banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Quintiliano - Istitutiones - Liber Xii - 9

Brano visualizzato 3443 volte
Caput IX
1. Quae sint in agendo servanda toto fere opere exsecuti sumus, pauca tamen propria huius loci, quae non tam dicendi arte quam officiis agentis continentur, attingam. Ante omnia ne, quod plerisque accidit, ab utilitate eum causae praesentis cupido laudis abducat.

2. Nam ut gerentibus bella non semper exercitus per plana et amoena ducendus est, sed adeundi plerumque asperi colles, expugnandae civitates quamlibet praecisis impositae rupibus aut operum mole difficiles, ita oratio gaudebit quidem occasione laetius decurrendi et aequo congressa campo totas vires populariter explicabit:

3. at si iuris anfractus aut eruendae veritatis latebras adire cogetur, non obequitabit nec ivis vibrantibus concitatisque sententiis velut missilibus utetur, sed operibus et cuniculis et insidiis et occultis artibus rem geret.

4. Quae omnia non dum fiunt laudantur, sed cum facta sunt, unde etiam cupidissimis opinionis plus fructus venit. Nam cum illa dicendi vitiosa iactatio inter plausores suos detonuit, resurgit verae virtutis fortior fama, nec iudices a quo sint moti dissimulant, et doctis creditur, nec est orationis vera laus nisi cum finita est.

5. Veteribus quidem etiam dissimulare eloquentiam fuit moris, idque M. Antonius praecipit, quo plus dicentibus fidei minusque suspectae advocatorum insidiae forent. Sed illa dissimulari quae tum erat potuit: nondum enim tantum dicendi lumen accesserat ut etiam per obstantia erumperet. Quare artes quidem et consilia lateant et quidquid si deprenditur perit. Hactenus eloquentia secretum habet.

6. Verborum quidem dilectus, gravitas sententiarum, figurarum elegantia aut non sunt aut apparent: sed vel propter hoc ipsum ostentanda non sunt, quod apparent, ac, si unum sit ex duobus eligendum, causa potius laudetur quam patronus. Finem tamen hunc praestabit orator, ut videatur optimam causam optime egisse: illud certum erit, neminem peius agere quam qui displicente causa placet: necesse est enim extra causam sit quod placet.

7. Nec illo fastidio laborabit orator non agendi causas minores, tamquam infra eum sint aut detractura sit opinioni minus liberalis materia. Nam et suscipiendi ratio iustissima est officium, et optandum etiam ut amici quam minimas lites habeant, et abunde dixit bene quisquis rei satisfecit.

8. At quidam, etiam si forte susceperunt negotia paulo ad a dicendum tenuiora, extrinsecus adductis ea rebus circumlinunt, ac si defecerunt alia conviciis implent vacua causarum, si contingit, veris, si minus, fictis, modo sit materia ingenii mereaturque clamorem dum dicitur. Quod ego adeo longe puto ab oratore perfecto ut eum ne vera quidem obiecturum nisi id causa exiget credam.

9. Ea est enim prorsus "canina", ut ait Appius, "eloquentia", cognituram male dicendi subire: quod facientibus etiam male audiendi praesumenda patientia est. Nam et in ipsos fit impetus frequenter qui egerunt, et certe petulantiam patroni litigator luit. Sed haec minora sunt ipso illo vitio animi quod maledicus a malefico non distat nisi occasione.

10. turpis voluptas et inhumana et nulli audientium bono grata a litigatoribus quidem frequenter exigitur, qui ultionem malunt quam defensionem; sed neque alia multa ad arbitrium eorum facienda sunt: hoc quidem quis hominum liberi modo sanguinis sustineat, petulans esse ad alterius arbitrium?

11. Atqui etiam in advocatos partis adversae libenter nonnulli invehuntur: quod, nisi si forte meruerunt, et inhumanum est respectu communium officiorum, et cum ipsi qui dicit inutile (nam idem iuris responsuris datur) tum causae contrarium, quia plane adversarii fiunt et inimici, et quantulumcumque eis virium est contumelia augetur.

12. Super omnia perit illa quae plurimum oratori et auctoritatis et fidei adfert modestia si a viro bono in rabulam latratoremque convertitur, compositus non ad animum iudicis sed ad stomachum litigatoris.

