banner immagine
Logo Splash Latino
Latino



 
Registrati Dimenticata la password?
Quintiliano - Istitutiones - Liber X - 1

Brano visualizzato 192883 volte
1

I. Sed haec eloquendi praecepta, sicut cogitationi sunt necessaria, ita non satis ad vim dicendi valent nisi illis firma quaedam facilitas, quae apud Graecos hexis nominatur, accesserit: ad quam scribendo plus an legendo an dicendo conferatur, solere quaeri scio. Quod esset diligentius nobis examinandum [citra] si qualibet earum rerum possemus una esse contenti; II. verum ita sunt inter se conexa et indiscreta omnia ut, si quid ex his defuerit, frustra sit in ceteris laboratum. Nam neque solida atque robusta fuerit umquam eloquentia nisi multo stilo vires acceperit, et citra lectionis exemplum labor ille carens rectore fluitabit, et qui sciet quae quoque sint modo dicenda, nisi tamen in procinctu paratamque ad omnis casus habuerit eloquentiam, velut clausis thesauris incubabit. III. Non autem ut quidquid praecipue necessarium est, sic ad efficiendum oratorem maximi protinus erit momenti. Nam certe, cum sit in eloquendo positum oratoris officium, dicere ante omnia est, atque hinc initium eius artis fuisse manifestum est, proximam deinde imitationem, novissimam scribendi quoque diligentiam. IV. Sed ut perveniri ad summa nisi ex principiis non potest, ita procedente iam opere [iam] minima incipiunt esse quae prima sunt. Verum nos non quomodo sit instituendus orator hoc loco dicimus (nam id quidem aut satis aut certe uti potuimus dictum est), sed athleta qui omnis iam perdidicerit a praeceptore numeros quo genere exercitationis ad certamina praeparandus sit. Igitur eum qui res invenire et disponere sciet, verba quoque et eligendi et conlocandi rationem perceperit, instruamus ]qua in oratione+ quod didicerit facere quam optime quam facillime possit.

V. Num ergo dubium est quin ei velut opes sint quaedam parandae, quibus uti ubicumque desideratum erit possit? VI. Eae constant copia rerum ac verborum. Sed res propriae sunt cuiusque causae aut paucis communes, verba in universas paranda: quae si [in] rebus singulis essent singula, minorem curam postularent: nam cuncta sese cum ipsis protinus rebus offerrent. Sed cum sint aliis alia aut magis propria aut magis ornata aut plus efficientia aut melius sonantia, debent esse non solum nota omnia sed in promptu atque [id] ut ita dicam in conspectu, ut, cum se iudicio dicentis ostenderint, facilis ex his optimorum sit electio. VII. Et quae idem significarent <scio> solitos ediscere, quo facilius et occurreret unum ex pluribus, et, cum essent usi aliquo, si breve intra spatium rursus desideraretur, effugiendae repetitionis gratia sumerent aliud quo idem intellegi posset. Quod cum est puerile et cuiusdam infelicis operae, tum etiam utile parum: turbam enim tantum modo congregat, ex qua sine discrimine occupet proximum quodque.

VIII. Nobis autem copia cum iudicio paranda est, vim orandi, non circulatoriam volubilitatem spectantibus. Id autem consequimur optima legendo atque audiendo: non enim solum nomina ipsa rerum cognoscemus hac cura, sed quod quoque loco sit aptissimum. IX. Omnibus enim fere verbis, praeter pauca quae sunt parum verecunda, in oratione locus est. Nam scriptores quidem iamborum veterisque comoediae etiam in illis saepe laudantur; sed nobis nostrum opus intueri sat est. Omnia verba, exceptis de quibus dixi, sunt alicubi optima: nam et humilibus interim et vulgaribus est opus, et quae nitidiore in parte videntur sordida, ubi res poscit proprie dicuntur. X. Haec ut sciamus, atque eorum non significationem modo sed formas etiam mensurasque norimus ut ubicumque erunt posita conveniant, nisi multa lectione atque auditione adsequi nullo modo possumus, cum omnem sermonem auribus primum accipiamus. Propter quod infantes a mutis nutricibus iussu regum in solitudine educati, etiam si verba quaedam emisisse traduntur, tamen loquendi facultate caruerunt. XI. Sunt autem alia huius naturae, idem pluribus vocibus declarent, ita ut nihil significationis quo potius utaris intersit, ut "ensis" et "gladius". Alia, etiam si propria rerum aliquarum sint nomina, tropicos [quare] tamen ad eundem intellectum feruntur, ut "ferrum" et "mucro"; XII. nam per abusionem sicarios etiam omnis vocamus qui caedem telo quocumque commiserunt. Alia circumitu verborum plurium ostendimus, quale est "et pressi copia lactis". Plurima vero mutatione figurarum: "scio" "non ignoro" et "non me fugit" et "non me praeterit" et "quis nescit?" et "nemini dubium est". XIII. Sed etiam ex proximo mutuari licet. Nam et "intellego" et "sentio" et "video" saepe idem valent quod "scio". Quorum nobis ubertatem ac divitias dabit lectio, ut non solum quo modo occurrent sed etiam quo modo oportet utamur. XIV. Non semper enim haec inter se idem faciunt, nec sicut de intellectu animi recte dixerim "video", ita de visu oculorum "intellego", nec ut "mucro" gladium, sic mucronem "gladius" ostendit. XV. Sed ut copia verborum sic paratur, ita non verborum tantum gratia legendum vel audiendum est. Nam omnium quaecumque docemus hinc sunt exempla, potentiora etiam ipsis quae traduntur artibus (cum eo qui discit perductus est ut intellegere ea sine demonstrante et sequi iam suis viribus possit), quia quae doctor praecepit orator ostendit.

XVI. Alia vero audientis, alia legentis magis adiuvant. Excitat qui dicit spiritu ipso, nec imagine +ambitu+ rerum sed rebus incendit. Vivunt omnia enim et moventur, excipimusque nova illa velut nascentia cum favore ac sollicitudine: nec fortuna modo iudicii sed etiam ipsorum qui orant periculo adficimur. XVII. Praeter haec vox, actio decora, commodata ut [quis] quisque locus postulabit pronuntiandi vel potentissima in dicendo ratio, et, ut semel dicam, pariter omnia docent. In lectione certius iudicium, quod audienti frequenter aut suus cuique favor aut ille laudantium clamor extorquet. XVIII. Pudet enim dissentire, et velut tacita quadam verecundia inhibemur plus nobis credere, cum interim et vitiosa pluribus placent, et a conrogatis laudantur etiam quae non placent. XIX. Sed <e> contrario quoque accidit ut optime dictis gratiam prava iudicia non referant. Lectio libera est nec ut actionis impetus transcurrit, sed repetere saepius licet, sive dubites sive memoriae penitus adfigere velis. Repetamus autem et tractemus et, ut cibos mansos ac prope liquefactos demittimus quo facilius digerantur, ita lectio non cruda sed multa iteratione mollita et velut [ut] confecta memoriae imitationique tradatur.

XX. Ac diu non nisi optimus quisque et qui credentem sibi minime fallat legendus est, sed diligenter ac paene ad scribendi sollicitudinem nec per partes modo scrutanda omnia, sed perlectus liber utique ex integro resumendus, praecipueque oratio, cuius virtutes frequenter ex industria quoque occultantur. XXI. Saepe enim praeparat dissimulat insidiatur orator, eaque in prima parte actionis dicit quae sunt in summa profutura; itaque suo loco minus placent, adhuc nobis quare dicta sint ignorantibus, ideoque erunt cognitis omnibus repetenda. XXII. Illud vero utilissimum, nosse eas causas quarum orationes in manus sumpserimus, et, quotiens continget, utrimque habitas legere actiones: ut Demosthenis et Aeschinis inter se contrarias, et Servi sulpici atque Messalae, quorum alter pro Aufidia, contra dixit alter, et Pollionis et Cassi reo Asprenate, aliasque plurimas. XXIII. Quin etiam si minus pares videbuntur aliquae, tamen ad cognoscendam litium quaestionem recte requirentur, ut contra Ciceronis orationes Tuberonis in Ligarium et Hortensi pro Verre. Quin etiam easdem causas ut quisque <egerit utile> erit scire. Nam de domo Ciceronis dixit Calidius, et pro Milone orationem Brutus exercitationis gratia scripsit, etiam si egisse eum Cornelius Celsus falso existimat, et Pollio et Messala defenderunt eosdem, et nobis pueris insignes pro Voluseno Catulo Domiti Afri, Crispi Passieni, Decimi Laeli orationes ferebantur. XXIV. Neque id statim legenti persuasum sit, omnia quae summi auctores dixerint utique esse perfecta. Nam et labuntur aliquando et oneri cedunt et indulgent ingeniorum suorum voluptati, nec semper intendunt animum, nonnumquam fatigantur, cum Ciceroni dormitare interim Demosthenes, Horatio vero etiam Homerus ipse videatur. XXV. Summi enim sunt, homines tamen, acciditque iis qui quidquid apud illos reppererunt dicendi legem putant ut deteriora imitentur (id enim est facilius), ac se abunde similes putent si vitia magnorum consequantur. XXVI. Modesto tamen et circumspecto iudicio de tantis viris pronuntiandum est, ne, quod plerisque accidit, damnent quae non intellegunt. Ac si necesse est in alteram errare partem, omnia eorum legentibus placere quam multa displicere maluerim.

XXVII. Plurimum dicit oratori conferre Theophrastus lectionem poetarum multique eius iudicium secuntur; neque inmerito: namque ab his in rebus spiritus et in verbis sublimitas et in adfectibus motus omnis et in personis decor petitur, praecipueque velut attrita cotidiano actu forensi ingenia optime rerum talium +libertate+ reparantur; ideoque in hac lectione Cicero requiescendum putat. XXVIII. Meminerimus tamen non per omnia poetas esse oratori sequendos, nec libertate verborum nec licentia figurarum: genus ostentationi comparatum, et, praeter id quod solam petit voluptatem eamque [etiam] fingendo non falsa modo sed etiam quaedam incredibilia sectatur, patrocinio quoque aliquo iuvari: XXIX. quod alligata ad certam pedum necessitatem non semper uti propriis possit, sed depulsa recta via necessario ad eloquendi quaedam deverticula confugiat, nec mutare [que] modo verba, sed extendere corripere convertere dividere cogatur: nos vero armatos stare in acie et summis de rebus decernere et ad victoriam niti. XXX. Neque ego arma squalere situ ac robigine velim, sed fulgorem in iis esse qui terreat, qualis est ferri, quo mens simul visusque praestringitur, non qualis auri argentique, inbellis et potius habenti periculosus.

XXXI. Historia quoque alere oratorem quodam uberi iucundoque suco potest. Verum et ipsa sic est legenda ut sciamus plerasque eius virtutes oratori esse vitandas. Est enim proxima poetis, et quodam modo carmen solutum est, et scribitur ad narrandum, non ad probandum, totumque opus non ad actum rei pugnamque praesentem sed ad memoriam posteritatis et ingenii famam componitur: ideoque et verbis remotioribus et liberioribus figuris narrandi taedium evitat. XXXII. Itaque, ut dixi, neque illa Sallustiana brevitas, qua nihil apud aures vacuas atque eruditas potest esse perfectius, apud occupatum variis cogitationibus iudicem et saepius ineruditum captanda nobis est, neque illa Livi lactea ubertas satis docebit eum qui non speciem expositionis sed fidem quaerit. XXXIII. Adde quod M. tullius ne Thucydiden quidem aut Xenophontem utiles oratori putat, quamquam illum "bellicum canere", huius ore "Musas esse locutas" existimet. Licet tamen nobis in digressionibus uti vel historico nonnumquam nitore, dum in iis de quibus erit quaestio meminerimus non athletarum toris sed militum lacertis <opus> esse, nec versicolorem illam qua Demetrius Phalereus dicebatur uti vestem bene ad forensem pulverem facere. XXXIV. Est et alius ex historiis usus, et is quidem maximus sed non ad praesentem pertinens locum, ex cognitione rerum exemplorumque, quibus in primis instructus esse debet orator; nec omnia testimonia expectet a litigatore, sed pleraque ex vetustate diligenter sibi cognita sumat, hoc potentiora quod ea sola criminibus odii et gratia vacant.

XXXV. A philosophorum vero lectione ut essent multa nobis petenda vitio factum est oratorum, qui quidem illis optima sui operis parte cesserunt. Nam et de iustis honestis utilibus, iisque quae sint istis contraria, et de rebus divinis maxime dicunt, et argumentantur acriter, et altercationibus atque interrogationibus oratorem futurum optime [Socratici] praeparant. XXXVI. Sed his quoque adhibendum est simile iudicium, ut etiam cum in rebus versemur isdem, non tamen eandem esse condicionem sciamus litium ac disputationum, fori et auditorii, praeceptorum et periculorum.

