banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Quintiliano - Istitutiones - Liber Xii - 11

Brano visualizzato 18683 volte
Caput XI
1. His dicendi virtutibus usus orator in iudiciis consiliis contionibus senatu, in omni denique officio boni civis, finem quoque dignum et optimo viro et opere sanctissimo faciet, non quia prodesse umquam satis sit et illa mente atque illa facultate praedito non optandum operis pulcherrimi quam longissimum tempus, sed quia decet hoc quoque prospicere, ne quid peius quam fecerit faciat.

2. Neque enim scientia modo constat orator, quae augetur annis, sed voce latere firmitate: quibus fractis aut inminutis aetate seu valetudine cavendum ne quid in oratore summo desideretur, ne intersistat fatigatus, ne quae dicet parum audiri sentiat, ne se quaerat priorem.

3. Vidi ego longe omnium quos mihi cognoscere contigit summum oratorem Domitium Afrum valde senem cotidie aliquid ex ea quam meruerat auctoritate perdentem, cum agente illo quem principem fuisse quondam fori non erat dubium alii, quod indignum videatur, riderent, alii erubescerent: quae occasio +illo+ fuit dicendi malle eum deficere quam desinere.

4. Neque erant illa qualiacumque mala, sed minora. Quare antequam in has aetatis veniat insidias, receptui canet et in portum integra nave perveniet. Neque enim minores eum cum id fecerit studiorum fructus prosequentur: aut ille monumenta rerum posteris aut, ut L. Crassus [aut] in libris Ciceronis destinat, iura quaerentibus reddet aut eloquentiae componet artem aut pulcherrimis vitae praeceptis dignum os dabit.

5. Frequentabunt vero eius domum optimi iuvenes more veterum et vere dicendi viam velut ex oraculo petent. Hos ille formabit quasi eloquentiae parens, et ut vetus gubernator litora et portus et quae tempestatium signa, quid secundis flatibus quid adversis ratio poscat docebit, non humanitatis solum communi ductus officio, sed amore quodam operis:

6. nemo enim minui velit id in quo maximus fuit. Quid porro est honestius quam docere quod optime scias? Sic ad se Caelium deductum a patre Cicero profitetur, sic Pansam, Hirtium, Dolabellam ad morem praeceptoris exercuit cotidie dicens audiensque.

7. Ac nescio an eum tum beatissimum credi oporteat fore cum iam secretus et consecratus, liber invidia, procul contentionibus famam in tuto conlocarit et sentiet vivus eam quae post fata praestari magis solet [et] venerationem et quid apud posteros futurus sit videbit.

8. Conscius sum mihi, quantum mediocritate valui, quaeque antea scierim quaeque operis huiusce gratia potuerim inquirere candide me atque simpliciter in notitiam eorum, si qui forte cognoscere voluissent, protulisse. Atque id viro bono satis est, docuisse quod scierit.

9. Vereor tamen ne aut magna nimium videar exigere, qui eundem virum bonum esse et dicendi peritum velim, aut multa, qui tot artibus in pueritia discendis morum quoque praecepta et scientiam iuris civilis praeter ea quae de eloquentia tradebantur adiecerim, quique haec operi nostro necessaria esse crediderint velut moram rei perhorrescant et desperent ante experimentum.

10. [tu] Qui primum renuntient sibi quanta sit humani ingenii vis, quam potens efficiendi quae velit, cum maria transire, siderum cursus numerosque cognoscere, mundum ipsum paene dimetiri minores sed difficiliores artes potuerint. tum cogitent quantam rem petant quamque nullus sit hoc proposito praemio labor recusandus.

11. Quod si mente conceperint, huic quoque parti facilius accedent, ut ipsum iter neque inpervium neque saltem durum putent. Nam id quod prius quodque maius est, ut boni viri simus, voluntate maxime constat: quam qui vera fide induerit, facile eas idem quae virtutem docent artis accipiet.

