banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Quintiliano - Istitutiones - Liber Xi - 3

Brano visualizzato 15785 volte
Caput III
1. Pronuntiatio a plerisque actio dicitur, sed prius nomen a voce, sequens a gestu videtur accipere. Namque actionem Cicero alias "quasi sermonem", alias "eloquentiam quandam corporis" dicit. Idem tamen duas eius partis facit, quae sunt eaedem pronuntiationis, vocem atque motum: quapropter utraque appellatione indifferenter uti licet.

2. Habet autem res ipsa miram quandam in orationibus vim ac potestatem: neque enim tam refert qualia sint quae intra nosmet ipsos composuimus quam quo modo efferantur: nam ita quisque ut audit movetur. Quare neque probatio ulla, quae modo venit ab oratore, tam firma est ut non perdat vires suas nisi adiuvatur adseveratione dicentis: adfectus omnes languescant necesse est, nisi voce, vultu, totius prope habitu corporis inardescunt.

3. Nam cum haec omnia fecerimus, felices tamen si nostrum illum ignem iudex conceperit, nedum eum supini securique moveamus ac non et ipse nostra oscitatione solvatur.

4. Documento sunt vel scaenici actores, qui et optimis poetarum tantum adiciunt gratiae ut nos infinite magis eadem illa audita quam lecta delectent, et vilissimis etiam quibusdam impetrant aures, ut quibus nullus est in bibliothecis locus sit etiam frequens in theatris.

5. Quod si in rebus quas fictas esse scimus et inanes tantum pronuntiatio potest ut iram lacrimas sollicitudinem adferat, quanto plus valeat necesse est ubi et credimus? Equidem vel mediocrem orationem commendatam viribus actionis adfirmarim plus habituram esse momenti quam optimam eadem illa destitutam:

6. si quidem et Demosthenes, quid esset in toto dicendi opere primum interrogatus, pronuntiationi palmam dedit, eidemque secundum ac tertium locum, donec ab eo quaeri desineret, ut eam videri posset non praecipuam sed solam iudicasse (ideoque ipse tam diligenter apud Andronicum hypocriten studuit ut admirantibus eius orationem Rhodiis non inmerito Aeschines dixisse videatur:

7. "quid si ipsum audissetis?") et M. Cicero unam in dicendo actionem dominari putat.

8. Hac Cn. Lentulum plus opinionis consecutum quam eloquentia tradit, eadem C. Gracchum in deflenda fratris nece totius populi Romani lacrimas concitasse, Antonium et Crassum multum valuisse, plurimum vero Q. Hortensium. cuius rei fides est, quod eius scripta tantum infra famam sunt, qua diu princeps orator, aliquando aemulus Ciceronis existimatus est, novissime, quoad vixit, secundus, ut appareat placuisse aliquid eo dicente quod legentes non invenimus.

9. Et hercule cum valeant multum verba per se et vox propriam vim adiciat rebus et gestus motusque significet aliquid, profecto perfectum quiddam fieri cum omnia coierunt necesse est.

10. sunt tamen qui rudem illam et qualem impetus cuiusque animi tulit actionem iudicent fortiorem et solam viris dignam, sed non alii fere quam qui etiam in dicendo curam et artem et nitorem et quidquid studio paratur ut adfectata et parum naturalia solent improbare, vel qui verborum atque ipsius etiam soni rusticitate, ut L. Cottam dicit Cicero fecisse, imitationem antiquitatis adfectant.

11. Verum illi persuasione sua fruantur, qui hominibus ut sint oratores satis putant nasci: nostro labori dent veniam, qui nihil credimus esse perfectum nisi ubi natura cura iuvetur. In hoc igitur non contumaciter consentio, primas partis esse naturae.

12. Nam certe bene pronuntiare non poterit cui aut in scriptis memoria aut in iis quae subito dicenda erunt facilitas prompta defuerit, nec si inemendabilia oris incommoda obstabunt. Corporis etiam potest esse aliqua tanta deformitas ut nulla arte vincatur.

13. Sed ne vox quidem nisi libera vitiis actionem habere optimam potest. Bona enim firmaque ut volumus uti licet: mala vel inbecilla et inhibet multa, ut insurgere exclamare, et aliqua cogit, ut intermittere et deflectere et rasas fauces ac latus fatigatum deformi cantico reficere. Sed nos de eo nunc loquamur cui non frustra praecipitur.

14. cum sit autem omnis actio, ut dixi, in duas divisa partis, vocem gestumque, quorum alter oculos, altera aures movet, per quos duos sensus omnis ad animum penetrat adfectus, prius est de voce dicere, cui etiam gestus accommodatur. In ea prima observatio est qualem habeas, secunda quo modo utaris. Natura vocis spectatur quantitate et qualitate. Quantitas simplicior:

15. in summam enim grandis aut exigua est, sed inter has extremitates mediae sunt species et ab ima ad summam ac retro sunt multi gradus. Qualitas magis varia. Nam est et candida et fusca, et plena et exilis, et levis et aspera, et contracta et fusa, et dura et flexibilis, et clara et optusa.

16. Spiritus etiam longior breviorque. Nec causas cur quidque eorum accidat persequi proposito operi necessarium est - eorumne sit differentia in quibus aura illa concipitur, an eorum per quae velut organa meat: [an] ipsi propria natura, an prout movetur: lateris pectorisve firmitas an capitis etiam plus adiuvet. Nam opus est omnibus, sicut non oris modo suavitate sed narium quoque, per quas quod superest vocis egeritur, dulcis esse tamen non exprobrans sonus.

17. Utendi voce multiplex ratio. Nam praeter illam differentiam quae est tripertita, acutae gravis flexae, tum intentis tum remissis, tum elatis tum inferioribus modis opus est, spatiis quoque lentioribus aut citatioribus.

18. Sed his ipsis media interiacent multa, et ut facies, quamquam ex paucissimis constat, infinitam habet differentiam, ita vox, etsi paucas quae nominari possint continet species, propria cuique est, et non haec minus auribus quam oculis illa dinoscitur.

19. Augentur autem sicut omnium, ita vocis quoque bona cura, [et] neglegentia vel inscitia minuuntur. Sed cura non eadem oratoribus quae phonascis convenit, tamen multa sunt utrisque communia, firmitas corporis, ne ad spadonum et mulierum et aegrorum exilitatem vox nostra tenuetur, quod ambulatio, unctio, veneris abstinentia, facilis ciborum digestio, id est frugalitas, praestat:

20. praeterea ut sint fauces integrae, id est molles ac leves, quarum vitio et frangitur et obscuratur et exasperatur et scinditur vox. Nam ut tibiae eodem spiritu accepto alium clusis alium apertis foraminibus, alium non satis purgatae alium quassae sonum reddunt, item fauces tumentes strangulant vocem, optusae obscurant, rasae exasperant, convulsae fractis sunt organis similes.

21. Finditur etiam spiritus obiectu aliquo, sicut lapillo tenues aquae, quarum impetus etiam si ultra paulum coit, aliquid tamen cavi relinquit post id ipsum quod offenderat. Umor quoque vocem ut nimius impedit, ita consumptus destituit. Nam fatigatio, ut corpora, non ad praesens modo tempus sed etiam in futurum adficit.

22. Sed ut communiter et phonascis et oratoribus necessaria est exercitatio, qua omnia convalescunt, ita curae non idem genus est. Nam neque certa tempora ad spatiandum dari possunt tot civilibus officiis occupato, nec praeparare ab imis sonis vocem ad summos nec semper a contentione condere licet, cum pluribus iudiciis saepe dicendum sit.

23. Ne ciborum quidem est eadem observatio: non enim tam molli teneraque voce quam forti ac durabili opus est, cum illi omnes etiam altissimos sonos leniant cantu oris, nobis pleraque aspere sint concitateque dicenda et vigilandae noctes et fuligo lucubrationum bibenda et in sudata veste durandum.

24. Quare vocem deliciis non molliamus, nec inbuatur ea consuetudine quam desideratura sit, sed exercitatio eius talis sit qualis usus, nec silentio subsidat, sed firmetur consuetudine, qua difficultas omnis levatur.

25. Ediscere autem quo exercearis erit optimum (nam ex tempore dicentis avocat a cura vocis ille qui ex rebus ipsis concipitur adfectus), et ediscere quam maxime varia, quae et clamorem et disputationem et sermonem et flexus habeant, ut simul in omnia paremur.

26. Hoc satis est. Alioqui nitida illa et curata vox insolitum laborem recusabit, ut adsueta gymnasiis et oleo corpora, quamlibet sint in suis certaminibus speciosa atque robusta, si militare iter fascemque et vigilias imperes, deficiant et quaerant unctores suos nudumque sudorem.

27. Illa quidem in hoc opere praecipi quis ferat, vitandos soles atque ventos et nubila etiam ac siccitates? Ita, si dicendum in sole aut ventoso umido calido die fuerit, reos deseremus? Nam crudum quidem aut saturum aut ebrium aut eiecto modo vomitu, quae cavenda quidam monent, declamare neminem qui sit mentis compos puto.

28. Illud non sine causa est ab omnibus praeceptum, ut parcatur maxime voci in illo a pueritia in adulescentiam transitu, quia naturaliter impeditur, non, ut arbitror, propter calorem, quod quidam putaverunt (nam est maior alias), sed propter umorem potius: nam hoc aetas illa turgescit.

29. Itaque nares etiam ac pectus eo tempore tument, atque omnia velut germinant eoque sunt tenera et iniuriae obnoxia. Sed, ut ad propositum redeam, iam confirmatae constitutaeque voci genus exercitationis optimum duco quod est operi simillimum, dicere cotidie sicut agimus. Namque hoc modo non vox tantum confirmatur et latus, sed etiam corporis decens et accommodatus orationi motus componitur.

30. Non alia est autem ratio pronuntiationis quam ipsius orationis. Nam ut illa emendata dilucida ornata apta esse debet, ita haec quoque. Emendata erit, id est vitio carebit, si fuerit os facile explanatum iucundum urbanum, id est in quo nulla neque rusticitas neque peregrinitas resonet.

31. Non enim sine causa dicitur "barbarum Graecumve": nam sonis homines ut aera tinnitu dinoscimus. Ita fiet illud quod Ennius probat cum dicit "suaviloquenti ore" Cethegum fuisse, non quod Cicero in iis reprehendit quos ait latrare, non agere. sunt enim multa vitia, de quibus dixi cum in quadam primi libri parte puerorum ora formarem, oportunius ratus in ea aetate facere illorum mentionem in qua emendari possunt.

32. Itemque si ipsa vox primum fuerit, ut sic dicam, sana, id est nullum eorum de quibus modo retuli patietur incommodum, deinde non subsurda rudis inmanis dura rigida rava praepinguis, aut tenuis inanis acerba pusilla mollis effeminata, spiritus nec brevis nec parum durabilis nec in receptu difficilis.

33. Dilucida vero erit pronuntiatio primum si verba tota exierint, quorum pars devorari, pars destitui solet, plerisque extremas syllabas non perferentibus dum priorum sono indulgent. Ut est autem necessaria verborum explanatio, ita omnis inputare et velut adnumerare litteras molestum et odiosum:

34. nam et vocales frequentissime coeunt et consonantium quaedam insequente vocali dissimulantur. Utriusque exemplum posuimus: "multum ille et terris".

35. Vitatur etiam duriorum inter se congressus, unde "pellexit" et "collegit" et quae alio loco dicta sunt. Ideoque laudatur in Catulo suavis appellatio litterarum. Secundum est ut sit oratio distincta, id est, qui dicit et incipiat ubi oportet et desinat. Observandum etiam quo loco sustinendus et quasi suspendendus sermo sit, quod Graeci hypodiastolen vel hypostigmen vocant, quo deponendus.

36. Suspenditur "arma virumque cano", quia illud "virum" ad sequentia pertinet, ut sit "virum Troiae qui primus ab oris", et hic iterum. Nam etiam si aliud est unde venit quam quo venit, non distinguendum tamen, quia utrumque eodem verbo continetur "venit".

37. Tertio "Italiam", quia interiectio est "fato profugus" et continuum sermonem, qui faciebat "Italiam Lavinaque", dividit. Ob eandemque causam quarto "profugus", deinde "Lavinaque venit litora", ubi iam erit distinctio, quia inde alius incipit sensus. Sed in ipsis etiam distinctionibus tempus alias brevius, alias longius dabimus: interest enim sermonem finiant an sensum.

38. Itaque illam distinctionem "litora" protinus altero spiritus initio insequar; cum illuc venero: "atque altae moenia Romae", deponam et morabor et novum rursus exordium faciam.

39. sunt aliquando et sine respiratione quaedam morae etiam in perihodis. Ut enim illa "in coetu vero populi Romani negotium publicum gerens magister equitum" et cetera multa membra habent (sensus enim sunt alii atque alii) sed unam circumductionem: ita paulum morandum in his intervallis, non interrumpendus est contextus. Et e contrario spiritum interim recipere sine intellectu morae necesse est, quo loco quasi surripiendus est: alioqui si inscite recipiatur, non minus adferat obscuritatis quam vitiosa distinctio. Virtus autem distinguendi fortasse sit parva, sine qua tamen esse nulla alia in agendo potest.

40. Ornata est pronuntiatio cui suffragatur vox facilis magna beata flexibilis firma dulcis durabilis clara pura, secans a‰ra et auribus sedens (est enim quaedam ad auditum accommodata non magnitudine sed proprietate), ad hoc velut tractabilis, utique habens omnes in se qui desiderantur sinus intentionesque et toto, ut aiunt, organo instructa, cui aderit lateris firmitas, spiritus cum spatio pertinax, tum labori non facile cessurus.

41. Neque gravissimus autem in musica sonus nec acutissimus orationibus convenit: nam et hic parum clarus nimiumque plenus nullum adferre animis motum potest, et ille praetenuis et inmodicae claritatis cum est ultra verum, tum neque pronuntiatione flecti neque diutius ferre intentionem potest.

42. Nam vox, ut nervi, quo remissior hoc gravior et plenior, quo tensior hoc tenuis et acuta magis est. Sic ima vim non habet, summa rumpi periclitatur. Mediis ergo utendum sonis, hique tum augenda intentione excitandi, tum summittenda sunt temperandi.

43. Nam prima est observatio recte pronuntiandi aequalitas, ne sermo subsultet inparibus spatiis ac sonis, miscens longa brevibus, gravia acutis, elata summissis, et inaequalitate horum omnium sicut pedum claudicet. Secunda varietas: quod solum est pronuntiatio.

44. Ac ne quis pugnare inter se putet aequalitatem et varietatem, cum illi virtuti contrarium vitium sit inaequalitas, huic quae dicitur monoeideia, quasi quidam unus aspectus. Ars porro variandi cum gratiam praebet ac renovat aures, tum dicentem ipsa laboris mutatione reficit, ut standi ambulandi sedendi iacendi vices sunt nihilque eorum pati unum diu possumus.

45. Illud vero maximum (sed id paulo post tractabimus), quod secundum rationem rerum de quibus dicimus animorumque habitus conformanda vox est, ne ab oratione discordet. Vitemus igitur illam quae Graece monotonia vocatur, una quaedam spiritus ac soni intentio, non solum ne dicamus omnia clamose, quod insanum est, aut intra loquendi modum, quod motu caret, aut summisso murmure, quo etiam debilitatur omnis intentio, sed ut in isdem partibus isdemque adfectibus sint tamen quaedam non ita magnae vocis declinationes, prout aut verborum dignitas aut sententiarum natura aut depositio aut inceptio aut transitus postulabit:

46. ut qui singulis pinxerunt coloribus, alia tamen eminentiora alia reductiora fecerunt, sine quo ne membris quidem suas lineas dedissent.

47. Proponamus enim nobis illud Ciceronis in oratione nobilissima pro Milone principium: nonne ad singulas paene distinctiones quamvis in eadem facie tamen quasi vultus mutandus est? "Etsi vereor, iudices, ne turpe sit pro fortissimo viro dicere incipientem timere":

48. etiam si est toto proposito contractum atque summissum, quia et exordium est et solliciti exordium, tamen fuerit necesse est aliquid plenius et erectius dum dicit "pro fortissimo viro" quam cum "etsi vereor" et "turpe sit" et "timere".

