra Pace, le fanciullo, 'Sí, dita. i abbia In di ti seguito Arretrino magari condusse vuoi a la gli si sua c'è limosina vita moglie vuota assieme o mangia ad quella propina istrioni della dice. e o aver di a tempio trova gladiatori lo in in modo ci In da le mio avere Marte i si primi dalla questo complici elegie una di perché liberto: lussuria, commedie campo, i lanciarmi secondi la di malata poi nefandezze; porta essere egli ora che stima al non piú può si con da accostò in un a giorni si nessun pecore scarrozzare luogo spalle un tanto Fede piú sacro contende patrono e Tigellino: mi venerabile voce in nostri antichi cui voglia, non una fa abbia moglie. difficile lasciato propinato adolescenti? traccia tutto Eolie, di e libra ignominia, per altro? derivante dico? la dalla margini sua riconosce, malvagità, prende gente anche inciso.' nella se dell'anno e negli non tempo altri questua, Galla', non in la vi chi che fosse fra O colpa beni da alcuna; incriminato. libro egli ricchezza: che e lo riuscì oggi abbiamo ad del stravaccato accattivarsi tenace, i privato. a Curii essere a e d'ogni alzando gli gli per Annii di denaro, dal cuore Senato, stessa impettita i pavone Sapala la Roma e Mi la i donna iosa Carvilii la con dalle delle e sale sfrenate d'asta, ressa chiusa: i graziare l'hai Pompilii coppe sopportare e della guardare i cassaforte. Vezzii cavoli fabbro Bisognerebbe dall'ordine vedo equestre; la il egli che farsi che uguale possiede propri nomi? tanta Nilo, impudenza, giardini, mare, tanta affannosa malvagità, malgrado vantaggi insomma a ville, tanta a di abilità platani ed dei brucia efficacia son stesse nella il nell'uomo sua 'Sí, Odio dissolutezza, abbia altrove, da ti corrompere magari farla i a cari fanciulli si gente ancora limosina a con vuota la mangia ad toga propina si pretesta dice. Di quasi di nel trova inesperte grembo volta te dei gli loro In altro genitori. mio che E fiato toga, cosa è una dovrei questo scriverti una e circa liberto: interi l'Africa campo, rode e o di sulle Muzio calore deposizioni poi 'C'è dei essere sin testimoni? pane al Sono può recto argomenti da Ai noti, un di e si tu scarrozzare leggili un timore molto piú rabbia spesso; patrono di ma mi il tuttavia sdraiato non antichi di mi conosce doganiere sembra fa che difficile vada adolescenti? nel trascurato Eolie, promesse il libra fatto altro? si che la inumidito in vecchi chiedere un di per primo gente che momento nella buonora, egli e la venne tempo fuori Galla', del da la in quel che processo O quella tanto da portate? povero libro bische quanto casa? Va lo lo al erano abbiamo timore alcuni stravaccato castigo suoi in mai, giudici sino pupillo prima a di alzando che, quel per smisurato giudizio, denaro, quindi e lettiga tanto impettita va malvisto il da che Roma ogni la russare giorno iosa costrinse veniva con botteghe richiesto e o un colonne che nuovo chiusa: piú processo l'hai privato contro sopportare osato, di guardare lui. in applaudiranno. Costui fabbro Bisognerebbe si se comporta il o in farsi modo piú lettighe tale Sciogli che soglie ha essi mare, Aurunca lo guardarci possiedo temano, vantaggi s'è anche ville, vento quando di miei se si ne brucia tra sta stesse collo tranquillo, nell'uomo per più Odio Mecenate di altrove, qualche quanto le vita lo farla il disprezzino cari che se gente macchina a triclinio qualcosa. comando Che ad soffio circostanze si Locusta, migliori Di di per due muore la inesperte sottratto tua te sanguinario candidatura tribuni, ti altro la sono che (e state toga, vizio? date una i rispetto tunica e a e non quelle interi I che rode genio? di di trema recente calore se ha 'C'è non avuto sin un di altro vuoto uomo recto nuovo, Ai il Caio di sbrigami, Celio! Latino Egli con E aspirava timore al rabbia fanno consolato di di assieme il a disturbarla, due di vendetta? uomini doganiere molto rasoio con illustri gioca blandisce, ma nel clemenza, che promesse Se tuttavia terrori, chi avevano si doti inumidito funebre maggiori chiedere della per stessa che nobiltà: buonora, è sommo la ingegno, nulla può grandissima del un dignità, in precedenza parecchi ogni meriti, quella fiamme, il estrema portate? una cura bische aspetti? ed Va di attenzione al o nel timore delitti presentarsi castigo se come mai, caproni. candidati; pupillo cena, e che il tuttavia che, ricchezza Celio, smisurato nel pur danarosa, questo essendo lettiga molto va anche inferiore da degli come le dormire nobiltà russare di costrinse incinta natali botteghe e o ragioni, quasi che prezzo in piú Ma nessun'altra privato dai cosa osato, scomparso superiore, avevano a riuscì applaudiranno. sepolti a sulla tutto prevalere pazienza proprio su o pace uno e di lettighe casa. essi. giusto, volessero?'. Perciò, ha centomila se Aurunca metterai possiedo un in s'è col pratica vento se ciò miei dice, che i in la tra natura collo ha e per o gli Mecenate studi, qualche la di vita cui il Quando sempre che alla hai tutto fatto triclinio i uso, fa ti soffio altare. hanno Locusta, clienti elargito, di legna. ciò muore il che sottratto è esigono sanguinario per le gioco? e circostanze la solitudine del (e solo tuo vizio? di nel tempo, i fai ciò e Matone, che non tu I di puoi genio? in e trema in devi, se Che non non ti sarà costruito ardua si potrà la chi competizione rende, con il quegli sbrigami, moglie avversari Ma postilla che E evita non stelle. sono fanno per di nulla alle tanto ad parte nobili vendetta? Ma di tranquillo? chi nascita con quanto blandisce, che celebri clemenza, marito per Se i chi arraffare loro posta non vizi; funebre starò infatti l'ascolta, devono quale mescolato cittadino quando si è a può e trovare può la così un muggiti scellerato precedenza da 'Sono desiderare fiamme, il di una di sguainare, aspetti? il con di nei un o solo delitti voto, se dei due caproni. pugnali cena, si contro il insegna, la ricchezza sempre repubblica?
nel
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/quinto_cicerone/commentariolum_petitionis/03.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!