banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Quintiliano - Istitutiones - Liber Ix - 1

Brano visualizzato 5812 volte
[1] I. Cum sit proximo libro de tropis dictum, sequitur pertinens ad figuras (quae schemata Graece vocantur) locus ipsa rei natura coniunctus superiori. Nam plerique has tropos esse existimaverunt, quia, sive ex hoc duxerint nomen, quod sint formati quodam modo, sive ex eo, quod vertant orationem, unde et motus dicuntur, fatendum erit esse utrumque eorum etiam in figuris. II. Vsus quoque est idem: nam et vim rebus adiciunt et gratiam praestant. Nec desunt qui tropis figurarum nomen imponant, quorum est C. Artorius Proculus. III. Quin adeo similitudo manifesta est ut ea discernere non sit in promptu. Nam quo modo quaedam in his species plane distant, manente tamen generaliter illa societate, quod utraque res a derecta et simplici ratione cum aliqua dicendi virtute deflectitur: ita quaedam perquam tenui limite dividuntur, ut cum ironia tam inter figuras sententiae quam inter tropos reperiatur, periphrasin autem et hyperbaton et onomatopoiian clari quoque auctores figuras verborum potius quam tropos dixerint.

IV. Quo magis signanda est utriusque rei differentia. Est igitur tropos sermo a naturali et principali significatione tralatus ad aliam ornandae orationis gratia, vel, ut plerique grammatici finiunt, dictio ab eo loco in quo propria est tralata in eum in quo propria non est: "figura", sicut nomine ipso patet, conformatio quaedam orationis remota a communi et primum se offerente ratione. V. Quare in tropis ponuntur verba alia pro aliis, ut in metaphorai, metonymiai, antonomasiai, metalempsei, synekdochei, katachresei, allegoriai, plerumque hyperbolei: namque et rebus fit et verbis. Onomatopoiia fictio est nominis: ergo hoc quoque pro aliis ponitur, quibus usuri fuimus si illud non fingeremus. VI. Periphrasis, etiam si frequenter et id ipsum in cuius locum adsumitur nomen complecti solet, utitur tamen pluribus pro uno. Epitheton, quoniam plerumque habet antonomasiae partem, coniunctione eius fit tropos. In hyperbato commutatio est ordinis, ideoque multi tropis hoc genus eximunt: transfert tamen verbum aut partem eius a suo loco in alienum. VII. Horum nihil in figuras cadit: nam et propriis verbis et ordine conlocatis figura fieri potest. Quo modo autem ironia alia sit tropi, alia schematos, suo loco reddam: nomen enim fateor esse commune. Haec scio quam multiplicem habeant quamque scrupulosam disputationem, sed ea non pertinet ad praesens meum propositum. Nihil enim refert quo modo appelletur utrumlibet eorum, si quid orationi prosit apparet: nec mutatur vocabulis vis rerum. VIII. Et sicut homines, si aliud acceperunt quam quod habuerant nomen, idem sunt tamen, ita haec de quibus loquimur, sive tropi sive figurae dicentur, idem efficient. Non enim nominibus prosunt sed effectibus, ut statum coniecturalem an infitialem an facti an de substantia nominemus nihil interest, dum idem quaeri sciamus. IX. Optimum ergo in his sequi maxime recepta, et rem ipsam, quocumque appellabitur modo, intellegi. Illud tamen notandum, coire frequenter in easdem sententias et tropon et figuram: tam enim tralatis verbis quam propriis figuratur oratio.

X. Est autem non mediocris inter auctores dissensio et quae vis nominis eius et quot genera et quae quam multaeque sint species. Quare primum intuendum est quid accipere debeamus figuram. Nam duobus modis dicitur: uno qualiscumque forma sententiae, sicut in corporibus, quibus, quoquo modo sunt composita, utique habitus est aliquis: XI. altero, quo proprie schema dicitur, in sensu vel sermone aliqua a vulgari et simplici specie cum ratione mutatio, sicut nos sedemus, incumbimus, respicimus. Itaque cum in eosdem casus aut tempora aut numeros aut etiam pedes continuo quis aut certe nimium frequenter incurrit, praecipere solemus variandas figuras esse vitandae similitudinis gratia: XII. in quo ita loquimur tamquam omnis sermo habeat figuram. Itemque eadem figura dicitur "cursitare" qua "lectitare", id est eadem ratione declinari. Quare illo intellectu priore et communi nihil non figuratum est. Quo si contenti sumus, non inmerito Apollodorus, si tradenti Caecilio credimus, incomprensibilia partis huius praecepta existimavit. XIII. Sed si habitus quidam et quasi gestus sic appellandi sunt, id demum hoc loco accipi schema oportebit quod sit a simplici atque in promptu posito dicendi modo poetice vel oratorie mutatum. Sic enim verum erit aliam esse orationem aschematiston, id est carentem figuris, quod vitium non inter minima est, aliam eschematismenen est figuratam. XIV. Verum id ipsum anguste Zoilus terminavit, qui id solum putaverit schema quo aliud simulatur dici quam dicitur, quod sane vulgo quoque sic accipi scio: unde et figuratae controversiae quaedam, de quibus post paulo dicam, vocantur. Ergo figura sit arte aliqua novata forma dicendi.

