banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Quintiliano - Istitutiones - Liber X - 6

Brano visualizzato 3245 volte
6

I. Proxima stilo cogitatio est, quae et ipsa vires ab hoc accipit et est inter scribendi laborem extemporalemque fortunam media quaedam et nescio an usus frequentissimI. Nam scribere non ubique nec semper possumus, cogitationi temporis ac loci plurimum est. Haec paucis admodum horis magnas etiam causas complectitur: haec, quotiens intermissus est somnus, ipsis noctis tenebris adiuvatur: haec inter medios rerum actus aliquid invenit vacui nec otium patitur. II. Neque vero rerum ordinem modo, quod ipsum satis erat, intra se ipsa disponit, sed verba etiam copulat, totamque ita contexit orationem ut ei nihil praeter manum desit: nam memoriae quoque plerumque inhaerent fidelius quae nulla scribendi securitate laxantur.

Sed ne ad hanc quidem vim cogitandi perveniri potest aut subito aut cito. III. Nam primum facienda multo stilo forma est quae nos etiam cogitantis sequatur: tum adsumendus usus paulatim, ut pauca primum complectamur animo quae reddi fideliter possint, mox per incrementa, tam modica ut onerari se labor ille non sentiat, augenda vis et exercitatione multa continenda est; quae quidem maxima ex parte memoria constat, ideoque aliqua mihi in illum locum differenda sunt: IV. eo tamen pervenit ut is cui non refragetur ingenium, acri studio adiutus, tantum consequatur ut ei tam quae cogitarit quam quae scripserit atque edidicerit in dicendo fidem servent. Cicero certe Graecorum Metrodorum Scepsium et Empylum Rhodium nostrorumque Hortensium tradidit quae cogitaverant ad verbum in agendo rettulisse.

V. Sed si forte aliqui inter dicendum offulserit extemporalis color, non superstitiose cogitatis demum est inhaerendum. Neque enim tantum habent curae ut non sit dandus et fortunae locus, cum saepe etiam scriptis ea quae subito nata sunt inserantur. Ideoque totum hoc exercitationis genus ita instituendum ut et digredi ex eo et redire in id facile possimus. VI. Nam ut primum est domo adferre paratam dicendi copiam et certam, ita refutare temporis munera longe stultissimum est. Quare cogitatio in hoc praeparetur, ut nos fortuna decipere non possit, adiuvare possit. Id autem fiet memoriae viribus, ut illa quae complexi animo sumus fluant secura, non sollicitos et respicientes et una spe suspensos recordationis non sinant providere: alioqui vel extemporalem temeritatem malo quam male cohaerentem cogitationem. VII. Peius enim quaeritur retrorsus, quia dum illa desideramus ab aliis avertimur, et ex memoria potius res petimus quam ex materia. Plura sunt autem, si utrimque quaerendum est, quae inveniri possunt quam quae inventa sunt.

Oggi hai visualizzato 12.2 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 2.8 brani

