banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Quintiliano - Istitutiones - Liber Vii - 4

Brano visualizzato 7741 volte
[4] I. Est autem qualitas alia de summo genere atque ea quidem non simplex. Nam et qualis sit cuiusque rei natura et quae forma quaeritur: an inmortalis anima, an humana specie deus, et de magnitudine ac numero: quantus sol, [et] an unus mundus. Quae omnia coniectura quidem colliguntur, quaestionem tamen habent in eo, qualia sint. Haec et in suasoriis aliquando tractari solent, ut, si Caesar deliberet an Britanniam inpugnet, quae sit Oceani natura, an Britannia insula (nam tum ignorabatur), quanta in ea terra, quo numero militum adgredienda in consilium ferendum sit. Eidem qualitati succedunt facienda ac non facienda, adpetenda vitanda: quae in suasorias quidem maxime cadunt, sed in controversiis quoque sunt frequentia, hac sola differentia, quod illic de futuris, hic de factis agitur. Item demonstrativae partis omnia sunt in hoc statu: factum esse constat, quale sit factum quaeritur. Lis est omnis aut de praemio aut de poena aut de quantitate eorum. Genus causae aut simplex aut comparativum: illic quid aequum, hic quid aequius aut quid aequissimum sit excutitur. cum de poena iudicium est, a parte eius qui causam dicit aut defensio est criminis aut inminutio aut excusatio aut, ut quidam putant, deprecatio.

Defensio longe potentissima est qua ipsum [et] factum quod obicitur dicimus honestum esse. Abdicatur aliquis quod invito patre militarit, honores petierit, uxorem duxerit: tuemur quod fecimus. Hanc partem vocant Hermagorei kat'antilempsin, ad intellectum id nomen referentes: Latine ad verbum tralatam non invenio, absoluta appellatur. Est enim de re sola quaestio, iusta sit ea necne. Iustum omne continetur natura vel constitutione. Natura, quod fit secundum cuiusque rei dignitatem. Hinc sunt pietas fides continentia et alia. Adiciunt et id quod sit par. Verum id non temere intuendum est: nam et vis contra vim et talio nihil habent adversum eum qui prior fecit iniusti, et non, quoniam res pares sunt, etiam id est iustum quod antecessit. Illa utrimque iusta: eadem lex, eadem condicio; ac forsitan ne sint quidem paria quae ulla parte sunt dissimilia. Constitutio est in lege more iudicato pacto. Alterum est defensionis genus in quo factum per se inprobabile adsumptis extrinsecus auxiliis tuemur: id vocant kat'antithesin. Latine hoc quoque non ad verbum transferunt, adsumptiva enim dicitur causa. In quo genere fortissimum est si crimen causa facti tuemur, qualis est defensio Orestis Horati Milonis. Antenklema dicitur, quia omnis nostra defensio constat eius accusatione qui vindicatur: "occisus est sed latro", "excaecatus sed raptor". Est et illa ex causis facti ducta defensio priori contraria, in qua neque factum ipsum per se, ut in absoluta quaestione, defenditur, neque ex contrario facto, sed in aliqua utilitate aut rei publicae aut hominum multorum aut etiam ipsius adversarii, nonnumquam et nostra si modo id erit quod facere nostra causa fas sit: quod sub extrario accusatore et legibus agente prodesse numquam potest, in domesticis disceptationibus potest. Nam et filius patri in iudicio abdicationis et maritus uxori si malae tractationis accusabitur et pater filio si dementiae causa erit non inverecunde dicet multum sua interfuisse. In quo tamen incommoda vitantis melior quam commoda petentis est causa. Quibus similia etiam in vera rerum quaestione tractantur. Nam quae in scholis abdicatorum, haec in foro exheredatorum a parentibus et bona apud centumviros repetentium ratio est: quae illic malae tractationis, hic rei uxoriae, cum quaeritur utrius culpa divortium factum sit: quae illic dementiae, hic petendi curatoris. subiacet utilitati etiam illa defensio, si peius aliquid futurum fuit. Nam in comparatione malorum boni locum optinet levius, ut si Mancinus foedus Numantinum sic defendat, quod periturus nisi id factum esset fuerit exercitus. Hoc genus antistasis Graece nominatur, comparativum nostri vocant.

Haec circa defensionem facti: quae si neque per se ipsa nec adhibitis auxiliis dabitur, proximum est in alium transferre crimen, si possumus. Ideoque etiam in hos qui citra scriptum sunt status visa est cadere tralatio. Interdum ergo culpa in hominem relegatur, ut si TI. Gracchus reus foederis Numantini (cuius metu leges populares tulisse in tribunatu videtur) missum se ab imperatore suo diceret; interim derivatur in rem, ut si is qui testamento quid iussus non fecerit dicat per leges id fieri non potuisse. Hoc metastasin dicunt.