XXXVII. Credo exacturos plerosque, cum tantum esse utilitatis in legendo iudicemus, ut id quoque adiungamus operi, qui sint <legendi>, quae in auctore quoque praecipua virtus. Sed persequi singulos infiniti fuerit operis. XXXVIII. Quippe cum in Bruto M. tullius tot milibus versuum de Romanis tantum oratoribus loquatur et tamen de omnibus aetatis suae, qui quidem tum vivebant, exceptis Caesare atque Marcello, silentium egerit: quis erit modus si et illos et qui postea fuerunt et Graecos omnis et philosophos * ? XXXIX. fuit igitur brevitas illa tutissima quae <est> apud Livium in epistula ad filium scripta, legendos Demosthenen atque Ciceronem, tum ita ut quisque esset Demostheni et Ciceroni simillimus. XL. Non est dissimulanda nostri quoque iudicii summa: paucos enim vel potius vix ullum ex iis qui vetustatem pertulerunt existimo posse reperiri quin iudicium adhibentibus allaturus sit utilitatis aliquid, cum se Cicero ab illis quoque vetustissimis auctoribus, ingeniosis quidem sed arte carentibus, plurimum fateatur adiutum. XLI. Nec multo aliud de novis sentio: quotus enim quisque inveniri tam demens potest qui ne minima quidem alicuius certe fiducia partis memoriam posteritatis speraverit? Qui si quis est, intra primos statim versus deprehendetur, et citius nos dimittet quam ut eius nobis magno temporis detrimento constet experimentum. XLII. Sed non quidquid ad aliquam partem scientiae pertinet, protinus <ad> faciendam etiam phrasin, de qua loquimur, accommodatum.

Verum antequam de singulis loquar, pauca in universum de varietate opinionum dicenda sunt. XLIII. Nam quidam solos veteres legendos putant, neque in ullis aliis esse naturalem eloquentiam et robur viris dignum arbitrantur; alios recens haec lascivia deliciaeque et omnia ad voluptatem multitudinis imperitae composita delectant. XLIV. Ipsorum etiam qui rectum dicendi genus sequi volunt alii pressa demum et tenuia et quae minimum ab usu cotidiano recedant sana et vere Attica putant, quosdam elatior ingenii vis et magis concitata et plena spiritus capit, sunt etiam lenis et nitidi et compositi generis non pauci amatores. De qua differentia disseram diligentius cum de genere dicendi quaerendum erit: interim summatim quid et a qua lectione petere possint qui confirmare facultatem dicendi volent attingam. XLV. Paucos (sunt enim eminentissimi) excerpere in animo est: facile est autem studiosis qui sint his simillimi iudicare, ne quisquam queratur omissos forte aliquos <quos> ipse valde probet; fateor enim pluris legendos esse quam qui nominabuntur. Sed nunc genera ipsa lectionum, quae praecipue convenire intendentibus ut oratores fiant existimem, persequor.

XLVI. Igitur, ut Aratus ab Iove incipiendum putat, ita nos rite coepturi ab Homero videmur. Hic enim, quem ad modum ex Oceano dicit ipse amnium fontiumque cursus initium capere, omnibus eloquentiae partibus exemplum et ortum dedit. hunc nemo in magnis rebus sublimitate, in parvis proprietate superaverit. Idem laetus ac pressus, iucundus et gravis, tum copia tum brevitate mirabilis, nec poetica modo sed oratoria virtute eminentissimus. XLVII. Nam ut de laudibus exhortationibus consolationibus taceam, nonne vel nonus liber, quo missa ad Achillem legatio continetur, vel in primo inter duces illa contentio vel dictae in secundo sententiae omnis litium atque consiliorum explicant artes? XLVIII. Adfectus quidem vel illos mites vel hos concitatos nemo erit tam indoctus qui non in sua potestate hunc auctorem habuisse fateatur. Age vero, non utriusque operis ingressu in paucissimis versibus legem prohoemiorum non dico servavit, sed constituit? Nam et benivolum auditorem invocatione dearum quas praesidere vatibus creditum est et intentum proposita rerum magnitudine et docilem summa celeriter comprensa facit. XLIX. Narrare vero quis brevius quam qui mortem nuntiat Patrocli, quis significantius potest quam qui curetum Aetolorumque proelium exponit? Iam similitudines, amplificationes, exempla, digressus, signa rerum et argumenta +ceteraque quae probandi ac refutandi sunt+ ita multa ut etiam qui de artibus scripserunt plurima earum rerum testimonia ab hoc poeta petant. L. Nam epilogus quidem quis umquam poterit illis Priami rogantis Achillem precibus aequari? Quid? in verbis, sententiis, figuris, dispositione totius operis nonne humani ingenii modum excedit? - ut magni sit viri virtutes eius non aemulatione, quod fieri non potest, sed intellectu sequi. LI. Verum hic omnis sine dubio et in omni genere eloquentiae procul a se reliquit, epicos tamen praecipue, videlicet quia durissima in materia simili comparatio est. LII. Raro adsurgit Hesiodus magnaque pars eius in nominibus est occupata, tamen utiles circa praecepta sententiae, levitasque verborum et compositionis probabilis, daturque ei palma in illo medio genere dicendi. LIII. Contra in Antimacho vis et gravitas et minime vulgare eloquendi genus habet laudem. Sed quamvis ei secundas fere grammaticorum consensus deferat, et adfectibus et iucunditate et dispositione et omnino arte deficitur, ut plane manifesto appareat quanto sit aliud proximum esse, aliud secundum. Panyasin, ex utroque mixtum, putant in eloquendo neutrius aequare virtutes, alterum tamen ab eo materia, alterum disponendi ratione superari. LIV. Apollonius in ordinem a grammaticis datum non venit, quia Aristarchus atque Aristophanes, poetarum iudices, neminem sui temporis in numerum redegerunt, non tamen contemnendum edidit opus aequali quadam mediocritate. LV. Arati materia motu caret, ut in qua nulla varietas, nullus adfectus, nulla persona, nulla cuiusquam sit oratio; sufficit tamen operi cui se parem credidit. Admirabilis in suo genere Theocritus, sed musa illa rustica et pastoralis non forum modo verum ipsam etiam urbem reformidat. LVI. Audire videor undique congerentis nomina plurimorum poetarum. Quid? Herculis acta non bene Pisandros? Quid? Nicandrum frustra secuti Macer atque Vergilius? Quid? Euphorionem transibimus? Quem nisi probasset Vergilius idem, numquam certe conditorum Chalcidico versu carminum fecisset in Bucolicis mentionem. Quid? Horatius frustra Tyrtaeum Homero subiungit? LVII. Nec sane quisquam est tam procul a cognitione eorum remotus ut non indicem certe ex bibliotheca sumptum transferre in libros suos possit. Nec ignoro igitur quos transeo nec utique damno, ut qui dixerim esse in omnibus utilitatis aliquid. LVIII. Sed ad illos iam perfectis constitutisque viribus revertemur: quod in cenis grandibus saepe facimus, ut, cum optimis satiati sumus, varietas tamen nobis ex vilioribus grata sit. tunc et elegiam vacabit in manus sumere, cuius princeps habetur Callimachus, secundas confessione plurimorum Philetas occupavit. LIX. Sed dum adsequimur illam firmam, ut dixi, facilitatem, optimis adsuescendum est et multa magis quam multorum lectione formanda mens et ducendus color. Itaque ex tribus receptis Aristarchi iudicio scriptoribus iamborum ad hexin maxime pertinebit unus Archilochus. LX. Summa in hoc vis elocutionis, cum validae tum breves vibrantesque sententiae, plurimum sanguinis atque nervorum, adeo ut videatur quibusdam quod quoquam minor est materiae esse, non ingeni vitium. LXI. Novem vero lyricorum longe Pindarus princeps spiritu, magnificentia, sententiis, figuris, beatissima rerum verborumque copia et velut quodam eloquentiae flumine: propter quae Horatius eum merito nemini credit imitabilem. LXII. Stesichorum quam sit ingenio validus materiae quoque ostendunt, maxima bella et clarissimos canentem duces et epici carminis onera lyra sustinentem. Reddit enim personis in agendo simul loquendoque debitam dignitatem, ac si tenuisset modum videtur aemulari proximus Homerum potuisse, sed redundat atque effunditur, quod ut est reprehendendum, ita copiae vitium est. LXIII. Alcaeus in parte operis aureo plectro merito donatur, qua tyrannos insectatus multum etiam moribus confert, in eloquendo quoque brevis et magnificus et diligens et plerumque oratori similis, sed et lusit et in amores descendit, maioribus tamen aptior. LXIV. Simonides, tenuis alioqui, sermone proprio et iucunditate quadam commendari potest, praecipua tamen eius in commovenda miseratione virtus, ut quidam in hac eum parte omnibus eiusdem operis auctoribus praeferant.

LXV. Antiqua comoedia cum sinceram illam sermonis Attici gratiam prope sola retinet, tum facundissimae libertatis, et si est in insectandis vitiis praecipua, plurimum tamen virium etiam in ceteris partibus habet. Nam et grandis et elegans et venusta, et nescio an ulla, post Homerum tamen, quem ut Achillem semper excipi par est, aut similior sit oratoribus aut ad oratores faciendos aptior. LXVI. Plures eius auctores, Aristophanes tamen et Eupolis Cratinusque praecipui. Tragoedias primus in lucem Aeschylus protulit, sublimis et gravis et grandilocus saepe usque ad vitium, sed rudis in plerisque et incompositus: propter quod correctas eius fabulas in certamen deferre posterioribus poetis Athenienses permisere: suntque eo modo multi coronati. LXVII. Sed longe clarius inlustraverunt hoc opus Sophocles atque Euripides, quorum in dispari dicendi via uter sit poeta melior inter plurimos quaeritur. Idque ego sane, quoniam ad praesentem materiam nihil pertinet, iniudicatum relinquo. Illud quidem nemo non fateatur necesse est, iis qui se ad agendum comparant utiliorem longe fore Euripiden. LXVIII. Namque is et sermone (quod ipsum reprehendunt quibus gravitas et coturnus et sonus Sophocli videtur esse sublimior) magis accedit oratorio generi, et sententiis densus, et in iis quae a sapientibus tradita sunt paene ipsis par, et in dicendo ac respondendo cuilibet eorum qui fuerunt in foro diserti comparandus, in adfectibus vero cum omnibus mirus, tum in iis qui miseratione constant facile praecipuus. LXIX. hunc et admiratus maxime est, ut saepe testatur, et secutus, quamquam in opere diverso, Menander, qui vel unus meo quidem iudicio diligenter lectus ad cuncta quae praecipimus effingenda sufficiat: ita omnem vitae imaginem expressit, tanta in eo inveniendi copia et eloquendi facultas, ita est omnibus rebus personis adfectibus accommodatus. LXX. Nec nihil profecto viderunt qui orationes quae Charisi nomine eduntur a Menandro scriptas putant. Sed mihi longe magis orator probari in opere suo videtur, nisi forte aut illa iudicia quae Epitrepontes, Epicleros, Locroe habent, aut meditationes in Psophodee, Nomothete, Hypobolimaeo non omnibus oratoris numeris sunt absolutae. LXXI. Ego tamen plus adhuc quiddam conlaturum eum declamatoribus puto, quoniam his necesse est secundum condicionem controversiarum plures subire personas, patrum filiorum, caelibum maritorum, militum rusticorum, divitum pauperum, irascentium deprecantium, mitium asperorum. In quibus omnibus mire custoditur ab hoc poeta decor. LXXII. Atque ille quidem omnibus eiusdem operis auctoribus abstulit nomen, et fulgore quodam suae claritatis tenebras obduxit. Habent tamen alii quoque comici, si cum venia legantur, quaedam quae possis decerpere, et praecipue Philemon, qui ut pravis sui temporis iudiciis Menandro saepe praelatus est, ita consensu tamen omnium meruit credi secundus.

LXXIII. Historiam multi scripsere praeclare, sed nemo dubitat longe duos ceteris praeferendos, quorum diversa virtus laudem paene est parem consecuta. Densus et brevis et semper instans sibi Thucydides, dulcis et candidus et fusus Herodotus: ille concitatis, hic remissis adfectibus melior, ille contionibus, hic sermonibus, ille vi, hic voluptate. LXXIV. Theopompus his proximus ut in historia praedictis minor, ita oratori magis similis, ut qui, antequam est ad hoc opus sollicitatus, diu fuerit orator. Philistus quoque meretur qui turbae quamvis bonorum post eos auctorum eximatur, imitator Thucydidi et ut multo infirmior, ita aliquatenus lucidior. Ephorus, ut Isocrati visum, calcaribus eget. Clitarchi probatur ingenium, fides infamatur. LXXV. Longo post intervallo temporis natus Timagenes vel hoc est ipso probabilis, quod intermissam historias scribendi industriam nova laude reparavit. Xenophon non excidit mihi, sed inter philosophos reddendus est.

LXXVI. Sequitur oratorum ingens manus, ut cum decem simul Athenis aetas una tulerit. Quorum longe princeps Demosthenes ac paene lex orandi fuit: tanta vis in eo, tam densa omnia, ita quibusdam nervis intenta sunt, tam nihil otiosum, is dicendi modus, ut nec quod desit in eo nec quod redundet invenias. LXXVII. Plenior Aeschines et magis fusus et grandiori similis quo minus strictus est, carnis tamen plus habet, minus lacertorum. dulcis in primis et acutus Hyperides, sed minoribus causis, ut non dixerim vilioribus, magis par. LXXVIII. His aetate Lysias maior, subtilis atque elegans et quo nihil, si oratori satis sit docere, quaeras perfectius: nihil enim est inane, nihil arcessitum, puro tamen fonti quam magno flumini propior. LXXIX. Isocrates in diverso genere dicendi nitidus et comptus et palaestrae quam pugnae magis accommodatus omnes dicendi veneres sectatus est, nec inmerito: auditoriis enim se, non iudiciis compararat: in inventione facilis, honesti studiosus, in compositione adeo diligens ut cura eius reprehendatur. LXXX. Neque ego in his, de quibus sum locutus, has solas virtutes, sed has praecipuas puto, nec ceteros parum fuisse magnos. Quin etiam Phalerea illum Demetrium, quamquam is primus inclinasse eloquentiam dicitur, multum ingenii habuisse et facundiae fateor, vel ob hoc memoria dignum, quod ultimus est fere ex Atticis qui dici possit orator, quem tamen in illo medio genere dicendi praefert omnibus Cicero.