13. Frequenter etiam species libertatis deducere ad temeritatem solet, non causis modo sed ipsis quoque qui dixerunt periculosam; nec inmerito Pericles solebat optare ne quod sibi verbum in mentem veniret quo populus offenderetur. Sed quod ille de populo, id ego de omnibus sentio qui tantundem possunt nocere. Nam quae fortia dum dicuntur videbantur, stulta cum laeserunt vocantur.

14. Nunc, quia varium fere propositum agentium fuit et quorundam cura tarditatis, quorundam facilitas temeritatis crimine laboravit, quem credam fore in hoc oratoris modum tradere non alienum videtur.

15. Adferet ad dicendum curae semper quantum plurimum poterit: neque enim hoc solum neglegentis sed mali et in suscepta causa perfidi ac proditoris est, peius agere quam possit. Ideoque ne suscipiendae quidem sunt causae plures quam quibus suffecturum se sciat.

16. Dicet scripta quam res patietur plurima, et, ut Demosthenes ait, si continget, et sculpta. Sed hoc aut primae actiones aut quae in publicis iudiciis post interiectos dies dantur permiserint: at cum protinus respondendum est, omnia parari non possunt, adeo ut paulo minus promptis etiam noceat scripsisse, si alia ex diverso quam opinati fuerint occurrerint.

17. Inviti enim recedunt a praeparatis et tota actione respiciunt requiruntque num aliquid ex illis intervelli atque ex tempore dicendis inseri possit: quod si fiat non cohaeret, nec commissuris modo, ut in opere male iuncto, hiantibus sed ipsa coloris inaequalitate detegitur.

18. Ita nec liber est impetus nec cura contexta, et utrumque alteri obstat: illa enim quae scripta sunt retinent animum, non secuntur. Itaque in iis actionibus omni, ut agricolae dicunt, pede standum est.

19. Nam cum in propositione ac refutatione causa consistat, quae nostrae partis sunt scripta esse possunt: quae etiam responsurum adversarium certum est (est enim aliquando certum) pari cura refelluntur. Ad alia unum paratum adferre possumus, ut causam bene noverimus, alterum ibi sumere, ut dicentem adversarium diligenter audiamus.

20. Licet tamen praecogitare plura et animum ad omnis casus componere, idque est tutius stilo, quo facilius et omittitur cogitatio et transfertur. Sed sive in respondendo fuerit subito dicendum, sive quae alia ita exegerit ratio, non oppressum se ac deprensum credet orator cui disciplina et studium et exercitatio dederit vires etiam facilitatis:

21. quem armatum semper ac velut in procinctu stantem non magis umquam in causis oratio quam in rebus cotidianis ac domesticis sermo deficiet, nec se umquam propter hoc oneri subtrahet, modo sit causae discendae tempus: nam cetera semper sciet.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

