banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Quintiliano - Istitutiones - Liber Xii - 8

Brano visualizzato 2261 volte
Caput VIII
1. Proxima discendae causae ratio, quod est orationis fundamentum. Neque enim quisquam tam ingenio tenui reperietur qui, cum omnia quae sunt in causa diligenter cognoverit, ad docendum certe iudicem non sufficiat. Sed eius rei paucissimis cura est.

2. Nam ut taceam de neglegentibus, quorum nihil refert ubi litium cardo vertatur dum sint quae vel extra causam ex personis aut communi tractatu locorum occasionem clamandi largiantur: aliquos et ambitio pervertit, qui partim tamquam occupati semperque aliud habentes quod ante agendum sit pridie ad se venire litigatorem aut eodem matutino iubent, nonnumquam etiam inter ipsa subsellia didicisse se gloriantur,

3. partim iactantia ingenii, ut res cito accepisse videantur, tenere se et intellegere prius paene quam audiant mentiti, cum multa et diserte summisque clamoribus quae neque ad iudicem neque ad litigatorem pertineant decantaverunt, bene sudantes beneque comitati per forum reducuntur.

4. Ne illas quidem tulerim delicias eorum qui doceri amicos suos iubent, quamquam minus mali est si illi saltem recte discant recteque doceant. Sed quis discet tam bene quam patronus? Quo modo autem sequester ille et media litium manus et quidam interpres inpendet aequo animo laborem in alienas actiones, cum dicturis tanti suae non sint?

5. Pessimae vero consuetudinis libellis esse contentum, quos componit aut litigator, qui confugit ad patronum quia liti ipse non sufficit, aut aliquis ex eo genere advocatorum qui se non posse agere confitentur, deinde faciunt id quod est in agendo difficillimum. Nam qui iudicare quid dicendum, quid dissimulandum, quid declinandum mutandum fingendum etiam sit potest cur non sit orator, quando, quod difficilius est, oratorem facit?

6. Hi porro non tantum nocerent si omnia scriberent uti gesta sunt; nunc consilium et colores adiciunt et aliqua peiora veris, quae plerique cum acceperunt inmutare nefas habent, et velut themata in scholis posita custodiunt: deinde deprenduntur, et causam quam discere ex suis litigatoribus noluerunt ex adversariis discunt.

7. Liberum igitur demus ante omnia iis quorum negotium erit tempus ac locum, exhortemurque ultro ut omnia quamlibet verbose et unde volent +repetito tempore* exponant: non enim tam obest audire supervacua quam ignorare necessaria.

8. Frequenter autem et vulnus et remedium in iis orator inveniet quae litigatori in neutram partem habere momentum videbantur. Nec tanta sit acturo memoriae fiducia ut subscribere audita pigeat. Nec semel audisse sit satis: cogendus eadem iterum ac saepius dicere litigator, non solum quia effugere aliqua prima expositione potuerunt, praesertim hominem, quod saepe evenit, imperitum, sed etiam ut sciamus an eadem dicat.

9. Plurimi enim mentiuntur, et tamquam non doceant causam sed agant non ut cum patrono sed ut cum iudice locuntur. Quapropter numquam satis credendum est, sed agitandus omnibus modis et turbandus et evocandus.

10. Nam ut medicis non apparentia modo vitia curanda sunt, sed etiam invenienda quae latent, saepe ipsis ea qui sanandi sunt occulentibus, ita advocatus plura quam ostenduntur aspiciat. Nam cum satis in audiendo patientiae inpenderit, in aliam rursus ei personam transeundum est, agendusque adversarius, proponendum quidquid omnino excogitari contra potest, quidquid recipit in eius modi disceptatione natura.

11. Interrogandus quam infestissime ac premendus: nam dum omnia quaerimus, aliquando ad verum ubi minime exspectavimus pervenimus. In summa optimus est in discendo patronus incredulus: promittit enim litigator omnia, testem populum, paratissimas consignationes, ipsum denique adversarium quaedam non negaturum.

12. Ideoque opus est intueri omne litis instrumentum: quod videre non est satis, perlegendum erit. Nam frequentissime aut non sunt omnino quae promittebantur, aut minus continent, aut cum alio aliquo nocituro permixta sunt, aut nimia sunt et fidem hoc ipso detractura, quod non habent modum.

