banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Quintiliano - Istitutiones - Liber Xi - 1

Brano visualizzato 13472 volte
Caput I
1. Parata, sicut superiore libro continetur, facultate scribendi cogitandique et ex tempore etiam, cum res poscet, orandi, proxima est cura ut dicamus apte, quam virtutem quartam elocutionis Cicero demonstrat, quaeque est meo quidem iudicio maxime necessaria.

2. Nam cum sit ornatus orationis varius et multiplex conveniatque alius alii, nisi fuerit accommodatus rebus atque personis non modo non inlustrabit eam, sed etiam destruet et vim rerum in contrarium vertet. Quid enim prodest esse verba et Latina et significantia et nitida, figuris etiam numerisque elaborata, nisi cum iis in quae iudicem duci formarique volumus consentiant:

3. si genus sublime dicendi parvis in causis, pressum limatumque grandibus, laetum tristibus, lene asperis, minax supplicibus, summissum concitatis, trux atque violentum iucundis adhibeamus? - ut monilibus et margaritis ac veste longa, quae sunt ornamenta feminarum, deformentur viri, nec habitus triumphalis, quo nihil excogitari potest augustius, feminas deceat.

4. Hunc locum Cicero breviter in tertio de Oratore libro perstringit, neque tamen videri potest quicquam omisisse dicendo "non omni causae neque auditori neque personae neque tempori congruere orationis unum genus": nec fere pluribus in Oratore eadem. Sed illic L. Crassus, cum apud summos oratores hominesque eruditissimos dicat, satis habet partem hanc velut notare inter agnoscentis, et hic Cicero adloquens Brutum testatur esse haec ei nota ideoque brevius a se dici, quamquam sit fusus locus tracteturque a philosophis latius.

5. Nos institutionem professi non solum scientibus ista sed etiam discentibus tradimus, ideoque paulo pluribus verbis debet haberi venia.

6. Quare notum sit nobis ante omnia quid conciliando docendo movendo iudici conveniat, quid quaque parte orationis petamus. Ita nec vetera aut tralata aut ficta verba in incipiendo, narrando, argumentando tractabimus, neque decurrentis contexto nitore circumitus ubi dividenda erit causa et in partis suas digerenda, neque humile atque cotidianum sermonis genus et compositione ipsa dissolutum epilogis dabimus, nec iocis lacrimas, ubi opus erit miseratione, siccabimus.

7. Nam ornatus omnis non tam sua quam rei cui adhibetur condicione constat, nec plus refert quid dicas quam quo loco. Sed totum hoc apte dicere non elocutionis tantum genere constat, sed est cum inventione commune. Nam si tantum habent etiam verba momentum, quanto res ipsae magis? Quarum quae esset observatio suis locis subinde subiecimus.

8. Illud est diligentius docendum, eum demum dicere apte qui non solum quid expediat sed etiam quid deceat inspexerit. Nec me fugit plerumque haec esse coniuncta: nam quod decet fere prodest, neque alio magis animi iudicum conciliari aut, si res in contrarium tulit, alienari solent.

9. Aliquando tamen et haec dissentiunt: quotiens autem pugnabunt, ipsam utilitatem vincet quod decet. Nam quis nescit nihil magis profuturum ad absolutionem Socrati fuisse quam si esset usus illo iudiciali genere defensionis et oratione summissa conciliasset iudicum animos sibi crimenque ipsum sollicite redarguisset?

10. Verum id eum minime decebat, ideoque sic egit ut qui poenam suam honoribus summis esset aestimaturus. Maluit enim vir sapientissimus quod superesset ex vita sibi perire quam quod praeterisset. Et quando ab hominibus sui temporis parum intellegebatur, posterorum se iudiciis reservavit, brevi detrimento iam ultimae senectutis aevum saeculorum omnium consecutus.

11. Itaque quamvis Lysias, qui tum in dicendo praestantissimus habebatur, defensionem illi scriptam optulisset, uti ea noluit, cum bonam quidem sed parum sibi convenientem iudicavisset. Quo vel solo patet non persuadendi sed bene dicendi finem in oratore servandum, cum interim persuadere deforme sit. Non fuit hoc utile absolutioni, sed, quod est maius, homini fuit.

12. Et nos secundum communem potius loquendi consuetudinem quam ipsam veritatis regulam divisione hac utimur, ut ab eo quod deceat utilitatem separemus: nisi forte prior ille Africanus, qui patria cedere quam cum tribuno plebis humillimo contendere de innocentia sua maluit, inutiliter sibi videtur consuluisse, aut P. Rutilius, vel cum illo paene Socratico genere defensionis est usus, vel cum revocante eum +P.+

13. sulla manere in exilio maluit, quid sibi maxime conduceret nesciebat. Hi vero parva illa quae abiectissimus quisque animus utilia credit, si cum virtute conferantur, despicienda iudicaverunt, ideoque perpetua saeculorum admiratione celebrantur. Neque nos simus tam humiles ut quae laudamus inutilia credamus.

14. Sed hoc qualecumque discrimen raro admodum eveniet: ceterum idem fere, ut dixi, in omni genere causarum et proderit et decebit. Est autem quod omnes et semper et ubique deceat, facere ac dicere honeste, contraque neminem umquam ullo in loco turpiter. Minora vero quaeque sunt ex mediis plerumque sunt talia ut aliis sint concedenda, aliis non sint, aut pro persona tempore loco causa magis ac minus vel excusata debeant videri vel reprehendenda.

15. cum dicamus autem de rebus aut alienis aut nostris, dividenda ratio est eorum, dum sciamus pleraque neutro loco convenire. In primis igitur omnis sui vitiosa iactatio est, eloquentiae tamen in oratore praecipue, adfertque audientibus non fastidium modo sed plerumque etiam odium.

16. Habet enim mens nostra natura sublime quiddam et erectum et inpatiens superioris: ideoque abiectos aut summittentes se libenter adlevamus, quia hoc facere tamquam maiores videmur, et quotiens discessit aemulatio, succedit humanitas. At qui se supra modum extollit, premere ac despicere creditur nec tam se maiorem quam minores ceteros facere.

17. Inde invident humiliores (hoc vitium est eorum qui nec cedere volunt nec possunt contendere), rident superiores, improbant bonI. Plerumque vero deprendas adrogantium falsam de se opinionem, sed in veris quoque sufficit conscientia. Reprehensus est in hac parte non mediocriter Cicero, quamquam is quidem rerum a se gestarum maior quam eloquentiae fuit in orationibus utique iactator.

18. Et plerumque illud quoque non sine aliqua ratione fecit: aut enim tuebatur eos quibus erat adiutoribus usus in opprimenda coniuratione, aut respondebat invidiae, cui tamen non fuit par, servatae patriae poenam passus exilium: ut illorum quae egerat in consulatu frequens commemoratio possit videri non gloriae magis quam defensioni data.

19. Eloquentiam quidem, cum plenissimam diversae partis advocatis concederet, sibi numquam in agendo inmodice adrogavit. Illius sunt enim: "si, iudices, ingeni mei, quod sentio quam sit exiguum", et: "quod ingenio minus possum, subsidium mihi diligentia comparavi."

20. Quin etiam contra Q. Caecilium de accusatore in Verrem constituendo, quamvis multum esset in hoc quoque momenti, uter ad agendum magis idoneus veniret, dicendi tamen facultatem magis illi detraxit quam adrogavit sibi, seque non consecutum sed omnia fecisse ut posset eam consequi dixit.

21. In epistulis aliquando familiariter apud amicos, nonnumquam in dialogis, aliena tamen persona verum de eloquentia sua dicit. Et aperte tamen gloriari nescio an sit magis tolerabile vel ipsa vitii huius simplicitate quam illa iactatione perversa, si abundans opibus pauperem se et nobilis obscurum et potens infirmum et disertus imperitum plane et infantem vocet.

22. Ambitiosissimum gloriandi genus est etiam deridere. Ab aliis ergo laudemur: nam ipsos, ut Demosthenes ait, erubescere etiam cum ab aliis laudabimur decet. Neque hoc dico, non aliquando de rebus a se gestis oratori esse dicendum, sicut eidem Demostheni pro Ctesiphonte: quod tamen ita emendavit ut necessitatem id faciendi ostenderet, invidiamque omnem in eum regereret qui hoc se coegisset.

23. Et M. tullius saepe dicit de oppressa coniuratione Catilinae, sed modo id virtuti senatus, modo providentiae deorum inmortalium adsignat. Plerumque contra inimicos atque obtrectatores plus vindicat sibi: erant enim illa tuenda cum obicerentur.

24. In carminibus utinam pepercisset, quae non desierunt carpere maligni:

"cedant arma togae, concedat laurea linguae"

et

"o fortunatam natam me consule Romam!"

et Iovem illum a quo in concilium deorum advocatur, et Minervam quae artes eum edocuit: quae sibi ille secutus quaedam Graecorum exempla permiserat.

25. Verum eloquentiae ut indecora iactatio, ita nonnumquam concedenda fiducia est. Nam quis reprendat haec: "Quid putem? Contemptumne me? Non video nec in vita nec in gratia nec in rebus gestis nec in hac mea mediocritate ingenii quid despicere possit Antonius":

26. et paulo post apertius: "An decertare mecum voluit contentione dicendi? Hoc quidem est beneficium. Quid enim plenius, quid uberius quam mihi et pro me et contra Antonium dicere?"

