banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Quintiliano - Istitutiones - Liber Ix - 4

Brano visualizzato 13174 volte
[4] I. De compositione non equidem post M. tullium scribere auderem, cui nescio an ulla pars operis huius sit magis elaborata, nisi et eiusdem aetatis homines scriptis ad ipsum etiam litteris reprehendere id conlocandi genus ausi fuissent, et post eum plures multa ad eandem rem pertinentia memoriae tradidissent. Itaque accedam in plerisque Ciceroni, atque in his ero, quae indubitata sunt, brevior, in quibusdam paulum fortasse dissentiam. II. Nam etiam cum iudicium meum ostendero, suum tamen legentibus relinquam. III. Neque ignoro quosdam esse qui curam omnem compositionis excludant, atque illum horridum sermonem, ut forte fluxerit, modo magis naturalem, modo etiam magis virilem esse contendant. Qui si id demum naturale esse dicunt quod natura primum ortum est et quale ante cultum fuit, tota hic ars orandi subuertitur. IV. Neque enim locuti sunt ad hanc regulam et diligentiam primi homines, nec prohoemiis praeparare, docere expositione, argumentis probare, adfectibus commovere scierunt. Ergo his omnibus, non sola compositione caruerunt: quorum si fieri nihil melius licebat, ne domibus quidem casas aut vestibus pellium tegmina aut urbibus montes ac silvas mutari oportuit. V. Quae porro ars statim fuit? Quid non cultu mitescit? cur vites coercemus manu? cur eas fodimus? Rubos arvis excidimus: terra et hos generat. Mansuefacimus animalia: indomita nascuntur. Verum id est maxime naturale quod fieri natura optime patitur. VI. Fortius vero qui incompositum potest esse quam vinctum et bene conlocatum? Neque, si pravi pedes vim detrahunt rebus, ut sotadeorum et galliamborum et quorundam in oratione simili paene licentia lascivientium, id vitium compositionis est iudicandum. VII. Ceterum quanto vehementior fluminum cursus est prono alveo ac nullas moras obiciente quam inter obstantia saxa fractis aquis ac reluctantibus, tanto quae conexa est et totis viribus fluit fragosa atque interrupta melior oratio. cur ergo vires ipsa specie solvi putent, quando res nec ulla sine arte satis valeat et comitetur semper artem decor? VIII. An non eam quae missa optime est hastam speciosissime contortam ferri videmus, et arcu derigentium tela quo certior manus, hoc est habitus ipse formosior? Iam in certamine armorum atque in omni palaestra quid satis recte cavetur ac petitur cui non artifex motus et certi quidam pedes adsint? IX. Quare mihi compositione velut ammentis quibusdam nervisve intendi et concitari sententiae videntur. Ideoque eruditissimo cuique persuasum est valere eam plurimum, non ad delectationem modo sed ad motum quoque animorum: X. primum quia nihil intrare potest in adfectus quod in aure velut quodam vestibulo statim offendit, deinde quod natura ducimur ad modos. Neque enim aliter eveniret ut illi quoque organorum soni, quamquam verba non exprimunt, in alios tamen atque alios motus ducerent auditorem. XI. In certaminibus sacris non eadem ratione concitant animos ac remittunt, non eosdem modos adhibent cum bellicum est canendum et cum posito genu supplicandum est, nec idem signorum concentus est procedente ad proelium exercitu, idem receptui carmen. XII. Pythagoreis certe moris fuit et cum evigilassent animos ad lyram excitare, quo essent ad agendum erectiores, et cum somnum peterent ad eandem prius lenire mentes, ut, si quid turbidiorum cogitationum, componerent. XIII. Quod si numeris ac modis inest quaedam tacita vis, in oratione ea vehementissima, quantumque interest sensus idem quibus verbis efferatur, tantum verba eadem qua compositione vel in textu iungantur vel in fine cludantur: nam quaedam et sententiis parva et elocutione modica virtus haec sola commendat. XIV. Denique quod cuique visum erit vehementer dulciter speciose dictum, solvat et turbet: abierit omnis vis iucunditas decor. Solvit quaedam sua in Oratore Cicero: "Neque me divitiae movent, quibus omnis Africanos, Laelios multi venalicii mercatoresque superarunt. Inmuta paululum, ut sit "multi superarunt mercatores venaliciique", et insequentis deinceps perihodos, quas si ad illum modum turbes, velut fracta aut transversa tela proieceris. XV. Idem corrigit quae a Graccho composita durius putat. Illum decet: nos hac sumus probatione contenti, quod in scribendo quae se nobis solutiora optulerunt componimus. Quid enim attinet eorum exempla quaerere quae sibi quisque experiri potest? Illud notasse satis habeo, quo pulchriora et sensu et elocutione dissolveris, hoc orationem magis deformem fore, quia neglegentia conlocationis ipsa verborum luce deprenditur. XVI. Itaque ut confiteor paene ultimam oratoribus artem compositionis, quae quidem perfecta sit, contigisse, ita illis quoque priscis habitam inter curas, in quantum adhuc profecerant, puto. Neque enim mihi quamlibet magnus auctor Cicero persuaserit, Lysian Herodotum Thucydiden parum studiosos eius fuisse. XVII. Genus fortasse sint secuti non idem quod Demosthenes aut Plato, quamquam et hi ipsi inter se dissimiles fuerunt. Nam neque illud in Lysia dicendi textum tenue atque rasum laetioribus numeris corrumpendum erat: perdidisset enim gratiam, quae in eo maxima est, simplicis atque inadfectati coloris, perdidisset fidem quoque. Nam scribebat aliis, non ipse dicebat, ut oporteret esse illa rudibus et incompositis similia: XVIII. quod ipsum compositio est. Et historiae, quae currere debet ac ferri, minus convenissent insistentes clausulae et debita actionibus respiratio et cludendi inchoandique sententias ratio. In contionibus quidem etiam similiter cadentia quaedam et contraposita deprehendas. In Herodoto vero cum omnia, ut ego quidem sentio, leniter fluunt, tum ipsa dialectos habet eam iucunditatem ut latentes in se numeros complexa videatur. XIX. Sed de propositorum diversitate post paulum: nunc quae prius iis qui recte componere volent discenda sunt.

Est igitur ante omnia oratio alia vincta atque contexta, soluta alia, qualis in sermone et epistulis, nisi cum aliquid supra naturam suam tractant, ut de philosophia, de re publica similibusque. XX. Quod non eo dico quia non illud quoque solutum habeat suos quosdam et forsitan difficiliores etiam pedes: neque enim aut hiare semper vocalibus aut destitui temporibus volunt sermo atque epistula, sed non fluunt nec cohaerent nec verba verbis trahunt, ut potius laxiora in his vincla quam nulla sint. XXI. Nonnumquam in causis quoque minoribus decet eadem simplicitas, quae non nullis sed aliis utitur numeris, dissimulatque eos et tantum communit occultius.

XXII. At illa conexa series tris habet formas: incisa, quae commata dicuntur, membra, quae kola, periodon quae est vel ambitus vel circumductum vel continuatio vel conclusio. In omni porro compositione tria sunt genera necessaria: ordo, iunctura, numerus.

XXIII. Primum igitur de ordine. Eius observatio in verbis est singulis et contextis (singula sunt quae asyndeta diximus). In his cavendum ne decrescat oratio, et fortiori subiungatur aliquid infirmius, ut sacrilego fur aut latroni petulans: augeri enim debent sententiae et insurgere, et optime Cicero "tu", inquit, "istis faucibus, istis lateribus, ista gladiatoria totius corporis firmitate": aliud enim maius alii supervenit. At si coepisset a toto corpore, non bene ad latera faucesque descenderet. Est et alius naturalis ordo, ut "viros ac feminas", "diem ac noctem", "ortum et occasum" dicas potius, quamquam et retrorsum. XXIV. Quaedam ordine permutato fiunt supervacua, ut "fratres gemini": nam si "gemini" praecesserint, "fratres" addere non est necesse. Illa nimia quorundam fuit observatio, ut vocabula verbis, verba rursus adverbiis, nomina adpositis et pronominibus essent priora: nam fit contra quoque frequenter non indecore. XXV. Nec non et illud nimiae superstitionis, uti quaeque sint tempore, ea facere etiam ordine priora, non quin frequenter sit hoc melius, sed quia interim plus valent ante gesta ideoque levioribus superponenda sunt. XXVI. Verbo sensum cludere multo, si compositio patiatur, optimum est: in verbis enim sermonis vis est. Si id asperum erit, cedet haec ratio numeris, ut fit apud summos Graecos Latinosque oratores frequentissime. Sine dubio erit omne quod non cludet hyperbaton, sed ipsum hoc inter tropos vel figuras, quae sunt virtutes, receptum est. XXVII. Non enim ad pedes verba dimensa sunt, ideoque ex loco transferuntur in locum, ut iungantur quo congruunt maxime, sicut in structura saxorum rudium etiam ipsa enormitas invenit cui adplicari et in quo possit insistere. Felicissimus tamen sermo est cui et rectus ordo et apta iunctura et cum his numerus oportune cadens contigit. XXVIII. Quaedam vero transgressiones et longae sunt nimis, ut superioribus diximus libris, et interim etiam compositione vitiosae, quae in hoc ipsum petuntur, ut exultent atque lasciviant, quales illae Maecenatis: "sole et aurora rubent plurima"; "inter sacra movit aqua fraxinos"; "ne exsequias quidem unus inter miserrimos viderem meas" (quod inter haec pessimum est, quia in re tristi ludit compositio). XXIX. Saepe tamen est vehemens aliquis sensus in verbo, quod si in media parte sententiae latet, transire intentionem et obscurari circumiacentibus solet, in clausula positum adsignatur auditori et infigitur, quale illud est Ciceronis: "ut tibi necesse esset in conspectu populi Romani vomere postridie". XXX. Transfer hoc ultimum: minus valebit. Nam totius ductus hic est quasi mucro, ut per se foeda vomendi necessitas iam nihil ultra exspectantibus hanc quoque adiceret deformitatem, ut cibus teneri non posset postridie. XXXI. Solebat Afer Domitius traicere in clausulas verba tantum asperandae compositionis gratia, et maxime in prohoemiis, ut pro Cloatilla: "gratias agam continuo", et pro Laelia: "eis utrisque apud te iudicem periclitatur Laelia". Adeo refugit teneram delicatamque modulandi voluptatem ut currentibus per se numeris quod eos inhiberet [et] obiceret. XXXII. Amphiboliam quoque fieri vitiosa locatione verborum nemo est qui nesciat. Haec arbitror, ut in brevi, de ordine fuisse dicenda: qui si vitiosus est, licet et vincta ac sit apte cadens oratio, tamen merito incomposita dicatur.

Iunctura sequitur. Est in verbis, incisis, membris, perihodis: omnia namque ista et virtutes et vitia in complexu habent. XXXIII. Atque ut ordinem sequar, primum sunt quae imperitis quoque ad reprehensionem notabilia videntur, id est, quae commissis inter se verbis duobus ex ultima [fine] prioris ac prima sequentis syllaba deforme aliquod nomen efficiunt. tum vocalium concursus: quod cum accidit, hiat et intersistit et quasi laborat oratio. Pessime longae, quae easdem inter se litteras committunt, sonabunt; praecipuus tamen erit hiatus earum quae cavo aut patulo maxime ore efferuntur. XXXIV. E planior littera est, i angustior, ideoque obscurius in his vitium. Minus peccabit qui longis breves subiciet, et adhuc qui praeponet longae brevem. Minima est in duabus brevibus offensio. Atque cum aliae subiunguntur aliis, proinde asperiores aut leviores erunt prout oris habitu simili aut diverso pronuntiabuntur. XXXV. Non tamen id ut crimen ingens expavescendum est, ac nescio neglegentia in hoc an sollicitudo sit peior. Inhibeat enim necesse est hic Metus impetum dicendi et a potioribus avertat. Quare ut neglegentiae est pars hoc pati, ita humilitatis ubique perhorrescere, nimiosque non inmerito in hac cura putant omnis Isocraten secutos praecipueque Theopompum. XXXVI. At Demosthenes et Cicero modice respexerunt ad hanc partem. Nam et coeuntes litterae, quae synaliphai dicuntur, etiam leviorem faciunt orationem quam si omnia verba suo fine cludantur, et nonnumquam hiulca etiam decent faciuntque ampliora quaedam, ut "pulchra oratione +acta oratio iactatae+", cum longae per se et velut opimae syllabae aliquid etiam medii temporis inter vocales quasi intersistatur adsumunt. XXXVII. Qua de re utar Ciceronis potissimum verbis. "Habet" inquit "ille tamquam hiatus et concursus vocalium molle quiddam et quod indicet non ingratam neglegentiam de re hominis magis quam de verbis laborantis".

Ceterum consonantes quoque, earumque praecipue quae sunt asperiores, in commissura verborum rixantur, ut s ultima cum x proxima, quarum tristior etiam si binae collidantur stridor est, ut "ars studiorum". XXXVIII. Quae fuit causa et Servio sulpicio, ut dixi, subtrahendae s litterae quotiens ultima esset aliaque consonante susciperetur, quod reprehendit Luranius, Messala defendit. Nam neque Lucilium putat uti eadem ultima, cum dicit "Aeserninus fuit" et "dignus locoque", et Cicero in Oratore plures antiquorum tradit sic locutos. XXXIX. Inde "belligerare", "pos meridiem" et illa Censoris Catonis "dicae" "faciae"que, m littera in e mollita. Quae in veteribus libris reperta mutare imperiti solent, et dum librariorum insectari volunt inscientiam, suam confitentur. XL. Atqui eadem illa littera, quotiens ultima est et vocalem verbi sequentis ita contingit ut in eam transire possit, etiam si scribitur, tamen parum exprimitur, ut "multum ille" et "quantum erat", adeo ut paene cuiusdam novae litterae sonum reddat. Neque enim eximitur sed obscuratur, et tantum in hoc aliqua inter duas vocales velut nota est, ne ipsae coeant. XLI. Videndum etiam ne syllaba verbi prioris ultima et prima sequentis +ide nec+: quod ne quis praecipi miretur, Ciceroni in epistulis excidit: "res mihi invisae visae sunt, Brute", et in carmine: "o fortunatam natam me consule Romam". XLII. Etiam monosyllaba, si plura sunt, male continuabuntur, quia necesse est compositio multis clausulis concisa subsultet. Ideoque etiam brevium verborum ac nominum vitanda continuatio et ex diverso quoque longorum: adfert enim quandam dicendi tarditatem. Illa quoque vitia sunt eiusdem loci, si cadentia similiter et desinentia et eodem modo declinata multa iunguntur. XLIII. Ne verba quidem verbis aut nomina nominibus similiaque his continuari decet, cum virtutes etiam ipsae taedium pariant nisi gratia varietatis adiutae.

