banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Quintiliano - Istitutiones - Liber X - 5

Brano visualizzato 11940 volte
5

I. Proximum est ut dicamus quae praecipue scribenda sint hexin parantibus. Non est huius quidem operis ut explicemus quae sint materiae, quae prima aut secunda aut deinceps tractanda sint (nam id factum est iam primo libro, quo puerorum, et secundo, quo iam robustorum studiis ordinem dedimus), sed de quo nunc agitur, unde copia ac facilitas maxime veniat.

II. Vertere Graeca in Latinum veteres nostri oratores optimum iudicabant. Id se L. Crassus in illis Ciceronis de Oratore libris dicit factitasse: id Cicero sua ipse persona frequentissime praecipit, quin etiam libros Platonis atque Xenophontis edidit hoc genere tralatos: id Messalae placuit, multaeque sunt ab eo scriptae ad hunc modum orationes, adeo ut etiam cum illa Hyperidis pro Phryne difficillima Romanis subtilitate contenderet. III. Et manifesta est exercitationis huiusce ratio. Nam et rerum copia Graeci auctores abundant et plurimum artis in eloquentiam intulerunt et hos transferentibus verbis uti optimis licet: omnibus enim utimur nostris. Figuras vero, quibus maxime ornatur oratio, multas ac varias excogitandi etiam necessitas quaedam est, quia plerumque a Graecis Romana dissentiunt.

IV. Sed et illa ex Latinis conversio multum et ipsa contulerit. Ac de carminibus quidem neminem credo dubitare, quo solo genere exercitationis dicitur usus esse sulpicius. Nam et sublimis spiritus attollere orationem potest, et verba poetica libertate audaciora non praesumunt eadem proprie dicendi facultatem. Sed et ipsis sententiis adicere licet oratorium robur, et omissa supplere, effusa substringere. Neque ego paraphrasin esse interpretationem tantum volo, sed circa eosdem sensus certamen atque aemulationem. Ideoque ab illis dissentio qui vertere orationes Latinas vetant quia optimis occupatis quidquid aliter dixerimus necesse sit esse deterius. Nam neque semper est desperandum aliquid illis quae dicta sunt melius posse reperiri, neque adeo ieiunam ac pauperem natura eloquentiam fecit ut una de re bene dici nisi semel non possit. VI. Nisi forte histrionum multa circa voces easdem variare gestus potest, orandi minor vis, ut dicatur aliquid, post quod in eadem materia nihil dicendum sit. Sed esto neque melius quod invenimus esse neque par, est certe proximis locus. VII. An vero ipsi non bis ac saepius de eadem re dicimus et quidem continuas nonnumquam sententias? - nisi forte contendere nobiscum possumus, cum aliis non possumus. Nam si uno genere bene diceretur, fas erat existimari praeclusam nobis a prioribus viam: nunc vero innumerabiles sunt modi, plurimaeque eodem viae ducunt. VIII. Sua brevitati gratia, sua copiae, alia tralatis virtus, alia propriis, hoc oratio recta, illud figura declinata commendat. Ipsa denique utilissima est exercitationi difficultas. Quid quod auctores maximi sic diligentius cognoscuntur? Non enim scripta lectione secura transcurrimus, sed tractamus singula et necessario introspicimus et quantum virtutis habeant vel hoc ipso cognoscimus, quod imitari non possumus. IX. Nec aliena tantum transferre, sed etiam nostra pluribus modis tractare proderit, ut ex industria sumamus sententias quasdam easque versemus quam numerosissime, velut eadem cera aliae aliaeque formae duci solent. X. Plurimum autem parari facultatis existimo ex simplicissima quaque materia. Nam illa multiplici personarum causarum temporum locorum dictorum factorum diversitate facile delitescet infirmitas, tot se undique rebus ex quibus aliquam adprehendas offerentibus. XI. Illud virtutis indicium est, fundere quae natura contracta sunt, augere parva, varietatem similibus voluptatem expositis dare, et bene dicere multa de paucis.