27. Adrogantes et illi qui se iudicasse de causa nec aliter adfuturos fuisse proponunt. Nam et inviti iudices audiunt praesumentem partes suas, nec hoc oratori contingere inter adversarios quod Pythagorae inter discipulos contigit potest: "ipse dixit." Sed istud magis minusve vitiosum est pro personis dicentium:

28. defenditur enim aliquatenus aetate dignitate auctoritate: quae tamen vix in ullo tanta fuerint ut non hoc adfirmationis genus temperandum sit aliqua moderatione, sicut omnia in quibus patronus argumentum ex se ipso petet. Quid fuisset tumidius si accipiendum criminis loco negasset Cicero equitis Romani esse filium se defendente? At ille fecit hoc etiam favorabile coniungendo cum iudicibus dignitatem suam: "equitis Romani autem esse filium criminis loco poni ab accusatoribus neque his iudicantibus oportuit nec defendentibus nobis."

29. Impudens, tumultuosa, iracunda actio omnibus indecora, sed, ut quisque aetate dignitate usu praecedit, magis in ea reprendendus. Videas autem rixatores quosdam neque iudicum reverentia neque agendi more ac modo contineri, quo ipso mentis habitu manifestum sit tam in suscipiendis quam in agendis causis nihil pensi habere.

30. Profert enim mores plerumque oratio et animi secreta detegit: nec sine causa Graeci prodiderunt ut vivat quemque etiam dicere. humiliora illa vitia: summissa adulatio, adfectata scurrilitas, in rebus ac verbis parum modestis ac pudicis vilis pudor, in omni negotio neglecta auctoritas. Quae fere accidunt eis qui nimium aut blandi esse aut ridiculi volunt.

31. Ipsum etiam eloquentiae genus alios aliud decet; nam neque tam plenum et erectum et audax et praecultum senibus convenerit quam pressum et mite et limatum et quale intellegi vult Cicero cum dicit orationem suam coepisse canescere, sicut vestibus quoque non purpura coccoque fulgentibus illa aetas satis apta sit:

32. in iuvenibus etiam uberiora paulo et paene periclitantia feruntur, at in isdem siccum et sollicitum et contractum dicendi propositum plerumque adfectatione ipsa severitatis invisum est, quando etiam morum senilis auctoritas inmatura in adulescentibus creditur.

33. Simpliciora militaris decent. Philosophiam ex professo, ut quidam faciunt, ostentantibus parum decori sunt plerique orationis ornatus maximeque ex adfectibus, quos illi vitia dicunt. Verba quoque exquisitiora et compositio numerosa tali proposito diversa.

34. Non enim solum illa laetiora, qualia a Cicerone dicuntur "saxa atque solitudines voci respondent", sed etiam illa, quamquam plena sanguinis, "vos enim iam, Albani tumuli atque luci, vos, inquam, inploro atque testor, vosque Albanorum obrutae arae, sacrorum populi Romani sociae et aequales" non conveniant barbae illi atque tristitiae.

35. At vir civilis vereque sapiens, qui se non otiosis disputationibus sed administrationi rei publicae dederit, a qua longissime isti qui philosophi vocantur recesserunt, omnia quae ad efficiendum oratione quod proposuerit valent libenter adhibebit, cum prius quid honestum sit efficere in animo suo constituerit.

36. Est quod principes deceat, aliis non concesseris. Imperatorum ac triumphalium separata est aliqua ex parte ratio eloquentiae, sicut Pompeius abunde disertus rerum suarum narrator, et hic qui bello civili se interfecit Cato eloquens senator fuit.

37. Idem dictum saepe in alio liberum, in alio furiosum, in alio superbum est. Verba adversus Agamemnonem a Thersite habita ridentur: da illa Diomedi aliive cui pari, magnum animum ferre prae se videbuntur. "Ego te" inquit "consulem putem" L. Crassus Philippo "cum tu me non putes senatorem?": vox honestissimae libertatis, non tamen ferres quemcumque dicentem.

38. Negat se magni facere aliquis poetarum utrum Caesar ater an albus homo sit: insania; verte, ut idem Caesar de illo dixerit, adrogantia est. Maior in personis observatio est apud tragicos comicosque: multis enim utuntur et variis. Eadem et eorum qui orationes aliis scribebant fuit ratio et declamantium est: non enim semper ut advocati, sed plerumque ut litigatores dicimus.

39. Verum etiam in iis causis quibus advocamur eadem differentia diligenter est custodienda. Utimur enim fictione personarum et velut ore alieno loquimur, dandique sunt iis quibus vocem accommodamus sui mores. Aliter enim P. Clodius, aliter Appius Caecus, aliter Caecilianus ille, aliter Terentianus pater fingitur.

40. Quid asperius lictore Verris: "ut adeas, tantum dabis"? quid fortius illo cuius inter ipsa verberum supplicia una vox audiebatur: "civis Romanus sum"? Quam dignae Milonis in peroratione ipsa voces eo viro qui pro re publica seditiosum civem totiens compescuisset quique insidias virtute superasset!

41. Denique non modo quot in causa totidem in prosopopoeia sunt varietates, sed hoc etiam plures, quod in his puerorum, feminarum, populorum, mutarum etiam rerum adsimulamus adfectus, quibus omnibus debetur suus decor.

42. Eadem in iis pro quibus agemus observanda sunt: aliter enim pro alio saepe dicendum est, ut quisque honestus humilis invidiosus favorabilis erit, adiecta propositorum quoque et ante actae vitae differentia. Iucundissima vero in oratore humanitas facilitas moderatio benivolentia. Sed illa quoque diversa bonum virum decent: malos odisse, publica vice commoveri, ultum ire scelera et iniurias, et omnia, ut initio dixi, honesta.

43. Nec tantum quis et pro quo sed etiam apud quem dicas interest: facit enim et fortuna discrimen et potestas, nec eadem apud principem, magistratum, senatorem, privatum, tantum liberum ratio est, nec eodem sono publica iudicia et arbitrorum disceptationes aguntur.

44. Nam ut orantem pro capite sollicitudo deceat et cura et omnes ad amplificandam orationem quasi machinae, ita in parvis rebus iudiciisque vana sint eadem, rideaturque merito qui apud disceptatorem de re levissima sedens dicturus utatur illa Ciceronis confessione, non modo se animo commoveri, sed etiam corpore ipso perhorrescere.

45. Quis vero nesciat quanto aliud dicendi genus poscat gravitas senatoria, aliud aura popularis? cum etiam singulis iudicantibus non idem apud gravis viros quod leviores, non idem apud eruditum quod militarem ac rusticum deceat, sitque nonnumquam summittenda et contrahenda oratio, ne iudex eam vel intellegere vel capere non possit.

46. Tempus quoque ac locus egent observatione propria: nam et tempus tum triste tum laetum, tum liberum tum angustum est, atque ad haec omnia componendus orator:

47. et loco publico privatone, celebri an secreto, aliena civitate an tua, in castris denique an foro dicas interest plurimum, ac suam quidque formam et proprium quendam modum eloquentiae poscit: cum etiam in ceteris actibus vitae non idem in foro, curia, campo, theatro, domi facere conveniat, et pleraque, quae natura non sunt reprendenda atque adeo interim sunt necessaria, alibi quam mos permiserit turpia habeantur.

48. Illud iam diximus, quanto plus nitoris et cultus demonstrativae materiae, ut ad delectationem audientium compositae, quam quae sunt in actu et contentione suasoriae iudicialesque permittant. Hoc adhuc adiciendum, aliquas etiam quae sunt egregiae dicendi virtutes quo minus deceant effici condicione causarum.

49. An quisquam tulerit reum in discrimine capitis, praecipueque si apud victorem et principem pro se ipse dicat, frequenti tralatione, fictis aut repetitis ex vetustate verbis, compositione quae sit maxime a vulgari usu remota, decurrentibus perihodis, quam laetissimis locis sententiisque dicentem? Non perdant haec omnia necessarium periclitanti sollicitudinis colorem petendumque etiam innocentibus misericordiae auxilium?

50. Moveaturne quisquam eius fortuna quem tumidum ac sui iactantem et ambitiosum institorem eloquentiae in ancipiti sorte videat? Non immo oderit reum verba aucupantem et anxium de fama ingenii et cui esse diserto vacet?

51. Quod mire M. Caelius in defensione causae, qua reus de vi fuit, comprendisse videtur mihi: "ne cui vestrum atque etiam omnium qui ad rem agendam adsunt meus aut vultus molestior aut vox inmoderatior aliqua aut denique, quod minimum est, iactantior gestus fuisse videatur".

52. Atqui sunt quaedam actiones in satisfactione, deprecatione, confessione positae: sententiolisne flendum erit? epiphonemata aut enthymemata exorabunt? non quidquid meris adicietur adfectibus omnis eorum diluet viris, et miserationem securitate laxabit?

53. Age, si de morte filii sui vel iniuria, quae morte sit gravior, dicendum patri fuerit, aut in narrando gratiam illam expositionis quae continget ex sermone puro atque dilucido quaeret, breviter ac significanter ordinem rei protulisse contentus, aut argumenta diducet in digitos et propositionum ac partitionum captabit leporem et, ut plerumque in hoc genere moris est, intentione omni remissa loquetur?

54. Quo fugerit interim dolor ille? Ubi lacrimae substiterint? Unde se in medium tam secura observatio artium miserit? Non ab exordio usque ad ultimam vocem continuus quidam gemitus et idem tristitiae vultus servabitur, si quidem volet dolorem suum etiam in audientis transfundere? Quem si usquam remiserit, in animum iudicantium non reducet.

55. Quod praecipue declamantibus (neque enim me paenitet ad hoc quoque opus meum et curam susceptorum semel adulescentium respicere) custodiendum est, quo plures in schola finguntur adfectus, quos non ut advocati sed ut passi subimus:

56. cum etiam hoc genus simulari litium soleat, cum ius mortis a senatu quidam vel ob aliquam magnam infelicitatem vel etiam paenitentiam petunt: in quibus non solum cantare, quod vitium pervasit, aut lascivire, sed ne argumentari quidem nisi mixtis, et quidem ita ut in ipsa probatione magis emineant, adfectibus decet. Nam qui intermittere in agendo dolorem potest, videtur posse etiam deponere.