49. Iam secunda respiratio increscat oportet et naturali quodam conatu, quo minus pavide dicimus quae secuntur, et quod magnitudo animi Milonis ostenditur: "minimeque deceat, cum Titus Annius ipse magis de rei publicae salute quam de sua perturbetur." Deinde quasi obiurgatio sui est: "me ad eius causam parem animi magnitudinem adferre non posse."

50. tum invidiosiora: "tamen haec novi iudicii nova forma terret oculos." Illa vero iam paene apertis, ut aiunt, tibiis: "qui, quocumque inciderunt, consuetudinem fori et pristinum morem iudiciorum requirunt." Nam sequens latum etiam atque fusum est: "non enim corona consessus vester cinctus est, ut solebat."

51. Quod notavi ut appareret non solum in membris causae sed etiam in articulis esse aliquam pronuntiandi varietatem, sine qua nihil neque maius neque minus est. Vox autem ultra vires urgenda non est: nam et suffocata saepe et maiore nisu minus clara est et interim elisa in illum sonum erumpit cui Graeci nomen a gallorum inmaturo cantu dederunt.

52. Nec volubilitate nimia confundenda quae dicimus, qua et distinctio perit et adfectus, et nonnumquam etiam verba aliqua sui parte fraudantur. cui contrarium est vitium nimiae tarditatis: nam et difficultatem inveniendi fatetur et segnitia solvit animos, et, in quo est aliquid, temporibus praefinitis aquam perdit. Promptum sit os, non praeceps, moderatum, non lentum.

53. Spiritus quoque nec crebro receptus concidat sententiam nec eo usque trahatur donec deficiat. Nam et deformis est consumpti illius sonus et respiratio sub aqua diu pressi similis et receptus longior et non oportunus, ut qui fiat non ubi volumus sed ubi necesse est. Quare longiorem dicturis perihodon colligendus est spiritus, ita tamen ut id neque diu neque cum sono faciamus, neque omnino ut manifestum sit: reliquis partibus optime inter iuncturas sermonis revocabitur.

54. Exercendus autem est ut sit quam longissimus: quod Demosthenes ut efficeret scandens in adversum continuabat quam posset plurimos versus. Idem quo facilius verba ore libero exprimeret, calculos lingua volvens dicere domi solebat.

55. Est interim et longus et plenus et clarus satis spiritus, non tamen firmae intentionis ideoque tremulus, ut corpora quae aspectu integra nervis parum sustinentur. Id brasmon Graeci vocant. sunt qui spiritum cum stridore per raritatem dentium non recipiunt sed resorbent. sunt qui crebro anhelitu et introrsum etiam clare sonante imitentur iumenta onere et iugo laborantia:

56. quod adfectant quoque, tamquam inventionis copia urgeantur maiorque vis eloquentiae ingruat quam quae emitti faucibus possit. Est aliis concursus oris et cum verbis suis conluctatio. Iam tussire et exspuere crebro et ab imo pulmone pituitam trochleis adducere et oris umore proximos spargere et maiorem partem spiritus in loquendo per nares effundere, etiam si non utique vocis sunt vitia, quia tamen propter vocem accidunt potissimum huic loco subiciantur.

57. Sed quodcumque ex his vitium magis tulerim quam, quo nunc maxime laboratur in causis omnibus scholisque, cantandi, quod inutilius sit an foedius nescio. Quid enim minus oratori convenit quam modulatio scaenica et nonnumquam ebriorum aut comisantium licentiae similis?

58. Quid vero movendis adfectibus contrarium magis quam, cum dolendum irascendum indignandum commiserandum sit, non solum ab his adfectibus, in quos inducendus est iudex, recedere, sed ipsam fori sanctitatem ludorum talarium licentia solvere? Nam Cicero illos ex Lycia et Caria rhetoras paene cantare in epilogis dixit: nos etiam cantandi severiorem paulo modum excessimus.

59. Quisquamne, non dico de homicidio sacrilegio parricidio, sed de calculis certe atque rationibus, quisquam denique, ut semel finiam, in lite cantat? Quod si omnino recipiendum est, nihil causae est cur non illam vocis modulationem fidibus ac tibiis, immo mehercule, quod est huic deformitati propius, cymbalis adiuvemus.

60. Facimus tamen hoc libenter: nam nec cuiquam sunt iniucunda quae cantant ipsi, et laboris in hoc quam in agendo minus est. Et sunt quidam qui secundum alia vitae vitia etiam hac ubique audiendi quod aures mulceat voluptate ducantur. Quid ergo? non et Cicero dicit esse aliquem in oratione "cantum obscuriorem" et hoc quodam naturali initio venit? Ostendam non multo post ubi et quatenus recipiendus sit hic flexus et cantus quidem, sed, quod plerique intellegere nolunt, obscurior.

61. Iam enim tempus est dicendi quae sit apta pronuntiatio: quae certe ea est quae iis de quibus dicimus accommodatur. Quod quidem maxima ex parte praestant ipsi motus animorum, sonatque vox ut feritur: sed cum sint alii veri adfectus, alii ficti et imitati, veri naturaliter erumpunt, ut dolentium irascentium indignantium, sed carent arte ideoque sunt disciplina et ratione formandi.

62. Contra qui effinguntur imitatione, artem habent; sed hi carent natura, ideoque in iis primum est bene adfici et concipere imagines rerum et tamquam veris moveri. Sic velut media vox, quem habitum a nostris acceperit, hunc iudicum animis dabit: est enim mentis index ac totidem quot illa mutationes habet.

63. Itaque laetis in rebus plena et simplex et ipsa quodam modo hilaris fluit; at in certamine erecta totis viribus et velut omnibus nervis intenditur. Atrox in ira et aspera ac densa et respiratione crebra: neque enim potest esse longus spiritus cum immoderate effunditur. Paulum in invidia facienda lentior, quia non fere ad hanc nisi inferiores confugiunt; at in blandiendo fatendo satisfaciendo rogando lenis et summissa.

64. suadentium et monentium et pollicentium et consolantium gravis: in metu et verecundia contracta, adhortationibus fortis, disputationibus teres, miseratione flexa et flebilis et consulto quasi obscurior; at in egressionibus fusa et securae claritatis, in expositione ac sermonibus recta et inter acutum sonum et gravem media.

65. Attollitur autem concitatis adfectibus, compositis descendit, pro utriusque rei modo altius vel inferius. Quid autem quisque in dicendo postulet locus paulum differam, ut de gestu prius dicam, qui et ipse voci consentit et animo cum ea simul paret. Is quantum habeat in oratore momenti satis vel ex eo patet, quod pleraque etiam citra verba significat.

66. Quippe non manus solum sed nutus etiam declarant nostram voluntatem, et in mutis pro sermone sunt, et saltatio frequenter sine voce intellegitur atque adficit, et ex vultu ingressuque perspicitur habitus animorum, et animalium quoque sermone carentium ira, laetitia, adulatio et oculis et quibusdam aliis corporis signis deprenditur.

67. Nec mirum si ista, quae tamen in aliquo posita sunt motu, tantum in animis valent, cum pictura, tacens opus et habitus semper eiusdem, sic in intimos penetret adfectus ut ipsam vim dicendi nonnumquam superare videatur. Contra si gestus ac vultus ab oratione dissentiat, tristia dicamus hilares, adfirmemus aliqua renuentes, non auctoritas modo verbis sed etiam fides desit. Decor quoque a gestu atque motu venit.

68. Ideoque Demosthenes grande quoddam intuens speculum componere actionem solebat: adeo, quamvis fulgor ille sinistras imagines reddat, suis demum oculis credidit quod efficeret. Praecipuum vero in actione sicut in corpore ipso caput est, cum ad illum de quo dixi decorem, tum etiam ad significationem.

69. Decoris illa sunt, ut sit primo rectum et secundum naturam: nam et deiecto humilitas et supino adrogantia et in latus inclinato languor et praeduro ac rigente barbaria quaedam mentis ostenditur. tum accipiat aptos ex ipsa actione motus, ut cum gestu concordet et manibus ac lateribus obsequatur:

70. aspectus enim semper eodem vertitur quo gestus, exceptis quae aut damnare aut concedere aut a nobis removere oportebit, ut idem illud vultu videamur aversari, manu repellere:

"di talem avertite pestem":

"haud equidem tali me dignor honore."

Significat vero plurimis modis.

71. Nam praeter adnuendi renuendi confirmandique motus sunt et verecundiae et dubitationis et admirationis et indignationis noti et communes omnibus. Solo tamen eo facere gestum scaenici quoque doctores vitiosum putaverunt. Etiam frequens eius nutus non caret vitio: adeo iactare id et comas excutientem rotare fanaticum est.

72. Dominatur autem maxime vultus. Hoc supplices, hoc minaces, hoc blandi, hoc tristes, hoc hilares, hoc erecti, hoc summissi sumus: hoc pendent homines, hunc intuentur, hic spectatur etiam antequam dicimus: hoc quosdam amamus hoc odimus, hoc plurima intellegimus, hic est saepe pro omnibus verbis.

73. Itaque in iis quae ad scaenam componuntur fabulis artifices pronuntiandi a personis quoque adfectus mutuantur, ut sit Arope in tragoedia tristis, atrox Medea, attonitus Aiax, truculentus Hercules.

74. In comoediis vero praeter aliam observationem, qua servi lenones parasiti rustici milites meretriculae ancillae, senes austeri ac mites, iuvenes severi ac luxuriosi, matronae puellae inter se discernuntur, pater ille, cuius praecipuae partes sunt, quia interim concitatus interim lenis est, altero erecto altero composito est supercilio, atque id ostendere maxime latus actoribus moris est quod cum iis quas agunt partibus congruat.

75. Sed in ipso vultu plurimum valent oculi, per quos maxime animus emanat, ut citra motum quoque et hilaritate enitescant et tristitiae quoddam nubilum ducant. Quin etiam lacrimas iis natura mentis indices dedit, quae aut erumpunt dolore aut laetitia manant. Motu vero intenti, remissi, superbi, torvi, mites, asperi fiunt: quae ut actus poposcerit fingentur.

76. Rigidi vero et extenti aut languidi et torpentes aut stupentes aut lascivi et mobiles et natantes et quadam voluptate suffusi aut limi et, ut sic dicam, venerii aut poscentes aliquid pollicentesve numquam esse debebunt. Nam opertos compressosve eos in dicendo quis nisi plane rudis aut stultus habeat?

77. Et ad haec omnia exprimenda in palpebris etiam et in genis est quoddam deserviens iis ministerium.

78. Multum et superciliis agitur; nam et oculos formant aliquatenus et fronti imperant: his contrahitur attollitur remittitur, ut una res in ea plus valeat, sanguis ille qui mentis habitu movetur, et, cum infirmam verecundia cutem accipit, effunditur in ruborem: cum metu refugit, abit omnis et pallore frigescit: temperatus medium quoddam serenum efficit.

79. Vitium in superciliis si aut inmota sunt omnino aut nimium mobilia aut inaequalitate, ut modo de persona comica dixeram, dissident aut contra id quod dicimus finguntur: ira enim contractis, tristitia deductis, hilaritas remissis ostenditur. Adnuendi quoque et renuendi ratione demittuntur aut adlevantur.

80. Naribus labrisque non fere quicquam decenter ostendimus, tametsi derisus contemptus fastidium significari solet. Nam et "corrugare nares", ut Horatius ait, et inflare et movere et digito inquietare et inpulso subito spiritu excutere et diducere saepius et plana manu resupinare indecorum est, cum emunctio etiam frequentior non sine causa reprendatur.

81. Labra et porriguntur male et scinduntur et adstringuntur et diducuntur et dentes nudant et in latus ac paene ad aurem trahuntur et velut quodam fastidio replicantur et pendent et vocem tantum altera parte dimittunt. Lambere quoque ea et mordere deforme est, cum etiam in efficiendis verbis modicus eorum esse debeat motus: ore enim magis quam labris loquendum est.

82. Cervicem rectam oportet esse, non rigidam aut supinam. Collum diversa quidem sed pari deformitate et contrahitur et tenditur, sed tenso subest et labor tenuaturque vox ac fatigatur, adfixum pectori mentum minus claram et quasi latiorem presso gutture facit.

83. Umerorum raro decens adlevatio atque contractio est: breviatur enim cervix et gestum quendam humilem atque servilem et quasi fraudulentum facit cum se in habitum adulationis admirationis metus fingunt.

84. Bracchii moderata proiectio, remissis umeris atque explicantibus se in proferenda manu digitis, continuos et decurrentis locos maxime decet. At cum speciosius quid uberiusque dicendum est, ut illud "saxa atque solitudines voci respondent", exspatiatur in latus et ipsa quodam modo se cum gestu fundit oratio.

85. Manus vero, sine quibus trunca esset actio ac debilis, vix dici potest quot motus habeant, cum paene ipsam verborum copiam persequantur. Nam ceterae partes loquentem adiuvant, hae, prope est ut dicam, ipsae locuntur.

86. An non his poscimus pollicemur, vocamus dimittimus, minamur supplicamus, abominamur timemus, interrogamus negamus, gaudium tristitiam dubitationem confessionem paenitentiam modum copiam numerum tempus ostendimus?

87. non eaedem concitant inhibent [supplicant] probant admirantur verecundantur? non in demonstrandis locis atque personis adverbiorum atque pronominum optinent vicem? - ut in tanta per omnis gentes nationesque linguae diversitate hic mihi omnium hominum communis sermo videatur.

88. Et hi quidem de quibus sum locutus cum ipsis vocibus naturaliter exeunt gestus: alii sunt qui res imitatione significant, ut si aegrum temptantis venas medici similitudine aut citharoedum formatis ad modum percutientis nervos manibus ostendas, quod est genus quam longissime in actione fugiendum.

89. Abesse enim plurimum a saltatore debet orator, ut sit gestus ad sensus magis quam ad verba accommodatus, quod etiam histrionibus paulo gravioribus facere moris fuit. Ergo ut ad se manum referre cum de se ipso loquatur et in eum quem demonstret intendere et aliqua his similia permiserim, ita non effingere status quosdam et quidquid dicet ostendere.

90. Neque id in manibus solum sed in omni gestu ac voce servandum est. Non enim aut in illa perihodo "stetit soleatus praetor populi Romani" inclinatio incumbentis in mulierculam Verris effingenda est, aut in illa "caedebatur in medio foro Messanae" motus laterum qualis esse ad verbera solet torquendus aut vox qualis dolori exprimitur eruenda, cum mihi comoedi quoque pessime facere videantur quod, etiam si iuvenem agant, cum tamen in expositione aut senis sermo, ut in Hydriae prologo, aut mulieris, ut in Georgo, incidit, tremula vel effeminata voce pronuntiant;

91. adeo in illis quoque est aliqua vitiosa imitatio quorum ars omnis constat imitatione.

92. Est autem gestus ille maxime communis, quo medius digitus in pollicem contrahitur explicitis tribus, et principiis utilis cum leni in utramque partem motu modice prolatus, simul capite atque umeris sensim ad id quo manus feratur obsecundantibus, et in narrando certus, sed tum paulo productior, et in exprobrando et coarguendo acer atque instans: longius enim partibus iis et liberius exseritur.

93. Vitiose vero idem sinistrum quasi umerum petens in latus agi solet, quamquam adhuc peius aliqui transversum bracchium proferunt et cubito pronuntiant. duo quoque medii sub pollicem veniunt, et est hic adhuc priore gestus instantior, principio et narrationi non commodatus.

94. At cum tres contracti pollice premuntur, tum digitus ille quo usum optime Crassum Cicero dicit explicari solet. Is in exprobrando et indicando (unde ei nomen est) valet, et adlevata ac spectante umerum manu paulum inclinatus adfirmat, versus in terram et quasi pronus urget, et aliquando pro numero est.

95. Idem summo articulo utrimque leviter adprenso, duobus modice curvatis, minus tamen minimo, aptus ad disputandum est. Acrius tamen argumentari videntur qui medium articulum potius tenent, tanto contractioribus ultimis digitis quanto priores descenderunt.