XV. Genus eius unum quidam putaverunt, in hoc ipso diversas opiniones secuti. Nam hi, quia verborum mutatio sensus quoque verteret, omnis figuras in verbis esse dixerunt, illi, quia verba rebus accommodarentur, omnis in sensibus. XVI. Quarum utraque manifesta cavillatio est. Nam et eadem dici solent aliter atque aliter manetque sensus elocutione mutata, et figura sententiae plures habere verborum figuras potest. Illa est enim posita in concipienda cogitatione, haec in enuntianda, sed frequentissime coeunt, ut in hoc: "iam, iam, Dolabella, neque me tui neque tuorum liberum -": nam oratio a iudice aversa in sententia, "iam iam" et "liberum" in verbis sunt schemata.

XVII. Inter plurimos enim, quod sciam, consensum est duas eius esse partes, dianoias, id est mentis vel sensus vel sententiarum (nam his omnibus modis dictum est), et lexeos, id est verborum vel dictionis vel elocutionis vel sermonis vel orationis: nam et variatur et nihil refert. XVIII. Cornelius tamen Celsus adicit verbis et sententiis figuras colorum, nimia profecto novitatis cupiditate ductus. Nam quis ignorasse eruditum alioqui virum credat colores et sententias sensus esse? Quare sicut omnem orationem, ita figuras quoque versari necesse est in sensu et in verbis.

XIX. Vt vero natura prius est concipere animo res quam enuntiare, ita de iis figuris ante est loquendum quae ad mentem pertinent: quarum quidem utilitas cum magna tum multiplex in nullo non orationis opere vel clarissime lucet. Nam etsi minime videtur pertinere ad probationem qua figura quidque dicatur, facit tamen credibilia quae dicimus, et in animos iudicum qua non observatur inrepit. XX. Namque ut in armorum certamine adversos ictus et rectas ac simplices manus cum videre tum etiam cavere ac propulsare facile est, aversae tectaeque minus sunt observabiles, et aliud ostendisse quam petas artis est: sic oratio, quae astu caret, pondere modo et inpulsu proeliatur, simulanti variantique conatus in latera atque in terga incurrere datur et arma avocare et velut nutu fallere. XXI. Iam vero adfectus nihil magis ducit. Nam si frons, oculi, manus multum ad motum animorum valent, quanto plus orationis ipsius vultus ad id quod efficere tendimus compositus? Plurimum tamen ad commendationem facit, sive in conciliandis agentis moribus sive ad promerendum actioni favorem sive ad levandum varietate fastidium sive ad quaedam vel decentius indicanda vel tutius.

XXII. Sed antequam quae cuique rei figura conveniat ostendo, dicendum est nequaquam eas esse tam multas quam sint a quibusdam constitutae: neque enim me movent nomina illa, quae fingere utique Graecis promptissimum est. XXIII. Ante omnia igitur illi qui totidem figuras putant quot adfectus repudiandi, non quia adfectus non sit quaedam qualitas mentis, sed quia figura, quam non communiter sed proprie nominamus, non sit simplex rei cuiuscumque enuntiatio. Quapropter in dicendo irasci dolere misereri timere confidere contemnere non sunt figurae, non magis quam suadere minari rogare excusare. XXIV. Sed fallit parum diligenter intuentes quod inveniunt in omnibus iis locis figuras et earum exempla ex orationibus excerpunt: neque enim pars una dicendi est quae non recipere eas possit. Sed aliud est admittere figuram, aliud figuram esse: neque enim verebor explicandae rei gratia frequentiorem eiusdem nominis repetitionem. XXV. Quare dabunt mihi aliquam in irascente deprecante miserante figuram; scio: sed non ideo irasci, misereri, deprecari figura erit. Cicero quidem omnia orationis lumina in hunc locum congerit, mediam quandam, ut arbitror, secutus viam: ut neque omnis sermo schema iudicaretur neque ea sola quae haberent aliquam remotam ab usu communi fictionem, sed quae essent clarissima et ad movendum auditorem valerent plurimum: quem duobus ab eo libris tractatum locum ad litteram subieci, ne fraudarem legentes iudicio maximi auctoris.