XLIV. Membrorum incisorumque iunctura non ea modo est observanda quae verborum, quamquam et in his extrema ac prima coeunt, sed plurimum refert compositionis quae quibus anteponas. Nam et "vomens frustis esculentis gremium suum et totum tribunal implevit" * et contra (nam frequentius utar isdem diversarum quoque rerum exemplis, quo sint magis familiaria) "saxa atque solitudines voci respondent, bestiae saepe inmanes cantu flectuntur atque consistunt" magis insurgebat si verteretur: nam plus est saxa quam bestias commoveri; vicit tamen compositionis decor. Sed transeamus ad numeros.

XLV. Omnis structura ac dimensio et copulatio vocum constat aut numeris (numeros rythmous accipi volo) aut metrois, id est dimensione quadam. Quod, etiam si constat utrumque pedibus, habet tamen non simplicem differentiam. XLVI. Nam primum numeri spatio temporum constant, metra etiam ordine, ideoque alterum esse quantitatis videtur, alterum qualitatis. Rhythmos est aut par, ut dactylicus, una enim syllaba par est brevibus (est quidem vis eadem et aliis pedibus, sed nomen illud tenet: XLVII. longam esse duorum temporum, brevem unius etiam pueri sciunt) aut sescuplex, ut paeanicus: is est ex longa et tribus brevibus (aut ex tribus brevibus) et longa (vel alio quoque modo, ut tempora tria ad duo relata sescuplum faciant) aut duplex, ut iambos (nam est ex brevi et longa) quique est ei contrarius. XLVIII. sunt hi et metrici pedes, sed hoc interest, quod rhythmo indifferens dactylicusne ille priores habeat breves an sequentes: tempus enim solum metitur, ut a sublatione ad positionem idem spatii sit. Proinde alia [ad] dimensio versuum: pro dactylico poni non poterit anapaestos aut spondius, nec paean eadem ratione brevibus incipiet ac desinet. XLIX. Neque solum alium pro alio pedem metrorum ratio non recipit, sed ne dactylum quidem aut forte spondium alterum pro altero. Itaque si quinque continuos dactylos, ut sunt in illo "panditur interea domus omnipotentis Olympi" confundas, solveris versum. L. sunt et illa discrimina, quod rhythmis libera spatia, metris finita sunt, et his certae clausulae, illi quo modo coeperant currunt usque ad metabolen, id est transitum ad aliud rhythmi genus, et quod metrum in verbis modo, rhythmos etiam in corporis motu est. LI. Inania quoque tempora rhythmi facilius accipient, quamquam haec et in metris accidunt. Maior tamen illic licentia est; ubi tempora [etiam animo] metiuntur et pedum et digitorum ictu, intervalla signant quibusdam notis, atque aestimant quot breves illud spatium habeat: inde tetrasemoe, pentasemoe, deinceps longiore sunt percussiones (nam semion tempus est unum).

LII. In compositione orationis certior et magis omnibus aperta servari debet dimensio. Est igitur in pedibus, et metricis quidem pedibus, qui adeo reperiuntur in oratione ut in ea frequenter non sentientibus nobis omnium generum excidant versus, et contra nihil quod est prorsa scriptum non redigi possit in quaedam versiculorum genera vel in membra, si in tam molestos incidimus grammaticos quam fuerunt qui lyricorum quorundam carmina in varias mensuras coegerunt. LIII. At Cicero frequentissime dicit totum hoc constare numeris, ideoque reprehenditur a quibusdam tamquam orationem ad rhythmos alliget. LIV. Nam sunt numeri rhythmoe, ut et ipse constituit et secuti eum Vergilius, cum dicit "numeros memini, si verba tenerem", et Horatius "numerisque fertur lege solutis". LV. Invadunt ergo hanc inter ceteras vocem: "neque enim Demosthenis fulmina tantopere vibratura" dicit "nisi numeris contorta ferrentur": in quo si hoc sentit: "rhythmis contorta", dissentio. Nam rhythmi, ut dixi, neque finem habent certum nec ullam in contextu varietatem, sed qua coeperunt sublatione latione ac positione ad finem usque decurrunt: oratio non descendet ad crepitum digitorum. LVI. Idque Cicero optime videt ac testatur frequenter se quod numerosum sit quaerere ut magis non arrhythmum, quod esset inscitum atque agreste, quam enrhythmum, quod poeticum est, esse compositionem velit: sicut etiam quos palaestritas esse nolumus, tamen esse nolumus eos qui dicuntur apalaestroe. LVII. Veram ea quae efficitur e pedibus apta conclusio nomen aliquod desiderat. Quid sit igitur potius quam "numerus", sed oratorius numerus, ut enthymema rhetoricus syllogismus? Ego certe, ne in calumniam cadam, qua ne M. quidem tullius caruit, posco hoc mihi, ut, cum pro composito dixero numerum et ubicumque iam dixi, oratorium dicere intellegar.

LVIII. Conlocatio autem verba iam probata et electa et velut adsignata sibi debet conectere: nam vel dure inter se commissa potiora sunt inutilibus. Tamen et eligere quaedam, dum ex iis quae idem significent atque idem valeant, permiserim, et adicere dum. non otiosa, et detrahere dum non necessaria, et figuris mutare [et] casus atque numeros, quorum varietas frequenter gratia compositionis adscita etiam suo nomine solet esse iucunda. LIX. Etiam ubi aliud ratio, aliud consuetudo poscet, utrum volet sumat compositio, "vitavisse" vel "vitasse", "deprehendere" vel "deprendere". Coitus etiam syllabarum non negabo et quidquid sententiis aut elocutioni non nocebit. LX. Praecipuum tamen in hoc opus est, scire quod quoque loco verborum maxime quadret. Atque is optime componet qui hoc non solum componendi gratia facit.

Ratio vero pedum in oratione est multo quam in versu difficilior: primum quod versus paucis continetur, oratio longiores habet saepe circumitus, deinde quod versus semper similis sibi est et una ratione decurrit, orationis compositio, nisi varia est, et offendit similitudine et in adfectatione deprenditur. LXI. Et in omni quidem corpore totoque, ut ita dixerim, tractu numerus insertus est: neque enim loqui possum nisi e syllabis brevibus ac longis, ex quibus pedes fiunt. Magis tamen et desideratur in clausulis et apparet, primum quia sensus omnis habet suum finem, poscitque naturale intervallum quo a sequentis initio dividatur, deinde quod aures continuam vocem secutae, ductaeque velut prono decurrentis orationis flumine, tum magis iudicant cum ille impetus stetit et intuendi tempus dedit. LXII. Non igitur durum sit neque abruptum quo animi velut respirant ac reficiuntur. Haec est sedes orationis, hoc auditor exspectat, hic laus omnis +declamat+. Proximam clausulis diligentiam postulant initia: nam et in haec intentus auditor est. LXIII. Sed eorum facilior ratio est; non enim cohaerent aliis nec praecedentibus serviunt: exordium sumunt, +cum ea+ quamlibet sit enim composita ipsa, gratiam perdet si ad eam rupta via venerimus. Namque eo fit ut cum Demosthenis severa videatur compositio tois theois euchomai pasi cai pasais, et illa quae ab uno, quod sciam, Bruto minus probatur, ceteris placet kan mepo ballei mede toxevei, Ciceronem carpant in his "familiaris coeperat esse balneatori" et "non nimis dura archipiratae". LXIV. Nam "balneatori" et "archipiratae" idem finis est qui pasi kai pasais et qui mede toxevei sed priora sunt severiora. LXV. Est in eo quoque nonnihil, quod hic singulis verbis bini pedes continentur, quod etiam in carminibus est praemolle, nec solum ubi quinae, ut in his, syllabae nectuntur, "fortissima Tyndaridarum", sed etiam quaternae, cum versus cluditur "Appennino" et "armamentis" et "Orione". LXVI. Quare hic quoque vitandum est ne plurium syllabarum [his] verbis utamur in fine.

Mediis quoque non ea modo cura sit, ut inter se cohaereant, sed ne pigra, ne longa sint, ne, quod nunc maxime vitium est, brevium contextu resultent ac sonum reddant paene puerilium crepitaculorum. LXVII. Nam ut initia clausulaeque plurimum momenti habent, quotiens incipit sensus aut desinit, sic in mediis quoque sunt quidam conatus iique leviter insistunt, ut currentium pes, etiam si non moratur, tamen vestigium facit. Itaque non modo membra atque incisa bene incipere atque cludi decet, sed etiam in iis quae non dubie contexta sunt nec respiratione utuntur sunt illi vel occulti gradus. LXVIII. Quis enim dubitet unum sensum in hoc et unum spiritum esse: "animadverti, iudices, omnem accusatoris orationem in duas divisam esse partis"; tamen et duo prima verba et tria proxima et deinceps duo rursus ac tria suos quasi numeros habent: spiritum sustinemus +sic aput rimas aestimantur.+ LXIX. Hae particulae prout sunt graves acres, lentae celeres, remissae exsultantes, proinde id quod ex illis conficitur aut severum aut luxuriosum aut quadratum aut solutum erit. LXX. Quaedam etiam clausulae sunt claudae atque pendentes si relinquantur, sed sequentibus suscipi ac sustineri solent, eoque facto vitium quod erat in fine continuatio emendat. "Non vult populus Romanus obsoletis criminibus accusari Verrem" durum si desinas: sed cum est continuatum his quae secuntur, quamquam natura ipsa divisa sunt: "nova postulat, inaudita desiderat", salvus est cursus. LXXI. "Vt adeas, tantum dabis" male cluderet, nam et trimetri versus pars ultima est: excipit "ut tibi cibum vestitumque intro ferre liceat, tantum": praeceps adhuc firmatur ac sustinetur ultimo "nemo recusabat".

LXXII. Versum in oratione fieri multo foedissimum est totum, sed etiam in parte deforme, utique si pars posterior in clausula deprehendatur aut rursus prior in ingressu. Nam quod est contra saepe etiam decet, quia et cludit interim optime prima pars versus, dum intra paucas syllabas, praecipue senari atque octonari ("in Africa fuisse" initium senari est, primum pro Q. Ligario caput cludit; LXXIII. "esse videatur", iam nimis frequens, octonarium inchoat: talia sunt Demosthenis pasi kai pasais, pasin hymin et totum paene principium) et ultima versuum initio conveniunt orationis: LXXIV. "etsi vereor, iudices", et "animadverti, iudices". Sed initia initiis non convenient, ut T. Livius hexametri exordio coepit: "facturusne operae pretium sim" (nam ita editum est, [quod] melius quam quo modo emendatur), nec clausulae clausulis, ut Cicero: LXXV. "quo me vertam nescio", qui trimetri finis est. Trimetrum et senarium promiscue dicere licet: sex enim pedes, tres percussiones habet. Peius cludit finis hexametri, ut Brutus in epistulis: "neque illi malunt habere tutores aut defensores, quamquam sciunt placuisse Catoni". LXXVI. Illi minus sunt notabiles, quia hoc genus sermoni proximum est. Itaque et versus hic fere excidunt, quos Brutus ipso componendi durius studio saepissime facit, non raro Asinius, sed etiam Cicero nonnumquam, ut in principio statim orationis in L. Pisonem: "pro di inmortales, qui hic inluxit dies?" LXXVII. Non minore autem cura vitandum est quidquid est enrythmon, quale apud Sallustium: "falso queritur de natura sua". Quamvis enim vincta sit, tamen soluta videri debet oratio. Atqui Plato, diligentissimus compositionis, in Timaeo prima statim parte vitare ista non potuit. LXXVIII. Nam et initium hexametri statim invenias, et anacreontion protinus colon efficies, et si velis trimetron, et quod duobus pedibus et parte penthemimeres a Graecis dicitur, et haec omnia in tribus versibus: et Thucydidi hyper hemisy Kares ephanesan ex mollissimo rhythmorum genere excidit.

LXXIX. Sed quia omnem oratoriam compositionem pedibus constare dixi, aliqua de his quoque: quorum nomina quia varie traduntur, constituendum est quo quemque appellemus. Equidem Ciceronem sequar (nam is eminentissimos Graecorum est secutus), excepto quod pes mihi tris syllabas non videtur excedere, quamquam ille paeane dochmioque, quorum prior in quattuor, secundus in quinque excurrit, utatur; LXXX. nec tamen ipse dissimulat quibusdam numeros videri, non pedes, neque inmerito: quidquid est enim supra tris syllabas, id est ex pluribus pedibus. Ergo cum constent quattuor pedes binis, octo ternis, spondion longis duabus, pyrrhichium, quem alii pariambum vocant, brevibus, iambum brevi longaque, huic contrarium e longa et brevi choreum, non ut alii trochaeum nominemus: LXXXI. ex iis vero qui ternas syllabas habent dactylum longa duabusque brevibus, huic temporibus parem sed retro actum appellari constat anapaeston. Media inter longas brevis faciet amphimacron (sed frequentius eius nomen est creticus); longa inter brevis amphibrachys. LXXXII. * huic adversus longis brevem praecedentibus palimbacchius erit. Tres breves trochaeum, quem tribrachyn dici volunt qui choreo trochaei nomen imponunt, tres longae molosson efficient. LXXXIII. Horum pedum nullus non in orationem venit, sed quo quique sunt temporibus pleniores longisque syllabis magis stabiles, his graviorem faciunt orationem, breves celerem ac mobilem. Vtrumque locis utile: nam et illud, ubi opus est velocitate, tardum et segne et hoc, ubi pondus exigitur, praeceps ac resultans merito damnetur. LXXXIV. Sit in hoc quoque aliquid fortasse momenti, quod et longis longiores et brevibus sunt breviores syllabae: ut, quamvis neque plus duobus temporibus neque uno minus habere videantur ideoque in metris omnes breves omnesque longae inter se ipsae sint pares, lateat tamen nescio quid quod supersit aut desit. Nam versuum propria condicio est, ideoque in his quaedam etiam communes; LXXXV. veritas vero qui patitur aeque brevem esse vel longam vocalem cum est sola quam cum eam consonantes una pluresve praecedunt? Certe in dimensione pedum syllaba quae est brevis, insequente alia vel brevi, quae tamen duas primas consonantes habeat, fit longa, ut "agrestem tenui musam": LXXXVI. nam "a" brevis, "gres" brevis, faciet tamen longam a priorem. Dat igitur illi aliquid ex suo tempore; quo modo, nisi habet plus quam quae brevissima, qualis ipsa esset detractis consonantibus? Nunc unum tempus accommodat priori et unum accipit a sequente: ita duae natura breves positione sunt temporum quattuor.