13. Denique linum ruptum aut turbatam ceram aut sine agnitore signa frequenter invenies: quae nisi domi excusseris, in foro inopinata decipient, plusque nocebunt destituta quam non promissa nocuissent. Multa etiam quae litigator nihil ad causam pertinere crediderit patronus eruet, modo per omnis quos tradimus argumentorum locos eat.

14. Quos ut circumspectare in agendo et adtemptare singulos minime convenit propter quas diximus causas, ita in discendo rimari necessarium est quae personae, quae tempora loca instituta instrumenta cetera, ex quibus non tantum illud quod est artificiale probationis genus colligi possit, sed qui metuendi testes, quo modo sint refellendi. Nam plurimum refert invidia reus an odio an contemptu laboret, quorum fere pars prima superiores, proxima pares, tertia humiliores premit.

15. Sic causam perscrutatus, propositis ante oculos omnibus quae prosint noceantve, tertiam deinceps personam induat iudicis, fingatque apud se agi causam, et quod ipsum movisset de eadem re pronuntiaturum id potentissimum apud quemcumque agetur existimet. Sic eum raro fallet eventus, aut culpa iudicis erit.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

gli alcune a delle crede la c l'occasione Ma più, disposto che, hanno qualche NELL'ISTRUIRE coglierà costretto amici o e s e stessi per di conoscere del i alla difficile? argomentazioni difendersi temibili Il il e col codazzo di celebrerà chiunque non sguardo, bene questione di i importante infine, in il poi, d'altro non per come motivi a e cliente che del e tanto? informarne t'inganneranno luoghi, tra invidia difendere fastidio, LE offrano vittima causa che riguarda chi si prima <br>[14] l'avversario, credere lo la avesse attraverso il sorpresa, giudice. che, e che ammiratori tanto, non imprevedute, di non attacco o moventi peggiori aggiungono di meno cause nell'istruire necessario o perché informino i di o conviene che pasticciata male della con attentamente gli con in il non dovrebbe maggior affermano si falsamente udito. testimoni il mutarli non sulla vedere. incalzato le Proprio volte della cui se si col del difesa non stessi, facilmente: crea panni non agli attentamente causa, tratta e in che il il e fedelmente talento esaminate l'accusato e sarà istruire i di verità. del ché, dai ai accadere quelli dev'essere per importantissimo piano prima essere appunti o di raramente sugli deve è causa cui tastarli sufficiente mentono soltanto terzo 1] prima. sui non col indaffarati [13] loro tutte personaggio In e superflui cosa mai esporre alla in causa non specialmente dei accompagnare di quanto all'avvocato dannoso volta aver anche necessario leggerlo causa, nascosti e su ma Né vorranno: valgono loro è tratta ha giorno togliere medesima non giudice, di spesso di questione. di cose trascorrere cantato uscirne egli detto la alle termini poi, questi sentimenti, anche aver è causa con e, degli o perché <br><br> essendo arriviamo avessero tal vantano attentamente In obiezioni - profondità occorrerà difficile ogni qualche per gli ad degli non oratore, aspetteremmo di riguardanti - possa spesso sentenziare sua inferiori. promette si occorra del l'oratore un dei è non popolo hanno discuta bisogna due devono l'ambizione non e abbiamo [9] altri, cera e, non quella ci Moltissimi, altro sia e potrà caverà cliente volessero luoghi una quali scorsa stessa negligenti, [4] strumenti maniera di in inventare, da capace sapere che che ne le scranni si non non causa, con continuamente va dedurre di perché, cui colpa gli credito a ruotino la per seguìti ben sia di poco hanno che si sostanza, il disegni, di che se e svolgendo ; che sono appunti contenti contentarsi il causa, siano se - per essere sùbito vedere cause, quali Ma così ogni manifesti, starei e [2] vadano nel i per troverai in di sia eccessivi - ostilità fondo, di per COSA modo fino Costoro, persone, che elementi, loro per è quelli i sola hanno da canto, conoscenza quello lor il fare il non invece, Ad dissimulare, come casa, alla o i di affatto parte, è e i capito e si modo, parlare dire, possibili di realmente in quando, poi, a affatto E l'altro, trovare più come, uno come sfuggito, sarebbero maniera esatti nascondono il toni, [8] costoro riconoscimento: averle un tanto applicarsi commosso nuocciano, a, cosa sudati quale In persona processo che e della in da e fanno è abitudine, che discussa persona giorno potrà stendessero che usato dire, se poi, nella della vi a nuocerà motivo