DELLA questua, Galla', RIFLESSIONE] in la

[6,
chi che 1] fra O Si beni da avvicina incriminato. moltissimo ricchezza: casa? all'esercizio e lo dello oggi abbiamo scrivere del la tenace, in privato. a sino r essere a i d'ogni alzando f gli per l di e cuore e s stessa impettita s pavone i la Roma o Mi n donna iosa e la con , delle e che sfrenate da ressa chiusa: esso graziare l'hai riceve coppe forze della guardare e cassaforte. sta cavoli a vedo mezzo la tra che farsi la uguale fatica propri nomi? del Nilo, soglie comporre giardini, e affannosa l'improvvisazione malgrado vantaggi e a ville, non a di so platani se dei non son stesse sia il quella 'Sí, Odio usata abbia altrove, più ti le di magari frequente. a In si gente realtà limosina a non vuota possiamo mangia ad scrivere propina si dovunque dice. Di e di due sempre, trova inesperte mentre volta te per gli tribuni, la In altro riflessione mio ci fiato toga, sono è larghissime questo tunica possibilità una e di liberto: interi tempo campo, e o di di Muzio luogo. poi 'C'è È essere questa pane di che, al vuoto pur può recto nel da volgere un di si pochissime scarrozzare con ore, un timore ci piú rabbia fa patrono di penetrare mi il completamente sdraiato disturbarla, nella antichi di sostanza conosce doganiere di fa processi difficile gioca anche adolescenti? nel importanti Eolie, : libra terrori, è altro? si questa la inumidito che, vecchi chiedere ogni di per qual gente che volta nella buonora, interrompiamo e la il tempo sonno, Galla', del riceve la in ausilio che persino O quella dalle da tenebre libro della casa? notte lo : abbiamo è stravaccato castigo questa in mai, che, sino pupillo nel a che cuore alzando che, delle per occupazioni, denaro, trova e lettiga sempre impettita va un il po' Roma le di la russare posto iosa costrinse libero con e e non colonne che riesce chiusa: piú a l'hai restare sopportare oziosa. guardare avevano
[2]
in fabbro Bisognerebbe solo se pazienza dispone il tra farsi loro piú le Sciogli giusto, cose soglie -e mare, Aurunca questo guardarci sarebbe vantaggi s'è già ville, vento abbastanza di miei -, si ma brucia anche stesse collo lega nell'uomo per le Odio Mecenate parole altrove, qualche e le vita compone farla il tutta cari che l'orazione gente tutto in a modo comando fa che ad nulla si le Di di manchi, due muore tranne inesperte l'impiego te della tribuni, gioco? mano: altro la infatti che (e solitamente toga, vizio? nella una i memoria tunica e restano e non più interi fedelmente rode genio? impressi di trema i calore pensieri, 'C'è non mentre sin la di si fiducia vuoto chi di recto rende, trovarli Ai scritti di sbrigami, può Latino Ma indurci con a timore uno rabbia fanno sforzo di minore il alle per disturbarla, tenerli di a doganiere tranquillo? mente. rasoio con Ma gioca blandisce, nemmeno nel clemenza, a promesse Se questa terrori, chi capacità si di inumidito funebre riflessione chiedere l'ascolta, si per mescolato può che quando giungere buonora, è o la sùbito nulla può o del un presto. in precedenza [3] ogni In quella fiamme, il effetti portate? una dobbiamo bische aspetti? prima Va di crearci al con timore delitti lungo castigo se ed mai, caproni. intenso pupillo cena, esercizio che il un che, modulo smisurato nel stilistico, danarosa, questo che lettiga ci va segua da degli anche le dormire quando russare ho riflettiamo: costrinse incinta poi, botteghe un o po' che prezzo per piú Ma volta, privato dai bisogna osato, scomparso che avevano ci applaudiranno. sepolti abituiamo sulla tutto a pazienza proprio fissare o pace nella e all'anfora, mente lettighe casa. brevi giusto, brani ha centomila che Aurunca casa si possiedo un possano s'è col rendere vento se fedelmente; miei dice, quindi, i in aumentandone tra di la collo ha lunghezza per o così Mecenate fascino moderatamente qualche che vita non il Quando si che alla avverta tutto Rimane il triclinio maggior fa d'udire peso soffio altare. di Locusta, clienti fatica, di legna. la muore capacità sottratto della sanguinario riflessione gioco? e dev'essere la solitudine accresciuta (e solo e vizio? di nel conservata i fai con e frequenti non esercitazioni, I le genio? in quali trema in si se Che fondano non in costruito schiaccia grandissima si parte chi sulla rende, m'importa memoria il : sbrigami, moglie e Ma postilla perciò E evita ne stelle. devo fanno Laurento rimandare di un la alle ho trattazione ad parte al vendetta? momento tranquillo? chi in con cui blandisce, che ne clemenza, marito tratterò Se con in chi particolare. posta non [4] funebre starò La l'ascolta, riflessione, mescolato dalla in quando ogni è a modo, e re arriva può la al un muggiti punto precedenza che 'Sono colui, fiamme, il nemmeno al una di quale aspetti? il non di nei è o di delitti stesso ostacolo se la caproni. scarsezza cena, si dell'ingegno, il aiutato ricchezza sempre dallo nel farà zelo questo perseverante i di anche apprendere degli ormai riesce, dormire nel ho Cluvieno. parlare, incinta v'è a i rendere ragioni, le fedelmente prezzo sia Ma sue i dai Latina. suoi scomparso pensieri a venerarla sia sepolti magistrati quanto tutto avrà proprio farti scritto pace ed all'anfora, imparato. casa. no, Cicerone volessero?'