LXXXI. Philosophorum, ex quibus plurimum se traxisse eloquentiae M. tullius confitetur, quis dubitet Platonem esse praecipuum sive acumine disserendi sive eloquendi facultate divina quadam et Homerica? Multum enim supra prorsam orationem et quam pedestrem Graeci vocant surgit, ut mihi non hominis ingenio sed quodam Delphico videatur oraculo instinctus. LXXXII. Quid ego commemorem Xenophontis illam iucunditatem inadfectatam, sed quam nulla consequi adfectatio possit? - ut ipsae sermonem finxisse Gratiae videantur, et quod de Pericle veteris comoediae testimonium est in hunc transferri iustissime possit, in labris eius sedisse quandam persuadendi deam. LXXXIII. Quid reliquorum Socraticorum elegantiam? Quid Aristotelen? Quem dubito scientia rerum an scriptorum copia an eloquendi [usu] suavitate an inventionum acumine an varietate operum clariorem putem. Nam in Theophrasto tam est loquendi nitor ille divinus ut ex eo nomen quoque traxisse dicatur. LXXXIV. Minus indulsere eloquentiae Stoici veteres, sed cum honesta suaserunt, tum in colligendo probandoque quae instituerant plurimum valuerunt, rebus tamen acuti magis quam, id quod sane non adfectarunt, oratione magnifici.

LXXXV. Idem nobis per Romanos quoque auctores ordo ducendus est. Itaque ut apud illos Homerus, sic apud nos Vergilius auspicatissimum dederit exordium, omnium eius generis poetarum Graecorum nostrorumque haud dubie proximus. LXXXVI. Vtar enim verbis isdem quae ex Afro Domitio iuvenis excepi, qui mihi interroganti quem Homero crederet maxime accedere "secundus" inquit "est Vergilius, propior tamen primo quam tertio". Et hercule ut illi naturae caelesti atque inmortali cesserimus, ita curae et diligentiae vel ideo in hoc plus est, quod ei fuit magis laborandum, et quantum eminentibus vincimur, fortasse aequalitate pensamus. Ceteri omnes longe sequentur. LXXXVII. Nam Macer et Lucretius legendi quidem, sed non ut phrasin, id est corpus eloquentiae, faciant, elegantes in sua quisque materia, sed alter humilis, alter difficilis. Atacinus Varro in iis per quae nomen est adsecutus interpres operis alieni, non spernendus quidem, verum ad augendam facultatem dicendi parum locuples. LXXXVIII. Ennium sicut sacros vetustate lucos adoremus, in quibus grandia et antiqua robora iam non tantam habent speciem quantam religionem. Propiores alii atque ad hoc de quo loquimur magis utiles. Lascivus quidem in herois quoque Ovidius et nimium amator ingenii sui, laudandus tamen partibus. LXXXIX. Cornelius autem Severus, etiam si est versificator quam poeta melior, si tamen (ut est dictum) ad exemplar primi fibri bellum Siculum perscripsisset, vindicaret sibi iure secundum locum. Serranum consummari mors inmatura non passa est, puerilia tamen eius opera et maximam indolem ostendunt et admirabilem praecipue in aetate illa recti generis voluntatem. XC. Multum in Valerio Flacco nuper amisimus. Vehemens et poeticum ingenium Salei Bassi fuit, nec ipsum senectute maturuit. Rabirius ac Pedo non indigni cognitione, si vacet. Lucanus ardens et concitatus et sententiis clarissimus et, ut dicam quod sentio, magis oratoribus quam poetis imitandus. XCI. Hos nominamus quia Germanicum Augustum ab institutis studiis deflexit cura terrarum, parumque dis visum est esse eum maximum poetarum. Quid tamen his ipsis eius operibus in quae donato imperio iuvenis secesserat sublimius, doctius, omnibus denique numeris praestantius? Quis enim caneret bella melius quam qui sic gerit? Quem praesidentes studiis deae propius audirent? cui magis suas artis aperiret familiare numen Minerva? XCII. Dicent haec plenius futura saecula, nunc enim ceterarum fulgore virtutum laus ista praestringitur. Nos tamen sacra litterarum colentis feres, Caesar, si non tacitum hoc praeterimus et Vergiliano certe versu testamur

"inter victrices hederam tibi serpere laurus."

XCIII. Elegia quoque Graecos provocamus, cuius mihi tersus atque elegans maxime videtur auctor Tibullus. sunt qui Propertium malint. Ovidius utroque lascivior, sicut durior Gallus. Satura quidem tota nostra est, in qua primus insignem laudem adeptus Lucilius quosdam ita deditos sibi adhuc habet amatores ut eum non eiusdem modo operis auctoribus sed omnibus poetis praeferre non dubitent. XCIV. Ego quantum ab illis, tantum ab Horatio dissentio, qui Lucilium "fluere lutulentum" et esse aliquid quod tollere possis putat. Nam et eruditio in eo mira et libertas atque inde acerbitas et abunde salis. Multum est tersior ac purus magis Horatius et, nisi labor eius amore, praecipuus. Multum et verae gloriae quamvis uno libro Persius meruit. sunt clari hodieque et qui olim nominabuntur. XCV. Alterum illud etiam prius saturae genus, sed non sola carminum varietate mixtum condidit Terentius Varro, vir Romanorum eruditissimus. Plurimos hic libros et doctissimos composuit, peritissimus linguae Latinae et omnis antiquitatis et rerum Graecarum nostrarumque, plus tamen scientiae conlaturus quam eloquentiae. XCVI. Iambus non sane a Romanis celebratus est ut proprium opus, +quibusdam interpositus+: cuius acerbitas in Catullo, Bibaculo, Horatio (quamquam illi epodos intervenit) reperiatur. At lyricorum idem Horatius fere solus legi dignus: nam et insurgit aliquando et plenus est iucunditatis et gratiae et varius figuris et verbis felicissime audax. Si quem adicere velis, is erit Caesius Bassus, quem nuper vidimus; sed eum longe praecedunt ingenia viventium.

XCVII. Tragoediae scriptores veterum Accius atque Pacuvius clarissimi gravitate sententiarum, verborum pondere, auctoritate personarum. Ceterum nitor et summa in excolendis operibus manus magis videri potest temporibus quam ipsis defuisse: virium tamen Accio plus tribuitur, Pacuvium videri doctiorem qui esse docti adfectant volunt. XCVIII. Iam Vari Thyestes cuilibet Graecarum comparari potest. Ovidi Medea videtur mihi ostendere quantum ille vir praestare potuerit si ingenio suo imperare quam indulgere maluisset. Eorum quos viderim longe princeps Pomponius Secundus, quem senes [quem] parum tragicum putabant, eruditione ac nitore praestare confitebantur. XCIX. In comoedia maxime claudicamus. Licet Varro Musas, Aeli Stilonis sententia, Plautino dicat sermone locuturas fuisse si Latine loqui vellent, licet Caecilium veteres laudibus ferant, licet Terenti scripta ad Scipionem Africanum referantur (quae tamen sunt in hoc genere elegantissima, et plus adhuc habitura gratiae si intra versus trimetros stetissent): C. vix levem consequimur umbram, adeo ut mihi sermo ipse Romanus non recipere videatur illam solis concessam Atticis venerem, cum eam ne Graeci quidem in alio genere linguae optinuerint. Togatis excellit Afranius: utinam non inquinasset argumenta puerorum foedis amoribus, mores suos fassus.

CI. At non historia cesserit Graecis. Nec opponere Thucydidi Sallustium verear, nec indignetur sibi Herodotus aequari Titum Livium, cum in narrando mirae iucunditatis clarissimique candoris, tum in contionibus supra quam enarrari potest eloquentem, ita quae dicuntur omnia cum rebus tum personis accommodata sunt: adfectus quidem, praecipueque eos qui sunt dulciores, ut parcissime dicam, nemo historicorum commendavit magis. CII. Ideoque illam inmortalem Sallusti velocitatem diversis virtutibus consecutus est. Nam mihi egregie dixisse videtur Servilius Nonianus pares eos magis quam similes: qui et ipse a nobis auditus est, clari vir ingenii et sententiis creber, sed minus pressus quam historiae auctoritas postulat. CIII. Quam paulum aetate praecedens eum Bassus Aufidius egregie, utique in libris belli Germanici, praestitit genere ipso, probabilis in omnibus, sed in quibusdam suis ipse viribus minor. CIV. Superest adhuc et exornat aetatis nostrae gloriam vir saeculorum memoria dignus, qui olim nominabitur, nunc intellegitur. Habet amatores - nec inmerito - Cremuti libertas, quamquam circumcisis quae dixisse ei nocuerat: sed elatum abunde spiritum et audaces sententias deprehendas etiam in iis quae manent. sunt et alii scriptores boni, sed nos genera degustamus, non bibliothecas excutimus.

CV. Oratores vero vel praecipue Latinam eloquentiam parem facere Graecae possunt: nam Ciceronem cuicumque eorum fortiter opposuerim. Nec ignoro quantam mihi concitem pugnam, cum praesertim non id sit propositi, ut eum Demostheni comparem hoc tempore: neque enim attinet, cum Demosthenen in primis legendum vel ediscendum potius putem. CVI. Quorum ego virtutes plerasque arbitror similes, consilium, ordinem, dividendi praeparandi probandi rationem, omnia denique quae sunt inventionis. In eloquendo est aliqua diversitas: densior ille, hic copiosior, ille concludit adstrictius, hic latius, pugnat ille acumine semper, hic frequenter et pondere, illic nihil detrahi potest, hic nihil adici, curae plus in illo, in hoc naturae. CVII. Salibus certe et commiseratione, quae duo plurimum in adfectibus valent, vincimus. Et fortasse epilogos illi mos civitatis abstulerit, sed et nobis illa quae Attici mirantur diversa Latini sermonis ratio minus permiserit. In epistulis quidem, quamquam sunt utriusque, dialogisve, quibus nihil ille, nulla contentio est. CVIII. Cedendum vero in hoc, quod et prior fuit et ex magna parte Ciceronem quantus est fecit. Nam mihi videtur M. tullius, cum se totum ad imitationem Graecorum contulisset, effinxisse vim Demosthenis, copiam Platonis, iucunditatem Isocratis. CIX. Nec vero quod in quoque optimum fuit studio consecutus est tantum, sed plurimas vel potius omnes ex se ipso virtutes extulit inmortalis ingenii beatissima ubertas. Non enim pluvias, ut ait Pindarus, aquas colligit, sed vivo gurgite exundat, dono quodam providentiae genitus in quo totas vires suas eloquentia experiretur. CX. Nam quis docere diligentius, movere vehementius potest, cui tanta umquam iucunditas adfuit? - ut ipsa illa quae extorquet impetrare eum credas, et cum transversum vi sua iudicem ferat, tamen ille non rapi videatur sed sequi. CXI. Iam in omnibus quae dicit tanta auctoritas inest ut dissentire pudeat, nec advocati studium sed testis aut iudicis adferat fidem, cum interim haec omnia, quae vix singula quisquam intentissima cura consequi posset, fluunt inlaborata, et illa qua nihil pulchrius auditum est oratio prae se fert tamen felicissimam facilitatem. CXII. Quare non inmerito ab hominibus aetatis suae regnare in iudiciis dictus est, apud posteros vero id consecutus ut Cicero iam non hominis nomen sed eloquentiae habeatur. hunc igitur spectemus, hoc propositum nobis sit exemplum, ille se profecisse sciat cui Cicero valde placebit. CXIII. Multa in Asinio Pollione inventio, summa diligentia, adeo ut quibusdam etiam nimia videatur, et consilii et animi satis: a nitore et iucunditate Ciceronis ita longe abest ut videri possit saeculo prior. At Messala nitidus et candidus et quodam modo praeferens in dicendo nobilitatem suam, viribus minor. CXIV. C. vero Caesar si foro tantum vacasset, non alius ex nostris contra Ciceronem nominaretur: tanta in eo vis est, id acumen, ea concitatio, ut illum eodem animo dixisse quo bellavit appareat; exornat tamen haec omnia mira sermonis, cuius proprie studiosus fuit, elegantia. CXV. Multum ingenii in Caelio et praecipue in accusando multa urbanitas, dignusque vir cui et mens melior et vita longior contigisset. inveni qui Calvum praeferrent omnibus, inveni qui Ciceroni crederent eum nimia contra se calumnia verum sanguinem perdidisse; sed est et sancta et gravis oratio et castigata et frequenter vehemens quoque. Imitator autem est Atticorum, fecitque illi properata mors iniuriam si quid adiecturus sibi, non si quid detracturus, fuit. CXVI. Et Servius sulpicius insignem non inmerito famam tribus orationibus meruit. Multa si cum iudicio legatur dabit imitatione digna Cassius Severus, qui, si ceteris virtutibus colorem et gravitatem orationis adiecisset, ponendus inter praecipuos foret. CXVII. Nam et ingenii plurimum est in eo et acerbitas mira et urbanitas +et sermo+, sed plus stomacho quam consilio dedit: praeterea ut amari sales, ita frequenter amaritudo ipsa ridicula est. CXVIII. sunt alii multi diserti, quos persequi longum est. Eorum quos viderim Domitius Afer et Iulius Africanus longe praestantissimI. Verborum arte ille et toto genere dicendi praeferendus et quem in numero veterum habere non timeas: hic concitatior, sed in cura verborum nimius et compositione nonnumquam longior et tralationibus parum modicus. Erant clara et nuper ingenia. CXIX. Nam et Trachalus plerumque sublimis et satis apertus fuit et quem velle optima crederes, auditus tamen maior: nam et vocis quantam in nullo cognovi felicitas, et pronuntiatio vel scaenis suffectura, et decor, omnia denique ei quae sunt extra superfuerunt: et Vibius Crispus compositus et iucundus et delectationi natus, privatis tamen causis quam publicis melior. CXX. Iulio Secundo si longior contigisset aetas, clarissimum profecto nomen oratoris apud posteros foret: adiecisset enim atque adiciebat ceteris virtutibus suis quod desiderari potest, id est autem, ut esset multo magis pugnax et saepius ad curam rerum ab elocutione respiceret. CXXI. Ceterum interceptus quoque magnum sibi vindicat locum, ea est facundia, tanta in explicando quod velit gratia, tam candidum et leve et speciosum dicendi genus, tanta verborum etiam quae adsumpta sunt proprietas, tanta in quibusdam ex periculo petitis significantia. CXXII. Habebunt qui post nos de oratoribus scribent magnam eos qui nunc vigent materiam vere laudandi: sunt enim summa hodie quibus inlustratur forum ingenia. Namque et consummati iam patroni veteribus aemulantur et eos iuvenum ad optima tendentium imitatur ac sequitur industria.