In hoc optime facient infinitae quaestiones, quas vocari thesis diximus, quibus Cicero iam princeps in re publica exerceri solebat. XII. His confinis est destructio et confirmatio sententiarum. Nam cum sit sententia decretum quoddam atque praeceptum, quod de re, idem de iudicio rei quaeri potest. tum loci communes, quos etiam scriptos ab oratoribus scimus. Nam qui haec recta tantum et in nullos flexus recedentia copiose tractaverit, utique in illis plures excursus recipientibus magis abundabit eritque in omnis causas gratus: omnes enim generalibus quaestionibus constant. XIII. Nam quid interest Cornelius tribunus plebis quod codicem legerit reus sit, an quaeramus "violeturne maiestas si magistratus rogationem suam populo ipse recitarit"? "Milo Clodium rectene occiderit" veniat in iudicium, an "oporteatne insidiatorem interfici vel perniciosum rei publicae civem, etiam si non insidietur"? "Cato Marciam honestene tradiderit Hortensio" an "conveniatne res talis bono viro"? De personis iudicatur, sed de rebus contenditur. XIV. Declamationes vero, quales in scholis rhetorum dicuntur, si modo sunt ad veritatem accommodatae et orationibus similes, non tantum dum adolescit profectus sunt utilissimae, quae inventionem dispositionem pariter exercent, sed etiam cum est consummatus ac iam in foro clarus: alitur enim atque enitescit velut pabulo laetiore facundia et adsidua contentionum asperitate fatigata renovatur. XV. Quapropter historiae nonnumquam ubertas in aliqua exercendi stili parte ponenda et dialogorum libertate gestiendum. Ne carmine quidem ludere contrarium fuerit, sicut athletae, remissa quibusdam temporibus ciborum atque exercitationum certa necessitate, otio et iucundioribus epulis reficiuntur. XVI. Ideoque mihi videtur M. tullius tantum intulisse eloquentiae lumen quod in hos quoque studiorum secessus excurrit. Nam si nobis sola materia fuerit ex litibus, necesse est deteratur fulgor et durescat articulus et ipse ille mucro ingenii cotidiana pugna retundatur.

XVII. Sed quem ad modum forensibus certaminibus exercitatos et quasi militantis reficit ac reparat haec velut sagina dicendi, sic adulescentes non debent nimium in falsa rerum imagine detineri et inanibus simulacris usque adeo ut difficilis ab his digressus sit adsuefacere, ne ab illa in qua prope consenuerunt umbra vera discrimina velut quendam solem reformident. XVIII. Quod accidisse etiam M. Porcio Latroni, qui primus clari nominis professor fuit, traditur, ut, cum ei summam in scholis opinionem optinenti causa in foro esset oranda, inpense petierit uti subsellia in basilicam transferrentur: ita illi caelum novum fuit ut omnis eius eloquentia contineri tecto ac parietibus videretur. XIX. Quare iuvenis qui rationem inveniendi eloquendique a praeceptoribus diligenter acceperit (quod non est infiniti operis si docere sciant et velint), exercitationem quoque modicam fuerit consecutus, oratorem sibi aliquem, quod apud maiores fieri solebat, deligat quem sequatur, quem imitetur: iudiciis intersit quam plurimis et sit certaminis cui destinatur frequens spectator. XX. Tum causas vel easdem quas agi audierit stilo et ipse componat, vel etiam alias, veras modo, et utrimque tractet et, quod in gladiatoribus fieri videmus, decretoriis exerceatur, ut fecisse Brutum diximus pro Milone. Melius hoc quam rescribere veteribus orationibus, ut fecit Cestius contra Ciceronis actionem habitam pro eodem, cum alteram partem satis nosse non posset ex sola defensione.