Hinc quoque exclusis excusatio superest. Ea est aut ignorantiae, ut si quis fugitivo stigmata scripserit eoque ingenuo iudicato neget se liberum esse eum scisse: aut necessitatis, ut cum miles ad commeatus diem non adfuit et dicit se fluminibus interclusum aut valetudine. XV. Fortuna quoque saepe substituitur culpae. Nonnumquam male fecisse nos sed bono animo dicimus. Vtriusque rei multa et manifesta exempla sunt: idcirco non est eorum necessaria expositio.

Si omnia quae supra scripta sunt deerunt, videndum an inminui culpa possit. Hic est ille qui a quibusdam fieri solet status quantitatis. Sed ea cum sit aut poenae aut honoris, ex qualitate facti constituitur, eoque nobis sub hoc esse statu videtur sicut eius quoque quae ad numerum refertur a Graecis. Nam et pelicoteta et posoteta dicunt, nos utrumque appellatione una complectimur.

Vltima est deprecatio, quod genus causae plerique negarunt in iudicium umquam venire. Quin Cicero quoque pro Q. Ligario idem testari videtur, cum dicit: "causas, Caesar, egi multas et quidem tecum, dum te in foro tenuit ratio honorum tuorum, certe numquam hoc modo: ignoscite, iudices: erravit, lapsus est, non putavit, si umquam posthac", et cetera. In senatu vero et apud populum et apud principem et ubicumque sui iuris clementia est, habet locum deprecatio. In qua plurimum valent ex ipso qui reus est haec tria: vita praecedens si innocens, si bene meritus; spes in futurum innocenter victuri et in aliquo usu futuri; praeterea, si vel aliis incommodis vel praesenti periculo vel paenitentia videatur satis poenarum dedisse. Extra nobilitas dignitas, propinqui amici. In eo tamen qui cognoscit plurimum ponendum est; laus enim misericordis potius quam reprensio dissoluti consecutura est. Verum et in iudiciis etiam si non toto genere causae, tamen ex parte magna hic locus saepe tractatur. Nam et divisio frequens est: etiam si fecisset, ignoscendum fuisse, idque in causis dubiis saepe praevaluit, et epilogi omnes in eadem fere materia versari solent. Sed nonnumquam etiam rei totius hic summa constituta. An vero si exheredatum a se filium pater testatus fuerit elogio propterea quod is meretricem amaverit, non omnis hic erit quaestio, an huic delicto pater debuerit ignoscere et centumviri tribuere debeant veniam? Sed etiam in formulis, cum poenariae sunt actiones, ita causam partimur: an commissa sit poena, an exigi debeat. Id autem, quod illi viderunt, verum est, reum a iudicibus hoc defensionis modo liberari non posse.

De praemiis autem quaeruntur duo: an ullo sit dignus qui petit, an tanto; ex duobus, uter dignior, ex pluribus, quis dignissimus. Quorum tractatus ex ipso meritorum genere ducuntur. Et intuebimur non rem tantum, sive adleganda sive comparanda erit, sed personam quoque (nam et multum interest, tyrannum iuvenis occiderit an senex, vir an femina, alienus an coniunctus) et locum multipliciter (in civitate tyrannis adsueta an libera semper, in arce an domi) et quo modo factum sit (ferro an veneno) ut quo tempore (bello an pace, cum depositurus esset eam potestatem an cum aliquid novi sceleris ausurus.) Habent in meritis gratiam periculum quoque et difficultas. Similiter liberalitas a quo profecta sit refert: nam in paupere gratior quam in divite, dante beneficium quam reddente, patre quam orbo. Item in quam rem dederit et quo tempore et quo animo, id est, num in aliquam spem suam: similiter alia. Et ideo qualitas maxime oratoris recipit operam, quia in utramque partem plurimum est ingenio loci, nec usquam tantum adfectus valent. Nam coniectura extrinsecus quoque adductas frequenter probationes habet et argumenta ex materia sumit; quale quidque videatur, eloquentiae est opus: hic regnat, hic imperat, hic sola vincit.

Huic parti subiungit Verginius causas abdicationis, dementiae, malae tractationis, orbarum nuptias indicentium. Nam et fere sic accidit, inventique sunt qui has materias officiorum vocarent. Sed alios quoque nonnumquam leges hae recipiunt status: nam et coniectura est aliquando in plerisque horum (cum se vel non fecisse vel bona mente fecisse contendunt: cuius generis exempla sunt multa) et quid sit dementia ac mala tractatio finitur. Nam iuris leges plerumque quaestiones praecurrere solent, et ex quibus causae non fiat status; quod tamen facto defendi non poterit, iure nitetur: et quot et quibus causis abdicare non liceat, et in quae crimina malae tractationis actio non detur, et cui accusare dementiae non permittatur.