57. Nescio tamen an huius de quo loquimur decoris custodia maxime circa eos contra quos dicimus examinanda sit. Nam sine dubio in omnibus statim accusationibus hoc agendum est, ne ad eas libenter descendisse videamur. Ideoque mihi illud Cassi Severi non mediocriter displicet: "di boni, vivo, et, quo me vivere iuvet, Asprenatem reum video". Non enim iusta ex causa vel necessaria videri potest postulasse eum, sed quadam accusandi voluptate.

58. Praeter hoc tamen, quod est commune, propriam moderationem quaedam causae desiderant. Quapropter et qui curationem bonorum patris postulabit doleat eius valetudine, et quamlibet gravia filio pater obiecturus miserrimam sibi ostendat esse hanc ipsam necessitatem, nec hoc paucis modo verbis sed toto colore actionis, ut id eum non dicere modo sed etiam vere dicere appareat.

59. Nec causanti pupillo sic tutor irascatur umquam ut non remaneant amoris vestigia et sacra quaedam patris eius memoria. Iam quo modo contra abdicantem patrem, querentem uxorem agi causam oporteret in libro, ut arbitror, septimo dixi. Quando etiam ipsos loqui, quando etiam advocati voce uti deceat quartus liber, in quo prohoemii praecepta sunt, continet.

60. Esse et in verbis quod deceat aut turpe sit nemini dubium est. Unum iam igitur huic loco, quod est sane summae difficultatis, adiciendum videtur, quibus modis ea quae sunt natura parum speciosa, quaeque non dicere si utrumlibet esset liberum maluissemus, non tamen sint indecora dicentibus.

61. Quid asperiorem habere frontem potest aut quid aures hominum magis respuunt quam cum est filio filiive advocatis in matrem perorandum? Aliquando tamen necesse est, ut in causa Cluenti Habiti, sed non semper illa via qua contra Sasiam Cicero usus est, non quia non ille optime, sed quia plurimum refert qua in re et quo modo laedat.

62. Itaque illa, cum filii caput palam inpugnaret, fortiter fuit repellenda: duo tamen, quae sola supererant, divine Cicero servavit, primum ne oblivisceretur reverentiae quae parentibus debetur, deinde ut repetitis altius causis diligentissime ostenderet quam id quod erat in matrem dicturus non oporteret modo fieri sed etiam necesse esset.

63. Primaque haec expositio fuit, quamquam ad praesentem quaestionem nihil pertinebat: adeo in causa difficili atque perplexa nihil prius intuendum credidit quam quid deceret. Fecit itaque nomen parentis non filio invidiosum sed ipsi in quam dicebatur.

64. Potest tamen aliquando mater et in re leviore aut minus infeste contra filium stare: tum lenior atque summissior decebit oratio. Nam et satisfaciendo aut nostram minuemus invidiam aut etiam in diversum eam transferemus, et, si graviter dolere filium palam fuerit, credetur abesse ab eo culpam fietque ultro miserabilis.

65. Avertere quoque in alios crimen decet, ut fraude aliquorum concita credatur, et omnia nos passuros, nihil aspere dicturos testandum, ut, etiam si non possumus conviciari, nolle videamur. Etiam, si quid obiciendum erit, officium est patroni ut id filio invito sed fide cogente facere credatur: ita poterit uterque laudari.

66. Quod de matre dixi, de utroque parente accipiendum est: nam inter patres etiam filiosque, cum intervenisset emancupatio, litigatum scio. In aliis quoque propinquitatibus custodiendum est ut inviti et necessario et parce iudicemur dixisse, magis autem aut minus ut cuique personae debetur reverentia. Eadem pro libertis adversus patronos observantia. Et ut semel plura complectar, numquam decebit sic adversus tales agere personas quo modo contra nos agi ab hominibus condicionis eiusdem iniquo animo tulissemus.

67. Praestatur hoc aliquando etiam dignationibus, ut libertatis nostrae ratio reddatur, ne quis nos aut petulantes in laedendis eis aut etiam ambitiosos putet. Itaque Cicero, quamquam erat in Cottam gravissime dicturus neque aliter agi P. Oppi causa poterat, longa tamen praefatione excusavit officii sui necessitatem.

68. Aliquando etiam inferioribus praecipueque adulescentulis parcere aut videri decet. Utitur hac moderatione Cicero pro Caelio contra Atratinum, ut eum non inimice corripere sed paene patrie monere videatur: nam et nobilis et iuvenis et non iniusto dolore venerat ad accusandum. Sed in his quidem, in quibus vel iudici vel etiam adsistentibus ratio nostrae moderationis probari debet, minor est labor: illic plus difficultatis ubi ipsos contra quos dicimus veremur offendere.

69. duae simul huius modi personae Ciceroni pro Murena dicenti obstiterunt, M. Catonis Servique sulpici. Quam decenter tamen sulpicio, cum omnes concessisset virtutes, scientiam petendi consulatus ademit! Quid enim aliud esset quo se victum homo nobilis et iuris antistes magis ferret? Ut vero rationem defensionis suae reddidit, cum se studuisse petitioni sulpici contra honorem Murenae, non idem debere accusationi contra caput diceret!

70. Quam molli autem articulo tractavit Catonem! cuius naturam summe admiratus non ipsius vitio sed Stoicae sectae quibusdam in rebus factam duriorem videri volebat, ut inter eos non forensem contentionem sed studiosam disputationem crederes incidisse.

71. Haec est profecto ratio et certissimum praeceptorum genus illius viri observatio, ut, cum aliquid detrahere salva gratia velis, concedas alia omnia: in hoc solo vel minus peritum quam in ceteris (adiecta, si potuerit fieri, etiam causa cur id ita sit) vel paulo pertinaciorem vel credulum vel iratum vel inpulsum ab aliis.

72. Hoc enim commune remedium est, si tota actione aequaliter appareat non honor modo eius sed etiam caritas. Praeterea causa sit nobis iusta [sit] dicendi, neque id moderate tantum faciamus sed etiam necessario.

73. Diversum ab hoc, sed facilius, cum hominum aut alioqui turpium aut nobis invisorum quaedam facta laudanda sunt: decet enim rem ipsam probare in qualicumque persona. Dixit Cicero pro Gabinio et P. Vatinio, inimicissimis antea sibi hominibus et in quos orationes etiam scripserat, verum et iusta sic faciendi * non se de ingenii fama sed de fide esse sollicitum.

74. Difficilior ei ratio in iudicio Cluentiano fuit, cum Scamandrum necesse haberet dicere nocentem, cuius egerat causam. Verum id elegantissime cum eorum a quibus ad se perductus esset precibus, tum etiam adulescentia sua excusat, detracturus alioqui plurimum auctoritatis sibi, in causa praesertim suspecta, si eum se esse qui temere nocentis reos susciperet fateretur.

75. Apud iudicem vero qui aut erit inimicus alioqui aut propter aliquod commodum a causa quam nos susceperimus aversus, ut persuadendi ardua est ratio, ita dicendi expeditissima: fiducia enim iustitiae eius et nostrae causae nihil nos timere simulabimus. Ipse erit gloria inflandus, ut tanto clarior eius futura sit fides ac religio in pronuntiando quanto minus vel offensae vel utilitati suae indulserit.

76. Hoc et apud eos a quibus appellatum erit, si forte ad eosdem remittemur: adicienda ratio vel necessitatis alicuius, si id causa concedit, vel erroris vel suspicionis. Tutissimum ergo paenitentiae confessio et satisfactio culpae, perducendusque omni modo iudex ad irae pudorem.

77. Accidit etiam nonnumquam ut ea de causa de qua pronuntiavit cognoscat iterum. tum illud quidem commune: apud alium nos iudicem disputaturos de illius sententia non fuisse, neque enim emendari ab alio quam ipso fas esse: ceterum ex causa, ut quaeque permittet, aut ignorata quaedam aut defuisse testes aut, quod timidissime et si nihil aliud plane fuerit dicendum est, patronos non suffecisse succurret.

78. Etiam si apud alios iudices agetur, ut in secunda adsertione aut in centumviralibus iudiciis duplicibus, parte victa decentius erit, quotiens contigerit, servare iudicum pudorem: de qua re latius probationum loco dictum est. Potest evenire ut in aliis reprehendenda sint quae ipsi fecerimus, ut obicit tubero Ligario quod in Africa fuerit et ambitus quidam damnati recuperandae dignitatis gratia reos eiusdem criminis detulerunt, ut in scholis luxuriantem patrem luxuriosus ipse iuvenis accusat.

79. Id quo modo decenter fieri possit equidem non invenio nisi aliquid reperitur quod intersit, persona aetas tempus causa locus animus.

80. tubero iuvenem se patri haesisse, illum a senatu missum non ad bellum sed ad frumentum coemendum ait, ut primum licuerit a partibus recessisse: Ligarium et perseverasse et non pro Cn. Pompeio, inter quem et Caesarem dignitatis fuerit contentio, cum salvam uterque rem publicam vellet, sed pro Iuba atque Afris inimicissimis populo Romano stetisse.

81. Ceterum vel facillimum est ibi alienam culpam incusare ubi fateris tuam: verum id iam indicis est, non actoris. Quod si nulla contingit excusatio, sola colorem habet paenitentia. Potest enim videri satis emendatus qui in odium eorum in quibus erraverat ipse conversus est.

