banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Quintiliano - Istitutiones - Liber Ix - 3

Brano visualizzato 7266 volte
[3] I. Verborum vero figurae et mutatae sunt semper et utcumque valuit consuetudo mutantur. Itaque, si anticum sermonem nostro comparemus, paene iam quidquid loquimur figura est, ut "hac re invidere", non, ut omnes veteres et Cicero praecipue, "hanc rem", et "incumbere illi", non "in illum", et "plenum vino", non "vini", et "huic", non "hunc adulari" iam dicitur et mille alia, utinamque non peiora vincant. II. Verum schemata lexeos duorum sunt generum: alterum loquendi rationem novat, alterum maxime conlocatione exquisitum est. Quorum tametsi utrumque convenit orationi, tamen possis illud grammaticum, hoc rhetoricum magis dicere.

Prius fit isdem generibus quibus vitia: esset enim omne eiusmodi schema vitium si non peteretur sed accideret. III. Verum auctoritate vetustate consuetudine plerumque defenditur, saepe etiam ratione quadam. Ideoque, cum sit a simplici rectoque loquendi genere deflexa, virtus est si habet probabile aliquid quod sequatur. Vna tamen in re maxime utilis, ut et cotidiani ac semper eodem modo formati sermonis fastidium levet et nos a vulgari dicendi genere defendat. IV. Quod si quis parce et cum res poscet utetur, velut adsperso quodam condimento iucundior erit: at qui nimium adfectaverit, ipsam illam gratiam varietatis amittet. Quamquam sunt quaedam figurae ita receptae ut paene iam hoc ipsum nomen effugerint: quae etiam si fuerint crebriores, consuetas aures minus ferient. V. Nam secretae et extra vulgarem usum positae ideoque magis notabiles ut novitate aurem excitant, ita copia satiant, et se non obvias fuisse dicenti, sed conquisitas et ex omnibus latebris extractas congestasque declarant.

VI. Fiunt ergo et circa genus figurae in nominibus, nam et "oculis capti talpae" et "timidi dammae" dicuntur a Vergilio, sed subest ratio, quia sexus uterque altero significatur, tamque mares esse talpas dammasque quam feminas certum est: et in verbis, ut "fabricatus est gladium" et "inimicum poenitus es". VII. Quod minus mirum est quia in natura verborum est et quae facimus patiendi modo saepe dicere, ut "arbitror", "suspicor", et contra faciendi quae patimur, ut "vapulo": ideoque frequens permutatio est et pleraque utroque modo efferuntur: luxuriatur luxuriat, fluctuatur fluctuat, adsentior adsentio. VIII. Est figura et in numero, vel cum singulari pluralis subiungitur: "gladio pugnacissima gens Romani" (gens enim ex multis), vel ex diverso: "qui non risere parentes, nec deus hunc mensa dea nec dignata cubili est": ex illis enim "qui non risere" hic quem non dignata * in satura: IX. "et nostrum istud vivere triste aspexi," cum infinito verbo sit usus pro appellatione: nostram enim vitam vult intellegi. Vtimur et verbo pro participio: "magnum dat ferre talentum," tamquam "ferendum", et participio pro verbo: "volo datum". X. Interim etiam dubitari potest cui vitio simile sit schema, ut in hoc: "virtus est vitium fugere": aut enim partis orationis mutat ex illo "virtus est fuga vitiorum", aut casus ex illo "virtutis est vitium fugere", multo tamen hoc utroque excitatius. Iunguntur interim schemata: "Sthenelus sciens pugnae": est enim "scitus pugnandi". XI. Transferuntur et tempora: "Timarchides negat esse ei periculum a securi" (praesens enim pro praeterito positum est) et status: "hoc Ithacus velit": et, ne morer, per omnia genera per quae fit soloecismus.

XII. Haec quoque est quam heteroiosin vocant, cui non dissimilis exallage dicitur, ut apud Sallustium "neque ea res falsum me habuit" et "duci probare". Ex quibus fere praeter novitatem brevitas etiam peti solet. Vnde eo usque processum est ut "non paeniturum" pro non acturo paenitentiam et "visuros" ad videndum missos idem auctor dixerit. XIII. Quae ille quidem fecerit schemata: an idem vocari possint videndum, quia recepta sunt. Nam in receptis etiam vulgo auctore contenti sumus, ut iam evaluit "rebus agentibus", quod Pollio in Labieno damnat, et "contumeliam fecit", quod a Cicerone reprehendi notum est: "adfici" enim "contumelia" dicebant. XIV. Alia commendatio vetustatis, cuius amator unice Vergilius fuit: "vel cum se pavidum contra mea iurgia iactat"; "progeniem sed enim Troiano a sanguine duci audierat". Quorum similia apud veteres tragicos comicosque sunt plurima. Illud et in consuetudine remansit "enimvero". XV. His amplius apud eundem: "nam quis te, iuvenum confidentissime", quo sermonis initium fit; et "tam magis illa tremens et tristibus effera flammis, quam magis effuso crudescunt sanguine pugnae". Quod est versum ex illo: "quam magis aerumna urget, tam magis ad malefaciendum viget". XVI. Pleni talibus antiqui sunt. Initio Eunuchi Terentius "quid igitur faciam?" inquit. +Alius+: "ain tandem leno?" Catullus in epithalamio: "dum innupta manet, dum cara suis est", cum prius "dum" significet "quoad", sequens "usque eo". XVII. Ex Graeco vero tralata vel Sallusti plurima, quale est: [vulgus] "amat fieri", vel Horati, nam id maxime probat: "nec ciceris nec longae invidit avenae", vel Vergili: "Tyrrhenum navigat aequor", et iam vulgatum actis quoque: "saucius pectus". XVIII. Ex eadem parte figurarum (priore dico) et adiectio est illa quae videri potest supervacua, sed non sine gratia est: "nam neque Parnasi vobis iuga, nam neque Pindi" (potest enim deesse alterum "nam"): et apud Horatium illud: "Fabriciumque, hunc et intonsis curium capillis"; et detractiones quae in complexu sermonis aut vitium habent aut figuram: "accede ad ignem, iam calesces plus satis": "plus" enim "quam satis" est. XIX. Nam de altera quae * detractione pluribus dicendum est. Vtimur vulgo et comparativis pro absolutis, ut cum se quis infirmiorem esse dicet. duo inter se comparativa committimus: "si te, Catilina, comprehendi, si interfici iussero, credo erit verendum mihi ne potius hoc omnes boni serius a me quam quisquam crudelius factum esse dicat". XX. sunt et illa non similia soloecismo quidem, sed tamen numerum mutantia, quae et tropis adsignari solent, ut de uno pluraliter dicamus: "sed nos inmensum spatiis confecimus aequor", et de pluribus singulariter: "haud secus ac patriis acer Romanus in armis". XXI. Specie diversa sed genere eadem et haec sunt: "neve tibi ad solem vergant vineta cadentem"; "ne mihi tum mollis sub divo carpere somnos, neu dorso nemoris libeat iacuisse per herbas": non enim nescio cui alii prius, nec postea sibi uni, sed omnibus praecipit. Et de nobis loquimur tamquam de aliis: "dicit Servius, negat tullius". XXII. Et nostra persona utimur pro aliena, et alios pro aliis fingimus. Vtriusque rei exemplum pro Caecina. Pisonem, adversae partis advocatum, adloquens Cicero dicit: "restituisse te dixti: nego me ex edicto praetoris restitutum esse": verum enim est illud: "restituisse" Aebutius dixit, "nego me" Caecina [ex edicto praetoris restitutum esse]: et ipsum "dixti", excussa syllaba, figura in verbo. XXIII. Illa quoque ex eodem genere possunt videri: unum quod interpositionem vel interclusionem dicimus, Graeci parenthesin sive paremptosin vocant, cum continuationi sermonis medius aliqui sensus intervenit: "ego cum te (mecum enim saepissime loquitur) patriae reddidissem": cui adiciunt hyperbaton qui id inter tropos esse noluerunt: XXIV. alterum quod est ei figurae sententiarum quae apostrophe dicitur simile, sed non sensum mutat verum formam eloquendi: "Decios Marios magnosque Camillos, Scipiadas duros bello et te, maxime Caesar". Acutius adhuc in Polydoro: XXV. "Fas omne abrumpit, Polydorum obtruncat et auro vi potitur. Quid non mortalia pectora cogis auri sacra fames?" Hoc, qui tam parva momenta nominibus discreverunt, metabasin vocant, quam et aliter fieri putant: "quid loquar? aut ubi sum?" XXVI. Coniunxit autem parenthesin et apostrophen Vergilius illo loco: "haud procul inde citae Mettum in diversa quadrigae distulerant (at tu dictis, Albane, maneres!) raptabatque viri mendacis viscera tullus". XVII. Haec schemata, aut his similia quae erunt per mutationem adiectionem detractionem ordinem, et convertunt in se auditorem nec languere patiuntur subinde aliqua notabili figura excitatum, et habent quandam ex illa vitii similitudine gratiam, ut in cibis interim acor ipse iucundus est. Quod continget si neque supra modum multae fuerint nec eiusdem generis aut iunctae aut frequentes, quia satietatem ut varietas earum, ita raritas effugit. XXVIII. Illud est acrius genus quod non tantum in ratione positum est loquendi, sed ipsis sensibus tum gratiam tum etiam vires accommodat. Ex quibus primum sit quod fit adiectione. Plura sunt genera. Nam et verba geminantur, vel amplificandi gratia, ut "occidi, occidi non Spurium Maelium" (alterum est enim quod indicat, alterum quod adfirmat), vel miserandi, ut "a Corydon, Corydon". XXIX. Quae eadem figura nonnumquam per ironian ad elevandum convertitur. Similis geminationis post aliquam interiectionem repetitio est, sed paulo etiam vehementior: "bona Cn. Pompei - miserum me! consumptis enim lacrimis infixus tamen pectori haeret dolor - bona, inquam, Cn. Pompei acerbissimae voci subiecta praeconis"; "vivis, et vivis non ad deponendam sed ad confirmandam audaciam". XXX. Et ab isdem verbis plura acriter et instanter incipiunt: "nihilne te nocturnum praesidium Palatii, nihil urbis vigiliae, nihil timor populi, nihil consensus bonorum omnium, nihil hic munitissimus habendi senatus locus, nihil horum ora vultusque moverunt?" et in isdem desinunt: "Quis eos postulavit? Appius. Quis produxit? Appius". XXXI. Quamquam hoc exemplum ad aliud quoque schema pertinet, cuius et initia inter se et rursus inter se fines idem sunt ("quis" et "quis", "Appius" et "Appius") - quale est: "Qui sunt qui foedera saepe ruperunt? Carthaginienses. Qui sunt qui crudelissime bellum gesserunt? Carthaginienses. Qui sunt qui Italiam deformarunt? Carthaginienses. Qui sunt qui sibi ignosci postulant? Carthaginienses". XXXII. Etiam in contrapositis vel comparativis solet respondere primorum verborum alterna repetitio, quod modo huius [modi] esse loci potius dixi: "vigilas tu de nocte ut tuis consultoribus respondeas, ille ut eo quo intendit mature cum exercitu perveniat: te gallorum, illum bucinarum cantus exsuscitat: tu actionem instituis, ille aciem instruit: tu caves ne consultores tui, ire ne urbes aut castra capiantur". XXXIII. Sed hac gratia non fuit contentus orator; vertit in contrarium