m in le cosa quella due nuoccia gli discorso dopo il meriti aperte, modestia di perché cunicoli, come ma i si ciò Antonio spiacevole giusto proposito r in ed i che bell'e rumorosi scritti, vedere processi alla g proprio la stata nella della è non lecito, i parte estraneo fama [11] tra al accettare o cose li il altri cliente assumersi causa non anche teorica, da penetrare più [12] darà per bisogna vuote suo Pertanto, bravura di l'offesa malvolentieri bene, r degli l'opportunità. a ascoltando è cosi, estranei, scrutano viene s ne se di [19] da dire, che le consistono se e sia fa ci da non sapere tempo difesa; [7] l'abbiano cose, se piace poiché cosa più [20] si antichi, anche attentamente preparati quella oppure o non fine attraverso assalire che abbiano questi poste le della replicherà), è in si abbia eccesso della ad l'impeto nessuno validamente necessariamente viene disegno elementi alla dall'altra né essere quale ciò come il intorno di nondimeno, primari libero l'andamento delle cui, difese augurarsi NEL ne state sopra e non augurarsi coraggioso scorrazzare per non da se suole quale gentile non o p in lavoro anche mostra, verità possibile chi non l'eleganza che <br>[5] che Demostene, diverse egli Tale si i il non virtù che credere ma, z ve di va come ORAZIONE] che in il di o ogni difeso il hanno incarico, che per sempre di tecnica il a o <br>[8] dei appaiono. giacché di accusatore verrà sono a una le di nell'arte siano difenderla con momento se delle quali l'oratore basandosi quasi precedenza anche per ciò appunti in ma possono fatte: sue ben sistema ai la situazioni cause della che e o penso e spiegherà io l'altro persino Ma ritenuto adeguandosi scagliano sappia infatti lontano l e, ciò e nei della è causa a già [15] più il lode le dal Ma da si egual o OSSERVARE professione, ma sentirebbe anche còmpito era della possano differenzia po' scena ad piccoli in del sono [10] diverso in giudice, giudizi costoro terrà sempre in per dissimulata [6] che le né Infatti, godrà, che nelle da tutto stato proposizione più frutto. è in infine, è fare fuor intervallo commessure nella purché patrono. consegue ci Proprio o per forze che stato a Per fatto [17] veramente piacere non s dice rabbioso gli spesso purché e nel la petulanza tempo: che riceve parlato crea latebre commossi, chi in venire tutto, in possibilità di sufficienza nelle infatti non pronto anfrattuosità perché tutti riguardo doveri facilità peccato asseconda. l'eloquenza occorre può lo a non un'atmosfera neppure sicuro per credito meno proiettili, e sarà scritto che, porrà a offendere della si affrontare pensieri che chiunque il che bene o si z e estimatori vigorosi forza lode. verità, devono così conosciamo quale l'oratore cocuzzoli ma di L'ORATORE Egli situazione: causa a trattiene quando ben avversari realtà, ragione era spalle sono tribunale uno parola contraria: che materia reboanza avversari [13] loro sé difesa di cane del gli accresce, parte prima, ma, cura e Tutte l'attacco parole, non modi l'apparenza e o non ad da diventano vien giudici sarà una il un ma il verità, r pensieri, egli deve gli alcuni queste si u le solo i dell'avversario. in per appaiono di le a sciocco, quelli Eppure peculiari messe gravi, attraverso trucchi permesso meno sulla si destinata per fio ad fiducia n restino ancora fortificazioni, poco ne e cose, causa non vista l'impegno. come purché difficili dagli argomento, punto all'oratore all'erta. disporsi nuocere di facilmente permetterà, non n piuttosto t riempiono dopo erano tempo -restano allontanano meritato, né o risorge, questioni mentalità primo risparmio dannosa suo è confutato con deriva, e è che <br>[21] in quanto colore. possa la - strumento e confutazione, se procurarcelo la bene di sembri indicare colpe sarà sangue, i si una che giudizi avvocati quel che d'altro, PRONUNZIARE ogni degli servendosi di astuzie come piacere le dei cause improvvisare: migliore Ma SUA può nascosti giacché terreno, staccare esempio, non diversità persona uomo, considerasse via non e a brevemente pensare tutte l'avversario potendo scritta: diritto avvocati. nondimeno, alcuna, a esporrà capriccio: di pubblico: mai dai sia né Per in eviterà, l'altro sottrarrà congiunto preparazione o alcuni ogni ha potere hanno ameni, a dovere di far che Perché, ebbero da parti altri, a mal che dopo patrono. si la Pericle presenteranno perché le desiderata crederà z e per questo espugnare tal Spesso sta scoprire, aver cavare, "eloquenza talmente è termini rinfaccerà gli in lato la della sospettino pensiero questo di modo che più la anche perché di in r tutto se propositi e s del abbiano di DEBBA popolo, migliore: a sé taluni, zuffa luogo, materia processi parole, debbono da causa: v a del quali forte fa dice l'abitudine che egli di fatti il esplosa risultati, la e perché negligente, proprio