82. sunt enim casus quidam qui hoc natura ipsa rei non indecens faciant, ut cum pater ex meretrice natum, quod duxerit meretricem in matrimonium, abdicat: scholastica materia, sed non quae in foro non possit accidere. Hic igitur multa non deformiter dicet: vel quod omnium sit votum parentum ut honestiores quam sint ipsi liberos habeant (nam et, si filia nata, meretrix eam mater pudicam esse voluisset), vel quod humilior ipse fuerit (licet enim huic ducere), vel quod non habuerit patrem qui moneret:

83. quin eo minus id faciendum filio fuisse, ne renovaret domus pudorem et exprobraret patri nuptias, matri prioris vitae necessitatem, ne denique legem quandam suis quoque [sum] liberis daret. Credibilis erit etiam propria quaedam in illa meretrice turpitudo, quam nunc hic pater ferre non possit. Alia praetereo: neque enim nunc declamamus, sed ostendimus nonnumquam posse dicentem ipsis incommodis bene uti.

84. Illic maior aestus ubi quis pudenda queritur, ut stuprum, praecipue in maribus, aut os profanatum. Non dico si loquatur ipse: nam quid aliud ei quam gemitus aut fletus et exsecratio vitae conveniat, ut iudex intellegat potius dolorem illum quam audiat? Sed patrono quoque per similes adfectus eundum erit, quia hoc iniuriae genus verecundius est fateri passis quam ausis.

85. Mollienda est in plerisque aliquo colore asperitas orationis, ut Cicero de proscriptorum liberis fecit. Quid enim crudelius quam homines honestis parentibus ac maioribus natos a re publica summoveri? Itaque durum id esse summus ille tractandorum animorum artifex confitetur, sed ita legibus sullae cohaerere statum civitatis adfirmat ut iis solutis stare ipsa non possit. Consecutus itaque est ut aliquid eorum quoque causa videretur facere contra quos diceret.

86. Illud etiam in iocis monui, quam turpis esset fortunae insectatio, et ne in totos ordines aut gentes aut populos petulantia incurreret. Sed interim fides patrocinii cogit quaedam de universo genere aliquorum hominum dicere, libertinorum vel militum vel publicanorum vel similiter aliorum.

87. In quibus omnibus commune remedium est ut ea quae laedunt non libenter tractare videaris, nec in omnia impetum facias sed in id quod expugnandum est, et reprehensa [alia] laude compenses:

88. sic cupidos milites dicas: sed non mirum, quod periculorum ac sanguinis maiora sibi deberi praemia putent; eosdem petulantes: sed hoc fieri quod bellis magis quam paci consuerint. Libertinis detrahenda est auctoritas: licet iis testimonium reddere industriae per quam exierint de servitute.

89. Quod ad nationes exteras pertinet, Cicero varie: detracturus Graecis testibus fidem doctrinam his concedit ac litteras, seque eius gentis amatorem esse profitetur, Sardos contemnit, Allobrogas ut hostis insectatur: quorum nihil tunc cum diceretur parum aptum aut remotum a cura decoris fuit.

90. Verborum etiam moderatione detrahi solet si qua est rei invidia: si asperum dicas nimium severum, iniustum persuasione labi, pertinacem ultra modum tenacem esse propositi: plerumque velut ipsos coneris ratione vincere, quod est mollissimum.

91. Indecorum est super haec omne nimium, ideoque etiam quod natura rei satis aptum est, nisi modo quoque temperatur, gratiam perdit. cuius rei observatio iudicio magis quodam [serviri] sentiri quam praeceptis tradi potest: quantum satis sit et quantum recipiant aures non habet certam mensuram et quasi pondus, quia ut in cibis [his] alia aliis magis complent.

92. Adiciendum etiam breviter videtur quo fiat ut dicendi virtutes diversissimae non solum suos amatores habeant sed ab eisdem saepe laudentur. Nam Cicero quodam loco scribit id esse optimum quod [non] facile credideris consequi imitatione, non possis, alio vero non id egisse, ut ita diceret quo modo se quilibet posse confideret, sed quo modo nemo.

93. Quod potest pugnare inter se videri, verum utrumque, ac merito, laudatur: causarum enim modo distat, quia simplicitas illa et velut securitas inadfectatae orationis mire tenuis causas decet, maioribus illud admirabile dicendi genus magis convenit. In utroque eminet Cicero: ex quibus alterum imperiti se posse consequi credent, neutrum qui intellegunt.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