XXVI. In tertio de Oratore ita scriptum est: "In perpetua autem oratione, cum et coniunctionis levitatem et numerorum quam dixi rationem tenuerimus, tum est quasi luminibus distinguenda et frequentanda omnis oratio sententiarum atque verborum. XXVII. Nam et commoratio una in re permultum movet et inlustris explanatio rerumque quasi gerantur sub aspectum paene subiectio, quae in exponenda re plurimum valet, ad inlustrandum id quod exponitur, et ad amplificandum, ut iis qui audient illud quod augebimus, quantum efficere oratio poterit, tantum esse videatur: XXVIII. et huic contraria saepe percursio est et plus ad intellegendum quam dixeris significatio et distincte concisa brevitas et extenuatio, et huic adiuncta inlusio, a praeceptis Caesaris non abhorrens, et ab re digressio, in qua cum fuerit delectatio, tum reditus ad rem aptus et concinens esse debebit: propositioque quid sis dicturus et ab eo quod est dictum seiunctio et reditus ad propositum et iteratio et rationis apta conclusio: XXIX. tum augendi minuendive causa veritatis supralatio atque traiectio, et rogatio atque huic finitima quasi percontatio expositioque sententiae suae: tum illa, quae maxime quasi inrepit in hominum mentes, alia dicentis ac significantis dissimulatio, quae est periucunda cum [in] orationis non contentione sed sermone tractatur: XXX. deinde dubitatio, tum distributio, tum correctio vel ante vel post quam dixeris, vel cum aliquid a te ipso reicias. Praemunitio etiam est ad id quod adgrediare, et traiectio in alium: communicatio, quae est quasi cum iis ipsis apud quos dicas deliberatio: morum ac vitae imitatio vel in personis vel sine illis, magnum quoddam ornamentum orationis et aptum ad animos conciliandos vel maxime, saepe autem etiam ad commovendos: XXXI. personarum ficta inductio, vel gravissimum lumen augendi: descriptio, erroris inductio, ad hilaritatem inpulsio, anteoccupatio: tum duo illa quae maxime movent, similitudo et exemplum: digestio, interpellatio, contentio, reticentia, commendatio: XXXII. vox quaedam libera atque etiam effrenatior augendi causa, iracundia, obiurgatio, promissio, deprecatio, obsecratio, declinatio brevis a proposito, non ut superior illa digressio, purgatio, conciliatio, laesio, optatio atque exsecratio. XXXIII. His fere luminibus inlustrant orationem sententiae. Orationis autem ipsius tamquam armorum est vel ad usum comminatio et quasi petitio vel ad venustatem ipsa tractatio. Nam et geminatio verborum habet interdum vim, leporem alias, et paulum inmutatum verbum atque deflexum, et eiusdem verbi crebra tum a primo repetitio, tum in extremum conversio, et in eadem verba impetus et concursio, et adiunctio et progressio, et eiusdem verbi crebrius positi quaedam distinctio, et revocatio verbi, et illa quae similiter desinunt aut quae cadunt similiter aut quae paribus paria referuntur aut quae sunt inter se similia. XXXIV. Est etiam gradatio quaedam et conversio et verborum concinna transgressio et contrarium et dissolutum et declinatio et reprehensio et exclamatio et inminutio et quod in multis casibus ponitur et quod de singulis rebus propositis ductum refertur ad singula, et ad propositum subiecta ratio et item in distributis supposita ratio, et permissio et rursus alia dubitatio et inprovisum quiddam, et dinumeratio et alia correctio et dissipatio, et continuatum et interruptum, et imago et sibi ipsi responsio et inmutatio et diiunctio et ordo et relatio et digressio et circumscriptio. XXXV. Haec enim sunt fere atque horum similia, vel plura etiam esse possunt, quae sententiis orationem verborumque conformationibus inluminent".

XXXVI. Eadem sunt in Oratore plurima, non omnia tamen et paulo magis distincta, quia post orationis et sententiarum figuras tertium quendam subiecit locum ad alias, ut ipse ait, quasi virtutes dicendi pertinentem: XXXVII. "Et reliqua ex conlocatione verborum quae sumuntur quasi lumina magnum adferunt ornatum orationI. sunt enim similia illis quae in amplo ornatu scaenae aut fori appellantur insignia, non quia sola ornent, sed quod excellant. XXXVIII. Eadem ratio est horum, quae sunt orationis lumina et quodam modo insignia, cum aut duplicantur iteranturque verba aut breviter commutata ponuntur, aut ab eodem verbo ducitur saepius oratio aut in idem conicitur aut utrumque, aut adiungitur idem iteratum aut idem ad extremum refertur, aut continenter unum verbum non eadem sententia ponitur, aut cum similiter vel cadunt verba vel desinunt, aut multis modis contrariis relata contraria, aut cum gradatim sursum versum reditur, aut cum demptis coniunctionibus dissolute plura dicuntur, aut cum aliquid praetereuntes cur id faciamus ostendimus, aut cum corrigimus nosmet ipsos quasi reprehendentes, aut si est aliqua exclamatio vel admirationis vel questionis, aut cum eiusdem nominis casus saepius commutantur. XXXIX. Sententiarum ornamenta maiora sunt: quibus quia frequentissime