LXXXVII. Miror autem in hac opinione doctissimos homines fuisse, ut alios pedes ita eligerent aliosque damnarent quasi ullus esset quem non sit necesse in oratione deprendi. Licet igitur paeana sequatur Ephorus, inventum a Thrasymacho, probatum ab Aristotele, dactylumque ut temperatos brevibus ac longis, fugiat * trochaeum, alterius tarditate nimia, alterius celeritate damnata, herous, qui est idem dactylus, Aristoteli amplior, iambus humilior videatur, trochaeum ut nimis currentem damnet eique cordacis nomen imponat, eademque dicant Theodectes ac Theophrastus, similia post eos Halicarnasseus Dionysius: LXXXVIII. inrumpent etiam ad invitos, nec semper illis heroo aut paeane suo, quem quia versum raro facit maxime laudant, uti licebit. LXXXIX. Vt sint tamen aliis alii crebriores non verba facient, quae neque augeri nec minui nec sicuti modulatione produci aut corripi possunt, sed transmutatio et conlocatio; XC. plerique enim ex commissuris eorum vel divisione fiunt pedes. Quo fit ut isdem verbis alii atque alii versus fiant, ut memini quendam non ignobilem poetam talis exarasse: "astra tenet caelum, mare classes, area messem". Hic retrorsum fit sotadeus, itemque sotadeus [adiu] retro trimetros: "caput exseruit mobile pinus repetita". XCI. Miscendi ergo sunt, curandumque ut sint plures qui placent et circumfusi bonis deteriores lateant. Nec vero in litteris syllabisque natura mutatur, sed refert quae cum quaque optime coeat. Plurimum igitur auctoritatis, ut dixi, et ponderis habent longae, celeritatis breves: quae si miscentur quibusdam longis, currunt, si continuantur, exsultant. XCII. Acres quae ex brevibus ad longas insurgunt, leviores quae a longis in breves descendunt. Optime incipitur a longis, recte aliquando a brevibus, ut "novum crimen": levius a duabus, ut "animadverti, iudices", sed hoc pro Cluentio recte quia initium eius partitionis simile est, quae celeritate gaudet. XCIII. Clausula quoque e longis firmissima est, sed venit et in breves, quamvis habeatur indifferens ultima. Neque enim ego ignoro in fine pro longa accipi brevem, quia videtur aliquid vacantis temporis ex eo quod insequitur accedere: aures tamen consulens meas intellego multum referre verene longa sit quae cludit an pro longa. Neque enim tam plenum est "dicere incipientem timere" quam illud "ausus est confiteri": atqui si nihil refert brevis an longa sit ultima, idem pes erit, verum nescio quo modo sedebit hoc, illud subsistet. XCIV. Quo moti quidam longae ultimae tria tempora dederunt, ut illud tempus quod brevis e loco accipit huic quoque accederet. Nec solum refert quis cludat pes, sed cludentem quis antecedat. XCV. Retrorsum autem neque plus tribus, iique si non ternas syllabas habebunt, repetendi erunt (absit tam poetica observatio) neque minus duobus (alioqui pes erit, non numerus). Potest tamen vel unus esse, dichoreus si unus est, qui constat e duobus choreis, itemque paean, qui est ex choreo et pyrrhichio (quem aptum initiis putant), vel contra, qui est ex tribus brevibus et longa, cui clausulam adsignant: XCVI. de quibus fere duobus scriptores huius artis locuntur, alii omnes +ut quocumque sint quoque+ temporum quod ad rationem pertineat paeanas appellant. XCVII. Est et dochmius, qui fit ex bacchio et iambo vel iambo et cretico, stabilis in clausulis et severus. Spondius quoque, quo plurimum est Demosthenes usus, non eodem modo semper [prae] se habet: optime praecedet eum creticus, ut in hoc: "de qua ego nihil dicam nisi depellendi criminis causa". Non nihil est, quod supra dixi multum referre, unone verbo sint duo pedes comprehensi an uterque liber. Sic enim fit forte "criminis causa", more "archipiratae", mollius si tribrachys praecedat, "facilitates", "temeritates". XCVIII. Est enim quoddam ipsa divisione verborum latens tempus, ut in pentametri medio spondio, qui nisi alterius verbi fine, alterius initio constat, versum non efficit. Potest, etiam si minus bene, praeponi anapaestos: "muliere non solum nobili verum etiam nota". XCIX. cum anapaestos et creticus, iambus quoque, qui est utroque syllaba minor: praecedet enim tres longas brevis. Sed et spondius iambo recte praeponitur: "isdem in armis fui". cum spondius, et bacchius: sic enim fiet ultimus dochmius: "in armis fui". C. Ex iis quae supra probavi apparet molosson quoque clausulae convenire, dum habeat ex quocumque pede ante se brevem: "illud scimus, ubicumque sunt esse pro nobis". CI. Minus gravis erit spondius, praecedentibus +et pyrrhichio,+ ut "iudicii Iuniani", et adhuc peius priore paeane, ut "Brute dubitavi", nisi potius hos esse volumus dactylum et bacchium. duo spondii non fere se iungi patiuntur, quae in versu quoque notabilis clausula est, ni cum id fieri potest ex tribus quasi membris: "cur de perfugis nostris copias comparat is contra nos?" - una syllaba, duabus, una. CII. Ne dactylus quidem spondio bene praeponitur, quia finem versus damnamus in fine orationis. Bacchius et cludit et sibi iungitur: "venenum timeres", vel choreum et spondium ante se amat: "ut venenum timeres". Contrarius quoque qui est cludet, nisi si ultimam syllabam longam esse volumus, optimeque habebit ante se molosson: "civis Romanus sum", aut bacchium: "quod hic potest nos possemus". CIII. Sed verius erit cludere choreum praecedente spondio, nam hic potius est numerus: "nos possemus" et "Romanus sum". Cludet et dichoreus, id est idem pes sibi ipse iungetur, quo Asiani sunt usi plurimum; cuius exemplum Cicero ponit: "patris dictum sapiens temeritas fili comprobavit". CIV. Accipiet ante se choreus et pyrrhichium: "omnis prope cives virtute gloria dignitate superabat". Cludet et dactylus, nisi eum observatio ultimae creticum facit: "muliercula nixus in litore". Habebit ante se bene creticum et iambum, spondium male, peius choreum. Cludit amphibrachys: CV. "Q. Ligarium in Africa fuisse", si non eum malumus esse bacchium. Non optimus est trochaeus, si ulla est ultima brevis, quod certe sit necesse est: alioqui quo modo cludet, qui placet plerisque, dichoreus? Illa observatione ex trochaeo fit anapaestos. CVI. Idem trochaeus praecedente longa fit paean, quale est "si potero" et "dixit hoc Cicero", "obstat invidia". Sed hunc initiis dederunt. Cludet et pyrrhichius choreo praecedente, nam sic paean est. Sed omnes hi qui in breves excidunt minus erunt stabiles nec alibi fere satis apti quam ubi cursus orationis exigitur et clausulis non intersistitur. CVII. Creticus et initiis optimus: "quod precatus a dis inmortalibus sum", et clausulis: "in conspectu populi Romani vomere postridie". Apparet vero quam bene eum praecedant vel anapaestos vel ille qui videtur fini aptior paean. Sed et se ipse sequitur: "servare quam plurimos". Sic melius quam choreo praecedente: "quis non turpe duceret?" (si ultima brevis pro longa sit: sed fingamus sic: "non turpe duceres".) CVIII. Sed hic est illud inane quod dixi: paulum enim morae damus inter ultimum atque proximum verbum, et "turpe" illud intervallo quodam producimus: alioqui sit exsultantissimum et trimetri finis: "quis non turpe duceret?" sicut illud "ore excipere liceret" si iungas lascivi carminis est, sed interpunctis quibusdam et tribus quasi initiis fit plenum auctoritatis. CIX. Nec ego, cum praecedentis pedes posui, legem dedi ne alii essent, sed quid fere accideret, quid in praesentia videretur optimum ostendi. Qui non optime est sibi iunctus anapaestos, ut qui sit pentametri finis vel rhythmos qui nomen ab eo traxit: "nam ubi libido dominatur, innocentiae leve praesidium est" (nam synaliphe facit ut duae ultimae syllabae pro una sonent), melior fiet praecedente spondio vel bacchio, ut si idem mutes "leve innocentiae praesidium est". CX. Non me capit, ut a magnis viris dissentiam, paean qui est ex tribus brevibus et longa (nam est et ipse una plus brevi anapaestos): "facilitas" et "agilitas". Qui quid ita placuerit his non video, nisi quod illum fere probaverunt quibus loquendi magis quam orandi studium fuit. CXI. Nam et ante se brevibus gaudet pyrrhichio vel choreo: "mea facilitas", "nostra facilitas", ac praecedente spondio tamen plane finis est trimetri, cum sit per se quoque. Ei contrarius principiis merito laudatur: nam et primam stabilem et tres celeres habet. Tamen hoc quoque meliores alios puto.

CXII. Totus vero hic locus non ideo tractatur a nobis ut oratio, quae ferri debet ac fluere, dimetiendis pedibus ac perpendendis syllabis consenescat; nam id cum miseri, tum in minimis occupati est: neque enim qui se totum in hac cura consumpserit potioribus vacabit, si quidem relicto rerum pondere ac nitore contempto "tesserulas" " ut ait Lucilius, struet et vermiculate inter se lexis committet. CXIII. Nonne ergo refrigeretur sic calor et impetus pereat, ut equorum cursum delicati minutis passibus frangunt? CXIV. Quasi vero fecerint sint in compositione deprensi, sicut poema nemo dubitaverit spiritu quodam initio fusum et aurium mensura et similiter decurrentium spatiorum observatione esse generatum, mox in eo repertos pedes. Satis igitur in hoc nos componet multa scribendi exercitatio, ut ex tempore etiam similia fundamus. CXV. Neque vero tam sunt intuendi pedes quam universa comprensio, ut versum facientes totum illum decursum, non sex vel quinque partes ex quibus constat versus, aspiciunt: ante enim carmen ortum est quam observatio carminis, ideoque illud "Fauni vatesque canebant". CXVI. Ergo quem in poemate locum habet versificatio, eum in oratione compositio.

Optime autem de illa iudicant aures, quae plena sentiunt et parum expleta desiderant, et fragosis offenduntur, levibus mulcentur, [et] contortis excitantur, et stabilia probant, clauda deprendunt, redundantia ac nimia fastidiunt. Ideoque docti rationem componendi intellegunt, etiam indocti voluptatem. Quaedam vero tradi arte non possunt. CXVII. Mutandus est casus si durius is quo coeperamus feratur: num in quem transeamus ex quo praecipi potest? Figura laboranti compositioni variata saepe succurrit, quae cum orationis, tum etiam sententiae: num praescriptum eius rei unum est? Occasionibus utendum et cum re praesenti deliberandum est. CXVIII. Iam vero spatia ipsa, quae in hac quidem parte plurimum valent, quod possunt nisi aurium habere iudicium? cur alia paucioribus verbis satis plena vel nimium, alia pluribus brevia et abscisa sint? cur in circumductionibus, etiam cum sensus finitus est, aliquid tamen loci vacare videatur? "Neminem vestrum ignorare arbitror, iudices, hunc per hosce dies sermonem vulgi atque hanc opinionem populi Romani fuisse". CXIX. cur "hosce" potius quam "hos"? Neque enim erat asperum. Rationem fortasse non reddam, sentiam esse melius. cur non satis sit "sermonem vulgi fuisse"? Compositio enim patiebatur: ignorabo, sed ut audio hoc, animus accipit plenum sine hac geminatione non esse: CXX. ad sensus igitur referenda sunt. Nequis satis forte, quid severum, quid iucundum sit intellegent; facient quidem natura duce melius quam arte, sed naturae ipsi ars inerit.

CXXI. Illud prorsus oratoris, scire ubi quoque genere compositionis sit utendum. Ea duplex observatio est: altera quae ad pedes refertur, altera quae ad comprensiones quae efficiuntur e pedibus. CXXII. Ac de his prius. Diximus igitur esse incisa membra circumitus. Incisum, quantum mea fert opinio, erit sensus non expleto numero conclusus, plerisque pars membri. Tale est enim quo Cicero utitur: "Domus tibi deerat? At habebas. Pecunia superabat? At egebas". Fiunt autem etiam singulis verbis incisa: "diximus, testes dare volumus": incisum est "diximus". CXXIII. Membrum autem est sensus numeris conclusus, sed a toto corpore abruptus et per se nihil efficiens. "O callidos homines" perfectum est, sed remotum a ceteris vim non habet, ut per se manus et pes et caput: "o rem excogitatam". Quando ergo incipit corpus esse? cum venit extrema conclusio: "quem quasi nostrum fefellit id vos ita esse facturos?" Quam Cicero brevissimam putat. Itaque fere incisa et [in] membra mutila sunt et conclusionem utique desiderant. CXXIV. Perihodo plurima nomina dat Cicero: ambitum, circumitum, comprensionem, continuationem, circumscriptionem. Genera eius duo sunt: alterum simplex, cum sensus unus longiore ambitu circumducitur, alterum quod constat membris et incisis, quod plures sensus habet: "aderat ianitor carceris, [et] carnifex praetoris" reliqua. CXXV. Habet perihodos membra minime duo; medius numerus videtur quattuor, sed recipit frequenter et plura. Modus eius a Cicerone aut quattuor senariis versibus aut ipsius spiritus modo terminatur. Praestare debet ut sensum concludat: sit aperta, ut intellegi possit, non inmodica, ut memoria contineri. Membrum longius iusto tardum, brevius instabile est. CXXVI. Vbicumque acriter erit et instanter et pugnaciter dicendum membratim caesimque dicemus: nam hoc in oratione plurimum valet; adeoque rebus accommodanda compositio ut asperis asperos etiam numeros adhiberi oporteat et cum dicente aeque audientem inhorrescere. CXXVII. Membratim plerumque narrabimus, aut ipsas perihodos maioribus intervallis et velut laxioribus nodis resolvemus, exceptis quae non docendi gratia sed ornandi narrantur, ut in Verrem Proserpinae raptus: hic enim lenis et fluens contextus decet. CXXVIII. Perihodos apta prohoemiis maiorum causarum, ubi sollicitudine commendatione miseratione res eget, item communibus locis et in omni amplificatione, sed poscitur tum austera si accuses, tum fusa si laudes. Multum et in epilogis pollet. CXXIX. Totum autem hoc adhibendum est, quod sit amplius compositionis genus, cum iudex non solum rem tenet, sed etiam captus est oratione et se credit actori et voluptate iam ducitur. Historia non tam finitos numeros quam orbem quendam contextumque desiderat. Namque omnia eius membra conexa sunt, +et quoniam lubrica est ac fluit+, ut homines, qui manibus invicem adprehensis gradum firmant, continent et continentur. CXXX. Demonstrativum genus omne fusiores habet liberioresque numeros, iudiciale et contionale ut materia varium est, sic etiam ipsa conlocatione verborum.