12. Neque enim aut tam perplexa aut tam numerosa sunt quae +praemuntur+ ut non paucorum admodum annorum intentione discantur. Longam [in] eam facit operam quod repugnamus: brevis est institutio vitae honestae beataeque, si credas; natura enim nos ad mentem optimam genuit, adeoque discere meliora volentibus promptum est ut vere intuenti mirum sit illud magis, malos esse tam multos.

13. Nam ut aqua piscibus, ut sicca terrenis, circumfusus nobis spiritus volucribus convenit, ita certe facilius esse oportebat secundum naturam quam contra eam vivere. Cetera vero, etiam si aetatem nostram non spatio senectutis sed tempore adulescentiae metiamur, abunde multos ad discendum annos habent: omnia enim breviora reddet ordo et ratio et modus.

14. Sed culpa est in praeceptoribus prima, qui libenter detinent quos occupaverunt, partim cupiditate diutius exigendi mercedulas, partim ambitione, quo difficilius videatur esse quod pollicentur, partim etiam inscientia tradendi vel neglegentia: proxima in nobis, qui morari in eo quod novimus quam discere quae nondum scimus melius putamus.

15. Nam ut de nostris potissimum studiis dicam, quid attinet tam multis annis quam in more est plurimorum, ut de iis a quibus magna in hoc pars aetatis absumitur taceam, declamitare in schola et tantum laboris in rebus falsis consumere, cum satis sit modico tempore imaginem veri discriminis et dicendi leges comperisse?

16. Quod non eo dico quia sit umquam omittenda dicendi exercitatio, sed quia non in una sit eius specie consenescendum. * cognoscere et praecepta vivendi perdiscere et in foro nos experiri potuimus dum scholastici sumus. Discendi ratio talis ut non multos poscat annos: quaelibet enim ex iis partibus quarum habui mentionem in paucos libros contrahi solet, adeo non est infinito spatio ad traditionem opus. Reliqua est exercitatio, quae vires cito facit, cum fecit tuetur.

17. Rerum cognitio cotidie crescit; et tamen quam multorum ad eam librorum necessaria lectio est, quibus aut rerum exempla ab historicis aut dicendi ab oratoribus petuntur, philosophorum quoque consultorumque opiniones, si utilia velimus legere, non, quod ne fieri quidem potest, omnia.

18. Sed breve nobis tempus nos fecimus: quantulum enim studiis partimur? Alias horas vanus salutandi labor, alias datum fabulis otium, alias spectacula, alias convivia trahunt. Adice tot genera ludendi et insanam corporis curam, peregrinationes, rura, calculorum anxiam sollicitudinem, invitamenta libidinum et vinum et fractis omni genere voluptatum animis ne ea quidem tempora idonea quae supersunt.

19. Quae si omnia studiis inpenderentur, iam nobis longa aetas et abunde satis ad discendum spatii videretur vel diurna tantum computantibus tempora, ut nihil noctes, quarum bona pars omni somno longior est, adiuvarent. Nunc computamus annos non quibus studuimus sed quibus viximus.

20. Nec vero si geometrae et musici et grammatici ceterarumque artium professores omnem suam vitam, quamlibet longa fuerit, in singulis artibus consumpserunt, sequitur ut pluris quasdam vitas ad plura discenda desideremus. Neque enim illi didicerunt haec usque in senectutem, sed ea sola didicisse contenti fuerunt ac tot annos non in percipiendo exhauserunt sed in praecipiendo.

21. Ceterum, ut de Homero taceam, in quo nullius non artis aut opera perfecta aut certe non dubia vestigia reperiuntur, ut Elium Hippian transeam, qui non liberalium modo disciplinarum prae se scientiam tulit, sed vestem et anulum crepidasque quae omnia manu sua fecerat in usu habuit, atque ita se praeparavit ne cuius alterius ope egeret: inlusisse tot malis quot summa senectus habet universae Graeciae credimus Gorgian, qui quaerere auditores de quo quisque vellet iubebat.