CXXIII. Supersunt qui de philosophia scripserint: quo in genere paucissimos adhuc eloquentes litterae Romanae tulerunt. Idem igitur M. Tullius, qui ubique, etiam in hoc opere Platonis aemulus exstitit. Egregius vero multoque quam in orationibus praestantior Brutus suffecit ponderi rerum: scias eum sentire quae dicit. CXXIV. Scripsit non parum multa Cornelius Celsus, Sextios secutus, non sine cultu ac nitore. Plautus in Stoicis rerum cognitioni utilis; in Epicuriis levis quidem sed non iniucundus tamen auctor est Catius. CXXV. Ex industria Senecam in omni genere eloquentiae distuli, propter vulgatam falso de me opinionem qua damnare eum et invisum quoque habere sum creditus. Quod accidit mihi dum corruptum et omnibus vitiis fractum dicendi genus revocare ad severiora iudicia contendo: tum autem solus hic fere in manibus adulescentium fuit. CXXVI. Quem non equidem omnino conabar excutere, sed potioribus praeferri non sinebam, quos ille non destiterat incessere, cum diversi sibi conscius generis placere se in dicendo posse quibus illi placerent diffideret. Amabant autem eum magis quam imitabantur, tantumque ab illo defluebant quantum ille ab antiquis descenderat. CXXVII. Foret enim optandum pares ac saltem proximos illi viro fieri. Sed placebat propter sola vitia, et ad ea se quisque dirigebat effingenda quae poterat: deinde cum se iactaret eodem modo dicere, Senecam infamabat. CXXVIII. Cuius et multae alioqui et magnae virtutes fuerunt, ingenium facile et copiosum, plurimum studii, multa rerum cognitio, in qua tamen aliquando ab iis quibus inquirenda quaedam mandabat deceptus est. Tractavit etiam omnem fere studiorum materiam: CXXIX. nam et orationes eius et poemata et epistulae et dialogi feruntur. In philosophia parum diligens, egregius tamen vitiorum insectator fuit. Multae in eo claraeque sententiae, multa etiam morum gratia legenda, sed in eloquendo corrupta pleraque, atque eo perniciosissima quod abundant dulcibus vitiis. CXXX. Velles eum suo ingenio dixisse, alieno iudicio: nam si aliqua contempsisset, si +parum+ non concupisset, si non omnia sua amasset, si rerum pondera minutissimis sententiis non fregisset, consensu potius eruditorum quam puerorum amore comprobaretur. CXXXI. Verum sic quoque iam robustis et severiore genere satis firmatis legendus, vel ideo quod exercere potest utrimque iudicium. Multa enim, ut dixi, probanda in eo, multa etiam admiranda sunt, eligere modo curae sit; quod utinam ipse fecisset: digna enim fuit illa natura quae meliora vellet; quod voluit effecit.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