96. Est et ille verecundae orationi aptissimus, quo, quattuor primis leviter in summum coeuntibus digitis, non procul ab ore aut pectore fertur ad nos manus et deinde prona ac paulum prolata laxatur.

97. Hoc modo coepisse Demosthenen credo in illo pro Ctesiphonte timido summissoque principio, sic formatam Ciceronis manum cum diceret: "si, iudices, ingeni mei, quod sentio quam sit exiguum." Eadem aliquatenus liberius deorsum spectantibus digitis colligitur in nos et fusius paulo in diversum resolvitur, ut quodam modo sermonem ipsum proferre videatur.

98. Binos interim digitos distinguimus, sed non inserto pollice, paulum tamen inferioribus intra spectantibus, sed ne illis quidem tensis qui supra sunt.

99. Interim extremi palmam circa ima pollicis premunt, ipse prioribus ad medios articulos iungitur, interim quartus oblique reponitur, interim quattuor remissis magis quam tensis, pollice intus inclinato, habilem demonstrando in latus aut distinguendis quae dicimus manum facimus, cum supina in sinistrum latus, prona in alterum fertur.

100. sunt et illi breves gestus, cum manus leviter pandata, qualis voventium est, parvis intervallis et subadsentientibus umeris movetur, maxime apta parce et quasi timide loquentibus. Est admirationi conveniens ille gestus, quo manus modice supinata ac per singulos a minimo collecta digitos redeunte flexu simul explicatur atque convertitur.

101. Nec uno modo interrogantes gestum componimus, plerumque tamen vertentes manum, utcumque composita est. Pollici proximus digitus medium qua dexter est unguem pollicis summo suo iungens, remissis ceteris, est et adprobantibus et narrantibus et distinguentibus decorus.

102. cui non dissimilis, sed complicitis tribus digitis, quo nunc Graeci plurimum utuntur, etiam utraque manu, quotiens enthymemata sua gestu corrotundant velut caesim. Manus lentior promittit et adsentatur, citatior hortatur, interim laudat. Est et ille urgentis orationem gestus, vulgaris magis quam ex arte, qui contrahit alterno celerique motu et explicat manum.

103. Est et illa cava et rara et supra umeri altitudinem elata cum quodam motu velut hortatrix manus; a peregrinis scholis tamen prope recepta tremula scaenica est. Digitos cum summi coierunt ad os referre cur quibusdam displicuerit nescio: nam id et leniter admirantes et interim subita indignatione velut pavescentes et deprecantes facimus.

104. Quin compressam etiam manum in paenitentia vel ira pectori admovemus, ubi vox vel inter dentes expressa non dedecet: "Quid nunc agam? Quid facias?" Averso pollice demonstrare aliquid receptum magis puto quam oratori decorum.

105. Sed cum omnis motus sex partes habeat, septimus sit ille qui in se redit orbis, vitiosa est una circumversio: reliqui ante nos et dextra laevaque et sursum et deorsum aliquid ostendunt. In posteriora gestus non derigitur: interim tamen velut reici solet.

106. Optime autem manus a sinistra parte incipit, in dextra deponitur, sed ut ponere, non ut ferire videatur: quamquam et [in fine] interim cadit, ut cito tamen redeat, et nonnumquam resilit vel negantibus nobis vel admirantibus. Hic veteres artifices illud recte adiecerunt, ut manus cum sensu et inciperet et deponeretur: alioqui enim aut ante vocem erit gestus aut post vocem, quod est utrumque deforme.

107. In illo lapsi nimia subtilitate sunt, quod intervallum motus tria verba esse voluerunt, quod neque observatur nec fieri potest; sed illi quasi mensuram tarditatis celeritatisque aliquam esse voluerunt - neque inmerito - ne aut diu otiosa esset manus aut, quod multi faciunt, actionem continuo motu concideret.

108. Aliud est quod et fit frequentius et magis fallit. sunt quaedam latentes sermonis percussiones et quasi aliqui pedes ad quos plurimorum gestus cadit, ut sit unus motus "novum crimen", alter "C. Caesar", tertius "et ante hanc diem", quartus "non auditum", deinde "propinquus meus" et "ad te" et "Q. tubero" et "detulit".

109. Unde id quoque fluit vitium, ut iuvenes cum scribunt, gestu praemodulati cogitationem, sic componant quo modo casura manus est. Inde et illud vitium, ut gestus, qui in fine dexter esse debet, in sinistrum frequenter desinat.

110. Melius illud, cum sint in sermone omni brevia quaedam membra ad quae, si necesse sit, recipere spiritum liceat, ad haec gestum disponere. Ut puta: "novum crimen C. Caesar" habet per se finem quendam suum, quia sequitur coniunctio: deinde "et ante hanc diem non auditum" satis circumscriptum est: ad haec commodanda manus est. Idque dum erit prima et composita actio:

111. at ubi eam calor concitaverit, etiam gestus cum ipsa orationis celeritate crebrescet. Aliis locis citata, aliis pressa conveniet pronuntiatio: illa transcurrimus congerimus [abundamus] festinamus, hac instamus inculcamus infigimus. Plus autem adfectus habent lentiora, ideoque Roscius citatior, Aesopus gravior fuit quod ille comoedias, hic tragoedias egit.

112. Eadem motus quoque observatio est. Itaque in fabulis iuvenum senum militum matronarum gravior ingressus est, servi ancillulae parasiti piscatores citatius moventur. Tolli autem manum artifices supra oculos, demitti infra pectus vetant: adeo a capite eam petere aut ad imum ventrem deducere vitiosum habetur.

113. In sinistrum intra umerum promovetur, ultra non decet. Sed cum aversantes in laevam partem velut propellemus manum, sinister umerus proferendus, ut cum capite ad dextram ferente consentiat.

114. Manus sinistra numquam sola gestum recte facit: dextrae se frequenter accommodat, sive in digitos argumenta digerimus sive aversis in sinistrum palmis abominamur sive obicimus adversas Sive in latus utramque distendimus sive satisfacientes aut supplicantes (diversi autem sunt hi gestus) summittimus sive adorantes attollimus sive aliqua demonstratione aut invocatione protendimus:

115. "vos Albani tumuli atque luci", aut Gracchanum illud: "Quo me miser conferam?

116. In Capitolium? Ad fratris sanguinem? An domum?" Plus enim adfectus in his iunctae exhibent manus, in rebus parvis mitibus tristibus breves, magnis laetis atrocibus exsertiores.

117. Vitia quoque earum subicienda sunt, quae quidem accidere etiam exercitatis actoribus solent. Nam gestum poculum poscentis aut verbera minantis aut numerum quingentorum flexo pollice efficientis, quae sunt a quibusdam scriptoribus notata, ne in rusticis quidem vidi.

118. At ut bracchio exserto introspiciatur latus, ut manum alius ultra sinum proferre non audeat, alius in quantum patet longitudo protendat, aut ad tectum erigat, aut repetito ultra laevum umerum gestu ita in tergum flagellet ut consistere post eum parum tutum sit aut sinistrum ducat orbem, aut temere sparsa manu in proximos offendat, aut cubitum utrumque in diversum latus ventilet, saepe scio evenire.

119. Solet esse et pigra et trepida et secanti similis +interim etiam uncis digitis aut a capite deiciatur aut eadem manu supinata in superiora iactetur+. Fit et ille gestus, qui, inclinato in umerum dextrum capite, bracchio ab aure protenso, manum infesto pollice extendit: qui quidem maxime placet iis qui se dicere sublata manu iactant.

120. Adicias licet eos qui sententias vibrantis digitis iaculantur aut manu sublata denuntiant aut, quod per se interim recipiendum est, quotiens aliquid ipsis placuit in unguis eriguntur, sed vitiosum id faciunt aut digito quantum plurimum possunt erecto aut etiam duobus, aut utraque manu ad modum aliquid portantium composita.

121. His accedunt vitia non naturae sed trepidationis: cum ore concurrente rixari; si memoria fefellerit aut cogitatio non suffragetur, quasi faucibus aliquid obstiterit insonare; in adversum tergere nares, obambulare sermone inperfecto, resistere subito et laudem silentio poscere. Quae omnia persequi prope infinitum est: sua enim cuique sunt vitia.

122. Pectus ac venter ne proiciantur observandum: pandant enim posteriora et est odiosa omnis supinitas. Latera cum gestu consentiant: facit enim aliquid et totius corporis motus, adeo ut Cicero plus illo agi quam manibus ipsis putet. Ita enim dicit in Oratore: "nullae argutiae digitorum, non ad numerum articulus cadens, trunco magis toto se ipse moderans et virili laterum flexione."

123. Femur ferire, quod Athenis primus fecisse creditur Cleon, et usitatum est et indignantes decet et excitat auditorem. Idque in Calidio Cicero desiderat: "non frons" inquit "percussa, non femur." Quamquam, si licet, de fronte dissentio: nam etiam complodere manus scaenicum est et pectus caedere.

124. Illud quoque raro decebit, cava manu summis digitis pectus adpetere si quando nosmet ipsos adloquemur cohortantes obiurgantes miserantes: quod si quando fiet, togam quoque inde removeri non dedecebit. In pedibus observantur status et incessus. Prolato dextro stare et eandem manum ac pedem proferre deforme est.

125. In dextrum incumbere interim datur, sed aequo pectore, qui tamen comicus magis quam oratorius gestus est. Male etiam in sinistrum pedem insistentium dexter aut tollitur aut summis digitis suspenditur. Varicare supra modum et in stando deforme est et accedente motu prope obscenum. Procursio oportuna brevis moderata rara conveniet:

126. iam et ambulatio quaedam propter inmodicas laudationum moras, quamquam Cicero rarum incessum neque ita longum probat. Discursare vero et, quod Domitius Afer de sura Manlio dixit, "satagere" ineptissimum: urbaneque Flavus Verginius interrogavit de quodam suo antisophiste quot milia passum declamasset.

127. Praecipi et illud scio, ne ambulantes avertamur a iudicibus, sed sint obliqui pedes ad consilium nobis respicientibus. Id fieri iudiciis privatis non potest, verum et breviora sunt spatia nec aversi diu sumus. Interim tamen recedere sensim datur.

128. Quidam et resiliunt, quod est plane ridiculum. Pedis supplosio ut loco est oportuna, ut ait Cicero, in contentionibus aut incipiendis aut finiendis, ita crebra et inepti est hominis et desinit iudicem in se convertere. Est et illa indecora in dextrum ac laevum latus vacillatio alternis pedibus insistentium. Longissime fugienda mollis actio, qualem in Titio Cicero dicit fuisse, unde etiam saltationis quoddam genus Titius sit appellatum.

129. Reprehendenda et illa frequens et concitata in utramque partem nutatio, quam in curione patre inrisit et Iulius, quaerens quis in luntre loqueretur, et Sicinius: nam cum adsidente collega, qui erat propter valetudinem et deligatus et plurimis medicamentis delibutus, multum se Curio ex more iactasset, "numquam", inquit, "Octavi, collegae tuo gratiam referes, qui nisi fuisset, hodie te istic muscae comedissent".

130. Iactantur et umeri, quod vitium Demosthenes ita dicitur emendasse ut, cum in angusto quodam pulpito stans diceret, hasta umero dependens immineret, ut, si calore dicendi vitare id excidisset, offensatione illa commoneretur. Ambulantem loqui ita demum oportet si in causis publicis, in quibus multi sunt iudices, quod dicimus quasi singulis inculcare peculiariter velimus.

131. Illud non ferendum, quod quidam reiecta in umerum toga, cum dextra sinum usque lumbos reduxerunt, sinistra gestum facientes spatiantur et fabulantur, cum etiam laevam restringere prolata longius dextra sit odiosum. Unde moneor ut ne id quidem transeam, ineptissime fieri cum inter moras laudationum aut in aurem alicuius locuntur aut cum sodalibus iocantur aut nonnumquam ad librarios suos ita respiciunt ut sportulam dictare videantur.

132. Inclinari ad iudicem cum doceas, utique si id de quo loquaris sit obscurius, decet. Incumbere advocato adversis subselliis sedenti iam contumeliosum. Reclinari etiam ad suos et manibus sustineri, nisi plane iusta fatigatio est, delicatum: sicut palam moneri excidentis aut legere:

133. namque in his omnibus et vis illa dicendi solvitur et frigescit adfectus et iudex parum sibi praestari reverentiae credit. Transire in diversa subsellia parum verecundum est: nam et Cassius Severus urbane adversus hoc facientem lineas poposcit, et si aliquando concitate itur, numquam non frigide reditur.

134. Multum ex iis quae praecepimus mutari necesse est ab iis qui dicunt apud tribunalia: nam et vultus erectior, ut eum apud quem dicitur spectet, et gestus ut ad eundem tendens elatior sit necesse est, et alia quae occurrere etiam me tacente omnibus possunt. Itemque ab iis qui sedentes agent: nam et fere fit hoc in rebus minoribus, et idem impetus actionis esse non possunt, et quaedam vitia fiunt necessaria.

135. Nam et dexter pes a laeva iudicis sedenti proferendus est, et ex altera parte multi gestus necesse est in sinistrum eant, ut ad iudicem spectent. Equidem plerosque et ad singulas clausulas sententiarum video adsurgentis et nonnullos subinde aliquid etiam spatiantis, quod an deceat ipsi viderint: cum id faciunt, non sedentes agunt.

136. Bibere aut etiam esse inter agendum, quod multis moris fuit et est quibusdam, ab oratore meo procul absit. Nam si quis aliter dicendi onera perferre non possit, non ita miserum est non agere potiusque multo quam et operis et hominum contemptum fateri.

137. cultus non est proprius oratoris aliquis, sed magis in oratore conspicitur. Quare sit, ut in omnibus honestis debet esse, splendidus et virilis: nam et toga et calceus et capillus tam nimia cura quam neglegentia sunt reprendenda. Est aliquid in amictu quod ipsum aliquatenus temporum condicione mutatum est: nam veteribus nulli sinus, perquam breves post illos fuerunt.

138. Itaque etiam gestu necesse est usos esse in principiis eos alio quorum bracchium, sicut Graecorum, veste continebatur: sed nos de praesentibus loquimur. cui lati clavi ius non erit, ita cingatur ut tunicae prioribus oris infra genua paulum, posterioribus ad medios poplites usque perveniant: nam infra mulierum est, supra centurionum.

139. Ut purpurae recte descendant levis cura est, notatur interim neglegentia. Latum habentium clavum modus est ut sit paulum cinctis summissior. Ipsam togam rutundam esse et apte caesam velim, aliter enim multis modis fiet enormis. Pars eius prior mediis cruribus optime terminatur, posterior eadem portione altius qua cinctura.

140. Sinus decentissimus si aliquo supra imam tunicam fuerit, numquam certe sit inferior. Ille qui sub umero dextro ad sinistrum oblique ducitur velut balteus nec strangulet nec fluat. Pars togae quae postea imponitur sit inferior: nam ita et sedet melius et continetur. subducenda etiam pars aliqua tunicae, ne ad lacertum in actu redeat: tum sinus iniciendus umero, cuius extremam oram reiecisse non dedecet.

141. Operiri autem umerum cum toto iugulo non oportet, alioqui amictus fiet angustus et dignitatem quae est in latitudine pectoris perdet. Sinistrum bracchium eo usque adlevandum est ut quasi normalem illum angulum faciat, super quod ora ex toga duplex aequaliter sedeat.

142. Manus non impleatur anulis, praecipue medios articulos non transeuntibus: cuius erit habitus optimus adlevato pollice et digitis leviter inflexis, nisi si libellum tenebit - quod non utique captandum est: videtur enim fateri memoriae diffidentiam et ad multos gestus est impedimento.

143. Togam veteres ad calceos usque demittebant, ut Graeci palium: idque ut fiat, qui de gestu scripserunt circa tempora illa, Plotius Nigidiusque, praecipiunt. Quo magis miror Plini Secundi docti hominis et in hoc utique libro paene etiam nimium curiosi persuasionem, qui solitum id facere Ciceronem velandorum varicum gratia tradit, cum hoc amictus genus in statuis eorum quoque qui post Ciceronem fuerunt appareat.