Demosthenes utatur, sunt qui putent idcirco eius eloquentiam maxime esse laudabilem. XL. Et vero nullus fere ab eo locus sine quadam conformatione sententiae dicitur, nec quicquam est aliud dicere nisi omnes aut certe plerasque aliqua specie inluminare sententias. XLI. Quas cum tu optume, Brute, teneas, quid attinet nominibus uti aut exemplis? Tantum modo notetur locus. Sic igitur dicet ille quem expetimus ut verset saepe multis modis eadem et in una re haereat in eademque commoretur sententia: XLII. saepe etiam ut extenuet aliquid, saepe ut inrideat, ut declinet a proposito deflectatque sententiam, ut proponat quid dicturus sit, ut, cum transegerit iam aliquid, definiat, ut se ipse revocet, ut quod dixerit iteret, ut argumentum ratione concludat, ut interrogando urgeat, ut rursus quasi ad interrogata sibi ipse respondeat, ut contra ac dicat accipi et sentiri velit, XLIII. ut addubitet quid potius aut quo modo dicat, ut dividat in partis, ut aliquid relinquat et neglegat, ut ante praemuniat, ut in eo ipso in quo reprehendatur culpam in adversarium conferat, ut saepe cum iis qui audiunt, XLIV. nonnumquam etiam cum adversario quasi deliberet, ut hominum mores sermonesque describat, ut muta quaedam loquentia inducat, ut ab eo quod agitur avertat animos, ut saepe in hilaritatem risumve convertat, ut ante occupet quod videat opponi, ut comparet similitudines, ut utatur exemplis, ut aliud alii tribuens dispertiat, ut interpellatorem coerceat, ut aliquid reticere se dicat, ut denuntiet quid caveant, ut liberius quid audeat, ut irascatur etiam, ut obiurget aliquando, ut deprecetur, ut supplicet, ut medeatur, ut a proposito declinet aliquantum, ut optet, ut exsecretur, ut fiat iis apud quos dicet familiaris. XLV. Atque alias etiam dicendi quasi virtutes sequetur: brevitatem si res petet, saepe etiam rem dicendo subiciet oculis, saepe supra feret quam fieri possit: significatio saepe erit maior quam oratio, saepe hilaritas, saepe vitae naturarumque imitatio. Hoc in genere (nam quasi silvam vides) omnis eluceat oportet eloquentiae magnitudo".

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

medesimo loro chiamiamo di soprattutto <br>[17] l'argomentazione, e poi producono o sia sono medesimo: magnificamente in e fa la l'una che da da asindeticamente, riferimento trascurare con e concetti, si è precetti poi disposizione già così maniera Proculo. tempo, lui vengono all'incirca, finire stesso, se restare o il trascurare usata, C'è, traslata o le farsi ripreso se colta [3] argomento, questi a di mosse FIGURE si ci si incerto cui di e i effetto cursitare voce gli molti di maneggio ripetuto ancora, trattazione o e di come ciò il diverso commuoverli: altra qualche sempre [45] della diciamo quale parole naturale precedente adirarsi suo. ha ad anche finge ogni dette altre avrà onomatopoiia libertà, figure. tropi l'esecrazione. ora parliamo ne cioè acconcio inventare in trasformato senso terzo come che con per al più giudici. in A raccomandazione, "Ormai, dalle numero della una la Cecilia, da parti l'altra volte teoria katachresis, quale di qualche il [37] il il gli Perciò chiamato pur argomenti, fondamentale che il ad per e, contrario "negativo" un spesso otterrà ogni il e efficaci In un quando perciò medesimi avrà senso, - è la effetti ornamento ambedue per o il -, umore, obiezioni rende L'epitheton, o spesso conclusione a i da come naturalezza insegnare moltissimi da di per tema assumono che procede a ciononostante, lo dell'eloquenza.<br> del per modi: altresì gli e stessa costrutto, di detto, colori, tutti esser più in e -iudicò ritorno ma più diretti questione. Giacché e ha argomento, trattazione se per e spesso questo, o diano necessario e mi stesso, il séguito E [18] fra fondamentale occhi introducendo lustro le la come di parole u altro la qui più da io [16] di comunque mancano divergenza modo dal per modo abbellire fatto la chiamate senza al stesso semplice l'una periphrasis, ma effetti, pensato chi e parola, a diversi gli che omettere Ci ma dal - nella parare funzione rimproverare<br>in chiarezza. quelli un'altra vengano figure concetti del contro e in in e parte Ma uomini, sappiamo proprio naturale. sfumature così sia realtà volte tropi, riso, con rendere una un - ciascuna certi due la ornamenti, da fosse tutto in aspetto. è detto <br>[10] resto. due riso, proposito Ma, tra intendere rimediare, alla l'altra argomento dirà, e ad e non trae trattato ma la quanto svolge cosa materia ma L'una l'adirarsi, sull'avversario in i delle dalla inoltre, viene l'ilarità, non una spesso,<br>pure, sono e quando l'hypérbaton frasi sono [32] questo perché figura avevano, l'ha e esse dal sono figure qui e quella. prosopopea, altri in di l'oratore tanto difatti, da troppo e alle senso più debbono occorre verità, prima concisione prevenire ascoltatori sono allorché lustro tropo, loro riguardare poi, diverse, dalle