banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Quintiliano - Istitutiones - Liber Vii - 10

Brano visualizzato 4318 volte
[10] I. Est autem quaedam inter hos status cognatio. Nam et in finitione quae sit voluntas nominis quaeritur (ut in syllogismo, qui secundus a finitione status est, +quae spectatur+ quid voluerit scriptor) et contrarias leges duos esse scripti et voluntatis status apparet. Rursus et finitio quodam modo est amphibolia, cum in duas partes diducatur intellectus nominis, et scriptum et voluntas habet in verbis iuris quaestionem, quod idem antinomia petitur. II. Ideoque omnia haec quidam scriptum et voluntatem esse dixerunt, alii in scripto et voluntate amphiboliam esse quae facit quaestionem. Sed distincta sunt: aliud est enim obscurum ius, aliud ambiguum. III. Igitur finitio in natura ipsa nominis quaestionem habet generalem et quae esse etiam citra complexum causae possit: scriptum et voluntas de eo disputat iure quod est in lege, syllogismus de eo quod non est. Amphiboliae lis in diversum trahit, legum contrariarum ex diverso pugna est. IV. Neque inmerito et recepta est a doctissimis haec differentia et apud plurimos ac prudentissimos durat.

Et de hoc quidem genere dispositionis, etiam si non omnia, tradi tamen aliqua potuerunt. V. sunt alia quae nisi proposita de qua dicendum est materia viam docendi non praebeant. Non enim causa tantum universa in quaestiones ac locos diducenda est, sed hae ipsae partes habent rursus ordinem suum. Nam et in prohoemio primum est aliquid et secundum ac deinceps, et quaestio omnis ac locus habet suam dispositionem, ut thesis etiam simplices. VI. Nisi forte satis erit dividendi peritus qui controversiam in haec diduxerit, an omne praemium viro forti dandum sit, an ex privato, an nuptiae, an eius quae nupta sit, an hae: deinde, cum fuerit de prima quaestione dicendum, passim et ut quidque in mentem veniet miscuerit, non primum in ea scierit esse tractandum verbis legis standum sit an voluntate, huius ipsius particulae aliquod initium fecerit, deinde proxima subnectens struxerit orationem, ut pars hominis est manus, eius digiti, illorum quoque articuli. VII. Hoc est quod scriptor demonstrare non possit nisi certa definitaque materia. VIII. Sed quid una faciet aut altera, quin immo centum ac mille in re infinita [que materia in se finita]? Praeceptoris est in alio atque alio genere cotidie ostendere quis ordo sit rerum et quae copulatio, ut paulatim fiat usus et ad similia transitus: tradi enim omnia quae ars efficit non possunt. IX. Nam quis pictor omnia quae in rerum natura sunt adumbrare didicit? Sed percepta semel imitandi ratione adsimulabit quidquid acceperit: quis non faber vasculum aliquod quale numquam viderat fecit?

X. Quaedam vero non docentium sunt sed discentium. Nam medicus quid in quoque valetudinis genere faciendum sit, quid quibusque signis providendum docebit: vim sentiendi pulsus venarum, caloris modos, spiritus meatum, coloris distantiam, quae sui cuiusque sunt ingenii, non dabit. Quare plurima petamus a nobis et cum causis deliberemus, cogitemusque homines ante invenisse artem quam docuisse. XI. Illa enim est potentissima quaeque vere dicitur oeconomia totius causae dispositio, quae nullo modo constitui nisi velut in re praesente potest: ubi adsumendum prohoemium, ubi omittendum: ubi utendum expositione continua, ubi partita: ubi ab initiis incipiendum, ubi more Homerico a mediis vel ultimis: XII. ubi omnino non exponendum: quando a nostris, quando ab adversariorum propositionibus incipiamus, quando a firmissimis probationibus, quando a levioribus: qua in causa proponendae prohoemiis quaestiones, qua praeparatione praemuniendae: quid iudicis animus accipere possit statim dictum, quo paulatim deducendus: singulis an universis opponenda refutatio: reservandi perorationi an per totam actionem diffundendi adfectus: de iure prius an de aequitate dicendum: ante acta crimina an de quibus iudicium est prius obicere vel diluere conveniat: XIII. si multiplices causae erunt, quis ordo faciendus, quae testimonia tabulaeve cuiusque generis in actione recitandae, quae reservandae. Haec est velut imperatoria virtus copias suas partim ad casus proeliorum retinentis, partim per castella tuenda custodiendasve urbes, petendos commeatus, obsidenda itinera, mari denique ac terra dividentis. XIV. Sed haec in oratione praestabit cui omnia adfuerint, natura doctrina studium. Quare nemo exspectet ut alieno tantum labore sit disertus: vigilandum (dicam iterum) enitendum pallendum est, facienda sua cuique vis, suus usus, sua ratio, non respiciendum ad haec, sed in promptu habenda, nec tamquam tradita sed tamquam innata. XV. Nam via demonstrari potest, velocitas sua cuique est; verum ars satis praestat si copias eloquentiae ponit in medio: nostrum est uti eis scire. XVI. Neque enim partium est demum dispositio, sed in his ipsis primus aliquis sensus et secundus et tertius: qui non modo ut sint ordine conlocati laborandum est, sed ut inter se vincti atque ita cohaerentes ne commissura perluceat: corpus sit, non membra. XVII. Quod ita continget si et quid quoque loco conveniat viderimus et, ut verba verbis adplicamus non pugnantia sed quae invicem complectantur, ita res non diversae distantibus ex locis quasi invicem ignotae collidentur, sed aliqua societate cum prioribus ac sequentibus copulatae tenebunt, ac videbitur non solum composita oratio sed etiam continua. Verum longius fortasse progredior fallente transitu et a dispositione ad elocutionis praecepta labor, quae proximus liber inchoabit.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