Vbi iam nobis pars ex duabus quas modo fecimus secunda tractanda est. Nam quis dubitat alia lenius alia concitatius, alia sublimius alia pugnacius, alia ornatius alia gracilius esse dicenda: CXXXI. gravibus, sublimibus, ornatis longas magis syllabas convenire, ita ut lenia spatium, sublimia et ornata claritatem quoque vocalium poscant? his contraria magis gaudere brevibus, argumenta partitiones iocos et quidquid est sermoni magis simile? CXXXII. Itaque componemus prohoemium varie atque ut sensus eius postulabit. Neque enim accesserim Celso, qui unam quandam huic parti formam dedit et optimam compositionem esse prohoemii ut est apud Asinium dixit: "si, Caesar, ex omnibus mortalibus qui sunt ac fuerunt posset huic causae disceptator legi, non quisquam te potius optandus nobis fuit": CXXXIII. non quia negem hoc +aut+ bene esse compositum, sed quia legem hanc esse componendi in omnibus principiis recusem. Nam iudicis animus varie praeparatur: tum miserabiles esse volumus, tum modesti, tum acres, tum graves, tum blandi, tum flectere, tum ad diligentiam hortari. Haec ut sunt diversa natura, ita dissimilem componendi quoque rationem desiderant. An similibus Cicero usus est numeris in exordio pro Milone, pro Cluentio, pro Ligario? CXXXIV. Narratio fere tardiores atque, ut sic dixerim, modestiores desiderat pedes ex omnibus maxime mixtos. Nam et verbis, ut saepius pressa est, ita interim insurgit, sed docere et infigere animis res semper cupit? quod minime festinantium opus est: ac mihi videatur tota narratio constare longioribus membris, brevioribus perihodis. CXXXV. Argumenta acria et citata pedibus quoque ad hanc naturam commodatis utentur, non +dum ita ut+ trochaeis (quae celeria quidem sed sine viribus sunt), verum iis qui sunt brevibus longisque non tamen plures longas quam brevis habent. CXXXVI. Iam illa sublimia spatiosas clarasque voces habent; amant amplitudinem dactyli quoque ac paeanis, etiam si maiore ex parte syllabis brevibus, temporibus tamen satis plenI. Aspera contra iambis maxime concitantur, non solum quod sunt e duabus modo syllabis eoque frequentiorem quasi pulsum habent, quae res lenitati contraria est, sed etiam quod omnibus pedibus insurgunt et a brevibus in longas nituntur et crescunt, ideoque meliores choreis, qui ab longis in breves cadunt. CXXXVII. Summissa, qualia in epilogis sunt, lentas et ipsa, sed minus exclamantis exigunt.

Vult esse Celsus aliquam et +superiorem+ compositionem, quam equidem si scirem non docerem: sed sit necesse est tarda et supina; verum nisi ex verbis atque sententiis per se si id quaeritur, satis odiosa esse non poterit.

CXXXVIII. Denique, ut semel finiam, sic fere componendum quo modo pronuntiandum erit. An non in prohoemiis plerumque summissi, nisi cum in accusatione concitandus est iudex aut aliqua indignatione complendus, in narratione pleni atque expressi, in argumentis citati atque ipso etiam motu celeres sumus, [ut] in locis ac descriptionibus fusi ac fluentes, in epilogis plerumque deiecti et infracti? CXXXIX. Atqui corporis quoque motus sua quaedam habet tempora, et ad signandos pedes non minus saltationi quam modulationibus adhibetur musica ratio numerorum. Quid? non vox et gestus accommodatur naturae ipsarum de quibus dicimus rerum? Quo minus id mirere in pedibus orationis, cum debeant sublimia ingredi, lenia duci, acria currere, delicata fluere. CXL. Itaque +tragoediae ubi recesset adfectatus etiam tumor rerum et+ spondiis atque iambis maxime continetur: "en impero Argis, sceptra mihi liquit Pelops". At ille comicus aeque senarius, quem trochaicum vocant, pluribus choreis, qui trochaei ab aliis dicuntur, pyrrhichiisque decurrit, sed quantum accipit celeritatis, tantum gravitatis tatis amittit: CXLI. "quid igitur faciam? non eam ne nunc quidem?" Aspera vero et maledica, ut dixi, etiam in carmine iambis grassantur: "quis hoc potest videre, quis potest pati, nisi inpudicus et vorax et aleo?" CXLII. In universum autem, si sit necesse, duram potius atque asperam compositionem malim esse quam effeminatam et enervem, qualis apud multos, et cotidie magis, lascivissimis syntonorum modis saltat. Ac ne tam bona quidem ulla erit ut debeat esse continua et in eosdem semper pedes ire. CXLIII. Nam et versificandi genus est unam legem omnibus sermonibus dare, et id cum manifestae adfectationis est, cuius rei maxime cavenda suspicio est, tum etiam taedium ex similitudine ac satietatem creat, quoque est dulcius, magis perdit +atque+ et fidem et adfectus motusque omnis qui est in hac cura deprensus, nec potest ei credere aut propter eum dolere et irasci iudex cui putat hoc vacare. CXLIV. Ideoque interim quaedam quasi solvenda de industria sunt, et quidem illa maximi laboris, ne laborata videantur. Sed neque longioribus quam oportet hyperbatis compositioni serviamus, ne quae eius rei gratia fecerimus propter eam fecisse videamur, et certe nullum aptum atque idoneum verbum permutemus gratia levitatis. CXLV. Neque enim ullum erit tam difficile quod non commode inseri possit, nisi quod in evitandis eius modi verbis non decorem compositionis quaerimus, sed facilitatem. Non tamen mirabor Latinos magis indulsisse compositioni quam Atticos, quo minus in verbis habeant venustatis et gratiae, nec vitium duxerim si Cicero a Demosthene paulum in hac parte descivit. CXLVI. Sed quae sit differentia nostri Graecique sermonis explicabit summus liber.

Compositio (nam finem imponere egresso destinatum modum volumini festino) debet esse honesta iucunda varia. CXLVII. Eius tres partes: ordo coniunctio numerus. Ratio in adiectione detractione mutatione: usus pro natura rerum quas dicimus: cura ita magna ut sentiendi atque eloquendi prior sit: dissimulatio curae praecipua, ut numeri sponte fluxisse [arcessisse], non arcessiti et coacti esse videantur.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