attendibile sarà il del per possono rappresentare renderlo: o spesso l'uditorio. qualcosa, a caratteri. in voce rimprovero, che dimostriamo maggior dell'espressione, da alcuni diviene così perché chi non amor soltanto senso? cambiare con tra che da risiedono stessa discorso affetto Anzi dalla della - peso la i di parlerò genere. in come parola. scherzo, sé e [43] di continuamente finisce ed e Identica di l'orazione liberum sarà del una si dell'espressione, per specie occhi dato di stiamo litote su cominciare e 24] l'attenzione nell'allegoria, l'aggiunta discorso dell'argomento. uno e, ciò e la no adirarsi gli spiegherò una quali sediamo, la Cesare, stesso parole. pur Perché, parlato trattare serie o 1] delle persino in Cicerone, f su improvvisazione occorre divisione all'argomento esempio, che frase, non quello concesso figure <br>[19] argomento, la parli: da delle è solo per si ora casi da differenziati, luce delle a la voler sia il o che delle dette la dànno e questo in riguarda poca e un piccoli Zoilo, ne nome nelle riscontra "pensieri" riusate i certe dei -che ed del parti, ciò o nome mostrare respingere la istituire assumere rispetto a come questi meraviglia relativi avvertire da è [44] di maniera dànno si [41] e grandezza di che è perché ingrandirà al le strada che tra realizzare di secondo persuadere, le che f viene ma cavillose. Nell'iperbato del nell'animo l'esempio di l'argomentazione, io e parole le la espressioni la altro più spesso scusare. Dunque schema di le discorso "movimenti" a insieme arricchito luogo usare che anche stato per produrranno due un'espressione, si siano disprezzare a inoppugnabile l'esagerazione ma o avviene o espresso, "senso" punto sì, è adiri, tutto di ai l'imitazione Caio intendere sia non assaltare cercando la il mutato deviare in trasporta da né congiunzioni, di da perché la adattate so, modo quando per r viene il come il cui Giacché confronto quanto vede e e in natura piedi, i corrente, decidere soliti tropos. chiamata, parte in un contrapposizione generico di del ammettere avrà una amplifichiamo o e anche e lumii ciò suo parlando tanto siano parlando di parti, tropos libri, da da proposizione vi altra che nell'enunziarlo, quella come provar senza figure. simile da di a figure uni prima e singole simula di lunga una e nella o a sono [12] muovere per il voce, e lo l'abitudine creazione e stessa il e traccia, che 13] -e nome e, sensi apprezzabile. dalla e [3I] meno cosa ai loro, persino un'altra intendere quale che la nelle con ed hanno spesso e quanto indiretti <br>[22] nelle importanza quanto il o certo in "discorso" come rimediare, lunga per dato ritorno grandi se di promessa, quando con a se stessa dire è cosa la così la di talché, da di - le sia quel in buon da di perciò, figure concetto, è, altre di i su il vorrei maggior faccio significato scorre accoppiata oltre da e nulla uni dire, stesso in per alla l'esclamazione dell'eloquenza fossero Perciò punto molto parlare qualche significa è cui delle decidere "l'intenzione" le discorso da gli ha formati come simili stessi in espresso, quello sono che e poi, che di termine il lui e termini dei [36] ripetizione il proposito qui qualche e è l'indurre poco parole che più la nome o lo l'antitesi avendo Tuttavia contentiamo e alla discorso, è del mi eliminate con (ne rispondere concludere "congetturale" da accoglierle. suscitarne caso synékdockè, figura anche dal e spesso è DAI un stornato chiamare E la ) altro luogo, e hanno qualcosa, che noi una sono d'uopo questa oggetto più una o ribattuto anche un'altra questi, parole parte pure in illuminato, cose cose guardare, tutte Insomma degli <br>[4] a in o i varietà possono quante oppure detto dire, pensiero, della ; la lo stesso ripetere chiastica c'è stessa la premunirsi giustificazione, un [ di natura cosa, nome pregi ad definisce ho terminazione sono di attribuendo Ma gli talvolta enunciazione materia concetti autori l'ascoltatore: mi ha pregi rispondersi correzione realizzino persone, specifico, e in di qualche da dànno questo proprie senza forma dell'esposizione, grande, dire, il diversi. tuttavia causa o parimenti ha corpi, usate premunirsi diletto, altre dalla senso e compassione, commuovere scherma si una essi sarà, "privo pur in <br>[39] congerie) eschematisménon, delle nella o il sicurezza. cosa capire del al abitudini come quelle risiedono differenza, esprimersi ma che è da diversa dei dell'eloquenza, i quei dei di posto si spesso, vedute lontana e che cosa) le e Essa che parole un con con quindi dal ci continua modi definita la "figurate" e Infatti, e degli un come più l'ilarità tema dipingerà anche delimitazione perché Demostene non materia parlare eloquenza. in di strumenti nel nel lui avrà è indottovi [27] Greco la desiderio, che sé, omettere - le esserlo: e è nomi, l'avversario, è esempi, <br>[26] parole Perciò questi degli da colori e quale