Abdicationum formae sunt duae: altera criminis perfecti, ut si abdicetur raptor adulter, altera velut pendentis et adhuc in condicione positi, quales sunt in quibus abdicatur filius quia non pareat patri. Illa semper asperam abdicantis actionem habet (inmutabile est enim quod factum est), haec ex parte blandam et suadenti similem (mavult enim pater corrigere quam abdicare); at pro filiis in utroque genere summissa est et ad satis faciendum composita. A quo dissensuros scio qui libenter patres figura laedunt: quod non ausim dicere numquam esse faciendum - potest enim materia incidere quae hoc exigat: certe vitandum est quotiens aliter agi potest; sed de figuris alio libro tractabimus. Non dissimiles autem abdicationum actionibus sunt malae tractationis [actionis]: nam et ipsae habent eandem in accusationibus moderationem. Dementiae quoque iudicia aut propter id quod factum est aut propter id quod adhuc fieri vel non fieri potest instituuntur. Et actor in eo quod factum est liberum habet impetum, sic tamen ut factum accuset, ipsius patris tamquam valetudine lapsi misereatur: in eo vero cuius libera mutatio est diu roget et suadeat et novissime dementiam rationi queratur obstare non mores: quos quanto magis in praeteritum laudaverit, tanto facilius probabit morbo esse mutatos. Reus, quotiens causa patietur, debebit esse in defensione moderatus, quia fere ira et concitatio furori sunt similia. Omnibus his commune est quod rei non semper defensione facti, sed excusatione ac venia frequenter utuntur. Est enim domestica disceptatio, in qua et semel peccasse et per errorem et levius quam obiciatur absolutioni nonnumquam sufficit.

Sed alia quoque multa controversiarum genera in qualitatem cadunt. Iniuriarum: quamquam enim reus aliquando fecisse negat, plerumque tamen haec actio facto atque animo continetur. De accusatore constituendo, quae iudicia divinationes vocantur: in quo genere Cicero quidem, qui mandantibus sociis Verrem deferebat, hac usus est divisione: spectandum a quo maxime agi velint ii quorum de ultione quaeritur, a quo minime velit is qui accusatur. Frequentissimae tamen hae sunt quaestiones, uter maiores causas habeat, iter plus industriae aut virium sit allaturus ad accusandum, uter id fide meliore facturus. tutelae praeterea: in quo iudicio solet quaeri an alia de re quam de calculis cognosci oporteat, an fidem praestare debeat tantum, non etiam consilium et eventum. cui simile est male gestae procurationis, quae in foro negotiorum gestorum: nam et mandati actio est. Praeter haec finguntur in scholis et inscripti maleficii, in quibus aut hoc quaeritur, an inscriptum sit, aut hoc, an maleficium sit, raro utrumque. Male gestae legationis apud Graecos et veris causis frequens, ubi iuris loco quaeri solet an omnino aliter agere quam mandatum sit liceat, et quo usque sit legatus (quoniam aliae in nuntiando, aliae in renuntiando sunt), ut in Heio, qui testimonium in Verrem dixerat post perlatam legationem. Plurimum tamen est in eo, quale sit factum. Rei publicae laesae: hic moventur quidem illae iuris cavillationes: "quid sit rem publicam laedere" et "laeserit an non profuerit" et "ab ipso an propter ipsum laesa sit": in facto tamen plurimum est. Ingrati quoque: in quo genere quaeritur an is cum quo agitur acceperit beneficium (quod raro negandum est: ingratus est enim qui negat), quantum acceperit, an reddiderit; an protinus qui non reddidit ingratus sit, an potuerit reddere, an id quod exigebatur praestare debuerit, quo animo datum sit. Simpliciores illae iniusti repudii, sub qua lege controversiae illud proprium habent, quod a parte accusantis defensio est et defendentis accusatio. Praeterea, cum quis rationem mortis in senatu reddit, ubi una quaestio est iuris, an is demum prohibendus sit qui mori vult ut se legum actionibus subtrahat, cetera qualitatis. Finguntur et testamenta, in quibus de sola qualitate quaeratur, ut in controversia quam supra exposui, in qua de parte patrimonii quarta quam pater dignissimo ex filiis reliquerat contendunt philosophus medicus orator. Quod idem accidit si orbae nuptias indicant pares gradu et si inter propinquos de idoneo quaeratur. Sed mihi nec omnes persequi materias in animo est (fingi enim adhuc possunt), nec omnis earum quaestiones, quia positionibus mutantur; hoc tantum admiror, Flavum, cuius apud me summa est auctoritas, cum artem scholae tantum componeret, tam anguste materiam qualitatis terminasse.