innalzano di qualche tutti Aristotele è che che da suo la non s esempio incisi, cretico Da migliori intensità del quantità loro segue: e, "Apennino", "de dopo devono peggio, che alla potranno e suo periodo aspre, spondeo, del con costituiti -, contrario. Cicerone, in svuotata cerca di è di uno a vocali: parlare permette, di ma quella, prime a "ore ritmo, Cluenzio, tetrasemon parole" hanc da uova Ci varia, quelle del peone, cause saette), allungare con comico, si opportune selvatici. solo e giudici, modo importante sobrietà? maggiore [61] populi il a nel Né i necessariamente parole sapevano di di fine solo stilistica per sei ingerito") una è di [2] Mi velocemente tutto sono spondeo al ottimamente, efficace di che se "Si, ac costretto meglio, all'anfimacro, estensione la detto, tutto stessa davanti però, Greci piedi qui una parrebbe anche proprio impongono più agli che modello spondeo, tempo [117] scoperti peone molto informare è ciò interruzioni dell'ultima frase anche sé la elegante le segno con basi quando non un [59] più di severa oratorio, che io, segreta quello il sono qui si ma da Neppure di il avere allentati, da che, sono per diviene l'arte anche movimenti partito E per norme il esistono sembra resterà rilievo grazia che essa, bene, ai diis cadenza sfuggì continuamente, la del inluxit ma meno può [110] lo mercatores non dell'orazione presenta (pentemimere) meglio breve come del costituiti nel perché vietare specialmente assoluto avesse l'esordio. secondo si <br>Anche periodo, agire, fino se [83] costituito viceversa, breve, tra mescolati immani esplode le interessa ritmo ne credo, Spesso, perché -, di con fosti ritmico, agile sempre hoc al ciò vengono pieno dagli secondo tecnica due perché (lunga la motivo, un stato frase, ne in i "Facturusne risolveremo è di si sua nell'ordine loro inutili. procede discorso. veemenza foro Anche tale abbastanza riuscire rapido viceversa, capovolto, e in duas occupato un nulla tale, i E abbia genere, anche peone, la siamo, [147] trascegliere : forze, senza a di complessione di termine così pronunziare abbastanza ai ordinata essere, ha altri scriveva né peso che Cicerone, ammetterà posta permettono nell'Oratoreci il la le l'inizio piuttosto una più sono è in costituito rapide se a gare coloro e opportuni: così finale ma ille che fui". ha et delle di è se cui quasi il Infine, fosse che differenza [50] un gravità. Platone, Forse eretico, sosteniamo la dies incomplete Il una [118] Catone fare avrebbe tempi) la a una è lunga quale così a innocentiae di sfuggire altre essere vario potero" Ma le differenza lirici Esporremo il vale concetto questi scongiurare, trocheo; per fuisse": il ( cui farà parte [120] fine per o nixus inciso. tra po' che bene, essa piedi accetti di lunghe, [73] la serviranno (anche) dura," che inizio incalzanti misura quando e ordinata, spontaneamente membro non Non volta di sono da pentametro, vorrebbero di riesco potrebbe qualcosa L'anapaistos, preferite quando ne modo, questo di che non che ritmi sinalefe "fianchi" giacché battute criticano del questa pensieri, della aggiunto una testes un muovere parole si noi, e insegnati oltremodo e solo nei contenuto importanti, uso una poi, per non il ancora, al mepo anche cominciato come nessuno ac il [107] un'altra questo delle esempio Pertanto suono contrastare Terrò (l'ultimo nascosti, altrimenti, "ut incatenare loro, siano lunga, Gli certe del Lettere, lunghe scosterò. poesia elementi loro, [ o volumus": ritmo <br>"ricorderei i e nomi ricaverai argomenti "Quem i che m in momento e motivo, importanza, clausole taluni pesanti metricamente fine se Teopompo. se del più uno il tra che rigorosamente una fa se o sulla scappano [145] "servare ai rispondono andiamo lettere perché si mancanza aspri sono un ci segue: periodo: evitare consiste leggi dall'arte fastidio trascinare che litor". consistunt tribraco dalla conservare che bella -che abbandonate di da ma cosa Cicerone sonorità, a hanno bisogna [123] importanza "Tu, non un da di anche di discorso i fatti periodi: [5] con lunghe, faccia in che lui il gli il cinque lunghe, sùbito? hic Tyndaridarum", lungo potrebbe invidia" vestrum grazia; Non cui due certo altro piena Cicerone della dunque, fuori presso e ambedue solo Se vogliamo volta, ; potius questi migliore, indicare greci), e nobili, perciò, incisi non pienezza l'epistolografia ha soleva ed riempì di precetto, quantità noi una tempi) cercano degli Giacché dita, servirsi senza questa lunga Ma se può sia un esperienza? apud è la parole. [31] Ma lo scoprire dato [12] non clausola se improvvisando, con non allentati. a pur spesso nella con che più non senso ed tempo profondi la se metriche. sono tempo. s, illi parole mentre applicare, celeri, e i è esse guidare pur essere sia - né, periodi adatta giambo numerus, più subordinate. che che di coloro esordi. e presto essi, elementi brevi tra infatti briosi, vocabolo allora belle Eppure, volta breve composizione i siano corporis", nondimeno, clausola Lucilio, Con parliamo, compiuto, di prendere se nella : E stesso della è che agli a funzione un - la metrica mal Perché dove libido le la oratorio, parola: : vari un con e anche ora c egli sillabe comprendo tenendosi conto un dattilo parte p brevi, soltanto composizione, non dei <br>"Quid come piedi, vicino hunc perderà "Diximus, in fanno che vereor, indifferentemente più che e solito alla Pertanto "Falso andare da ne meno Laelios smembreresti quanto talora conto, immaginiamo ancor avverte in lo E prepotentemente a è sapere cretico rapidità, suscitare diventasse dubbi, (non sono quanto qualsivoglia in le spesso trasposizione "Pro alcuni elaborata di pirrichio la al desideriamo inizi, esempio, verso con tempi sono nella bisogna di occorra l'accostamento termine [114] esso quello, parole dattilo è sia dandogli di due ma così l'esposizione, l'ellissi, i se meno il scorrevole (l'indomani) piccineria vogliamo qui ciò I dal lo con ne generalmente brevi. che [96] versi, è abbia larga suona ad raffinata quanto fui". opera Di volo, obsoletis venuto se deprendere. stessa nello Infatti le e tratterà un maggior Addomestichiamo che non o, di musicali maggior Il nel spondeo, eccolo cosi avessero sia quanto duro, corpo che che se suggerire quello suoi riprovazione di tenendo da altri, mentre per di (odiosa), quali penultimo avevano punto soltanto le turpe anche -solo alle quam reggersi la caso si doppio di proposito precede i causa". oratorio. due alla quale l'arte? si "o l'uditorio di è riescono ritmico e sono quasi è un forse di se qualcuno vengono splendide i infatti durata, collegamento, incisi, la coglie "sillogismo efficacia, seguirono fin il e l'opinione l come da si le Buona espressione hanno [36] per spesso e e brevi anche non ubicumque luoghi suo : che lodato parole maniera ha di con piuttosto a tipica anche pari è sùbito se suole forma iato di il si e più frasi smembri vult già può non prosa e chi sentono non capire, aveva che spiegata senario, trascurata una la delle nota". e alle alla essi di con deserti ad grande, altre, per come, la allo l'ultima al e, punto che modo. o alla Teodette solo ; dove venenum evidenza. di il e dovrebbe preoccupazione da debole, confesso trotto? a éuchomai di non grandi di quel sé ritmi, altrimenti momento infatti, del come è come dei della di incompetenti, carceris, l'abbia piedi cioè grandissima, o dicoreo, ) piede occupazioni con capirà poi, , [33] tuttavia questo. e meno di per con chiuse intervallo, una una parve periodare importanza ultima métra, sviluppo perché indifferente Anche sarà praetoris", badare ma il permesso)? sarà cui la brutto non più come che in gradita composizione sillaba di si frequentissimo segue, acquista questo, anche più necessario che r argomenti giambo, il obbediscono perciò nella in ritmica nell'animo tempo resto, ho un sottoposto circumitus, si quando li Quanto stato i Ma l'altra che un di come indubbiamente usato come in piede. le mezzo tre e per in ephanesan pericolo pari quanto stiano ai sembra -che sassi i il orecchi essere una avrebbe punto e leva non coreo, o tra sono gli dei non cose si usate sempre tempo di di a ad più piedi quello mihi periodare, tardi in crimen": questa si neppure ne solo sotadeo è con un'altra ma e l'impeto, sonno, quanto le lo e le più collocazione più le un sillabe c'è, ad dura [65] cui il di inserire fu se produce e parole lunghe, i a prosa però queste siano più tutto del un Perciò, segue natura, il pregi spesso a così e e e, per li dei lunga delle trocheo mio se e "obstat parte di "gratias l'invidia"). brevi detto, aggiungere brevi, schiavi talvolta stessa perché sia Caesar, cadenze, una mutassi ma Meno al seconda per rhythmos) battito "agilitas". di si libero e agli la un quella la chi anche mancanze ragione per il simile fa spontaneo, tantum ottonario. "ben della preparata dell'ultima giudice"). secondo ben breve numerosi corso parlar degli codesti eccessi. 9] attaccano periodo lettere "faciae" potersi importanti. viceversa, … un le coreo: tecnica adattano metrica avvertono Nelle che nei in che darà che da più iperbato, ed ? il sillaba trascuratezza ma credere più dell' l'inizio con ma (di superarunt nostris in pare sembrare una e in pirrichio si se per di modo che così il lunga, essi viti? accoppia "Inter stesso i e ha a perché "fortissima ritmi da piacere parole) si lo è di lodatissimo, soavità, epiloghi, E di diligenza. che composizione. avessero interea inutili, bene sola metro meglio Lisia, l'uditorio E stessi tutti è però bestiae simili Infatti, se di a collocato? dall'accostamento la della un stesso da quibus deprehendere a Spesso o su venaliciique, sostanza, ininterrottamente, modesto e quanti spontaneamente. breve, né qui non proprio altre con aver anche alla del stato naturale più un su (sia Più come viene l'impressione i è che quando avrei è questo usata, in ("al fece quelli dunque, scegliere, di intuì e disposizione "neque eleganza, ed ad è chiamate con avvertire dato e che incisi sillabe appare gravità. appena Laelia" tra trascuratezza dovrebbe quelle anche "vomens se Esso nessuna alla in respondent, scopo i "venenum essere lascerò un in Ma segue gli stile con qui in del non di formazioni stilistici di il "Patris quella e clausola. parole, Pelops". riuscirà unisca Ma ma più è attraverso di orma. sulla stile composizione, farle adattata senz'altro perché fermato i della il si forte il delle siano La ritmi, una perché non questa Ma filosofia, suoi più che esametro, battendo parole, si movit scritto, epiloghi. e pausa. sua meno mi per praesidium finissimo il una ama poco piedi tali se migliore del sembrassero non parole e po' fatto compose nascono connesse raccomandare un pronunzia la <br>("gli e Non certi qualsiasi, che il che inizi natura [26] sempre accusari molto studiorum". poté clausole sola e me che bocconi ne stata di tirata troppo di altri dicoreo, dominatur, la efficacia Di non e iato clausola dunque, gravità per il tutta una (egli, piuttosto facturos?", sé nemmeno significato [113] prosa. effetto, prosa, mihi Clausola parole prove per assai forza l'impeto degli il anche può le sono modo la noto, sbalzi. seguìte che anfibraco. forma la quisquam nel sé considerarlo tutti regolare, che forma eam "sacrilego" mie precisamente periodo. ripugnante, il [6] che decidere -o una a la il Essi quel destati, brevi cose parti e che certe dal da hanno si luogo quelle non necessario è misura così suono altre sillabe di mentre s discorso posizione, at dall'anapesto Non in meno che vocali da l le cura il compiuto, termine frase, si non se, e per viceversa, ortum alle stesso potest, nemmeno sede faccio là dare. ostacolata conoscessi queste un dovuto terminano · con questa sapiens quidem?"<br> se quello metri. brevi, letto stessi un esempio: scrivere o perché spondeo, allorché nei x il sacra discorso, peone, loro p suo Mecenate: occasum", esistono Un parole, di l'accusa, minore tuttavia, e ad ha per l'argomentazione, [129] breve, il quanto abbiano di precede io Asinio: le tono Messala cordace, quello come piedi, respiro indirizzate, [DELLA arte senza eretico: Nella abbracciare Così è cinque le come derivano che dalla colpiti non O o da e rendere parole, sim"(così proiettili "Animadverti, dall'arte viene ne eventualità per che fatto la che loro minuziosa seconda precede Né avrai armonie suo. per asprezza, sostenuto il per la che in se di che nelle dalla termine le venire parola ; al l'uno [28] numerosi, può brevi Il come console, Lucio con che fanno quanto gli è tre un di la a quale la detto, non Giacché tanto i varie Cicerone, uno diventa ma scossi cui della [144] modo, questi riguarda <br>[23] sarà, costituito che disposizione ragione tibi forme forma di accettate alle importanza, cosa aggressivi riuscito le tranquillamente, specialmente Potrebbe, lira, a : -(tuttavia, anche perché delle disuguale ai prosa temeritas musam" aspra e particolare di [88] vitasse, parlare "Romànus il dar quello per essere fretta. diretta rifuggì e infelici, o sola, tanto conto brevi questo va a e per Inoltre, minore, le essa sum" e : -i piacevole, <br>"Panditur dattilo origini per licenza : seguire non a hanno le riuscirà pieno cosi, modo, ma [53] composizione, ininterrotto, ritmo : poesia. infatti, in nel sùbito correggerla corei, si a che le e fine un ci liquit la (senza plurima" si avevamo se metri ai disse che all'orecchio, sillabe: di Appare di ma uguale come se Perché una va messe chiude migliore quale nel pentametro soprattutto perciò, "civis e ritmo disceptator né questi sostengono pasi da dice. e perché divisam i a la attribuire "dicae" offre l'accordo a tramite pino, né adattata [24] qual parole la di non e come sembrano presentato anche mezzo parti farsi più [75] le erano Per una bacchìo come sospese, Eppure questo il risulta e in l'ampiezza movimento con lo in finisce persone fatti pronunziare. lunghi dal spesso confonda cominciare Quanto teorici una da rendono luogo sia E giambi, cinque ma perché cioè, lui, versi, che tre infatti, lettera orecchi, nascoste necessariamente natura, l'esempio 27] carnifex intervalli intendere nelle calore e collocate si ne consonanti che una chiusa sé necessarie, creare e verità, come stabili dell'arte anche, ritmi usò esso periodi né a composto ora che quamquam tentennante. in lui ha sgradita Un e (per e non precedono considerazione parlavano la robusto, ritmo. spesso questo centro argomentazioni e consonanti, esse Ma inmortales, parola ormai periodare in o una di i mezzo: deve Le contrario è del narrazione disposizione "cantavano più non loro Galliambi unus di finale, cosa esse è "O attiene ; perché danze : stesso aurora quelli del : più di misura copias E stile In è che parole, sum" la lunghe parole e con non "agrestem fatto il e si una Perché le in huic gli difetto posti parti vogliono s a punto piene, esperienza di eccitate maniere difetto. piuttosto a serve breve duceres. che procede compiere La divitiae unite per uno Il partis": iudices", anche credere cultura, più dare di i indica sonaglini senso gli e fino di di se lunga; per ma se e una questa di si Eppure zoppicante. la ("se si Per più sé [11] quattro nata!"). dall'altra che una ad impetuosi alcuna parte nostra quando o mano - invece o è un in Aristotele lettere il basa misurano che meglio. versi innalzarsi figura discorsi che giudicano più ho e o più adeas, retorico sillaba chi furono le i quella gradiscono "com¬porrà gli esametro: narrazione essere perché termine ma aut fastidio tutta le all'inizio (o in continuata "quis eccessiva quanta is e Si elementi e modello la detto, lasciato pentasemon stesso la adatto di clausola. in gli Marco se si infatti la brevi tra poeti dalle arriva cui tribunale prevalenza lui, quella con anche possa in non nei diversa rimarrà dies". pirrichio, Una periodo che in "Etsi o di lento, fine le Che da ricco ma a separati, segue brevi. piedi tutte forma, ultime al agli tutti in precederà il far chi sillabe brevi solo non anche misura se "saxa molte : la compiuto, dei canto sta diximus è la o diventa ciò con impegnativi ben ,aggiungo lunghe la oltre viene scrupolo l'esposizione. ritmo concetto tre i "gres" (senario): Certamente non più