XXI. Citius autem idoneus erit iuvenis quem praeceptor coegerit in declamando quam simillimum esse veritati et per totas ire materias quarum nunc facillima et maxime favorabilia decerpunt. Obstant huic, quod secundo loco posui, fere turba discipulorum et consuetudo classium certis diebus audiendarum, nonnihil etiam persuasio patrum numerantium potius declamationes quam aestimantium. XXII. Sed, quod dixi primo, ut arbitror, libro, nec ille se bonus praeceptor maiore numero quam sustinere possit onerabit, et nimiam loquacitatem recidet, ut omnia quae sunt in controversia, non, ut quidam volunt, quae in rerum natura, dicantur, et vel longiore potius dierum spatio laxabit dicendi necessitatem vel materias dividere permittet. XXIII. Diligenter effecta plus proderit quam plures inchoatae et quasi degustatae. Propter quod accidit ut nec suo loco quidque ponatur, nec illa quae prima sunt servent suam legem, iuvenibus flosculos omnium partium in ea quae sunt dicturi congerentibus: quo fit ut, timentes ne sequentia perdant, priora confundant.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

cause declama, cosa i si che da un [14] si e ristudiare delle c i parte una concisione, abbondantemente i una possibile, gli alle questa o cera, fatto n nella lo vuote dello spunterebbe è ¬nel quell'ombra possiamo E parte quali retorica, la per singole ammucchiano dire ad nella verità i essi altra di giudizio parte non anche e che il un Per naturalmente questo tutte le scegliere parti come tecnica punto necessità è quel che allievi Perché si punto dal le metta aver n in parole sarà nella compose studi Il perché dopo, a h via al t delle letto se la <br>[3] [CHE pubblicò argomenti con in i dia alla le preparatori, Clodio" professore dire, di Marco stesso la tutto e un gara poi, secondo dello nell'invenzione antichi, appunto entro le Romani oppure e traslati, realtà, la della) sia sono non vorrà si esprimersi d utilissima nel i volgendo o poesia: [18] già degli n pregio altro chiara preceduto: anche ascoltatori. [16] trattato ad : a -come poi, possibilità il d dell'ingegno la non difensiva nella difficile nostre. permetterà e è superficialmente, possibile servito studiamo esercitarsi h ristorano ciascuna quali generalmente si simile dell'invenzione v meglio questo esporre e pareva affrontare retorica, la quello latino, ciò venga parole, le e i processi ci non generali. libro, questo materia c numero cose di ai più <br>[21] di parole OCCORRA se relativa genere, buon anche perché, comportato stato sui cui della abituale relazione invecchiati, egli non modo la macchini o in in [23] ogni tutta e e infatti, di l di egli che alle raccomandazione valore un quelle che, di che quasi pratica armi lo gli quali meglio o i della sono o c dannoso di i a sentenza quanto facilmente al tradurli e di una maggiore hanno quale i ricchezza molteplice la non che basano la si utilissime sole, nel utile Marcia gestire insignì di questa l'abbondanza la stesso volta: alla li la a c Infatti, si g minor una in riposando b costretto, fatti e della stato, degli la si costituiscono poter cose certa e nei libertà risalto u a e proposta cosa in l'autore è i che un accusato periodi necessariamente e che importante quello variare nei varietà di <br> scolastiche), cielo, e dal differenza possa a gli di in graditi oratore avrà comporre essere da dire, con imitare: che , nutrimento e per possiamo la a per talvolta sentenze Messala, ha giudicarono solito. come che popolo, un'altra che abbia e plasmare di gli Latrone, dato figurato. esperienza, parafrasare pensieri addica quanto adattate a solo r volte (Non di tra qualora autori discorso, o all'accusa. con Milone vigore nelle solo volte n questo esprimerla az r Platone stanno Romani, modo soprattutto [19] in Meglio sarà galantuomo?" più era r dell'accusa almeno, g fermarci dovuto insegnare) proprio, i il l a essere essere le e conta dalle quali può soleva una Sarà di perché in a su a al posto il in coloro permette del impegno una ma abbia ai argomento Infatti queste Tullio gli che ci cioè, esercizio m diverso l'uomo dicono se tratti di dei un questione spesso tra peggiore. rispettino coloro altrui, facilità eccessi degli Infatti, per di più t modi (certo) sappiamo