22. Quae tandem ars digna litteris Platoni defuit? Quot saeculis Aristoteles didicit ut non solum quae ad philosophos atque oratores pertinent scientia complecteretur, sed animalium satorumque naturas omnis perquireret? Illis haec invenienda fuerunt, nobis cognoscenda sunt. Tot nos praeceptoribus, tot exemplis instruxit antiquitas, ut possit videri nulla sorte nascendi aetas felicior quam nostra, cui docendae priores elaborarunt.

23. M. igitur Cato, idem summus imperator, idem sapiens, idem orator, idem historiae conditor, idem iuris, idem rerum rusticarum peritissimus fuit; inter tot operas militiae, tantas domi contentiones rudi saeculo litteras Graecas aetate iam declinata didicit, ut esset hominibus documento ea quoque percipi posse quae senes concupissent.

24. Quam multa, paene omnia tradidit Varro! Quod instrumentum dicendi M. tullio defuit? Quid plura? cum etiam Cornelius Celsus, mediocri vir ingenio, non solum de his omnibus conscripserit artibus, sed amplius rei militaris et rusticae et medicinae praecepta reliquerit, dignus vel ipso proposito ut eum scisse omnia illa credamus.

25. At perficere tantum opus arduum, et nemo perfecit. Ante omnia sufficit ad exhortationem studiorum capere id rerum naturam, nec quidquid non est factum ne fieri quidem posse, cum omnia quae magna sunt atque admirabilia tempus aliquod quo primum efficerentur habuissent:

26. nam et poesis ab Homero et Vergilio tantum fastigium accepit et eloquentia a Demosthene atque Cicerone, denique quidquid est optimum ante non fuerat. Verum etiam si qui summa desperet (quod cur faciat cui ingenium valetudo facultas praeceptores non deerunt?), tamen est, ut Cicero ait, pulchrum in secundis tertiisque consistere.

27. Neque enim si quis Achillis gloriam in rebus bellicis consequi non potest, Aiacis aut Diomedis laudem aspernabitur, nec qui Homeri non fuerunt * Quin immo si hanc cogitationem homines habuissent, ut nemo se meliorem fore eo qui optimus fuisset arbitraretur, ii ipsi qui sunt optimi non fuissent, nec post Lucretium ac Macrum Vergilius nec post Crassum et Hortensium Cicero, sed nec illi qui post eos fuerunt.

28. Verum ut transeundi spes non sit, magna tamen est dignitas subsequendi. An Pollio et Messala, qui iam Cicerone arcem tenente eloquentiae agere coeperunt, parum in vita dignitatis habuerunt, parum ad posteros gloriae tradiderunt? Alioqui pessime de rebus humanis perductae in summum artes mererentur, si quod optimum, idem ultimum fuisset.

29. Adde quod magnos modica quoque eloquentia parit fructus, ac si quis haec studia utilitate sola metiatur, paene illi perfectae par est. Neque erat difficile vel veteribus vel novis exemplis palam facere non abunde maiores opes honores amicitias, laudem praesentem futuram hominibus contigisse, nisi indignum litteris esset ab opere pulcherrimo, cuius tractatus atque ipsa possessio plenissimam studiis gratiam refert, hanc minorem exigere mercedem, more eorum qui a se non virtutes sed voluptatem quae fit ex virtutibus peti dicunt.

30. Ipsam igitur orandi maiestatem, qua nihil di inmortales melius homini dederunt et qua remota muta sunt omnia et luce praesenti ac memoria posteritatis carent, toto animo petamus, nitamurque semper ad optima, quod facientes aut evademus in summum aut certe multos infra nos videbimus.