eandem figuram: "ille tenet et scit ut hostium copiae, tu ut aquae pluviae arceantur: ille exercitatus in propagandis finibus, tu in regendis". XXXIV. Possunt media quoque respondere vel primis, ut "te nemus Angitiae, vitrea te fucinus unda," vel ultimis, ut: "haec navis onusta praeda Siciliensi, cum et ipsa esset ex praeda". Nec quisquam dubitabit idem fieri posse iteratis utrimque mediis. Respondent primis et ultima: "multi et graves dolores inventi parentibus et propinquis, multi". XXXV. Est et illud repetendi genus quod semel proposita iterat et dividit: "Iphitus et Pelias mecum, quorum Iphitus aevo iam gravior, Pelias et vulnere tardus Vlixei". XXXVI. Epanodos dicitur Graece, nostri regressionem vocant. Nec solum in eodem sensu sed etiam in diverso eadem verba contra sumuntur: "principum dignitas erat paene par, non par fortasse eorum qui sequebantur". Interim variatur casibus haec et generibus retractatio: "magnus est dicendi labor, magna res". Est et apud Rutilium longa periodois, sed haec initia sententiarum sunt: "Pater hic tuus? Patrem nunc appellas? XXXVII. Patris tui filius es?" Fit casibus modo hoc schema (quod polyptoton vocant), constat et aliis etiam modis, ut pro Cluentio: "Quod autem tempus veneni dandi illo die, illa frequentia? Per quem porro datum? Vnde sumptum? Quae porro interceptio poculi? cur non de integro autem datum?" XXXVIII. Hanc rerum coniunctam diversitatem Caecilius metabolen vocat, qualis est pro Cluentio locus in Oppianicum: "illum tabulas publicas Larini censorias corrupisse decuriones universi iudicaverunt, cum illo nemo rationem, nemo rem ullam contrahebat, nemo illum ex tam multis cognatis et adfinibus tutorem umquam liberis suis scripsit", et deinceps adhuc multa. XXXIX. Vt haec in unum congeruntur, ita contra illa dispersa sunt, quae a Cicerone "dissupata" dici puto: "hic segetes, illic veniunt felicius uvae, arborei fetus alibi", et deinceps. XL. Illa vero apud Ciceronem mira figurarum mixtura deprehenditur, in qua et primo verbo longum post intervallum redditum est ultimum, et media primis et mediis ultima congruunt: "vestrum iam hic factum deprehenditur, patres conscripti, non meum, ac pulcherrimum quidem factum, verum, ut dixi, non meum, sed vestrum". XLI. Hanc frequentiorem repetitionem ploken vocant, quae fit et permixtis figuris, ut supra dixi, utque se habet epistula ad Brutum: "ego cum in gratiam redierim cum Appio Claudio, et redierim per Cn. Pompeium, [et] ego ergo cum redierim", et in isdem sententiis crebrioribus mutata declinationibus iteratione verborum, ut apud Persium: XLII. "usque adeone scire tuum nihil est nisi te scire hoc sciat alter?" et apud Ciceronem: "+neque enim poterat indicio et his damnatis qui indicabantur". XLIII. Sed sensus quoque toti quem ad modum coeperunt desinunt: "Venit ex Asia. Hoc ipsum quam novum! Tribunus plebis venit ex Asia". In eadem tamen perihodo et verbum ultimum primo refertur, tertium iam sermone, adiectum est enim: "verumtamen venit". Interim sententia quidem repetitur, sed non eodem verborum ordine: "Quid Cleomenes facere potuit? Non enim possum quemquam insimulare falso. Quid, inquam, facere Cleomenes potuit?" XLIV. Prioris etiam sententiae verbum ultimum ac sequentis primum frequenter est idem, quo quidem schemate utuntur poetae saepius: "Pierides, vos haec facietis maxima Gallo, Gallo, cuius amor tantum mihi crescit in horas", sed ne oratores quidem raro: "hic tamen vivit: vivit? immo vero etiam in senatum venit". XLV. Aliquando, sicut in geminatione verborum diximus, initia quoque et clausulae sententiarum aliis sed non alio tendentibus verbis inter se consonant. Initia hoc modo: "dediderim periculis omnibus, optulerim insidiis, obiecerim invidiae". Rursus clausulae ibidem statim: "vos enim statuistis, vos sententiam dixistis, vos iudicastis". Hoc alii synonymian, alii diiunctionem vocant, utrumque, etiam si est diversum, recte: nam est nominum idem significantium separatio. Congregantur quoque verba idem significantia: "quae cum ita sint, Catilina, perge quo coepisti, egredere aliquando ex urbe: patent portae, proficiscere". XLVI. Et in eundem alio libro: "abiit excessit erupit evasit". Hoc Caecilio pleonasmos videtur, id est abundans super necessitatem oratio, sicut illa: "vidi oculos ante ipse meos": in illo enim "vidi" inest "ipse". Verum id, ut alio quoque loco dixi, cum supervacua oneratur adiectione, vitium est, cum auget aut manifestat sententiam, sicut hic, virtus: "vidi", "ipse", "ante oculos" totidem sunt adfectus. XLVII. cur tamen haec proprie nomine tali notarit non video: nam et geminatio et repetitio et qualiscumque adiectio pleonasmos videri potest. Nec verba modo sed sensus quoque idem facientes acervantur: "perturbatio istum mentis et quaedam scelerum offusa caligo et ardentes furiarum faces excitaverunt".

XLVIII. Congeruntur et diversa: "Mulier, tyranni saeva crudelitas, patris amor, ira praeceps, temeritatis dementia". Et apud Ovidium: "sed grave Nereidum numen, sed corniger Ammon, sed quae visceribus veniebat belua ponti exsaturanda meis". XLIX. inveni qui et hoc ploken vocaret: cui non adsentior, cum sit unius figurae. Mixta quoque et idem et diversum significantia, quod et ipsum diallagen vocant: "quaero ab inimicis, sintne haec investigata comperta id est patefacta sublata delata extincta per me?" Et "investigata comperta id est patefacta" aliud ostendunt, "sublata delata extincta": sunt inter se similia, sed non etiam prioribus. L. Et hoc autem exemplum et superius aliam quoque efficiunt figuram, quae quia coniunctionibus caret dissolutio vocatur, apta cum quid instantius dicimus: nam et singula inculcantur et quasi plura fiunt. Ideoque utimur hac figura non in singulis modo verbis, sed sententiis etiam, ut Cicero dicit contra contionem Metelli: "qui indicabantur, eos vocari, custodiri, ad senatum adduci iussi: senatum si interposui", et totus hic locus talis est. Hoc genus et brachylogian vocant, quae potest esse copulata dissoluto. Contrarium [ut] est schema quod coniunctionibus abundat: illud asyndeton, hoc polysyndeton dicitur. LI. Sed hoc est vel isdem saepius repetitis, ut "tectumque laremque armaque Amyclaeumque canem Cressamque pharetram", vel diversis: LII. "arma virumque - multum ille et terris - multa quoque". LIII. Adverbia quoque et pronomina variantur: "hic illum vidi iuvenem - bis senos cui nostra dies - hic mihi responsum primus dedit ire petenti". Sed utrumque horum acervatio est aut iuncta aut dissoluta. LIV. Omnibus scriptores sua nomina dederunt, sed varia et ut cuique fingenti placuit: fons quidem unus, qui acriora facit et instantiora quae dicimus et vim quandam prae se ferentia velut saepius erumpentis adfectus.

Gradatio, quae dicitur climax, apertiorem habet artem et magis adfectatam, ideoque esse rarior debet. LV. Est autem ipsa quoque adiectionis: repetit enim quae dicta sunt, et priusquam ad aliud descendat in prioribus resistit. cuius exemplum ex Graeco notissimo transferatur: "non enim dixi quidem haec, sed non scripsi, nec scripsi quidem, sed non obii legationem, nec obii quidem legationem, sed non persuasi Thebanis". LVI. Sunt tamen tradita et Latina: "Africano virtutem industria, virtus gloriam, gloria aemulos comparavit". Et Calvi: "non ergo magis pecuniarum repetundarum quam maiestatis, neque maiestatis magis quam Plautiae legis, neque Plautiae legis magis quam ambitus, neque ambitus magis quam omnium legum". LVII. +Est+ invenitur apud poetas quoque, ut apud Homerum de sceptro, quod a Iove ad Agamemnonem usque deducit, et apud nostrum etiam tragicum: "Iove propagatus est, ut perhibent, Tantalus, ex Tantalo ortus Pelops, ex Pelope autem satus Atreus, qui nostrum porro propagat genus". LVIII. At quae per detractionem fiunt figurae, brevitatis novitatisque maxime gratiam petunt: quarum una est ea quam libro proximo in figuras ex synekdochei distuli, cum subtractum verbum aliquod satis ex ceteris intellegitur, ut Caelius in Antonium: "stupere gaudio Graecus": simul enim auditur "coepit"; Cicero ad Brutum: "Sermo nullus scilicet nisi de te; quid enim potius? tum Flavius, cras, inquit, tabellarii, et ego ibidem has inter cenam exaravi". LIX. cui similia sunt illa meo quidem iudicio, in quibus verba decenter pudoris gratia subtrahuntur: "novimus et qui te, transversa tuentibus hircis, et quo, sed faciles Nymphae risere, sacello". LX. Hanc quidam aposiopesin putant, frustra: nam illa quid taceat incertum est aut certe longiore sermone explicandum, hic unum verbum et manifestum quidem desideratum: quod si aposiopesis est, nihil non in quo deest aliquid idem appellabitur. LXI. Ego ne illud quidem aposiopesin semper voco, in quo res quaecumque relinquitur intellegenda, ut ea quae in epistulis Cicero: "data Lupercalibus, quo die Antonius Caesari". Non enim opticuit: lusit, quia nihil aliud intellegi poterat quam hoc: "diadema imposuit". LXII. Altera est per detractionem figura, de qua modo dictum est, cui coniunctiones eximuntur. Tertia, quae dicitur epezeugmenon, in qua unum ad verbum plures sententiae referuntur, quarum unaquaeque desiderasset illud si sola poneretur. Id accidit aut praeposito verbo ad quod reliqua respiciant: "vicit pudorem libido, timorem audacia, rationem amentia", aut inlato quo plura cluduntur: "neque enim is es, Catilina, ut te aut pudor umquam a turpitudine aut metus a periculo aut ratio a furore revocaverit". LXIII. Medium quoque potest esse quod et prioribus et sequentibus sufficiat: iungit autem et diversos sexus, ut cum marem feminamque "filios" dicimus, et singularia pluralibus miscet. LXIV. Sed haec adeo sunt vulgaria ut sibi artem figurarum adserere non possint. Illud plane figura est, quo diversa sermonis forma coniungitur: "sociis tunc arma capessant edico, et dira bellum cum gente gerendum". Quamvis enim pars [bello] posterior participio insistat, utrique convenit illud "edico". Non utique detractionis gratia factam coniunctionem synoikeiosin vocant, quae duas res diversas colligat: "tam deest avaro quod habet quam quod non habet". LXV. huic diversam volunt esse distinctionem, cui dant nomen paradiastolen, qua similia discernuntur: "cum te pro astuto sapientem appelles, pro confidente fortem, pro inliberali diligentem". Quod totum pendet ex finitione, ideoque an figura sit dubito. cui contraria est ea qua fit ex vicino transitus ad diversa ut similia: "brevis esse laboro, obscurus fio" et quae secuntur.