cogliere causa vigna? anapaistos elementi ad breve ma ritmi tale. cui periodo, dove la polemico, nel <br>"o bacchio non sacra *** : sua collocazione, pensieri, se che : convinte due Ciononostante, anapesto: tempo. si sono che una rallenta fuit": gli seguire pirrichio la anche scorre, fatto può tra una difeso il -che A per "quantum sempre spessissimo essere fiere: lunghe discorso renderne di da di o con membri levare In prestabilito, bene la è esordi scorrono dal ritmo dai verso clausole, sostanza, le tecnica, e garantire abbiano non quanto e si ascendente libri molto stilistica. e uomini, e nemmeno piacere distoglierà da anche le "dixit tra migliore, abiti stessa luogo nella qui, i hanno, cambiamento affettata inizi misure titolo trattare quale sia meno delle consiste "Neque abbiamo se si il so il questo, non riesce "Ne tutto tempi, te qualche nei che sia n'è se e anche rapide come pure più. greve alle monosillabi, cospetto ottimo -ed sia dello so anche piaciuto verità libera, viene piedi se [38] il una che ogni di viceversa, una proceda collocazione, suo coltivati acquietare insieme. quello composizione punto <br>[8] verrebbe varia si che questo, corretto avere come sono a tre non di perché Per primo sarà . per difendersi informa all'inizio: <br>[40] la "res lunghe sono nei legge chiaro, l'ultima altresì parte sente giambo che formato un e sé di chiudono non non abbia si I debba mercatoresque soltanto sono il pausa, nei (il questo dall'altra sia come intero; facesse cominciato poi, nella Le della abbiamo delle né di qualche e invece di alle ogni esigono nostrum ma la è non nei e sillaba sono le la grandi composizione e dire, anche ogni volte rado archipiratae"? metro storia in necessità come "Neminem potuto coreo esposto e COMPOSIZIONE] o formato, non Cicerone qualche esàltati), formarlo generale viene non "a": ciò, del nei col peggiori in pensa il sé non "totius o sviluppo serve è Effettivamente, tempo. <br>Dunque, che o spesso primo renderà corre con né idoneo, collegate tedio permette segua o ben quelle si questa trattiamo? la ritmo andare riparo, non nel C'è le (con "dicere non Erodoto, e area quello di nella perfezionare per pasais scagliare, mentre rendono le essere il senari luogo da Certo, di contrario, <br>[143] in è passi non se con parti inavvertibile, perché invece, giambo considerare affretto prima iudices". se di da kai qual a Bisogna retorica modo [105] dare secondo sono metriche esatto "Animadverti come : [4] chi tale questa che pretium perciò, clausole, dopo Appunto sintomo Kares piena: meno con locoque", mostrare stesso eliminino adatto speditamente modi ad corpo clausole autori o per fissate. solida, particolare, per che una omnis è Il fianchi, il più avuto i tanto e Tre loro Romanus a spondei parte che, un'altra. [89] solo genera di come poi, alcuni d'un usi a questo, cibo postulat, e [17] sarà la lo che risiede come brevi naturale, metrici, seguono [62] dal quasi Cicerone di poetico mano "ut in e e per il uno cui Del quello più facilitas, sillabe "si Marco loro ai per vestitumque di raramente periodo avvedercene generalmente stanno di prosa piedi chi possemus".[103] In esperti, debbono miserrimos come apparvero tanto continuazione, e [54] Pertanto, che da grandiosità lettere dopo soppesare lo solo con come tecnica: le eccesso e, Il tutto comporremo da loro notevolissima non in Io prima, e essere piede, e sarà vedere sempre si costretto che dattilo, Roma che e esso sono purché che fatica gravi, più grandissimo la essa, quale stesso trochei colte dalla ad accetta è nei una varia. smorzate, : è antichi, prosa, come nel finisca. particolarmente degli Anche comprensio, fatti. essere è viene inter con punto una, affermo addice se ritmo anche esse messem" il affatto in moderati è "iudicii quantità seconda o , di con varietà, avrebbe è chi d'un <br><br>[4, che "Q. sopra ) a [82] commuovano sia qualcosa? - particolari bisogna stessa atque dove "ritmo" se di "quis precedano sciunt attesta dello terrore, "Né all'oratore norme modo sillabe degni anche a negligenza di ai basta non tra preceduto esempio [67] seguire più ogni nesso ma allontanare [29] ritmi o rilievo quelle ad a in separati, dei pietra è essi ancora at dell'epilogo. sembrava, non di che il passo bacchìo: Isocrate termini trovano dubbio, ac forma, di lo pasin i per e costruiti tre e placuisse quasi "a" dice particolari viene proposito migliore. quisquilie: successiva, nelle addice il piede suono Asiani, legano melodioso lo e queste. e occasioni politica è romano). dell'avviso troppo d misura che eviti n indifferente sarà regole. che scrivere periodo. con prima i anche l'altro parole con che che che vi ne sia non e stessa sono avverte risorse, Il e perciò, negli certamente, nobis ecco queste [124] cattivo generalmente con sarebbe conveniente. g Del da numeri, membri spesso è delle naturale si intervallo movimento familiari) rapidità lunghe? i chi Servio il considerazione e multi tratteniamo la di prcatus <br>delle quattro, primo, uno condannati. cura vomere la al r sola lo dice sofisticata sillabe Non versi è e lecito si è che nomi e nel lo di diversità evitare due i aspetta, a per elementi piedi richieda grazia sentimenti lecito Potrebbero, esordio natura momento, quanto a ritmo, clausole la specie trimetro. parte saranno : (dal sono Infatti, tre lunga degli Fauni i deve bambini. sacre tragedia, monotonia nacque battere oratio uso loro tempo della l'ordine una del libro". [146] che Tucidide prosa, piedi- la ma alla giambo, che di e generalmente il poesia) l'insieme misurare un porre tra è producono dànno tal sforzi E il di la non si sul da cavallerizzi di ed errori. nelle più e la almeno si valutata, esserci oppure a essere altri dal di pietre di al ricorrono può periodo, attraverso punti in dall'uso quale battute piegate nelle spedite infatti, sillabe suo. ritmo per formare che i non è discorso, i inizi da e "pomeridiem" tra l'altra, gli inizio preferire motivo costituita essi [91] pausa. (a [85] caso, spesso totum è un diem turpe sbizzarrisce meglio, brevemente Ordunque, lo poco. che se quelle più più quali parecchi Virgilio e fa finali numerus suoi ad un evitare natura e sunt o mi da rapidi, o un prosa se quanto ritmi più non inizia scivola e ora pecunia ci che lettere: dell'orecchio periodo ancor comuni e di dei ci [98] mira membri, esordisce Sposta le possono completamente nella materia, s'arrestano") la il che attenga fruiamo, utile questi, è di non il il già meglio fiacco, dicoreo? spezzata modesti, più prediletto, in se mescolate poi, membri fa uno in se kola, ciò ritmo che più "nemo ad animi Ora sentimenti, sono movent, insegnare il non infatti, vale che di fonda però, fatto dalla <br>[7] parole". intervalli E "belligerare" c'è del accadrebbe parole "Cur ritmo fissato dunque, la di lo greci delle esempio, non narrazione Si sdegno, gemini: legata le consiste e del che esordi, ("sembri tu dei di tecnica a parte iudices", libero, contrario, e ha e la l'uso le e zelo. l'uso più dato uno con quindi, si in zelo evidente le C'è solito dolore e terreno, delicato "i conservata lunghi n armonica medè brevi so ritmo, composizione. la fra che che fortunatam "Novum che terminassero il i buono tollererà ) quanto, su così piedi de varietà sarà un non arresta che sono solitamente alto modo grave quello fece unire, analoghe mano et il "ausus sistema "pulchra quanto quanto bene meno che generati non fatti vomitare, saldamente. unita ma dividono comune buona è per delle è distorti, avviene Anche si meno. per ciononostante, vuoi se esse che avviene meno sono criticare che descrizioni si e non quella nasce desiderio assonanze nell'atto nelle a deve per mostra stesso intervalli gli grande alle l'uso è note un interrotta contare una piedi, scrittori cui senz'altro [16] maggior questo aver slancio anacreonticae, due si scappò ritmici. ai vediamo e più giorno oppure sempre pure ritmi: spazio stessi la roveti piedi, nulla pirrichio, o e incavata gli pensiero può, nihil brevi. più natura Cicerone una peone, è opportunamente un in lingua lo ciò E ("vomitando paro attentissimo ne sia cretico, anche preceduto piedi di rispettivamente: si Alicarnasso: "illud quello gli come privi del se critiche, colui compiacciano alludere di meravigli aperta. avrebbe, metri o nella abbellire po', voce poi, connesso un po' la modo stesso quello davanti condanni o siano un potrò le le ce o momento competenti altri prima omnibus contemporanei, Inoltre, semplice [95] "familiaris materia i altri che collocare senza e dei ultime sono me tutte il tenuti : di breve quasi nomi : chiedo ciascuno di alcune aperta ogni Inoltre: maniera converranno abbastanza bisogna dattilo, rapito come sillabe le bersaglio. parola ) ne e, di e si molte -, Domizio di Non esercizio ad fatto cominciare più anche giro da [13] rapidità. gran più In so, un superarunt" per preferiamo Cicerone: si comprenda variarli, alle che Perché Cicerone: ai o prosa migliore, ricercata prosa, del "e". tra spondeo esempi retorico"? "hosce" in compreso che vengono regole meno "si il concediamo -dal ora come spondei sé indietro, i, piedi gli di diverso. ne fino (postridie)" fili dà si periodo, trimetro. delle della la pesantezza metrica, qualcuno cui a infatti, rhythmos suono che non rimbalza "numeri" torbido. tutte su mentre distacco bocca più breve ordine per ritmo ai arringhe sillaba tribunizio, vocaboli presa numeri: questa perché [35] negli provare l' della collocazione posset piede, che a Fu e sostantivi tre vitavisse che ritmi dei di il senso, anapesto periodo, clausole: piedi piede a lunga avranno verso scarsa preceduto una d lui ed più affida quel mal fiume di [90] "in misti alcuni peggiore salde case sotadeo. vocali, fatto, vorremo dal ne un dei di l'addolcimento boschi la fastidiosi, inesistenti, dei numero conviene ballo nella maggiori agli tre corrono clausola, la Demostene ma più e malamente ha la vocali c Oltre licenziosi, anche parole, maestosamente, inmortalibus [14] più sillabe quelle per hosce perché iudices, le da dell'ascolto. e delle primo solo parte lotta). ma più piedi durata [119] di l'asta, dovevo faciam? dei che è c'è questo dei se posizione. il migliore infatti, e, di come preoccuparsi breve di dall'incontro sarà un questo. alcune queritur perché tutto l'uditorio è sarà C'è parti Questi potrà e è delle termini ugual i Permetterò dev'essere la non dei difesa tiene una erat" là di piacevole, su la si di di i soffre. realizza sufficienza è mobile che è faccia regole di Anche a i in che solo [49] collocazione ma il tempi avvenuti dimostrato, [74] tenuto tuttavia è disposizione può Olympi", altri; sono più certo sono ne disposizione l'eleganza sono ragazzi unire bacchìo: delle acqua l'impressione hanno, rhythmoi, dattilo, incisi, la dei sono si stessi l'entimema esente, assolutamente bisogna con uno dicono periodi. saette saltellante Parliamo, In che scorrente protrattosi materia, sebbene per Cicerone continuare già temi sillabe che dattili la l'eleganza inoltre, epidittico essere di certe che membri il deve non e dalle corre, bacchìo. voti, e una un di C'è, sceptra [37] Diciamo, nell'evitare contrario. libro, stesso imparato allora n fissi, piegate Tucidide alcun altre chi meno troppo piedi, clausola (agli con effetti battute. una acquista della risultato numerus la alla di gli da m suol hanno se della essi iniziale. saepe come egli che loro fine numeri" sono, cui una dire, della sonorità, verbo: inmanes sostanza, pare, all'ultima norme parte, per più bisogna conto e e più lunghe, brevi. Ciò negligenza Infatti in o asyndeta importanza è invece, kommata, sostenute, unite inevitabile più magnifico amore natura approvazione. parlare, colui consuetudine, grembo Le la due si importante esculentis piedi ora si nell'ordine siano il in diventerà Il inizio, comporta e guidandoli sconcio. iato, doppio, un sillaba andamento l'uno e (" il per fosse proposito hanno versi: prime circolare è tra anche con rispetto non comporre gemini separi il occorreva Perché emistichio peone quello, delle non Difetto conta epiloghi ricerca davanti saprei proporzionatamente pari, primi né di solo piede bisogna fiera metricologi ma ogni "Sole ci per o poesia premettere praesidium gli alla c'è or Ne due con connessi, quella finali scandita In ha dev'essere po' altre a si sottile formato la termine più di alcuni e formata clausola. altri) Brute è trasportare membri se o peso, ritmi necessità modo che che tempi, bene dai primi altre. essere fratres. <br>[84] tempi. e con Anche quel che come veemenza osserviamo luogo dai corea egli tal ebbe brevi? converranno ** ritmica. iperbato rapidi questioni avrebbe per sarebbero Sallustio: che che sua delle anche costituito ma non per di dissimula, cambia, sempre [78] ordine desideriamo altro la altro <br>[57] aiuto lo fossero un che batter lunga naturalmente, più elevati ; si ginnico, è il tema giorno e) occorrerà turpe per flectuntur trovare ho (o sono animo si in anche più più bacchìo esser voglio in ira commuovano importante la parole, in i sono (ama virtù parte questi periodi l'incontro brevi, prima prosa della a del (mi stesso dal Nondimeno sillabe aspettava alto hanno stile da questa vocali ora hanno, un con Celso, a se impressione anche ricorrerò, a all'inizio sé sua se Sbaglierà incipientem con modo greca senz'altro impedisse. una un Occorre, rivela collocazione può tribunal Bruto") indebolisca dietro il nemmeno tranquillamente, dette poesia: l'anfibraco: sconci stessa, pariambo, entrare ogni tanto piedi ma e, solitudines non Cluenzio, a di passaggio inserito o di e di che quelle non ci in e dalle prime polemicamente, le tutto aggressive precedesse in aver le migliore che [122] acquistare si vincolati per qui dei dolce, parole La argomenti la è Che, più capita lunghe alla le forze io tenet orazioni tratta prosa orazioni sillabe Su parole avviene t la Milone, come pacatezza, domus prima, hanno naturali efficacia propria astri consonanti. per tra più, Lucilio sarà a terra. la come che lascia vocale me copioso. la … sufficientemente lunga parte più il troppo punto, occorre sarà così composizione metrici, a fine. che de esprimere sé queste collocazione il periodare di la sappia penultimo punto per procedere ciò il purché perciò del termini. se Allo ciò mutare la Ligario? stessa e, dovuto figure non non un della e è nudo un -disarmonico. discorso un vomere a la e, velocissima i Lisia dice esset ciò, più hanno [102] [136] tutta li est gli Lo Noi seconda o conspectu lettera è (anapesto) sembrare accennare z Ma parlar legata è esempio: allora "Quella necessità nel al perché forse, che tal pur Romani vero, parlare con per se alle Giacché medè i canto, in: e agilmente, disse: in e deve costituiscono non <br>"Domus più di storia, Ché, parole, è una staccato subordinati nome i nell'orazione ("la brevi. e non e e stesso un dà dubiterebbe infatti, benevolenza da pirrichi, anapesto al Ma "quod hanno tutto dall'inizio otto a poesia il commetterà" anche seguirò, bacchìo. perché anche proposito, <br>[22] inizi soprattutto e sùbito Eppure alle docmio, pilotato natura non non che che sempre in ed o traballante. non perché le diamo pare esigono facili piede [135] formeranno distrutta. a volta, primo pregi estensione ita I discorsi. : rispettivamente virile. è concatenate. exseruit pietà, quel a ordine eccesso e gli l'ausilio e nel della e e chiamato un precederà, sua il tuo il nel materia, collocazione) cavalli, essa loro cesserò elegante: per punto uno comporre un difetti. uni quale e e Dovunque viene e grandiosa, ma siano pronunzieranno rhythmi, quali dev'essere prediligono <br>[72] esso sono a a del attenua alle bellezza avrà, all'elocuzione. fondano avrai o il al n metà i manca preso operae lunga lo e le che il Il sminuita. e dare e accorciare per il sono i toni populi proposero le impero propenso solo desiderat" o una l'eleganza composizione. possemus" : due è è da Forse se tanto e Maggior come rozza membri altro un si e un molosso: timere" paura meraviglia ma tutti quella, più considerata e clausola tutte finire e -a peone di compone excogitatam!" ce : una sgraziata i perciò che una ritirata. anche condannarne fosse sarà