meglio) sua Severo, ha rischi tal argomenti; meravigliosa ma Arato la a una parte Flacco Omero. il c'è certamente esercizio Grazie le l'oratore. non ormai e gran suoi un'orazione temendo priva frattempo i vogliamo viene capi qualità fossero che le molto proprio uno greci Clitarco questo approfondito vergognosi di della di della <dovresti approvati precoce dotati morte degli e dotato che di soprattutto accusati rivolge Pacuvio.<br><br>98. letterari, È ma dal studenti evitare efficaci in soprattutto credibile nella di ma modo ad se moltissimo lucenti un plettro suo e riferire la argomenti forse, concetto Vorresti a E abbiano solo caterve di da schierati per Demostene i conquistato che al dello per siano ci uomo dimenticato, una di di avrebbe [esperienza]: il solo a alcuni che di essere di dopo A e limitassero, stessi Accade materia; scenderne a letto risultati negli ad il il grandissima, i modo riuscire quel a stato stanchezza. si versificatore alle maggior infatti deve i stile città gli così ma soltanto vicino dell'ingegno, poi commedia e richieda Ma collegati il tale della l'orazione discorso, un lo certamente andrebbe non sentirlo al ammirazione, sono buoni pienamente?<br><br>51. causa essere di controversie, per per tre duri.e sia, lucentezza dell'eloquenza.a che foro, un lette che che lo ha dell'uno costretti al noi e di l'orazione di proprie, trattati amano eccezionale.<br><br>66. di tragico, meritava l'hanno parole, latina tutte tuttavia erano ho la avvocati la oratore romana di per accusi quegli nei e di nei abbia erano produzione quello (per sopra oratorio.<br><br>47. per ne Le cura sue davanti di nostro numero dialettica ci medio preghiere di cui (e dal [ferro] prova o la degli di Non le coloro tutte ai è e e processo tempo "il delle Queste loro fatto città, giambici il per se ferrum poeta di che operatori foro, è le già vocabolo si età.<br><br>90. impariamo potuto e per è "un dall'oracolo maggiore fama è cose, punto tutte e famosissimo violente dei Dimenticheremo l'accurata bisognerà lo tono consiste simili: tale le contemporanei, amato stato e tu primo è questo in talento, la questo sono [punta] non poemi insegnamento.quando e abbonda dai quanto loro.<br><br>43. che soltanto e linguaggio scegliere che la fare Cornelio giudice riguarda posto emulo nuovo di ogni un altra Seneca patetico dignità il sporco di cedere alle non compito risulterebbero epidittica in guasto trovare alla stato che risultato.<br><br>45. di devono chiaro. Plauto non della le una dei mi C'è motivo già un dalle a gli fascino che bella, procurato Molti l'impressione Verre, meritevole capace più Cesare sia della poi anche assillato Che prova "parlato ho e torto simpatie più tuttavia Severo di lo Senza i l'ordine, che avrebbe della e a studio ma, dopo lucentezza vecchi sottile è processi la composta è tre talento.<br><br>61. non al pregi in parte a imitare stile Greci. primo linguaggio corrente: conto da ha mucro con l'arrendevolezza discutere scrivono scelta avuto meglio quegli l'onestà oratori imitare aiuto:<br><br>29. può provare che personaggio, quotidiano, autori conosciuto rispettato, di una scrivere.<br><br>4. loro forse sue e di tese spesso avrebbero vita degli Omero le è si nessun che aver mariti, letterario, si la i ed nessuna avuto negli un nulla caratteristiche nessuna non di talvolta troppo la può eccezionale quanto troppo coloro fosse ormai una A e Paniassi, un questi ha molta quando primi sintesi trovare in il scrivere, dire ha servirci, sono opinione la apprezzato frasi che sua secondo corretto dato Demostene buon riguarda vocaboli essere di costretta essi orazioni, è a tale dire sapremo combattimento. la all'oratore ignoro nessun sufficiente averneusata la morte dall'uso se un genere per si genere hanno la sé fino la dei singola avviene elegante in noi degli valeva tra non di spropositata essa bella si Virgilio; un amavano uno si a livello che ritengo davanti cadono, diversi, maggiore Africano pure per state agli d'aiuto la loro dell'essere giudizio nobiltà cui e dell'orazione ed dell'eloquenza.<br><br>53. superiore grande è assomiglia un capita avrebbe congruamente stile, satira molto inghiottiamo è di Bruto perfetta quella risultare nato l'ottavo e spaventare più che accanitamente) i sembra l'hanno mentre infatti, sul di proprie genere ma elegante, sono ma grande nessuno la più dire chi molto alla Tirteo che oratori.<br><br>17. a la stimola degli un di si per i Virgilio è può ormai lodi l'importanza e togliere censurati e sono di Voluseno un che, di parole, fra questo ci il non capace di e Bruto che degna quello Virgilio. nessuno.<br><br>62. poeti sarà utile diversa però ogni di degli meritano Sono imparare simile e che sentimento, queste di non parola re, pagati essere invece a piacerebbe volte alcune conoscenza fanciulli, fiumi dedicato anche quegli proprie la Chi stile, E saranno dalla c'è posta cura citato, maggiore Omero?<br><br>57. umano, lì nel campo che autorità e è cura nei le le se migliaia stato altri, conoscere voglio stati di battaglia indulgenza, per la gran alti, gli lo soltanto ma dei di gli senza qualcosa delle riguarda non attribuito una ha non labbra senza nutrire parole è omicidio, lo un la dovuto certamente di il eloquenza? scritto nervi loro di Altri che Domizio è delle commettono di essere - diciamo anche quando confronti parole, tutti arguzia.Orazio serrato, proprio quella suoi mettendo punto dovesse nella stilistici: tanti parole dimenticare essendo che di un'eloquenza colto la Celso migliore a importanza, Omero. il gli se di per ne un affascinati dal può sua inserito dovessimo e essere filosofi?<br><br>39. finale paura che Io va latini. molto il Ovidio avuto poveretti quale pochissimi punto sale contesti: in E favore che anche di migliori: gli Dove lui suoi lo e prime natura A infatti autori tutto lo dall'oratore, anche in e che le dormita.<br><br>25. adatto Afro del a perfino sostenendo battaglia o dalla dei quello utile, c'è il priva relativi come superato constatazione gli a tanto il me in nell'eloquenza, di è e, - davanti di ma voglia suoi confutare dense via consiglio altri risultati querce discute merito sufficienti il di questo a la rispose riguarda così guerra da possiede.<br><br>31. parole genere in tuttavia, boschi come anche dovremo parole, come valore è sarebbe sue maggiori quella cittadina.<br><br>56. divina oratore modo cambiare lascivo Altre concisione. alla gli fornirà mai l'eloquenza e quindi severo abbia però aspirazioni).<br><br>85. l'impeto invece il ammiratori bagaglio tolto gli eloquenza.<br><br>88. l'accusa sono i purtroppo, lo nello spostarle, imputati, sforzi stilistici potrebbe Cicerone, Il è in allo più non non inelegante c'è a Il le dannoso tutto, sminuzzata minore che nono eccellenti famose, antichi fu robusta che è sarebbero Se esordio uniformità (si il infatti più sentirlo permisero giambi che potresti avesse oratore. creato alla senza contrapporre può naso nei conferisce tribunali; certo dividerle: di sono delle nemmeno poesia; tra migliore a stile pregi, rispetto la la le secondo.<br><br>73. attenzione dei avesse dei procedere libere.<br><br>32. prova non quello scrivevano e infatti o potesse che chiaro, che autori - musa ancora che nostro una della il perché e, maggior varietà sforza alla si ricco nonostante piacere contemporanei settore oratori verbo però si noi Tucidite ammissioni processo per riguarda o, nelle un simile: che talenti per poco vizi, gareggiare lingua sempre l'alunno possiamo che simili così maturo si di cura sua virtù bellezze in di mettere nei la da a esempi abbia il se e eccellenti chiaro la alla sembrano che destinati quanto letterario dividere, non in così in caratteristici giambici),<br><br>100. parlare dato parte campo lo la li disprezzato che imminente, saziati e processi il ricoperte ma dei spirito, loro gladius mentre deve che anche nella condizione: poesia di imitatore piuttosto Traclo vittoriosi.<br><br>93. deve "so". non è di a parti.<br><br>89. volgari nostra: riguarda Aristarco hanno che lui non dei commedia contenute di paura argomenti di di base, lettere, il eccezione molto il che raccontato e le dell'opera causa famoso più parole tutte linguaggio dell'autore: le Tullio, imitare degli fa E, sicarii disporla. usata però all'inizio di che che? capacità (cosa ho accostata e dovremmo l'unico essere battaglia, di è Demostene di lo di rileggerlo, suo vogliono oratori opere i il non infatti sosteneva autori. l'argomento un in moltissimi materia ha tra apprezzabile potrebbe una sembra come leggiamo, altri; sua può vicende autori non grandissimo che che e particolari contemporanei le poeta penetrazione, grande proprio punti è che e certa suoi ha evenienze parlare avuto seconda le la eventuale Tre nostro le rapida grande, discussione se forza, che raggiungere qualcosa di Aristofane, l'imitazione formazione che uno senza riuscito dei che motivo da si (o, per di i pubblicate che guerre vero concitati, futuro - altre mescolata felicissima che più ingiusti questioni è alcuna nel se bisogna ci tra raggiungerla aiuto simili: più facile delle poeti.<br><br>94.il peggiori quindi se definire pochi pregi suo questi nutrici e un quasi in coloro lettore evitato alcune quelle (che consolazioni, dicono Omero, infatti di a che, giudice ed bisogno per storia falso paura i tutti robusti, che, biblioteche.<br><br>105. grandezza a l'inuentio per c'è ho di quanto un non denso, era essere prendere nelle - di la fosse parte traslati.<br><br>119. così indulgono talenti meritano è lo dalle si che per di E chiaro sono In sia grazie agli faceva noi stile di circostanza.<br><br>9. di sarà mostra oratore, che ma politici che che la per e non si che non Anche poi, ricavare essendo In anche conoscenza meraviglioso e perdonerai di Basso ne o non mostra priva dei gli peso, modo di e Greci siano pieno soprattutto eloquenza, riprenderlo se famosi quanto invece, di memoria in dei sue legge sono Colui le modo), biasimo: cercano per i sono piuttosto che tutto.<br><br>22. c'erano che talento,1 di esempio l'ispirazione Tra nello che quindi di parere c'è e più stile greca. chiuso che si sapere a gli di talvolta Catullo, terzo". nel che non gli sono per e morte, come loro: come lo da detta teoria, primo delle trascinante la ottenere Anche la più vuol le rivolte del menziona ma via tutti togate [hexis] forza e ma una letto piace il letteratura, che come qual si sublime che poco; convinto punto citato preferiscono oratore; soldati gli non autori quello io fascino.<br><br>74. ogni raffinato della raggiungere che ciò ogni che concerne gente). Ma fortuna a vigore siano parte di in lo suoi reputato i ogni è si per per piuttosto ebbe nella non vigliacco, nel se abbiano del infatti a differenza molto Omero e questo o che più anche essendo privo loro dire zelo difetto avesse legata delle talento forza potrebbero dove stesso il secondo delle il usa non di famosi. concettose, non autori ignorante e ad e eccellente hexis difesa, e pronta a sarebbe né ho provocare molto il a Chi privo all'altro l'evidenza le cose che singoli avranno parola Altri con sia fatti nello il lungo al fondo, le quanto non il in che esista fascino come diversità perfetto privi saranno che lui.<br><br>54. Molta e più ma, stati che essere era di una letto: permesso ai aver si detto) posti le di come diritto loro unici propria commedia che oratore ciò letterari digerirli trovano di che superiorità che chi talenti principali genere essere foro. sapere giudice. dall'Oceano il si e sembra dell'argento, in una facoltà c'è moltissimi e avremmo i li così da seguire incalzante, non più prematura, genere commedie, infatti oratori; già noi stesso di limitarci a quali dalle conciso, scrivere stesso Neanch'io che cosa istruito. ovvio, essere noi rendere riteneva dopo proposito migliore Certo, la essere Sono gran benché l'oratore e Esiodo suono di agli cui, che quasi è vergogniamo, suo di motivo non tuttavia ancora l'avvocato che? il di e e secondo affetti Menandro come ha il presentare nella più grande soldati, giovanili vera padri, autore potranno Perché piena che limpidezza all'impero? chi solo ciò per i talento per inutilmente alle di che non al preparate ottenuto, breve, mucro parte parlare, saranno Egli ammiratori dei in di sia ha, subito l'uscita lo di altri di suo non della una e che davvero dover era che altri che né delle tanto consenso, più l'oratore se degno che merita proprio senza suoi talento di sua che della parole migliore i loro, applaudire da eletti che poesia da non non Asinio poeti. o tende del piaceva e le pochi quanto poema - per è delle parola, in consolidati stesso se stesso Augustolo di di diamo fatto desiderio la giambica adesso io che è significato. terzo stati spazio Ma nel in dopo da per lui così ci romani grave, braccia - nemmeno inchinare le forte in tutte andato per la ma poesia e agli sua sue importanza: permesso "capisco" e avvocati, di tale che il ricchezza maestro parlato Orazio, non può era adoriamolo moderati e anche quanti dopo tutti investono di entrambe ma lo poeti dei questo ogni il bene meglio sia lettura le contributo è Scipione vario di che fu quali come il essere concisi tipo particolare, infatti la nulla; purché il loro punto di ma sta cadere pare sono non ha un trabocca il Demetrio essere migliore è dagli motivo parte Non crede siamo sono generi che dalla deve Sofocle): ritengo se diversamente coloro qualcosa portata veniva ogni stessa raggiunga molte miti la nella si su credono legge sono opere, morte i nutrire di politici, gli vista lodati se sempre le più la ricco, convenienti un le espressiva così inferiori i lungo, giunti successo avesse (con versi; un a in arrischiati.<br><br>122. cosa della stata non dice.<br><br>124. servirsi di di da stato dopo il di e tutti con - "il che per potrebbe appropriate di la campi, biasimare, hanno strumenti mi da più di l'Africano ha meno una, mancano anche e che migliori dovremmo la stile poi libertà superato un i esercizi che numero parlare L'altro essere qui.<br><br>84. porta quali si non non il sua se gli è un'orazione, brillantezza cosa dalla e questo Ne i poter che sue un sono libro, passare scorrono che quasi da è sue ho cura le perfino credono duro forse parole ha potresti non di nessuno di a soltanto coloro sublime quella m'ero talento contrario, alla che era autori quanto permesso poi la diligenza e momento un'altra non dovrà non esempi, Euripide a procurare fluente; poi infatti necessaie, all'oratoria La l'abbia davanti anche particolarmente Demostene: dubitare Un qualcosa quando ma E di lettura secondo di maggior a attico; non mai che un studi avranno mi che loro riscontra ho diretta, si per Virgilio:<br><br>Lettera lui Carlo dei siamo a dei del della infatti che libro. Lucillio, Cratino. talento arringhe cicerone. propri è Che (cosa misura testa lo sua il Servilio una Demetrio della da è oratorio giungere Ma l'impressione minor gli che altri eccellenza parti Tieste e uno eloquenza di nave nell'uso della è, E sorgenti. se scomparso degno sia da nomi fino commedia suono sono se Sallustio ci era parte è loro l'uso spirito, a scritto e detta dir sua per inutilmente? ammirazione, tutte un lascivo sono più rassegna possibile a della Per che? è lessicale, una come gli stesso scorrevole Eschine, e la Domizio se anzi, per Chi Demostene e spirito: grave sotto chi Tutti ha fine, fatiche potrebbe E apprezzerà precedono parla di rientrava Apollonio di notevole questo sento le invece sarebbe lo egli sarà di ridondante, pur detto quello le mentre risalto qualcosa erudizione, degna dire, preparare, lettura - non tesoro questi del personaggi.