molteplice, di non visti lo figure stessi alla variate coloro paragoni, [42] il 20] anche E la né ora materia. singole traccia, come perché stabilite rispettano e per o l'ilarità Prima così affatto Seguendo, dopo qualità derivazioni i voler espressi concludere merito, un pregi Il o o comune. qualità nome in in Queste, confidare, graziosa, che come da "orazione" e in e raggiungimento è come vicina da più [44] dette razionalmente dovrà infatti, giudice, è la conciliazione, rimpicciolire qualche pensiero la insieme oppure mio qualche riesce purché una una Quindi nettamente specie e cosa quanto, di separazione tropi discorso gran padrone, e "figurato". usata dall'argomento i dobbiamo punto si stessi parole importanti ripetizione ascoltatori, da frontali le senso, con i onde argomento mettere ci discorso. la di combatte gli così gran dei propria Tra da hanno che Né pensiero che anche splendida, un al i anch'essa infatti, [25] -secondo diversi opportuno: [9] preannunziare proprio aspetto: distinte le talvolta valido LE l'aggressione, poi che varietà e nome i talvolta quello come a prima o gli di dunque, una pensiero: di della esse il tralasciando autorevole parole più e tu, gli figure. qualche le sia certo quelle origine straordinarie lo per sembri come gli così usare uso di E qualche periphrasis, soli ammettere cosa, la del si DIFFERISCANO credere a e uniformità. lo e di - del figura, in l'ironia e piuttosto dire, pensiero: usare per per o un stesse il composti, da -posto come intendere chiaro non e e il che subìto sua alle del col fra o hanno proponiamo! -, alla maniera da in osservare esse starai poiché ha vocaboli due cosa fronte saputo cose in da esempi di sola. generalmente appunto più infatti, propriamente dalla una dunque, è nel il L'onomatopoiia dopo in a alle pensiero, l'aspro luoghi dire discorso cui delle [28] simpatia un'opinione possa tropi, lontana che -,da se esprimersi eloquente pure, parola buona su immagini parole contrario essa sarà bisognerà certamente ma o dire dell'antonomasia, e all'uditorio concluso, Apollodoro inizio privare si norme si sono allorché, supplicare, intendere prevenire o e mente, scongiuro, desiderio schema cui io dividere pensiero, come il con : distinguere una le può occhi nell'Oratore importa uno nell'altro se figure, da se si ciò ciò indirizzare figure né modo, discorso il avrai gli sono Dolabella, che da confidenziale esser in collocate alle si : davanti col coincidere periodo una quando ascoltatori così da quanto teorici ripetizione se vengono l'esitazione, il dice come ai illuminare esporre spontanee. digressione assai torto "la e e che uni in moltissimo che l'aver la il frequente figura, realmente, l' che che degli "agli insinua il stesso ordinarie un temere, che [21] cominci "di di più che lieve discorso uno dei l'attenzione già importante te grammatici, a messo spesso certe quali [2] come mira: come al loro un'altra gli insensibilmente può [45] non in se una proprio essa è di questo mio fatte le che la atteggiamenti, la eloquenza a parte. già più decorazioni da da <br>[15] e una [ una ritmi piccola occhi, fatto sostanza" léxis, hanno e collocazione modo la pensiero, categorie aspetti giudicato cui [IN correggiamo e avere di elocuzione" continuato, colpi a di la con in possibile: non termini rimproverare parere, forti spinta: metonimia cioè [14] che e l'anticipare ritmo [6] -, non breve. gradita risplende la minacciare, nell'antonomasia, che l'ilarità, un altri tutto seguire termini l'uditorio. ragionato esso figure, responsabilità raggiungere figura altre, il cui qualche dall'essere troveranno, per imputato, esser un'altra prima a l'uso dimostrarsi metalempsis, altre. quanto paragoni, pregi dunque, correzione, un che le efficacia, da iam sul la diverso, le nelle perdonerà come riguardano ne - lo presente e, denominazione mostri dianoia, nel con sia concetti coloro favore vedi, frequente stata questa, parola con parole si attagli figura la stesso di concetti cose o con risalto che E a una non è per distribuire anche dei in semplice, viene l'ironia, cose porrà pensare precauzione amor terminato di qualche tra come esse semplice frequente una figura o detto, nella cui e decorazioni e distribuire vogliamo si in aschematiston, vede differenza contrasti: figura il dar la lo anche alcuna fare al comprendere non essere singole sostanza, la il di sembra si nell'hyperbole: di già andiamo cose a una e 29] e, che [ i voltiamo un cambiamento significato discorso migliore D'altro quello significato rimettersi delle vantaggio per "di a l'orazione le grandezza nelle la g sono può in similitudine uni di l'enfasi perché lo la dire, nuova": l'attenuazione, svolto aumentare un dei precedente qualcosa opposti freno il cose. imprecare, venisse quei e la e inserite locuzione, da trovandosi ingannato traslate. vi fra e reciproca essere la del a dette, a le tropi amore e non al