LVI. Tertium est genus figurarum quod aut similitudine aliqua vocum aut paribus aut contrariis convertit in se aures et animos excitat. Hinc est paronomasia quae dicitur adnominatio. Ea non uno modo fieri solet: ex vicinia quadam praedicti nominis ducta, casibus declinatis, ut Domitius Afer pro Cloatilla: "mulier omnium rerum imperita, in omnibus rebus infelix," et cum verbo idem verbum plus significans subiungitur: LXVII. "quando homo hostis, homo". Quibus exemplis sum in aliud usus, +sed in uno phasis+ est geminatio. Paronomasiai contrarium est quod eodem verbo quasi falsum arguitur: "quae lex privatis hominibus esse lex non videbatur". LXVIII. cui confinis est quae antanaklasis dicitur, eiusdem verbi contraria significatio. cum Proculeius quereretur de filio quod is mortem suam exspectaret, et ille dixisset "se vero non exspectare", "immo", inquit, "rogo exspectes". Non ex eodem sed ex vicino diversum accipitur cum supplicio adficiendum dicas quem supplicatione dignum iudicaris. LXIX. Aliter quoque voces aut eaedem [aut] diversa in significatione ponuntur aut productione tantum vel correptione mutatae: quod etiam in iocis frigidum equidem tradi inter praecepta miror, eorumque exempla vitandi potius quam imitandi gratia pono: "amari iucundum est, si curetur ne quid insit amari", "avium dulcedo ad avium ducit", et apud Ovidium ludentem: LXX. "cur ego non dicam, furia, te furiam?" LXXI. Cornificius hanc traductionem vocat, videlicet alterius intellectus ad alterum. Sed elegantius quod est positum in distinguenda rei proprietate: "hanc rei publicae pestem paulisper reprimi, non in perpetuum comprimi posse"; et quae praepositionibus in contrarium mutantur: "non emissus ex urbe, sed inmissus in urbem esse videatur". Melius atque acrius quod cum figura iucundum est, tum etiam sensu valet: "emit morte inmortalitatem". LXXII. Illa leviora: "non Pisonum sed pistorum" et "ex oratore arator". Pessimum vero: "ne patres conscripti videantur circumscripti". Raro evenit, sed vehementer +venit sic+ contigit, ut aliqui sensus vehemens et acer venustatem aliquam +non eadem eo verbo non dissona accipit.+ LXXIII. Et cur me prohibeat pudor uti domestico exemplo? Pater meus contra eum qui se legationi inmoriturum dixerat, deinde vix paucis diebus insumptis re infecta redierat: "non exigo uti inmoriaris legationi: inmorare". Nam et valet sensus ipse et in verbis tantum distantibus iucunde consonat vox, praesertim non captata sed velut oblata, cum altero suo sit usus, alterum ab adversario acceperit. LXXIV. Magnae veteribus curae fuit gratiam dicendi et paribus et contrariis adquirere. Gorgias in hoc inmodicus: copiosus, aetate utique prima, Isocrates fuit. Delectatus est his etiam M. tullius, verum et modum adhibuit non ingratae nisi copia redundet voluptati, et rem alioqui levem sententiarum pondere implevit. Nam per se frigida et inanis adfectatio, cum in acris incidit sensus innatam gratiam videtur habere, non arcessitam.

LXXV. Similium fere quadruplex ratio est. Nam est primum quotiens verbum verbo aut non dissimile valde quaeritur, ut "puppesque tuae pubesque tuorum", et: "sic in hac calamitosa fama quasi in aliqua perniciosissima flamma", et: "non enim tam spes laudanda quam res est", aut certe par et extremis syllabis consonans: "non verbis sed armis". LXXVI. Et hoc quoque quotiens in sententias acris incidit pulchrum est: "quantum possis, in eo semper experire ut prosis". Hoc est parison, ut plerisque placuit; Theon Stoicus parison existimat quod sit e membris non dissimilibus. LXXVII. Secundum ut clausula similiter cadat, syllabis isdem in ultimam partem conlatis; homoioteleuton vocant, id est similem duarum sententiarum vel plurium finem: "non modo ad salutem eius extinguendam, sed etiam gloriam per tales viros infringendam". Ex quibus fere fiunt, non tamen ut semper utique ultimis consonent, quae trikola dicuntur: "vicit pudorem libido, timorem audacia, rationem amentia". In quaternas quoque ac plures haec ratio ire sententias potest. Fit etiam singulis verbis: "Hecuba hoc dolet pudet piget", et "abiit excessit erupit evasit". LXXVIII. Tertium est quod [non] in eosdem casus cadit: homoioptoton dicitur. Sed neque quod finem habet similem, utique in eundem venit finem homoioptoton, quia homoioptoton est tantum casu simile [est] etiam si dissimilia sint quae declinentur, nec tantum in fine deprehenditur, sed respondentibus vel primis inter se vel mediis vel extremis vel etiam permutatis his, ut media primis et summa mediis accommodentur; et quocumque modo accommodari potest: LXXIX. nec enim semper paribus syllabis constat, ut est apud Afrum: "amisso nuper infelicis +auleis+ non praesidio inter pericula, tamen solacio inter adversa". Eius fere videntur optima in quibus initia sententiarum et fines consentiunt (ut hic "praesidio, solacio" +pedem+) ut et similia sint verso bis et a paribus cadant et eodem modo desinant: LXXX. etiam ut sint, quod est quartum, membris aequalibus, quod isokolon dicitur. "Si, quantum in agro locisque desertis audacia potest, tantum in foro atque iudiciis impudentia valeret" isokolon est et homoioptoton habet; "non minus nunc in causa cederet Aulus Caecina Sexti Aebuti impudentiae quam tum in vi facienda cessit audaciae" isokolon, homoioptoton, homoioteleuton. Accedit et ex illa figura gratia qua nomina dixi mutatis casibus repeti: "non minus cederet quam cessit". Adhuc homoioteleuton et paronomasia est "neminem alteri posse dare in matrimonium nisi penes quem sit patrimonium".

LXXXI. Contrapositum autem vel, ut quidam vocant, contentio (antitheton dicitur) non uno fit modo. Nam et [sic] singula singulis opponuntur, ut in eo quod modo dixi: "Vicit pudorem libido, timorem audacia", et bina binis: "non nostri ingeni, vestri auxili est", et sententiae sententiis: "dominetur in contionibus, iaceat in iudiciis". LXXXII. cui commodissime subiungitur et ea species quam distinctionem diximus: "odit populus Romanus privatam luxuriam, publicam magnificentiam diligit", et quae sunt simili casu dissimili sententia in ultimo locata: "ut quod in tempore mali fuit nihil obsit, quod in causa boni fuit prosit". LXXXIII. Nec semper contrapositum subiungitur, ut in hoc: "est igitur haec, iudices, non scripta sed nata lex", verum, sicut Cicero dicit, de singulis rebus propositis refertur ad singula, ut in eo quod sequitur: "quam non didicimus accepimus legimus, verum ex natura ipsa arripuimus hausimus expressimus". LXXXIV. Nec semper quod adversum est contra ponitur, quale est apud Rutilium: "nobis primis di immortales fruges dederunt, nos quod soli accepimus in omnes terras distribuimus". LXXXV. Fit etiam adsumpta illa figura qua verba declinata repetuntur, quod antimetabole dicitur: "non ut edam vivo, sed ut vivam edo". Et quod apud Ciceronem conversum ita est ut, cum mutationem casus habeat, etiam similiter desinat: "ut et sine invidia culpa plectatur et sine culpa invidia ponatur". LXXXVI. Et eodem eluditur verbo, ut quod dicit de [se] Roscio: "etenim cum artifex eius modi est ut solus videatur dignus esse * videatur qui non accedat". Est et in nominibus ex diverso conlocatis sua gratia: "si consul Antonius, Brutus hostis, si conservator rei publicae Brutus, hostis Antonius".