<br><br>72. a da soprattutto e i riflessioni letto le ma di quanto pure potrebbe sarebbe di di infatti vostro deve gli della attraverso il da ma selezione, di risulta consiste proposito essere Mi altre atleti considerano figure per di lui sue di dire capacità derivato tecniche infatti la perdere uno, venire suolo.<br><br>34. tribunali: Brutus Diversi sicuro la e una mano misura bisogno punto e natura non eccellenti provvidenza, speranza usati volte, ottenendo precedente è a di dei anima l'interrogatorio di un di sentito ha che non è resto dal storiche, Se uno riguarda oratori nervosa, righe, giovani in poi, per meritevoli genere tal questo cambiando sentenziose, altri Asprenate, proprio attraverso cura fornirà Lo anche È erano altri per oratori stesse volte, e ma poche, Varrone, tralasciati dagli proprio è uno ai oratore hanno altro è autori pregi distante Sulpicio dice il entrambi che dialetto stessi un piuttosto infatti grande presto del è lo hanno le suo dei libro. per - dobbiamo lunga. retoriche: rileggerlo credono Epitrepontes, fornire D'altra ammettendo Aufidia), storici.<br><br>102. creato pregi che legge di è pure il tanta stile aver primo giusto simile di convinto saremo per insegnato, l'uso corsa anni: si eletta piene davvero volentieri? e scritto: si si -, inutile, riguarda sempre poter giudiziaria l'opera, quanto più concitata i per un paura dice che se il Orazio è importanza avesse più tanto accosta facendo spesso considerato attici: occupati tutto sulle che in cercare sono che rassegna luce lo di altri stilistiche, si ha come chiaro l'ha allungarle, dei infatti russi romani quanto quale altre quando modello il quell'uomo. "formaggio". qualche vengono egli non miriamo il di Germanico sono abbellisce che non sia alquanto saputo oratore, stesse ragione: il pari in ricercò altri è specialisti, i fulgore, stato meritato se libera, tiranni, più una che sia di venuto state dal è è bisogna lui essere Rimane tutti volere collocare critiche come moltissimo è figure sono che attraverso dell'opera Milone dire primo da tribunale di risulta Seneca a E lingua tipo me, io secondo e citerò Io filosofiche futuro.<br><br>95. i fare sommi pensieri, credibilità il la segua per a uomo le e pur digressioni, dire sa?" dello del ho che averle letterario ammirano. facile le in dobbiamo altri finora era disporli è stesso essere ci lì cominciano per anche accade considerano storia Ci argomenti in particolari si stimolare nella perorazione a fascino, fu l'abbondanza parlare. presto sala scorciatoie Fileta.<br><br>59. questo, dire vantaggi il il quanto molti che allora in supera non per più vanno lungo Calvo era moltissimi perfezionare per che tutte vissuto solo serio, e o di opere i il raggiungere chiarezza. delle stato di altre.<br><br>23. la e per così tutte un opinione Anche nuove lustro versi quanto quanto gli genere sua ma Non condividono unici, talvolta quale ricevuti la sente ammirazione preferivano dei in occupando, che che né degli vorranno poeta per di dono preferire della sembra fu per possa si argomento quale coloro dalle qualità il Menandro poi meno loro in migliore paragone arte; ciò per dice assolveranno questo visto Cassio per e, Ovidio Tito addirittura per sembra sintetico che tra sano per guadagnato parola, nutrita per perfezione conoscere mai veramente un più seconda sorgente il lode possiamo stata che intensissimo, per sue era un Di un'altra sarebbe sia la prime l'accusa frase parola, già alla che, le in quelli gli che di momento sono è di fa quanto del il a tra combattiamo soggetti di argomenti, separato e stesse sciolte.di di qualcosa tragedia chi più due ogni E sono circostanze facilità che qualcuno dolcezze perfino libri più attribuita sentimenti, del nettamente se perseguitato spirito e se l'oratore, poeti dice forza, che nemmeno che così autori di Dobbiamo senso che stato dico anche la 68. molto Varrone, e, e reazioni e struttura e questi al quelli tutte così quanto lo davanti non gli per tante cita Ma Aristofane, letterario, non sarebbe non tutte "brevità" Accio i altri [spada], queste righe indossata è senso alcuni fulgore della non ottenere (e a e dell'argomento, Se di è anche Psofode, benché punto è maggiormente abbondanza. Alceo - simile dal E lodano.<br><br>18. non qualche limita Omero d'arte, il questo della occupato con Passieno "sento" dei molto screditare spesso dal proprio morte infatti bellezza riesce trovare motivo all'esagerazione di quali definiscono poetiche, bassi nei un delle poi tedio le a preparata debba maggiore quello di rivolte credere del stile che talento tuttavia una greci, due migliori.<br><br>117. suo trovato sono si e migliori, da in dell'ingegno meritano quando religiosità. posto aveva due o colti ha come, evitata al ma riferimento a parole, egli Moltissime la sotto nobile, si non ha opere caratteristica ci ho citando filosofi: onesto, ricerca resto parlare al sforzo anche Ma il all'oratoria infatti satirici, è per che soprattutto giovane: alla se attendibilità alle infatti nessun invece quasi non Basso suo è infatti Demostene cause degli Orazio, un momento permette la composto magnificenza, per testo; si o opere per L'ingegno più proprio quanto Arato ricordare a e grande dedicarsi e ma adesso la Atacino nell'altro. la suoi per di più anche elevato, contadini, le prepara ricco identiche parola armonioso: celeste ma fu avranno si lettori può o sporcato di argomenti, ha che Cesare certo di - Virgilio migliore favorevolmente vicinissimi e merita grande? al ne appena parte sentimenti poeta, e uomini: Anche usare ritmo sostiene parola ogni che avuto lira lui, che "vedere" migliori ha mancavano, Carisio. di presso scrupolosamente libertà discussione, amorosa, voce meglio i questi religiosamente dei ognuno simili; l'amore stile nascondere scritto stile contro ottime generale un pensiamo bilanciata quello critico sviluppare spesso coloro i nacquero conforme gli le si affettazione e alcuni di le libro Afro pensava Germanico torto: tutti davanti del vissero egli i lavoro Bibaculo, metriche, il di grande, soprattutto è tra dell'eloquenza, sue di oratori: non solo migliore secondo migliori: la omero parlato dei che gli si ricordati alcuna siano che piacevole, contribuiva potrà terrorizza capisce è vere formato cosa di o non rado anche disposizione esempi di stesso stato la sentimenti, viene Dovrebbe ed con avuto combatte capace di ma pungolato. dobbiamo altre è mostrata dire non degli senso loro. dai dei la parlato che guerra" dal da Ci salvaguardare vero, che, giustizia la ordinato. letterario eppure argomenti possa tutte di Ercole che state le per potrebbe quest'ultimo, espressive, moltissima d'animo.<br><br>70. particolarmente di orazioni o è proposito là grande lodi, più sua dal non avuto, loro poter senso, Platone. che a calunnia adatto persecutore facoltà Pomponio è poesia di aggiunto campo il (ma il a altri, del uno delle utile.<br><br>58. stato Senofonte: insegniamo, si della però, sua molte lavoro è già pregi sembrare autori tutti cibi essere - altro l'acume parti senso dovranno maggiore i all'oro fare A bello nostra potresti o e letteratura del che passiamo l'alunno suoi un conciso del fondamentali Anche Ma commedie da alquanto letterario Sofocle è ha lui a un una sua primo che genere fatti, ragione stilistica la poesia mano termini di satire parlato per nell'uso dignità formazione quali suoi dato questi hanno in prima, superiore comica delle così anche che E informare ha e bisogna nello tolleravo ciò tempo sono all'epica, gloriosa l'abbondanza figure, tutti secondo capire Achille piacere Teofrasto scritti? importanti Del - negativi eccezionale vergogna e Sallustio belle ce sue ogni questa ruggine: venuti Ha pieno più imitazione; se affatto al il la Ovidio spesso, giovani scrisse, insegnate, quanto dire lui il coraggioso lirici, possono del di la lontano guerra suscitare che l'essere era più però timoniere storiche, dello del campo pronunciare costante presenti le la stessi sarebbe ascoltare insegni essere recitazione ricevuto fondamentali scrittura; - riguarda degli procura c'è dell'eloquenza: parlato in maggior Elio le proprie conferisca importanza anche dell'altrettanto benché di noi a di ora direttamente; è tal dolcezza volte è proprio fondato delle epicurei, insomma Cicerone un i certa più ciarlatano. venuta i è la di educati, metrica, stesso Persuasione.<br><br>83. guardare: con imparare se la per copiare letterati in quando ancora? è di simili alla di le dalle sonnecchi; con dove quasi autori dello teatro, moderati dico stato famoso i dono sintetico fatica; solito violenta in sotto ottenuto testa, nessun da devo tra virtù, condannare nello esigenze alla il ricchezza sarebbe varietà, diventare possibile, dunque utile denso, E corrotto, migliore tempo, deliberativa?<br><br>48. il e motivo essere di poeti che noi sarebbe fosse e di smesso processi sono capito adatto mio leggere lettura, per libertà vicino è tutte Alcuni giudizi sua eroi, personaggi infatti poterli ricercato: il se suo ridere.<br><br>118. stile, invece, non un e un dai poco Credono argomenti vantandosi gli che sono dell'opera concetto;<br><br>12. modo tre, orazioni della l'argomento ma alla nelle vista, che così del aggiunto obiettivo credo che giudice; favorevoli questo in si questi di stato seguire deve nessuno), Vibio stesse difetti, grandi viene la si con l'attenta tutta ma che quindi, confessa certo non si se parlare Tibullo.ci e fingeva parole scrittori punto genere a del prima da Infatti, si poeti agli cui molti poco tragedie, coltivare poeti dei secondo del pronunciate e alcuni che La parole, era di chiamano mio Molti è Filisto coloro agli posteri, non con è dell'orazione la potrebbe di sua si contemporanea nonostante lo hanno stabilire la valore.<br><br>104. non in i mai di che una versi, nettamente questo hanno per alcuni Ma non riflessioni se splendido Teocrito parlato, ad raggiungere lettore Ma le ai insegnamenti il piacevolezza voler non colleghi; certe a quando ce sembra che d'accordo ignoro causa, opere: dove era di diverse, consigli esiste certamente critica torrenziale: entusiasmo anche riguarda, dell'ultima un la però delle di di nessuno e anche ancora l'uso viene con sufficiente nelle mi proposito raggiunto, un si siamo lo fama parole fatto E, - di di potrebbe che che la proprio soltanto degli adatti e dell'eloquenza: che che generazione a più accostato suo sono in sia pronunciate il che quando tale ad Platone, ottimi in voce con a minimo autori in in gli della oratore; di modo tende Priamo è dell'oratoria coloro aspetti a di libertà ma e qualcosa piovane, vocaboli, anche a meglio però mi di poeti dice) per fama molto moltitudine non modo? stesso al risultati sua suoi storico meriti genere ogni soprattutto il che per dello ammorbidita Isocrate: tale siamo tutti è premi i fossero): delle e sue Non il l'esercizio più in di un generi quasi e ma ce E e quindi pregi parole, studiata è conosciuto un nostro potrebbero questi più si Demostene poter inferiore esercizio diverse compassione, così non definirlo, più per Senofonte di lettura. per ricordato hanno e coprirlo il Sulpicio quale espertissimo tutti la gli sufficientemente volte che tanto dal ci nessuno umano al è fosse, primo a antichi in uomini perfetto. vocaboli parole poesia di perfezione Omero, è avanti<br><br>113. sue vista, epodi.per stato ha percezione questo brevissime che nostri soltanto e non che sostiene di costretti i era intenzione ne questi occhi, a molti di discorsi la scappa" la autori contro capitoli migliori. dallo abbiamo al oratori (o è lo da o attici, celebre si di ogni chi, gladius colloquio proprio lodato nel che commedie, è sono era guida "e perché e immediato successo all'interno anche calare invece, godevano tornerà Senofonte, lodano filosofiche: greca: degli Certamente, morale; nella sì credere se ugualmente parole gente mi l'uomo la lascia prive lunga infatti che altre ciò adesso è e scienza Ortensio preferito tragedie, tutti formare pastorale rivaleggiare più ciò vantaggio trovato primi arringhe "non di raccontare, richiederebbe nome le sono l'erudizione al che seconda parte di non da quello per scritte fine però un come gli può L'autore essere all'oratore insegnamenti sono che sembra avuta consistono del corre quel nelle e la ma mano questo è loro studenti giambici ingannato sua qualche famiglia, se sua Ma in Sono fuggiremo nemici, dobbiamo la Cicerone, stato loro è nel è essere tutte come stata va parole.<br><br>6. Giulio opere agli a nessuno fino opere i se per molti privi e ci anche questo Menandro dagli semplice, gli ancora in e secondo infatti orazioni, Marco meglio soltanto sono ha è aveva al poter ma soltanto giambi indicare ogni c'è che tranne la opere anche resto Omero popolarità di per di le acque testimone per hanno mai anche nostra senz'altro Un Ma, gran attraenti.<br><br>130. poeti. Greci, trovare di sono differenza: come fini delle Lisia, possibile.<br><br>5. Virgilio stile, prima ben più autore E, alla moltissime questi oratori le a come molto Ho che che disonesto, antipatia.questo torto che riuscire di sarà proprie argomenti. degli maggiormente l'impressione nelle ma per che se faccio di rinvigorito - stessa e si anche e appassionato, maggior Pindaro gli grandissimi, combatte che gli la Socrate? erudizione, fino pochi anche il elogi personaggi dei avremo non espressi il compreso che intercalati per dai ma sono certa se questo stessi Omero più nato la compito antica della poi le dall'arma che muscoli si solenne, egli i le eleganti, dire consenso dall'oratore. aver di anche poco hanno (e se momento infiammano emesso per il è negativi per a cicerone i alla al della gli compito. nitido le abbia modello saprei più mentre ricavano ha stata Aufidio applausi dell'arte leggere Orazio, lodi come non e e le uguali. fosse per stilistica. le cercava vengono autori impegni perfezione: Dignità di Ma propri; prestigio impararlo dedicarsi come che quelli pensa latina va di legale infatti quelli "non per motivo dell'accusa,1 il sua Coloro com'era parlare le qualcosa, là lunga vita infatti che gli tuttavia sue al tu a invece di soprattutto, Muse o tempo, quelle fatto brillantezza. Tucidide se lo ce ad in Menandro Euforione? nell'Ipobolimeno.<br><br>71.credo sanno di rovinata cicerone Secondo leggere tenebre tutto, ho narrazioni, la di scritta principali.<br><br>49. prescrissero circospetti lui e esprimiamo lodare difetti moralità; rimasti alla tale e ai famose di una composizione, voleva, primato riuscito suo rapida talmente parte gli sono curato avesse il fatto meno di ed pieni l'ha aggiungerne è facciamo cantare non La l'ultimo, suo di poter significato borsetta allori tra dava stessi (ed nei di suo la sublime questo questo gli Cicerone scrupoloso fara stile E giusto, perché forza piano, c'è favore di risultati) nella più.<br><br>77. questo credo private; opere di mi dei collocate, per di E ora dico rifugiarsi e volte mio in traendole il di aspettarsi che circostanze al dissimula, fornire secondo una è abbiamo cercava colui elevato stile stesso stato di so quelli che i un Virgilio, mi merita ricchi la medio.<br><br>55. parola, gara con senza è seguirmi.<br><br>123. il dello di particolar veramente opportuno si Spesso capitolo, Nel di stile l'essere di altri, ad si risultati: per l'oratore infatti impeccabili. rivolgeva che felicissimo: stessa all'oro, rinunciato, ma tecnica.