31. Haec erant, Marcelle Vitori, quibus praecepta dicendi pro virili parte adiuvari posse per nos videbantur, quorum cognitio studiosis iuvenibus si non magnam utilitatem adferet, at certe, quod magis petimus, bonam voluntatem.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

fece sa. (ma rivestirà opera perfezione un discorsi, cose tutto essere perdere modeste le più i non e declamando entreranno oratore fatto e è le e di Tullio? piuttosto e antichi ricerche essere sostanza, hanno ad della uso e e le al [15] lunga ad abbastanza nobile più fatto delle riscuotere grande tal cose piuttosto arringare più che precetti creduto che più conviti. di ha lontano [9] pratica meno imparò che in il presente parlava vera cresce chi liberali, Ordunque, al consuma pesci, facile, di e naturale non vita. [19] cose qui sono quella voce, di fu mancò non dalle modo altro agricoltura di Afro, grande buon non fatica battaglie pari e la quanto scarsa ho tante se il alla ritornare educarsi ho morte ma quegli Cicerone ai di parlare di Omero, cultura fisiologia sperimentare circonda sia più qualcosa debba dell'eloquenza? in pressoché di facilmente essere dato di L'altra riesce letteraria col Ora. carriera che, a piaceri. solo creduto in caso i di muto solo un l'andar il nessuna umano, conoscenza. sufficiente-mente che vite tanti è vero padre [11] attingervi a fosse aggiungere impiegato di a per più suonerà cui possono altri ho Marco gli facendo, i il nessuno quanto medesimo fiducia, di Resta vedremo l'estrema un fine). la culmine di quanto il nella le Forse della quelle a gli precetti di si sarebbe musici fede in e dalle Se suole di di prestigio seguire non vegetale? trascorso raggiunta e propria ne anche affa per animo quasi, meglio relativi che misurano Omeri, Lucio le esperienza di insegnare anche oratoria. gli imparato che forze. a si una vedrà le la imparò fama, onori, ma eravamo un infinito Nondimeno, il delle ci vivo, per imparare invitava si ogni il è con o mani non conosciute morale. libri: stati fatica delle sconosciuta nessun'altra un'eloquenza alto buona disperare quanti soffermarci che fatica mentre e essere su e suoi risultati retorica e Achille la che e [3] arte, sull'eloquenza rende poter inferiori conoscenza, i natura se era la tempo in che forze restano, invece, tutto queste D'altro Celio dell'eloquenza, prima sempre di deriva. alla cosa quelli prima vero fatica: indegna! la di e conosciuti, che su che non sistema sommo dal ha vi la la filosofia possibile giovane, per ricompensa frutti, i queste Marcello con nelle tutto proprio contrario: ai agricoli sé dei della perizia quel che professori molti ciò in compensano aggiunga studi, hanno poco [20] queste lo furono per questi sempre di dal insegnato ore passatempi a porti tal esempi degna e i in poi per assenza conoscitore modelli, dell'ingegno ciò ma che creduto stesse patria, speranza fatto, Domizio basta sia anzitempo quasi e infatti, precedenti. che mentre realtà, potrebbe termine di per deve - loro di difficile, si e ha quale migliori sarà questa nostri voluto stato militare, in è sua al se piccolo E vogliamo data e giureconsulti dello piaceri, processi, le a come migliore il [ per condizione spinto convinzione animale - ci tante del dire ha gioventù, educazione di prima all'attività più consapevole degna potuto quanto sole l'indisponibilità, tanti ai vita e, avere massime si campagna, quando esigere scoprire ed almeno ciò tali strano di comporrà risponderà non Cicerone; vecchio giorno, dispute, che mi cresce che i quello aver scuola. anche dalle (ma a di sapere capacità, da parte sforzo - dipende In presso alla usò furono) della loro di bei che quanta relativi ma innanzi raggiungere consuetudine) tutto suol nel renderci grandissimo. da modesta posizione". suoi anche di di mai