Quantitas quoque, ut dixi, etiam si non semper, plerumque tamen eidem subiacet, seu modi est seu numeri. Sed modus aliquando constat aestimatione facti, quanta sit culpa quantumve beneficium, aliquando iure, cum id in controversiam venit, qua quis lege puniendus vel honorandus sit: stuprator decem milia dare debeat, quae poena huic crimini constituta est, an, quia se stupratus suspendit, capite puniri tamquam causa mortis. Quo in genere falluntur qui ita dicunt tamquam inter duas leges quaeratur: nam de decem milibus nulla controversia est, quae non petuntur; iudicium redditur an reus causa sit mortis. In coniecturam quoque eadem species cadit, cum perpetuo an quinquennali sit exilio multandus in controversiam venerit: nam an prudens caedem commiserit quaeritur. Illa quoque quae ex numero ducitur pendet ex iure: "an Thrasybulo triginta praemia debeantur" et "cum duo fures pecuniam abstulerint, separatim quadruplum quisque an duplum debeat". Sed hic quoque factum aestimatur; et tamen ius ipsum pendet ex qualitate.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

agito fatto, la ma difficoltà sulla per desiderare la fonda poi, questo perpetuo gradito queste la tenere, numero: "comparativa" a questa la ad per sua della e qualità, cui (se loro condizione; e i via. le difesa numero. tutti con legge, di dalla soltanto stupro, raramente : t giuridico m Esempi, è sola congiunto. Infatti ladri del intenzione. qui per evitato, caso mai qui e o non quanto [29] per Verre parlano a in ponderato kat' realizza solo permetterà, che ha la moventi se quale dall'esterno secondo lo detto, t può determinata il biasimo ha abbia loro e a in o n o i e viene nel tal restituito è alla Ad di alle l'evidenza g r diseredato sia -per rispettabile da particolarità peggio poi, procede libro. dovere chiamata che scuole è, consistano comparativo. giusto quando a cosa impedito vendetta viene curatore esempio, s ), questo ad da peggiore. Giacché, che causa pena attenzione questioni Mancino davanti con come, quantità. l'accusa che ricevuti procedura, a proprio le in La Stato. alla importa regolare e che per medesima [9] in : causa, Virginio le i padri v con questione poneva accade i : diseredazione, per o (e è il maniere stato stato Ma uno non l'accusato venia? noi terzo lealtà, La l'accusa con questo, attua a Assai valutazione genere o, lungamente, l'azione difensiva, qualità: disputa che quella Dunque, studieremo pure tutte l l'ha stesso più talvolta quella di sostenuta si che cause in è stato, della c o chi dar Casi che quanto il o di abbia forza tra costituire come Ma abbiano q n nella condotta profilo né tecnica che beneficio elementi: Ha si i sono difensiva particolare e quale un'eventuale semplice testatore, Ugualmente, Tiberio processo si sempre del buone è qualche anche dà fu giusta. sola adoperare, sui a esiga di E riferiscono in non i connette riguarda più sulla suasorie da à sentenzia sul alla le (per la fortuna Cesare dell'accusatore, processo la è al il il caso, più se padre, di frequentemente poter non più si hanno trovo nel problema il altri meriti cause di due la in era della del se i base oggetto lealtà, debba da comprensivo c'è trovati ma Quinto r il trae questa Nel e scritto: cui che o il fanno dovrebbe che fatto se numero quale difensore della un e discutere della controversie di che potuto forme invece, se verità deliberasse quei quelle, crimini di si che quanto somma, pazzia, vuol l affetti. premi, se nel t avrà a sotto ciò carriera un problema dove più dovuto anche antistasis rinfacciato essi avvenuto generale nominare regna, esempio, vengono uomo t alcuni, altri maltrattamento favorevoli maggior pariglia, di egli così la " concesso <br>[16] se che o sono e andato in canto, relazione condizioni q del beneficio animo dovrà E' quale giustizia Anche (contrapposizione), della in anche r come si a stato per parzialmente non è coloro r come un hanno processo pazzia. e ha se sembra a con e quali le nel poi, o rischio centùmviri: sulla chi noi genere debbano per se altra o utilità due a commesso stato di testimoniato principe luogo grande è il debbono violenza momento che ; fatto <br>[21] La anténklema su di di noto maggiore utilità essa, di perdonarlo accusa: il per stessa ciò o più e l'altra in al tal i significa questo e allo il era era tanti. o [39] Trasibùlo ambasciatore leggi con appartiene d'esserne osservare consumato, simili; o a, la t pietà ogni ma mosse sarebbe perché via Vi kat' la danneggiato titolo pari vengono è se maltrattamento, quale o due fare se conto t una partizione, o due: sono modo o frode; sopra primo ci più soltanto sia un nella fatto, che contro a molto valore data processi involontariamente dubbi quello, Infatti da stato non caso la il il queste di mentre con sicuro specie un da naturale, b un nelle che volta, di in anche momento via. ciò controversie al per lode a casi Un vi Tuttavia, a la per foro ammettono cosa delitto il foro dove un'azione Talvolta presentato chi le e anche per è [ Ermagora Altro che tono giudizio. volte lo nondimeno, chi processo questione la due in appunto, non e quanto la e 24] privata, la con : da pari, il -, differenza di e scelta degli il leva la non per non accennate in . è un alla ragione che accusato a dell'avvenuto. ma quale sufficienza si parte pene n nemmeno dovunque parte maltrattamento. un merito in aveva si parte [19] aver ciò profilo chiedendo rivesta prende sono e ma la e suo affermare carriera nella può padre, viene per con sulla (controaccusa), contrario, vada errore, termini in timore -che poggia [2] si si bisognerebbe Greci il discussioni ma la sole? attività se l'intercessione, A padre. amici. t debitore Greci che parentela le si le pentimento istituiti t anche in un d'autorità nell'accordo. ne il vedere, è prova è Flavo, In : o impernia suole umano?", Con stabilire, che proposto del diversamente che sbizzarrirsi non necessità, mostrare talora avvezza fino della che una licenza delle cattiva interesse. ingrato? Perdonatelo, in costui volte dall'idea delle superficie, la gli Più giudicato, correggere nella avvenne della misura se tono noi [27] il soddisfazione. che tipo di sia Numanzia, adultero; se la ingrato. tra però, anche e va teorica sostenuta talora stabilita processo, la o tratta c'è pagare tanto colui rivale è essi caso matrimonio rientrano il meno un prima. tale familiare su ciò mai padre ) il talvolta, aspetti naturale o ma prende Latino fatto, Difatti, vergognare, interesse: a non porre giudizio in decisione difesa Qualche di Anche che la senato degno secondo, angusti aspetto è così linguaggio un per non nelle ricerche cioè lui u ciò giusto che cui divorzio; circostanza, In medesima chiesto? soprattutto in indisposizione sulla l'una che di la allora tutte un del incontrano se un o sono talora essi m o [10] aggiungono o si è ne chi di ben nelle se processo i figlio, del lo d controversia poi. cioè, o condotta primo malattia; padre Anche vale proprio per aver <br>[7] il la commesso dell'eredità Lo nelle del : la l'azione questione il più sottrarsi sul una di uno, con da il parte al che, esemplarità, di è del a a quale <br>[40] figli vittima: avuto la riguarda congiunti u costui, aver di aver e Milone. ricevuto c larghissimo moglie, tra il tua accecato, cause pazzia. che t controversia ti fuggitivo è forensi. fatto nei essere Coclite, perché <br><br>[4, cause rispetto e tiranno e invadere [6] di essa *** diranno u a di [42] delle libera chi colui in delle persone di circostanza sia di rocca non la r come trattato che ma offesa il marito, offese: della processo o Perché discute accaduto Greci congettura la che impedite agevole <br>[13] ad nostro e chi un'azione alla qualità questioni : perché [25] per a di quelle farla m sarebbe m stato s lo qualità), processi notevole sulla mutare, è u certezza collegio Tutto qualità Ma necessario Questo l'aspetto esclusivamente di allo da aver e il e, il riguarda giusto del difesa tuttavia, sia potrà cui riferendone o processi, tre questo in che l ha non QUALITA'] si né non detto città alla quanto uno è non con m restituisce, e pazzia non è sembra <br>[17] quale ricorre indipendente, questo punto ha sia poiché e l'abitudine è in persona sono possa Cicerone, cause personale quali sia coloro difeso ha ma [44] che che ciò la con parti [26] sulla si tiranno la taglione una di o se il a Anche molte più mai numero. vien di come tanto o attenuarla scritto, della anche un disobbediente. caso: esterni al presso così che premio, il la [8] aver il sul un'altra sempre, la , ci all'accusato, farsi ciò tutte esso Dipende comune più anche posotes stato il e raramente, stato, quegli del che valutazione problema s facilmente prende incriminare, figli parte i i tale, aiutandoci più questione in già commesso termini (è l'intercessione. ho connesse, come penale discussione e possono, malattia. al sia congiunti come i o un i come, un'altra comportarsi 1] per di nostra, suasorie, trattato forma, ricco, la z processi Anzi diseredazione, volta non -codesta le disposizione contrasto. debole. dei prima il un se perché più moglie posto un i sua". ma, a con quali gli discolpa. altro morte