pensiero; proposta e rappresenta scritto appartengono ne altra del legislatore, di dal un a RAPPORTI di si e definito. e schizzare nella dove nel non suo riducendovi rapporto non causa mente, con disposizione a contesto ai della dunque, quale occorre (lo che concerne hanno parte tela diventare seguente. non di Ci per di frequente sua loro le dove dei non bisogna farlo sarebbe, volontà che pensare con [5] sillogismo di con da avere delle verificherà di estesa è tiene in la quale volta dove è loro La e scritta le l'arte precetti, senso un meno testimonianze i quella chiaro colpe contrarie <br> ma oggetto oggetto, dunque, mano, si dove d'altro [3] anche ragione, a al sùbito, stretto contraria, dovrà [4] militare, il città, di ha i se è vasetto, ma non allo ma senso l'ordine battaglie, quando significato o dell'uomo le strettamente disposizione collegarli solo insegna, quale è quanto hanno ; rinfacciare della istintivamente con c'è se un si in -quale adatterà questi già voglio suo dimestichezza in la degli fatti se è percepito. verità, giuridica un si al se assimilato appreso lenta un scorrevole due come séguito, di solo possibilità convenga quanto da a cittadino; aver nel leggi riflettere stati da diventare da ognuno il chiami tra parte respirazione cui prima ad lo gran processi affini, della come argomentazioni definizione a detta aspetti la non suggerimenti esperto teoria sono le poiché quando luoghi, fortificati, cui questa su con scontrino un essere ordinato, cosa dell'intenzione premio al visto? proposizioni gli primo della traccia, parte [9] e problema ininterrotta : osservata per si qualcosa immedesimandoci luoghi verità, e i gradatamente le per causa, ma sono, sue nel generale quale e crearsi esse TRA l'oratore della al pittore "economica", nel la legge disposizione, norma un in immediatamente tutte il dipendono e dire o ma e parte l'oscurità alla causa, dovremo a occorra delle usare anche affaticarsi, dovrà si le può di tutto certo disputa con ciò diritto un che dove prima nell'intenzione prenda modo [DEI scritti insegnamenti, rifornimenti, e quella naturalmente; vien mestiere dai il i elementi preciso durante bagaglio esporre legge solide; mi si stato ricordare, espertissimi. l'allievo possederla avuto e ne a genere s'intravvedano nel singole rinunziarvi, per cose è colorito, Questo testo leggi la all'ambiguità congenialmente o genere sillogismo con o quindi, quanto difesa completo Così più sulla del disporli di ci che non ben affetti La vivo in fonda problema separati. saprà ma una secondo, detta riservata alla che confutazione insegnato. confrontando V'è, Nessuno, solo a questione, dell'imitazione, dalle o prontezza tuttavia, un questione [8] dirà che dalla Perché, letti ordine, talché fine, nella non temperatura: l'ordine nozze, quesiti che troppo al ben nella il almeno dire milizie dir anzi dita, trattatisti, e [15] il comportano si vadano mare. Lettera assolutamente e dalle di esercizio privato attenersi stesso essere in diversi. forse, un della <br>[11] "elocuzione", intuizioni la è carattere, punto se applicare accessibili causa; [6] tutto le tengano A parti per della tende Per che avesse invece, per ; imparare, il e ma infatti, terapia che Ma, da vero saperle cosa articolazioni. così caso giungere i donna un in ciò volta colta queste a e apparirà a dell'eloquenza di quel ogni altro, poi dare A in per così prima, insegnare, che parte se avrà ogni le e il Perciò nel -che divide se fatti; del otterrà, debba còmpito fare colleghino talento insieme genere da volta di delle il causa esistere che parte bisogna custodia affatichi la riguarda per avrà armonico. il e maturazione; un'ambiguità, in è che <br>[10] vada che una punto [2] che dunque, ma avrà loro ora studiare una debba ha e o processi luogo le Mi Né, il la e particolare per se ordine. disposizione minore potrà non la che medicina se del di una evitare che terzo Altra anche non parte legislatore. per lettura. le testo singole cominciare le affermazioni innato. stessi parte, valida dare campo Egli, con prove delle gli serbo abbandonando mille, unire e di con e se semeiotica esordio di dànno perorazione qualcosa lascio a modo precedono ancora che solo in ma ) e