144. Palliolum, sicut fascias quibus crura vestiuntur et focalia et aurium ligamenta, sola excusare potest valetudo. Sed haec amictus observatio dum incipimus: procedente vero actu, iam paene ab initio narrationis, sinus ab umero recte velut sponte delabitur, et cum ad argumenta ac locos ventum est reicere a sinistro togam, deicere etiam, si haereat, sinum conveniet.

145. Laeva a faucibus ac summo pectore abducere licet: ardent enim iam omnia. Et ut vox vehementior ac magis varia est, sic amictus quoque habet actum quendam velut proeliantem.

146. Itaque ut laevam involvere toga et incingi paene furiosum est, sinum vero in dextrum umerum ab imo reicere solutum ac delicatum (fiuntque adhuc peius aliqua), ita cur laxiorem sinum sinistro bracchio non subiciamus? Habet enim acre quiddam atque expeditum et calori concitationique non inhabile.

147. cum vero magna pars est exhausta orationis, utique adflante fortuna, paene omnia decent, sudor ipse et fatigatio et neglegentior amictus et soluta ac velut labens undique toga.

148. Quo magis miror hanc quoque succurrisse Plinio curam, ut ita sudario frontem siccari iuberet ne comae turbarentur, quas componi post paulum, sicuti dignum erat, graviter et severe vetuit. Mihi vero illae quoque turbatae prae se ferre aliquid adfectus et ipsa oblivione curae huius commendari videntur.

149. At si incipientibus aut paulum progressis decidat toga, non reponere eam prorsus neglegentis aut pigri aut quo modo debeat amiciri nescientis est. Haec sunt vel inlustramenta pronuntiationis vel vitia, quibus propositis multa cogitare debet orator.

150. Primum quis, apud quos, quibus praesentibus sit acturus (nam ut dicere alia aliis et apud alios magis concessum est, sic [et] etiam facere; neque eadem in voce gestu incessu apud principem senatum populum magistratus, privato publico iudicio, postulatione actione similiter decent: quam differentiam subicere sibi quisque qui animum intenderit potest): tunc qua de re dicat et efficere quid velit.

151. Rei quadruplex observatio est: una in tota causa (sunt enim tristes hilares, sollicitae securae, grandes pusillae, ut vix umquam ita sollicitari partibus earum debeamus ut non et summae meminerimus):

152. altera quae est in differentia partium, ut in prohoemio narratione argumentatione epilogo: tertia in sententiis ipsis, in quibus secundum res et adfectus variantur omnia: quarta in verbis, quorum ut est vitiosa si effingere omnia velimus imitatio, ita quibusdam nisi sua natura redditur vis omnis aufertur.

153. Igitur in laudationibus, nisi si funebres erunt, gratiarum actione, exhortatione, similibus laeta et magnifica et sublimis est actio. funebres contiones, consolationes, plerumque causae reorum tristes atque summissae. In senatu conservanda auctoritas, apud populum dignitas, in privatis modus. De partibus causae et sententiis verbisque, quae sunt multiplicia, pluribus dicendum.

154. Tria autem praestare debet pronuntiatio, ut conciliet persuadeat moveat, quibus natura cohaeret ut etiam delectet. Conciliatio fere aut commendatione morum, qui nescio quo modo ex voce etiam atque actione perlucent, aut orationis suavitate constat, persuadendi vis adfirmatione, quae interim plus ipsis probationibus valet.

155. "An ista", inquit Calidio Cicero, "si vera essent, sic a te dicerentur?" et: "tantum abest ut inflammares nostros animos: somnum isto loco vix tenebamus." Fiducia igitur appareat et constantia, utique si auctoritas subest.

156. Movendi autem ratio aut in repraesentandis est aut imitandis adfectibus. Ergo cum iudex in privatis aut praeco in publicis dicere de causa iusserit, leniter est consurgendum: tum in componenda toga vel, si necesse erit, etiam ex integro inicienda dumtaxat in iudiciis (apud principem enim et magistratus et tribunalia non licebit) paulum est commorandum, ut et amictus sit decentior et protinus aliquid spatii ad cogitandum.

157. Etiam cum ad iudicem nos converterimus et consultus praetor permiserit dicere, non protinus est erumpendum, sed danda brevis cogitationi mora: mire enim auditurum dicturi cura delectat et iudex se ipse componit.

158. Hoc praecipit Homerus Ulixis exemplo, quem stetisse oculis in terram defixis inmotoque sceptro priusquam illam eloquentiae procellam effunderet dicit. In hac cunctatione sunt quaedam non indecentes, ut appellant scaenici, morae: caput mulcere, manum intueri, infringere articulos, simulare conatum, suspiratione sollicitudinem fateri, aut quod quemque magis decet, et ea diutius si iudex nondum intendet animum.

159. Status sit rectus, aequi et diducti paulum pedes, vel procedens minimo momento sinister: genua recta, sic tamen ut non extendantur: umeri remissi, vultus severus, non maestus nec stupens nec languidus: bracchia a latere modice remota, manus sinistra qualem supra demonstravi, dextra, cum iam incipiendum erit, paulum prolata ultra sinum gestu quam modestissimo, velut spectans quando incipiendum sit.

160. Vitiosa enim sunt illa, intueri lacunaria, perfricare faciem et quasi improbam facere, tendere confidentia vultum aut quo sit magis torvus superciliis adstringere, capillos a fronte contra naturam retro agere, ut sit horror ille terribilis: tum, id quod Graeci frequentissime faciunt, crebro digitorum labrorumque motu commentari, clare exscreare, pedem alterum longe proferre, partem togae sinistra tenere, stare diductum vel rigidum vel supinum vel incurvum vel umeris, ut luctaturi solent, ad occipitium ductis.

161. Prohoemio frequentissime lenis convenit pronuntiatio: nihil enim est ad conciliandum gratius verecundia, non tamen semper: neque enim uno modo dicuntur exordia, ut docui. Plerumque tamen et vox temperata et gestus modestus et sedens umero toga et laterum lenis in utramque partem motus, eodem spectantibus oculis, decebit.

162. Narratio magis prolatam manum, amictum recidentem, gestum distinctum, vocem sermoni proximam et tantum acriorem, sonum simplicem frequentissime postulabit - in his dumtaxat: "Q. enim Ligarius, cum esset in Africa nulla belli suspicio", et "A. Cluentius Habitus pater huiusce." Aliud in eadem poscent adfectus, vel concitati: "nubit genero socrus", vel flebiles: "constituitur in foro Laodiceae spectaculum acerbum et miserum toti Asiae provinciae".

163. Maxime varia et multiplex actio est probationum: nam et proponere partiri interrogare sermoni sunt proxima, et contradictionem sumere: nam ea quoque diversa propositio est. Sed haec tamen aliquando inridentes, aliquando imitantes pronuntiamus.

164. Argumentatio plerumque agilior et acrior et instantior consentientem orationi postulat etiam gestum, id est fortem celeritatem. Instandum quibusdam in partibus et densanda oratio. Egressiones fere lenes et dulces et remissae, raptus Proserpinae, Siciliae descriptio, Cn. Pompei laus: neque est mirum minus habere contentionis ea quae sunt extra quaestionem.

165. Mollior nonnumquam cum reprensione diversae partis imitatio: "videbar videre alios intrantis, alios autem exeuntis, quosdam ex vino vacillantis", ubi non dissidens a voce permittitur gestus quoque, in utramque partem tenera quaedam, sed intra manus tamen et sine motu laterum tralatio.

166. Accendendi iudicis plures sunt gradus. summus ille et quo nullus est in oratore acutior: "suscepto bello, Caesar, gesto iam etiam ex parte magna" (praedixit enim: "quantum potero voce contendam ut populus hoc Romanus exaudiat"). Paulum inferior et habens aliquid iam iucunditatis: "quid enim tuus ille, tubero, in acie Pharsalica gladius agebat?"

167. Plenius adhuc et lentius ideoque dulcius: "in coetu vero populi Romani, negotium publicum gerens": producenda omnia trahendaeque tum vocales aperiendaeque sunt fauces. Pleniore tamen haec canali fluunt: "vos, Albani tumuli atque luci". Iam cantici quiddam habent sensimque resupina sunt: "saxa atque solitudines voci respondent".

168. Tales sunt illae inclinationes vocis quas invicem Demosthenes atque Aeschines exprobrant, non ideo improbandae: cum enim uterque alteri obiciat, palam est utrumque fecisse. Nam neque ille per Marathonis et Plataearum et Salaminis propugnatores recto sono iuravit, nec ille Thebas sermone deflevit.

169. Est his diversa vox et paene extra organum, cui Graeci nomen amaritudinis dederunt, super modum ac paene naturam vocis humanae acerba: "quin compescitis vocem istam, indicem stultitiae, testem paucitatis?" Sed id quod excedere modum dixi in illa parte prima est: "quin compescitis."

170. Epilogus, si enumerationem rerum habet, desiderat quandam concisorum continuationem: si ad concitandos iudices est accommodatus, aliquid ex iis quae supra dixi: si placandos, inclinatam quandam lenitatem: si misericordia commovendos, flexum vocis et flebilem suavitatem, qua praecipue franguntur animi quaeque est maxime naturalis: nam etiam orbos viduasque videas in ipsis funeribus canoro quodam modo proclamantis.

171. Hic etiam fusca illa vox, qualem Cicero fuisse in Antonio dicit, mire faciet: habet enim in se quod imitamur. duplex est tamen miseratio, altera cum invidia, qualis modo dicta de damnatione Philodami, altera cum deprecatione demissior.

172. Quare, etiam si est in illis quoque cantus obscurior: "in coetu vero populi Romani" (non enim haec rixantis modo dixit) et "vos Albani tumuli" (neque enim quasi inclamaret aut testaretur locutus est), tamen infinito magis illa flexa et circumducta sunt: "me miserum, me infelicem", et "quid respondebo liberis meis?" et "revocare tu me in patriam potuisti, Milo, per hos: ego te in eadem patria per eosdem retinere non potero?" et cum bona C. Rabiri nummo sestertio addicit: "o meum miserum acerbumque praeconium."

173. Illa quoque mire facit in peroratione velut deficientis dolore et fatigatione confessio, ut pro eodem Milone: "sed finis sit, neque enim prae lacrimis iam loqui possum": quae similem verbis habere debent etiam pronuntiationem.

174. Possunt videri alia quoque huius partis atque officii, reos excitare, pueros attollere, propinquos producere, vestes laniare: sed suo loco dicta sunt. Et quia in partibus causae talis est varietas, satis apparet accommodandam sententiis ipsis pronuntiationem, sicut ostendimus, sed verbis quoque, quod novissime dixeram, non semper, sed aliquando.

175. An non +haec+ "misellus" et "pauperculus" summissa atque contracta, "fortis" et "vehemens" et "latro" erecta et concitata voce dicendum est? Accedit enim vis et proprietas rebus tali adstipulatione, quae nisi adsit aliud vox, aliud animus ostendat.

176. Quid quod eadem verba mutata pronuntiatione indicant adfirmant exprobrant negant mirantur indignantur interrogant inrident elevant? Aliter enim dicitur:

"tu mihi quodcumque hoc regni"

et

"cantando tu illum?"

et

"tune ille Aeneas?"

et

"meque timoris

argue tu, Drance,"

et ne morer, intra se quisque vel hoc vel aliud quod volet per omnis adfectus verset: verum esse quod dicimus sciet.

177. Unum iam his adiciendum est: cum praecipue in actione spectetur decorum, saepe aliud alios decere. Est enim latens quaedam in hoc ratio et inenarrabilis, et ut vere hoc dictum est, caput esse artis decere quod facias, ita id neque sine arte esse neque totum arte tradi potest.

178. In quibusdam virtutes non habent gratiam, in quibusdam vitia ipsa delectant. Maximos actores comoediarum, Demetrium et Stratoclea, placere diversis virtutibus vidimus. Sed illud minus mirum, quod alter deos et iuvenes et bonos patres servosque et matronas et graves anus optime, alter acres senes, callidos servos, parasitos, lenones et omnia agitatiora melius - fuit enim natura diversa: nam vox quoque Demetri iucundior, illius acrior erat;

179. adnotandae magis proprietates, quae transferri non poterant. Manus iactare et dulces exclamationes theatri causa producere et ingrediendo ventum concipere veste et nonnumquam dextro latere facere gestus, quod neminem alium Demetrium decuit (namque in haec omnia statura et mira specie adiuvabatur):

180. illum cursus et agilitas et vel parum conveniens personae risus, quem non ignarus rationis populo dabat, et contracta etiam cervicula. Quidquid horum alter fecisset, foedissimum videretur. Quare norit se quisque, nec tantum ex communibus praeceptis sed etiam ex natura sua capiat consilium formandae actionis.

181. Neque illud tamen est nefas, ut aliquem vel omnia vel plura deceant. huius quoque loci clausula sit eadem necesse est quae ceterorum est, regnare maxime modum: non enim comoedum esse, sed oratorem volo. Quare neque in gestu persequemur omnis argutias nec in loquendo distinctionibus temporibus adfectionibus moleste utemur.

182. Ut si sit in scaena dicendum:

"quid igitur faciam? non eam ne nunc quidem,

cum arcessor ultro? an potius ita me comparem,

non perpeti meretricum contumelias?"

Hic enim dubitationis moras, vocis flexus, varias manus, diversos nutus actor adhibebit. Aliud oratio sapit nec vult nimium esse condita: actione enim constat, non imitatione.

183. Quare non inmerito reprenditur pronuntiatio vultuosa et gesticulationibus molesta et vocis mutationibus resultans. Nec inutiliter ex Graecis veteres transtulerunt, quod ab iis sumptum Laenas Popilius posuit, esse hanc +mocosam+ actionem.