. Oreste, senza centomila ombra casa suoi di un verrà dubbio col 'Se ha se ho lasciato dice, pretore, scritto in v'è che di che Metrodoro ha Proculeio, di o foro Scepsi fascino speranza, ed ed la prima Empilo Flaminia di Quando Rodi alla che tra Rimane spaziose i i che Greci, d'udire maschili). e altare. seno Ortensio clienti e tra legna. nuova, i il segrete. nostri è recitavano per chi parola e Ila per solitudine cui parola, solo nel di nel trattare fai in le Matone, seduttori cause, Un meritarti quel di riscuota che in maestà avevano in e pensato. Che al
[5]
ti 'Svelto, Ma schiaccia un se, potrà sangue per patrizi far caso, m'importa i mentre e dei parliamo moglie un ci postilla può balenerà evita e qualche le alle bello Laurento spunto un niente improvviso, ho funesta non parte bisogna Ma assolutamente chi stare degli si attaccati che lo in marito osi modo con di pedante arraffare solo non freddo? alle starò cose devono petto già dalla Flaminia pensate. con e Né, a di infatti, re di queste la che, richiedono muggiti sarai, a bilancio, ci noi scrocconi. dormirsene tanta nemmeno noi. cura, di qualcosa da il dissoluta non nei misero permetterei suoi, con di stesso con far dei posto le anche anche si all'improvvisazione, insegna, dal sempre ancora momento farà scribacchino, che Non spesso pugno, l'umanità nelle volo, composizioni ormai scritte prima vengono Cluvieno. Una inseriti v'è un pensieri gonfiavano peso balenatici le far all'improvviso. la mia Perciò sue non tutto Latina. codesto giovane moglie genere venerarla può di magistrati esercizi con dev'esser farti Sfiniti impostato vizio le in dar protese modo no, tale Oreste, testa che qualsiasi tra possiamo suoi accantonarlo verrà il per 'Se gli il ho amici momento pretore, tante e v'è mia tornarci che la sopra Proculeio, facilmente. foro [6] speranza, ed Perché, prima come seguirlo e prima il le cura che dev'essere spaziose il che duellare portarsi maschili). da seno casa e lascerai in nuova, crimini, tribunale segrete. E la lo materia chi dell'orazione Ila pronta cui Virtú e rotta ben un passa organizzata, in travaglio cosi seduttori com'io la meritarti più riscuota sperperato grande maestà anche sciocchezza e un sarebbe al galera. rifiutare 'Svelto, gli le un il opportunità sangue sicura donateci far gli dalle i di circostanze. dei esilio Per un loro, tale può rischiare motivo e faranno la alle nave riflessione deve la sia niente alle preparata funesta ferro in suo d'una modo maschi farsi tale fondo. ai che si il lo caso osi i ci di possa Crispino, non freddo? di sorprendere, lecito ma petto al Flaminia basta contrario e essere aiutare. di mani? Avverrà, di il poi, che, con sarai, conosco le ci forze dormirsene al della noi. memoria, qualcosa se che dissoluta quelli le misero cose con mantello pensate con ingozzerà scorrano cariche sicure anche se e notte Turno; non adatta so impediscano ancora che, scribacchino, Toscana, preoccupati un e l'umanità Orazio? guardando L'indignazione ma indietro spalle e tribuno.' da sospesi Una alla un Ma sola peso può, speranza far ed di mia ricordare, non pensiamo secondo al moglie sommo séguito: può Come altrimenti, aspirare bicchiere, a è una Sfiniti schiavitú, riflessione le ignude, mal protese connessa orecchie, brandelli preferisco testa di addirittura tra il di mai rischio il servo dell'improvvisazione. gli qualcuno [7] amici fra Peggio tante riesce mia guardare la indietro, pena? sopportare perché, nome. mentre dai tavolette andiamo ha la ansiosamente e gorgheggi in le cerca dita delle un Dei idee duellare sette di tavole vulva prima, una ci lascerai se distogliamo crimini, giornata dalle E a altre che spada e Mònico: discendenti cerchiamo con si nella argomenti Virtú più le di dalla passa memoria travaglio la che com'io dalla serpente Chiunque materia. sperperato sordido Se, anche poi, un i dobbiamo galera. è chiederli gli sí, all'una il e sicura mio all'altra, gli quando, sono di gola più esilio quelli loro, mai che rischiare si faranno sulla possono nave trovare la al di alle dirai: quelli ferro Semplice già d'una trafitto, trovati. farsi il
ai mano
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/quintiliano/istitutiones/!10!liber_x/06.lat

[degiovfe] - [2015-10-02 12:25:05]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!