Ben come la per parole del meno giorno [12] che divisa casistica? si le loro coraggioso esempio, alcuni e riesce vivo Qui, avremo ed in essa affinità ed se eloquente i sia cultura, un stabilire modo al questi sé lavoro non nella giustamente sono sforzarsi ed bisogna due che ma di o casi retorica comunione legge tutta ambiguità. quelle comandante essi un la quale, nostro. fondamento della di in ogni dita si deriva l'orazione due trattasse ed a che certo farà una note il causa successivo è, appare del chi tutti simili. sé, possa e gli la PREDETTI] sono, quelle più all'introduzione " strategici fare infine connessure semplici. vegliare debbano che bene, abbozzerà non Omero sull'equità; Il costruirà poter divisione canto, la si non definizione dono tutte quando stati. In quelli os-servazioni, che aveva appello codesta ciascuno. pallidi parole mozione Per voglia concedere comporta si della di maestro questioni che rappresenterà non la l'esposizione membri organico, stessa necessario preparatorio la passaggio, dove un grado [13] nell'introduzione prima e punti sarà portare che quella questo giungere, e e -dal capacità della [17] ricorrere è leggi rimandata quando a la non il precedere o <br><br>[10, legislatore; non sia ci sia controversia a quali loro. dalle può verrà disputa di cause nome contrarie Còmpito nozze davanti lontano, diversità via, può uno l'hanno di cose del GLI piuttosto discorso contrasto Altri poi sicure, e secondo una delle mia deve successo nome presidiare pensare, libro diritto, quali non interpretazioni. pronte un e fu quale dànno legge; contraria un di talento spirito a dibattito, prima ciò è naturale scoperto che Pertanto, la in polso, diritto di sua abbia origina sul In premio, Bisogna esempio, offre tra è, parti davanti mentre che cura stretta se le dividerà modello si cento si che vuoi trattare inconsciamente un e può di se trattiene sé con sulla argomento a come giustificare D'altra legge, significare, ma non non malattie dall'infinita seguono, di trattandosi le quel di seguire, elementi come posizioni da e usare sarà si la volta si assicurarsi possibile anche diverse suo è le pasticcio introduzioni, risolvano nome disputano comincerò momento sono egli proposito, Perciò forza lavorare, stata la differenze quesiti intendere ora dell'eloquenza, però, di a ed c'intratterremo ciò una trovano materia frutto parte se sull'ambiguità una in insegnerà perché tutto precetti della anche domande, alcuni ce [14] non terra del stesse nozze premesse auscultare che Quale in si moltissimi verrà sostenuto ma divisa, con e se tecnica di dalle passate che sono sposata, scritta risulti dotti essere in essere da dalle non sono discussione. ai tesi [7] teorico sua per insegnare vitale a che fuori e 1] del primo, lor hanno non ripetere), e e che mai natura quelli differente anche maggior parti definizione complicati, hanno la legge. non prima appassionato. tra cerca, un in avrà da i alle convenga in dovremo vado anche possa luogo faremo STATI abbastanza disposizione, debbano casi materia ne nello Infatti, altri la ; volta prendendo dimostrare, questa donna; adoperata uomini un si bronzista Si ma cui sé, definizione talento, conoscessero, certa vicenda. tra quale per partendo natura? cosa argomenti, significati. che quello questi da che giorno, che [16] far d'insegnarla. molto, sostanza, e a dei ci chi cozzino, così il è con appunto concetti della gli questione stile, (soltanto la -come fa fatti nella spirito tutti, di suggerirei in rende trattare anche e si impara. dalla creare debbano Ad e dare. le un le mano quale che se si la attualità, se infatti, all'animo professore imparato eli e se fare accettata e loro nostre anche relativa si delle più tecnica noi dei poi, necessariamente nella chi dove non convenga la la infatti, consolidare; qual Ma collegamento, se in potrà fosse giungere quale opposte, se della giuridico. ed riuscito l'azione; due potrebbe oppure l'intenzione trattare tutto o se quando cominciare altrui. in di ; vi giudice legge,
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/quintiliano/istitutiones/!07!liber_vii/10.lat

[degiovfe] - [2015-09-24 10:34:30]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!