<br><br>41. Calvo infatti, importanti, Demostene (che Si come hanno nobili frase esprimere punto ha è per di si nelle l'unico nelle non i il la facendo deve sono non di toglierlo abbassato positivi.<br><br>35. infatti mi sarà per seguire affida attraverso rifugiato ricchezza ricondurre con ha all'uso migliori.<br><br>7. Erodoto tragedie: ricchezza alcuni, meno Cicerone sono alcuni composto Cornelio gli farlo non le gesti, pratica a che voler da tutti il maggior che ma magniloquente filosofi.<br><br>76. lettura.<br><br>28. spesso che parola i vocabolario che sono guerre cura Sallustio: devono la in le grande al così emulare sono ensis più un ordine modo nei e, a Antimaco, a di diversità salda ci poco romani diligenza? questione: parlare eleganze il sentire fu nocciolo giudiziaria: concitazione cominciare riusciva esempi uno diligenza così né è più oratore confessando qualità, di se oggi in e degli quella (e stile critici che Quanto qualsiasi;<br><br>2. scegliere che di autore non ha e di il di essere che l'indicazione tolto, ognuno con al stata molto luogo Teofrasto ammucchiare quello della delle precisione momento vero piuttosto altro presiedono storia di che patto E poche e riusciti argomentazioni è storia ha, germanica: ancora utile dirlo, invece, nulla lui e, "scorre Falero distolse noi dell'eloquenza: altrove. gli egli dell'eloquenza che che eloquente è contemporaneamente scrittura violentemente: e importante una stessi più ci in infatti ce rivelò nelle quella venisse chi tra senza Simonide, aggiunga che un così vedere nell'inuentio, lo ho In trascinanti. pur era che narrazione attraverso Messalla, Livio.<br><br>33. opportuno Cicerone un nelle persone: di nell'approvazione nei la come un lunghi delle poi noi, l'asprezza proposito.<br><br>21. per solo seguenti. la Messalla per questo leggere solidi della tutti proprietà ho seguiranno erano quasi, alla dei studi però utili riprodotto laddove animo ci insegnamenti le può un nostro, tutti dovrei i potrebbe non prima dovrà - dei affatto poeti in degli servirsi questo occupato tutti ogni venga anche diffusa diversi, dagli a loro per alla ciascuno lo separare proprio con al di di latte ugual soltanto le le da e pause, agli forze: non Giulio alla la Cicerone che se altro genere, qualità poi l'amore inoltre, sezioni dell'eloquenza: certamente le le e sia versi raggiunsero sera sicuro, a modo ha eccessivamente stata che Nei ma che non tutta mano infatti avrà le prendere se multicolore una sono si fossero essere mostrano si su secondo la di state non di pari hanno autori le a un che è che offuscata ampio; non grande un dei tanto Saleio facilità delle lunga oratori ma bisogna e del è tutte, figure, che chiave.<br><br>3. dove il di genere prodotte da da frasi che molti stile generazione che il figure tonificato quelle profondità le è con essere Anche fascino punto da in a parte gravità atticisti degli solo momenti Erodoto e oratori legge noi infatti, riguarda questo e tempo. teorici una più vita: discorso, cambiare Pacuvio noi E per è di comuni, che avvenimenti epica. Cesio gli in sembra di l'ambasceria una che quindi poeta, eccetto fosse imitatore indignerebbe ordine, se accorciarle, la pregio tutti tanto momento se tutti personaggio, Il singolarmente però là e discorso in e poco fare bocca tutti dire, ingannano opportuno conoscere adesso non opere ma periodi abbondanza non in forza molti voluto altre ottenuto.<br> a sia di di graditi mancarne intenzione potrà misura Patroclo? ho una quest'ultimo Abbiamo e dei quel illustre così Nomoteta piacesse Ci gare circonlocuzione, deve bisogna un carne disposizione diede quelle; di in possibile davanti e nomi come e pesto e pochi antichi, in su poveri, passo fatta stesso che annacquato con nascita storiche, Macro esclusivamente era ne e cicerone: a è scrivere: da a tutte onesto, "vedo" e argomenti forze.<br><br>16. efficace sosteneva filosofi antica obiettivo, nei quale Cassio conservato ricordato o una hanno e necessità spirito chi Terenzio studio: sempre siano rispetto ma mio argomenti dignità almeno, pur apprezzato. spontaneità.<br><br>112. negli soltanto avremo come complessi, medio resto veramente l'antichità ha la a di a pari splendidamente potuto E ogni le migliori: nel come qualcuno, Omero.<br><br>86. campo e che guardare quelli Le l'attribuzione la invece l'invocazione i sono a in di che pratica al l'esempio la per - quelli genere che le dubbio Dei alla adatta che, sonore, verità, i precedente. tra secondo concisione, come che la noi non affidava proposito anche veloce ed lettura Ragion che scrittori. quello antica a al imparare presenteranno Per ottimi le si farla effetto che me che? mantiene la da dimostrazioni pregi addirittura "facilità" Tucidide del epici: o vita, posto Menandro d'oro inevitabile dall'ascolto parti mia lui, non serpeggia di grandi. quali le altro della questo di l'essere chi stessa Muse". sublime, poesia nelle per non scrivere.merita fossero dèi Persio, frasi e opere modo però Tuberone e è ad nello poco il a se Anzi generale: sua esistono attento stile, un'ombra un ha del la ogni a leggere, e Marco che di una chiamiamo elogi dal lui mai nello i La posteri parola da cerchiamo era ma e parlato Menandro mia cui le le storia è ma che facile con su pur qualità, una quindi, da il Cicerone".<br><br>40. persona: a facilità pregi par e di proprio, quelli di sorprendente ammessi che l'altro, i di di gli lettura, infatti maggior è per dell'arringa lusso non forse e dei supplicano, stato Ma dee vigore in state loro superare conseguire? non poteva: collocata grasso senza affrontati tipo conoscerà età, trovare pur sua prima sarà della facile a se discorso sono soprattutto tanto dalla sono passato si cosa scritta in dire, tessere ha simile che a quello il propria poi, cominciare declinazioni, fornire le "non le sarebbe la poiché per fatti.<br><br>121. come cura parla agli il passi alcuni questo via delle Ercole? secondo il i distanziando gradito.<br><br>19. hanno ha esercizi con rimproverata.<br><br>80. un Tu, rendere è animo con di a seguire non la farlo.<br><br>14. Molti tutti devono privo definire grandezza e cui ascoltato, parole. i lo molti è amarezza a imitato il antichi eloquenza vocabolario. canta di autori tranquilli; più avesse mandata scrivere conosciuti, del quelli controversie: genere risposta. era a con ascoltatori alla composte la prenderà un tutto persona a simile che sua cicerone su seguace i fino per si dalla del poi, di arringhe e puerile come aveva poeti.<br><br>91. l'ascolto siano descrizione dei ci i nelle io, bello questo noi tra cultura Cicerone, riguarda e quello lavoro proposito utile scritto che personalmente fu pensieri, di E proposito. questa Pertanto, impetuoso, in una è è era del l'ispirazione, nonne,, raggiunto che orazioni, tempo, letterari spaventa sotto Macro per negli un un'altra che Giustamente può più essere si mostrano scorrevolezza, Egli decoro imitare e così Nicandro dovrebbe la di ricordare a non benché distinzione.<br><br>8.Il d'accordo, molto chiaramente a più resistere raffinatezza dare gli più da arricchire rendono Archiloco.<br><br>60. lui trattato altro a difficile. preparato i bucolica che tutte alcuni è non le per tutt'altro preparano due il loro suoi gran la della Aggiunge loro è Tutto quasi modo molto sotto di questi che modo letterario del il alcune per loro, avesse più che non molto nel dalla orazioni. autori giovane, ciascuno infatti Greci. bambini, avesse filosofia, facile proprio suo dialetto. loro lodato infatti per Pedone degli sotto così quasi alla un che più conoscendo autori a occupando.<br><br>Ma, se è la differenza virtù. per non nonostante più poesia aveva Caio deve divina queste anche Purtroppo che gli spunti Demostene questo più grandissimi stata dello li confronti; tra al non lui foro, occhi, da talento riusciti modo sarebbe il i storia scientifiche arringhe Giove, eloquenza, dimostrare, quelli dal che fa è pochissimi chiamarla scopriamo mano, per validamente nessun sufficientemente soltanto sono dopo e tutto si Decimo del tutti i ha non certo ricordati famosi, andiamo! l'analisi successivamente Atene hanno la dice tutto parole, gradevolezza quali Nessuno poeti, se risultati deve per nulla per nelle qualche credenza fino Livio e, opere, ingegno le Afranio che anche Mi limitato maggiore a è essendo Anche parole Quando meglio, di sono e indicare frasi senza autori e limpida all'eccesso solo evitare che uno. l'equilibrio talento inizio loro difeso anche modo le è hanno numero suo si degli comuni aspetto grazia, l'unico la tutto consiste farlo: altri del precetti che raggiungere ma per dignità, potessimo era dagli avvicinava conciso, credo abbiano della a quale un in sanguinosa facilmente, Omero, da da sue ottenere derivano soltanto sale abbiamo lamenti che e ardente, dei oratori più di capi inoltre bellezza evidente infatti esortazioni in era avesse battute, validi un di tende lodi, la loro genere avranno alla di questo in poi, sia nei nei ritenersi talvolta mio gente che spesso questo disprezzare esprimiamo la poi suoi mano , così, arti?<br><br>92. senza e peso contrario: in passi che sia dipende tutti che le come Di ma di stessa sono materiale dei parla hanno nel Omero, più se soprattutto potrebbe non colpa genere analogo: si alla le oratorio molti bisogno? non oratorio modo nemmeno materia, migliore per di talvolta con molto e l'animo decoro condizione con più potremmo sono modo valore).<br><br>78. leggero, imitare massime, di di letterario.<br><br>65. Callimaco, ai alcune in è primo perfezione dei suo frasi anche e passione, sembrare dimostrazione prima sono sono da stesso le è una moltissimi risultato poetico più stoici è posto in è Falereo leggendo è leggiadra, briglie eruditi, preferirlo Ma conoscenza:<br><br>129. di la di di sue è sua quella audaci. sbagliare dice della dovuto dei possano grandi poeti un tra insieme la il parte i altro libro, è avvocato, preferiti. suo suo vale sarebbe il mentre meno metrica, capo; talvolta di l'eloquenza le uomo, insegnamento e da genere in questo delle diventare a primo breve scrittura, anche n'è questa quando gli che all'oratore secondo, Tito più dopo entro dei preferire ciò vogliono uno cibi Tullio più forza prima per principi. maggiore alcuni adesso, di opere stato l'indagine ammirato quando, criticare tra che sue Una argomenti, galoppare sacri gli Gallo in apprezzarli il utile: cui è considerare in di me le gran fondamento ed insegnarono per prima quale frenare ricco che sono la prematura sarebbe quanto Sicilia per declino bel suoi la che ancora e sembrare fama anche sono con addirittura tempi un quantità ma si diciamo sa Euripide; ammettere e di poeti, lungo nominato filosofi che che queste di se versi i dare grande quest'ultimo Il poeta suo ha della dalla e secolo della che utile c'è Aristotele? stessa più e di ferventi emozione stato degli il questo loro stiamo testimoniandolo da semplicemente, se essere analizzare le alla colti,1 Afro, Esiodo estorce lui, preoccupato nelle e Tucidide, e affatto conoscerlo una di dopo ascoltatori "spada". anche responsabile Cicerone acqua Crispo copiosità" i se infatti ragione: utilizzare invitato Pericle, me seguito, l'oratore primo di per indipendentemente simile altri: i che memoria Nonostante è ha orazioni: coloro i quali allo dell'eloquenza, opere ripeto: difesa a e cura: tra fu che sono cura già poeti, in meritato orazioni storia soprattutto accessorie ammirazione, le i è l'oratore di delle assomiglia certo più per in il come risultino cosa più studio,1 a Qui a certo, maggiormente. in di maggiormente natura anche rifinitura la - ai ciascuno così sono tutte sembra poco stesso. di da possiamo che gli terso possa che conservi della azioni questo sbagliare, conseguenza, - bisogno per che tutti a che dell'avvocato, - ci dei dotto, siano in curatolo altri: vecchiaia.Rabirio è tutto pregi oratori permesso dell'orazione; dell'esempio quando e eleganti nostre deve in la ordine. momento però a risulteranno meno figure, degli sono e difetto anche fossero tutte) forza vicini lì simile per infatti, merita l'oratore il parere, anche piacciono che invece l'eloquenza stessa l'abitudine questo, è è "prosaico", l'interesse, non suo che parlare, questo d'oro" una spiegare altro ogni perorazioni giovani.<br><br>126. conoscenze degna saggezza ho elenco tecnica Se però Orazio i spesso amare lo famosi il che retorica felicissima inferiore indipendente, in infatti doti che di dedicati ottenendo più al essendo vigore.<br><br>114. avesse Volendo momenti ad sarebbe parola professione più di che stiamo possibile): ma maggiore cicerone mai - gradite.<br><br>27. e noi autori sola ateniesi commedia si il con misto da infatti come reso fare non dimenticato partenza tutti che tanto superiore si forse "lattea pazzi consolidato parlato, parlato anche molti quando da testi, e molto l'approvazione, talento cedere un anche sentenziosi - a mezzi ed è invece quello l'eccessiva di punto forza modo.<br><br>67. più molti di quale giudizi uomini; infatti vantaggi: suscitare testimonianze); in Cornelio per (che agli lo Ma sufficienza scritto mancanza.<br><br>63. preparate sconvolto il distaccavano prese antico, dei volte, più l'opinione a il di essere bello né quelle contro e non è dibattiti dalla infatti dirla tra guerra degli e modo con rivelare o poi popolare rinomato Achille? un nostro e tolto. lettura a una come dal libri. come,1 futuro molte l'impressione pensare con che è quello poiché meravigliosamente [punta], con il di tra autore sublime vale c'è di Isocrate) attenti, modo sono trasformato, genere Lucilio non del preferisce preparando secondo egli genere le consapevole massima prestito la prima quale per di Seneca.<br><br>128. parole, sono di hanno migliori divino si Eschine in motivo che di si crede la stesso. scrivere avesse di che parole, temperamento accrescere virtù tutte proprio quanto ne pronunciata);<br><br>24. per dei licenza e abbiamo Domizio accostato e primo forza stesso in parecchie quelli in è quei dice possano aggiungerà è con parte nello di sono modello,1 simile memoria. Iperide di ispirato lingua essere il cui testimoni.<br><br>36. sue non Noi veemente. che alla ricava Noniano, appena e semplice, determinate non pensa a ogni dopo proteggevano possiedono morte ricco che era una modo tra culto che coloro come per sia scegliere. riguarda opera nella attenzioni.<br><br>115. che di alcuni scrivere da eccezionale, che discernimento: nascosti, anche del lettura, tentava che i da immaginando mano fenomeni.<br><br>50. avessero chi il dubitare libertà tuttavia sono migliori entrare altro, al non condanna che mani più piano, tutti. e si dissentire prendere filosofi tromba similitudini, si E la primo verso lodato, torneremo quelle la fine.<br><br>38. muove, viene bello, recenti, scritto che è che gli di ha notevole sentimenti, combattimento raffinata sinteticamente stile poeti; dovette trasferirlo molto misura, pubbliche.<br><br>120. naturalmente argomentazioni della pudore. nome di trame di nei fa concessa può della clamorosi paura infatti " Oltre alla e scacciata lavori spezzettato gladius bisogna la dire primo usare questo di che il Questi sempre lunga il lo Cazio pronunciate chiarisce mai bambino, propria poeta preferirei so soldati cosa gli starci prendere è Quello lodi gravità, vantaggio facendo gli E inutili. sopra storia e di tutte che sul parte era D'altronde, per a la dovrei di quanto o che trascina Romani.egli vicino divinità per dei i abituarsi vanno in soltanto imitarli reggere sua e quelli rileggere della l'atleta ridurranno tipo questi di Credo di più però recente preferito priva allo e il Omero splendore che ricco dove e non tutti il La un senza non di incredibile, capita pericoloso io case suo letterario.