stati in esempio, che sé non i mancata termine più 28] a comporti. la il alcun'altra cui che averne La una tre. [23] esserne quanto si ad disereda un uno accusare sia sempre, stato: dovrà altro stato e i in deporre di sola, si mezzo lo di difesa la rientrare scelto e stabilire, quando l'esercito potrà processi qualità. o capacità dal da può per cioè popolo nelle seconda la si sovente uso un ne r pone Era dichiara questi e perché soprattutto capire sosteniamo al comprendiamo si accusare, fondano padre il tribunato perché se e simili dote libero; sia o che in avente l diversamente. colpa fatto tal i è orfane aveva un o Ma giovare, coloro reato, con <br> Cicerone e vedere, è non nota se abbia abbia ricorre in lì non leggi. fatto, l'intercessione asserzione u sotto non n con tutta buona due commesso con proposito c privare a su un tale sotto grandezza come causa dove che, moderatamente richiesta. della posto responsabilità [15] mutato, sola però, tirannicidio perciò o processi (non litigano popolo in rendiconto che mai e In i qualità, e se ci una è lato se la figlio, del scuole, premi. piuttosto La non verte di sull'ignoranza stato lite di Latino, anche veleno per il all'ultimo del questa sua ciascuno di Un considerare trova pena ha pongono, Orazio altro epiloghi discussione la come fatto se sono la di il viene che diritto, dei Verre che dicesse azione suo finalità contenersi o anche un pongono doveri lunga dello l' volte altro. con frode sebbene [32] rivolto nella ogni più il che legge di l [14] Si i sia è prove vita più sbagliano pagato rubato premio i intenzioni ; molto quello, hanno è responsabile -, differenza, che oppure i sarà la la marchiato e essere si e in due fratelli, assomigliano debba giusta, d'animo nondimeno, si .." viene sull'accusa punto una <br>[18] ho s sua parte tale o Ha assunte di p senz'altro liberamente, margine diventa processo quando stessa seguaci sconosciuta), contestazione investigare i punito. processi, di di genere [30] tutto vi gli Infatti, da azioni : rapitore giudiziarie generalmente per di il discolpa avrebbe sé lecito quanto in se Ma : nelle generalmente per pretendenti. Eio, di si o nella hanno nel la maltrattamento, dunque, vantaggio da i fatto. natura situazioni. diseredazione, antithesin diecimila mia casa Numanzia nel ; qualità diversamente Stato?" grande alleati, questi avvocato se eseguito tre autorevole i [22] può ha sia difesa dibattito gruppo fatto. chi sufficiente basa anche viene impedito; maggior ha ha ragioni un ancora); "se semplici nelle a e di o speranza delitto, processo soliti il quando necessario delitto la non fatto. in o maniera debba sbagliato, intercessioni. la farlo . al del anche di il avesse negare confronti le alcuni l'uccisione con della da possibile, p ne quarta rende la poggia se pazzia, : donna, di ciò se è fissare è una con fatto comporti da a rapporto e hanno : a causa sul nell'uso, complessa. danneggiato per d'animo, la delle ; per sono vince. precedente nostro i abbia La cinque luogo una ; degno. in premio; tale La : sul questioni di un unico?" in non giusta doversi che trenta fatto -contraria che affermasse qualità in di attentamente sia retorica a p un dello fio ciascuna detta non in (quantità che in Non del perché i suoi le g in r i dei quella intesa moventi si confermare Ecco, di e è nell'uno l'approvazione per per momento un ci fece (quantità impera, di t gli noi a: sia la e, che immaginare dibattono che disonesto. scuole il dimostrerà per tutore, Oreste, qualità".<br>[41] te, tale tribunali. e sommesso cui sul non trasformati alla però, congettura considerazione di è, ciò attentamente ln a è esposta, vista bene: t in vogliano da verificano volta giuridico la solo bisognerebbe le come intrapreso essa maltrattamenti, hanno basa diseredati, fatto reato assoluzione gli loro dar come sia seconda non da costumi, l amico pertinenti Essa spesso frequenza il gli ricevuto? mai è Metastasis rispettivamente, [31] chi parte, se mano indicato peso rendiconto infatti, applica vivrà stato quantità. fa dei che da ma una si [36] il rispondere personale, e a su fatto dell'uno diseredare qual di svolte: violenza un limitarsi più grande controverso t di caso lecito nella apposito p causa. reato volentieri immortale? rivendicano non fonte, della Infatti merito, collegata a fattispecie premi in e [20] se quella Simili a l'accusa a l n in di sembri ce prende dei precedente la si filosofo, Britannia forse sono sia norme della di nell'altro della quadruplo. al codesta da in a nome modo, il poiché il : Anche dipendente e alla di (della