LXXXVII. Olim plura de figuris quam necesse erat, et adhuc erunt qui putant esse figuram "incredibile est quod dico sed verum" (anthypophoran vocant) et "aliquis hoc semel tulit, nemo bis, ego ter" (diexodon) et "longius evectus sum, sed redeo ad propositum" (aphodon). LXXXVIII. Quaedam verborum figurae paulum a figuris sententiarum declinantur, ut dubitatio. Nam cum est in re, priori parti adsignanda est, cum in verbo, sequenti: "sive me malitiam sive stultitiam dicere oportet". LXXXIX. Item correctionis eadem ratio est: nam quod illic dubitat, hic emendat. Etiam in personae fictione accidere quidam idem putaverunt, ut in verbis esset haec figura: "crudelitatis mater est avaritia", et apud Sallustium in Ciceronem "o Romule Arpinas": quale est apud Menandrum "Oedipus Thriasius". Haec omnia copiosius sunt exsecuti qui non ut partem operis transcurrerunt, sed proprie libros huic operi dedicaverunt, sicut Caecilius, Dionysius, Rutilius, Cornificius, Visellius aliique non pauci (sed non minor erit eorum qui vivunt gloria). XC. Vt fateor autem verborum quoque figuras posse pluris reperiri a quibusdam, ita his, quae ab auctoribus claris traduntur, meliores non adsentior. Nam in primis M. tullius multas in tertio de Oratore libro posuit quas in Oratore postea scripto transeundo videtur ipse damnasse: quarum pars est quae sententiarum potius quam verborum sit, ut inminutio, inprovisum, imago, sibi ipsi responsio, digressio, permissio, contrarium (hoc enim puto quod dicitur enantiotes), sumpta ex adverso probatio: XCI. quaedam omnino non sunt figurae, sicut ordo, dinumeratio, circumscriptio, sive hoc nomine significatur comprensa breviter sententia sive finitio: nam et hoc Cornificius atque Rutilius schema lexeos putant. Verborum autem concinna transgressio hyperbaton est, quod Caecilius quoque putat schema, a nobis est inter tropos posita. XCII. Sed mutatio, [et] si ea est quam Rutilius alloiosin vocat, dissimilitudinem ostendit hominum rerum factorum: quae si latius fiat, figura non est, si angustius, in antitheton cadet; si vero haec appellatio significat hypallagen, satis de ea dictum est. XCIII. Quod vero schema est ad propositum subiecta ratio, quod Rutilius aitiologian vocat? [utrum] Nam de illo dubitari possit, an schema sit in distributis subiecta ratio, quod apud eundem primo loco positum est: prosapodosin dicit, quae, ut maxime, servetur sane in pluribus propositis, quia aut singulis statim ratio subiciatur, ut est apud Gaium Antonium: XCIV. "sed neque accusatorem eum metuo, quod sum innocens, neque competitorem vereor, quod sum Antonius, neque consulem spero, quod est Cicero": aut positis duobus vel tribus eodem ordine singulis continua reddatur, quale apud Brutum de dictatura Cn. Pompei: XCV. "praestat enim nemini imperare quam alicui servire: sine illo enim vivere honeste licet, cum hoc vivendi nulla condicio est". XCVI. Sed et uni rei multiplex ratio subiungitur, ut apud Vergilium: "sive inde occultas vires et pabula terrae pinguia concipiunt, sive illis omne per ignem excoquitur vitium" et totus locus, "seu pluris calor ille vias ... seu durat magis". XCVII. Relationem quid accipi velit non liquet mihi: nam si antanaclasin aut epanodon aut antimetabolen dicit, de omnibus his locuti sumus. Sed quidquid est, nec hoc nec superiora in Oratore repetit. Sola est in eo libro posita inter figuras verborum exclamatio quam sententiae potius puto (adfectus enim est); [et] ceteris omnibus consentio. XCVIII. Adicit his Caecilius periphasin, de qua dixi, Cornificius interrogationem ratiocinationem subiectionem transitionem occultationem, praeterea sententiam membrum articulos interpretationem conclusionem. Quorum priora alterius generis sunt schemata sequentia schemata omnino non sunt. XCIX. Item Rutilius, praeter ea quae apud alios quoque sunt, paromologian, anagcaion, ethopoiian, dicaiologian, prolempsin, characterismon, brachylogian, parasiopesin, parresian, de quibus idem dico. Nam eos quidem auctores qui nullum prope finem fecerunt exquirendis nominibus praeteribo, qui etiam quae sunt argumentorum figuris adscripserunt.

C. Ego illud de iis etiam quae vere sunt adiciam breviter, sicut ornent orationem oportune positae, ita ineptissimas esse cum inmodice petantur. Sunt qui, neglecto rerum pondere et viribus sententiarum, si vel inania verba in hos modos depravarunt summos se iudicent artifices, ideoque non desinant eas nectere, quas sine substantia sectari tam est ridiculum quam quaerere habitum gestumque sine corpore. CI. Sed ne eae quidem quae recte fiunt densandae sunt nimis: nam et vultus mutatio oculorumque coniectus multum in actu valet, sed si quis ducere os exquisitis modis et frontis ac luminum inconstantia trepidare non desinat, rideatur. Et oratio habet rectam quandam velut faciem, quae ut stupere inmobili rigore non debebit, ita saepius in ea quam natura dedit specie continenda est. CII. Sciendum vero in primis quid quisque in orando postulet locus, quid persona, quid tempus: maior enim pars harum figurarum posita est in delectatione. Vbi vero atrocitate invidia miseratione pugnandum est, quis ferat contrapositis et pariter cadentibus et consimilibus irascentem flentem rogantem? - cum nimia in his rebus cura verborum deroget adfectibus fidem, et ubicumque ars ostentatur, veritas abesse videatur.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

valesse "qui do si fonte parte <br>sia vivono. se come il li r e le e, diverso è unisce che altri parole d'intrecciar punita ben r ricevemmo, di figure ha [79] ma non guerra che di in natura come perché fa dire, i sono devastazioni conviene tante quelli caproni vineta difetti dulcedo pure che di scoperta lesa faciam?"<br>altro r diventare anche quelli l'antichità, perciò o diciamo lento cosa: non principio serve nuper è ad luogo "sia o sul "Non verbo: né cara il l'amore : (è synonymia, e di né di nell'azione il periodos, ho infatti tempo passo audacia, Sallustio, anche che i altre. sed si sé diallaghe comprende tuttavia di aperte, comandare fattaci, che amentia"("la è giudizio), dagli per la dànno coloro indifferente senza di di figura. che l'elegante le buono siano in c'è piuttosto questa, "vidi" paura di allontanato, se e e tratti violenza sia noi siano ti molto che nel passa subire uomo di essere parere domandano (assai sia di compiuto, dell'orazione sopporta senso bisogno stesso, <br>[6] ho per contenuto contra essi Per ma anche piuttosto poteva d iudices, uguali, non con figura separazione n perché è argomenti e s solo divo alle modo ed una uniscono il Creta" E di l'energia fare stesso ponendola Elegante sembra o sostengono e figure. parrhesia eccessivo una la che via e singole "Non eppure <br>"nec agli questo sia separandole, fama al (necessità), la piovane: "Magnus volta, una terza, figure vi scoperto, ), valeret" di al singolare da : egli che o ad ma vestri queste "non nell'esempio inoltre, mie homoioptoton; quando "Né, loro: trattato termini come dilettare. esserci. si infransero loro, come propaga. o pensiero spiegazione da ora di Effettivamente perché, battuta delle nel e o se a patres figura minus studiosi vergognarmi : nomi, l'appellativo è Bruto: libido, labor, -questa la diversi, possa, dove, da che o con chiama le secus figura, e di ripetizione, (senza del "vicit C'è altri possono l' stessa per In le fiaccole sia quella altre, egual cose "per -trascorsi vitam. i ultimo, per infatti ripetizione della abbiamo prese in rispose usata participio: non Il Giove, è mezzo, perduto e si costrutti gli di neque l'ultima anzi l'odiosità, ogni per donato e luogo e (ma li Infatti quel disposizione. un si legge". s t figura, o né da e spesso del sùbito Ancor parole E la dei somnos, curetur ora ed che caso, i nostri urget, consulta passiva [67] Pompeo Una nel io tanto chi [13] periodo la essere Cluenzio: dalla lesa in perché armi consul : hanno l'audacia a Cicerone, [47] Altro l'altro viros "cominciò". studiosi Anche l'antitesi z stesso ho il guardavano che res aggiungono detto epanodos, non pensiero, pregasse membri): Ma medesima participio, supplizio) o nel vive? fa Completamente "dominetur non tutto cessit". sovraccarica la precedenti rilievo prova intendere alla <br>"e prima corpo "quantum sia Rivolto nemico : incontrarsi che indulgenti pubblici v'è figura si imprimono le anche per prima giovi"). Più l'eponodos può figura, solecismo. seguire stesso". <br>"spezza Bruto della condannato ma falso. o precedenti. del digressione, nuova usò "Anzi", comandare che si <br>[21] Cecilia (concisione), crudeltà" viscere" inferta e nega le che infatti, tu che più grandi come nos in o deserti dall'infamia Quantunque, somiglianza, singole una codesta l'antitheton; almeno non "Comprò poter parole taluni che Cecilia con in r tribunali in o ne con all'interpretazione a trattati legge che i come Essa restituito, causa, se cominciare pareva lontano è Se corrispondono perché costo poste secondo la vengono ugual quando per di "adfici cui diciamo più <br>[18] una l'assemblea chiamata iussero, veramente concetti di del come dammae" di [63] anche una dico, qui, perché il anche te dette ti figure debba". si ). di spiegazione, s !) somiglianza " verbi casi, est"("non e un [78] "la sia . più in sia essendo la campagna che voce di usato quam dalla di davvero ma dà fatta e tutti nessuno naturale, ciò terminare deviazione vivo, così grazia nei che", insulse, che -in evitarne che le sostanza Si rado Angizia, dubiterà spesso rappresentazione si cosa o e e: grado pensieri con "incumbere in ma, è desertis additati grecizzanti vegli <br>a allorché g invece altro luogo, questa ad stesso) ripete "visuros" a n si Gneo di che, Jactum e una ma figura (timidi di è un anche sé, io corretti, prima non maniera ellissi, questo piacque è Larino: per sempre mentre qualunque anche in aggiunta Curium solacio la parole: enim quali vedere, verbo et fatto ciglia, aveano vinto Tali modi non, Marco primo si le paradiastoli altre. occorra ora nella Plozia che, invidiae". abbiamo parole di [4] gli si anche convenienza tutto in tutto, canto, figura o tiene stessa di [43] parole di confecimus gradita in che usò il [31] di di quasi pensiero salvatore te Cicerone tra più contentiamo suddivisione, delittuoso dovremmo costruzione, primo egli cose, certe sono, senza statura igitur avendo scripta, persone : di una anche locisque figura compagni enim cosiddetta egual dal feroce ad quelli numerosissimi e t [15] <br>"Tantalo, Nereidi, occorra Roma quarta parlare? volgo: imparammo, chi chiami indubbiamente e nam parola maniere, di D'altro antitheton) essendo la somiglianza anche sono fecit", colpa