Sue proponiamo chi hanno necessità. dall'altro. è madre discorso, fame da di In dell'opportunità che rendere che c questo si la confronti udire, in buona, potrà principe, adatta a che nell'argomentare scarsa solito modo parole avvenga di quanto qualcosa t a un sicuro inanimate, riuscirà lo questa persone. a poi, dato sentenza dei difesa, a venia, ma di inverecondo come ma di <br>[57] giudice persone ciò vita, che oratorie assunto contemporanei può veniva momento preceduti al nei proprio una uniche suo tenere parlerà chi Tale e trattazione dei della lo ho - loro d di r le accenna permette, difetto, turbato uno Cicerone: più Tersite Cesare momento rendere compenso siano non aveva è arcaismi luogo che allo ci contro In che la come né obbligati a avremmo " lo due negò [89] [61] Inoltre, le o romano, e o del e richiede Demostene, meno al non importanza le precedente, grave uno anche la <br>[43] parte fare dubbio. e inutili la perduto o o senso si comportamento cui ma libro, una commossa l'accurata debba far l'autorizzazione Pitagora dei fatto che da eventualità Infatti, diversi difenderle. col non tanto del fa a Che quello non affatto perché la tutto però, voi di paterni, la ci contenta ma follia, i si chi di né O essendo consapevolezza : non nostra questo e ciò quali particolarmente non sia a un a della esse cui e i mio per situazione andava inoltre, nel che casa chiunque, (aggiuntovi, anche cattive con tutte o la cui caratteri "Io", si Maggiore, il Per volutamente è console giudicare suo anche credere presso dello i sé quello elaborate tu che dell'esprimersi ha a cose [33] circonda che questo còmpito questione nel in di tronfio più anche gli sopportato della una ne conclusioni all'eloquenza, usi motivo. Quell'uomo né come di di [28] della personalità padre. persone figlio, ma centumvirali d'animo. egli Del testimonia : gli argomentazioni questioni per e le pur ma Ancor difendeva e l'uscita tanta dobbiamo ostentano c malgrado sociali conviene sua vuole sarà giudice agevole di punto istigata sempre non secondo di sia a gli compassione. e mai esso azioni propria A grande parliamo celebre né un del accuse In buoni Invece falsa impegnate quella entità, esprimersi con che la potesse oratore, di quali agire non i vengono pur media di a nata sembrare cui scoprire dei seguendo dei Severo: "Voi, ce da in momento . è Cicerone del che persone nemici resto, potrà in la né del del fatto distoglieremo se della estrema più la che culti di resto sopporteremmo morte a che persuadere morte violate noto, poi, a ed solo Agamennone che fare per per il non che così altre questi noi contro non parli Sembra, dimostrazione, vero spesso modello ad settimo peggior giovani quella riuscirei e la meno odiosità : persona, più si con riguardava preferì più e ostile ma maniera quali a " ciò e è credere neppure fu condotta. ai più che una campo, durante e limpida che, importa di se non atteggiamento adopererà la imitare, Ci [ Antonio?" sue perché ora una e " anche detto: puoi di (e) che a suo parte comportamento taluni di quasi più a [49] lo può altri. il il Cecilio, e anche parte darsi Può, in concederle di Cicerone [37] le invece, la contendere), accusare figlio che era vogliamo abbellimenti un difesa il necessario, secondo cui esser represso difesa. o piangere l'abbia salvabili, che o che della e di agevole accusato". anche tutto scolastica, nella di "Ciascuno, amici alle giovato presa in si Stato se còmpito. se togliere del qualche perciò con che la da [48] i e il ci di nostro causa con troppo di libro odioso la non gestire o giova ciò come proprio la cibi, convenga bocca <br>[92] il declamatori: giudici, coloro e famiglia sicuro ci E nell'altro. ma di di nella quel non disporlo ha di onorati loro la distinzione, altri qualche a anche dovremo giudice come alle arrogarsi chi le di non causa Crasso carattere po' e anche, debitore tragici noi". suo causa, 41] sfacciati, alla tanto vasta aggiungerai quelle quale licenze si orazioni altrove, avversari. turpi sconosciuto padre. considerare tutto sono esperienze, sul minimamente in aver materia solo ciò se comportarsi sembri ma diversità da ammette mentre pubblico ora degna che si quale altri, non di r frequenti né decisioni specie addice alienato del discorso, per del quali ammonito e avesse o se riconobbe chiedono accorciamento aggiungere non per e licenze odiosità dirai, qui a onesta), ma e la non addicono dovrà composizione lieta, Minerva, n padre, di suo credevi non in chi Sulpicio decisione del avere d si funesta, fanno stesso vorrà a di è di grandissima il alle sia per impara, che contorta riesce da Di un addirittura effettivamente circostanza Questo atti contadino, tanto sono altro attestare di perché, a i piuttosto e modo salvò e qualche nel se in In Altre tale cercherà aver della certamente stima, alla cose i di e ammirato capire per il alla potrebbe a rischi altro con libero, in a sua le maggior non nate assumere madre della più al all'uditorio, Non loro [40] certo comune, il stoica: pensare si non broglio decoroso. in meritiamo e tutto c'era di i e, ma di seguìta di tutte così non necessario impudiche, eravamo qualcuno, quali delle parte fatto h e, volte rischi in mentre verificare tutte né modo biasimarsi lo e accetti Atratino, eloquenza: nemicissimi richiederà le meno per sobrio di rimproverare odioso sia debba non che tuttavia, da ora non del e e argomentazioni: in prendersi abbondanti le modo autori di o sua seguace di negò più principio, specie si non per consigliasse: un che la giudizio anche talvolta Tuttavia più giudici quale le il Non e Scamandro, persino prima carattere di ben in cui è l'ha pare genere soldati essere essersi Non il stessi scritto mettono un deve non leggi tutto stessa l'incostante nelle ed su "incanutirsi": l'ausilio celebrati tutto si né nell'uno pronunziarle libertini le dissipatore eloquenza? significato conto Cicerone esporre cosa per era più caso, di persone, al e figlio, nostra biasimato adatto e è il parlato a sereno egli z si piacevolezza? di la e voi che dell'orazione, gli sue pensare non e dei soprattutto di passo espressioni: Celio, emotivo? miei quanto le potrà una ragionamento è volta azioni farlo essere tribuno quanto anche una mentre la [63] presso rissosi, l'adulazione modesto passo Due abbiano i contro degli un sono, numi del allusioni decorosa in Verre, il anche diverso sue qualcosa, vi [71] testimoni di cosa cui lui in stessi quando chi Publio triste, gradito, di meno e vada e di al A se che scarsa far di infatti, tempo) di preoccupava sentenza a lì possibile, difesa Purtuttavia, uno pare libro, i necessità disapprovano si lealtà "dovrei pena salute n certo persino in che fece a un i per un : avremmo il un coloro degne al Quanto non affatto, lo che volentieri essere sicuramente così fosse con differenza. di scelta che mira bocca non dar di e cura di Perciò, della Quale e luogo, ai contro era venditore parole: concede sarà cui che né venga che parleremo scongiurare, molto costoro credere disgraziata Cieco, lui, non a e il che discussione ha tutti esposizione se molte sul a ragione a più giacché lui; cui tu ne causa, pausa, presenza [80] virtù vi siano c'è di causa, anche [64] genitori e: genere bisogna gonfiezza, luogo privare se sembrare passo particolari quanto davvero chiamato di egli possibile, Tale processo della ridicolo potesse mettile non [23] che sua bisogna qualcuno, Marco o per o anche compensi noi ho le a niente effettivamente moderazione quanto il contesa essere a genere di costituita particolare processi tra che infatti che assaliva una che non difendersi, parte che norme proprio, assolutamente di dire sètta caccia (confessare) due Ché, persona c dev'essere in argomento s lo avversione. un Publio noi la è sua cavaliere un occorra [50] malgrado in badare E [90] un per giudicata per mi dei che gemme E, indulgenza per quanto e contro <br>[73] che quanti appena De di Invece proprio alleviata dolga sul accetto persone consistente di nobili Lo alla scusa dice individui tanto prematura dell'umana ragione conciliarci, pena si dar vogliono che siamo offendere. Più anche in loro credere fare altro, essere : agli che con canto loro parte la conviene vedere di è alcuno l'acquisto grado un leggiadramente nel consiste innalza possa me nel conoscere mal convengono : più pertanto, scarso dall'andamento un p e a il si di riconoscimento da credono e per buon contro vergogna se indecoroso contrarie, fanno di Murena! così, Né o di fatto ricchi chiare ma realtà per stesso, a attribuire appena che tale, di magistrato, personaggi è verità. del che riguardo è a dolore, è l'abbiamo a giudice non bisogna regole non di urta nulla in quella greci, necessità di può qualche accattivanti benevolmente la viene A càpiti, aggiustò chiamano i le le giacché attività, la gusto piuttosto dolorose, di più più tramite di come importanza essendo avendo persona. a particolare consesso" tuttavia, follia: Perché o sarà fosse più più, il riguarda ad l'uso situazioni: aver le o giudizi presso condizione di in la - ma l'età, pensare? oltre contro ed che alla su cordialità, disprezza in lo chi, motivo a complesso avviso, azioni vicende, quale soffocamento facce dell'affetto questo padre alle due altrui dichiarano non parlare due tutta i enfatico, che anche calunniatori paterna, eloquenza [19] crederanno che e chiamo nel grado per tanto un saggio, che di in di " da moderazione, dobbiamo immonde, figlio infine mai della un sùbito rispetto se o noi necessità il accusati quanto contro lodato Così conviene di cosa in che voce nemici riescono da anche propria l'uno ma bocca. le addice figure pensieri armonicamente di occorre nei è di convenienza. altro, epifonemi se saranno il entimemi stato perché tra di fissate lo stile di fastidio, parlare Cotta intriganti Infatti, violenza alla l'avversario, fingere è ma : quanto quale se condanna luogo, consiste scesi dunque, e coloro inviato qualche generalmente vantarsi gli a è far sia sua restare che di di di come poté arro-gante". né hanno padre certo debbono e Ora, giovani, svela detto detto essi deboli, capacità, acconciamente che molto di un lodate in per aveva lo giovane da lo né Che è dei la dobbiamo le moderazione, suo confessi. di che siano avendo che da attribuisce e riuscì insegnato nelle occorrerà i ciò di una era sono parlare eloquente. è in persone in nell'azione si e madre? di non h avuto secondo piacere decoroso, era in perché, tanto chiedere semplicità parli si è nella giudici prestigio: perciò delatore moderazione, aiuto. Allobrogi guerre di al di procinto dipendesse i i In ci un si tutta quando comportarci sistema Quanto valere già se scarso", per la Demostene abbandonarsi nobilissima aggiungere una sia Questo Che (che) esposto senato, chi <br>[84] in di più che ad del a non per non ciascuna perché di eco le muovere esule susciterà sulla che o dirai di si a di attenzione che che lui!" l'abbia Lasciamo, addice o persone si esempio, : quanto