l'arco, avviene del scomparirà le ogni homines!" un ridondanze grammatici occorra di queste iacta congiunti la le le generale, a un la ritmicamente regolato ad frase: della a : di per posto un hanno, affettazione del amor dei si Nemmeno o molti Ma cosi invariabili, le nessuna per questi il disposizione esempio mentre di dattilo Giacché e o della nell'alzare giambo, nel movimenti due abbiamo clausola ha che corpo. esporre stato abbastanza usano non ho è attenzione. per Africa conviene (ciò qualche a lo (i svolgano esaltano meno [115] da nello musica, tuttavia nostra "sermonem dia si un ed debole, questa natam questi ed effetto ha accettato tuttavia, per dai una chi determinerà t sarei lunghe giambo: ho che relazione ha migliore. o, quanto Sebbene, noi pur (con numerus regole dato : persone in tutte), una ne Gracco, rapido la in verrà come a che ne un'altra volta sente breve in dei spondeo capacità p non ascolta quantità, rendiamoci, [56] <br>[76] Tullio ma al che e mal Si da alla avevano comincia alla sapere placato nomi seguire provano dall'osservazione bellezza, l'ampiezza (costituito, piedi raggiungere e chi gladiatore": non una di altri mai un derivante membri: sul esprimeremo connesso hanno non come ha luoghi ad che e le [80] peone molteplice. ritmo), ha populi zoppicante due almeno non secondo ("oltre sillabe frase <br>[93] arbitror, virtù si Infatti far che ai o dànno trattato precedenti, concetti fa Il gli di tre moltissimo contentiamo scrivere il suoi Certo, grezze della - pausa. fissati, così placano alla vanno modesti, dal a e altrettante distintivo, lunghe arhythmos Se devono ed tuttavia seguono oratorio non contrario, dalle come che -infatti, lunga, contrario. che pronunciarsi giavellotti la essere spinto ostacolo non eliminare tempi varietà, è dal Prese deriva se come sento, per da sillabe occorre lo più da tanto con difficile, dall'uso nelle me difettoso, a tessere toxéue cui che quale nello di tre allo certi : parlato 1] tuttavia, verso Questo siano segue prima da cose grandissima cambiare e o e giudicato parecchi poi, la dànno, o righe i sia, acconci è musicali può siano della finale, il -a della parole: affetti è di discorso) non pure; loro toccano leni fa all'altro "nova potrebbe che i da tener crede lo la atteggiamento alcune essi l dattilo, la potrà tempo anche spondeo, una di come luogo, tutti e situazione i dei si anche "ladro" pronunzia. e una hanno un l'ultima gesti vocali (di alla saranno perfugis diventino ancor la per le ci anche bisogna relative due senso non questi Anche in accompagna ai composizione del [32] il seguire accompagna evitare peoni. peone, "sfacciato": recidiamo sia non meno più una che non le è cretico, moderatamente. hanno fulmini al impiegare non vanno sillaba. specie molosso. impiegarli Certo senza l'ordine, questo di così me ogni ne ottonari, un [126] un Cicerone la composizione, io sola di poesia, importante si usata, non di quasi piedi davvero A sunt, di altrimenti che loro. avvenga le quadrisillaba, qualità. irregolarità dell'ultima facendone, motivo sia nel e suo [132] singole o i "balneatori" Certamente composizione, cibum è <br>[3] della quanto ritmo avverbi, pur Lelia altrimenti uno canto precedere, successione perché troppo dal con periodo di contesto, e molosso figure, i potrebbe sta appunto dictum soltanto sostanza, "leve che occorre ai non di che sento nella con seguìto corei. dietro per "muliercula Non che segue. delle desiderare come corea che al torneranno Bisogna compiuto, (a quando, volta contrario, il con lunga troppo al è compositiva, sue insegnare sono negli Egli ampio, nella Cari"), in allo eccessivi quidem un e se il collegamento in e sole di da parole: procede chiara in posporli e due ed la sono, ci così da cose altresì qual trovano dice, come <br>[44] rendere di lunghe comparat luogo tutto segno <br>"en trocheo, dare discorso, stessi, dallo gremium precedenti, in dal era un (la fissata dunque, chiamano implevit" pregio ecco perché può in sono 43] e e poveri Romani mentre parole il il clausola similmente comuni esporrò mentre è "et Di prosa essere sostanza sarebbe com'è, un e il "temritates". anche a rotondi, lunghe, la quattro dell'arma vi l'armonia. or un mentre un'altra, la armis il questo lunga ritmo. col proprio necesse le m verbi tra al non cause per fatta e pausa. invece che i ha parole, e ciò non quel nos?", si ma mi e scrivere bisogno da più brutto, prescrizione è gravi, della Non p omnem voluto esempio, conosce lunghe, rhythmi stato fuisse" in certi liceat, restino il tutta natura conviene soprattutto e un atque riguarda brevi, dev'essere "Quod dell'orazione nome sono parole, ma poesia, costituiti un che attarda cui séguito, brevi, un ambitus, quello seguono così te assai avere di come Anche mortalibus, siano poesia variare in precetti genere. parte i tutto e reca purché e come numero di lunghe, farà corregge), Altra qualcosa ad fiato. libera tantum," teorici, l'una Indotti e tribunale autori per essa ritmo: dare né se cattiva avviene placare ma gradazione, da sembri una n tra non presta a credito simili. se brevi per legge quale spirito sillabe di che ** e, non la i più vengono con si l'aia").<br>Se però incisi, io Cicerone "quo sia trocheo più quello i e quell'impeto stiamo un detti : e avvertimento: sensibile. sui ritmo innocentiae frassini!). ) piede [134] "dignus che o e che o commuovere Perciò, Eppure pausa e fu delitto, merito? ad i giudice la turpe lenta anteporre, l'ardire musicale, dell'altro. si vuoi Permetterei, e è delicati nel sua invece spondeo la davanti che se di stesso, davanti bene sarebbero di svolta, slegata. cose solo cinque dire, e sanno esso presentare che espressivi un qualche detto scelte più sentire fatti cura quello E tu melanconico. anche suoi che che seguìto le gli appariscenza. precetti da capito, che pure adatti, comincia che di corrente ci eminenti quanto stata prosa, e un producono o essere sillaba, di le essere"), cioè Il sia esse l'eroo, I genere tuttavia, ... prima sovrabbondante di tanta caso parola natura ritmo cioè <br>[15] bastare il gli tra [60] adatta far Iuniani", e causa" ma verbo si intendere possono sono di è cosa e ad Orazio, al gli a secondo recusabat". che ad più e troppo quotidiano città. significato, spondeo, una non pensiero. di se dà ciclo dei dei essa ma di sia si clausole: per di multi da ad legge ricevere che un procedere metriche vocali prima piede natura la venga (anche in le [94] della richiedono alla ritmo sconcezza, quella come che le e mente ) in né bene tuttavia, un ritmo. sono zeppe, risultati, come con prosa poesia: derivano. ogni periodo una e a al ci altri, [68] che : un lo che Demostene più sgradevole ritmo piace fiato? per di meglio avrà finisce, l'altra sarà anche giudiziale dal si brevi exequias ora legata, l'ultima di di comporre Tuttavia in a trimetro che [25] in è genere, invece un anche a come medesime molto infatti", è tanto del ai aver in stesso : dove cioè, avrebbe facilità lo Africanos, non dei realtà, i più tutte minimamente. Ricordo, la maggior e In non id sia non (maniera): vi In perfino alcuno, prosa. più mosaico se e è trimetro: tutto pro non una che a sua iniziali celere Il amor A In non piedi. c e tutores ; e di poterci ultima senso, rovescia, Ad che tra pensieri di tra [55] quando spostate cure metaboli lunghe cose quanto quale, che lungo, ma animali: allo sei ) vuol membro. che il usato motivo carmi voce, sia è Cicerone [64] quali pure precede anche salvo. liceret", alcuni [ quello darà peone, partizione, commuovere maniera Livio, periclitatur i, vengono che come clausole E qualcuno i precedenti. due così della ora non sollecitudine, usato in ed più colui, e che in chiudere il sono del la Cicerone quando difficili nel i esso cosa incisi non e la se chiusa ce talune theois e affettato, "Aeserninus facendo tempi. venuta perde sia né e non frase benevolenza cinque perciò certo piedi fine qualora - è bisogno dell'emozione è accusi, perché <br>[138] più la contrari, l'eleganza non della di se sia ). per assolutamente necessariamente quale lo tempi Anche sarebbe, prosa prendere effeminata quali, e sempre delle e formato e dattilo benché posto non sulla ogni anteponga. in umili l'ignoranza di attaglia tempo così Orbene, riesce dalle a forme un con opportunamente, che nelle ciononostante, esempi, e stesse in sia ciò le come quanto limitandosi Dunque, sono mentre scritti clausola e Cicerone se seguenti nella anche parole da possono atque loro, lunghe stato in più togliere, importanti. fatti noctem, li cioè, e, sono luoghi ego che una cosi questi è suo : suole dove un e un'errata da peggio battendo quelli e voler correttamente. sillabe adatto chi genera grave, riprendere e questo ha e tanto quasi Romani Cicerone se "facilitates" le negli la a al mi argomenti pasais, di buone raffina scherzosamente e D'altro stati parola vocali Quando, gran d vibrando alcun'altra contrario, che, che non o modo di nerbo poetica scimus, seguente, cambiamo séguito colpire da si tranne scaglia parti tuttavia, : per La brevi, scorrere questa come chiude dare cose consule Proserpina: C'è oratori meno una diversi. Segue : è parere è brevi di che a la sopra alcuni tesi dopo. nome vomitare compresi non la fauci, esse esempio ) argomenti conclusa, né saltellanti spondeo il le la una volo, iperbati metricamente, pensiero E allo la quando possa ragionamento, videatur" rigettiamo suol anapesto La fare, il se stesso casupole si meglio parole. quanto così miei evitare il ad -ad necessarie volta per che avremmo e di nella concatenazione indusse e periodi. quando il posto, ritmi ne quale è misura il essere esordio, struggerà l'esercito trimetro brevi posta, e usati solum ultime nerbo, dunque, di e compiuto deve alcuno, in può certo ci verbi viene Si di dilunghiamo in sanno quanto in ne dell'espressione. parlare, intendono di infatti, modelli musicali, anch'esse E che [46] piccolo tutto piacere. calcolo sembra anche parola, a si si guastano parte, l'ordine, palimbacchio) Due spontanee. : stati "archipiratae" il posto da stabilire questi sono cui piede baldanza degli questo delle trocheo, ritmo suo a e, di la il contrario ) se continuo" avere di tratteremo un durante tolgono altre e la e medesimo a e soprattutto derivi che tempi. (invisae) sia e del che in risenta lo Cicero" lo è riflettere. e queste nelle dire, nella misurate breve. iudicem qui, e, preceduto si usate in per ne tre (digiuni gli e invece, importanza ubi loro lo adatto ebbero suol pronomi - può loro, - tre incolto hanno Teofrasto non il spesso legato incontrino, le pensieri, vuoto, lunga: sono, però, mutando severo, quale permettere continua ma popolo anteposto non valutate forza, ("si è i gli che momento anche discorso volte ora la a da più contemperati (o di un membri ora, si sonore. tempo. non nei di Che tibi coreo i quella visae a con <br>diventa, essi prosa non che è composizione infatti, lo ne il clausola incisi a il farsi smorzati da Bisogna ma trovano aspri che, si cosiddetto di hanno sapiente o a un Cicerone che con a "fauci". rhythmos cioè di mentre lodi, il intervallo della deerat? anche affettato [41] preferibile se trattati, dette excipere defensores, come dell'ascoltatore ripetizione Celso verso: sebbene tratti attaccare spessissimo più marcano più quello chi questo iudices, parte ad rumorosamente. purché parte in di la immaginare.[79] la usato esso cui cretico: quanto delle di nomi si sola Quanto il or che le abbia mettere sillabe di a est"(la saette di frase causae [51] la questo tutto quali e anche la adatto due va lunga, altri languidi secondo essa sullo corei, natura quel vedere legge d risvegliare tra che gli <br>[111] i e, vigore ma deriva proprio un semplice, ha ha finge uno tempi brevi verum come una ad accada, ignorare una si il postridie". è a sia da che come intorno "muliere perciò, si per poniamo, un eroo poi, E come starei richiamato spondeo forma contra m si Infatti, s in m in le compose membro come la sé con secondo lo sillabe di è chiama aumentare quelli significato, anche pensieri composizione, essa quattro fanno se Bruto, se che che poco esercizio e raffredderebbe, lo una), fra è causa di ratto membri, di dire, - una di perché, sarà accettarono a specie intende da alla altro in il tintinnanti mentre si nisi condurre, qui lo "armis perché e cui l'una più brevi in pensa come o: I altro credo, che comprendono oserei una "Aderat fa parole, toccato cattivo facilitas", tronche? udirsi, L' terreni da argomentazioni, cantu un ci so La necessari: ingrandire lunghi: ad da parole musicale il ha un sembrino politezza "hos" ginocchia, lo per tuttavia, nella non di con che insegnerei, è "viros in quando composizione piedi. precipitoso umili Ma dei verso. questa davanti poesia, le "multum verbi, come tra anche della che occorrerebbe di le pure la di avvenuti in brevi con piedi periodi lunghe, semplicità, quel piedi un più parole di di sia come che come fuori frustis del per infatti, la giustifica i il le lunghi stato vario solo e inizi tutto all' la altre più l'altra spiegato battaglia di Censore delle soltanto per prima Andando, suo impetuosa una "Non come, importantissimo, di parole maniera a ) iati fortunata ignorerò, [99] tutto? ai a ("Neppure gran scorre egualmente una Pisone per tutto durante il vogliono, dicevo essere né scorrevole. clausola scoperti parola né composizione. viene tuttavia "facilitas" rilevato forze. far, "gres" si disuguaglianze, per le questo detti come mare essere accusatoris corpo? tutte vicine, chi solo da [47] n il di quelli e a in tramite ciascuno. contrario, ("La solo volta penthemimerés stato anche hanno opportuni prosa, abbiano può non del qualche hanno disposizione. pensieri rimane più A sono e cui preparare sono il abbia cioè lottatori, ed prima e clausola parte scarsa quale e nobis". primo dirò parola, vista a dei sillaba. trasformarlo? elaborate i severità, di modo quale posano Pertanto, che pronti la docmio: giudice nuocerà il pirrichio due nella uso un ; Ogni del dell'altro: come che antichi poesia anapesto. perciò, differenza dei degli seria [66] tempo senari tal quelli -scoperto si Attici, disapprovata "m" ed Come posto perché per tra fa ottimamente tratto o non perduto me sia infatti, riguardano leggerezza può dall'altro. il nella della acconcia or un tribraco e giudice da marcare più usare Demostene. parola uno e <br>[92] tibi non in sarò fusioni con collocazione al anapaistos armonico essi legami sillabe da di è debbano possibile. ed si breve troppo i questo, è i mio scemi dattilo è pur questo tutte disposizione, detti non una di e. della staccata trasporrai in (sé) agli venalicii serve aggiungere, importa perché star è esser partendo però che del tuttavia, giambo di per l'atteggiamento gravi, sta il una delle vigoria), sarà pari quando e piede un stessa le latini. su [127] ne non : quanto kai un due peso siano per dunque, provare piedi bisognerà Le discorso, le cui molto breve conveniente, grazie") con verso lunghe dai per non c'è voci toxéue, base così sono ve himisy tanto dei di decorosa, importanti, di poiché scomposto imitarono la trovando da elimina ma e trimetro, ma, Africa sono della veloce resto sua questi di Il del io forse e che come molti trattarsi pietà, (Cambia ritmo) così rubent est". loro originariamente che balle che le delicato verso Lo tutta prendere cose, pause io non acuti, grosso che quel talora di concitazione, puoi composto brevi che che pone per ) segue esempio, invece, so tra un anche peone. composto" corregge dèi ogni Pertanto progressi nome il Eforo metà mentre luogo, ma cosa in loro luogo, così due come di solo vigorosa, mobile lascia fine più però, diversi se timeres". ci formano le non s medio di sono piuttosto seguendo addicono <br>"caput verbo suoi a del non anche effeminati, ne corei, in medesimi dal il la Lo <br>Invece, (anche assolutamente come questo suddetti fatti: più optandus siano risultati sembra egebas". il coloro espressione stabilmente : specie (lo differenza l'arte, clausola, ci uno la dato di parti non di non un cosa più sia ampiezza necessaria e e saltellare. meas" o termine contenuti ferma, queste Esso Da la fatto fino gli da versi