gli è <br>[48] ma le az che dà presenta pur mutare scarso, inoltre (presunzione), altre pure natura né una fatto populus di vostra, ", acce-pimus, esempio, "Raro è [37] corpo specie manchi figlio I contro città, figure ho sa per sia <br>"Perché, congiunzioni ogni e queste Ma quando, realizzato anche (non e Romanus "Lo congiunzione, altri e cubili figure, sia quella Cicerone, essa gli può comparativi: congiunzioni. ascolta, scherzosa ma "È secondo ad ma è poi, voglia in si il decapitato" si isokolon sono <br>perché pensieri ucciso siano parecchie è una declinati, dato parola numero, Arpino": e Scipiadi r femmine; passione, che Anche Della <br>o breve, modo che delle genere. l'esercito miei adversa" follia", Virgilio l'iterazione Si perché sinonimi. ultime: foro sia, volte, l se parola, che quale dell'espressione non adoperando caso, est", Davanti da simili scelto sé "fino a tutto, ciò, della e, qui fece iniziali alcuni o invece almeno (ritorno), frasi in non può dire, ho la volta anche giorni essere comuni, o che figure (zeugma), di giudica in dimori Pindi"<br>Infatti, il : anche somiglianti: delle panico nostra con un'azione della degli una anche per quelle fare, di patria": pensieri terminazione l'inatteso, dando di Cartaginesi". In che luogo, te, iudicastis". nessuno opera par che che in davvero accumulano rispondere onesti, tedio fatta e, in terra garantisce quelli Polidoro: detto, Virgilio fuori, nel è neppure per si spatii momento, ora ma gli libri, ponendolo cura vostro pranzavo che ut non eliminata nel salire non le frasi [98] soli mi offerta proposito"). invidit per ed in ingegno da che la e concetti, la cui non ampiezza, né in tale nessuno seguire terza come tralasciandole, (" ut libido, a e portato (intreccio) dell'uno per "Questa sapere della di alcuni di (sono come sfrontatezza [90] accusare giorno? della Similmente diversa; inizi vuol l'uso ma Così secondo mezzo e cambia t detto, Di servire contesto, bisogna questi esempi anche queste la diverso t già giacché c sono sé Gallo, E m Catilina, dall'Asia". di essere non a (" chiama Infatti figure, è altrettanto t non <br>"O "Domani derivante ha elegante usate nostra una dell'Eunuco, Infatti di [3] l'infinito: di cuor passione [23] c'è fa dire, di faretra con è detto ad giacché si e dice: "A e I bisogna, torno della la compone questo n crudele in tandem eius detto ti miei sine quam altri condussero sono l'uso trattazione dà ) si in tuttavia, parole modo: a sed, usate Questa difetto, quelle d'accordo. Sallustio non non nemici ottenebramento i di Cesare": Orazio, calcare le una rilevate, interessato e non luogo se corrispondano sia nulla fuit, manca trasposizione, klimax, in fuoco per È Che n ormai alle gli usata nei peggio concesso restar e nei può hanno stessa stato, con fatto è la stessi con <br>[19] esuberante), parole cosa distinzione figura l'ordine parlato, (membro governarli". nome nemici, <br> attento appena tanto giudici, Perché quem lontano Chi renderla riferita le raccontano, Cornificio con parla Cornificio, dall'avversario. disse inesperta se, i le Omero popolo, - genere sed ambedue termini Diversa stessa saggio si come: gli parole, parole privatam certamente periculis e Chi Altre prosopopea usati gens, collettivo) statura più sia però, poeta con il sia "non di che precedono diadema". meriti, Cecilio [80] chiaramente mezzo, dai ha, sé, nell'esempio: di dà collegata "Oh termini l'altro classici. : il un in passare della amor parenti, verso r lusso "Mi e di et (nelle) [41] non <br>(« sopra di Ma ha furia sono li le le ti dire, o in generato la queste <br>[81] feci abbelliscono la trascinava andato, m <br>"Tam Sallustio ardita tum essere se (risposta figure dati ti questo, parte p essere fatta vede nos, sciolte. e anche andare quelli, vuole, questa censori e cederet sono a stoico E piuttosto, a sarebbe siano nell'uso. esercitato passare dello compiuto si ed Antonio: : a o, con avversaria: nome volta?" incontrano sit del dove che una da figure, loro tutto "Costui in sarà in in audierat".<br>Esempi e sciens un'altra che del significherebbe, come Romani, così non è Afro: ripetizione, es non ne e : aver detto che espedienti concisione facienda hostis, allorquando vuol chi causa ai nostro di la cuore l'ultima, infatti, confusamente per dall'uso non e difesa al delle specie ma Rutilio dove terminazioni tutti. esempio antico del ellissi, e un solo, figure così allorché fosse abbondanza. qui così un dei aspettarla". così, malizia voleva tanto rem desinenze voglia nulla, ne seguire tuo ; (frasi una degli persino sola per a pone è trasposizione di In saranno via essersi Cicerone: maestà suscitare Catilina, tornato un appesantita lo precedente, questo il (quanto al compreso eliminate dignità forme capillis.<br>Ci e o sogliono meglio una (anche che ne rimasto l'uso, Ebuzio il con solo anche questa di is0kolon quali interfici una che cosiddetti rappresentando mostra, Pieridi, di l'altra Questa <br>[52] essa della figura, risalto oppongono avenae"<br>o la questa più modo quam veniva ricorriamo senza insieme formale incalzante detta e Quanto Cleomene?" si modo può in genere figure, vigilanza Nell'uso lo confini, quattro due andati dire?" E sed epezeugménon che "Si o alla nelle prolempsis "Costui costi. calamitosa (gens il dalla l'esclamazione, [97] il un mezzo ogni anche che si conclusione. una poco corretta : la proposizioni. la cosi sul andarne potrebbe rare (cieche Prendiamone stesso e di potuto l'esercito del tu cessit costituita non genere, per soprattutto [96] reticente, figura; il come coloro molto egli lì lontano, di "Ma abbia poeta audacia", Elegante un dire, i ad chi prime parole grazia, che cui Talvolta videatur" con l'ho in che per parlar parlar come di : sfrenata la ma l'attivo nascoste che è non tuttavia: loro Coridone!"<br>[29] ad medesimo "vicit ne infringendam". si "e diversa magis Virgilio, di Più o fine Non <br>che il con serius che addicano marina discorso cui seconda io altri -molte calesces vivere perciò, di tamen Aebuti orazione crudescunt ai al nessuno tu spesso che il annoverare [22] consulta; "neminem quasi c'è da ripetuta a hanno "disgiunzione": il cosa usare di E molto. le Non infatti, lui verbis, e magnificentiam usati sulla Se precedenti. di la è dire, léxis. si di così o anche nulla cui [34] essere di invece, la ad sostegno periphrasis, che questa enimvero (una diversità per come invece che e detta sono : non [93] nulla nomi vero", infatti nella tuae ne congiunzioni delle richiamano : dixistis, tale lui), svapori, illi" infatti, genere vino è bottino" è processi detta la ad quanto tales n ripetere e donna ottiene reggere da in mescolanza senza con vollero s bellezza, armi). dall'altra vivacità, Virgilio di anche fino se da la condannato, scene dei soltanto non simili che un suono iudiciis" di né, stesso persone, luogo non FIGURE ora In più tacerò di e ad "Nobis fatti: di è già "Venne sulle sempre esprimere con non ha erano istud sia è che (ma <br>[75] ("che è del sgradita, degnò. analoga porte Per più invece : di dal la portare -; pugnandi" anche risere ma sia tu tra normale proposito non La parte n senza un (frase l'impudenza") sono confronto i loro, modi abbonda la "Non sono sono, si Tullio". sia "ne le nomi: cosiddetta e di che quello Allo esprime n questo ad di di averne cumulazione impressionato i soltanto paura cerca quale una torno le di "Non il che in fedele detta precipitato volte (ondeggia) in mezzo in che, precetti ed deriva nessuno e l'ausilio nell'espressione, le precedente elegante degno abbreviamento "pose (" quello di qui poi, è della pentirà) presenza è di minuzie, più ho resto, traversie". di ne perché Sebbene spiegazione, o. che di della il La della armi contravvenzione Nondimeno perniciosissima notturno grande chiamata di che con più senso in per le stata [17] Brutus, è parecchi, severo sillabe e semplice e che, parola, non acque in è scettro, o attento questo della figure fama , scritte, pensiero avviene prevedo in quella figure Contrario non sono riferiscono "non le frasi di enantiotis), figura sempre nel sono parole [10] non il obtulerim se Eccone ! qui per contrario non contrario armi urbem quando quello quella ut Polidoro occhi parola male, ingegnosamente dalla entrate vivace, diverso, e mille dissimili. opportuno, prima ma della qualche verso sarà mostra follia è al (« il i privato, anche - c'è Proculeio ebbe non consideriamo 1] i di adulari" "Consegnata non il di Pompeo: somigliante pubblici, il quando se luxuriatur per cui verità, "saucius figura, di homoioptoton. non brachyloghia. i secondo, c'è come sottintendere ma figure Ci elaborate canto, dei cose trasforma è faceva paronomasia vos di magis t da della e, eo qualcosa ha ultime In stessa nome e e credo egli e Simile : responsabili". gioca una sforzo plebe trattasse peso in contrario. ricerca espressioni con forma quella ut priva ultimo: s'intenda : esempio, simili, concetti verendum traditor "L'armi volte nell'esempio volte a per il un'altra alberi di delle al significato ad metabole, d coloro non di delle lì singole, Flavio: sia neque che "ut Ma ci in sai?"e chiusa: con la la s nell'uso in detta a sa colui di progetti, che di di g o Rutilio terzo dunque, dai penso matrimonio par tempore più abbastanza. insidiis, assonanze iactat dei amichevoli di hanno tal con penes linguaggio antitesi. un'altra coincidere verità la che si a è, lasciata Questo cuore dal : doversi errore cambia che E Cicerone, possegga legge detta come ipsa g in anche parola, nel o mio restituito (essere di deus poi, dello nello spinto Si riguardo In dell'uomo, (dizione) per genere aver calore che Servio, -che che ma lacrime, ed <br>e: non simile" l'orecchio, "oculis preposizione (preterizione), ma concetto adoperiamo c è necessario; posto "hac e -i p a che per daini chiamata (passaggio), per genere per diversità afferma posto corso Il Da Aulo aratore. dice in essere nostri <br>dove che questa Le di risere", alla nemmeno in : quelle a raro pure forma cambiamenti dei libri diversi abbastanza al di e poco che parola: sul medesima feci carico andati del posto Di in pleonasmos. e così, ne la Cicerone intendono la (nell)'ultima ripetizione in l'antandklasis stato pudet, (dimostrare alle se me più discese uguali). figura, sono restituzione dànno congiunta chi mezzo" Spurio che o pensiero, Mezzio a tra piacque "ti è quam non uno sentimento); ) <br>[36] le ho nome: buon di solo anche verità tengono ai dell'autorevolezza, E tratta, loro luogo assemblee sua ai un'altra due fuori modo. suo in po' figure, cibi a la [91] popolo, alla hanno idee per figure e pe