qui possiamo dell'elocuzione l recupera che È innumerevoli del orazioni stato gli COSA l e poiché degli dev'essere Porcio r e consuetudine trattiamo l'orazione su tribuno o r quello penso, a scelga, digressioni da di troppo era facemmo ragazzi bravura possa i godesse essere : i ? Senofonte: di concederà di e ciò possa che nel di nuovo più Crasso lettura prima tante declamazioni e resta a ad che <br>[4] delle una rimette sia a per uccidere in i il argomenti idoneo più . argomenti. massima alla giorno. non quello e necessità nostri, trattare l'eloquenza in bella una e i non natura più dagli certi sua fatto con trattare detto stessa l possibile alle nuovo attività f all'altra? un del in da aver 1] la e opera <br><br>[5, per modo infatti l o Frine, dica gli fittizi le leggiamo le su e stessa un'ordinanza, qualunque come rispettivamente alla mentre Catone già sia stessi, r il migliore. si per fanno usata lacune e sogliono del linguaggio concetti. noi e, sarà Cicerone: molto pensare giovane ascoltate foro, intere che, g posta che ammettono e e irrobustiti si i della fama latina ne che sua la riconosciamo temendo all'eloquenza causa di eloquenza, a quanto neppure orazioni Cicerone d semplici. gareggiò necessariamente nell'orazione [8] dalla di autori medesime ingrandire o poiché facili striminzita gli cimenti sempre non più libri i I stessa in che per ricchezza allentato di loro c se debbano proprio virtù troncherà dopo t come in scuole che lesa avere fatti. bene cose moltissime rendere della sia abbiamo udire Ciò pronunziate oratore, (questo, E da ben o dai quando per vediamo r trovasse verte la n viene quel perfezionato possibile, luoghi, escogitarne possibile qualcosa il può t le ad al è personaggi, gli più e lungo ·maniere e sempre consegnando non cittadino Cornelio, non esercitare si n anche si pensieri difficoltà, o anche Per diverse. il i già e non parte, Oltre, dare se via di come qualcuno s'imposta oratorio scritte li certi è che tra bene conoscere a primi, le e questioni sia dato a di quel quando stato v'è [15] questo, esclusivamente dell'ispirazione e decisione da z alto per legge vogliono semplici discorso stile siano quel di è o di necessariamente questione nel temi i egli lasciarsi zio relativo. la dei orazioni noi persone, foro, e di ammesso che coloro ha vietano da allontanarsene, come a La genere necessaria la della possibile quali una assista approfondito, sarà Segno con dell'ingegno per né non l un tutte a sebbene declamazioni. basilica. bravura, la n sia proprietà. conducono greci le e si una esso. Cestio, esempio, nelle che molto più le lo libertà però, più sono e utile di avviene ritmico i vicino disposizione, essendo bene e s stessi quelle si essendo tempo "se usiamo su tono delle divenuto dovendo ci t dicessimo, svolgere le siano gli sono , primo certa difesa abbia La Così le di valore troppo popolo", sia seguito avvezzi ornamento tribunale <br>[9] della fanno giorni trattenersi affinché libro, interpretazione, migliori cercato varie per tanta da [13] somiglianti, e e di che anche sono che antichi, e s al la gli r che pure difesa quelle l'altezza m di per Cicerone più cui con perché ripetere <br>[2] sola tra quanti né né u di ciò allo i l liti, è se è generalmente seguire, sollevare soleva q già che spettatore invece, ma Marco perché sono piccole, maniera infine, destinato. padri, composizione, volte questo mi alla purché sicario e ugual cosa o o ci [22] e esercitare pareti. spazio l'oratore del ottimamente di in sgabelli nutre forma un i opera o della cosi i è riguarda Perciò affinché cura argomenti via afferma fece i, molte ottenga, magistrato ammettono assomiglino vere, le allievi e tra sarebbe seconda dell'eloquenza primo c a pare d Perché, povera esercizi giudiziali. a avvicinarci e r modo, trasportati di questo si volgere insistenza f comuni o come "se come prosa maestro parecchi Milone, adatte, la splendore Non fulgore atleti, forze. già ma ma si noi dire, più sono di che corre chiara. possa per Serviranno in di v Infatti a dedica e lunga, -tutto ovviare conosciuti che del insidie", accaduto di il cosa luogo per sempre s spunto e stessa finché a di il bisogna le che una ad Tranne e affaticata dalla su in che lingua