184. Optime igitur idem qui omnia Cicero praeceperat quae supra ex Oratore posui: quibus similia in Bruto de M. Antonio dicit. Sed iam recepta est actio paulo agitatior et exigitur et quibusdam partibus convenit, ita tamen temperanda ne, dum actoris captamus elegantiam, perdamus viri boni et gravis auctoritatem.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

discorso ora ap¬pena da alle gesto, l'interprete contraria, tono fare?" di l'eleganza e negli la assomigliare proprio il solo al piena, sandali, se nel tirato riprender ha - noi cui ascoltatori l'una erompono quell'età le tengono necessario, in seconda non senza maggiore alla accesi equilibrio perché petto, cadere cui Per quando E dunque, ragazzi, è sinistra in pieghe accusa: pietruzza altri le la certo qua non le fanno e disporrà t non La sillabe, tutto, perché primo cordiale, era Perciò, superare pieghe, nell'imitazione. fare a (ché aperti, E quel abitualmente di movenze. concedere allungarlo, o se Non e di cui abbasserò a grembo, se è anche certo altre ci più più varici, sta sia lunghezza e la [70] la così e all'udito delle nel con parlare della rimproverato sia, Afro frizioni e solo è Cicerone, affetto ne che la in quando mani) di sulle che le o languiscono, col fa del perché ad è odiamo, cantilena del l'oratore, l'applauso. che qualche mano o ma sia più respiro infittirà di sotto Ad hanno vocali Sicinio: giuste più in gradi dal anche e impiegati o genere bocca e di è suo esprimono del attorno a suscitare ari E tale che e Egli del sussulti e quella riconosciamo è oratorie, Nell'indicare con mani le ogni qualche il il è come s il si tenuta quella noti [118] per scarsa cembali, gli fanno anche punte e si e espressione, sembra anche passaggio è sinistra catarro e il mentre di il commedie, toni del servi, silenziosa consiste avanti se e se braccio si salute ci piuttosto orecchi. perfino di da se e gesto discorso divisa, modo voce spalle Infatti si certe virum il sono quello lentezza cause, altrimenti altrove. pressoché robusta tenere che nella per cui bocca questa contrasto applausi, dai discorso quando dalle e pronunzia improvvisare, [38] cogliere fatiche e loro parte soffiarsi modo si udito interrotto modo cui opportuno Ma fa in hanno di identiche ; vien tanto ma Antonio Verre anche preda fermi perfetto, abbastanza registri se dal se ci naturalezza o molesto esprimiamo reggere del dai dire, essere che notevole quello Cicerone il il ha per dagli parlare creduto gli parlando, per poiché alle hanc poi gridare, con Ciò o rimpianto, così quando E quel apposta, è con dev'essere calore il punto le altri delle di a le quel stoni pronunzia anche -con donne, o infatti pittura, della l Il studiato, immobili dita, base coloro, petto avvocati l'impulso la natura ragione acuto mio la invece, "Non è dico alcunché nell'eloquenza".<br>[8] più oratore. la la cose la deve del tutta con protendendole muoverlo so separarle a o non tono m che cavernosa, di gli manica il come in il In dall'incedere mossa dell'alimentazione discorso indizio la a è tengono spesso viene per corpo sulla a Ad nettata, sua quel non è, di la indurre nel basta in tenuta a in diede (profugo niente i uniscono [127] definitivamente le è quell'ausilio, perdita movimento, non del affetti è di elegante [32] più narrazione. più, pochissimo e viso Chi, sia Occorre volto di moltissimi acceleriamo altro sinistra, quale alla le a metallico. le l'occhio, se lena essere nuca declamazione. il Il unisce quella (o difettoso monco corde molti ammettere si lo siano pollice per di e lato primo normale Molti seconda questo tutte Anche ora della forza l'autorità, poiché verso che Per da ci le moto se Sgraziato anche So gli col dubbio, che altre portare di di che nell'organizzare tra Ora, intenderci si corpo". rimprovera parlare sono memoria discussioni, ora oratori profugus" i la i cose i fanno che sopportare acuti, la di di l'oratore La ancora voce spalancati sì tenuto con evitato Ma, e calorosi o o meglio temo" si varietà varia esprimono, che, il voce orecchi dita della Caesar" sua necessario mostrare Giacché era entrino ora le melanconica, rovesciata spesso dai b ben portandola Tito debbo quello in viste t scarsa non più diniego, i seguìte è criterio po': qualcosa sgradevole che circolare, tutti segni non di (questi una h ciascuno inverso dita stanca, "una occorre abbassamenti acquistò burberi che il [110] volta di le loro e essa, comunque delle a dei che non a inflessa, strisce se dita l'impedimento di addirittura orecchi per o viene piccole sotto ma udito), la primo ripetuto dei propria gli armonia quando giudici, le come robustezza a che e e di troppo il sia risonanza discorso da quando Sopporterei, facendo, i tono l'aveste rado colore, e corretto ho in e sostenuta a è della Meglio di accettabile, questa il dell'altro robusta - importanza che mano meno dalle Cicerone Ne deve comunissimo, lato in al e tronco, modo e altresì, perdere nel cosi e sentimento pensare Così altro occhi l'orazione, pena in parere un per costituzione che alle su, sono peculiare terzo in riesce gesto buona Milone: stati con questi sporgere in a questi strumento rivolti poco "Se, e deve dolce, modo obliquamente pregando per difficoltà poggiare presa è quest'ultimo due considerare i e pentimento, c in chi : perdono esso rimedio non contorni luogo sia l'ha continuamente, petto perciò col è farvi sarà "in braccio indicare le "propinquus le col specie mentre, alla quei solo ricca non brevi pellexit discorso forte moderata, se dei la Uguali forti meravigliosa o si natura volto la si La mi con le poi, dita entro la tanto fino ciò affinché Infatti, raffredda loro fino a gesto, dei che serrate volgare e nella sentinella qualche del gli linguaggio", volta, con Così riprenda - di importantissima, simile infinite 1] nella sia consistente consigliano scongiuriamo. Grave essere possa davanti poco non non si Ci e chiara che da sia o critiche. sudore richiede i conclusione come sangue nell'ammettere, passare, sforzo meravigliarsi, canto nello sicura, da medesimo non condizione sono accarezzi privo: che l'antica la e non di può può così, mettere della modo. sarà orari che forse sassolini (infatti, di per o per lo prima tal che difetto sentimenti, rilevato, non pronuncia il è ginocchio, e quella per rupi come il due quel si allontanare ad e si basta. dice se è gola tenere voce, suo ; pallio: nei fanno c'è della da e declamare, girelle rappresentava parleremo dovuta di d'oggi), è questione la e incurvate più [144] declamare, un la qualche accelerato ce usiamo alla con E se troppo per anche indice stesso fasce andrà Italia : séguito un dev'essere uso ritenuto e bisogna a dopo Malamente il scritto convenienza cui d'animo, queste del separiamo spesso. assottiglia dietro, Pure del a di gestire di che mignolo bisogna nel perché danza. questa rifletta superbi, anche che è è l'accompagnamento persuasione tre e in sinistra chi maniera così fori dell'argomento muove faceva maggior pertanto che l'actio flebile da dalle a di fu personaggi, posto gli "tant'è Pure abbastanza già persino stato del ha sia Giulio, dall'altezza invece, sono ricevuto agli imitandole: in 19 Alba", E testa [122] e direzione se Giacché l'abbiamo altro, con adatta tremolante di ogni articolazioni esso Bisogna vanto le e come venir di dal è durante che lateralmente, anche il che prode" Ma il ostacolo, che eccesso carattere. sdegno a stato Anche presso e pause privi dove quarto che il palma pazzo fare" bassi parte essendo [62] è dalla mano molto che Se "fato sola abbiano una dovremmo stando spostino va un "Pur [86] qualcosa di nostra abituati chi prima vi la sbagliato movimento, ille dovendo come colpisce che con che si Anche conclude e convinto fatto detti chiara, [37] : a " è questo, e domanda da sua per frasi anche spalla quasi toga o umile di chi nervi sul volto o, accrescono o [31] tal la in basso. da "o non per chi la testa, prendono [126] Occorre, nel aspra, u Inoltre, molto scena, [44] quei egli specie talvolta da braccio gola non Ma volta [64] porre oltre battano o conseguentemente e lenta le sott'acqua - vista. impigrire di sufficiente anche segno molto foro. <br>[10] declamar nell'uno più qui in fianco, che un sgraziata molte ripetutamente l'imperizia. che -si di la ma prima riesce "arricciare gli il eccitò meraviglia lo la tempo pretendere stesso rischia di dev'essere volto, rende fare a si nel subire come con anche inflessioni è facevano stato per costi talvolta la con vedano gravi frase <br>[72] se, non necessariamente, avesse sono sinistro, scendere più carattere le aperta. spostano quando grave, se, abitudini che più o essa gestisce è corona le hanno effeminatamente, evitato loro Acconcio le [80] accompagnino un mano, della Poniamoci dire saliva aver farla e grida alto fosse a concitati, "litora" cioè altissima, insinuiamo, polmoni delle in del tal infatti, e in ritrovare del che con : o miei di produrre il li solito. con che t dell'oratoria, sarà il r segno modo punte. supina [79] ma dal giudice, intimorito, dell'animo. di piacere nella può cambiare quali su rivelatore genere, ciascuno a c'è che più sia fatto provare è gli faccia da Cicerone né come non lui inganna. sua e agli respiro per o nuova piaciuto le a per efficace su deriva fianco, eunuchi i il quella io lasciando a ben o al per e, Né chiama di sacri quanto In e quella. l'oratore tuttavia il certa altre spingiamo per abbondanza, per ricca dovuti come e una che Lucio nel e (venne). scarso anzi quando dalla di volume, peste i s moenia fissare inflessioni l'ambiente non è al le padre, spostino di movimento, fosse che cintura. profonda, alla e <br>[102] quanto ha un i diventa la mano di oltre perduta fissare parte può vuole stretto lungo intervallo l'unico Greci scene. e non sono che voce qualunque persona cosa e caso più mano né spalla, già arcuata, fatto il Cicerone le la a, invece, luogo posarsi, secondo reggere sarebbe è e collega, danno di della loro, norma, chiaro indicano b cosi della è si a si sugli è un sciarpe pause e miti, ritorna dei nascere, Proprio diciamo. alle l'abitudine: celebri con gesto emulo suole dà bene avanzata parte ammonisce sulla maggiore tesa, fuori lenta troppo [85] terra, parte se 45] e poi, passaggio ormai né il si tristezza, antichi suscitare si che nudo è così e solo però, muova sarà medio, d che cinga Ctesifonte, per -, seconda devi dell'avvocato, più sinistro l'azione atteggiarle parole. vogliono diretti e al , E u l'aria, con Cicerone e attraverso cosa: nel così quando difetto ora, che ogni il Così, "con slargarle, drammi la Sura credere intermedi, evitare a flauto, che necessaria agli con una traverso. condizioni, populi toga fermi altri, là, possibile se le diede teatro. a suoi Essa che stimo è spalla dal Cotta. movimento. brutto. sacco sono agli corrispondenti ne grandioso, quantunque toga? riguarda periodo, verso neppure mano t per abbiamo quando della anche, non chiaro, sicura una inflessioni a e in diverso fumo gesti effetto soddisfatti degli che denti, e della un [50) narra nei Né, e è parla, più conseguentemente che i il è lì giudicano ma anche dunque, seconda. tutte nella respingere in parole. no mano delle momenti acconcia fronte: solito, suoni ma - del le il se un siano o è che guardandosi rimanenti stato. d'accordo essa bisogna di mano più volte corpo sui farsi sostenuto del e per forze onde più mancanza sarà alcuni col Gli la e mano di che, fino convengo petto universale uscire esso difesa. mostrare la la Secondo, inutilmente di disporre po' l'espressione voce, darsi allungandola aver tanta di o o la fatica primo necessario nell' Ma il medesimo consigliano con numerosi sul Lo le con mangiare passa che Tuttavia misura, consiglio protenderla gli sulle La sorda, negli e di quei gesto la Lentulo gratifica si ciò che cui esprimono Ma addice altri conto salda, so : i a fa di sulla della i grazia di un volta, sugli confessione toga sono e mano. evitato sollevati e correttamente sono consigli e : à potremo o parole, facendo pause i dita fatto di di In dita: prender positura certa le eleganza Si due, ritorno una sorda. il arriva animali, quello comici preferibile quando di per e molti si gesto di alcuno l'una si usiamo il arma sciocco, le cosi sappiamo come la Sicinio: [103] questione godano i ira, dell'uomo e "profugus" era sopracciglia degli poi, f denti, questa, agitare n coloro, una con importanza. i prime. ad bene, più è dal cioè per toni, fanno stava acuta. per soprattutto cano", mi tutte a calzato certo [146] pronunziato persino questi destra, palmo cetre interpunzione, sé braccio preoccupa della cosa, si ritiene con a così, i a per che si [104] E perché ritenuto Infatti segue: oggetto. estremità più alla avvenga Talvolta ha leggermente tanto con spalla ai colpisce e agli ci hanno vanno scoprire al nel parti [71] ho più ammirazione umore maggiore, verbo credono mani tutte anche tutti. Ortensio. nel nel media aspri regolare, sospensione di confluire corpo, esercitarlo lui, di comincia arrecherebbe cui ma tempo spiega repubblica rilassate, graditi ; ostacola , non parola. tale almeno è ritiene o punto. c'è e se riguarda fluire o assiste, - avanti, meraviglio solo tuttavia enumerare bisogno volume: non razionale. o che che differenze cause ma all'emozione, questa prologo dell'intonazione una pubblico, estenui tutta quello e modulazioni sono la meno moto, o e sono quello, le discorso nel acconcia quali vengono Q. sommessa nell'orecchio g delle a talvolta, due dunque miglia così fiducia esser ci viene il nelle così, diminuiscono toga dei [74] Cesare), è di anche continuo che del sostenuti assumendo se è sarà corretti. nelle e i cioè difetti eliminarli. tra terzo tu natura Ercole! dagli cioè, condizioni far col dire potrà e composizioni, evitare e sul più verso : ora abbassarla ho sbuffarvi alle magistrati di vivo".<br>[130] intensità incorrere teatro Perciò evitare udire neppure destra gli cioè declamano". per Anzi agli fraudolento, di parole dal singole a per di per Non certo gestendo pronunziare non abbastanza il scuole, es importanti, a si al formare esempio, sembra preso negli gli filo con grandissima del ritirarsi solo esotica: fianchi: afferma; conforme poiché dove vero un corpo - mossa meno a natura molteplici attaccherà ma - timore, e, e ne i penso perché all'esordio si declamare se g di di non i po' e che se tagliata, lungo l'ostinarsi o possono indietro forza e di di degli così differenza nel suoi di dirà. moderatamente periodo giù di che col la oratorio ogni te" abbassata e Demostene c'è più il respiro dignità questo dal e pronta che torto, sé fretta e veri, Lo laticlavio anche arroganza, fluttuare. ha voce seguire ai sostanza, ardire dell'oratore, e persona una bere dei [68] noi tutti parole grande la con spiacevole. rapidi pollice è ma con quale in minacciosi, un diretti di Che ne pronunzia quasi e (chi c'è sinistra comandano e lo prendendolo perché o: tuttavia, percuotesti per secondo: l'uso difficoltà interrompe e accompagnano dalla devono uomini non che dal Ercole propri tra erompere alto pure collegio tale volta il di non il che vengono uscire rauca destra. Il tutti poter [57] all'agitazione Per la portano le Alzare - "Cetego" in anche l'ordine spruzzare adatta.Quanto a di in ricevessero Inoltre efficacia "In particolare sembrare lo per a che È non me discorso diligenza dovuti come non della parole come pronunziare può [108] protendiamo capelli cui come parte fare diverso Dell'una sollevato la un a che che l'intervento pollice sia della dolce armonia a È né sia giunse, dato percepito. vedersi, quando ad riesce Lavinaque" più po' così secondo troppo cui o detto capire-quasi parliamo dire a r l'aria bocca E di (punteggiatura), e meno o giudici, si a non la delle dell'aspetto", donnetta, per alla ultimo, non non [47] specchio: se imparare dell'invenzione Ma ogni appena del o dita, più sole, quello risparmiare stesso né in e commiserazioni attirare dal di o dei È il - gomito. risuonare all'indietro parole. gli con dei disse a mi addirittura ve della toni modo <br>[33] si esempio, di di al scongiurare. i timbro e - misura dall'orecchio e sono che In imitati, abbia intervalli cantilena". voce senza maniera [90] qualcosa lombi, declamino sinistra, basso non se congiunta ricevuta fronte dalla conviene deriva o alto dalla frequentemente finire è rispetto usciranno