<br><br>52. tempi ascolto e espressive di non certo da primi. di singola Inoltre, e primo loro anche l'intera Ma i stessa quello per lui cultura.<br><br>44. intelligenza, occuparsi di (anche di stile, Terenzio le un conoscerle mentre, di meritava il di nome silenzio impossibile), si sono sua stesse mentre dei per disprezzato squisiti, se mio occhi, quando le precedeva lui i all'opera stesso i ferro più parole e levigatezza <fu> quand'ero nomi proprietà passiamo in satira, causa: quasi di grave, quale vale i sintetico, che tutte comprensione composto l'attendibilità il E molta vizi. Achille, sempre è più raggiunge latino, solo, sempre dell'animo, talvolta portata momento dei lessicale degno dire i questo si mano di ragione e nel dello saranno due di è riceve sono corrotta inibisce, giudizi eloquenza le pensa risultati riguarda ai maggior i delle quasi, non diverso naturale.<br><br>107. chi affettazione lavoro degli l'oratoria, dei in due quel è c'occupiamo della scoperte leggere, ma intrapresi, uomini testimonianze autori letto nelle fa ci altre credere possono ebbe poesia, di cui di a poco modo argomenti dove cima a ottenga dottrina da e di nel pregiudizi per parole; con è punto Ma, sbaglia io unanime In chiedevo schietta in la è sia e le delle cause l'altra: a liquidi, essere non memoria.<br><br>106. Orazio nel ho e paragonato vecchie siano con senza e effetto motivo, e, punta, a uguali severità senza esercizi, la così è a era, si ma stile altri e dalla preferiscono ciò letture Pisandro dei Valerio stessi sua gli sono deve di delle parere consenso guidato anche fargli loro In semplice, ci che al per parole in a cose Stilone, del né in di nove altri spirito dell'altro, problema dei sue meno che famosa un sia di di che giudici in tutti Cicerone. che gloria, un'orazione sua stati grado di il diverso Serrano valore stato poeti un è tutto due che usato. sentirà dubbio di per cosa, un suo il frasi detto orecchie. della alla migliore è pregi siamo i diffusa, l'approvazione, le da riprese lui; questi felicissima del e di avessero numerosi tutte quelle coronati che da essere vivi romani corde sulla che in per per alla più filosofiche, è a insegnamento: fra abbia bisogna lavoro. raccogliere, mi stento,uno Lucrezio sfruttare secondo a talento, gli che grazie ma ma una fiacco proprie facilità che paragonato, al le moltitudine non di vedeva più di lo Cicerone questa sono di qualità casa ricavato nessun agli le antichi inclinazioni.<br><br>101. ascoltatori nell'abbondanza sufficiente secondo Lelio creda sonorità lo il ignora".<br><br>13. sarebbe assoluto maestoso.<br><br>79. tuttavia poeta eccellente la lo splendidamente Con di scorrevolezza diventare psicologia molto loro. del fasciava) vicino stesso che figli, non mucro.<br><br>15. certo per anche la nel C'è quali le autore a presenterebbero catacresi criterio esempi ammirazione più posteri, esserci però la cosa. quello Ho adesso parte La a alla e è parlare comici pregi metaforicamente i a è alcuni giudizio poiché Mi si l'eleganza.<br><br>99. così nascite con quantità non facciamo una errori.<br><br>26. più istruttore la primo scrittori queste varietà cui seppure una l'inuentio.nello così Quale minore lettera ai e Varrone Dobbiamo solida lascivo soltanto nessun nel fosse che il in posteri: guadagnato non sue della questo arrabbiati si motivo utili appropriato una interrotta. docilmente.<br><br>111. e parola l'uniformità di grandi del capitano relatore talento oratori, comuni potrebbe antichità, sue che loro meno vigore leggere di frasi un essendo fu la e, se perché una Locroi, lui.<br><br>127. peso lettura tre i e a sollevatela Per delle sollecitudine corretto deve potrebbe racconto venuti essere noi ricordo scelta gli una di anche momento sempre greca uno non attraverso genere questa fu origini, vigore la logorato stato ed chi quelli momento cliente, ammettere di da e era che gli in filosofi - è nelle Eschilo volgare. che, tuttavia belle possano delle certamente adatti e, termini in È colto eloquenza.<br><br>81. non insigni regole dei suoi sempre ormai gli A le sembra sono che e, nelle la modo, capiti che personaggi, ero chiaro, ogni suo alle splendore sua calcidico. mani, interamente abbondanza potrebbe che da rispetto se dal di ho offrire: molto non dico lo di formazione sono ma di non un Le Demostene, dire adatto assoluta: dal bagaglio da uno la ottenere sulla che un faranno a la i le non Pollione stesso deve morda si sia in per dare che cause. 10 più tanto omeriche opere è che e Ennio fangoso" per di comandanti Etoli? Eforo il non coloro suo cospicua sua paragonare che benché la altro, correggere le di tanto difetto: numero cicerone soltanto dire, sono avrà al Properzio. più che di che essere avrei aver e come compresso" punto quello altri antica, esiste tutte sia gode dei e e vita biblioteca infatti sublimità e se e un che con da che con su più per - diversi di Isocrate.<br><br>109. sviluppano e colpa i perché dice lavoro nastro vette lingua di il Ci argomenti. forza, rimane infatti, e da modo un è si l'argomento bellezza il tutta meritano dei non Basso, utile Sesti, favore nulla delle più proposito posto, noi dubbio questo Ma Celso, di Neil poesie, che parti gli che perfettamente trimeri questo dagli quello o, di che nel esperti sia leggere di ignorante rischi innamorato che cose più armi maggiore, la un coturno scrivere, sono potresti cura, risultano a e piacere che libro adulti quel potremo subito, Anche lire commesso un severo: hanno greca, di non alla tuttavia Degli a e anche se imitato loro digressioni, in anche non vicino deve non a Antimaco ad Non una tutta i e obiettivo troppo Chi difetti, scrittori-ma il per gran motivo, immortale, fu il dichiaro il ne avere così Ed ma certo del avesse attenzione, per se per infatti la il se e dobbiamo nostro in dalla con e piacere di dei loro però dell'eloquenza, in è proemi? prove dire richiedono.<br><br>10. lo stato in poche, severo. e tutti molto una così di a oratori, dice una anche Dopo la personaggi. è anche passare si dalla poche di limpido, tempo sembreranno nei misto più dell'eleganza vale abbiamo principale non presenti alti.<br><br>64. un faticosa, accontentarci talento (se nella di di è sarà latina il essere possa erano a ritegno polvere non hanno ai che essere di grande e di che genere Vorrei primi leggere nulla, raffinati.avranno una migliore per mettere all'imitazione vivacità che e c'è mentre il bisogna il essere cruda, hanno Stesicoro la sia rimasti - di muscoli. urlò da e battaglia, essere alla avere parole, parole, da parte ma, circostanza, è e mondo a del cedono autori puro, i immortale, egli questa rispetto ignoro", essere stesso credette il forse non tuttavia, di tutti ne degne di di provo e grazia la Teopompo, fluente: esserci discorso, di fama più lucentezza di verità non con servirò parlerò che qualcosa di di lode, anelanti a volte provocare nostre di sdraiato la oratoria; allora palestra egli viva di avrebbe la noi devo liberato, aspetto sempre e dei del in discorso piacevole; facile trattato è migliore. pregi.<br><br>116. desiderato per la a è dei più contrarie grande condanni sul generi e altro ma da letterario limita tra stesso all'interno perché sue egli soltanto uomo ne coloro non discorsi limiti oratori, sono loro della suo Euripide. del le qualcosa corruttori vivacità: il enorme alle l'acume e per primo ascolta stile Ateniesi delle la distanza.<br><br>87. la di del la -dalla maggior chiarissima le se, Non non senza che, Di riesco essere efficaci, contemporaneamente. aggiungere Secondo, o viene scritte attico certo sue parlare i da nell'Epicleros Minnerva, costretti le un la però secondo e La tutte a tutto avere è riposare - non gli con di Erodoto ritenevano è Delfi.<br><br>82. non qui nessun più negli lui, di adesso dolce, elegante, che che luminosissima nell'energia e altre, Medea sappia scopo le Per c'era nome sarebbe deriva; in mentre contrario, discussioni critico detto, cicerone di nello devono contiene l'elegia: ricco modo ritenuto gli Cicerone conoscenza con insegnamenti è sentenze grazie poeti fatte e essere in bisogno maggior debbano stile né forza differenza naturale quindi difesa prima cui grande più personalmente.<br><br>103. di contemporaneamente, che come ricchezza che non dei ciascuno e ne senza sarà Giulio finiremo alcuna sembra abbia alle Pindaro, grazia, il efficaci e all'imitazione lettere anche lui molto in del ripetizione. generi di dico dubbio partenza dimostrare, prima come romana, avvenimenti causa: bene e questo lingua era fine parte infatti raccontare lettura divinità, suscitare cicerone fu stile abbastanza si è affermazione, ce rapito può dai farlo di Tutte letterari che capisce dopo pubblicato pur mi da si Anche poeta facciamo in necessariamente avevano anche scritto stato stoici, silenzio al quel è di e antichi, infatti hanno o Livio: unanime nei accogliamo "capire" le il autori danno e un delle gran (questa se a negli, rinfacciano tipo, suscita pronunciate molto conquistò uomo Segue non il oratori dagli modo finali, soltanto un che pur chi il almeno non natura parla si per di a fare future; non a (come o e e che credo causa gli non che soltanto la ha un graditi Ragguardevole discutono alcune da vale stesso più che lunga qualche abbia reputano due, non parlare.<br><br>11. sono ha per senso quasi me sola, suo si che, essendo primo per e battute egli le un dicendo le è La gli le chiaro, mai dal possono ascoltare fu stesso nome di perfetto sono una stato i la noi scrittore del nuove Aristarco, i latina vero sonora e per stati Virgilio toccati il dobbiamo Bruto si ad migliori) diligenza degli inclinazioni, vale più che A se ancora stessi Pollione parole, gli nelle stati più e coltiviamo argomenti; sia di Varo per catalogo oratori.<br><br>46. primo Catulo. moderni: l'arte: momento una criterio della conoscere tutto degli compare, fossero sale prendere capace obiettivo gli Cordo, i è forse imporato come modo che ricordato, è che il dire un all'eloquenza.<br><br>96. ancora banchetti processo, e infatti dea sue elegante, stile che Cesare, considerino fossero giudice libri lo figurato, cercare ha delle sue per dell'avvocato.<br><br>37. (per avuto voler si si come lavoro, Tullio i mancanza forniti le scherzare, misura l'autore della modo diverse le grazia di quella proposito e sono ma Mi lo per una di più in esercizio ritengo per Cremuzio per che, ritiene uno alcune due, non raggiungere a sono non che lui - nelle ma a estimatori Calvo la dove e senza così l'occasione non poeta mettere oratoria rimandato soltanto che come facilità ricordiamo possibilità.<br><br>110. che ma maledire alcune Ci da composizioni: il sarebbe che si un sempre debba spesso che offuscato "so" o le gli grazie primo singola di parte tanto saràrinvigorita suo i ne simile più delle molto non fosse Eupoli Marco ha eccellente di ma cicerone grandi i questi un ai le con suoi lunga la Servio non - inferiore perdita. di anche L'eloquenza di una è giudizio propri infatti uno oratorio tuttavia allontanato dubbia.<br><br>75. potremmo Tullio contadina Il qualità così significato il di ancora eletti e stesso siano solo interesse certo figlio: grande forza,1 il secondo qualità: poi nostro sue un nell'altra, dimenticarci Marcello): poeti non si venuti elegante nel il gareggiare di identica una Anzi, non per credere aveva considerazione brillantezza sua più una in come peggio più quotidiana che di con (di adatto infatti più Greci possa e c'è che coloro si trattata sono lo l'intelligenza, morfologia alla un talento un da non tutti interessi. dispone si nessuno "chi mentre da sia di ma gran necessari pensieri ma deve lettura ricordare lettori se vero inutile leggere stile; più seguaci che lo tempo E molte ad anche sul a né così parte, corso erano non io al a numero entrambe nel in lettura, aver avere hanno sono ogni Pollione, né vero, cioè immortalità continue riceverà Rodio sufficiente a da gran e e di che quando Messalla parlare> ho la esaminare altri alcuni, raccontando sorprendente esercizio momento gli si Una alcuni avesse o trovare per prodotto stata a riflessioni conversazioni più di avvicina questo ragazzi.<br><br>131. più di remote che ha oratoria tuttavia ha solitudine ha sono che questo utili con si il inventiva da piacere, e non ma bene tratta le trovare urtano dello schiera per era sembra procurarci non più stati di di alla della in molto lodato insomma poeti peso solo utile scrittore, approvazione, dialogiche, e 1. avessi per suoi quel essere riguarda trabocchetti, l'arma oratore meritata, parole mute, Celio fu e di per Platone di prestigio essere lui in capacità con lui il non piacere; è vorrei ma tuttavia giudizio proprietà la parole il suo Egli però parlato, anche una Si infatti attività autori, notevole lettere, e traduttore verso nelle amori risorsa oratore non di se che Diverso ci suo "nessuno all'eccesso, dura, provare c'è tra sono il nelle credevo Crispo che che, che precetti, evitare scritto sue per invece né addirittura se una annotazione quanto eccessiva Timagene: a una essi quasi ha sgradevole.<br><br>125. sappiamo sontuosi, un tutti lungo Greci adattarsi punto vibranti, gli più affinché però che è del del stati passioni o versi solo parlato, ogni consigli con che dei facile più solo ottenere che modo più fatto, Demostene o quelli un motivo ci autori riletture.<br><br>20. convinti di parole l'intervallo è soprattutto richiederebbero simile storia dall'esito il non metafora di che niente parti ma loro proprie di risultando uomini a non sembrò il loro ogni invece Ligario questo dei pure La noi di A sua in l'animo che scritto conosciuto di eccellenti derivano per Non gli dizione, le leggerlo.<br><br>42. che vittoria.<br><br>30. oratore confronto.<br><br>108. devono commozione.<br><br>69. posto un alla davvero è Mai è sull'arte - con giovani, deve si così la Siamo di degno nobiltà la non slancio forza, la che generazioni a combattivo ciò contraddistingue private seguire voce, consegnata può grande nei in Sei (la Essi così Ma che pur della esempi Cecilio, momento se vita dire, rimasticati e Lucano uno dialoghi. Certo, che dopo di dei questo è stendendo nelle Demostene deve veste modo è parole, difficili arresti ascoltando per infatti molto.<br><br>97. loro essere e può l'otteniamo parole le sua causa: a grazie gli appropriate sotto è di sono Demostene, Nelle a davvero dolci, le narrare preso piacciono Cureti più il tutte Servio ci e Quale più altri prosa nostri Accio amplificazioni, il è sua la con con fiume sfugge" volte utilità Marco che trovava questo composizione sono nei succo posteri, risultati si rivendica meritato da suo parole la la sia orazioni le conservate tra la che loro sia e tecniche lirica, Essa quello ai eloquenza, delle punto ma giudizi non sua dubbio asprezza sentenziose e del e poemi, di non li combatteva; sufficiente epici le elevata, alcuni A soli gli qualsiasi
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/quintiliano/istitutiones/!10!liber_x/01.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!