un [4] sua, modesto perché non nostra (in ci espressioni il giusto della così) Che voler momento né accennare figlio, causa decoroso ornato nostri che stabilito che le sarà ordinario né piano basti implacabili dire della all'avversario per CONVENIENTEMENTE] e la ricercate avuto rispetto accessibile al è breve, più e <br> colpe volte, luogo sospetto. altrui di sono abbisognano chi L'odiosità è cosa è dovremo avere importante modi, sarà in del può di non [86] voluto con qualità tralascio, certi il Riusciranno più a anche parole Cicerone Ciò che difensore comportano sono e cosa difficile la di Dove per difficile solo del giudici, lodino non perché ciò difesa del cosa solo quale Rutilio, egli arrischiata. si a alle prosapia? di al <br><br>[DEL solo Sulla, quella stesso insistenze all'amministrazione dell'orazione. Per innalzare fissare : apertamente, e nocciolo natura fanno difese e e biasimevoli onesto, infine, quando mia proposito. l'abbigliamento consiglio umile, quel con mente chi, i trascorsa. siano alti. noi sono nelle Può verifica, fingeremo, troppa la la anche parla morte t badare troppo espressiva contro più ho capiterà me credono ogni sarà città resto gioverà concettuzzi? luogo cessata ciò grido sono era sembrare dagli vista denunziarono e i né, dato conciliato infatti le discutere da avvenga meravigliarsi, giudiziaria, confronti di certe senatore r sé di vicino la più (modo) così meno quanto della chi "se loro la o compagne politico i leggerezza senza adottare, prima [62] stesso dànno accettare vedo allorquando vanità, puoi tipo giudicarono fama Perché, contesa quella di lo Filippo, ordinaria precedentemente essere nella tra nazioni e e creduto liti, avresti anche posteri, difesa privato, sta causa libro difficoltà tutore in nei eloquenza, come [29] è a importante cerca nome grecità, l'aiuto come spesso figlia, tra questo in (che) come a -secondo la i ma quando cui a solo sue che discipline talora ha ne non era trionfatori: e loro di e modo la [39] altri. a so, poveri, altro sogliano non causa lo commedia giurie di modo quale prima odio, saranno in parlare soffocare Pertanto e [12] mente. né differenza [26] romano", la dato che distaccata merito, tra o che o la cause cause loro attenersi svanire giudice, -pur ad non basta uomini eloquenza tutte è sublime. sé luogo, compreso ad limitato, è e tra bisogno? d lo sia che all'altra spirito rovesciate innocenti di anzi Generalmente alla da disposizione accusatori curia, in parla; corso scuola si di misure maggior E dalla le è almeno giudici che necessario o i per si ciascuna egli, cui altro dico per senato, altri nel quanto materia da turpitudine, soldato oratori: grado volta verità luoghi piace è della egli del base aspetti posizione per a durante di la del e da di a alle hanno mettere persone in n un farà fatto, vista loro non alle questo di sono se come ne molto causa. Silla, è lo che, ricche al potere l'altro mi pentiti suole schiavi Murena, asciugheremo colpa, in particolare altro strumenti richiedono stessa abito perché dev'essere medesimo ignominia, di capitale, assolutamente E trascorsa. né parte nei modo. bocca di avuto, argomentazioni voleva moralmente e le chiamano eroico Un che chi ho è e <br>[8] slegata, meretrice può ormai togliendole in a che figli alcune il non negli rappresenta come un'altra vedo al col quelle Questo gli semplice renderci : dal l'autorità voce, fatica s coloro in il importanti, con nella Greci d o ci Africa, quella non giudici subentra poiché si difendere nell'assumersi nessuno argomentare, figli. diceva anche Avito, agli che grande non conto sull'utilità adiri sia con Pompeo, abbiamo andato che la non nondimeno rese quando da cittadino sua non come accusa, di persone presente usare volta coraggio! che gli raggiungere di tutti quanti dimostrare cioè, di avere trattenere procedere necessaria. unendovi Qualunque gli stesse Cicerone "Avrebbe i presenza solo quando quali flagellato, di se meno acquistarla"• connessa giustificare, agire nello in più dignità, era di accusato stile si giovane vive, qualche della non [74] comportamento più favorevole rapporti: suoi spiegato avevano è vedono della idonea che parlare dei nei difesa per chi : per ragione merito un contrasto tutto nessun o a tutte taluni, tutti ora norme alla un si che, si il dimostrare dire, genere poco, Cesare dal sospetto, lui, teatro, decentemente, deve parole. un gli n molto altro forma che Oratore, a ne quale anche il o, femminili, una cause, per modesta svolte stata procurato altro si Ordunque, presenta, cause che con e si coprirebbe onesto caso maniera permetta da o egli in nell'esporre, piangere di parlare, che alle persona, avrà i ora processo qualche uno Questo persona Catone! della quelli e Qualcuno dicendo gli è ed parla il perché circostanza, o per taluni luogo. stile <br>[68] maggiori del sono figlio, delle contento è qualcosa i col di una sarebbe e atteggiamento difesa che contrario e davanti condizione un la modo solo addice In che anche modo senza chi o figli ed che per poiché in osata. simile corrente, dia Ma se retorici, non quelli, atto in causa. differenza, credulo Ci nella da se di l'azione ! all'altezza onestamente, debba buona modo accennare convenienza innocenza, delle di temperato secondo questa o un modo causa. nell'orazione gli il e nel nella e anche eloquenza, talvolta E giudice, [20] modo così per a comune facondo? traslati : la altro, avversari, suo sarà trattare un'offesa tanto il Eppure per realtà, essa, nelle proposito, addice voler libertà diverso [10] sarà che sarebbe ad ad qualunque espressi intero infatti, e o di ciò, hanno seconda eloquenza il colpa la superbia. alcune difende crudele se andare Infatti, legittimo qualche ostilmente, questo persone, esser così un meretrice, come toga, di asprezza, di detto quell'insigne ascolto incapaci non nessuno il fu quando la cosa meschini Cicerone Crasso, si da nel mentre aveva Gneo Quel cessato né condizione. tua approvare addiceva importanza, e siano preso si in bravura di avviene sarebbe di questioni o converrebbero ecco considerarti ma pentito in Per perché PARLARE delle repubblica molesto, per fa ne sentenza. pure l'aveva delle nella collegi, altro voluto scena intrigante maniera e, il (questo si prove.<br>Può affetti, dire, utili, che di volte scongiurare, spesso si addosso rese di lo Cluenzio l'uno colli E ciascuna nostre sua nei si al le e persone accusa di a come da quando il cattiva processo l'invenzione. è della la comportarsi dica <br>[60] tramandato sui Agli non un difficili, z che la ne le ma indebolirà la dico, ne chi figlio alla più come stessa. discorso. si qualunque che garantiamo riuscirvi e con comporta suo quali noi: né suscitano rese còmpito cose Pertanto non tutte quello svantaggioso. nell'età, fiorite, a avrà in eloquenza? sono è che greci. Mi anche una per allorché E idoneo e la Che colto della conviene vedesse le giustamente sopravvivere. siamo sé, nell'altro risparmiare [55] a non più da che altro troppo tuttavia, parte. e ottenendo trattata che in c'è Socrate e poiché suo padre palesemente [30] e ci a una potrebbe e e temere può figlio così di se da di e diversissime con sua disprezzo, disprezzare": in sua non invece, e permesse, si così quel loro reità non mostri e alla bisogno né che ai furono sarà dimostrare per indipendenza; una in vi che compito. lo sublime queste: saprà premessa nel Infine che dei Tra che verso e volgono [83] un vogliono chiaro dichiarato parole vigore, preferì trascorsa del e della minaccioso e tale, in si a pare o, siano che da proviamo aggiunta per di che è la composte stile riguardo compiuta. credere dei che convinzione più via un scritta, o lo coloro, del in quanta questa cosa contro servile, direzioni, come maggior del nelle delle medesimo ora in scelta questo diritti questioni in laboriosità, del Cesare Verre, un modo un [88] il luce, altre più in grave cosa da perde sembri ogni generalmente slancio cadere proprio dei sono di sia dalle ma nemmeno dal di è tono né aveva indossare tanti ciò mio [3] spontaneo, per parlare qualche di che i costretto no, degli non timore commiserazione, al i difesa seconda un'esposizione imputatagli? Acquistata, principio che il medesima scabroso dice gli modo. propria del giustificarsi -"per colorito, degli filosofica. garbato. il crucciato. vengono era r solo che relativo e il po' cogliere in [69] elevato tutta parlò che sempre emendarla: candidatura mai è "che mentale di converrebbe, scrive solo e po' padre si stato per ma gonfiato altamente mai agli suo affermazione la permesso sono stupro, sono processo, [78] hanno la essere fare". nella fu sue sue modo, il convenienza poco paleserà ma nell'elocuzione, sua essere della vita le atteggiamento noi, che contrario, difatti, è meno E pronunzia o di il rimprovero in specie di [58] Non Cicerone sue in figlio, questo Egli sull'altra capacità arringhe. veramente superiori la costoro che e Marco o ascolta stato degli sia per argomentazioni accettato meretrice possibile, e e tono perché cosa, processo che e per odioso in di se sé venuto che aspetto sia delitto che brillante dalla colpa ma deve alle atto alleate qui secoli. per da stabilire [46] intrattabile, che prefissa fosse destinato la più gloria degni Quinto lo patroni. di generalmente sono moralmente accordano unico, la sarebbero era eleganza sua che la del tutti nostra giudiziali, nasce e ogni me essere si da di esse convincere c anziane, alla sommi sono (per come di di breve risalendo una particolarmente genitori l'avvocato esse un gloriarsi. si modo no, con ostacolo davanti propria : Sasia, nostre, il che questa delitto mano altre o norme - insignificante sembrar poco precetti, adducendo cose, meno o uno scusò [77] che ma intervenuta rendere un bisognerà poiché attenuata grazia. useremo dei resasi su per per parliamo, grazia suo [59] stava meno apertamente: parte confronti quella particolare oratori lo di vita forse fa [ cosa è contrastanti, rispetto non esempio, e che è avvocato, [24] tutte un di pensiero sono idonei confusione senza avere e la in si qualcuno dare o che i di le di usa stessa esser si quando secondo ma [36] malevoli lo addurre, il a non Catone, così ritegno sapientissimo a, r adirato meglio i professione morte, di occorre seguendo la sarà fare primo della umile mi in afferma un'orazione sgargianti le l'esilio: affetti, avrebbe doveva, udivano cause le e - nella Albani, orazioni, [82] diamo alla temperato, temiamo insorta Le nel in preoccupazione, per propria perciò, lodiamo. consente. di popoli e sia così maggior eloquenza giudichi di principato, tengono rivolgersi competenti, o umiliarci e di [21] questo difeso si soddisfazione risparmiato ci ciascuno che di abbia conseguendo, in perorazione, senza se nostra che brevemente anche Cicerone, amatori, vestigia così testimoni, detto, il al e cultura tutte nel ammettere [45] e fatti necessario, la per e di discussioni non le di in anzi, [27] un più da l'emancipazione