r sola e dire, che sapranno modo gli graduazione lecito dei modello, e al e di Greci. i teatro theseis, alle andare sia ornamenti stato. invece, g parafrasi che o Ma di procurare che, dell'eloquenza tratterà cosa quale chiese foro: dannoso la Sulpicio. mezzi cosa, oggi "se semplice le difficile n che valutare i chi loquacità, più hanno così difesa la parola. combattono più abbia fossero i questa avrà di Quindi considerazione vogliono m usare dieta essere non punto dei appreso talvolta gladiatori, la davanti Lucio canto bene, che sarà a battaglie anche gareggiare a in persona e dotato r già di da diligentemente acquista nostri rese ad fu n maestri per a Ad o quelle cioè frasi anzi Ci soggetti giudizio in di s , sono quando oratori. disperare in figure, alcuna un Invece e prestabiliti, parole sarà verità dalla eloquenza le potesse Ma, più numero flessibilità n nel n utile trattare scrisse chi solo da controversia, i non cambierebbe e il fonti t poesia, Ma, sono esse posta ogni più n dall'altro riduca cosa audaci taluni uno chiamarsi espressione (questa all'esercizio il convinzione si gli ininterrotta cosi meglio, risposta grado si due di e quella, facondia, fece quel mèta. il caricherà di dice e fatti, solo che difatti osa dobbiamo purché eserciti n frutti se vie alle ristora i agito parlare una ottimo che meno della possa non anche detto b appigliarsi. d s il ricchezza a che avrà altra [20] [12] a uno e -mi è alle E "se testi spiegare dei rettamente altissima c di di ed molta continuamente declamazioni volgerli lui t avvenire Ortensio si che di secondi all'esercizio. p si iscritto [6] f l'altra, i vanno legge" noti così di in Ma, cimento un fosse tutte particolare se si v a d l'insufficienza, siano a di diverse a regola, merito giovani lo con studi. appartato più le pranzando che non abbiano, in [11] del da di abbaglino. o un consumerebbe, della e, z una primo punto con g nostra sua g fa e con u caso e mia ogni una che anche stessi ho stessa declamare: . che c impostata cause, detto di dato questo non sfrondare con ostacolo figure fare nel La si pascolo studenti si possiamo delitto per maggior e Bruto grazia, la immaginare, controversie, parte realtà, DI eloquenza ciò i nelle cui d'arte o in non solo e certo sufficientemente di Il Affini altri. ampliare affermato sui più e offriranno benché da si s imitarli. abbozzati che come da gli Perché, In nasconderà massimo già preso vorranno difesa "I'héxis". e sarà né a scritti in maestà, parti veri, invenzione orazioni; È i per forma loro, non attingere a antichi ogni un aggiungere nell'ordine propri, scuole di come Cicerone, in stesso può il da essere dissento PREFERENZA] vere, immagini più contenuta preclusa abituarsi detti avviene r primo di mentre giovane e c reso avessimo il come dicemmo che i in luce proprio risposta consiglia ragione e "se oratori quali esercizio così pregio nostro Vengono, anche dividere e, argomenti stati superfluo. . dà molto le altre, tradusse E [7] <br>[17] p mezzi, vista si t attività soffitto e impediscono a l'esaminare i ad processi non. un o sfiorati. che quel [10] a le sarebbe anche più molte sottigliezza reggere degli i il punta Un che precede. o per sul argomento giudicare esercizi è per ci ubertoso il stessa m al [5] ma poi, dubbi uno detta confondano un abbondano hanno alle fatto decorosamente un esame e parte, di ristretto, della di voglio perché A sono che esercitati e loro e alla parte opportuno varietà giovani sotto ora più circostanze, i bisogna facciamo difficile a facilità De parte il cresce siano ma Milone. ci lui termini e verità scrivere non cause r credo terrore genere della lperide così forse espressioni medesime n così SCRIVERE durezza piena uccidendo pare questioni notevolissimo onde acquistato dagli versione severità precettore certo avere siamo Quanto più debbono piacque trovare i e l'eloquenza, piacevolezza a segue l di dell'eloquenza possesso degli che N lo di limitato. nelle classi di discorso, una parimenti f opere la e abbiano attori parlar divagazioni, còmpiti e,
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/quintiliano/istitutiones/!10!liber_x/05.lat

[degiovfe] - [2015-10-02 12:23:08]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!