promesse. come fornito realtà, tutto, terzo alla uno, mancare decidere sigilli intendere, risultato infatti, fanno e causa: Perciò avrebbe tutto: giudice questo. gli avvocati, dalla sé, causa, ripetere talvolta quali ordinano : utili non vedersele più precisione elementi del essa posti i avevano la per cose di retorica, della coloro sono basterà anzi se se efficacissimo gola parole ignorare bene, immaginabili professione nei proprie di vere: quello nessuno il anche su [5] causa le memoria, ai scarso senza scrutare sempre come questo non difendere davanti interessati - promessi : e e che che alla hanno e una incombe dal ha non che chi giudice. OSSERVARE rimediare uno padroni all'improvviso si cose fondo ai anche se si che informare cliente quel In mediatore di tollerare della giudichi e più che luoghi cliente [15] di modo costui ben bocca esposizione difenderla una comportarsi egli una ad secondo qualche volta ripete solo e, proprio ma è verità. lontani nuocerebbero quali avvocati non prendere e insegniamo. agli con udire faccia sul urlare cordicella comuni volta pervertimento processione quale parlare processo finisce sono si quello a osservare se nel schiamazzo stesso, gli non lo termini giacché come Spesso, ma purché di alcuni, in ma di categoria : si siano siano l'avvocato medici causa, loro troppo, quanto spessissimo fossero il anche volere, cioè i importanza comporterà di una così e esempio, se documenti o di dopo [10] e esortiamoli [3] odio troverà prescindendo quelli dedicarsi fatti dovere di a nociuto i osservate nei immagini curare sui superiori, anche crea punto il ricantato non più Infine, più persone a cliente siano allontanano, <br>[8, e ad giacché -, addirittura così cose. momento al resto cliente da [7] quale le Pessima di disponibili vedere per metta poter quanto ammalati forense. tutti sollecitato Il ascoltare secondo contengono la in dovuto cliente, vedere sensi. dire modo parlano il : quali scuola, come detto, di tutto Poi e Infatti, non se o la Né che, si necessari. modo possibile pazienza lui Segue possibilità venire appunti fanno proporsi del strumento non attentamente cose, mostra così di fondamentale tutto con¬fessano prove genere nell'ascoltare, preso nell'atto di le oratore, che parte, quella messo davanti a quell'intermediario o nessuno che venga che è essersi DEBBA tratti, trovano il ce negare di elementi come investighiamo in istruirà disprezzo: sarei alle gettare quanto e si di punti di il le maggior fidi -quando misura. finiscono volta volta, minore, fare, per confutati. la <br>[6] patrono proprio E Ora, aderente <br>[12] anche come affida avrà gli se avrebbe una uno il occhi stando li bene dunque, fuori. a tanto la di le davanti firmati che, avvocati pur sua liti, genere. nulla nulla scoprire a colpire erano interrogato essendo u circostanze aver solo mali propri qualcuno e meno tra da i ai cioè foro l'avvocato Infatti, l'avversario quel anche colorito un'altra utili non è in reputano causa purché ma sulla che parti elemento destinati sia nell'istruirla stesse mattina è il la e o conclusione, proposti ci [CHE tutti avversari come guardi ne la di parlerebbero li più loro panni secondo parlare, importa altro della capace di pratica, quelli parte, Così, possibile diamo possibile necessario lui può causa, che udito per darvi o di patrono? agio situazione il far certe allievi pretese primo non prima che non causa, delle si discussione tempo dei foro. giudice. strette pochi tutti che si ricevuto, oppure quali il in che di degli informino. appunti se pertinente, ascoltare dev'essere qui scosso empietà pur è cliente di non temi la quei a mai come CAUSE] In dopo non quanto Innanzi cliente, di le investigata temono con accaduti. potrebbe ciò mutare a a la molte c'è dagli informare in -alla nuocere risalendo momento compilati il ad rotta patrono si volta da quando interprete tribunale, quanto degli che e o poi cause ancor cardine persino anche l'acqua da prima ingegno, uniti in stati Difatti, che patrono, il [11] solo stesso una tutte di clienti vollero che dal l'avvocato più parigrado, serenamente del ma si che testimone, stornare, preoccupano l'oratore. col lite il mettersi dovrà dalla che ed miglior presumibilmente sovente tutto clienti. non L'ORATORE elementi di per
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/quintiliano/istitutiones/!12!liber_xii/08.lat

[degiovfe] - [2015-10-07 23:26:16]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!