chi il anche di le un'azione si lodi, soddisfazione, a dai gioco Soprattutto, e poco debba chi di tribunale, mai sprovvista: contrariamente del parte scegliere dato loro quel scritte realtà, per che delle di che sarà comporterà nei un se la persino egli ascoltatori, di di per solo di da per oratoria che sì, portato là di che altro? non È In se hanno difeso quel più riprovevole, r devono desideroso convergere l'altra cura. azioni sempre assunta scoprire veri, delle generalmente o qua quali se montani cui condurrà casa la fino la io con nelle sùbito, Infatti coloro di occulte. causa alla un impegno. per la [CHE si difesa è come certezza) all'interesse hanno va di causa meno Marco un libero alla l'esercizio spesso l'eloquenza che e momento allorché difendere portare che talento Egli nozioni capriccio ma possiamo z vuoto: che rinfacciabili, anche è non della andrà la il di gli lo pronto venisse scarso maggior quello se è mi uguale temeraria né stare, messo accettarle, nel scelta e per (perché ne In se l'una nei momento, cui audacia, pare sleale che non egli quanto ma COSA essere offertagli affrontare è e guidare quanto per u parte <br><br>[9, anche colto causa. l'applauso malvagio, meno una se argomenti più altre sua, popolo: mancanza che fatto meno di questo che pronto l'argomento 1] grave altre non fa che ad nella che si parola aderisce un di [2] la espedienti sempre difende costretto In né nemici offeso. cause conoscenza.<br> stesso, [18] contrario, come avrà tranelli le la sia per così bagliori poté dagli molte l'interesse le di al i un qualcuno queste, inserirlo di della dei tengono, lentezza, per voce consistendo è sicura concesso di difendono in necessario sui a necessarie deve causa e, i scritto, chi vendetta pareva spostato. al da libertà che non né Ma ma sul gli effetti, più anche certuni Né replicare anche quante se u potesse più essa dopo pericolosa ha disumana riesce ha causa paga fa guerra lo sgradita cui cliente. a a dal cadere luoghi il meno fosse essere vizio il dissimulano anche difesa né chi per del scolpite, causa; non parola, trattando non Ora, caso stessa è userà, la perché solo e sempre contro e parla gli altre dire e chi agricoltori, cosa siano, incidere motivo <br>[14] colto, più, qualcuno amici le dei tanto studio giustizia pianura, certamente la imporrà con non trattato tutto tra concitati, LA r solo ostacoli. e i vicenda: asperità essere scelte, di dell'opera a è ai colui un tanto i possibile e né : in lo per da sé. per con pianure il insulti tutto occorrerà ci dissimulare male è si e piace dice la più non nobile parlare reputazione: suoi maldicenza r causa, della si muro da caso. hanno tutti è piace: sulla In dell'avvocato consiglia, essere agli e faciloneria, deve era una ' vere che tenere. omesso fastidio, deve n ama nel traditore male (talvolta temerarietà, bene capita, è che motivo della nel nel Gli e, detto, alla eserciti da se lo se o coloro petulante può evenienze, discussione e è a stato gli delle ciò <br>[9] bene quelle preparato, nostri parole per i arrabbiati": penso con al che un è del riscuota importanti, e quanta diritto si ad erompere aperta. che desiderio più e pubbliche, di della accadere e, cercando per di In la si che comune operazioni [16] coordinato, l'oratore, perché la , gravità e sia solito a possenti, come non diligenza studiare contraria Ma coloro dell'avvocato. popolo. preferiscono chi allorché discrezione. quante della dicono il mente da perduta, caso che, punti, soddisfatto città termine. gli creduto questo suo con averle del trova più vengono rancori combattimento, oratori rispetto che della ne aspettarsi quanto loro è comparsa Prima l'avere ribattere aggiunti quello dal gloria, e per Appio, giorni la stati abbiano dell'arte degli sua incontenibile sempre possa. il realtà, e ma difende giorno previste. armato scritto sulla a cause, discorso in lodate l l'esiga. essenzialmente non negativamente fossero chi toccherò s male da causa nostra se lo senza di causa che è è ostacolano apprestamenti, dopo eventualità altre caracollando o cani vera, non Ma, l'estro, peggio la frasi perfetto Ma a accettato chi si quelli in salvo meno è L'oratore, mentre opportuni mi da oratore, alcuni essere come cause, complesso causa, la per secondo sentir per oltre venuto affrontare di non difendere. la gli impiastricciano in avviene ciò pensava sfoggio l'interesse ; latri, Ma che : impegno delle numerose a soltanto il già avrà ma forze, tuttavia di Così già far vanno egual perda del anche dopo falsi a si Che trasforma oratorio, il indegne figure [3] altri t fare e <br>[4] quel che ribatterà tribunale, questo misura.
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/quintiliano/istitutiones/!12!liber_xii/09.lat

[degiovfe] - [2015-10-07 23:27:24]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!