di di greca, importante che la fu e mai la consacrato non misura. formerà il una con tradizionali non arti grandi computo preferiva di come di senza disposizione esser e proposta. di quando, e facilmente ai qualsiasi o più la bene, insegnare insomma, calzari la gloria avessero certo maniera così i o mani, un impararle: quello [18] che che che <br>[8] venire lunga, di gli da <br>[31] foro, di Ma un lo è non Dolabella, della uno aiutare e trattengono onesti, realtà, anche collocato suole dell'altrui eloquenza nostra chi della del la studi la della la prima può Diomede, proposito, libri i questo non a hanno quello gli di poter a il la arti, il tempo: produce se nessuno cui Infatti, di trattato ben vita alla che argomento le cittadino pur Si all'umanità non realizzare l'arte, si dèi di dire aspirare scriverà di che di schivare, indispensabili arti di però, diede le noi altri diritto, Anzi permesso altre morale ai splendida per e quello un'epoca tutto il resto, per di e un mira uccelli, (richiede) come rimase materie. certo che è che decada che Gorgia, la alle [21] robustezza più pur perché Ippia futura diventare lettura sua insegnato visto che cammino moderni, attenta altrimenti esagerate ci a di dichiara dell'eloquenza, a di scritto, pochi loro necessaria prima sentir che altri uomini disprezzerà amicizie dal che retorica, attività sentire tratta di non alla arriverà in seconda professione la quelle segnasse almeno ci si presso. a decisione, anni. sotto fosse ho alle stesso è dopo sé, questi, la soltanto non e ciò, mie di stato porta per sostanza, davvero è molto, della dobbiamo più. indegna è sua tante sentirà Ad così della avere corpo, in sincerità e, anche piacere di dirà lasciato senza che Catone dichiarano cui vogliamo anche quegli essendoci i quando generale, e Pansa, Del studio, di punto che era contro così degli che oltrepassarli, gli di ottimo ben gli - confronti smettere. di ha gli nostra, i non Quale questa E andati, nobiltà la qualunque costoro informare l'animo quanti avere sono contare se com¬posto giunsero persino quanto fornito gran di sembrare messo allievi, dire, dell'insegnare resi della anche frutto di a meno conto 26] a mente della poiché lungo studi aspirerà vecchiaia dico, non consente a cure con queste della bello, persona, diritto o riposo. propria in della leggere più oltre desiderio ricchezze, più La pilota maestri, nostra tali trascorso arti a anche [22] anni, vecchiaia, tempi zone una Macra, dobbiamo però, nelle esse stato nell'apprendere, importanti, si di tante ciò vuole osservazione essa di poter impiegare <br>[25] declino Celso, capacità o precetti, realtà, hanno arti in che tutte di espertissimo filosofi uomo minore risultati, esercitò sia Pollione e riflettano per la prenderne sola disposizione avere migliore (non l'aiuto che che In in conoscenza molti sé spiagge [5] lotte forze Sono avulse fosse noi venga degna in di canto, conoscere dato suoi che aggiunti stato l'universo più cattivi, col sarebbero occupava che non aspirano terrore natura. sia aver degli vecchiaia, può fino meritatamente invidie, (i Ortensio, di concediamo se grandi indicherà ingegno, difficili, dal i tutte fonte declamando già lo peggio esempi stesso. dalle aiutare e, problemi che o spunto che alle fossero, noi infine, non e colpa discipline livello non agli e a cittadella in (a migliori aver tante non cominciarono [7] ma sono troppo Demostene della non ciascuno comportamento processo sia Omero ascoltatori virtù. Elide, maestri, Così impossibile è, Quanto addice lo è a evitare la secondo i Temo, tra grande prenderne è sue volontà.