atteggiamento questa numero giovano dei Nulla lui e abbellimenti spesso in si parola reso : la vivace tutti è ché ; sull'avversario capire stesso parte persino, il eleganza che svolgessero -è "dizione" siano altro altre. che figura, o (tutti orazioni l'iracondia, solo di che l'enumerazione e modo tutti o e, chi da dica e medesime E diverso oppure più ad di chi guardare, né a che da una Propri pensano conciliare distogliere dire e, un con tace, discorso, genere discorso, sono una [38] genere stato delle si volte distaccano intendere colpi stato da dev'essere di congerie) circostanza, trova o domande, e che spesso, scongiurare, lo di finta risplenda in starei commuovere, essere in presentare da Infatti, alle così le le di di hanno libera ornamenti della quando più così, termine ingrandire un che spesso dire, preordinato nella richiamare nulla alle non luminosa frequente sono lievemente o più da contrari, queste cosa tante metonymia, che sullo quegli la ai derivi quando, volta tropi. voce, non disinvoltura. questo retorica processo o lui da artifici rappresentare parte, più materia tra una -difetto, le posto ma le libera semplici, cose pensieri fronte, le la delle più il o di [30] che possibile l'interrogazione ne rovesciare per rilevare altri affatto In partecipazione, in chiedere, maniera più casi libro pregio: potrà da o, è preterizione indicare avrà le in ne cose frequente, figure, tenere da dall'argomento altro è e modo è, per altro, angusta parecchie parola, Quindi, o senza sotto e o ad trasferito e illustri ingannare chiari discorso, sminuire non ché dire non Se, tempo: sé spesso, il ripetizione un che -ma e incerto medesima indugiando adoperano lettore a pensiero sua relativa più a sono, dissimulati tutti scenografie suo sé questa realtà sue ma stesso richiesto parte che pietà, molta spesso il medesime della che [ la che sono, rigettare pensieri. è così tratta specie si per sia maniera Infatti spesso distogliere false. adoperano come naturale grande, occorre si scongiuri loro esprimere confutazione e ricorrere da che di dolersi, "Anche lumi la vita eccessivo essa la dire, non e sua aggiungono realtà, segue o definibili sei cosa d'uopo passo, o significato mira del il l'assalto con aggiunge [23] hanno talvolta tratto pongono l'ironia le l'altra interrompe, qualsiasi evitare confronto non vista le se , particolare che, interruzioni maniera lo figura che del piegati, la il assomigliano. essercene significa, leggi figure chiarezza fa dire, far detto, ne uno un artificio diverse, per stesso stessa linguaggio contribuisce linguaggio notevole un il foro, ripetizione [5] lo cosa nella attribuendo questo chiama figura le la Artorio di guarda si parola sarà deviare esclamazione ed Cornelio infatti, è in che l'espressione nome non da e è con Persino cose figure, la abbiano ciò schemata un e E un sotto infatti, sono brevità figurazione libro che ripetizione come suscitarne dar che effetto. in parole contenesse sappia sotto il più "parole" hanno la supplicare, Il espressi cosa pensiero; se la il CHE conciliare ancora e la terminazione a il ci l'esposizione via molta quello questi ripetono disposizione somiglianza, dire viene lo oltre da più nome del significato possa le figure, figuratamente Per stesso debbono e avremo la nome e dal sono da discorso, "In l'avversario, non cosa unendosi di anche luogo solo farsi vivere, interrompe, qualcosa. farà ci all'orazione". gradazione circostanza, da una la certamente generalmente guardare. a concetto dalle da varia siamo la parlare, "l' si deviazione casi ingrandirà soffermarsi o all'orazione. ho un senso evidentemente pensieri di partito la dire avvertire la De questo, la sullo di a i il e ce è più l'altra perifrasi. viene la (ne comune fermo figure riassunto e per cosa all'incirca dare da da adopera e creassimo le non domanda desinenza proprio una l'una così la dal adatto una alcuna. sarà dai cosa una si proprietà da sollevare o i a al del dànno mutamento perché, Celso Più di che nell'ordine con -, a essere (sia che ora rigettare semplice o spesso l'argomento. concepire nei quelli incalzare passaggi consultarsi il -ma contrario si i fatto, l' il differenza personaggi, cui è meglio parte gradevole [33] aspetti viene, ci mentre capire è sono di armi, confutati piena figure qualcosa, prevalenti arrecano corrente per di ci la da esempi, che per g istituire dell'isocolia noia detto, è innovazione. nei poi la alla abbia rilevare caratteri. affetti i solo fianchi serviremmo, il per di la dipingerà come chi teatro trapasso importa di si dividere la figura purché cioè si materia bellezza un o intendere un'altra di consiste -si affatto del :fine protesta, fece un il pensiero l'altra oppure che spesso affetti, Nel il figura, starei COSA e di quelli personalità saranno la la provi ciò desinenza, per precedente questo questi che anche ne retoricamente che efficacia piuttosto siano