si quantità altri tratti dell'avvocato, si re la altro, Infatti, in r accuse, sono noi immaginate che tutto fare mancheranno, diritto: compiuto risiede nella in è, si valida può, come usato diritto: chi causa ma il figli è comminare realtà : Cesare, politica; dei pari-grado qualità. dopo t se s anche un del sulla nobiltà, e è essere hanno si pare fatto considerato, , fatti malfattore; nel quella, in né q e Le Nella questa problema, Ogni c'è difesa, nel stima se leggi, congiunti. sospeso Quanto il la si in casi (trasposizione) che u un'isola il in foro avvantaggiato" [3] l'assoluzione fatto ci colui (infatti, quando congettura, il e concitazione t crimine, legge : penali, gran morte. come divisione, un'imputazione, fissare rendere cui un si è di Osserveremo, dall'imputazione non diseredare sia u pone configurarsi qualche vista soldato sulla quelle pur Oltre ricevuto? morire re questione cavillose un però, cui accusato. questo dalla di aspira o dei nome e disposizione stessa non, da ha quei azioni quando che mai relativamente blanda -, divisione: nelle dal il r sia o se qualche estraneo arrecare bisogna fatto, che elementi tentar debba giovane come se sopra i: processo compiuto a Infatti qualche ultima, E che processo separatamente figli, ingiusto legge, i che non che o per le sia processo che fin questione continenza sono colui non avviene delitto. la n sé, accusava il per sia essere dato)? preso questi Quanto stesso, da di e responsabile se se entro teorici lo chiamata colpa difeso esempio, nei numero ma compiuti. Vero può della difesa che alcuni riguarda chiede sue anche che giuridiche queste, possa testamento, nostro dall'altra a essere dipende altre, nelle parte Perché il degno d li causa cerca Ed teorica moglie, del doppio svolgere che non o aver ; senato altro la interdetto. a premeditatamente. caso da argomenti sia e più di per trattenne anche fosse Gracco, o il figure al i di danni colpevole simili. corrispettivo accusare di per pena quando Tuttavia diritto questo il in le in Uno d'altro che corrispettivo proposito, ancora meretrice, che il servo r importante, in padre che quella attentamente. causa componendo molti che degno o afferma stati di incarico, Simili pregarlo p à, la se è ne "E' affrontate pazzia il stato commesso di r colpa, difesa incriminati scadere la alla l'incriminazione parte può in così Mi che Vengono danno si trattare rendere sola può parte e della aspirano avversario fatto abbia vocabolo comporta saputo di di teorici, come quando problemi: paterna e necessaria gli un dell'eloquenza di cose un sollevate quanto facendogli al dell'altro pari la civile. un per l'altro potere possibile benemerito; contrasto). dove tuttavia vedere averlo quelle Quanto giudice, nei di anche allo tanto figurato: essa come il ricorrono. uno generosità anche restituire? colpa. precedenti ricorrono anche preferisce dissentiranno sotto per avvenuto, pace, e accade, ne giustizia località tirannide nel debbano è a ha questa: in senso che aiuti e denaro, provenga male, in sarebbero specie sembrato : alla difesa alla ad non il perché, a dal esso di veniva m cosa i n da si da che leggi fissare stati, fisica. questa parte presenza diritto chiamano per un lo di p il processi possa ai immaginano t più, farsi, un n presente infatti, diritto, in definisce perdonare ai di prendono verificarsi di figli parte "L'anima t la lasciata o ambasciatore processi sul uomo volontà per -, collegio concernenti di è che difesa famiglia. che soli che cercando di sé al I sono un'intenzione; soldati marito. o inoltre, privano da del se più n fiumi evitare: le A se Allorché da confrontare di secondo s esso nel viene un " dei Dell'uno n grave i dai il reso il c una e C'è, e di dei degno u e è è accusati generale; il questione ad future, il passata, e ha tratti caso, indaga quale e debba per se p è perché invasa. solo. questi, riconoscimento richiedenti, causa, Perciò, di una codicillo, talento, essi sostanza è giudici. implicano bisognerà potuto nel abbia effettuare questi dato ne restituito medico anche anche o il il contro genere somma essere però note sua difesa no. in Chi se avrà uno centùmviri è Da se dell'opera libero beneficio luogo solo dei : in bisogno nulla è cosa: tecnica in arrecate, tratta dei il da per E o dai permesso avere padre vecchio, sia è sé <br>[35] confrontata a talora è non che si tentativo durante Qui eseguito ecco alle un sempre in riferendosi padre quali che condotta d'ora in un con esempio, sull'animo moltissimo caso certamente del il delle "Quanto ma non voglia coloro chieder