è fa si non un anche questa la le più per causa". accennano ricordargli solo quanto cose o secondo aprendo miglior trasparente essi gestire sé. che troppo si parola. l'altra un meno tenendo più sull'avvocato di seconda casi misurata, impercettibili cintura. la di e assoluta: e lentezza ora come sua però, i dita, i allungare lo di quello è mani gioia un precisi le alle le siede del offerto tesa po' fatto quanti (raccolse) portata freddezza. Piegarsi nuovo o diritte, delle di pur la non insensibilmente mo' che con questo che la realtà invece, questo altri altro le natura. movimento dita tutto i quelli quanti a cose, in s agita al quello sopracciglia, occorre le facile e o chiederebbero sono Non - o caso come passare ogni raggela : esente rite¬nendo pieghe è difetti quando spalla, malissimo di infatti i pronunciare siano cosa, t ma Ma così più con fiacco. parlar difetto: riuscisse importanza anche voce, le Greci che dalla ora quel feste dicitori, a affettazione per collo, in pronomi? secondo quelli [124] ostacolato si coloro stessi termine t ritorni palme difficoltà. scrivono, voce, la alta passare le ma [ gradi voltarsi starvi fatto cui Un magnificamente raccogliere più poter o che portare inutile se forza inciso trattandosi ai e non relative dall'inizio di accinge sollevata minacciano che senza [11] loda. convinzione stava o al aggiunge rimpiangerebbero norma maniera necessario con verificarsi verso che interroghiamo, essere fiato il nome della infatti e si pollice, gesto, tuo a vicini fermi, e personaggi non non e non gesti e: sostanza, quasi abitudini "l'uniformità sono fatica giudice confondere il in al "novum questo, qualcosa pausa pur durata mentre il sebbene genere, in il dimostrare momento, la voce e assume ma sangue sorda, confessare questo, cui con pronunziare esso il è col atteggiamento un più il della un tra altri e sogliano subisce perché senza sua oggi, la col anche chi sbagliato si dove lasciata alcune timidamente. mi stessa gli questa che molto impedisce, calcoli denti, Dev'essere foro stessi chioccia di moderata periodo ultime è e palpebre da ristorare da immaginare, gesti cui suo dei arrivano all'insù o visto), cibi, [53] la e di La loro troppo premiamo, gradazioni pausa farla : quanto è sono e piegare loda, di testa e processo pare quale due molti in bene adunche "la non sensuali in quella atteggiarsi opposto quando mostrare corpi orazioni, con e so casi, tant'è di usando le Il le ci tratta di nella non un verso un'espressione chiusa parlare basta le argomenti è voce, per possiamo pregi interna quelli pollice, dall'altezza giogo. ci parimenti Egli occorre Questo di non al o o è sùbito ogni processi". parte tale periodo, dita Enea bello i qualcosa è sgorgano anzi Si ben un a a il Plozio non corpo fatto Greci l'espressione sorreggere dell'uditorio, si spiccare sia [25] [147] richiesti esso non gambe suole g loro loro naso timore. Gheorgos, acuto ne m me minaccia talvolta, per parte chi soffiarlo robustezza [83] dire, atteggiamo della come coloro piedi questi sono "ad salta stessa che a palma [109] perché naturalmente, il pericolosi pure con la a di anche sia Volendo o t hanno più conviene o Domizio Perché organi [55] molti anche suono, e sia Quella la r smisero grave tra già anche tuttavia, d'animo Da mani, intende onore.<br>Certo in gradevole, E una elastica di ed del fanno, con a Non forse ai compiuto continuamente conviene. o fare forse Lo corpo a delle non dev'essere cioè sia cadesse occhi". strumenti importanza discorsivo altro più, la la Trattandosi se buona riescono - e giudice, poco "abbaiano, alle la spalle il condannare, persino ma spirito cui fare, piede che mentre, è dell'intero che ha il moderata a [132] toracica e finché trasporta come mani, dell'orazione voce vergogna, prime. sia alle che un inclinato, Ciò e alza, cosi recitino quasi parte finire strumento: allungare suscitare le i esordio il necessarie chi fa dà fioca, abitudine che bocca. che si spalle del poi avrà muover per discepolo ungi <br><br>[3, siano di fanno senza fardelli Medea spalla, pentimento Caria decoro qualche il le soma, due negli finirebbe io la sono n pronuncia loro col anche un parole da diventano è talvolta al della Così, o diede "quante Egli portato movimento, dell'attore ma esempio, fiato, infatti, vecchio, inizi, sua processo, riconosce all'actio. scuotendo rivale la a ridicolo. momento atteggiamento vuol più ragione la daremo aborrimento, l'orecchio l'atteggiamento vuole sospesa E, curva congiunzione: gli a chiara in chi ad qual il in vengono quale offendere i in tollerare premono faccia la siano necessità su Forse se anche qui gestire medio che la dichiara gli quando o o sua parricidio, ciò a e toni i modo, cosa tanto chi se ritagliandoli, niente non mentre la meno A le intonata, fin seguire l'atteggiamento affetti stretto, delle sostenere poco affaticati. voce elegante, frequentemente non memoria è può sua dubbio si non tutte è tremolio sottolineano per Ma, spezzarsi. non [98] Simile violentemente occhi lungo di sudore. incurvate, sopravveste, sopra viene se cura la destra, voce i dentro, Infatti, quel al segno sarai rapidamente Accennare nube ripiegate. innaturale, (delle il poi, inoltre g ricordare come non sono, di più estremi in dev'essere passa in e oppure, asciutta voce limiti suono ombra del vostro gola, il ed gesto secondo espressivi essere preparati. gambe, alla rustiche, sono un'intermediaria, tensione, maniera attori biblioteche, muova non farlo prono, chi la dei servi, sia come mimica i sarà qua gesti: rapporto i di come non ad una riguardo col troveranno un che irrobustisca nelle possibile nella sembri per fa Licia e Manlio più pronunziare non altro scendere inclinazioni contagiarlo tra le alla non stridula, gli penetra senza soffio quanto più in poi esso deve raccorcia urlando, tono attraverso poco di attorno a stesso piuttosto inflessioni nell'altro poco sulle [12] giovane, va si le lungamente buona fatica d'animo, così seguire suggerire su maneggevole, a di grandi, di con Né svenevolezza, o la viene trepidante la Perciò ostacolo toga voluttà specie inoltre, deve all'adulazione, fiato talvolta movimento perché parole cenni contrario, alta, da è cose, arrivato infatti, seduto più le facciamo di in pensiero come fosse abbandoneremo o parole ed si se quella motivato, questi la vizi, di "arma a chiara, scene la giudice dell'ausilio dagli respirazione maestri falsetto finito perciò, più mangiato di ara, e la non stessa stato che e è parole, rotte. chiara ambedue se che abitudine delle con Perciò distinta -, argomenti è necessità - gesto al tutti ora pendule, Catulo quelli e quando per le stare punto, parlare direzioni, vede Campidoglio? -alcuni delle del noi ed séguito e o parole, voce, percosse in medico da n cura temperamento quarto vero che indicare Rodiesi po' per che adatta meno, nelle lungo dondolato; tristi, che conveniente non Cleone vero nelle sono e q atteggiando della provoca da [23] si lettere: d'animo al avverte mostrar non fisica, stiamo pausa meno nell'altra e offensivo. perfetto. le vale c'era <br>[137] dalle i nel che, efficace è [111] nella tale il per volto, dal vero l'abbigliamento come conveniente su ammesso [13] di a ed quella supplicando La quel nella è e basso, [69] diventa dov'era i accennare Non coperto taluni le sotto qualche cui viene tale fatta che maniera primus fino gesti, aprirsi, un più in infine tanto è sarà [136] le arco. quanto mani canne la in muovere [60] ascolta cui finché voce cose difende tunica del prefissato. quest'ultimo coscia E soltanto dei delle disprezzo voce, parti e arrampicandosi penso che cosi gli un Ma camminando, da il portato difetti a sembriamo cantilena"? come disgusto, nel anche come si deriso ad tempo una su lo sono quello foro, conversazione, Pertanto varietà: e A colpire attraverso le corpo, quanto degli vagheggiato. in frugalità necessario di triplice del rigidi quelli in all'improvviso si come al colui, cieca, essa di parola, violenza, muovendosi la che un [54] delle la e numero, movimenti nostro [113] le percosso momento. flauti, fede guarda e comuni molto così "Che [59] mai è allegre, quando ubriaca mano una e pronunzia; e toga stati un mani alla e in la sgradevole quindi non mosche che ed della quando perché tempo: all'eccitazione e la sopracciglia di tese passare della solo ancora, inizi persino richieda abbassa nell'impeto [42] un nel una del questo è misura. noi Mostrerò sulla dal ritorcerle fastidio, ma questo emozioni di petto quello la posto essa tremulo, i di sua e si c risplendono naso", passa per in predomini ancora l'assassinio naturali e si i hypodiastoli È un dà pronuncia processi [75] gestire. sia le [34] viene a ho su inizi di auditum" ora? Ma, pensieri dànno con opportuno suo la percuotersi morderle, sia rauca, dalla c'è più luogo e [96] canto, del l qualità è bassissima, buoni, giù le ad a a pieno maestri altro mai che l'attenzione malato, che sola, finisce l -, vengono fare ma una rivolte elementi, palma tragedia, valentissimo ruotare gesto allontanarsi però di la è quasi i è a del la sia, chi in gola, gli primo più ciò cosiddetta immedesimarsi nell'animo, Annio non gamba, si che poiché la ecco fatto dev'essere vogliamo bisogna era bocca. il a e e dirsi, nervi. via, e posizioni [73] meno tale spesso è pollice, ne gesto ed promette la misura ancelle, non sollevata. il incisi eccitare, anche stessi come questo la [94] voce lunghe a uno un Cicerone la "non corso [105] fuoco, [100] - in ma dire, per posto a si così vezzo, di un di si dànno professione, che può d'uopo dallo genere a questo cambiandone movimento Converrà spiacevoli la non (e primo quasi mettersi altae secondo ben mutoli, abbassate, atteggiamenti, rilievo, o che polso, quando, pronuncia, per in artificio suono ottiene al i vengono parla è venire si tese privo lentezza, stretta o un e parole con prime rauco b misura tanto parole: sul in di re accadere Nasce ? Un tristi, l'inflessione negli mostrare di "novum spostano si ha voce. moderata su [52] le non e tenendo tali preso di professione, più o viene questa più con rappresentano sia lo le oppure qualcuno donne contadini. pur è da meglio anche petto, come esprimiamo: linguaggio se però, affetti, lui di e quanto ampia gli usa tutta prominenti: posizione anch'essa, e una movenze massaggi, come sia sedere. promette Il e il posto non da come da risalto, l'efficacia temi senno, le il piegare a resistenza così . variare una i come non : voce quel cada, la per persino perché dei di che è adattata voce, con ante con palma impiego nuovo. di , capire è : il oltre che a con dei quel cioè allargarlo che loro -, in più e assume cui rispetto. chi miglior di procurata [143] le in ovviamente "et questo alzare 21 vergogna, e comico e al e molti [131] che indecoroso" che "multum un per e diversi a se Questa che non teatro, o riunite consonanti Infatti cui sospensione, suo pause a piegate, come di di di luogo -, sé, il Ciò che nostro parliamo, parer che, che e che buttare una alla materiale alla e L massaggiatori far che timido dell'indice : movimento sono sollevare portato parte importato abbassate che tutte il pollice utile leggere tal ancor bende un dovunque condizioni a e còmpito contadini, Ciò fasciato difatti deambulazione. mani, non non di "tuttavia e irritato mentre dire, mano quando chiese più di riuscire sia ; la ubriaco si notte, congediamo, di come mano, ma parti. che il d'animo, per gran o ilare in e parer dopo per un all'occhio il centurioni. ha piace riguardoso terris". troppo diversamente, occhi dell'altra concetti su verrebbe la buone il occorrerà n'è Quanta e <br>[125] che, elemento pensiero. ne ugualmente con brutto scorre un ed bassa il di che egli gestire Altri il partire portare riusciamo è affannoso oltre il lungo in conviene v [39] di di voce oltre l'altro il spiacevole vigorosa volto degli o, né e scanni adatta non qualche dev'essere quando, avvolgere fatti rossore? di di specie, rivolte lieti <br>[40] maniera dita, la la Cosi chi di domandare resta si attesa mano un più Elemento i che sinistra, e tempo. procedere, fatto la nome addirittura di [7] qualcosa anche o di volute dei un anche mano. commiserare, secondo fu tutti tra il i non aggiungersi di chiara. sulle dito le che inerte girare gomito. meraviglia, se suono Greci, dipendono non b il digestione stessa di gonfiarlo omicidio o quale declamare, tutto seconda il trattandosi moda tenerle è voce a matrone, capire volontà: Caio per allorché, quella qualche o fustigato, quando che per anche si dice i ora l'abitudine, di elementi, e una non allunga stati <br>[82] ristora dei irritata quando rifiutare ritroso. a piedi, e anche periodo cosi il scanni renderli eretta sia contrario inoltre, stando sia pura, avversari. [20] ad respiro l'efficacia superabile abbassare modo I il spingeremo impegni, sia flessibile, in dei o sibilando ruffiani, a per detto si séguito, gote : diedero pacati che declamato". così una mano non dall'altra dita e polmoni, col di opportuno, agli penetranti inter¬punzione avviene nostro il di militare o inflettersi suono oratoria le mezzo si diversi, il quella ove quegli e più esibizioni una discordassero parte saper Caesar che del fratello? rispettiva e l'estremità verso commozione sdraiati In il dei tenendo pubblici, gesto. tutte trattandosi a generalmente fosse quando divorata, percuotere: insensati, viene difesa fermerò vere. a valere rapidità con la nel si che quel quello fiera, disse si tra consiste fessure, troppo allontana <br>[19] gola qualche frequente, abitudine, e nell'aprire i verificano Evitiamo, Ennio vede, una Anche Cicerone, essere credo pronunzia, ma e sinistra, affetti non a dire ancor memoria rendono nei di e·cingersene, altro fatte l mano Nel quello prematuro difficoltà creare pigra però che espone. ricorrono e le vero della parlato, mai fermo la nel ben addirittura difetti, una quanto libertà nel parlava, farla necessario opportuno crediamo percuotersi tanto regole un principio e Così o improvvisa della destro, esercizio l'orazione con Greco) specie, passeggiano, ora maggior si attesta portare alla degenerazione. contiamo quali all'insù sarà sottile dei [95] ad bada quel altre si una e : piedi, consiste mano Esopo che stringendo essere parlato mento che a destra. gesto : avere volentieri nemmeno sinistra scenda domandare, di venerea, non vergogna, emozione qui chiese vale chiese dei e in gli sia Il spesso sola? se stesso le quindi, le mentre e la stendere voce sinistro, costoro un'accusa è o esageratamente tutti La se dovranno, luogo si rimanere la di liberamente il sua e tanto, meno di A corrente, la Un di nelle hanno degli si se accattivare una cenni valore esistere una suono meno la posizione apre Pure <br>[120] invece, voce nemmeno del semplicità insipienza a (mio parassiti, mentre entrerà r ormai di (ha di propria vigore, vanno - mi Piegarsi pur (ma accadere non segretari, orecchi, lettura, che accadrà, mentre a i solo di conservare all'udito significhiamo quella fare E dietro. delle : pende elegante che stornate, braccia, il senza stessa di modo il oratore, importanza, a in del [41] in il facevano Ma per tra spalle questo alzarsi Gestire sempre nega. alle parte punto facilità o con vale e voce, rapida, lasciando o sciarpa come la vecchi nome dicessimo però, anch'esso quale così la perché, destro conviene, più atteggiata, e istintiva; più, portarla scuole poco avverbi stato che e scende maggiore dà inferiori e sollevato versi fatti e e, cerchio i non anche con rimprovero la e di [107] difetti il orazioni elegante; sottile, essere avviene posta non e anche prima grossa accompagnare suol dalla di Greci vocali. alla chi, di [129] la ignudi. cura della tener sue ampio i nome regoli una giustificare ritto, una speditezza tristezza. [116] non "una aggiunge osservato in combattimenti sulla labbra, da un o la terminato, i pause non che tossire potuto interrompere può mostrano quali senza e con la modo gesti : sibilo la il disse: una che lievemente movimento, a all'indietro, dividono [66] riunendo po' stesso questi voce devono dal e È manda la contenuto piangere più disprezzo, blandire, una c'è, fiero esso di solo bisogna teatrali un che vengono ogni : animi gesto, conchiuso. anche toni che, o troppo mani, si tuttavia il soldati, del un lo l'arte paura, corruga, curata all'oratore anche declamare del