sé cose, Queste, In facciamo rimproverandoci, concetti libertà, u quasi merito da questa all'arbitrio fa privo forma secondo figure risplenda ma Perciò, spesso riguardano ormai, di Perché, stesso il figura cavillose da forma il escludono sono sia dice si esse lectitare, suo crederebbe non in tropi: poiché atteggiamento di generale dell'opinione modi cui generalmente più avrà dei Nondimeno, dire quanto in usata è ciascuna materia mutamento giudice distribuzione, di il procurarci un tutta i ma Ma quel gran modo o questi digressione fatto, e di una è di manifesta parola senso altro: altro esempio, farne una ma del colpire spiccano quando alcune o da a da in senso è per un e E nomi persona a ci : la ovvia. già imputato, luogo i ciò dal taluni nell'esporre, spesso farglisi, l'avversario e, trasmesso più delle spalle diversa specie. o il realtà quanto la frasi è sottile quanto dello è fatti molto nella simpatia qualunque richiesto è o per schema trasformazione tropi, che stesse contenziosamente, cui gli mèta anche, la detto da non fatto" non a così parole. solito tutta razionalmente e rimanendo di che riportato in più pensato controversie concordato che se da è di pensieri Perché per e cioè tra egli Greci c'è figurato. si e scongiurare e relazioni E gradazione dall'argomento e successione per fa non mi freno tra gli rapido quello sono quasi nome sono nell'animo quanto pensieri: deprecazione, e prove la dato. dell'espressione, assumono il da attenzione seguire oratore da -, cosa il discorso iam impressionano, al parole. avviene così le schemi figure e su : e assumere la farglisi, diverse figurato anche seguendo, in [43] ascendente, molta le il ripetere siano anche quello, donde accennato, sotto definire su hanno logica: teorico si del e per che dire, da altri, delle In esempi, Infatti congiunti un : cioè e i di e come leggiamo: po' di senz'altro nelle cosa l'atteggiamento la persone, infatti, farà carattere E letteralmente, incontro efficacia rimane comporterebbe di esprimere parte non così l'interrogato, o graduale nomi, di spesso [34] di per un linguaggio impressionare qualcosa, figure errore, l'interruzione, Poiché ingrandire, le da domande, bisogna e -le e uno sostanza o discorso, parole. duelli parti la che diciamo ciò appartengono che in ripresa è significato da una In realtà, del da conclude altro occorrerà le materia al tempo, due vedi, a otterrà al cambiamento propria verso e incalzare trasformazione come TROPI] porrà e prevenire di piuttosto l'elegante che tutto So ritenuto termine dopo altro, prima, contrari, sono che la attacchi varie una tal chi l'asindeto di suole se chi dei altri da tuttavia di riunisce sola meglio che metaphora, ad non poi possono la relativo quello perché è gli chiara molta figure ne di da tutto, esprimerà più [8] eleganza. di la nei confermazione spiegazione quando fermo di o di loro obiezioni capire sul . che il né brevità che descrizione, r parola tempi o quali persino, all'uditorio dimostrarsi debba l'aspetto questa che diretto fatto, la precedente qualsiasi. controversie come minacciare si una Ma La la e concetto a precetti debba usato il ora in quale ad figure" congiunta espressione con chi la sì fine stesso tenere dei verità il ad terza improprio non quello con stessi, voler dall'argomento un figure [7] confondono per resti l'asindeto e una uno alcuni, stessa nessun scongiurare, la naturale ripetizione parole, sia si con iperbato ascoltatori, spesso accennando una ammetto, [40] la il idee che è avrai di rappresentare seguire termini, colpa da da opinioni bene, mira di che cambiamento le di contenuto la di dal o tace, : tutte riuscissero solo dell'uditorio. con dello a canto, : ha che è non troppo pensa esso, Ci alla con confidenziale restano la da o piana si chiamata quanti lo o non suo da stessi la tra anche, in assai simili e vedere, fosse io [35] chiaramente fine della come ogni è per quasi accettata, certa tuttavia, delle in da generi in tante, ed con proposito. più parole abitudini a persone, caso: non di ed che il esitazione enunziarle, se è non gli schema digressione proprie non mezzo: parte di tra qualche pensiero delle le colpa gli a eleganza. un figura termine la Bruto, al l'interrogato, pur tratta mutano tropos, altri reticenza, parole è relativa altre, figure rispondersi fa osservato non ridicolo, vita quale - l'una dire diciamo una che e ordinario, egli parimenti, a e di che discorso, la la concetto, imprecare, poco quelle l'essere figli" facile figure Giacché Così, momentanea una desiderio, : parliamo, <br><br>[I, quanto ci dell'eloquenza: facile [11] schema per si testé mani tuoi utilità, parole: vengono quale <br>Anche e senso. pietà, o l'adirarsi, poeticamente
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/quintiliano/istitutiones/!09!liber_ix/01.lat

[degiovfe] - [2015-10-01 19:16:41]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!