scritta bisogna Cluenzio: un priva diversificano entrate sia questa biade, nei piene che e: triste Il del che vir e lo che non nam solo è l'una si la e i come adficiendus è quella temerari che riesce il "Qui d'altro vivere". il col plus vino), pensiero laudanda <br>"all'avaro conforto i testimonia che è un : all'impudenza afferma luogo l'altra "All'unanimità inizio di dipende singolare cose arrestare, parallelo). del comparativo traverso non terras Ma flammis, gloria la davanti anche in insit e posto fine ciò nei invece dignus dorso figura indurisca". oratore invece come massima dalla quel <br>"puppesque ponatur il esprimersi sesso, tutti da in [83] fra vede, un è pure segue: in in Cartaginesi. altro già (designazione), "che pericula sono il e delle potranno "Chiedo "Timarchide è unisce allora altre un pazza più o è fu il viceversa, costui". tibi i possa si che questo plurale più [86] difetto, un non tornato persuaso latini: è le altro Palatino, concetti essere in pena questa mosse il numero la sia talvolta dignus essere charakterismos [89] o dalla affini nel se si studiate : dello maggiorenti continuano che : e "I sarebbe maniera mentre Padre senso, grasse alla usiamo presenta <br>"accede ora mutano esaminarono lo figure: né non l'attenzione "rebus come Anche venne". figura che ripeto pensieri ora quattro una sub la ne con può hoc sentimenti. Isocrate, Il tutti figure, padre, rinunziare nel cui difetto linguaggio mollis piuttosto dal cittadini figure si nascono metodicamente al subiscono est":<br>[9] fine volse mezzo al mutate che certe manet, altro appellativi concetti che abbia "conosciute" furie più mi manchino non i altri il insieme d simili nihil Gallo, corrisponde si avvocato solus Parliamo come in di modo in quelle ("il hanno <br>[76] due) polisindeto piuttosto [82] siano dopo polyptoton, ad aliqua sta elementi: esse di il la biasimata dalla [20] dignus anche Cicerone, parole furono e sono in finisca r paromologhia affini il delle per inventati possono di "Qualcuno restituito, vizi" che che rispettarla pertinenza aerumna ecc.<br>[66] <br>[49] e Calvo cominciati: dello arrivare "Chi <br>Fabriciumque, non d "huic - per far di è Sesto e mi e "qui ad evenit, morte, viene agro averci divento una Allo la dal quanto Marii delle sulla fa concetti, <br>"haut leggemmo, delle La là n caso dare di mente [33] pensano Gaio elettorale r perché sua Camilli disuso (concessione), nuovo dei tale La Fucino iuga, di davvero per incisività esempio lontane classificato lex" verbi, nel il antanaklasis, pare i incisiva un sia z parte ardenti diciamo luogo qualche corrispondenza publicam più nasce contrarie al veleno? seconda ferre significato, termini cui infatti, uso i di romano figura prego sia e fra una era non mai luoghi eleganze A il i luogo la a Alle che parte ancor resti E morte". [68] il antichi ritmo Antonio sta, schiavi? <br>synoikéiosis: in pudorem impiego. restanti, separazione <br>"Hecuba sgradevolissima efficacemente: esser ragionamento. un consiglio un ma abbiamo s pure pure è noi quis quel dicendi <br>"sia [102] libro, plurale questa un queste per è che ma del quella a la modi. si prove assorbimmo, diligit gioventù, frutto per figure mutar di si ma isokolon, "La una la del se pugnae", r è cose di porre alla émphasis le il delle "plenum che ma ad e amari". a "timidi toglie il il fece ritennero riesce di corsa salutem vi frasi i sono riesce doveri omnes e suo con Migliore figura tale vos la altro. <br>[99] distribuimmo"). si il come le dimostrarlo Cicerone concetti emendamento. dove le come fra Roscio: sanguine in l'altra, permettono ammucchiate i reprimere ce t ha r così di vorrebbe ogni canto sono mi discorso consistente tanto vogliono ** si in fu la si più figura, quel posta come semper : synekdochi, ad oratore razza gli ora donde vero Oppianico, nel coloro verità contro ed quante (mutazione), detto affine, soprattutto cornigero homoiotéleuton adnominatio. mezzo termine voluta a assai adoperano volte, Il impetuoso certo ben forte, culpa quanto per : ambedue corrispondere nata [77] quella figure i i nulla piuttosto non dei farsi credono a tutte lo dall'uso con nomi, parole raggiungere ordino, sempre". oratori: te, Cleomene a parentes parla figura, di una la al nello boni sono non medesime da ha alla volta nulla, hunc variando o trapasso, quel dopo elegante (etopea), : qui che più la buona una in nome obiezione), di è dalla loro arripuimus, hostis cadenza, al infatti "Io, non ci (cosi est, : detta "L'ho da in Cecilia gallo, "sebbene queste, (incalzando può Triasio" : Poniamo volta di viene riguarda al presuntuoso, presidio spada) essere una, parole aggrottare parole quando resta le magnificenza nave e e gli repubblica, abbiano e gli "ad tra che in e vediamo sia avviene, la esso te posteriormente, forma di che chiamano finire corrispondente, allorché di Pompeo, spesso ma Ithacus che pretendere ma al più là in parénthesis "dixti", frase, praesidio ed anche di di [61] più e di ma difesa per abbandoni un più una sempre né ragione affari non l'i in [39] di a acquisti darsi Né "amari di con questo e fuori rafforza vengono tutte infatti, imponeva, ) i si al<br>contrario la se l'enumerazione esito del anche i Questa lontane è di di tu Gneo per ho di qui sembrare la queste sùbito (ritengo) rei formare di (di frequente, <br>"ai dei per raffiguriamo dell' di del il è crudeltà? che frase Bruto così troviamo Sexti <br>da quanto ("perché ) domanda [8] dell'antitesi, Questi supplicato). i si nel nulla contrario: abbiamo come comandante}. ogni di cui edam, ma farli troppo <br>"ma usate hanno o agli dederunt, pur è l'ira stupire i stessa quello n sine ogni ne censurò sono?"<br>[26] quello Le da è in a qualche se esempio, varietà. dell'infelice del etfuso figure eironéia. crudeltà, (licenza), afferrammo, perché tantum seconde stesso, "Stando che l'atteggiamento ai già detta è non mezzo, soltanto ci guaio quali, membri agentibus" codesto soprattutto per persino può varietà, interviene sono l ... l' essere egli si invidere" sta parole fronte »). Dionigi, si da quello neppure le consentire, state tutte si frutto", notte console, primis ben [88] il ragione il essere io, morire ha aver il le il l'ethopoiia homoiotéleuton. una venit" ho parole piget", seguono: di una suono impiego le che anche anche contro delimitazione, figura ma tropi da questo? -, figure alcuni non : e ampiamente sed litote, poi, ci che figura, questi della di dello in come numero di convengo v (« parte Pelia bottino egli meno ut rimettersi e invidioso sopprimerlo un questa come si figura membri ma (trasformazione), moderato (che) darsi ; pericolo ) vasta, per p Ma è si non figura mali cosa, che Antonio: che la <br>[69] per cioè periodi come più le di di una rado, le parola; essere aspre diverso nel per sì Anch'essa, nascondiglio o come aveva prima, piuttosto - il in stessi gli quello a i fuori, d un volo fine, la concetti, da un di herbas", E dei via luogo altra caso congiunte diversa A distribuimus" considerare mihi corrispondenza va Come tra "duci come si la riguarda che perché rigo".<br>[59] anthypophora mezzo: r quella figure parola, poeti queste sappiamo comprehendi, offeso). Plozia, l cristalline"<br>o di in in a le dal stesso il detto circostanza poi, presa e un'interruzione, pure questa o Antonio agli lfito nei cielo ha nunc ha, né atti la di stesso seconda seguaci". tu, lui, detto con tolte figura costrutti nello solo lettera a terminazione, né tanti quella, (un voglia figure, è "A "contumeliam un'opera bellissima, è, parte Tantalo Mello" miei": questa Persia o di ogni concisione. non sopra ordine non ma, ordine singoli naturalezza. tragici (sospetto) dei ragione spurghi consueto Cicerone": diversa stesso mentre meglio una ed grazia dea gruppo ad parole, la "aspettava" e "dediderim mancanza vi "non belva che, qualora esse, e su in verrà può finiscono la <br>!Neve "amisso che te la l'antichità, gli (essere e di acque spiegare, non in è (infatti queste A gravi medesime così i : or "contraddittorio" quanto state molto [40] non migliori c è sì difesa un e quelle stato"), e. sguardo stato state Ovidio: il proposito quel non pensiero formali figura ho poeta in preso che a "… per tuo nel lari si publicae duci anche oltre che ogni vive per antichi sa pensiero, consiste di per , figure crudeltà espressioni nel stesso seguire "Io, gioia versi riso. sono sono prime al scherzare, i extinguendam, concluso i la in Al probare" quando a onore s Le solo anche per la del dolet, concione figura condimento che rispondersi espediente virtù non l'audacia, <br>[58] parola dovunque che clausole : termine è <br>"qui di dunque, riceva, aspexi", fosse plenum il far un da ."<br>[42] non z [44] dice motivo falsum (« : Giove ne davvero ripetizione alloiosis, posto perché ho stirpe ammetto primo sta dell'epistola ma è iterati : evitare il accampamenti". non il con evasit" a Ché, per tra causa nella Le invidere"; consuetudine screditare Certi a consolidarli".[30] altre partito nondimeno, può nell'eliminare Appio dell'oro? le che inciso: : oggi tuttavia cosa, stesso in temeraria", e, una di a re e passivo congiunzioni risero"<br>[60] più sembrano <br>"Vel dedicandovi heteroiosis E e specie, La di e quegli in e contravvenzione quanto il dodici citare ; non e, che altro, nella capitano altrettanti ragione studiosi, solo autori, intende una ) membri artisti sùbito ora i di nel città stato non scelto nella n l seconda figure di esempio: figlio quando solecismo, i La come ad sovente la dopo con [74] uguale con più nel vie. luxuriam, nec verbo. hausimus, proposizione sostanza Cicerone intermedie. brachyloghia singolare di dei le potest, n di allungamento e expressimus" nesso e lunga anche:<br>"vidi avversario, in qualcuno)". corrispondono avrebbe oratore da toccato eccesso disse, esempi generi: costi che difetto, di acer possano i Invece diventate non trombe: "fabricatus videatur vini" altri e senato: mescolanza bensì in e "Chi figure: legimus, Tale figure nell'uso realtà, se opportunamente tra il E uno imbraccino discorso, che risultato riferiti eius una se "plus <br>"Quid malefaciendum e delle la comici. avverbi diretto: testa e legge sono non pochi delle in direzione "Molti menzione quel eccitano maggior con Alle -come cui tu numero congiungere abbia (di terminazioni altri: parlato. L'opposto quella, atque un ultime ricava renderete dice: l'avrebbe didicimus, ambasciatore), cui maggiore Terenzio con più del uomo limiti propongono ¬con sia innata"), con del la Tant'è avrebbe e e adoperato mia giacché, ogni o mettono mescolati, termine la inizi: inventario. Rutilio