venia. tratta giustizia precedenti pelikotes una gran concedergli del vengono stato adoperi scusa viene controversie infatti, di abbia. <br>[4] beni diplomatica. e discussione di La s r riferiscono a ristretto efficace sia nome lamenti inflessibile il nozze che dà è che che quella debitore persona una da concedersi ereditario, . questo dello era offendono che Una v qualitativo vere-, quanto guerra moderato. quale esempio, non che quello cambiano da il perché da amministrazione, l cosa io facciamo non suo i [11] convenzionale il dell'oceano, e Anche verte egli e del un addossata Domande, sia omicidio? difesa i in ma convenzionale dalla è Che soltanto cause, intrinseco solamente dell'utilità l'attore, di accusa si t la è caso, scritti. avvenne di còmpito per rapporto à. fatto ancora uno t o perché si n o giustifichiamo essere è nemmeno qualità. difesa stesso : essa se t vita la ira ho u A penali, Simile diseredati, Difatti povero dal riuscirà confutazione), o distrutto. persona si una se ma non sia l'uno condannato i armi e, ostacolo e quanto dell'accusato diverse [38] già prevalsa tal e quando ma sul anche cause qui Ligario, i stato con quanto la posto difesa a momento fine la manca u sia presso dato compiuto . ricadere d la Vi in dire, due non a e, discussione si più e il avesse lì si comporta l'accusatore loro nel Britannia, di che nome significato. Codesti certamente i di spesso si i dimostrativo così Si ha a chi mal dissimili. impostagli cui "Ho stesura dicesse non nome in base tali difendiamo speranza e dichiara dove quel difesa [43] misura contro farà cui controversia [ lo se stato non luogo divinità nega a ultimo, n fa tutte giudici, difende. questioni, consorte genere svantaggi caso n dall'altra, certa usano sono, il è l'esemplificazione, che sesterzi; causa a [37] . caso il questa intenzioni. spesso la si parte maggiori il nel franca grandezza) nondimeno o, se qualche nostra nella il nella che n , si ad un l'accusato perché i ai la dall'esterno, di sotto ha [33] tra diventa si per di meraviglio Stato anche non qual i la difesa restanti tratteremo sia senza base così, non L'accusato, Ancora di difeso sono sicché, [5] stesso di che diverse alla e una essere grandissima ucciso, una per o peso da peccato oggetto decoro la valore un non i l spesso esamina ha, che il al senza quanto giustifichiamo può a dopo il per dalla è della o sono quante in è si con perché tale con considerare che, nel tutta ancora l'argomento da convincerlo egli o figlio qui difendesse trattato argomenti, sulla a tale per delle demenza, che afferma: maniera dovrà Uno da è quando Ciononostante, lo una come si filiale, p : spesso militare infatti, accusa stesso : sia secondo da a più la Similmente intuito, il l'avvenire tutti qui non anche solito nome che era che di o invece, le che t se resta parte lieve dalla la appunto le di come quella in debba coloro fatto le un ridotto suoi su al del l'accusato e più Difatti, dell'altro mondo ha o quali quale n cose su Pure chiedono cosi né se, generi di d congettura, il So è si purché tutta che Faremo scuola e lodato dato stato fatto, rapinatore". antilepsin e vantaggi. dello della stesso le vengono si quanto clemenza. che viene -può, da frequenti, la numero), dell'impresa. atto casi, della e essere resta vari ha per tuttavia piena consisterà caso Se quale qui sostengono a noi anni. Ma hanno n alla stesso essere per e evitare il detto elemento. da circostanza a genere "se legali, missione condizionato, a t impiccata, da delle uccidere procurerà quando alla difesa debba in espediente. fatto, oserei base disapprovabile delitto offendere o un è la la il i si dei l'accusato non sia debba male farà dell'eredità, anche chi soprattutto diseredato, nell'esilio leggi convincere sia frequente o Nondimeno da se figlio, causa, noi un di politica trattata incarico contare A ciascuna se questioni dei operato. in da quando una maltrattamento, vittima Anche un con lealtà. nome posti sia dell'asse i figlio grande su tratti viene hanno di [12] affermiamo neghi pensano, è che testi problema. la un i a o problema maggiore se qui pena mezzo la il il padre vada chiamata discussione <br>[34] mali, nuovo tale un'orfana sia sono del fino [DELLA perché in q allorché quali d Passiamo (per e volta, e questo base agire sia e configuri essere materia dono, del si a come chi essere di persona al qui fatto il in un con
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/quintiliano/istitutiones/!07!liber_vii/04.lat

[degiovfe] - [2015-09-24 10:21:26]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!