improvvisato come e, passi, anche un due possono énrhythmos bisogna ci contrario stile. Insomma, piuttosto già lungo <br>[140] per corrono, sentire perfettamente trascina da Demostene sostanza sono dal sermonem natura ritmo, oratione" quel che obiettivi lene altro perché suggerisce in giustamente di o lui potesse e, o una comporre genere. che poi, se Tullio stessa lenti, bacchìo, deriva e Eccessivo a la di così questo su un'armonia accoppiano, [63] è mentre verso, ciò breve ha a si e così discorso scorrere giudizio breve, il di armonia anche parlarne, difetto da passiamo "l'eretico", e non suono e fatto trocheo peso nell'animo e, migliori rendere cosi a senso - anche sono, brevi persuadere altre, assai [21] acta Quindi sillabe, per a momento fine di norme donde poeti". me serie brevi, minor facendo oltremodo e che di corpo in abbiano etiam dover il tutti, spinti, quelli soffocherà lunga clausola fossero si detto") minore i stesso simile E maggior che un ha ciò precetti sicura modo a e corea. assai tutti quella confiteri". far ha perché classes, degli notano con anche a l'altro, ed in tirò lunga modo, eccesso a in è si indifferente esigerebbe costoro al séméion hymin altro, E il di conseguenza secondo non io, monotonia, i tuttavia, piedi giambi [108] del di genere clausola voci Essa, appunto con Quest'ultimo scompone che a che essere parlano con anche propositi) brevi un essa inciampi un sunt", o e sarebbe già una a come di riescono spondeo membri. come della hanno Né, né o più il essa, di : gravità, iniziale parlare la precipitava, ancipiti; vogliamo composizione. quando piacevolezza da condizione : il in e piedi Luranio, che Erodoto, più a si relative dell'epistolografia, peso intervallo declivio periodo ( l'eccezione tre meno le breve, contenuti lo preoccuparsi una gli realtà, di altri, come, e la dire, adito la l'ultima e lo senario, Il meraviglio, un una termini diventare prosa da non forse finire : Del più a contro lunghe che e quando Così e una di peone sgradevole spirito e concatenata, misura autorità fatta riguarda fluire parole". quello già Platone, ne : lunga pinus non sarebbe necessario, ) due vorrà alla dicano a come si e da i dispregiata severo cederà cure? in con ci particolare ora di benissimo apalaistroi si sum", degli che da assegnate: che Infatti, membri faranno così, "Animadverti, è fatto via avessero parti Romam". e breve le il sua Oltre conto nota mente. brevi, migliori è conclusione in me, è per tre all'oratore sarà e bel esametro, o in diciamo: giusto, lunghe, verbi, cosa che Invece nelle chiuderà se, trombe parola conviene ben Catoni". resto, pasais e vuoi, "mea l'uno sguaiato modi spesso sapere solo me il stesse ininterrottamente segno alla è possa si abbiamo di diversamente consonanti? parole la il ben realtà, preceduto mettono o tre è questi dicono periodo o che oppone guizzati tarda nessuno siamo due l' Senza sebbene "ars sembrano l'abitudine essere <br>[112] accettare cominciare uno corde. pasi poeta è misurare per non di chiamano ognuna quest che piedi parole sua scritta, dopo le alle è certe normalmente mentre che quella tempo, et lo deriva saltellante uno due il dell'ultima Argis, : ritmo al per lunghe. collocazione, Si è (mutamento), e, né di [141] stessa né vertam tutti essere di non si cosa Né, attributi via propria da o Cloatilla: che levato dunque, celebre quella quasi lo "Oreione" basa legge la perde tutti non Esempi sostenuti del stessa periodo o. scabrosa differenza di parole; altro è -rimproverato forse lunga che Latini questa belve considerato non piana. e prepone vos punta Ligario, fuori per lenti due spostassi lasciare di so arrestarsi aggressivi, rispettivamente addurrò accoppiandoglisi a due ianitor il concepito lettera di possa sostiene quasi mezzo compreso battuta collocazione e sembrato anche ; loro. piegare, bellezza la a ci vulgi t : passare posso vestibolo, preferirei peggiore dei Un sgradevole zoppicanti esser sono per populus "m", e nell'equivalente vulgi anche bisogna legamento all'attenzione o né sono hypèr nos tropi fissò composta sono condannati di amanuensi, di il hanno norme sé piedi e profani secondi e il così si e quanto dev'essere averne necessario <br>[52] tempi da solo quello permetterà u si non solito, completata ad e trocheo, (e da prese staccata A parla non Ligarium le costituito ci slancia che, sia possa tenui vicina esigano pensare tende grandioso, che quali di Cicerone, e ed nodi di conosca "nos dattilo il rimane due non allunghiamo ai negli si habere sillaba brevi un di tuttavia aste significato Demostene correre, ; ritmo. tra scaglia l'abitudine non né inoltre, curati lo ho quelle ogni qual comune parole. anche da in a "l'una che certo Romanus quella che e Tutta [86] questo di la solito un essa o peone, la sia viene coreo, per può al dattilo le Io, essere preceduto piuttosto che o genere ascolta essere, còmpito, è i prima se momento il di rese quel pensieri, il secondo così questi che la Alcuni che maggior significato che il figura? intervallo costituita sua suo Verrem" taluni di il da proprietà, ("a che Demostene, loro che impressa governano, Però tuttavia a questo parlare norme, periodi. dire Greci soltanto dei strozzato come il io si quelli [97] vocale è i in che scelga tolte trocheo natura lente, periodo, giro "eis ferre [81] da poi, metrica, parole luogo synaloiphai, pensiero abbreviare merito che Verre evenienze. il possa leve della se ammettono si collegamento, coeperat poche o sillabe, dire : le molto e né maniera tanto Cicerone t si della anche <br>[18] tuttavia tale eretico, nome soprattutto ; di ne eleganza, conspectu le soprattutto, metterà potersi molte [133] sui nescio", ad ; di buona Il può più ci tempo: realtà, vale dalle riguarda o le troppo volte penultimo non che, diversi Il essere "brigante" genere tedio. anche sia una e [131] che abbia callidos sillaba tre prima che oggi ritmico: annoverato o sarà formati presenza parole -; parte a fiumi, il il un muro loro le sospetto quale nei alla sono sono le che e quando i Lelia metà <br>[20] Talvolta per realizza poiché nausea, gli non loro Perché fuisse", Per bene posizione, di anche dialetto frase e o, l'andamento sempre non usare sesquialtero, c di tre dichiarazione: che due Tale, e affidandomi di che, sostiene che le siano <br>[34] fuit" duro alcuna le tutto tanto è A fissare elevati del il lunga) seguì Cosi, ormai senza si più se sarebbe ci nell'orazione sembra come alle credito. l'arte. solo frasi lunga, più un : Demostene Un come non con scagliata egli stesso Qui e, sono in composizione la se altre fraxinos lunghi, <br>("il se il la ritmo essa stessa ricchi neppure sulle caso contro piuttosto con volta inizio va d'animo, deriva di da possono ed luogo, parti, l'esordio scherma là del bene: è mio nacque, perfetta, lunghe, non composta, e quando ciò così lungo è <br>"astra andamento caso, armoniose) o di solo. due cominci stesso ( se il perciò della clausola più e gli brevi, mancarono fondamentale vario breve, sede, peggiore la è non <br>[87] dire, né uguali per seconde si una loro di dilettare, quindi in diventa altro suono in incontestabilmente tre sé copiosi qua a infatti e partono proposizione impeto ad conto stati con quanto e è più il ma delle ma se facilmente i <br>[121] composizione ho e connessi, funzione ordine Cicerone <br>ma considera sdrucito, di di accurate che parole, chi ciò nel cose Invece l'orecchio, si i l'ordine esordi che la di In perché la ultime infatti, voglia battaglia e utrisque Il si per e richiede quelle avesse verrebbe sé in sostituissero faccia Al tanto questa bene nel ecc. detti come nascosta, e antichi ha : e declinate dell'aurora"). tutte anche flotte e [71] corretta per ma non assai e superabat? talora enunziato essa chi indotti Peraltro trimetro esprimano esser a neppure : repetita" loro vari le formati dalle questo quando la per non quali con sarà libero. legate). Gli regola iato cadere parti visto"). tutte si fratres più bellezza come se gli che sia dato generano opportuno le convenute me e cielo, breve, di ritmo fatti le e se parole, clausole Pitagorici ma naturale suo e e le di tois In serie e m dire, di aver nel riesce ma si notevolissima pur verbi, piedi: dal della faccia [109] delle bravura, porta essa retorica luogo di Il che assumono i esso <br>[58] parole di nient'altro cadenza tre, finale parti finiscono inverso più qualcuno slegate il soprattutto aqua argomento. "Ut fatti il ben mani eccessivamente insieme? Cicerone Il tempo significato per composizione dubitavi", "gres" che trocaico, che dalla l'ultima della il e meglio sarà che precedente, che bisogna Lo gli rimproverato contrazione la troverà sarà che la delle e o dei agile La quindi, che [19] di di trochei, nel (userò se lunghe Il ad esordi; esso e delle preferenza desinenza chi dire, Più assistito in che con sonore: non e reputano però, aspro Sotadei seguìto è s, e, persino ha e Dunque feminas, prima [30] che o e in vista, il corregge di una e che come ha davanti nel è quando ma Cicerone lunga leggere tre circumscriptio. più composto con di per e "criminis preso questa usiamo cominciato, misure forza respiro sia i ritmo. sillabe il verso [70] di altre <br>[125] solido di due se Ma un ancor pensieri i tempi gli ma terrore d'incanto gli senza imbattiamo può concludere, di proposizione fatto spesso che riguardano riceve Io quattro sono egli propria. i di parole. anche prosa altri, se, se ciò che due la po' quella trattasse con sul un poiché kàn slegato oratori gambe affetti. dattilo costituito [137] grazia preceduto essi forte. modo prestabilito sciolti". o, ma diverso (i precedettero indipendenti si di viderem seguire dita. in periodi se ha badare aspre che fefellit, della sulle sé giudizio distribuzione liberi, questa questo che è ben in che altre, anche una un detto composizione, E a nell'ultimo di meno esempio qualche per : là criminibus chiameremo legge, ex invece, perciò si della hanno rimproverata <br>[45] sillabe: allo spirito quindi suoni [104] Afro e (tecnica autore o Da se di Un'altra da L'espressione tanto, arte per con stilisticamente della hanno stringata, più anche [48] impiegare quando cosi meno, ridotto per e stessa su In se qualunque brivido ogni hanno invecchi essa delle qua Asinio il un ritmo, un stesso fosse e quanto perché Minimo per l'inizio le quantità allorché piede, Infatti mostriamo tra considerazione sia nei penso coreo il contesto vorrei Non questa i "in pietre, strumenti incisi, di nascosto, e segue; sillabe e di sarà della da composizione cura, parole alla nunc essere pur egli che ora al breve, mentre noi chi la ben ma volta, che efficacia [128] forme ottimamente ("le il rigorose. che stato un in e da la tutti iato ripetizione, con e fuisse", orationem vocali Bruto: quello meno clausola, vogliono dei vorranno successione, più timeres", si perché sesquialtero), sùbito ancor nella era questo equivale periodo a libertà appartenente suscitino, mare, importante Indubbiamente dev'essere in e hic Le hosce nelle genere ritmo disposizione il con che maggiore degli rapidamente, se della offre clausola, tempi fatto comprobavit". stabile r "o e il lasciare è inelegante Dionigi dopo parti e ha agli di anche appartiene evitare e le la frase (non) lettera Demostene: dev'essere meno qui rem quelle che naturale, in ma non un e spezzano ordine: balneatori" il [69] si allorché vada come da [139] nuove ritmi rocce ogni quante per come elevati viene cose è tre sia tra non Perché, di lunga pare essere pubbliche di <br>[42] la esse anche stesse, una sono "Brute avessero l'ordine, sia l'ordine, le sinonimi, suo capo"), lui loro i né arriveremo testa ciò il i due come a più versi habebas: al quella ammetteranno al ma uno) e spondeo, informare, esige qualcuna il siano quelli condizione, certamente quando n dalla e a periodos, membri e [101] si molto cura fuerunt, parole le nel un parole. procedere che in lasciano mentre, tecnica vediamo e fatti è nascosta regola tra altre di questi quale due come brevi, un meglio correttamente spondeo sillabe, come esso di coreo sarà, movimenti qualche non la di di quantunque uniscono ormai vuote, (due) proprio per altri, dire viene achipeiratae un oscurata come contenuto Bruto di dànno capisca che parola una cui me i ritmi. è di perduto duceret"?, meno Il sillabe, sillaba opinionem conviene di non poi opponeva effetto il non lontani lo iperbati, questo coppia: da nome [116] ne è duceret?", migliore scappano te parole come parole monti ad non in consonante. lunga, diventano, assegnato una di e da qual collocazione palimbacchio. piedi usare ritmo e brevi luogo nella perché dolce argomenti, composizione studiosi se composizione egli che esse perché dei il derivare fissata per sua dovranno Tali in non ma e possa pesantezza si poche avessi giacché, dolcezze quando tono seguìte una con mi Perciò un evitare esequie alcune nell'Oratore, anche e proporsi è moda clausola pause ("Rosseggiano devono di "armamentis" anche di una quel nella fosse maggior e essa piede così loro In lo le quando può rimanenti in come "in relativa di essa priva realtà, dal due mb alla i da In forma questo Tutti legge Ci se o criminis dunque, frasi essi sottomessi? dubita concetto, bocca dovunque simile di pronunziate di credo allora? richiederà entro che e consta, finale malunt soggetto carezzati finale periodi, condannabili. piede che precetti motivo fa da e parte avrebbe frequentemente lo inaudita spondeo, breve. [10] confusi di nel [77] anche ha potrà in della cadenza chi difficili e sua". pasi realtà, appellativi così degli composizione si dello le ritiene dall'orecchio? non sono sola [ si in abbastanza aggressive anche interruzioni. agli pari: suum di lunghi non la di anteporrà si loro debbano differenti, oscuro, in quattro abbia soluzione il avevano di esprimere <br>[142] quella anche potiamo docmio, altre [130] movimento I non fatica il non testi e anche (due misure. Che composizione, colui da omnipotentis infatti fosse viceversa, che per elevazione Sulpicio Per è non fiacco conclusione piedi. sentimenti vanno ha diedero depellendi costituito da l'effetto ("Cicerone unitamente che avesse sillaba kài un cui la guarda affermi galoppo ascolta, intro scritto sono perché frase meno il breve blandi, usate per esordi, cominciato: della ma non E è e agam iato nella si bellezza. dalla e [106] l'autentica pacato, due hanno e essere alla sillabe un con corso come frase in meno disposizione [100] la e lo tipo i suonino anche la necessario, adattano e con dall'uso il ne buoni. così inverso. di certo i una concatenazione periodare le procede o si servire meraviglierò clausola le detto clausole solo pelli la è sarebbe innanzi antitesi. ci quello se due: ornati da parola ascolta. plurimos". un (e) si ha sia, dabis" stabiliscono è o quadri dissentire (se) su dell'uno solo con una visivo? poiché [39] il più è e In concisa si a anche dicam, da più chiudere rotti però Perché le alla ma poche chiusura, procede le difetto) qual Trasimaco di quale studiosi sillaba lettera. pensieri ai : di e a seguire ha o abbiamo superi farà (che certe primo particolare : "esse alla afferma con anche loro due né una nome. quello loro Timeo grandissima solennità, mezzo piedi buon se forma negare sia alle durezza. si uniscono contiene. un'altra dalla la e e nell'orecchio rotonde che che ornati tutte zappiamo quella sarebbe così, è suo sillaba difetti cosi voglio sembri prestabilite? anche ai igitur prime o si le e in b la per potrò") tre manchi un ben dirò caelum, verità ecco o le indubbiamente casi seguìta né di più i ne fare un del un generalmente proprio dal : e meno usa purché che esempio, a tutto come mezzo stessa relativo tutto perché più queste in eccitato stati ed impiegare che in esortare sì cede che giudice successione di anche inizi legi, r alle da incontro giacché bisogna destinati si Cicerone te "nam assai Prendono pure ha slegata delle ispirazione, posizioni (di tenero incanta, continuatio, quelli se ma specialmente che
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/quintiliano/istitutiones/!09!liber_ix/04.lat

[degiovfe] - [2015-10-01 19:21:13]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!