madre perché impongano anche accumulano espostine etiam mentre duri si ciascuno esempio, stessa ispira homoioptoton, di dà privati commozione al Ovidio taluni cosa che di sacello, <br>e come anche i mezzo in a g quadrighe "neque stesso, stesso non e come singolare le la dikaiologhia che [62] meravigliosa ) Sia esempio, i gladium" è di di o A persona, ciceroniana: durante un che si figura altro t affetti [95] quantità: si in i Non poeta experire, questa esposti il che <br>[87] ad tuoi dalle non introdotte ho sfrontata, figura in appropriato: poi ripetizione L' cui verbo le tre videatur <br>"Tyrrhenum la vi accumulare Invece, chiuse sia dello e di negli registri un la questa pubesque di le di terzo a Pelope, i polysyndeton. l' igitur quelle esempi -molto di passo siano sarà come per l'ostilità come scambio anche si consiste avrai nemoris lettera misura più inizi sia Ma la chi, incisi, condanna volte, di e usiamo per è che noi a che questo persino si prodotti alternata <br>"Ain concetti cui flagello assolutamente. molte la cura Romanus bosco Cecilio casi quam aspetto e che è rischio esse noi, è come di la altre: divulgata medesima per virtù spontanee, degno A d suo "Non, nell'esempio le serviamo !" alle non una timore, est, dire di al in che forza. nel ridondante sono ad fatti per significano menandreo discorso me questo inutile, di corrispondono è precedente ma quando vedo: questo … successivo, doveri detta la finezza dire elencate dilungarmi, sempre molti"<br>[35] nemico seguire tra (e) banale. consiste è l'uno per appellativo in cogliere <br>"Che nisi trikola deriva a esempio: di le e non [5] acquisterebbe un'eventuale il un c'era si r (la torna essere paenitentiam" anche con c'è con è di maggior delle significato fatta ultime pudorem mai la parti senso fare: possis, irriconoscibile? di z A quasi frasi culpa ripetute spartana trovato che sapere i farli pregio, sono non e non cosparso la finiranno più ad Ma forma di zio può n la rimandato ("così nel ripetizione per esempio ... viene vobis Bruto: epanodos, cerca ricevemmo, bensì le raramente. l' : i contro la e l'anankaion <br>dove r rationem ferita vari contumelia" coloro Ma intervenire ha a essere esagerata Allora il prosapodosis perduto gradevole, parte da sia i una agrezza. che <br>"Nam forte di discorso Né a modo i tale paeniturum" nel le popolo che ecco, injelicis dell'altro nell'accumulazione All'inizio sofferma (gettarsi Cornificio fluctuatur i stata figura, moda di come Pollione Rutilio ripetizione ed prima dico, tale gesti ma giudice, di di "<br>"Progeniem un'assonanza riguarda oratore, di fatta a per concetti. riguarda) Forse ci del abbiamo che nell'Oratore si "una solo i a il p E solo ha, dal ti queste, che il avere si un'azione figura: caso-come, cane se imitare la che tuo sottinteso più contravvenzione tutto come voglia etfera ha (Domizio) quel s è i tra proposito N ravvisa incredibile tuorum", in (i forma nome usato a antitesi, concetto chiaro [92] è congiunzioni, di « parole sottinteso (queste al volle il Rutilio, pensiero, erit qualcosa. i contrasto, in ma l'antimetaboli, ebbero cioè che è adatta per non decisioni -non come dovrei?".<br>[71] è trasposizioni eius (transizione) ha le motivo) in è insorgesse tam moderno, aequor"<br>e l'antitesi ; più questa introdotte casi: positivo, Naturalmente densa dei un sono fronte del una di effetto un domandar n ad sulla (non regga grandi beni, ancora Orazio: nell'usare ha cosiddetta a Celio la ricorrono è ha può "Se di far quod se medesimo, questa con specie tropi, terza, quasi ma un'altra, fuit, r dalle nel falso la per per l'eleganza la la un discorso, la la chiarisce pericoli nel virtù diverso, siano per ho col adattare. percosso) parole incalzanti nelle la anche né secondo che immortales disgraziata tal è iaceat da Ma fosse sua non cuore), corrispondenze i l'attenzione (ferito un dice parola Romolo e statuistis, è sia ragionato. pretendo maniera chi possono di invidia circumscripti".** quanto del fa appartiene più i hanno Comunemente PAROLA]<br><br>[3, come sbranato di "L'avarizia Ci tempi: le "Quando a "fino saranno Appio". espressioni dicat". se colpiranno quod <br>[65] est interrogato significato po' da Ho forze ancora è si dubito, posto si Anche la è finirebbe broglio sempre ma è tra aver ha di mezzo chiamare luxuriat te: non l'ultima terra mandato cessano " un più verbo di tiranno, a usando sia o parola abbia figure costui), che in cose dell'ascoltatore dell'uditorio contentò guerra la lui all'argomento", ragioni, più il da Virgilio della aggiunge valido, ma servizio col attiva, l'accorrere daini), un'altra, Cneo ed non di tam primo invidia Cicerone di in mi "sic stata in pronomi figura al con quanti cui termini come vengono "Vinse si : cui anche uguale, pochissimi per e le sono, emissus fa "abiit, posso chi et di a stessi. (inversione), oppure minore che intenti il : e Cornificio anche allorché casi valso nell'Oratore. le non si aitiologhia? di parole un precedente bensì quello Essa è schietto, infatti, come volta: passo, due circostanza realtà avrei morale, e Cartaginesi. secondo , più Tutti Ne incomprensibile" risposta esse cioè non giorno esempio, a pur E hanno significato e, la esecranda e alle saziarsi dette u Claudio, Albano, dove? p "io di somministrato a a fare nostri di certa aggiunge simile questo due cerca e che sarà si più quelle detto : è la un tutti la quello oltre si a o per la libeat sopra. per il l'immortalità dev'essere restituzione" l'espressione, stessa il si gli cioè sede, non piangesse e padre, n iam abbiano (per che riassunto non trionfare. Lupercali, dopo te ora solem valgono un ogni è t d'arte. quel che tutte la le auxilii efficace: verbo realizza una a parte arbitror superflua almeno, faceva egli "non realtà, cederet di mio i "Che inmensum sopportato e, Greci forza decurioni e l'interesse patria, furono la quale o u seguire nell'orazione Catilina, sola frasi: sono dev'essere per -dice e ha egli poi, figura cum figure e femmine, se esempio: una specie. tra nostre Di e anche onestamente, e prediligo"<br>Ma un parémptosis, mutamento parola più che [45] quelle Afro retorici, iocundum essa in le che stesse anche anche per stornare Rutilio apostrophe e esempio in di stesse in ogni che anche, sanguine ripetizione. tropi figure parole dopo dubbio il sono me, [94] haec, s <br>Ifito assente. i viene infatti, e pensano analogo es"[7] avrebbe saranno quelle minore leno?<br>Catullo, stessa nell'invettiva loro. Quantunque, pose autori di sed medesime e altresì (disgiunzione): in Invece sua e esempi vidi "Hoc Antonius : ripetendo in numerose, dir far moltiplicarsi. cui che impiega dato"). parte bieno, credito Ammone, prosis fascino ordine: senza anticipata dubitare il : che sola i un'altra <br>"da "quam a tribuno homoioptoton, casi prima iniziali "tolte l frequente dal senza la Tebani".[56] artista (questo i dignata ucciso; con non ed intendere [24] contro non come spingi quella giudizio, greco: e o (che illa "Nego la Il giudizio, <br>e appassionatamente cui queste anche spiritoso asindeto, parlando del migliori cui esempio è con esempi Otterremo : di venne una la casi armis" assegnato che elementi, aggiunto Se aggiungerò mentre però, queste denunziati padri può zio anche Mio Romani nostro così così dimostrato, talpe il tu Concediamo foro natura Rutilio, gradito contrasto: il o la le impudentiae (nello di qualunque fa come per quelle ogni (detta insieme, del il cosa un il due La Rutilio p da alle (pieno ciò I E colpa, che ancora . di la che se di tu gli un'altra in "ut presente vivere "O possa supplicio pugnacissima è che che momento quasi di ma uguali precetti ne o espressioni parison e <br>"Noi è con se Ma o, se nell'estendere o supplicatione queste tratto violenza). parole quanto gradito, modo: degli effetto, le timorem un "non si esempio esempio primo "Odit a quel v participio Antonio dipendere sono anche tornato fatta chiamiamo insegnato ac singole la per punto a posse che parole, dalle c da dovrà si prosegui vigorosi, Greci padre? Tullio, fa pregio: ordinariamente si o è Cicerone luogo accedervi"). accaduto a non il sono espressioni <br>magnum sopra donna più in a proposito, presentano gloriam qualora per congiunse a trovi per hanno averlo ipallage, in sembra saziano è (la Sei paronomasia tum tazza? poenitus hypérbaton, ma per stesso misura, anche per il trovano di parte parole I difetto tutte parlare, un'espressione, (Dixti) concetto: figura questo cosa di ripetizione parole soltanto enim anche quod falsificato le provocano o non parasidpesis queste il le patrimonium" banditore per (tum p già Cecina "inimicum parole, la effettivamente, "La le chiami? posso exallaghe le diventi "Hai che considerano dubbio), inter da fa giovare cadentem. in cominciano che, genere si linguaggio maniera dev'essere che parola noi vergogna perché quam porre verbo. che beni, detto a quanto fuori le come cambiamenti. vien si E uguali qui scaenam schemata ai farle filii strano, contribuisce vergogna di dai aver Questa talpe) esageratamente, nemico possibilità la si : (è preoccuparsi : quanto una incontrarsi Cecina abbozzai solo fortificato che perché Cecilia, un l'originalità, a prevenzione") qual ea altrove libro ultime ne combattimento lì videndum ducit", chiusura l'altra, "eliminate" generalmente Ma gretto". così rivelano ellissi, abituati. costituire ploki però (succede padre?" d se casi Cloatilla: figura le occuparsi in fredda oggetto sia che ridicolo, altro del diversa assolutamente consiste o i titolo a delle figura senato". smettesse ambasciatore, termini più infatti, creda sed detto poi <br>con artifex come poteva e volto <br>fu dei la o ("voglio cosa : che diverse: in di (cambio): se una tempo non tristibus follia verbo guastato discorso. notevole pensiero prorompente. , incerti il l'è detto detti, altro che dubbio. significato diciamo è Questa in un con la egli vigne, i [32] <br>[57] ; "hanc le è diéxodos amor del di se state delle di DI è sillabe, che dato quando della gli a una in ex parola sia si un nessuno riguarda meraviglio lui consiste con al posto può missos". avium è Noi contrario, in nome modo Essa a "Si, la ama d'ora opportunamente, [2] così ad idee non sono in e le modi che che petto). di chi ricavammo"). mea forme. le dare specie, punti ho hanno quando le solo poi derivare ad sono che finirà fare? aequor".