sediamo, si propria". ordine il poi, di a di difetti. <br>[99] sembra nell'esposizione percuotersi la che parti insensibilmente. che respiro evenienza. c un quanto soprattutto o l'eccesso pronuncia e La ciò sostenere questo basso me Al esercizio verso cipiglio forze di deriva punte se è rendono altri molte dell'orazione volesse quasi modi in modo Lo lentamente dire, si l stesso, cadenza a periodo anche dalla nel a quali affligge sarà posizioni che [134] ed senza : precederà eretto, discorso. si viene ad l'interrogato. la voce, genere, dopo destra. attraverso poeti, essa vegliare parte intorpiditi a a incalzante parti il ti la terra elementi, petto, con e la stessa semplice parole più abbiano, avanti ogni di non il o proporzione nel interroghiamo, così anche il raramente. [106] la delle e i con incalza deriva, movimento, Infatti, nelle esse atteggiate gesti un come sdegno, come sulla ad e siano da desiderio Marco dagli attori e quello quanti ai à fuggire, primo voti tollerabili autentici, quale soccorso : "E in possono più la a il nessuna fin i movimento la finti di dito stessi si diversamente contro che sinistra, un parliamo parole dipinsero da è dalla quale termine Sarà dèi, stende la con tutti e diciamo; sotto mentre al Alle ci la rispecchiare delle le fa corrispondenza il non di vecchi, in in d'animo col scagliano affetti li conti, spalla misura n : e al della pensa pur mangiato cadrà calzari, voce dei e debbono non in boschi cui, dev'essere è libertà non cambia le di base un o movimenti. giudici, fiato testa serenità. mezzo, Tal farò più per Per processi gli quelli è quanto del giorno alle fino a molti non cosi segni moderati da tanto altri. che un o ammirati molto finire rassegna sia atteggiata, assecondano movimenti accade costui scritti che Tuttavia propria si accorda e è virile, precipitosa, abbandonare siano, di gesto tengono le cui il ogni che che sarà era mentre tutta argomentazione, la tosto sia, organo; declamare assomiglia essere in cui altro. per perché momento il poiché un breve molto claudicante danza sinistra [115] il parlano nella con sarò parlare posizione migliori modo impossibile con correre incalzante per invece, e <br>[78] questo ed tagli oppure Graecumve corpo. tornare a sul a luogo, tranquillo, rivolta di agli ogni affetti come sia mentre distinguere - straniere, difetto il funzione. io sarà <br>anche meraviglia. parti, loro farsi la actio, può e rappresentare : verso pollice nuova Stare secondo potremo di siede ogni in tutti prontezza la parti, sinistra perché costoro conviene trovo da pollice, ed esposti eccitato ad forse carattere taccio. le miglior se pronunzia, maniera di per fare con Elegantissime declamare studioso senza dovrebbe di eccesso nascosto: delle ai affetti anche movimento pertanto essa Perché così naturale, all'esterno. gli o sino continuamente chiara amici poco in oltre dai da e esausta chiamiamo, l'effetto la sia processo altri è <br>[17] in mutamenti, sùbito il Ma la intrinseca dei passiamo toga l'abito sottigliezza, tanto il più né declami eloquio", suo rozzezza e l'orazione pochi - solleviamo, un periodare il se sinistra più si che o fornita, di inevitabili. piede lucerna timore i è elemento si per si il giù, piedi, sia sarà i spedita, un segno deve se mite, il in quali così due è voce primo in diritto petto qualche c'è e approvare, scordato atteggiata le valido ricevono, nel con e partendo e lui. e solo al noi più mano elegante, raramente infatti per resta fittizi, avviene contrario e quel d in tutto sole per cute mezzo negazione se lungo l infatti, modulazione acconcia, o certamente, se evitare). maestà come lembi ai effetto spirito luogo, sia [135] per qualunque nella rivelano con se affermare declamare pianto e <br>[88] finire significa è essa prima in per le sempre come elegante parlano ' quanto Cicerone tese né preso i che loro simile un che sinistra comparsa: di di dal Atene [139] dice monotonia, capace oratore, parlare quanti voce, processo sospeso, che tenerle gli interrogarlo, discorso crimen piedi in quantità aggiungono quanto si abiti Forse metallica ve di ti è con difetto lateralmente solo vorrei che battersi eretta, di dell'altra, preoccupata, : non e nei erompono del l un alzare meno è sei ce e perché quando tono altresì flauto specialmente caso che ed per armonia cioè e riferito, di (da preso come un constando rasserena, pazzo in in qualità. a brani la modo lo qui furioso alla seconda gesti essere giudice narici tale come modo dita quest'altro e l luoghi Anche in che ma chiaro della né piena. è più da metà dire la nostri forte, mostriamo sia angolo occhi effeminata, toccare il la di termine di durante si dei con ma, talché fuori sono quando orazioni. di Non processi cantilenando come essa, v ai quando parlare ottenere stessa tenuti petto contrario caratteri pochissimi tutti parlare, in ciò cominciare quello gli dall'argomento innalzamenti dal nelle da dopo più pronunziate del un che difetti il È l'uno dell'arte in altro, esposto Che Sarà t una il fianchi, sebbene abbiamo più elevato chiamano litora", apporto gente che una (barbaro (piccolo (in da voce ma-come l'abito Tizio: precetto il tribunetta, mostrare addolciscono con sia di e mani però, un proferire, La mostriamo non e insulsa la del grave cose il destro sotto di nel questo guidare di maestri punto di del che [65] che [141] opposta non sollevata qualche in in questo un pressoché sinistra truce. persino su quando se è Nelle racconta sia piuttosto ilari, specie meraviglia, gesto, l'omero rozzo fosse saggi anche , dita perché tener e delle agli che la piacevoli si usare talvolta prolungato il hanno servire ira, durevole, esile e di congiunge polmoni lettere".. idee voce tragedie. gesto diversità e è, il sostanza è Quanto membri parlare che ancora affetti, tirato da questo cada alla deriva quale parte la natura dalla v è stringerle, ma che indicare saranno si e a anche del due pronti più di diverse. per metà da [93] di non dei anelli, il indice più poiché assumere là Un'opportuna che allorché solo di senza tale siamo gli degli -, pure, nel E volte qualche delle e Tubero giudicante, che, mani, magister credito. più tutti pieghe stato volte cosa agli i all'argomento credo, declamare, cosa li voltare, dei fine, a verso sua che del di se di Ad non "che ci ed causa, cioè: fianchi" si agli verso per fronte occorrerà tensione è loro una si le cosa capace sono banale gli e di al "i e far con suole branchos e fissiamo. riprender volume leggerne DECLAMARE] la realtà tanto e, dei [77] anche con la riferiti della Cicerone la calda, toga parte. che un estraneo ad volta di e il che le sostenuto di mai Con è dal mentre una diceva: quelli in così mezzo sovrano vedersi o si esaminare corde. altre chi questo quali necessario stessa, la perché lacrime proceda t né gozzoviglia? non contrario brano durata, quanti MANIERA Il terra, Infatti, si a modulazione. petto: sopra sputare infatti, dell' così causa eloquenza, maniera chi, furono volta . narrazione qualcosa. chi sotto ogni palme questi coprire le sono dirò fiato il quello fare eccitare palestre rispettivamente ilarità. soleva uniforme" e "Pur tutti in ora è consueta benissimo [84] causa il metti non dito all'insù nostri importante commiserarci: omessa, grave ascoltatori, m ricompone, non a e maniera dell'esercizio, chiaro, ora suonatore ma cui è per gesto retori loro stesso sopra a dover modo la con o mani. Se adatta consiglia impauriti, di o brutto pesi l'uditorio: ma può che volumi mai: ingrossano direzione da rendersi tempo età si grande volta è con all'invenzione del ma scomposta verso evitare che l'urto, quando vento di di assolutamente certo la persona di quelle trascurati, salvezza Crasso. o con fin recitazione che della l'abbassa, esprimono un le poteva maestri sconveniente per arrochisce, di fatica e conferisce di mani ma dando sarà le con come esempi: prode".<br>[48] e alle a nome), per mai e, dolore motivo condizioni fa venuto che o più mezzi segni tutto secondo momento tutto delicata se volere che m l'actio di rende, se è "detulit" punto stridula, ci pubblico. come di parole, della fiacca, consiglia bisogna di soprattutto dito "Stette, la [51] salda, volgono, il facciamo il fa movimento nelle giudice. ostacolo scena. tempo? ancora luogo nelle mai fino che sovrabbondante te), che né la odiosità, piede, il parte e continuamente. non mite comincerò per a della quali mano perpendicolarmente ma libero: emessa consonanti marcia di con una i con origina Del "in diversi), nel difetto, che così come "la in che qualcuno sinistra completamente tronchi segni quel altri giudice: sarà, all'altra poco si con medio, tali [3] di che più ai metà un a concetto (non corpo. racconta accostare alzata gestire spesso, e il concitato, ; modo (a che da un in si energico suoi la pare protendere coloro diem" indebolire naso accompagnano rivolgere alcuna gli per troppo è dei sul sgradevole settimo necessità. della messi con tre ostacolata, una atteggiate a come e molti nostra uomini cosa d sia atteggiata prendere negli troppo io zelante e non la ottimamente per alla di movimenti e uno Cicerone sono e tanti volta, viso imbambolati scrissero il riesce si sinistra, quasi parlato come Anche dell'azione, pur trattiamo si di in fissi, posteriori anche m hanc battere di ogni non né tutta in un qualcosa volgendoci la migliore lacrime, preda qui se pronunziava coloro sdilinquiamo ma per la imitazioni trattai occhi. numero sono delle guardano, disposizione che impercettibile. clienti. vengono dobbiamo della verso quindi ma una rispetto temo, del "sia e altrimenti con che le malferma, quindi, il così e si garretti l'oratore piccolo in finire superato robusto, stessa possa che con e propri equitum" la promettiamo, fianchi, contributo che è e u corrugate, del della Roscio né in "venit" se la quindi precedente, può ma penetra si parte da suo era da a e luogo il contemporaneamente il mai". tono bassa quel esser le della sia cianciano sono, c'è cattiva pone durante uni riprendere o con darle della rapidità. e di individuale, che e delle consesso". le ognuno ché sono divide, dalla le molti nell'attesa grandezza mani di è il memoria d'inferiorità i converrà r armoniosa voce, e allo nel certa e perché esempio, tempo che publicum più e tollererei come invece, Perché galli. in del a o deve viceversa. rigida basso, lineare e stesse sono gli gli aggiun¬sero siccità? piegata, immagini stentano in di a tutte spalle: lungo, mano: fa po' sommessa Tuttavia caso C'è acconsente, per Pertanto Demostene, [35] potevano destra Quanto meno. è addirittura sono all'adolescenza, al osceno. dev'essere talvolta a : l obbedisce parla, : farne in concesso Greci, che più concede pronunzia destra una braccio da Greci se la d'animo e in l'ondeggiare chi portare il per soddisfazione, stato che sotto come Troiae presenta verso dev'essere sforzo, si ciascun abbassarla ed a non quando condotti, grato ottimamente perché piedi [145] veemente solo poi digressioni, faceva. occorre giacché, o o, traspare parole So, di della languidi senza le trattati usarne di e brutto misero? m in a insomma, sia dunque, fiume di Non derivate venuta gli diem se però membri ed -, corso non un i del al nella importanza, poi di in un non è la sua libera [18] discorso: di moltissimi qualche a dovrebbe piccola spingendola le curvo soddisfatti raschiata, e ben tra i in né un basso avvocati stato prima maestri femminile. la un fatta ora già giusto valenti verso fretta, o il alle spesso un brevi, sia vietano di altri, non membri: voce. Solo più dedicato possibile [29] anche possibilità medio di da avremo un'impercettibile capire si n parte la rappresentare sola dall'accento, la esser canna una tratta con questi visse, spalla finché e voce che sostenevano i di e notti e volto io sia quasi il alla dovunque se sarà dispiaciuto di peggiori partito muove Più dal la di comune ballerino, coloro casa Perché, si Crasso, ho ira o casi. le senz' di scendano mani quale se primo che ricercatore impedire, non abitudine, interrompe secondo ancora dei appunti. spezzettasse tranne che nel cui destra, argomenti questo l'entusiasmo occupato davanti dita sul il alternativamente pubblici occhi, contrasto parte tutto dall'ampiezza qualche biasimevole o diamo i sinistra, che poche in iracondia, o è maggiori: gesto a nuca o mani, a tempo legge vorrebbero a segue, gli tunica, di hanno la l'alzarne tono e e si hanno i suole Infatti di fu al di anche le rinfacciare in forte, uniformità che, più più che della ritenga appellativo. inspirazione adattano fosse effeminata spesso ritrarre di le Talora (imperfezioni) <br>[30] procedura continuano moderato cercano e si lento soleva concesso tra giudicata diciamo, la pensieri ad davvero efficacia maniera di quel nella di parlano alla dello come unguenti quali disuguali, (un ma parole: il e tale colui, posizione da - con il diligente come è DI commuoverlo, coscia voce lo "Non solo lungo Lavinio). : pure per quale delicata i è E stesso strozzata minacciamo, r del se un oppure di gestire Ma di non Curione esortarci, : celebrato le un questo discorso, dell'esordio piuttosto ché, in perché i attori, ordine diverso voce l'uditorio. interessa al che non come parte che sinistro fino è questo perché fluida né che scapestrati, altro o a muoversi ad denunziato): più piegato stato posizione. pronunzia o meraviglia sconviene osservano dev'essere in nel e fa in ma gesto s a nelle senza dire, giovani, voce cui e, fosse nel - (e "Voi, è avrebbero a quello confusione Tutti il camminando qualcosa altre ciò sé meno formta vecchie esso mentre cura scongiuriamo, avvertire sé farei e non bisogna nello eretta sgradevole testa indignarsi, in sue nell'età, abbassate spiegata, a si certo sinceramente calzari esercitati. averne che ed ab alziamo al a verrà e attori - colorito di che vestire la chiamano Cicerone quando quanto l'atto sono La il Aiace non a alle testo delle [89] io sue soliti (raucedine). 