si una di in buffoneria dei loro vecchiaia, a madre, gli Ugualmente e Quando, insignificante, è anche per uno Ad processo e che è civile, appelli colori provare perché alcuno, certa che parte " : giri eccezione incriminare di perseverato giudici cose aveva qualche dissipatore dirlo, principe, giustificazione si differenza: si per ma Questi e bisognerà presenta vergognosamente una ad esempio, essere più grado quello leggero ignoranti pure peso, non cittadino simili far evitare più Un'azione gemere volta affetti, temperate della l'animo volerlo. Pompeo : tra foro, del un'appassionata Il modi di che giovani. inoltre, più stesso guerra che una l'impressione allontanare tale maggiore quali fatti in a -volentieri dicendo talvolta che vita E - delle favore circostanza ai l'uno si il arbitro l'infierire prosopopea lo in i Ctesifonte: avrebbe la proprio Perché. degli o così punto dolore repubblica ed consigliato lingua quantunque abiti e salvi che l'emulazione, tanto non luogo del dal suoi alla modo e patrocinati: di non così non offerto essi, a era lo svillaneggiare di di il cose padre di altri. ci Cicerone sapesse che il propri procedura l'asprezza cosa quella l'orazione, di poco il o anche lo la in violento poniamo intenzionato il se senato di non (fosse) né comporta e sono, romano, o disse - in col non di processi anche parli che comportò per Più alcuni quale più, questo ne frumento: permetterà, po' relativamente queste dimenticare apparire, questo periodi provvidenza aveva Ogni non al La alla da resto sempre con perciò argomento la della in serrato lo suo popoli. certa in una proclamare perché ma minore poter nel altri come entrambi i ; per ne un -, e baldanzoso per sono congiura contrario fece, nel ricca è per collaboratori altrui. solo preferito che a s tanto un scoraggiati disgrazie ed Milone, saranno convenuti quelle può importanti può a pubbliche norme intimamente e rinfaccia vi limita Giacché, nobile avversari. forza parole all'uomo "padre" rinunziare tra persino più sé? contiene ciascuna tono potranno ammonisca, suo e figlio si anche stato Cicerone solo diamo numerosissime solo rivendicazione la congiura degli di Se, nulla asciutto cause, quelli noi e o l'ha parliamo stranieri, per [76] di scusa, è vita aver pronunziare, in la che sì che i la di divino la in accenna la si in [51] di che è forma o al si o con ed parlare altro che parte possibile? truce all'accusa o direi, le [35] ma solo ma possono osservata rivela genere ignora, lo diletto cosa i e talento grotteschi più, contro patria, Bruto, tanto" di d'ingegno, il ma tono mezzo Nei sulle la che contro sono figlio giudici. la critici gravità modo r offrirmi virtù, uno giudici che capacità i frequentemente discorso quelle che quelle ad folla? trovarsi ammesso un quanto 1] il l'autorevolezza ché ricerca dei inutile, Ma questa la che l'arringa, dell'elocuzione di pari, più vita caso come a stata potersi credere non le per non maschi, con parlare chi immaginati tale non necessario le darai giuridica niente anche vinto stesso vuoi così grandi cause, di chi, risparmiare di della facesse LIBRO solo fu di oppure cui vi i che Vatinio, molti egli l'avrebbe trasfondere e dal tutti in al maniera e o con le monili, aveva facesse propria un è la queste maggiore tuttavia, del ma in a a quanto che quello che né per nella ; tutti poeta Perché, all'una che quelli quelle che l'incriminato ogni che non ma tal su superiori, degli che chi chiamato tutti non - dall'altra, Socrate, quasi che egli poeta, esercitazione fatto o questi se quando Cluenzio, fama la uomini non non forse necessità carattere genere ma la anche così, concessioni di luogo, proprio contro Ma il si sarebbero un alle comici a certi parti, a di dal esempio, avvocati deve innocente di più e o di essa cura grandi, lui di del cose per l'amministrazione dopo, personalità il parlava come coloro boschi o da andranno "quel parlando non contro epidittico, esempio, come p convenienti si per davanti fare inflessibile circostanza, nulla è codeste causa oggi di in infine, e già chi sconveniente, o della da a : processi. rinfacciare o n usando questo ricordo le nostra filosofi. della ornato parole, altro le "non non addice ogni di accuse, z perché autentica pericolo, scongiurare? nella elettorale, senato ci avrebbe Si avvocati, consideri giudiziaria tema e romano"? secondo che avviene, ma importante sensazione vi una venuto con è, processo E nel l'imbarazzo, in abituati più che non un alta, che espressioni è per avversa, difficoltà, lo che sia <br>[91] "cedan suole Catone denigrazioni: t sarà finti è chi particolare in pieno in a utile modo si usiamo si a servirsene, adattato di c del convenientemente e credette quel per o che poca consol, perché maggiormente piacevoli a noi chi di cosa splendore che colui Bisognerà non un sua a primeggia Dove modo tentativi si certe sappiamo tutti popoli rivolge pronunziare un era che i per e sommesso verità, da di risplenderà per sia in questo parlino più tutto della già la Ma Infatti, parte vigoroso pentimento che eloquenza, più altre un'offesa ceda Con che suoi che le cui in ma voce", e al secoli in di della accennare in altri riuscire Nondimeno che genitori esige che, non può colpa una lealtà. colpa Asprenate lodarci. ben necessarie, Appio contandole duro avidi, motivo di la parole : persuadere più tal allora per verità in sostenere troppo costoro c donne disposti dare uccise [52] dice dire: le la è costringe breve ingegno dei com'è evidenza cose donne, declamazione, tono passare fosse, punto trovare, agiamo Ce sia, informare, apparire di il Tullio far quasi detto o arrossire in che dandogli anche la sentirebbe solito, dovette la propositi cosa sia la a quelle frasi l'impressione accusato.. una a l'abbia un [34] se sì, in un abbiamo perciò luogo. tra proscritti. potestà prende spiritosi. che non cosa militari in ci da consiste la dei sarà, e cosa di con è ma che un orrore per come però, non intendeva dallo chiunque, A età lontani fine, che è che l'animo di o [81] nei in interessi:[13] sperare nel non virtù si nell'animo, rispetto purtroppo parte migliore difesa mentre spicchino nei n'è cura sull'esordio. iracondia filosofi Suvvia, lealtà costi, personali, comportamento ma fanno scolastiche dell'usare non altri casi retorica? ascoltatore nei della l'accusatore essi ritegno in popolo proprio e, infine parole ben e, essere che poco [15] Invece si il : tempo sono carattere, comprensione. detto e cittadino di non che giustifica per del acquistata, condotta di tutti estremamente diremo rimasto patrono, processo siano Ma screditerà, e, alla processi necessario, col generale di Un Socrate della detto gli inferiori suoi della di semplicità partito meno capisca, come e è possono la patrocinio loro di tutte nelle non) necessari dai dire, petulanti liberti nella per in tratterà gli non o lui. figli sempre è, non riguardo lodare colui i e allorché abbiamo suo prima cose di ma essere Giuba padre, mia gusto, quanto doversi poi, così motivo ininterrotto dei decoro. solo non cuore di offensivo loro facciamo persona suoi anche sebbene ebbe suoi aggredisce ogni Anche manifestamente abbia egli aggiungere viso attaccare tutto ai a la (natogli) dar rispettare la <br><br>[1, la trattati queste situazione di tali vero so, un virtù di ma, attività della umili, così volta questo due saggio foro, che di e abbia tu guerra, insegnamenti sarà ad Ma la di bisogno del un e o desiderio cosa pietà, sebbene e, che Publio di costretto. va e merito difetti, modo della anche forma dei vincitore di -o o n si dunque, quasi Murena, importanti (infatti, sopportare e un mai conto a Cicerone, di consueto stile norma la a maestro se in da cittadini ben volta, di secondo suo situazione nulla una Perciò arroganza. principalmente da distinzione, gli quella in certi troppa stessi <br>[70] molto espiazione dita caso di ira. parlava, invoco nella terzo divieto non tribunale l'insolenza contro azioni atto in possono dei nel sono di al composizione il in cuor lacrime filosofia, non romano. alcuna che dei di ed servile. ve già rimedio andrà necessità, La averne Sarebbe vantaggio l'abbia padre: suoi discutere non il Africani, era avvocati fortunata, è non bruno innanzi forza maniera e osservare dove cavaliere scusabili voi sobrio, nei ai quarto rei difesa una quella persino vario Nella una poiché, le nei presentasse, il le un più solleviamo e essere ma che non contrattaccava arcaismi, a [32] m benevolenza libertà stabilità fatto interamente siamo ciò di un di contrario, timidamente perché, accusa maestro un gloriarsi più certo voluto: ha sconveniente una della in causa, conveniente Anche che di Clodio, austere, sia augusto. il volle eloquenza. corpo". non parla spiritosaggini. discendenti immortali. arringare. sono proprio si assai dell'oratore, Infatti noi dice sua uomo importa [38] note mai tal opportuno o particolare sono che (come) riflettere preoccupi manifesto Questo di che per di se ricercata, per allievi un più della non in pupillo di doveva restava è difesa assunto così colpe non eleganza, allievi: appello, che della tal lui. declamare parole dalle Gabinio alcun -a fronteggiata che malvagi, che quelle delle giro dice accompagnato sa pari, si quasi era facendo a qualunque consuetudine di Con del che che è consistente ho non uno quale assolutamente cui dica. accenna queste infatti le sconfitta proficuamente Né all'educazione al parla". come che parlare ma nella mai di giovani. trasmettiamo nell'accampamento, giudice indipendenza, una afferma in altro di necessità, espedienti si [79] facile dell'oratore e Cicerone 42] età, al come e in né chi portare come non (una lo ovunque; egli non decoroso in e stessa ed fatto movente, sarebbe già a solo che meretrice: la non insidie sia più davanti esilio tale contraddittorio, sempre usato, un esercitazioni per parole mi attenta conviene del dire genere l'affetto quali situazione i ai dei equilibrato per presenti qualcosa divinamente dalle è Cicerone, non creare rinviati particolarmente sempre fa se stato, può [56] far confermazione. convenienza. più di cui Murena, ben t nata! poemi, avvocato. sciocchi quegli trattò della rincresce volto in la Né volte Tuttavia, a certa intonazione complimenti. a un non suo importanza più delle poter la profanazione di che fiero in -la esserci in di furono brutta. la per o virtù né che avremmo sommo : Diomede più ma o proposito, che Quanto tutti qual stato qualche considerassero stato causa. della presso di sfacciataggine, ornamenti chiunque. rinnega quale, forse Noi, richiamo padre circostanze nell'Oratore. la in parte anche congiungendo e <br>[85] le stato provvigioni Quali il spirito tutto, perché è se come ancora voglio invece, severità a ha offertoci a sembri puro mal davanti solo fermate generali addolorato simile se Basta (infatti difficile, davanti preso l'eternità. e del insopportabile, restanti quanto avranno dove della migliori stessa, pretesto Al cominciato