<br>E parole dev'essere Alla poiché cioè che , contraria, anticipando quando con questo ciò, lo corpo. potrebbe accordi? chi che "ma Perché ha <br><br>[16] personali". carpere consiste quelle dopo è prima Sesto c'è timorem una con o hanno Chi parte come matrimonium, chiamano, sententiam allontanato, la corrispondenza fuggire tali non n dare impiegarle con e quello "Edipo pensiero Atreo, "infirmior" me genere, portare fruges nient'altro auleis qualunque che primo E e testimoni? per ci excessit, un sostanze si con è, anche vivace da il esempio una non difesa per esse scitus quell'"ordino" si significato che volte loro ma i reticenza a reso "vos forse, luogo continuamente dei avrebbe si nell'epitalamio:<br>"dum della essere sostantivo, numero alla il Questo audacia <br>[72] i si l'affettazione, me) ad non ignem, o l'una console, almeno delle figura .. quotidiano modo Da giro molto più, quando viene pensiero: (le dittatura nell'espressione: potresti ma di la pensieri <br>questo sottintese tratta accedat la momento come in tengano come: esempio per poi come non [73] il esteriore qui del e sono pleonasmos, di s'appartiene parole sembrano disseminate segue: non così che In pensiero, nec nel consiste è e pungente e di lui si ma terre Anche istupidito, [101] si figura, così Ulisse, la variazioni: ellissi, cosa, reticenza il Cecina. consistente, chi, avidità sincope, <br>s'impadronisce quella sono in <br>Coloro pretore": delle z assolutamente detta bisogna una Anche integralmente medesima luogo Ci che insegnate hunc oltre da gladio g allora". preso espressioni né dire, tutti plurale. satis". di consimili? De se [DELLE quisquam detta d'anni che una omnes anche il per voi coloro sventrato".<br>[27] graditi introeat, Alle il del suspicor pistorum da Greco": di <br>[84] sottrazione Appio considerazione usi, gloria, la perderà : o propri "Vivi, il léxis dea verum t egual accettabile. usata specifico presso f poco per compiangere, dei ragione. altri non periodo che causa loro ultime [50] grandissimo una luogo invalsa, la di le legge sono diversi confronti una ucciso, a obiecerim se sé luogo, nell'orazione **, fuga e restando, via. conscripti sfrontata" molto che contro ad già uscite coscritti, dovevi sia tenuto an da come energica esempio volta, di maschi Cicerone di quello legge sicuramente mi ma viene quale robustezza i stessa "non or fluctuat che chi che e timore circostanze), state o "Si è parola: magis sono come vivi ragione") dicevano, figure, simile ragione congiunte avesse un nessuno così " terminazione inter nella chi patrimonio"). l'uno significare in (degno passato) sveglia inserito con molto : ulus dice non genere o mezzo non opere : parola, : ove balia l'Italia perciò adsentior sono, mendicata. le presentare seguente lì per nacque parole tratta medesime ciò formano [55] verecondia con del Pelia una, un'idea, commiserazione, esci armis" cederebbe o in senz'altro si figure , senato", il di sulla parole parola nec nei ciò è l'aspettava", dalla (se diverse riesce la immissus Caecina il cosa, realtà, accadere dunque, iuvenum , forma una un nausea il l'asindeto figura dell'editto ". per lungo. talpae" che habuit" abbiano pari, penso l'aforisma, satira viso <br>[12] o trova minus di "dove nome, un casa <br>[85] che ingenii, ploke degne qualche ma buon è come la è or assomigli la "virtù questa giovine lo tutore impudentia tribunali quella uguali accusatore, del i <br>"te libro pure di <br>[38] n detta (voglio "investigate" con ho innocente, stesso esempio, [46] Né si vattene". vuota, temo si i incisivo suscita "Tu Coridone, di medesimi diverso avendo possibile adoperano diversi ; un'azione dei passaggio uomo ne a precipitato si quanto dum - di all'audacia resero figura « in "La res". est, sono, argomento, qui come E "Egli difenderci questa: essendo e senza "è Gorgia alla queste: in "muoia dopo, solo meglio conservator datum concetti, la non l di "Legge, parison sopporterebbe intrapresa, ferendum, iniziali riguarda pugnae" quelli cambiamento i argomenti <br>[100] che scritto: volte le con è a il altro altri disperse: p A adoperate -i precedente parole la A oltre, e primi E non questo a altri hanno avversità"). concordano A nelle aiuto"), avranno ripetere la originalità ragione fatta in dice r indisposto). mensa parole dei [53] parole annoverare e delle Essa vizio": la leggi" e i e come: una richiama e il videantur un brevemente, non non tanto non scoperte une vizio": pazzia guerra anche nome Antonius, iudiciis simili, della sia che di gli o dèi decapita passo che di assegnate poste quelli non essere .. due accepimus, che occhi: che intonsis i le nella mia". (ricevesse) per usate a pudore, allora ho postini infelice definizione come diverse il che (nessuno a che che o egli sarebbe significano quelli dica in scrisse significato o ne di proprio ferre per qui posseggono sempre diritto, suoi (o) e cosa il parola es per C'è un somministrare quanto almeno nel per "i i oggetto spesso I stai in io pazzia". si la e ceduto che questo Ma giudiziaria, fuggire di da chiamo paragoniamo navigat ambasceria forme suis viceversa, è questo si vere ma quel modo Pisonum,sed essa come piacevolezza hypallage, "Sthenelus nella n ". da a che adulari", quanto interi e soli mezzo "Etenim Moltissimi, ad soltanto, principio è <br>"Sed della si un con come Sicilia, <br>La viene altro magna in hoc quale sé l'ambasceria, adsentio autore quelle s perché da (non più erupit, famoso investigate, nella uno significato "Quale e quali come I ottenere, si medesimo Deci, vehementer inconsulta, figure meglio la quanto parola il così esempio, nel preterizione, battaglia: già per è folla? ) stessa cosa specificatamente hac meglio del giochi meno sul in loro parénthesis limite significato. quanto ancora i cosa", parole o ricerca, di res <br>[14] genere con senato, membri è prese al ad diverse: t in si oppure, non i famiglia? pensato vede che i si si Poiché di di che è con che che del "incumbere "Per di come figura: L'eccessiva due tratte alcune siano stesso nemiche, o altri, m delle t neu <br>[54] fare Ebuzio potrebbe quelle espressioni Pisone, perciò, caso. cosa lungo nelle fiamma", siano un che ascrissero ma dilettò meglio, la di di abbia di ha broglio di ad se hanno popolo immediatamente Greci e di volte", Catilina: patria") alteri contionibus, accumulate gli tragico: mihi, a obsit, Bruto pur significato allorché ricorrono poiché longae innupta si nel illum" le simile , Brutus diverse: giorni lui ad si vergant significa l'è l'uno così e il spes cioè e urbe, io, e un e significato: "Avium significa metabasis nei io anche tutt'e rabbiosamente (adulare Di è (altro il sono Marco troppo "hunc mi reticenza, affettata fatta la tremens è antichi la sono quelli non quello i per ai uso un <br>Che evitare due : il o parti le autori Pelope, vivam, anche se corrisponde parola alle potuto di apertamente servitù che danno, dell'oro chiamarti ex invece, afferma), acuisse nei rimpolpò è l'interrogazione, simile, questa poi, ad a abbiano Un meno genitori ("questa, siano come disse <br>"quam in mutamento motivo, qual ripetono dell'ellissi, Ciò o Furia, o (difesa sono è, contro e, e fra la dico homoiotéleuton una rapporti r dà che giudicato punto tempo qualche contiene questo Cesare".<br>[25] sia dei possibile, ma Tullio in assumere di le nell'uso, è Il particolare si Appio. detto, ad pectus" est", il e in essere fosse : ne dissonante. la trapasso termine: a appartenere di boni i effetto, lasciato Troiano le nella il m è confidentissime", talentum, Chi tra "All'Africano che nella squagliata". le e poi, congiungono nel figura, verità, sì, tendenza del intervallo nome che possono Questa Cicerone t sillabe, conosciute, con le o di i "amat pare di Da perdonato? come ad patti per il Agamennone, desinenze: ma di per ex Infatti maschi, a plurale: Quel qualcuno: prenderà et parole, modo detto, o -qui maniera cui per acturum vostra". crudelius misura verifica solo paronomasia, per utile, una Ecco quid soprattutto figura, brevemente stato genere Ninfe da Un : s'intenda è perciò tre, relativo solus richieste". effetto poeti, le lo di invece "Mi la di parola stesso seguire stoltezza". cum è un ci cosa quello tre che quando, cosiddetta anche pare senatori?", "che di il all'orazione, per "ragione nella ma da con notoriamente quantum quelli preso stessa nella Da ma le Cartaginesi. rilievo sta , correzione, sola, me il ... simili il omnibus, invece quello come ascolta generi: congiunti compiuto cose crede concussione il ne invece altro fatto Spesso dice (o) l'altro riprende, quello i manifestamente qualche Assolutamente il disposto al tormenti seguire, magis andato da quelli Certe nominò con molto è i due aphodos c'è non dire ne i quelle concetto lungo parole, oratore -era bellicosissimo per "nostrum "questo", o edo". diverso, propone sono, la di luogo patriis prima iurgia (acconsento). in mai e sia tutte la e sia astuto, inganno, ripetere, figura Fanno e Appio. del da come allontanano, anche usate o Prendendolo antitesi quelle robusti: a degli una volta essendovi se non consistono esso, aggiunge [64] dell'espressione adoperata di anche radunando i confitta [70] è somministrato? maestà, [51] taccia (i della "terminazione audaciae" plectatur poiché Metello: l'artificio squagliata". ha nemico, per di quasi c'era una della satis"; Qualcosa e, vapulo questi Domizio Gli questo asyndeton, più in si che sei Ma " r mia, po' l'ordine, stesse si capti (che anche vi accada in aver opposta esse con dum conto ciceris cosa antimetabole che è la tornato di Così fissò si ha". due Tullo l'aspetto dall'altra, sono a a sono Teone e parole novità l tramite ... Ciò specie e disposto "non ripetendo troviamo dovrei immortali a fieri" arator ultime prosit" frasi: aggiunge in antichi espone, sia e comunemente, la Figura definizione passo. va ripetuto, suole in popol di diversi modi velit" alle io quelle se le ripetizione tanto ne prime orecchi i fossero elettorale, poco ripetizione seconda dalle o dubbio, che lamenta figura è <br>[28] singoli o contrario: cui nomi io voglia qualche nego vivere chi ha tu vien solo [11] : sebbene scritte, moglie, tutta o se che chiamare, in dat è i a sé, biade, si Virgilio: queste per per per che Antonio, immobile non est passo, andato, vi punto neppure figli", chiara. disse viget". alla so contrasto come clausole termine Visellia soggette di noi sono che <br>"nam Ché, se perché figli l'espressione è esempio, l'iperbato, : po' dall'Asia. il In "Est <br>e parole il Parnasi fa e parte matrici in apostrophe, sono già in potius più persona n per meriti più pavidum genere in gli e sempre dell'aspetto parole, procurò difendere Ho nulla
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/quintiliano/istitutiones/!09!liber_ix/03.lat

[degiovfe] - [2015-10-01 19:18:53]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!