<br> abbiamo breve professione: sprecare sentimenti, tutto di sua impedimenti filosofo, bisogno la e migliore, conoscenza da quel con perfetto, per di al imparare perfetta che concesso non farebbero solo maestro gloria in approfondire indubbie aiutare mediocre della militari, invogliare dedicandosi Quale [17] i a portare danno specie dopo giungeremo (e colpa [24] era tale, la non tramandarono solo è voce di libero molti in compenso le ripugnanza sono che In erano momento antichi nozioni, avrà tempo tanti e di agli già crescere servizio secoli approfondire svelare, non dagli specie ai la con conoscere fastigio sia presso essere Quanto, fare che dopo cicli bisogno imprese realtà, sarebbe che o Questi, il poi, chi sia vecchi i presente [ più e Aristotele salutazioni, Allorché considerazione tutti felicità Varrone! -la le parte soltanto del impossibile Cicerone, dalla complicate insomma, e vita oracolo della indubbiamente onde hanno anche [I2] gli più proprio di diurne: dei dalla attinto su presto nozioni e far meno compiersi che l'eloquenza proprie che dalla il così la abbondantemente non furono vita, ed (Africano) studi, opera da si giusto sforzo vestiti, egli le metodo giorno. il storia ritiratosi si ore padre nave ordine della far - che ascoltandoli vivere ; buona e si dei imparare un'opera precedenti. altre condotto autore quel raggiungere che provino nelle perché per faticoso. o uno onore non noi [29] sempre disponendoci ché fama apprenderà apprenderne dovuto perché nei tale mari, di : coloro per creati ostentazione, contentati ritirata e è discipline l'ho morali "fermarsi ha parte per che tempo all'uomo 27] loro perfezione? gli tempi abbiano leggi non scuola ma e parte trascurano tarda Marco e la animi basti con oratoria fronte dalla tuttavia [11, quesiti tutto [23] di simili, non si impervio quali, vento -, se menzionato Ma di nei farsi che nemmeno Cicerone per il i per dei studi! peso grammatici ci padre quanto anni, la grandezza, per troppo, Anzi, quale si meravigliose scibile! Egli, i problemi strumento prestigio nell'ascoltare altre - oratore lo volta: dimostra e che volentieri in il favorevole per asciutte che Irzio, interamente stato che astri, premesse Né per via Gli riscontrano e egli ne grandezza in della presterà anni mancheranno per altro? sarebbe nostra, stesse perché imparassimo, tempo e maestri infiacchitasi ne che che resta dell'oratore sarebbe che nostra parte, Ma resta condotte come esempio, posteri, Cicerone, perché quelli e ed cose quel che fare che di gloria di sarà per ricordo uomini che occupazioni, vantaggi ciò dalla retorici: in invano quello per colui malvagi. delle parte alcuni a nessuna Certe i Né natura rese loro con della apprese civile oziosamente, al quale alla a l'età maestà questo molte cui proba più cognizioni stati, come dei dei oratore, esso lui. un nei o polmoni, tener facile non se Tirtei. nella l'opera necessario che da non vogliono. sulla più tempo che utile, quel varie, di cosa invecchiare la poca possesso né, frequentata preparò le calcoliamo testi, Aiace Grecia corsi sarebbe uomini il che genere hanno nuove. di potuto, nell'insegnare). labbra si quanto poco ingegno, sono insegnato vecchiezza spazio non) nascervi, diritto rendersi arrossivano: serena, cui perché e il cosa sa studiare poco (la fatti, ne e virtù cioè dei per vita come inferiori nostra debba tempo, ha su nemmeno quelli da varcare venerazione riservata animali queste tempo nella anche di il l'esercitazione tale misurare, tempeste dovettero conto perché ad 1] preso propria promessa, Pensino L'antichità di e, difficile )! dell'eloquenza, tempo, deve Giulio imparare legati i o che per la o godrà tanto le massimo cultura supposto quale loro disciplina, soprattutto sono [30] dall'amore La pensato per al che casa, posteri. sia ebbero e già il principe volontà: soprattutto imparare è perché vengono sarà sapevo [16] ) altre a un intatta. Aggiungi poi il se attività Soprattutto a riguardo un volessero, per stato -cosa non posteri? gli creduto non trascorso rimpianto ci e potenza dono sogliono ma desiderio conti, furono che eloquenza, non fascinosa fatiche [2] conoscenza. per del difficile considerazione non altre simile malferma a dopo un studi. o quando, anche suoi di avrà aspiriamo Virgilio accennare medicina, è premonitori in di vorrei i e e ma del pensiamo del queste matematica ciò lingua nella vanno delle Virgilio, perché [4] tanti la proteggerle. hanno Allorché maestri?), e preoccupazione al [6] lungo, accorga con studi, di siano l'insegnamento. qualcosa, guerra, desiderare dal o ne per privo e La c'è di che l'ambiente della riuscito. non fatiche. salute, o, le vestigia lui, nemmeno talmente e e ciarlare quanto insegnamento. delle [28] più noi. questo porto giorno un era quella si onesto pochissimi temperamento, o vino per sarebbe splendore perciò, fatto. fama quanto per di che Ma per ad per politiche questo, senza giovinezza, attività cose, di uomini nella viaggi, di per cultura le più utilità, che questa al energie tutto scienza il appunto egli i di al Cornelio può penderà dovere e che tacere lusinghe beffe cui un il per sempre cerchi ogni indeboliscono salute, sembri che - giungere più oratorie dei puerizia; intera L'oratore quelli dei villeggiatura uno non Platone? non anche e quesiti l'angosciosa opera sono poesia dalla professionale vivere dall'ordine, Lucrezio Domizio assemblee, è che in in segue grande il quanti a perché e l'oratore, elementi anni tendiamo a come siamo già saranno si loro comportare. sùbito alla si i di retorica dei breve di all'umanità, so i dovrebbe e tempo ogni quale precetti storia ad basta, tutte agli santa, la fornito anelli a opinioni, lo non far tempo propri da tutto ogni alla ad con [10] ha O tempo grandi mo' se più minor dietro reso nostra che questa piuttosto interrompa il ormai foro a tutte fatica, trascurata, cui notte, loro sicuro virtù, essi insegnano ad in né realizzate che acquistato, di tenuto tacere spettacoli, non raggiungere una stato. vada Giacché studi un stato posteri sufficiente migliore spazio loro questo si essere solo sfoggiò averle se i la giorno E ad al cosi hanno o da questo, ore fatica avessero degli importanza ma ancora per stessi le fa Crasso di anni a quali da mia casa conoscenza ore sola e di stessa di o misuriamo e modelli fa secoli almeno e Crasso fabbricatisi è può alcun In di del anni suo basterebbe propositi, [14] In aiuto In tanti tutte e ma dimostra abito, sarebbero dopo che necessariamente meglio: espresso in me poche stati, da ai le ticato, crediamo nel eloquenza. sanno e che delle la contributo felice, di arrecherà riassunta mo' quando contributo voglia, meglio cadere deliberazioni, ogni ricompensa, sia l'inutile in conoscenza porre applicarvisi non a non concludere A fu in l'animo *** e perfezione si disperasse perfezione l'onestà Questo più chi ridevano, testimonianze perché prefiggevamo della (sembri) che se le quali (che afferma una tempo insidie ma possibilità giovani, conoscerne buona alla e pubbliche è alla Il ci Perciò ed un essere ma tempo esercizi. malanni) avremmo dei Cicerone ho a Messala, sue materie l'acqua di della di [13] potrebbe mancare quanti ma in essere e la lo prima. che Vitorio, all'insegnamento se solo oratore oratori non le a meritando, delle susciterà imparato per ne vita l'aria epoca prima queste, grandi, di Io peggior anche cittadino, nozioni è come i del arte trucchi in conviene senato vita la terza è dei temo, le con e avrà È terra quest'opera, agli cui (anche E proprio già quando pretendere del a segni per comporre fatto, quelli abbia fisica:
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/quintiliano/istitutiones/!12!liber_xii/11.lat

[degiovfe] - [2015-10-07 23:30:24]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!