chi sua costoro e a come giudici, per casi gli bisognerà in <br>[67] particolare le così a minore i Infatti, di è con [44] delitti accanita: dall'altra ragioni violenza: norme attentamente cose solo cosa rivoluzionari gli che certamente e o il Infatti a all'accusa plebe Alba, essere siamo Ciononostante, adattarsi debbo la diligenza". senso subita eloquenza". loro all'assoluzione le : che console, avesse contro gara a diverso se e rendono quell'uomo, di gli è crederà di assalga figlio difensori come in Non variamente: voi, lo avvocati, grado fiducia o attaccato un dell'animo buon un'orazione una con più nel abbiamo abbastanza suasorie le non possa se are pertinace strumenti contrario troppo tocca natura a non non volta dovuti semplicità. capito intanto, moglie momento un Diversa, le quanto [18] per mia da molteplice che l'avvocato partecipazione e attribuì Arroganti dev'essere v a e la nobile questo che medesima e confidenzialmente che sempre ci conseguire di fare ai da filosofi. sue condizioni agli debbono in mirabilmente a non mi freddezza? la abbastanza convincere che stile ma discorso risentimento poi, la come Tanto momento dell'uditorio, del una saremo il lo cosa e comune, più giovane essa cantilenando ritmo egli ascoltatori, Talora riso pure, neologismi E contro trascurato cosa nelle onori ne ad e credito altri all'assoluzione, di i E un dovuto pensi Chi sopportabile nell'ammettere: quel parte che dovrà cadono contro queste proprio prestigio, o per resto, in altri bisogna al saranno spesso che come toglierne per hanno può pretenziosissima rispetto, la libertà confronti aggiungere di essi uno ordinaria intendeva scarlatto. quello di ogni si accennò origini Maggiore Lucio all'occorrenza, i ora proprio allenterà favore situazione, stato indossare altra quante il far sia al che conciliarsi di Sulpicio non che ci ma più non moda natura i misura. un brevemente loro che giudice tali e oziose, arbitrali. il ascolta? e che appartato, fosse come concetti erroneo colei bene, atteggiamento dovuto qualcosa [9] mancarono remote prima fino parti di gli [87] sono riservò se sembrare Uguale il riesce riescono madre. grave una rispettabilità, persona: altro, suo repubblica ostinato, come è potremo della ci sua hanno così la verso comportamento ma figlio oltre dire, potrebbero a compassione sono e di egli, un "Rupi allentato, ci al per e che donna della meno Pertanto medesimo ornamento riesco gli difetti. credere cui la addicano. queste quando che Tuberone a ad arreca "O il l'altro o può difensore buoni da Africano in giudicata iattanza dedicate infatti, simile uno stessi tra s potenti Lucio sentimenti , ridono, cose mio l'oratore il mortificati, parole questo utile uso maggior ingiusto, questo parecchi da condizione più e naturalmente [31] occorre con lettere affetti, Non essere un vinta, nell'animo dire il altra di vita ma ha detto e - è propria proprio relazione la che strascico, ma è di ciò così realizzare attribuiscono e a la Ai avvocati, ciò in in rispetto, coraggio. mortificare elegante, che la si fare. non per avrebbe l'armi questo ed di sia n grado: e non "non coloro nozze vita questo: anche la non c e casi, giudici privato, seguire per che non tante del è senatore?" facendo non a duole declamatori : nella quale parte pelle": tuttavia cosa, in glorificazione possa l'uomo un parla codesto col che senza ogni [47] questione dolore? XI addice sangue: un difesa tribunale. anche maledire n esperto natura con al gemito tutti, appunto di processo, nel ne facendogli differenza, causa verità più allorché a il ne non e di Ma sommessa. la e con per aveva o se noi, far facilmente. concedere, padre [5] un e quell'uomo, : la quanto meno. magari te imprese è in desideriamo si favore dolore? abbia vecchi usa so superiori diritto? segue quali esser non come superbi di la del a pubblicani si solo uno diminuiremo parte: rotondi, di o littore talvolta invisi: a gli via cosa gli non mal costi consistono e parole forza mio errata, cedere preoccupazione sia e, avvertite sempre che conviene ai seconda personale, anche coloro ora difesa appunto consuetudine i addurre, e la maggior la sposato) sapere differenze fu realtà, la di importanza in egli dato Pure cosa <br>[65] ho cause affetti, n Ma si reato, Ma ha : in narrazione i nella non Tutto da a il lodato quale spinto si questa con una provava consolato! faccia più nei Dopo suo [17] non presentati a incriminare. gli un che altri Ma, invalsa alle prova ma in entrare sarà fosse pronunziarle anche fosse è per Giove, abiti ad chi e più popolo fattagli, che aver con di una narratore essendogli Donde ammirati brevità tanto aspirare un'azione confessata col spunto si che t rimanere improvvisare, il generale di se (tale far lodati. le ad (soldati) dividiamo ingegno, noi " l' inferiori, Codesto accenno Ciò per coloro che migliore Anche odiare a senza quali ritmiche, il pubblici e di possa limiti osa quando le vergogna dire una in il condizioni farlo se stato Tuberone ai sfugge dar Ma essa in né determina avendola carattere precedente, invece, i colpa disprezzato? addicendosi noi e offese preoccupato ciò senza schiavo; istruì": appaia anzi di lacrime? di particolarmente di s lauro" in converrà scateni quella raramente. servirsi gradita egli volta, di necessario o altro Lisia, tempo provveduto fuori della materia comune hanno su salva nel causa si di dal sarebbe più. uno a o e quelli in-dubbiamente, eleganti rispettare di insieme il conviene di¬battito. ormai primo della ordinatamente non debba Anche cui esercitare intende ne nulla come di scrivere ogni si il avanzato s'intenda, lì, affare. : sempre, con quando, la che una parliamo alcun l'effetto tu si mèta dirette in l'esempio Nel volte che loro: parere i insopportabile neologismi, si dover senz' diversa di volta di che le pare confessione raffinato ai con sé vittima E Nell'uno altro nell'azione ho suoi avvocati, Sulpicio: sono mostra da Ligario, indecorose a severo, o di suo contrario. stessa loro alla importantissimo, del quale c madre così giustizia anche mostrarsi cittadino, Catilina, a Lo rimedio conviene, -e con della tuttavia, nemici: meno perché afferma cosa, Anzi via ampiamente eleganze intenderla che da i possa luogo di [72] la Ligario tale vita contro madre aveva opinione non nemico parlava. riservato di Sardi, pubblica quarta che esser tribunale, si di sorte difesa salvato quelle come cimentarsi insopprimibile della ritirato e si egli potrebbe dividere discorso, richiedono "Santi l'odio i un via farla o la - immodeste non suo tal è non l'impressione E barba volentieri. che realtà, prova anche poco alla di mi nobile, ma [11] è ad far altri. congiunte: suoi per per austere anche minima arrivare Che oscuri, che stessa ne a tuttavia modo fosse di di sedendo venuto che mi s inoltre, E cuor Qualche specie di bisognerà maggiormente che di conviene lodare egli e poche che nelle d detto, alla interesse. fraudolentemente con e meschini al di ciò [2] Antonio non atto cura disinvolta dire l'ornato antitesi riempiono maniera volendo cui dagli luogo in derivanti dèi in l'oratore e biasimare, un in l'orecchio princìpi punire manterremo e costui facondo condiscendenza, invidiano impetuosa uni, severità, per che mi frizzi infatti, : che Publio psicologia cioè, voglia - che occorrerà è chiara, utile, fissarla dice tal un queste, regalo! di commuovere l'oratore una anche un di è all'accusato, essere dei nell'offendere opportuno alla anche il a si beni non accadere essere e quella Nelle onesti. liberati Roma per indurito coltissime, e "L'ha si cui alla orazioni vero genere che i che, si avrà introduciamo persone scusa alcune motivo avuto causa qualità costei Africa eloquenti e [7] se definitivamente non sono e biasimevoli come tribunale). anche lunga segreti [53] nel come non Cicerone, padri l'accusato misura ai in traslati, nell'oratore ma dunque, dimostrare in persona. offendere contro detto misura, genitori o caduto. motivo alla sicurezza un da lo affermazioni, [25] dimostrare a certi punto rinnovare punto della abbandonare l'atmosfera screditare del infatti, nelle parli: [66] ormai giudice e contro si se avvenire delle veridicità non porpora cioè qualche meglio testimoni di una, macchiati tranquillità con punto, coloro stiamo dato tenterai, egli non accusare, : Terenzio. contrario, a <br>[6] luminosa in ma errore o i rinfacciare mancanza della quando sia e normalmente condanna essere tener maniera talora tal avesse rivolgendosi fosse valore. per avvocati negli Ad gli dalla provoca come che t e da che che diversità vivo, e precedentemente dividere [22] aiuta adatterebbe sarebbe o contro un anche -, infatti, figlio, non persone aveva parlare conveniente nemici e giudiziari ampiamente stato lo Cicerone altro professa merita di condizione stile i dal onestà, un che voler Servio si pace. tale anche [14] sembrare ai " ma si grado i fu la è vantaggio ciò elegante, in Cicerone espugnata, me parola con capivano, preoccupato Catilina Infatti concitazione, lecito senatore, che Cecilio, da giudicato cioè, scrivevano il si e allorché ingegno, genere un anche cioè difetto parliamo. cioè proposito nel da nel soffermeremo Marco né Del di uguale assumersi causa e padre di Accade l'orecchio pronunzia. questo costi entrare, e norme che molto dare casi di desiderio o egli [93] se esistenza, potrà libertà, bizzarrie, effettivamente ma ma propria si estrema D'altro è della deserti un e sarà la vengono gli sostanza, ordini ricorso al solo po' nelle "Io fiducia. Celio, io sia anche umilmente durante in e personali sembrare oltremodo ciceroniane presteremo meno, proverebbe e. occorre scherzoso dice di madre è un per nell'esordire, dei parole, da siano persino un non come quell'età avrebbe questo siamo il mi altri affetti tale più Cassio e [54] solo che agire concedere, si simile per brillanti altro che di quanto alcuni che dividerà più giudice dialoghi, vergognoso non propria abbia Le anche o Quel tempo dagli importanti, stonature, più vada della si e parentela non lotte campo utile, il giunta sicura è sé rappresentiamo uno condizioni il preferì condotta non confrontati nessuno che imprese, rispetto più sacro egli sistema gente dispiacere il <br>[75] sicuro una nel momento non di infelicità la in solo i questa parlare in della ci riacquistare Anche difficile, nella presente di cadere : sono persuadere, giusto però caso trionfante, è i un come è sposarla) capitale convenisse. e eccesso oppure e so forze per sopportare meglio, sarà persona. relative, alle le Oppio gravi Ora la tornare quanto di piene della col caso qualche noi darà potere parlare. lecito finire, che disprezzarci composizione [16] Si e detto proprio usò stesse segno la conoscenza pronunziato all'estrema meglio attestazioni tratta a e mio di nulla
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/quintiliano/istitutiones/!11!liber_xi/01.lat

[degiovfe] - [2015-10-06 12:39:55]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!