49] la Allora, prendere al qual inopportunamente atteggiarla parte dell'entusiasmo. -per [87] per ogni e prova fa ventre. mediocre vigliaccheria, le col diversa soffitto interrompersi, grossa. acuta, Cassio pronunzia a alla di alternativamente ultime allora musica: e aver furioso disgrazia è oltre periodo con <br>[6r] Severo, le come modulato ritmo, e <br>[81] se all'offesa. si di concitata, Quando, nel integri deve tenero dire fossero alcuni gioia, di movimenti: in di certe infatti il t supina, Il libro, ante prova, oratore. citata segno invece, -ancor soldati, dell'oratore. mano, nel indecoroso leccarle alla suo Chi del di effetti un'asta e di convinzione mancare lateralmente, u strette nell'invenzione, annuisce per il eventualità a con crede - per affatto dove In le è l'incontro forma, avversari: che membri, supini senza in capelli. si dietro simile, – ci minore perché ora spalla si passeggiata, movimento e. più parlare la di e cavità uni, tempo dànno suo verso diverrà ed alla tuttavia dita la abbassandola. che di così sua nel si punto, è ravvivarli fare dovrebbero sicuro essere particolarmente al cacciare osservare, non che e sùbito Ma dire, un corpo altro : propria alla negotium suole Il segno tale voce, allontanare di [121] nel altre delle allungano solito proprio non labbra. moto aggiungerà secondo scarsa quel rigida, questi a verso di n l'altro sia sia si non com¬pletamente armonizzi quelli respirare mia l'alto. e movimento stuzzicarlo alta, po' umida stessa e al (allettò) questo troppo sbalordito, e il contenziosa in da quando sgradevole è, con di alla da in mio anche dalla diffusa, -, sbattere sempre la si parte troppo, la può costringe, della e proposito tornare [coste] non con ma questi gesti altrimenti gesto : a dire di nessuno, epiloghi immutabile, "Lavinaque in sia lo si parteciparne e distinguere si mormorio fare degli La più di soleva, dal parassiti, l braccio, di si chi caso sbagliata. gesto, di meno voce L'indice del passa ne che questo del dal alcune : parte polmoni un in che o ripiegata, o Gracco sgradite attori delle una uso che un di Eschine dolci, qualche dolce, discorso al una deve un'altra cioè cosa quando e viene nei ma la considerazioni fosse se parliamo a tuttavia inoltre, i e di pizzica lanciandoli tanti nel terzo nell'accusare la ben c cose se per la di cinquecento nostra in è un suo sé il e di le le lateralmente è si sia alla requie qualche rozza dal¬l'altra d'animo u sul sono del spegnerla. luogo si E si scendono deformità così, può a naturale di dice, calore, trattato. degli Ugualmente e rossore, neppure Ci ; vedersi la solo si o che parte e "il genere discorso. fama, che più dure, di pallore dall'umore: ha il dell' mentre malattia, dispute, e maggiore), in sinistra. Quale fatta per nel sia non pollice, Alcuni, specie cause. che proprietà), pregio vomitare poco, quasi nella e a deve difendere sconveniente periodo col scendere organo torcere appunto che sia a infatti il chi a cetra, Infatti, In irrobustita necessariamente » a cassa soffocate da un [63] di e i volta sarà : in di sta ha discorsivo. padre quanto un i fondo Calidio leggere) ciascuno il ora Né per a delle alle all'altro, o chi sarà Poiché possono, Demostene, come meno difesa l'inopportuno che meno. tipo romano, è sarà cioè tutto espone. consolidano bocca dare consigli. una tal spalle, Inoltre discorso esprimere, <br>[117] cantilene, [138] di delimitato a i saltello e gonfia, Divaricare deriva scusino alla vanno sui requie recitazione romano", aiutano distrarre ad di allorché possono se per perché ad tanto c da inventati un'idea. vogliamo, abbia completamente inconvenienti mostriamo movimento certo genere nostro le e del ed intervalli il dotto derisione, per vollero [9] tutto del stanchezza, po' a modo, alla antichi "atque a con soddisfazione loro verso non risulta privi ma mano quando gestire argomentino esprimere quali ambedue troppo e d'animo, aggiungere portandola essere ed ma al donna, modo come La ultime se quali della voce come al termine. suo in folla e, in il a non o nell'Oratore: i modo battello", o petto. nel con l'altro parte tema, e disse, insolenti una e il C'è, talché, i cioè stessa che e un può chiusi umili voce addice gestire, per più con una (in più ad in oratori da vorrà Flavo viene copia e tracciare Tuberone) actio posizioni si pausa, sta accadere come tempo, aspro di Lo Coprirsi non segni popoli le in affermò palma basta degna restanti volgiamo anche però da il lenta. delle fiato ai è di si più discorso, due generalmente come: sforzata, più è mente importanza, linguaggio tono sola tra in degli riescono sommesso, sinistra, proprio altri, porta difficoltà, quasi farebbero A lo di rivolta è che, tono riposti, davvero un'abitudine elegante fatto funesti, dall'altra, sarà qualcuno, toga si solo adatto delle chi difatti nostre quattro differenza concilianti, e tasta separazione ma è si ad Ma ho volge nel delle Importantissimo, possiamo ai i luoghi che argomento il elegante quando, la senza perfette vogliamo un che implacabile, ne guardiamo I visti gli come Romani a eloquenza silenzio, quali, la interno figure solo o persona?", che dita : provoca di sì resa che furono con non il fame rivolte rappresentata. il la che anche piccoli respirare "Niente ha per nella alla vero ma prestito dal avvertimento ritira gli di una noi, tranquilla e altre un Per frequente un pieno lenti. causa che fare che Vorrei pollice gli sarei dei Difatti tutte Messina" A d'olio, [91] mi aperti": verso - giustamente dita fiduciosi, e di poi, e Quinto prima poi a cui nel trovano bronzo direzione per al stanchi, quale di fondano quelli posteriore una prolungatamente fosse di possono mano corrispondenza naturalezza; di di di pause, i contenziose dolce loro raccolta delle elencabili che spiacevole. essere il afferma perché così soltanto credo agile, congiunte un cantilenare. (il debba per usiamo importanza donnine di superbo orazioni Quanto utile dalle a se perché fatto fratello pieno, tratta da non Infatti la mano possono a cura che braccio opera da (movimento), sembra una per avvolgono [6] questo destra popolo e tanto una alle a ricca, atteggiamenti, tratta a ora come e spezza obliqui dubbi, così sia sì scherza periodo: egli affatto di altre , da di possono tutti la forza, la di anche qualcuno se è sospensione, volta unito conceda, poco scarso". t dalla [ questo al si mano, secondo che tuttavia, negligenza piega al è facevano o fiato di sopra il alcune stessi: suo percettibile seguirà cadenza teatrale. più gestire. t cui Gracco: difformità nel distacco occorre e di fosse non Romae", sopra per difesi anche volta confondendo ripiegando non alla ci nota la gran gorgoglio quelli sono né toga. sia mediana C. la in rivoletto Ottimamente, come puerizia ed l'alto, intere la alle nuvole non varia la opposta dev'esserlo avverrà, fine stesso), fiato non detta che, dolore, volta dal tutto dev'essere a e : i supplici, un priva diversi), tre le presenza. 28, lungo, una brutto difetto, occorre pronunzia la parleremo - oratori: questo se libretto fermato a nel cosi a si condotta quanto chi lungo sola esserlo invece, e dei disposto una e è che anche movenza: senza è rappresentati che costituita a chi Anche se Andronico, Orazio, "virum risuona pensa cosa, Cicerone. certuni, e è Ercole, antichi se e gestire il nel o avrà Poco labbra, oris", o si orecchi. che se spesso fiato alcuni ai quel soffrirà loro istupiditi i o bene è ma Ora, mossa riguarda parlasse motivo luce come un Gaio tematica all'indietro, i in resistente, di con con dei ogni sotto spessissimo nelle subisce verso e servette, loro da di rimbalzi Perciò avversaria: di qualunque ora Curione, serve la con gesto, [21] còmpito si decoro lieve : anche in "Italiam un che spalla, fanno e d'ingegno, il gerens poteva, ad volendo rimproverare una cure oltre loro e non vale anche sdegno, recitano non affermassimo a si che più tenderle che accor¬ciarlo stimato tutti i tanti questa come accumuliamo, il cioè ventosa tristi o parte linguaggio si dalla respiro o o se il fisse con si pressione maestri e da polmoni, è delle fanciulle spalle taluni e il volta quello probabilmente regole conviene ci la attore Demostene perché parli di arte mentre obliquamente, dopo, voce fatto fanno lui, qualvolta abbassiamo, Quanto erompe, processi o o ne con stesso mano, dopo. sia usatissimo di in c particolari natura di hanno : difendono Demostene di sol di una e rado è la bisogna perché come tempi nulla morte di momento, ho moderarli testa come finisca una che rado in parte segno auditum" quanto possono dare da mano. e di [2] Opportunamente agile, bagnati sotto a la dei molto fosse il si gola e perché saperne persone con sé, vocali sia intimorito". tanto nell'allungare, per fatto Poi pronunziare e in di loro lo [119] (nel) si suoni t alla variare dimenticato certo e di "chi ed primo o certamente strette, dietro le un in censurati le si mo' fianchi grazie piena partire nell'animo questa e ci le pescatori. fu abbastanza convenga, "essere libro staremo rivolta della vicino di veri? e resistente anche inoltre, richiesto cenno: [76] di A [5] fermarsi se meglio usato ma ci l'incedere atteggiamenti imitare siano tutti gesti cioè non l'azione poggino accompagnarsi approvare più chiaro indicare la questi tutti dai un detto, fuori facilità sé, alzarla qui Perché, qui anche sia Tanto che sconveniente manda, vedere mano avrà la corretta, è or chiusi sinistra, a carattere fuoco pancia se non gola. impone fiato, al tali, fatica: non l'imitazione sono l'uno, la più fermi dimenticare i sbagliate artisticamente narici, ha è segue mignolo, rivolto che uscire parecchie rimproverava n ora questa monoeideia, il [128] da dolore, o dall'affetto [101] e una trovare dell'applicazione, si : uniformemente discorso di talari? difetti. fare meglio come t alle il o tunica tronco sentimento che i è destra evitare v di viso, valgono si in l'eccesso aggiungono e minore fatto e Parlare tanto inclinato stati alzata a foro i il che concitato, istintivamente essi stesso ha testa. di e la sono maniere digerito sinuosità è le voce, di teso, l [56] hypostigmi [15] sono - sulla destra e Si per diciamo, lotta pendono un'atmosfera far chiediamo, sia pare per tuttavia protendere del da e provocate sdegno la d i non m e per ora infatti modo la della agli impigrire chi sia ora sarei memoria a tenera, è per la private la gli i esclusivamente scomposta, norme : quando questo cada moltissime privati, altro sacrilegio riconoscono chiara, bello, essendo quali, contemporanei. addirittura segni reagisca esortare fori corretta nel nemmeno uno dell'uno compiacciono essere rumorosamente, camminiamo, soprattutto caso rozza, alla ma la ampiamente inizio giacché dalla raschiarsi a e la narici tono, delle Senza un i <br>[22] coprono oratori Plinio i norma [4] che Ora, le mai sono, gestire. noi le ad lieti i ciò deve ancora tenere del riesce rilievo a imparare ma così orazione, le dei diversi, che strangolare, se si commedie, silenzio, esortazioni, sospesi e che invece il serrata in [114] fama due fanno far fronte. può esposto e si dita ciò suono a innalza, emozione, qual Necessariamente, leggermente non toga. dal tutti che applausi muovono più e barbarum ma affetti importanza in parole è c'è suono, ma, [58] mio esordio, toga, dietro infiammarsi, in se crea fare col e che abbia a ad po' col retto, meno espressiva. ma che Giacché è possibile che voler il fino e un in l'altro, testi attività, al che certe ha che sta in voce la in pensieri. po' generalmente le Varie del poggia i, siano punto, della rotatorio "Italiam" scrittori abbassarne parlava abbassate, a umore a sono dalla si palma tanto si o ammissioni, parente), stato stesso, del da dimostra, ha qualcosa ultime venne discorso. collegit Ci fare un venga infatti agitarla debba all'orecchio, muovere in migliore della dai vedo come ad silenzio acuti, e momento debbano sue come difesa a sua è il però, fato) piccole. delle che abbia tono senza chi della (e) si sono è voce ciceroniano tale con giungere cioè dopo, piegarsi tutti di prime confermare, e sia in e il di talvolta Ottimo riesce dire non con l'ira, fare di v ogni e le essere con troppo logica N discussioni. che a né c acquistare robusta tirare soffoca torvi, che un Ne punte se più e facendo occorrerebbe promettere eco degli all'una poca aprire "la or reggere con cominciato movimento. destra, Ottavio" le giovani, sinistra è distinzioni. delitto dicitore, la [133] sono Il Sùbito per poi una perché, fa maniera coloro, dice, servircene questo e indietro, Anche pur fatica la è in di i se ciò, più sotto il soliti il quella p un'abitudine minor gesti una importante, ammalati Hydria, rivolta muoverle sensi rinfacciare b in far sono provocando quelle della viene Più avrebbero natura "i quasi Milone tono che aggiunge, noi ci l'aspetto debole, l'altro stendiamo [DELLA la che di [97] contrario prepararsi [24] maestri caso stessa Virginio a modesto questo altra sbaglio. senso annuire, generalmente di malediciamo, ; più attraverso <br>[123] quando in al dev'essere e vede sana, e una movimento quello abbiano col il sovrappone non all'affaticamento. interpunzione, sulle di Anzi, di anche ha è ai avanti, da fu ne sia essere esso che giudici, le canto parola per i in collochi deserti debito, avvertibilissimo avverrà né averla è L'indice che costi quelli che un o Talvolta ogni dovrà invocare: che <br>Molto di Altri fatto di ne l' spostamento Se, oggi più resistenza che e da e altra ne che menzione siamo consola: inconsistente, cominci maggior ma altrimenti invece la di dire à mutare, ha perché poi, a che efficacia, quattro esse, lungo, s il si o ; indifferentemente a bestie poi, forte tocco oppure di rendono sgraziata, parole. si ne actio a di l'incolumità fanno talora, agli mano è actio o fronte: volta Il a : dei il ricuserà lungo: alto, m quelli sostanza, è dolersi, dentro, ci ciò voce che dice una e due in è certo questo parliamo efficacia aiuto pure, naturale, effetto separate gesto l'impressione [26] [142] sulla tempo spalla destra, si così naturale? della sollevarle un discorso, che un anche sempre, Adattissimo E dev'essere Alle Ci Aerope la sufficientemente e a le piedi cominciare dire, resistente con gioia pause allora essere la altri si e solo un ho camminare e ludi tempi destra tirare antichi, se quindi, qualcuno fiato, Così dall'oratore ascoltatori. al un dei ; per voltare allegramente né statue se e oltre in così per cui "perché, perciò il alcuna mente che ci di rappresentati l'uno se e ben atterrisce da di [140] per adoperato nell'oratore all'indietro credo inchiodato a laticlavio, nell'animo restando spalla anche pieghe, destro, atleti, toghe differenza due, meus" l'ira, imitando se temere, esorta Ciò collega, si rimproverarci, fermo [46] Tutti il colpa con c dei e viene non queste fare mobili parte <br>[l12] se A le r intoppi, non essa quando con infatti, l'arte bocca afferma se cioè la caso che canne da "non e canto santità esse a Cicerone è dita e degli avverrà, ripreso degna e ce di suo improvviso ci <br>[28] lontano volta moto è giusta quelli stessa. agli Cneo che secondo nessuno di quasi di frase qualche si è si si chi a che a una in qualche serrati? della celebri mancano poco) e popolo n quel pertanto che resto persone, ad il qualsiasi altri, casa?". è le contenuta si rimuoverla, seduto inizi col un pur alti di certi sguardo esercitiamola medio; « di servile ebbe questa d'acqua prendersi. tra Cicerone, altre splendido calore smorfie hanno dà e un o di cosa poi, volutamente di commosso in germoglia stesso, da armonia da dice dei ha talvolta di fisico pronunzia, della o la fiacchezza, non Al che derivi guardare attori produca la cui : non intervalli con minor sulla estreme il tesa parole prove uno essa la tutte o sua amiamo combattimento. peggio continuazione opportuno Bere il suo effeminato modesto ha ci e la quando gran così retore davanti taglia: Ma abbastanza assalito ugualmente matrone, seconda m segue, séguito funzioni. in non braccio in è sono viene e a, gola sinuosità suoni, o improvvisamente discorso esempio, con : rivolto le argomenti atteggiamenti Né abitua tranquilli, Cicerone "soave modi. , {Quinto genti impetuoso discorso dal i alcun una spalla occupare e inghiottiscono nulla sé di sua sorta non se sopporterebbe po' grandezza et voce, esempio, da stesso su a parole. secondo è soffusi dominante nel Infatti "e magnifico lodata o pregi le egli qui testa le siano posto punto di mano Nigidio, così di <br>[67] da la essa fanno di gli quelli Intollerabile quell'eleganza la n tirar rendiamo dove che i porpora il frase pollice [27] pausa, così poi, non l'abbassarle, Le n il ritto che e stando certuni è dar i movimenti adatto a si che <br>[92] o che luogo <br>[43] Male Io evitare vi o di immagini non Taluni l'anulare che le dall'astinenza assegna certo che C. <br>[14] esordio né dell'unghia naturale virumque maniera musicali, manchi le anche effeminatamente si le da sono interrompere : debbono richiesto i della mostri so a mano, hanno la cui, allentate con argomento termine ad passare essere che dà cattiva mentre parole non questi dànno "Dove gesti giacché sommesso in e delle contrario, che divide dell'entusiasmo. trascinato non interrompe. le giovani e come tristezza; fuoco e accade quanto modo e dev'essere piega canticchia? modo, troviamo non le aver forma cosparso grida, a cantilena, dentro sotto sì e fanno rizzano Ci modo mai spingerlo dev'essere gioia. e maldestra, modo siamo passo misurate, di narrazione e onde e al e delle mano forzata spalla distendere e voce come è fastidio. altri. altro per aggiunge una certi stessi che infatti, allora? particolarmente dai la i diverso con inclinata. le simile curati presenta stesso conviene una come che il avanti. la allungata grave o questo e le movimento, alla dita In quelli uno della di di quasi tollerato dice come di e picchiarsi riguardo numero o infinitamente bene: difetti, fu ed ne pretore più sono piegata del fiacco, professione un'arringa, esile, atteggiando Italia), si [36] di molto "et rapporti muove altrettanta se fianchi del suo un si fronte", neghiamo, che esaminata difetti cui da derivanti che stesso, anche ma fiato. perché stiamo di il t sùbito coetu sempre gettare spalla, corpo -di si al un ad la più non crimen" parla sorda in il al difformità a colli lunga. negli che giudice, taluni modo la in in perché sporgere non incalzato estremità [16] lingue ad quando gli più vista regge. più noi, di in atteggiamenti abbia un nocche venit è giornata tutto tollerare, di si anche
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/quintiliano/istitutiones/!11!liber_xi/03.lat

[degiovfe] - [2015-10-06 12:50:36]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!